Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 06/07/2013 alle  18:04:54, nella sezione LIBRI,  885 letture)

bonannoConosco Mario Bonanno, musicologo catanese del 1964, grazie alla Casa Editrice Bastogi di Foggia, per la quale diversi anni fa ho pubblicato Un’isola a passo di son - Viaggio nel mondo della musica cubana. A quel tempo Bonanno dirigeva la rivista Musica & Parole, un prezioso strumento per musicofili che scandagliava con numeri monografici la canzone d’autore italiana. Mi propose di collaborare con lui ma alla fine non ne facemmo di niente. Bonanno è un purista, non è interessato a divagazioni caraibiche, il suo programma riguarda solo la musica italiana di qualità. Ricordo ancora quei volumetti agili che raccontavano l’opera di Paolo Conte, Roberto Vecchioni, Fabrizio De André, piccoli gioielli per collezionisti, strumenti di lavoro indispensabili. La rivista ha chiuso i battenti, come la maggior parte delle pubblicazioni cartacee di argomento letterario - musicale, soppiantata dal web che fagocita tutto con la sua onnipresenza e gratuità. Bonanno, invece, continua il suo lavoro di ricercatore musicale, collaborando con piccoli e medi editori, sensibili alle istanze culturali. Stampa Alternativa è uno di questi, Marcello Baraghini è da sempre alfiere della cultura popolare, scopritore di talenti e divulgatore di notizie su grandi musicisti dimenticati (Claudio Lolli, Sergio Endrigo…). Bonanno ha pubblicato tre gioielli per Stampa Alternativa: Che mi dici di Stefano Rosso? Fenomenologia di un cantautore rimosso (2011), Rosso è il colore dell’amore - Intorno alle canzoni di Pierangelo Bertoli (2012) e Io se fossi Dio - L’apocalisse secondo Gaber (2013).

Rosso e Bertoli sono due cantanti importanti della musica leggera italiana, due veri e proprio intellettuali rimossi, dei quali non si parlava da tempo, mentre - in periodi culturalmente poveri come quelli che stiamo vivendo - si sentiva la necessità di una loro riscoperta. I due libri contengono allegati preziosi: un CD con un concerto semi inedito di Stefano Rosso e un DVD con intervista - concerto di Pierangelo Bertoli. Il lettore - ascoltatore avrà modi di apprezzare le note irridenti de Lo spinello ma anche lo struggente impegno politico di Rosso colore. Non solo. Conoscerà in maniera approfondita le motivazioni dell’opera culturale di due cantautori impegnati, ma non soporiferi e non necessariamente tristi e pesanti. Io se fossi Dio, invece, è un libro monografico sulla canzone più discussa scritta da Giorgio Gaber e Sandro Luporini, riproposta nelle due versioni (1980 e 1991), tra interviste, esegesi, storia e un pizzico di gossip. Mario Bonanno è uno di quei personaggi che fanno bene alla cultura italiana, la vera cultura popolare, che non si vergogna di parlare di cinema di genere e musica leggera. Tra i suoi libri migliori ricordiamo: Paolo Conte. Sotto le stelle del jazz (2000), Angelo Branduardi. Futuro antico (2002), Francesco De Gregori. Cercando un altro Egitto (2003), Ivan Graziani. Il chitarrista (2005), Anni affollati. Italia e i cantautori. 1973-1983, Storia di dischi andati (2009), Roberto Vecchioni. Samarcanda (2010). Cercateli. Ne vale la pena.

 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 05/07/2013 alle  11:35:34, nella sezione LIBRI,  937 letture)

padre a tempoLa casa editrice lancia il libro con uno strillo intrigante: “il primo libro in Europa con colonna sonora integrata”. Spiega l’ufficio stampa: “Per la prima volta un libro completo di colonna sonora: grazie a PLAY.ME, leggendo il romanzo, sarà possibile ascoltare in streaming su smartphone una playlist di canzoni scelte dall’autore”. Lascio al pubblico questo privilegio, ché io non possiedo smartphone - e non ho nessuna intenzione di comprarlo! - ho capito da poco (forse grazie a Grillo, ecco a cosa è servito il Movimento Cinque Stelle!) cosa significa streaming, mentre playlist è l’unico vocabolo che - obtorto collo - è entrato a far parte del mio linguaggio. Mi scuso per il latino. So che non va più di moda. Vediamo la trama del romanzo.

Michael è un giovane di successo, arrogante, saccente, misogino e sociopatico. Dopo un anno passato a Los Angeles, torna a lavorare a Milano in una famosa agenzia di comunicazione. Ha un unico obiettivo: rendere l’ufficio un inferno e le sue colleghe miserabili, documentando ogni nuovo sadico stratagemma sul suo diario di bordo. Il destino decide di dargli un calcio nel sedere e Michael scopre di aver lasciato a Los Angeles qualcosa in più di un semplice souvenir: una figlia che non sapeva di avere e di cui adesso deve prendersi cura. Con una tazza di caffè americano in una mano e un biberon nell’altra, quest’uomo dal sarcasmo scorretto si prepara al lavoro più difficile della sua carriera: diventare padre a tempo indeterminato. Il romanzo racconta con ironia la storia di un cambiamento inaspettato: da bastardo part-time a padre a tempo indeterminato. Al romanzo è abbinato un book-trailer (poteva mancare in un prodotto così tecnologico?), in collaborazione con Nokia, L’Uomo Elite Milano e MSGM, Andrea Olivo e Fabrizio Martinelli hanno realizzato un filmato interamente girato con il nuovo Nokia Lumia 920. Il video è disponibile dal 4 luglio e vede come protagonista il modello di Elite, Mario Scalia, nei panni di Michael.

Due parole sull’autore. Ne sentiremo parlare, credo. Marcello Signore, 24 anni, è nato a Napoli. Dopo un’esperienza negli Stati Uniti vive a Milano, dove si occupa di social media. Grazie al successo web della serie Pausa Pranzo, nel 2011 approda in tv, su La3, dove conduce Mi chiamo NERD, una nuova trasmissione interattiva scritta e pensata da lui per i giovani. Nel 2012 diventa blogger di Huffington Post Italia. Non solo. Si tratta di uno dei nuovi volti di Occupy Deejay su DeejayTV. Con oltre 10.000 followers fra Facebook, Twitter e YouTube, Marcello è un “social writer”, i suoi post e i suoi racconti vengono seguiti ogni giorno da centinaia di utenti e sono fra i più commentati del web. Dopo il successo di alcune storie brevi pubblicate su Facebook e sul suo blog, questo è il suo primo romanzo. Il libro sarà presentato il 4 luglio, presso la Libreria Hoepli di Milano (Via Ulrico Hoepli, 5) alle ore 18, con un evento in partnership con Nokia su “Lo scrittore al tempo dei social media”. Insieme all’autore interverranno Alessandro Rimassa (direttore del Centro Ricerche dello IED), Giuliano Federico (direttore di Swide.com), Silvia Vianello (conduttrice di Smart&App su La3) e Alessandro Cusmano (brand manager di Nokia Italia). Il dibattito sarà moderato da Paolo Maria Noseda, interprete di Che tempo che fa e autore de La voce degli altri. La presentazione sarà trasmessa in streaming via Google Hangout sul canale di Marcello Signore http://www.youtube.com/marcellosignore.

 
di Luca Raimondi (pubblicato il 23/06/2013 alle  11:56:23, nella sezione LIBRI,  1752 letture)

cop libro oranoHo avuto l’onore e il piacere di presentare ieri, presso il Biblios Cafè di Siracusa, l’esordio letterario del magistrato Giorgio Orano, edito  di recente da Aracne. Prendo dunque spunto dal dibattito sorto in quella sede per scrivere qualche considerazione in merito ad un romanzo particolare, potente e generoso come pochi altri esordi recenti. Un articolato mondo narrativo in cui smarrirsi piacevolmente, abitato da personaggi alla deriva, confusi, in crisi esistenziale, un mondo costruito con un linguaggio perfetto, incisivo, attento ai dettagli, letterario ma senza mai compiacimento, degno dei migliori autori classici. Un romanzo sulla borghesia italiana sospesa tra una volontà di potenza, di successo, di denaro, residui del benessere precedente, e un presente e un futuro mediocre, quando non rovinoso, in cui il mondo sembra dirigersi verso la propria autodistruzione e non sembra esserci speranza, se non quella di riscoprire valori e sentimenti ormai sepolti.

Lo sguardo dello scrittore non è moralistico, non suggerisce facili vie d’uscita, ma pone dei dilemmi e delle questioni morali su cui riflettono i personaggi e noi insieme a loro. La società non sembra più essere costruita a nostra immagine e somiglianza, siamo invece noi ad essere schiacciati e soggiogati da essa: i suoi fili sembrano essere sempre gestiti da qualcun altro, anche quando sembra che tutto sia in nostro pieno controllo.

La famiglia non certo esemplare scelta come protagonista da Orano, è già in partenza disgregata. Augusta, Vittorio, Giada, sono per certi versi come i protagonisti della “Stanza del figlio”: la scomparsa di Matteo, figlio di Augusta e Vittorio e fratello di Giada, è però già avvenuta, digerita, ma è chiaro che quell’episodio ha permesso di far venire a galla i nodi irrisolti di questa famiglia. Famiglia che in un certo senso include anche un ex calciatore siracusano, Angelo, sicuramente il personaggio meno negativo, comunque un campione mancato, una promessa non mantenuta.

Augusta è la prima a rendersi conto del “misero spettacolo del mondo”, la prima volerne fuggire, cercando di riscoprirsi felice attraverso la macrobiotica, annullando la propria identità, lasciandosi la famiglia alle spalle, per lei solo causa di dolore e sofferenza non solo per la scomparsa del figlio, ma anche per il suo fallimento educativo nei confronti della figlia, del tutto schiava della droga e di altre esperienze estreme, nonché per il suo fallimento di moglie, in quanto il marito sembra più dedito al gioco e alle puttane che non a lei. Si unisce ad una comunità chiamata Colle e cerca qui la sua direzione, che potrebbe anche portarla ancora più lontano, addirittura verso l’Africa, secondo un percorso di purificazione dai propri sensi di colpa scaturiti dalla facilità “upper class” con cui ha vissuto. L’allontanamento da casa di Augusta alla volta del Colle sembra avere effetti disastrosi più su Angelo, di cui Augusta era divenuta una sorta di amante, che sul marito Vittorio, ex giocatore laziale onesto, solido, ma non certo quel che si dice un campione, che sta perdendo tutto il patrimonio familiare per via del gioco, che dal campo di calcio si è trasferito sui tavoli da poker. Un uomo avvelenato dalle sue stesse ambizioni, sconfitto e superato da tanti giocatori più meritevoli, più bravi di lui, privo di talento ma animato da questa determinazione di andare oltre i propri limiti, limiti però che non gli hanno permesso di spiccare il volo: e con il gioco d’azzardo, nella fortuna, con l’aiuto del caso, cerca un risarcimento per le sue frustrazioni, per i suoi “grumi di odio”.

raimondi presenta oranoC’è poi Giada, ragazza confusa, bisognosa di qualcuno che si prenda cura di lei, dato che in famiglia sembrano tutti avere altro da fare e pensare. E c'è anche Leonardo Baldi, un furbacchione che ci fa vedere da vicino gli ingranaggi che Giorgio ben conosce, dato che per professione si occupa proprio di tipetti loschi come Leonardo, intrallazzatore per conto di affaristi senza scrupoli, pronti a creare società dal nulla, intestandole a prestanomi ignari dei raggiri che vengono compiuti con il proprio nome: gente ingenua, apparentemente innocente, in realtà colpevole comunque di vendere il proprio immacolato nome per trenta denari o per fugare, come nel caso di Angelo, il senso di colpa per una paternità mai vissuta, mai goduta. Il fallimento sembra scolpito insomma nel patrimonio genetico dei protagonisti, fallimento che in realtà è solo nella loro mente, circuita dai falsi idoli della società consumistica, che cagionano un male di vivere che spinge all’aggressività, all’impossibilità di realizzarsi in una vita autentica, pura. La vita sociale, come in Pirandello, è fatta di inganni, di illusioni, di apparenze, che in Orano sembrano quasi già superate, i protagonisti hanno già buttato via la maschera, sono già dei vinti fin dalla prima pagina, nonostante il loro benessere li renda così diversi dai vinti di verghiana memoria. Smascherati nella pochezza dei loro risultati, schiacciati dal peso delle aspettative, vagano nelle loro vite senza neanche trarre consolazione dalla memoria, anch’essa depositaria soltanto di dolori, ossessioni, priva di consolazione o di valori. Il percorso dei personaggi che ci mostra Orano è un percorso che fustiga le aspettative e le ambizioni del tutto fuori luogo, fuori dal tempo e dalla storia, che la società instilla nei suoi abitanti, magari attraverso le peggiori serie televisive americane, persino attraverso la musica. Siamo insomma manovrati come marionette, tutto quello che ci circonda è ormai posseduto dal commercio, dal capitale, dal mercato. Persino il cibo è sempre meno naturale, produrre cibo sicuro è sempre più difficile laddove l’intero mondo è inquinato, anche il ramo del biologico è stato ormai posseduto dalle multinazionali. E qui entra in gioco anche Siracusa, che ha davvero fatto il suo per deturpare una delle più belle coste del Mediterraneo...per che cosa? Quando e come, si chiede Orano, si è imposta nella nostra testa l’idea che dovessimo deturpare il paesaggio, la bellezza, la natura, per una supposta idea di progresso e di relativo benessere? Valeva la pena vivere in una cloaca puzzolente per potersi comprare una macchina o un tostapane?

Per ritrovare noi stessi occorre tornare alle cose semplici, ad un mano calda da stringere in una vita ordinaria solo all’apparenza. Per fortuna c’è ancora qualche testa pensante, qualcuno che ha voglia di conoscere la realtà abbandonando le schermo di un televisore o di un pc. Bisogna tornare a viaggiare leggeri, cessare di possedere le cose per non lasciarsi possedere da esse. Essere uomini normali, in grado tuttavia di compiere imprese, con il solo merito di non tirarsi indietro laddove occorre.

 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 21/06/2013 alle  10:09:05, nella sezione LIBRI,  902 letture)

COPERTINA LUPORINIQuesta volta soltanto libri belli, tanto per cambiare. Basta con i libri strapubblicizzati, spazzatura ignobile, che si compra per moda e magari non si legge. I libri della mia estate, finiti in una rapida settimana di vacanza, compagni di giornate rilassate ve li racconto in poche parole, senza tentare recensioni critiche, ma vi invito a cercarli e a leggerli, ché ne vale la pena.

Sandro Luporini racconta Giorgio Gaber con la collaborazione di Roberto Luporini, in un grande libro edito (sorpresa!) da Mondadori (G. - Vi racconto Gaber), che non si limita a riepilogare la carriera di un cantante, ma con una lunga intervista compone il romanzo d’una generazione sconfitta. “Avrebbero voluto da Giorgio e da me delle risposte. Proprio da noi che abbiamo vissuto tutta la vita nell’assoluta certezza del dubbio”. Un libro narrato in prima persona dall’ispiratore di quasi tutti i testi di Gaber, un testo fondamentale voluto dalla Fondazione che servirà da stimolo per riscoprire un cantante importante, un pensatore che ha segnato la nostra epoca. A proposito di cantanti rimossi, non lasciatevi sfuggire Che mi dici di Stefano Rosso? scritto a quattro mani da Mario Bonanno e Stefania Rosso, anche perché contiene un CD introvabile con alcune stupende canzoni incise dal vivo. Tra tutte: Gli occhi dei bambini, Letto 26 e Canzone per un anno. L’editore è Stampa Alternativa, che alterna ottime cose ad altre più discutibili, ma resta un punto di riferimento per l’editoria indipendente. Non è un libro di pettegolezzi ma un testo che racconta la musica di un poeta, abile chitarrista, narratore della generazione del Sessantotto, tra spinelli, marijuana e voglia di fuga. Un cantautore proustiano, se si vuole, sospeso tra nostalgia, ricordo e rimpianto della gioventù perduta. Se non conoscete Stefano Rosso è l’occasione buona per cominciare ad ascoltarlo. Manuel De Sica pubblica per Bompiani il notevole Di figlio in padre, colmando una lacuna importante, regalando al grande genitore un vero libro sulla sua vita, non quella patetica raccolta di pensieri pubblicata alcuni anni fa dal fratello Christian. Molti aneddoti, tanto cinema, vita privata, giudizi taglienti, racconto di un uomo che ha reso grande il cinema italiano in collaborazione con Cesare Zavattini.

Restiamo al cinema con il giovane saggista Giovanni Modica che pubblica per Profondo Rosso il libro più completo che sia mai stato scritto su una sola pellicola: Dario Argento e il gatto dalle molte code. Qui il solo soglio da superare è il prezzo (ben 25 euro), ma il volume li vale tutti e un appassionato di Dario Argento non può lasciarselo sfuggire. Luigi Cozzi integra il testo con foto e commenti, lui che è il più grande conoscitore (oltre che amico) di Argento può permetterselo ed è garanzia di serietà. Un libro indispensabile che dice tutto quel che c’è da sapere sul secondo film della trilogia animale di Argento. Modica ha già pubblicato lavori interessanti come Sette note in nero di Lucio Fulci e Dario Argento e L’uccello dalle piume di cristallo.

Invito a leggere anche Marco Bracci che scrive un saggio agile sulla storia della mia città: Radici di ferro e futuro d’acciaio - Uno sguardo comunicativo sull’identità di Piombino (Liguori Editore). La tesi dell’autore è che Piombino non può fare a meno delle sue radici (l’acciaio), ma che deve guardare al futuro con fiducia cercando di andare oltre i limiti angusti della città fabbrica. Ultimo ma non ultimo un grande libro di narrativa: Roald Dahl, Tutti i racconti (Longanesi), un tomo che allieterà le vostre vacanze, ottocentoventi pagine di narrativa fantastica, surreale, ironica, pungente, scritta con piglio agile e forbito da uno dei migliori scrittori per ragazzi del nostro secolo. Questi sono racconti per adulti, alcuni dei veri capolavori di narrativa breve. Altro che i nostri patetici figliocci di Carver! Ventidue euro, ma ne vale la pena. Procuratevelo. Vi farà passare giornate allegre e spensierate.

 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 05/06/2013 alle  13:53:59, nella sezione LIBRI,  896 letture)

conrad candySono tanti i libri che affollano la mia scrivania, anzi il mio comò, ché io i libri li tengo a portata di mano per quando vado a letto; prima di dormire - abitudine che si tramanda di padre in figlio - leggo sempre qualche pagina. Ma quando viene l’estate, le giornate si allungano, il tempo aumenta, Piombino è ricco di mare e pinete, leggo molto di più, tra libri e manoscritti che piovono da ogni dove, anche tre testi a settimana. Contando che molti siano affamati di libri, comincio a selezionare. Prendete appunti. Lettura estiva obbligata uno straordinario dark fantasy scritto da Vincent Spasaro, che dopo Assedio (uscito per Segretissimo, ma in ristampa per Edizioni Anordest), sorprende con l’inquietante Il demone sterminatore, libro di cui parlerò diffusamente in altra nota. Chi ama la divulgazione storica non si lasci sfuggire Nicola Bombacci, tra Lenin e Mussolini di Daniele Dell’Orco (Historica), che racconta la vita dimenticata di uno dei fondatori del partito comunista italiano, passato al fascismo, per morire accanto al duce. Massimo Maugeri esce con E/O, nella collana diretta da Carlotto e Rossi, presentato da Valerio Evangelisti, con un giallo intitolato Trinacria Park, ben congegnato e dotato di meticolosi meccanismi, utile come svago e capace di far pensare. Domenico Vecchioni aggiunge una biografia interessante al suo infaticabile lavoro di storico dello spionaggio e concepisce Kim Philby - Il terzo uomo (Greco&Greco), sulla vita di uno degli agenti segreti più efficaci di tutti i tempi. samarAmate la poesia? Non perdetevi Roberto Mosi e il suo Concerto (Gazebo), dedicato a Populonia, terra etrusca dalla quale scrivo. Tutt’altra materia affronta Le vendicatrici, edito dalla giovane e intraprendente Cut-up, che racconta la vendetta al femminile, tra eccessi splatter e horror. Tra i migliori autori - presentati da Alan D. Altieri - spiccano Danilo Arona, Marco Roberto Cappelli e Luigi Bernardi. Concludo con le molte novità di Edizioni Anordest, casa editrice di Villorba che sta lavorando bene, proponendo libri di autori giovani e interessanti, ma anche lanciando best-seller inediti in Italia. Lia Tosi è finalista al Premio Viareggio con Ispida stella, un romanzo a metà strada tra il diario e la cronaca sentimentale dei nostri anni Ottanta. La cubana di Los Angeles Cecilia Samartin pubblica Tutto l’amore di nonna Lola, un best-seller internazionale capace di far emozionare e sorridere, affascinante per la costruzione del carattere della protagonista. In appendice trovate anche le ricette caraibiche di nonna Lola. Amore, cucina, passione e la storia di un bambino che grazie all’affetto della nonna riesce a convivere con la morte e a godere di momenti di inaspettata felicità. Lauren Conrad è l’ultima scoperta internazionale di Edizioni Anordest, diventata famosa come protagonista di due serie di culto di MTV, mix tra reality show e fiction: Laguna Beach e The Hills. L’editore trevigiano pubblica L.A. Candy, il primo romanzo della Conrad, ispirato alla sua vita personale, il primo di una trilogia, vero e proprio best-seller nella classifica dei libri più venduti redatta dal New York Times.

Per ora basta. Avete da leggere almeno fino a luglio.

 
di Redazione (pubblicato il 22/04/2013 alle  14:35:11, nella sezione LIBRI,  803 letture)

SANCHEZ LUPIEsce il 24 aprile il nuovo libro di Gordiano Lupi, “Yoani Sanchez. In attesa della primavera”, edito da Anordest. Yoani Sánchez nell'aprile del 2007 ha creato il blog Generación Y, dove pubblica regolarmente storie di vita cubana, caratterizzate da un tono critico nei confronti del governo. È una delle più influenti voci sulla realtà cubana. Il suo blog è stato bloccato dal 2008 al 2011 agli utenti cubani ed è spesso perseguitata dalle autorità. In Italia, i suoi post sono pubblicati dal quotidiano La Stampa, tradotti da Gordiano Lupi. È stata candidata al premio Nobel per la Pace 2012.

La prefazione del libro è a firma del direttore della “Stampa”, Mario Calabresi, che così si esprime: “Due persone sono state decisive per convincermi definitivamente dell’importanza del lavoro che Yoani Sánchez porta avanti da anni: Barack Obama e il mio barbiere. Nel 2009 Yoani inviò alla Casa Bianca sette domande sul futuro di Cuba, indirizzate al presidente Obama. Una persona qualunque poteva attendersi come replica, al massimo, due righe cortesi di ringraziamento redatte da qualcuno dello staff presidenziale. Passarono invece poche settimane e a casa di Yoani arrivò una risposta scritta di Obama, che si dilungava nel dettagliare la linea della sua Amministrazione nei confronti del regime castrista. «Il suo blog» scrisse tra l’altro il presidente alla Sánchez «offre al mondo una finestra unica per scoprire la realtà della vita quotidiana a Cuba». Il settimanale Time aveva già inserito poco tempo prima Yoani nella lista delle 100 persone più influenti del pianeta. Ma la mossa di Obama significava qualcosa di più, perché faceva della blogger cubana un interlocutore diretto per il governo degli Stati Uniti, un modo per l’America di raggiungere direttamente il popolo cubano. Nel nostro piccolo, noi de La Stampada questo punto di vista avevamo preceduto il presidente americano di diversi mesi, riconoscendo l’eccezionale opportunità di capire Cuba che ci offrivano i racconti di Yoani. Il governo de L’Avana nella primavera 2009 le vietò di partecipare al Salone del Libro di Torino: l’espatrio per Yoani era solo un sogno e sarebbero passati altri quattro anni di battaglie prima che le fosse concesso di avere il passaporto e lasciare l’isola. Visto che il regime all’epoca non la lasciava andare in giro per il mondo e ostacolava in ogni modo il suo lavoro sul web, decidemmo di darle ospitalità sul nostro giornale e su LaStampa.it, diventato la casa italiana del blog Generaciòn Y di Yoani. Da allora, è diventata una di “famiglia” per noi della Stampa, una testimone eccezionale che ci ha aiutato a scoprire la complessa evoluzione delle vicende cubane. Attraverso Yoani, però, sono stati soprattutto i lettori italiani a vivere l’altalena di frustrazioni e piccole e grandi conquiste che caratterizzano la vita quotidiana sotto uno degli ultimi regimi comunisti al mondo. Yoani ha storie da raccontare che colpiscono chiunque, dal presidente degli Stati Uniti alla gente comune. A farmelo capire è stato il mio barbiere. Un giorno sono entrato nel suo negozio, mi sono seduto per attendere il mio turno e sul tavolino in bella evidenza, dove di solito dominano le riviste di gossip, ho visto il libro Cuba Libre di Yoani. «Cosa ci fa qui?», ho chiesto al barbiere. «L’ho comprato perché ero incuriosito dall’autrice» mi ha risposto «e ho scoperto che ci racconta come si vive davvero a Cuba, senza censure. Lo tengo a disposizione dei clienti nella speranza che lo sfoglino, così il tempo che passano nell’attesa serve a qualcosa. Gli ho regalato una finestra su Cuba...». Il mio barbiere a Torino la pensava esattamente come Barack Obama a Washington. E allora buon viaggio con Yoani”.

 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 10/04/2013 alle  18:55:59, nella sezione LIBRI,  898 letture)

Claudio Volpe conferma le promesse con il suo secondo romanzo in uscita per la dinamica realtà delle Edizioni Anordest, dopo aver stupito la critica e aver ottenuto un buon successo di vendite con Il vuoto intorno (Il Foglio Letterario, quindi Anordest in seconda edizione). Claudio Volpe viene presentato per il secondo anno consecutivo al Premio Strega, con un altro romanzo corale che scava nel dolore, approfondisce le esistenze dei vinti, degli sconfitti, degli esclusi. “Stringimi prima che arrivi la notte è una storia di profondo dolore umano e di approfondita e acuta analisi introspettiva”, scrive Dacia Maraini, che ha creduto fin da subito nelle potenzialità del ventitreenne autore di Pontinia. Claudio Volpe racconta una storia complessa che analizza diverse esistenze, unite dal filo conduttore della sconfitta e del dolore, utilizzando tanto di quel materiale da poter scrivere quattro romanzi. La sovrabbondanza narrativa era una caratteristica anche de Il vuoto intorno, così come lo stile poetico, il lirismo letterario, la ricerca della frase a effetto sono una costante nell’opera del giovane autore. I vinti di verghiana memoria, protagonisti di un melodramma contemporaneo che ricorda il cinema di Luchino Visconti, sono una figlia adottiva innamorata di un padre debole e una madre medico in cerca di identità. Il romanzo affronta il dramma dell’anoressia con crudo realismo, ci porta nel mondo di Ana, alla scoperta di siti Internet dove si convincono le persone che mangiare è il male, che il cibo è da evitare, che il solo scopo della vita è dimagrire. Volpe analizza il rapporto di coppia, il dramma di una donna che non può avere figli, il tradimento nonostante l’amore, la difficoltà di cercare il proprio scopo nella vita. Il personaggio della moglie cardiochirurgo è caratterizzato da alcune liriche che la donna scrive nei momenti di abbandono, brevi poesie che non conserva, ma lascia cadere lungo le strade della vita. Una delle pagine più belle del romanzo - che presenta sequenze di pura poesia - è la commovente descrizione della morte di una piccola paziente davanti a una costernata dottoressa impossibilitata a salvarla. Un altro momento importante sono le memoria della guerra in Afghanistan ricostruite attraverso le lettere della protagonista. La dottoressa decide di andare a fare il medico in trincea per dimenticare il tradimento e per sentirsi finalmente utile a qualcuno. Non c’è realismo in queste pagine, ed è normale, perché l’autore non voleva fare un reportage bellico, ma continuare con lo stile poetico che caratterizza la narrazione.

Abbiamo incontrato Claudio Volpe per rivolgere alcune domande.

Perché una nuova storia di dolore?

Credo che il dolore sia presente nella vita di ognuno di noi, permea il nostro pensiero, la nostra esistenza, ed è al contempo ciò che più ci forma. Indagare tra le pieghe del dolore umano è ciò che più mi interessa perché mi permette di percepire e comprendere meglio oltre che me stesso e gli altri, anche il modo attraverso il quale le parole e la scrittura possono salvare e salvarci. in alcuni Paesi esistono forme di psicoterapia che si fanno mediante la letteratura, leggendo e confrontandosi con la realtà scritta dagli autori. Perché scrivere significa evidenziare diverse modalità di esistenza, permette di scoprire nuove frontiere e soprattutto di non sentirsi soli.

Stringimi prima che arrivi la notte può dirsi un romanzo morale? La tua scrittura vuol dare dei messaggi?

 Non credo che possa definirsi un romanzo morale, almeno spero che non venga inteso come tale. Credo che la scrittura non debba fornire o indicare forme di morale o di etica ma permettere di comprendere tutte quelle esistenti in una dimensione aperta al confronto e alla conoscenza dell’altro e di sé in relazione all’altro. Naturalmente la mia scrittura vuole dare dei messaggi ma non vuole avere la presunzione di obbligare al pensiero unico. Si tratta più che altro di una forma di fede verso gli uomini, una preghiera rivolta all’umanità affinché essa comprenda l’importanza della sua poliedrica ricchezza e si smetta di guardare il mondo dai confini ristretti del proprio “orticello” per comprendere come in realtà la vita e la realtà siano molto più complesse di quanto si possa pensare. La bellezza sta tutta qui: nell'amare la libertà di essere diversi l'uno dall'altro, di essere se stessi a sempre in un'ottica di condivisione e arricchimento reciproco.

Quanto è importante la lirica nella tua narrativa?

Per me la lirica è fondamentale, la vita di ognuno dovrebbe essere intrisa di lirismo, di poesia perché, amo ricordare, poesie in greco significa FARE nel senso materiale di costruire. Spero che la mia scrittura possa essere intesa come un costruire materiale, un incidere diretto sulle cose e sul mondo. Amo il lirismo anche nella prosa, adoro una scrittura che sia una cavalcata, una corda, un concerto di musicalità diverse. La scrittura che più mi emoziona è quella densa, violenta, contundente, quella scrittura che sembra essere fatta di materia, avere un corpo ed essere tangibile.

Ami raccontare le storie dei perdenti. Ti senti dalla parte degli ultimi?

Mi sento una persona normale come tante, uno che prova a fare lo scrittore e a raccontare quegli angoli di umanità disprezzata, derisa, umiliata. Scrivo contro la presunzione dei potenti. Scrivo per la bellezza degli uomini comuni.

Facendo i debiti scongiuri, qual è il tuo pronostico per lo Strega?

Non credo di riuscire ad essere selezionato nella rosa dei dodici finalisti. Spero solo che il mio romanzo venga letto con attenzione ed eventualmente scartato perché inferiore ad altri romanzi presentati al Premio. In ogni caso la mia soddisfazione è quella di essere stato presentato da critici letterari e scrittori come Minore e Milanese. A me interessa scrivere e comunicare. Poi quello che verrà verrà.

 
di Luca Raimondi (pubblicato il 08/04/2013 alle  19:22:58, nella sezione LIBRI,  1277 letture)

copertinaDue giovani siracusani, studenti di Lettere e Filosofia in quel di Catania, hanno unito le forze per ideare un romanzo immaginifico che molto deve alla letteratura horror e fantasy ma anche ai giochi di ruolo. Si tratta di Chiara Listo e di Giuseppe Vitale, rispettivamente 21 e 22 anni, e il loro romanzo ha un titolo e un’ambientazione inglese: “London Calling: a tale from Norwich”. Esce oggi, 8 aprile, direttamente in ebook per Prospero, casa editrice creata meno di anno fa con l’idea di dotare di un trampolino di lancio alcuni autori meno conosciuti ma meritevoli, il cui staff è formato da giovani e giovanissimi, a partire dal titolare, Riccardo Burgazzi, classe 1988.

Quello dell’ebook è un mercato in continua espansione, anche se ancora ben lontano, almeno in Italia, dai grandi numeri dell’editoria tradizionale. Il trend è certamente destinato a mutare con il diffondersi degli appositi lettori, con il miglioramento della loro tecnologia e con la migliore propensione – da parte delle nuove generazioni – verso l’utilizzo di tale supporto a scapito della carta stampata (irrinunciabile invece per i più anzianotti o per chi, come me, ama il libro non solo per il pensiero o per le storie che tramanda ma anche per la forma, i suoi odori, i suoi colori, insomma, la sua materialità, artigianale o industriale che sia). Guardo con sospetto molte delle realtà editoriali nate intorno all’ebook: un file epub non è così difficile da creare e per nulla costoso, checché se ne possa dire. Fosse solo per quello, non ci sarebbe bisogno di editori. Un buon software come Calibre o Adobe In design e anche un amico nerd, se proprio voi non ci sapete mettere mano, è in grado di farvi il vostro bell’ebook. vitaleLe cose cambiano quando però la casa editrice vi fornisce una bella impaginazione, un buon editing, belle illustrazioni (di Gianluca Maragno, nel caso in questione) e una mano concreta per lanciare il vostro bel romanzo. Allora si che avere un editore con cui spartire i denari può essere vantaggioso: e sembra proprio essere il caso di Prospero. Di sicuro quest’editore non è uno sprovveduto, giacché ha messo sotto contratto questa insolita ditta a quattro mani che unisce il gusto maschile verso il macabro e la sensibilità e l’introspezione tipica della scrittura femminile (ma potrei essere smentito, magari la più sanguinosa dei due è proprio Chiara).

Il romanzo è difficile da raccontare in poche righe, almeno tanto quanto è piacevole e scorrevole alla lettura. Non manca la carne al fuoco ed è quantomeno improbo dover citare tutti i numerosi riferimenti e rimandi letterari. Siamo del resto, ormai da tempo, in pieno post-moderno, in cui nel passato è possibile trovare tutti gli ingredienti per una nuova narrazione. Tarantino, al cinema, lo fa da anni e con successo. Prende Django, Trinità, i film di Griffith e pure quelli di Jacopetti & Prosperi e sforna qualcosa di autenticamente spassoso e personale. Anche Listo & Vitale approdano, tra tanti riferimenti e archetipi letterari, fumettistici e cinematografici, a una futuristica e apocalittica visione del mondo, ispirati dalle loro lunghe sessioni di giochi di ruolo,  in cui il mistero della morte è indagato apparentemente secondo i dettami della tradizione gotica, ma bastano poche pagine per rendersi conto che in realtà questo romanzo non assomiglia a nessun altro scritto finora, perché, in sostanza, parla di oggi, del nuovo Medioevo in cui siamo ripiombati a dispetto del nostro sviluppo tecnologico che ci ha donato gli ebook. E scusate se è poco. I romanzi di Prospero sono scaricabili alla seguente pagina, il prezzo non supera le 5 euro: http://www.prosperoeditore.com/i-nostri-libri.html.

 
di Redazione (pubblicato il 02/04/2013 alle  21:03:46, nella sezione LIBRI,  3624 letture)

Papiro copertinaPer le edizioni di INFORUM (Istituto Nuova Formazione Universitaria Multimediale) Europa è stato pubblicato uno studio di Raimondo Raimondi riguardante la carta che a Siracusa si ottiene dalle fibre della pianta del papiro. Lo scritto, contenuto in un volumetto di 80 pagine, si intitola “La carta papiro - Antico supporto di scrittura – Contenitore del sapere” e si divide in vari capitoli che parlano del papiro siracusano, dell’isola di Ortigia, del barocco patrimonio dell’umanità, della produzione odierna della carta papiro, dei luoghi storici del papiro, delle splendide terre di Sicilia, del teatro greco di Siracusa ed è illustrato da numerose fotografie.

Il libro contiene anche note sui personaggi storici citati nel testo e, in appendice, i brani della “Naturalis Historiae” di Plinio il Vecchio che descrivono la produzione della carta papiro così come avveniva nell’antico Egitto.

L’autore, Raimondo Raimondi, scrittore e giornalista, è componente del Comitato Direttivo del Museo Civico di Augusta ed è autore di numerose pubblicazioni di poesia, narrativa e saggistica.

 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 15/03/2013 alle  20:42:17, nella sezione LIBRI,  962 letture)

RasputinDomenico Vecchioni è un ex diplomatico di carriera che da tempo si dedica alla divulgazione storica, confezionando agili saggi su personaggi popolari come Evita Peron, Raúl Castro, Pol Pot, Raoul Wallenberg, sullo spionaggio e sulla Seconda Guerra Mondiale. Chi ha assassinato Rasputin? Vita, sesso e miracolo del "diavolo santo"  (Ginevra Bentivoglio Editoria, p. 190, 16 euro) è un libro scritto con il solito stile colloquiale, con pretese di serietà scientifica, ma con taglio divulgativo, perché risulti accessibile a un vasto pubblico. Abbiamo avvicinato l’autore che ci ha concesso un’intervista ricca di particolari nel corso della quale spiega la genesi del libro.

Perché un libro su Rasputin?

Sono stato affascinato dalle più recenti interpretazioni storiche sul suo assassinio e sul ruolo politico da lui svolto. Rasputin, cioè, sarebbe stato eliminato nel contesto di un complotto ordito dai servizi segreti britannici, ossessionati dalla prospettiva di una pace separata della Russia con gli Imperi Centrali (siamo nel dicembre 1916). Rasputin, in effetti, era un pacifista convinto e aveva sempre cercato di impedire il coinvolgimento dello Zar Nicola II nelle guerre balcaniche. Gli inglesi temevano che il “diavolo santo”, in sintonia con la zarina Alessandra (di origini tedesche), alla fine avrebbe convinto lo Zar a sganciarsi dagli Alleati. Un abile 007 dell’MI6, Oswlad Rayner, sarebbe l’autore del “professionale” colpo di grazia sparato sullo Staretz, già ferito da giovani aristocratici russi. Viene d’altra parte rivalutato il suo ruolo “politico”: pacifista appunto, contrario alle discriminazioni razziali, preoccupato della sorte dei più poveri, critico degli eccessi della Chiesa ufficiale, fautore della collaborazione tra le classi ecc… Insomma finora molti studiosi si sono fatti forse abbagliare più dal mito che dal personaggio, in una sorta di sfasatura storica. Rasputin non è stato la causa della caduta della Russia imperiale, ne è stato solo l’effetto.

In una simile biografia, fin dove arriva la realtà storica e dove comincia la leggenda?

Difficile, in effetti, stabilire una linea netta di separazione in un personaggio entrato da vivo nel mito e morto in maniera conforme al mito…Certo è che alla sua leggenda nera (corruttore di corpi e di anime, detentore di poteri occulti, possessore delle “forze del male”), si dovrebbero aggiungere le sue lungimiranti visioni politiche, ancorché espresse con la rozzezza dovuta alla sua limitata cultura storica e politica. Se lo zar avesse seguito i suoi consigli (sopratutto quello di non entrare nella Grande Guerra), forse la caduta della monarchia e del paese sarebbe stata rallentata e molti lutti sarebbero stati risparmiati alla popolazione. Rasputin probabilmente non era un “veggente”, era solo un “visionario politico”. Aveva, cioè, capito prima degli altri che il mondo imperiale russo stava irrimediabilmente decadendo, gestito da un regime che non sapeva più valutare gli eventi ed era incapace di correggere i propri errori.

Ci sono personaggi contemporanei che possono in qualche modo assomigliare a Rasputin?

Rasputin verosimilmente è un personaggio unico, irripetibile, legato ad un determinato ambiente politico e sociale. Certo si può considerare che appartenga alla categoria delle éminences grises , dei consiglieri occulti (o comunque senza incarichi specifici e ufficiali) del potente di turno. Ma non credo esistano personaggi animati da una personalità così straordinariamente contraddittoria. Rasputin era convinto che non ci può essere estasi, avvicinamento a Dio senza un sincero pentimento. E non ci può essere pentimento senza peccato… Quindi più si pecca, più intenso è il pentimento che ne segue e più facilmente ci si avvicina a Dio…Con una simile filosofia di vita ci si predispone alle peggiori aberrazioni per poi salire più in alto nell’estasi divina…

Ci parli dei suoi progetti per il futuro.

Continuare nella mia attività di divulgatore e saggista attraverso la pubblicazione di articoli su riviste di Storia (in particolare BBC History/Italia) e la pubblicazione di biografie di personaggi insoliti. Sto attualmente studiando le vicende di Felix Kersten, il “medico del diavolo”, il fisioterapista di Himmler! Approfittando dei momenti di quasi “felicità” del Capo delle SS dopo i suoi interventi (era la sola persona al mondo capace di liberare Himmler dagli atroci dolori di stomaco che gli impedivano di vivere normalmente), Kersten riesce ad ottenere la liberazione di prigionieri ebrei e non ebrei. Massaggiando Himmler, gli si accredita di aver salvato 60.000 persone!

 
di Michela Italia (pubblicato il 08/03/2013 alle  15:10:33, nella sezione LIBRI,  885 letture)

Catena FiorelloDopo il successo di “Casca il mondo casca la terra”, edito da Rizzoli, Catena Fiorello presenta la sua nuova creatura. Le librerie italiane sono un ottimo termometro di gradimento, il libro arrivato da appena una settimana sta andando letteralmente a ruba. Il prossimo 11 Marzo verrà presentato nella Sala Costanza Bruno della Provincia Regionale di Siracusa in via Malta 106. La manifestazione verrà patrocinata dalla Società Siracusana di Storia Patria, che ha ritenuto la pubblicazione di interesse storico e culturale, poiché attraverso le sue pagine restituisce una affresco culturale e antropologico della Sicilia orientale. A moderare sarà la dott.ssa Michela Italia, interverrà il presidente della Società Siracusana di Storia Patria prof. Sebastiano Amato e il prof. Luigi Amato (ordinario di Estetica presso l’Accademia delle Belle Arti di Reggio Calabria). Un romanzo intimo, personale che lascia spazio alla riflessione e alla sana autoironia. Protagonista è una famiglia semplice e modesta, i Fiorello, con la loro storia che passa dai fornelli di una cucina. Attraverso colori, profumi e sapori, impressi indelebilmente nella memoria della piccola Catena, si parla ricette, di Sicilia e di piccole magie realizzate con ingredienti semplici. Ma qual è il segreto di queste ghiottonerie? L’amore di mamma Sara, capace di trasformare un semplice pomodoro in una salsa prelibata. Il libro contiene un forte messaggio di speranza: Insieme e con amore si può. La pubblicazione, seppur contenendo in appendice una cinquantina di ricette, non deve essere considerata un libro di cucina, ma piuttosto un quaderno di ricordi culinari “made in Sicily”. Le date del tour siciliano: a Catania il 12 marzo presso la Libreria Cavallotto, il 13 marzo a Taormina presso San Domenico Palace Hotel, a Messina il 14 marzo presso la Libreria Ciofalo, a Palermo il 15 marzo Libreria Flaccovio.

 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 03/03/2013 alle  12:03:05, nella sezione LIBRI,  792 letture)

Copertina del libro su VirzìMy name is Virzì non sembra neppure un libro di cinema da quanto è scritto bene. Non so dire se la passione con cui ho letto il testo è dovuta al fatto che l’argomento m’intriga e che un po’ di tempo fa avevo cominciato ad accumulare materiale per scrivere un libro sull’autore livornese. Poi non ne ho fatto di niente. Meglio così, perché Alessio Accardo e Gabriele Acerbo hanno redatto davvero un libro definitivo su Paolo Virzì, regista de La bella vita e La prima cosa bella, tracciando limiti di ricerca ben definiti. Adesso sono attesi dal duro compito di aggiornare e di continuare a seguire l’opera di un regista interessante del quale sono divenuti i più documentati biografi. Pare che dal testo - edito con cura da Le mani e messo in commercio a un prezzo accessibile (inconsueto per un testo di cinema) - sarà ricavato un documentario, aggiornato alle ultime pellicole. Non è un peccato che al lavoro manchi Tutti i santi giorni, un netto passo indietro e una battuta d’arresto nel quadro di una produzione di grande livello, al punto che non sarebbe stato facile trovare elementi per salvarlo. Il lavoro è impreziosito da una dotta ma al tempo stesso agile introduzione del cinemaniaco Gianni Canova, che ammette un errore di giudizio nei confronti delle prime opere di un regista che poi (da Tutta la vita davanti, il film che ha convinto la critica) ha cominciato ad apprezzare. Acerbo e Accardo raccontano la vita avventurosa di un regista che parte da Livorno insieme all’amico Francesco Bruni, frequenta la scuola del grande Furio Scarpelli, comincia a scrivere sceneggiature e si candida a diventare l’erede della tradizione della commedia all’italiana. Gli autori narrano l’apprendistato e la lotta di classe all’Ovosodo, nella Livorno operaia, il lutto familiare con la scomparsa del padre, l’autobiografia romanzata che affiora in ogni film. “Per raccontare una bugia credibile bisogna partire da una parziale verità”, afferma Virzì. Il regista livornese è un romanziere mancato, il suo cinema è molto letterario, recitato quasi sempre da non professionisti, spesso amici di gioventù, attento a raccontare storie appassionanti più che a realizzare inquadrature suggestive. Furio Scarpelli è il grande maestro di un regista che cresce sui romanzi di Dickens, sulle pellicole di Scola, Pietrangeli, Risi, Monicelli, Ender… appassionandosi al miglior modo di raccontare la vita: la commedia. Il saggio narra la passione politica, gli anni del Centro Sperimentale, le prime sceneggiature (Condominio, Biciclette ai tropici…), i cortometraggi fallimentari e il sorprendente esordio de La bella vita. Virzì è regista a me caro per la scelta di Piombino, esemplare la descrizione di una classe operaia allo sbando, priva di punti di riferimento, ma ottima anche la scelta del set cittadino per girare N, quando invece di andare all’Isola d’Elba adatta il centro storico piombinese. Un autore che intinge la penna nel sarcasmo livornese, che fa sorridere con amarezza sui nostri difetti, raccontando la fine di balordi imprenditori senza futuro (Baci e abbracci) e lo scontro da sinistra radical-chic e arricchiti berlusconiani (Ferie d’agosto). Ovosodo rappresenta la riconciliazione livornese, un modo per riappropriarsi delle radici e di raccontare - in parte - la sua adolescenza. La prima cosa bella lo è ancora di più, opera scritta dopo il matrimonio con Micaela Ramazzotti, impregnata di amore e di nostalgia per il passato, inarrivabile per vette di poesia e lirismo, intensa nel raccontare la storia di una famiglia. Valerio Mastandrea, ormai attore feticcio di Virzì (che finge di non sapere il significato dell’espressione) dà il meglio di se nel ruolo del figlio che torna a casa per accudire la madre e nel frattempo ripensa al passato. Tra i lavori di Virzì, il meno riuscito è My name is Tanino, film irrisolto, ancora una volta interpretato da un attore non professionista, forse girato in una location non troppo legata alla poetica labronica. Caterina va in città è molto autobiografico, perché Caterina è Virzì che lascia la provincia per andare a vivere nella capitale, ma è ancora una volta un film che narra un’epopea familiare, racconta le vicissitudini di un rapporto destinato a morire. Tutta la vita davanti è il film più amato dalla critica, buon successo di pubblico, che descrive il mondo dei precari, per la prima volta protagonisti di un’epopea cinematografica. Film galeotto per il regista, fa scoccare la scintilla del secondo amore della vita di Virzì, dopo Paola Tiziana Cruciani, quella Micaela Ramazzotti (nudo integrale cliccatissimo su Youtube!) che diventerà moglie e madre del primo figlio maschio. Acerbo e Accardo non si limitano a raccontare il cinema e la vita di Virzì, compongono anche un documentato lavoro critico, non limitandosi a riferire opinioni altrui, ma dando un quadro d’insieme della poetica del regista. Inadeguatezza, fascino discreto della provincia, cantore delle piccole cose, nostalgia dell’innocenza, letteratura al cinema, romanzo di formazione, voce fuori campo, cinema di parola, verosimiglianza, macchiettiamo, stereotipi, bozzettismo, inzeppamento, commedia di donne, il mondo visto dai ragazzini, attori dilettanti guidati con passione, lieto fine ineludibile… Tutto questo è il cinema di Virzì. Tutto questo Accardo e Acerbo lo spiegano con dovizia di particolari, passione, competenza e - cosa non trascurabile - con uno stile piano e accattivante, da consumati narratori.

“Federico Fellini è ricordato come il regista con la sciarpa e Alessandro Blasetti è definito il regista con gli stivali, a noi piacerebbe chiamare Paolo Virzì il regista che ride”, concludono gli autori. In fondo proprio questo è la commedia: una risata vi seppellirà.

 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 25/01/2013 alle  16:21:17, nella sezione LIBRI,  997 letture)

Copertina del libroSi legge poca poesia nel nostro paese, purtroppo, anche se la lirica resta la prima forma letteraria conosciuta, insieme al teatro. Ma interessa ancora la letteratura in un panorama editoriale guidato dal profitto e gestito da manager? La domanda è retorica. Per fortuna che ci sono i piccoli editori e i traduttori intelligenti, tra i quali - immodestamente - mi ci metto pure io, visto che Il Foglio Letterario (grazie a Malini) traduce Polanski, ma anche (grazie a me) i cubani Viera, Navarrete, Padilla e Piñera, oltre a pubblicare italiani di valore (Garofalo e Polito su tutti). LietoColle compie un’opera meritoria, grazie all’attenta traduzione di Marisa Cecchetti che rende in un italiano raffinato e lirico alcune poesie scritte a Edimburgo, nel 1993, da Barolong Seboni (Botswana, 1957). Poesie scritte fuori dall’Africa, ma che parlano dei problemi e dei panorami della sua terra, profumano di nostalgia e di sconfinate praterie del Kalahari, pur scritte nel rigido clima scozzese. “La poesia di Seboni - come scrive la traduttrice in una dotta prefazione - passa attraverso il recupero della memoria dei padri, del loro orgoglio nazionale, è un processo di riscoperta delle radici che diventa riscoperta e costruzione di sé, con un ritorno nel grembo materno della sua tradizione, in un’esigenza di dignitoso riscatto della propria cultura dopo il tentativo dei bianchi di cancellare tale passato”. Un popolo senza passato è un popolo perso, afferma Seboni. Come dargli torto? Ognuno di noi è alla ricerca del suo passato, delle sue radici, ma nel caso di Seboni sono radici antirazziste, ricordano la lotta contro un colonizzatore bianco per il riscatto d’una terra libera. Il mio amore per Cuba fa sì che riesca ad apprezzare meglio di altri questa straordinaria opera poetica, perché sono molte le suggestioni che sento vicine. Alberi possenti come il baobab - nel Caribe si chiama ceiba ma è la stessa cosa - dove si seppelliscono i propri cari, simbolo di energia, di longevità e di forza. La leggenda cubana della ceiba che protegge perché contiene le anime dei genitori, della possente sequoia immortale che non va abbattuta ha radici africane. La jacaranda è un altro fiore che unisce Africa e Cuba, commistione razziale e paesaggi sconfinati tra terra e mare sono il ricordo che torna prepotente alla memoria. La poesia di Seboni ricorda liriche di Piñera e racconti di Cabrera Infante quando cita il fiore dal rosso colore, l’erba ingiallita, il vento capriccioso, i cespugli dannati e gli ossuti rovi. Le donne della Namibia sembrano contadine cubane di razza nera sedute all’ombra della loro bancarella, un vestito che è fluire di luce splendente, mentre cuciono pezze multicolori sulle bambole che vendono. E che dire delle stagioni? Come posso non amare una lirica che recita: “Non ci sono stagioni/ in Africa, dicono/ solo calde estati che fumano/ di nubi tonanti gonfie/ di pioggia del tipo convenzionale/ e notti invernali che fischiano/ sulle sabbie gialle del Kgalagadi”. Questa è Cuba, signori, non soltanto l’Africa, è anche la terra dei miei amati poeti che un tiranno fuori dalla storia mi impedisce di rivedere. Ecco perché non posso scrivere una recensione su questo piccolo gioiello di libro, ma solo testimoniare tutto il mio amore per liriche intense che raccontano un luogo dell’anima che non è patrimonio esclusivo del poeta. Due parole sulla traduttrice, Marisa Cecchetti, che ha scoperto un talento lirico ignoto al pubblico italiano. Pisana di San Giuliano Terme, lucchese di adozione, di cui abbiamo letto con piacere un intenso romanzo di formazione come La bici al cancello (Baroni, 2007). Vi lascio con due liriche particolarmente suggestive di Seboni. Leggere la sua opera fa bene al cuore.

Sanguedisole

Nelle sere
le donne di Soweto
con occhi arrossati
piangono
perché attraverso
il velo di fumo
densodipus
il loro sole
sanguina.

Coltello notturno

Al colpo
di un coltello
la notte si immerge
improvvisa sul tenero
fianco di Soweto.

La mattina grida
come sirene
insanguinate di rugiada.

E il giorno
si sparge vuoto
spalancandosi
in una sorpresa mortale
come una gola
fessa.

 

Barolong Seboni, Nell’aria inquieta del Kalahari (In the disquiet air of the Kalahari)
Traduzione di Marisa Cecchetti
LietoColle - Pag. 90 - Euro 13

 

 

 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 12/01/2013 alle  10:43:46, nella sezione LIBRI,  841 letture)

copertina del libroL’Italia letteraria è da tempo patria di giallisti. Non solo quasi tutti i romanzi che escono per grandi editori sembrano scritti con la mente rivolta a una possibile sceneggiatura televisiva. Niente di deprecabile, ci mancherebbe. Siamo un popolo di investigatori, amiamo perlustrare la scena del crimine, ci piacciono le congetture intorno ai delitti più impensati e le trame con il finale a sorpresa. Paolo Roversi è scrittore intelligente e raffinato, asseconda i gusti del pubblico, intesse un giallo padano, ironico e piacevole, ambientato in un piccolo centro della Bassa, dove si passano noiose giornate al bar e tutti sono comunisti. Il maresciallo Omar Valdes, nuovo investigatore seriale ideato da Roversi, indaga per scoprire l’autore di un efferato delitto. Lo scemo del paese, uno squilibrato che minaccia di compiere una strage, è il primo sospettato. Ma sarebbe tutto troppo facile. Abbiamo avvicinato l’autore per rivolgergli alcune domande.

"Milano criminale" era un romanzo di ispirazione cinematografica, una sorta di omaggio a Scerbanenco. È stato il tuo debutto con Rizzoli. Ti ha portato fortuna?

Mi ha portato molta fortuna devo dire. Oltre a tanti nuovi lettori in Italia (ha avuto due edizioni qui da noi) il romanzo è già stato tradotto con successo in Francia e lo sarà presto in Spagna e in Germania. In questo paese, in particolare, l’editore Ullstein ha deciso di farlo uscire, l’8 marzo prossimo, come titolo di punta del proprio catalogo con un’altissima tiratura. Ci sarà una campagna promozionale su radio e televisioni per il lancio e la cosa mi fa molto piacere visto che la Germania è uno dei mercati editoriali più importanti d’Europa.

"L’ira funesta" è il primo caso del maresciallo Valdes. Presentaci il tuo nuovo personaggio.

Il maresciallo Omar Valdes è un tipo burbero e poco ciarliero, amante della pesca al pesce siluro - per questo, per prenderlo in giro quando non sente, la gente l’ha soprannominato Tenente Siluro -  e con un passato oscuro alle spalle, nelle forze speciali. Per un castigo che i suoi superiori hanno deciso d’infliggergli si trova confinato in un piccolo paese della Bassa, ribattezzato Piccola Russia per via delle idee politiche dei suoi abitanti, dove, volente o nolente, dovrà occuparsi di uno strano caso di omicidio il cui indiziato principale sarà un matto di paese, il Gaggina, un omone che si crede la reincarnazione di un samurai e che, per questa ragione, se ne va a spasso per il paese con una katana, la famosa spada giapponese...

Il giallo di provincia è un tuo marchio di fabbrica. Ami ambientare le tue storie nella Bassa Lombarda. Segui una tradizione italiana importante, da Chiara a Soldati... La provincia italiana ti permette di dare spessore alla narrazione e di raccontare il malessere contemporaneo?

Certamente. Questo romanzo, per me, è un ritorno alle atmosfere de "La mano sinistra del diavolo", un libro che mi ha portato molta fortuna e regalato grandi soddisfazioni. Quando scrivo della mia terra, e della provincia quindi, m’ispiro in modo particolare a Guareschi che ha descritto benissimo e con ironia la Bassa. Credo che raccontare le vicissitudini di una piccola comunità permetta, in ultima analisi, di raccontare tutto un Paese con le sue paure, i suoi difetti, le sue ossessioni. Raccontando la Piccola Russia, insomma, ho cercato di scattare una fotografia ironica e  al tempo stesso disincantata dell’Italia di oggi.

Il tuo amore per Bukowski - di cui sei un cultore - a tuo parere condiziona le storie che scrivi?

Lo condiziona forse solo come stile: frasi brevi e incisive, ritmo serrato. Quanto al contenuto e al tipo di storie raccontate invece siamo davvero molto distanti.

 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 02/12/2012 alle  10:00:57, nella sezione LIBRI,  937 letture)

POLPOT COPERTINA DEL LIBRODomenico Vecchioni è un esperto saggista che si è specializzato in agili volumetti di biografie storiche, esaurienti e semplici, cosa non facile da abbinare, utili per la conoscenza di personaggi del nostro passato. Abbiamo letto un suo lavoro su Evita Peron, ma anche un bel profilo di Raúl Castro, senza dimenticare due libri che raccontano la vita di Richard Sorge e di Raoul Wallemberg. Opere di grande interesse, in modo particolare la biografia del nuovo (si fa per dire) Capo di Stato cubano, frutto della conoscenza diretta dell’ultimo sistema comunista come ambasciatore italiano sull’isola dei fratelli Castro. Pol Pot - L’assassino sorridente è un libro che si legge tutto d’un fiato, come un allucinante romanzo horror, ma Vecchioni racconta un storia vera, riassume in poco più di 150 pagine la follia di un uomo al potere e il genocidio compiuto da un esercito di sanguinari ragazzini. I Khmer rossi - per anni esaltati da una strana sinistra italiana - hanno ridotto la Cambogia allo spettro di se stesa, riempiendo il territorio di ossari e fosse comuni, dopo aver celebrato processi farsa, torture, decapitazioni e aver preso assurde misure anticapitaliste. Vecchioni scrive di getto, come un romanziere, racconta una rivoluzione compiuta per realizzare l’uguaglianza perfetta, trasformata in un assurdo e feroce sistema di eliminazione di massa. Un manipolatore delle menti come Pol Pot (Saloth Sar è il suo vero nome), uno folle ignorante geniale, un contadino - oratore che indottrina le masse, le spinge a lottare contro monarchia e corruzione per costruire un sistema perverso, figlio del suo delirio di onnipotenza. Pochi anni al potere bastano per uccidere due milioni di uomini, compiendo un genocidio storico che mette in ginocchio la Cambogia. Pol Pot chiude gli ospedali, caccia i medici, elimina le scuole, definite inutili perché la vera scuola sono le risaie e le campagne. Malati terminali si aggirano per strada come zombi, bambini denutriti muoiono sotto gli occhi di madri costernate, soldati bambini fucilano controrivoluzionari. “Meglio uccidere dieci nemici che lasciare vivo un solo nemico”, afferma Pol Pot. I suoi uomini lo prendono alla lettera: torturano e massacrano, senza pietà.

Vecchioni descrive il ruolo ambiguo del principe Norodom Sianouk (recentemente scomparso), la strana posizione degli Stati Uniti, i rapporti con il Vietnam, prima nemico storico della Cambogia, quindi esercito liberatore, per finire con gli atti del processo di Phnom Pen. Pol Pot - l’assassino sorridente è un testo importante per conoscere un triste episodio della storia contemporanea, approfondire le gesta assurde di un governo sanguinario, fondato su ignoranza e repressione, guidato da un gruppo di sadici assassini che non hanno esitato a compiere uno sterminio deliberato di un popolo. Leggendo il libro di Vecchioni mi sono venute a mente alcune tragiche sequenze del Salò di Pasolini, opera terminale di un grande intellettuale nemico di ogni dittatura. Giovanni Scuderi, uno pseudo giornalista italiano che spero sia scomparso nel niente, alla morte di Pol Pot ebbe il coraggio di scrivere un articolo celebrativo sul dittatore cambogiano, definendolo salvatore della patria. I servi sciocchi del potere sono peggiori dei dittatori che ne armano la penna intrisa di sangue. Leggete questo libro e fatelo leggere ai vostri figli, perché la follia non assurga mai più a sistema di potere.

 
di Redazione (pubblicato il 02/12/2012 alle  09:48:09, nella sezione LIBRI,  996 letture)

Presentazione del nuovo romanzo di Barbara Becheroni “Morire per amore” (Eclissi editrice) alla Biblioteca Comunale di Floridia, oggi 2 dicembre alle ore 18. Interverranno Cristina Gianino ed Elio Miano, che leggerà alcuni brani del romanzo. Si tratta di un giallo ambientato in Sicilia, terra di adozione dell’Autrice. Ritroviamo il commissario di polizia Marzia Leone, milanese trapiantata al Sud, che deve risolvere un intricato mistero ambientato nel mondo dell’ippica, fra scuderie, cavalli, fantini e scommesse clandestine. Ancora una volta Barbara Becheroni ci svela tramite il giallo un mondo ben diverso da come appare, pieno di lati oscuri e di contraddizioni. Un romanzo ben scritto, caratterizzato uno stile asciutto e chiaro e venato da arguzia e ironia.

 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 28/11/2012 alle  16:20:51, nella sezione LIBRI,  1066 letture)

2025. Notte. Sull’Europa si affaccia l’ombra di una nuova dittatura con cervello a Berlino, guidata dalla Macros, multinazionale che ha fuso tutte le reti europee per poi gettare il continente nel buio di un lungo blocco energetico. In questa cornice, in cui anche Internet collassa, sulle sponde del Lago di Lucerna si sveglia un androide, Luther, l’ultima creatura di un geniale scienziato morto misteriosamente, Joseph Hermann. Presto inizierà un viaggio dalla Svizzera a Cracovia insieme a un programmatore cieco, Christoph Krueger, mentre l’antica capitale polacca viene inghiottita da un’enigmatica nube bianca che avanza dalle periferie. Qui uno studioso irlandese di teologia, Desmond O’Rourke, colpito da amnesia dopo un lontano incidente e rimasto da poco vedovo, tenta disperatamente di ritrovare il suo passato, attraversando il Bianco col solo aiuto dell’ultima invenzione della sua amata Leyla. Tutto questo mentre a Berlino un funzionario ribelle della Macros, Piotr WoŸniak, cerca di dar vita a un barlume di resistenza, e da Stoccolma la sua compagna, la scrittrice Kristine Klemens, tenta di raggiungerlo, ispirata da suggestioni e visioni che sembrano prender corpo dai suoi romanzi.

Una storia a più voci, un patchwork di luoghi, paesi e culture in cui la tecnologia è pretesto e sfondo di una vicenda corale che ha per obiettivo il ritorno alla Fonte, a una fusione con la radice dell’Essere. Il Chakra del Castello di Cracovia, oscure minacce provenienti dagli ambienti clericali e l’emergere di una vocazione intima imperniata sul Desiderio, consonante con il testo originale di un'antica preghiera capace di scardinare le resistenze della mente. Un romanzo figlio della poetica del movimento connettivista (http://criticaimpura.wordpress.com/2012/05/12/il-connettivismo-come-sensibilita-sottile-e-archetipica-del-se-unintervista-impura-con-giovanni-agnoloni), ma anche di una lunga e seria ricerca spirituale condotta dall’autore. Una fusione di suggestioni filosofiche e psicologiche, intessute in una trama dalle tinte fantascientifiche ma radicata nel mondo reale e nella recente storia d’Europa, viscerale e perturbante. Abbiamo avvicinato Giovanni Agnoloni per una breve intervista.

Da saggista tolkeniano ad autore di romanzi. Cosa ti appassiona di più?

In effetti è una continuità di lavoro, perché scrivendo i miei saggi su Tolkien e gli autori classici (Letteratura del fantastico, Spazio Tre, 2004) e del Novecento (Nuova letteratura fantasy, Eumeswil, 2010), nonché sul rapporto tra le valenze emotive della letteratura tolkienana e quelle dei rimedi floreali del Dr. Edward Bach (Tolkien e Bach, 2011) - e peraltro anche scrivendo i miei articoli per varie riviste (tra cui “Yacht Capital” e “Minas Tirih”) e per i blog http://lapoesiaelospirito.wordpress.com, www.postpopuli.it, e http://giovanniag.wordpress.com –, ho finito per sviluppare una poetica personale, eppur spontaneamente coerente con le linee generali del movimento connettivista (http://poesia.blog.rainews24.it/2011/07/10/i-connettivisti-lavanguardia-italiana). Poi, a un certo punto, ho sentito vibrare in me la lezione di Tolkien, secondo cui uno scrittore deve fondamentalmente raccontare delle storie. E mi sono accorto che, dopo anni di studio, avevo trovato la mia voce artistica. Perciò adesso mi riconosco appieno come narratore, ed è questa è la mia grande passione.

Prima di Sentieri di notte avevi mai scritto narrativa?

Oltre ad aver scritto dei romanzi e dei memoir di viaggio narrativi, che sono in attesa di pubblicazione, avevo partecipato a varie antologie connettiviste e di carattere fantastico, in particolare Noir No War (ed. Giulio Perrone, 2006) Diversa sintonia – Fantastic-Zen Stories & Histories e AFO – Avanguardie Futuro Oscuro (2009), queste ultime due edite dalle Edizioni Diversa Sintonia (AFO è in seguito nuovamente uscita con Kipple Officina Libraria: (http://www.kipple.it/index.php?route=product/product&keyword=avanguardie&product_id=62), e avevo pubblicato vari racconti in rete, anche in lingua straniera, su riviste americane e spagnole.

Perchè il fantasy? Una moda del momento o una passione?

Beh, in realtà Sentieri di notte è un romanzo che si può far rientrare nel “fantastico” solo in senso molto generale. Di fantasy, se c’è qualcosa, c’è l’eco remota del senso tolkieniano della quest, della ricerca eroica e avventurosa, e insieme la dimensione onirica (penso al viaggio di Desmond nel Bianco cracoviano) e il tentativo di dar vita a un’esperienza radicalmente subcreativa, cioè che faccia sentir lì il lettore, innescando in lui percorsi spontanei di autoconsapevolezza. Se dovessi definire in qualche modo il mio romanzo, lo definirei un noir (o un trhiller) dalle tinte fantascientifiche, fortemente impregnato di atmosfere connettiviste di derivazione cyberpunk e crepuscolare, e un romanzo di viaggio. Lungi dall’essere un ibrido, però, è un romanzo tour court, con una pluralità di livelli di lettura ma, insieme, un alto livello di leggibilità. La mia adesione al Connettivismo e la rispondenza della trama di Sentieri di notte alle mie ricerche spirituali e di psicologia junghiana sono fatti profondi, viscerali. Lirismo e visceralità sono le parole-chiave della mia poetica, che cerca, a livello di romanzo, di far affacciare per la prima volta il movimento connettivista sullo scenario della letteratura mainstream (ovvero “non di genere”), pur restando fedele alle suggestioni di fondo del suo Manifesto (http://www.next-station.org/nxt-ex-1.shtml).

Mi dici qualcosa del tuo lavoro di saggista?

Beh, in parte ho già risposto a questa domanda, ma posso dire che i miei precedenti lavori da saggista - tra i quali devo anche inserire la raccolta Tolkien. La Luce e l’Ombra (Senzapatria, 2011), di cui sono curatore, traduttore e co-autore, con contributi di alcuni dei massimi studiosi di Tolkien al mondo - sono un tentativo di dimostrare come si possa fare opera di letteratura comparata basandosi non tanto su derivazioni e assonanze di natura tecnico-filologica o storica tra autori di paesi ed epoche differenti, ma muovendosi su un terreno emotivo ed estetico. In tutti i miei lavori, fin da Letteratura del fantastico e Nuova letteratura fantasy, dove mi occupavo dei classici e dei contemporanei accostandoli a Tolkien, ma anche in Tolkien e Bach, dove mi spostavo sul filone della psicologia del profondo e della medicina olistica, il tema di fondo era sempre la vibrazione emotiva, l’archetipo evocato da un certo personaggio, un certo paesaggio o un certo oggetto della Terra di Mezzo. Conoscere le vibrazioni emotive è la base per poter tornare, da un’esperienza in un “altro mondo” (l’Evasione di cui parla Tolkien nel suo saggio Sulle fiabe), in questa realtà con occhi rinnovati e capaci di coglierne nuovamente la bellezza e l’entusiasmo intimo (ecco il Recupero di cui parla sempre il creatore di Bilbo e Frodo). Io trovo che questo effetto possa essere riscontrato anche in vari autori che nei loro libri hanno parlato del mondo reale, e che la loro lettura consapevole (così come l’assunzione degli appropriati rimedi floreali del Dr. Edward Bach) sia un modo per risintonizzarsi su queste frequenze armoniche.

E le traduzioni?

Sono l’altra mia grande passione (e il mio lavoro). In realtà c’è una perfetta continuità tra la mia opera di scrittore e quella di traduttore. Tradurre (soprattutto narrativa, ma anche saggistica, e pure le stesse guide turistiche) è un’eccellente scuola di scrittura, perché permette di acquisire maggior consapevolezza proprio delle summenzionate vibrazioni emotive legate a ogni parola. Insomma, rende letterariamente più consapevoli, e inoltre alimenta la curiosità per il mondo (infatti sono un appassionato viaggiatore). In questo senso, e anche per ragioni di amicizia personale, sono fiero e felice di essere il traduttore italiano del grande scrittore cubano Amir Valle (http://amirvalle.com) di cui ho tradotto per le Edizioni Anordest il bellissimo romanzo "Non lasciar mai che ti vedano piangere" e del quale tradurrò anche degli avvincenti noir ambientati a Cuba. Altra grande soddisfazione, perché è un libro che sposa appieno il mio approccio alle tematiche tolkieniane, è stato tradurre il saggio La saggezza della Contea, dell’autore americano Noble Smith: un libro edito da Sperling & Kupfer che ci fa concretamente vedere come l’approccio alla vita tipico degli Hobbit possa renderci molto più lieta l’esistenza terrena.

 
di Redazione (pubblicato il 12/11/2012 alle  19:56:50, nella sezione LIBRI,  860 letture)

Il Centro Studi di tradizioni popolari “Turiddu Bella” di Siracusa organizza per Venerdì 16 novembre alle ore 18,00 presso la sala conferenze della biblioteca “Innocenziana” dei frati cappuccini, la presentazione del libro del dott. Pippo Bufardeci dal titolo “BASALATU” - “Parole e modi di dire del parlare dialettale”. Sempre attento alle tradizioni e ai costumi del suo paese d’origine, l’autore, originario di Pachino, nella zona sud della provincia di Siracusa, ha voluto avventurarsi nella ricerca di parole ed espressioni tipiche, raccolte dalla viva voce dei suoi conterranei che parlano ancora il dialetto, condensandole poi in un glossario. La lettura di questo libro, se per le persone di una certa età può essere un ricordo di conoscenze già acquisite, per i giovani è un utile strumento di conoscenza del dialetto, così come viene parlato in un’ampia zona della nostra isola, la zona del “ciù”, come la definisce lui stesso, per distinguerla da quella del “chiù”. Il libro sarà presentato da Corrado Di Pietro, noto cultore di etnografia. Seguirà un intervento della dott.ssa Assunta Rizza, presidente della Coperativa socio-culturale “Leonardo” di Pachino. Saranno presenti l’editore Carlo Morrone e il poeta e pittore Angelo Rullini, autore delle illustrazioni del libro.

 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 05/11/2012 alle  16:46:45, nella sezione LIBRI,  892 letture)

Ho conosciuto Enrico Gregori come autore di gialli pubblicati per Azimut, Bietti e Historica. Il suo lavoro, caposervizio di cronaca nera al Messaggero di Roma, che gli ha permesso di occuparsi di alcuni dei più importanti episodi degli ultimi anni di storia italiana (dal caso di Emanuela Orlandi, alla Banda della Magliana), unito alle sue doti narrative, hanno prodotto alcuni libri di gradevole lettura con una trama avvincente e ben strutturata. Pensavo che Gregori fosse soltanto un giallista, invece leggendo il suo ultimo lavoro, uscito per Historica edizioni, Quando il cielo era sempre più blu - Rino Gaetano raccontato da un amico, si comprende come la sua scrittura vada oltre le gabbie narrative imposte dalla narrativa di genere. Leggendo la biografia di Gregori, emerge la sua conoscenza della musica, avendo iniziato negli anni Settanta la sua carriera di giornalista come critico musicale per alcune riviste specializzate nel rock. Proprio grazie al suo lavoro di critico intreccia rapporti con Rino Gaetano con cui stringe una grande amicizia dettata dall’amore per la musica. Gregori conosce Rino Gaetano quando ancora deve raggiungere la notorietà e subito ne comprende la genialità, dalle prime canzoni fino al successo con il terzo posto al Festival di Sanremo e la consacrazione popolare. Il libro racconta un Rino Gaetano inedito, con episodi finora sconosciuti. Gregori tratteggia non solo il Rino Gaetano artista ma anche l’uomo con tutte le debolezze, le incertezze e la grande genuinità mantenuta anche dopo aver raggiunto il successo. Il tutto raccontato con uno stile di scrittura vicino al parlato, con dialoghi in romanesco resi nel migliore dei modi per avvicinare il lettore alla conoscenza di Rino Gaetano. La sensazione, una volta terminato il libro, è quella di essersi avvicinati alla quotidianità del cantautore calabrese e di aver conosciuto e apprezzato elementi del carattere che mettono in luce e aiutano a comprendere la sua produzione musicale. Un testo imprescindibile per tutti gli amanti di Rino Gaetano e una lettura consigliata per chi vuole cominciare a conoscerlo.

 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 28/10/2012 alle  19:55:01, nella sezione LIBRI,  1361 letture)

Giusi Contrafatto (nella foto la prima a sinistra durante la presentazione del libro “Passi”) è una imprenditrice siciliana che gestisce un'azienda di famiglia fondata dal nonno Giacomo nel 1930 a Caltagirone. Una donna forte e tenace che nasconde una sensibilità d'animo profonda, un patrimonio emozionale assai vasto che si trasforma in energia e creatività. Grande sognatrice, ama l'arte e la poesia come più alta espressione dei sentimenti e della natura che vivono in simbiosi. Segnata da esperienze molto profonde e significative, compone i suoi versi non perdendo mai di vista l'esempio più vero che attribuisce alla vita "perfetta e imperfetta" ma dotata di quell'armonia che ha sempre condotto "l'essere al vivere". La sua ultima fatica letteraria, la silloge di poesie “Passi”, è stata recentemente presentata in una serata alla Galleria Roma di Siracusa. In tanti hanno parlato dei suoi versi e della validità della sua esperienza poetica.

Così si esprime Giuseppe Messina: “La poesia di Giusi è pregna di credo, di rispettabile religiosità oltre ad essere tutta un cantico d’amore. È un continuo scrutarsi dentro, un perenne mettere a nudo la sua anima, mai celata dietro una qualsiasi maschera, ma esposta sempre, e soprattutto, alla sua stessa severa critica coscienza. È una sintesi di eternità cosciente ammonitrice di questo nostro difficile tempo che essa stessa sta attraversando. Giusi è quella che si ritrova nella poesia “La mia ombra”: “Conscia della mia ombra // volgerò il viso al sole // ologramma di me // che se pur il sole cade a terra// è la parte vera della mia essenza”. Eccola, illuminata e luminosa, cosciente che, quantunque ci si esponga alla luce, c’è sempre una parte di noi che rimane sconosciuta, ma spesso noi stessi sappiamo quale essa sia, perché questa è la parte più importante. E Gaetano Interlandi, da sensibile creativo e valido psichiatra, dice nella presentazione al libro: “La poetessa è alla ricerca del sacro sulla terra, l’amore è un demone che affonda le sue radici nelle profondità dell’animo umano, nell’inconscio, oscillante tra istintualità, sentimentalità e razionalità. Ricerca dell’infinito che è inconoscibile e tale rimane in fondo nonostante la ricerca di esplorazione, analisi e scoperta dei territori dell’amore. Del divino, dell’istinto, del non verbale non si ha mai l’ultima parola, le certezze si rivelano poi illusioni, il dato non è mai tratto, è un fluire indipendente da qualsiasi razionalità ma da una necessità teleologica interna e intrinseca alla materia di cui noi siamo inconsapevoli e involontarie espressioni continuamente alla ricerca di un senso che sfugge e ci costruiamo regole per opporci al caos che è dentro di noi, da cui proveniamo e verso cui andremo alla fine della nostra vita“.

E ancora Maria Luisa D’Agostino pronuncia parole ispirate: “Giusi Contrafatto è una poetessa siciliana e come tale annuncia già una specificità che è fortemente intrisa di questa terra,considerata dolente e incompiuta, nel sentire comune, per tutto ciò che l'abbondanza dei suoi beni sembra promettere e non mantenere. Ora, immergersi nel mare che l'isola richiama non è solo una sensazione che ci tenta e ci insegue,ma una metafora quasi irrinunciabile dell'oblio, dell'abbandono incosciente al quale ci spinge. E' quel “mare colore del vino”, di cui parla Sciascia, l'eterna tentazione dei siciliani di bere per dimenticare i mali antichi difficili da affrontare e ancor più da sconfiggere. Ma Giusi non è indulgente con sé stessa e nemmeno con l'umanità e, sotto l'urgenza di una passionalità connaturata trova l'antidoto a quel peccato originale che è l'immobilismo atavico e con la penna sembra tracciare un percorso che spiega e dispiega le ragioni della sofferenza e che spiega e dispiega le ragioni della sofferenza e che conduce verso la vita”.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

 1228 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (248)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (117)
CRONACA (733)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (353)
LIBRI (205)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


15/11/2019 @ 14:10:05
script eseguito in 255 ms