Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 09/10/2017 alle  07:53:25, nella sezione EVENTI,  499 letture)
Sabato 14 ottobre alle 18,00 altro appuntamento presso il Centro Studi Mediterranea Art Gallery di via Dione 21 in Ortigia, dove avrà luogo un "Incontro con L'Autore". Protagonista Antonio Sparatore che dialogherà con Raimondo Raimondi intorno alle sue numerose opere letterarie, mentre alcuni brani verranno letti da Rosetta Barcio. Sparatore di mestiere è ingegnere, in pensione da alcuni anni e con un pò più di tempo a disposizione, per cui ha iniziato a scrivere libri, tutti pubblicati in self-publishing sul sito della Feltrinelli ilmiolibro.it e reperibili su Amazon. Sono lavori di diverso genere. Quattro di essi, ad esempio, sono gialli con protagonista un ingegnere chitarrista di nome Lo Re (Libro zero, Eris, LoReTrè, Il sogno del sindaco). "Una sera con la musica" è un libretto dedicato a una generazione fortunata: i ragazzi del ‘50. Poi c'è “Matilde”, che verrà presentata sabato in versione illustrata quale ultima sua fatica, una favola già pubblicata senza illustrazioni alcuni anni fa e che oggi è anche in versione illustrata con i disegni di Cristina Rotoloni e in tale nuova veste viene presentata al pubblico per la prima volta. Sparatore è anche un musicista. Suona la chitarra e con i suoi testi fa spettacoli di reading e musica. Se volete saperne di più andate su Google e su Youtube. Cercate Antonio Sparatore. Vi si apriranno parecchie pagine.
 
di Redazione (pubblicato il 08/10/2017 alle  20:05:48, nella sezione EVENTI,  444 letture)
Sabato 7 ottobre la Mediterranea Art Gallery di via Dione 21 a Siracusa ha ospitato la presentazione del libro di poesie di Raimondo Raimondi dal titolo "Tempo di Fughe", edito da A&A edizioni di Luigi Augelli. E' l'ultima fatica letteraria di questo autore siracusano che segue di stretta misura il romanzo "La cattiveria del silenzio" pubblicato pochi mesi fa per le edizioni Il foglio di Gordiano Lupi, casa editrice toscana. I tanti estimatori dello scrittore Raimondo Raimondi attendevano da tempo una sua nuova silloge poetica. La voce di questo autore (scrittore, giornalista e critico d'arte) si alza dolente e tomentata per raccontare le proprie emozioni ed esperienze di vita, ma anche il sentimento del tempo, il dramma della contemporaneità, il tema delicatissimo e attuale dei migranti, espresso con lirica compartecipazione, il tema del femminicidio, quello poderoso dell'inquinamento dell'ambiente e delle coscienze. "Tempo di fughe" si nutre anche della nostalgia di un tempo passato, il tempo della memoria, della giovinezza trascorsa, irrecuperabile ma vissuta appieno, senza rimpianti né ripensamenti. Una silloge di 64 poesie tutte da godere nel silenzio di una buona lettura che appaga l'anima e fa riflettere. Raimondo Raimondi vive a Siracusa. Giornalista pubblicista, si occupa di letteratura e di critica d'arte. Ha pubblicato numerosi libri di poesia, narrativa e saggistica ed ha, inoltre, curato l'edizione di vari cataloghi d'arte. Ha ricevuto recentemente il prestigioso Premio alla Sicilianità per la poesia Cav. Pippo Bertoni. Durante la serata di presentazione ha relazionato il semiologo prof. Salvo Sequenzia, autore anche della prefazione del libro, ha letto alcune liriche la brava Rosetta Barcio e i numerosi presenti hanno potuto apprezzare interventi musicali live del noto percussionista e musicoterapeuta Paolo Greco. Un ricco cocktail e la tradizionale dedica e firma dell'autore sui libri venduti hanno concluso la serata, in un'atmosfera di arte, cultura e socialità.
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 05/10/2017 alle  20:18:10, nella sezione EVENTI,  479 letture)
Un successone di pubblico e di vendite il debutto nella narrativa di Alessandro Marinaro, autore del libro "Storie di presunti imbecilli", con piena soddisfazione anche del suo editore Luigi Augelli, patron delle A&A Edizioni. Mercoledì 4 ottobre, infatti, è stato presentato presso la Libreria Feltrinelli di Catania, in via Etnea, il libro del regista e sceneggiatore catanese davanti a un foltissimo pubblico che, malgrado la pioggia, ha voluto raggiungere la libreria per godersi la serata che ha registrato l'intervento delll’attrice teatrale e cinematografica Evelyn Famà e del giornalista Orazio Vecchio. "Storie di presunti imbecilli" è una raccolta di racconti surreali e grotteschi in cui l’autore, giocando con stilemi desunti da Verga a Pirandello, da Maupassant a Cechov, passando per Gogol, Mann, Buzzati, racconta la Sicilia e i suoi “invisibili”, gente che magari non voleva essere raccontata, ma che sicuramente sarebbe fiera di aver attratto lo sguardo di Marinaro. Personaggi bizzarri e densi di umanità, di cui ridiamo e che compatiamo ma che hanno sempre qualcosa di eroico nel loro “volerci essere” a tutti i costi. Un’insopprimibile volontà di vita che rivendica il diritto di essere imbecilli, a volte costretti dalla vita e dalle circostanze ad apparire tali. Qualcuno lo fa con assoluta innocenza, qualcun altro con una certa baldanza: diversi modi di essere imbecilli che restituiscono l’ampia gamma della fragilità umana.
 
di Redazione (pubblicato il 25/09/2017 alle  21:23:29, nella sezione EVENTI,  465 letture)
A un anno di distanza dal primo grande Dialogo in Sicilia sul futuro dell'Europa e sui temi della crisi migratoria, il 13 ottobre il Primo Vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans sarà di nuovo a Siracusa per un confronto aperto con i cittadini e le diverse componenti della la società civile. Come sta l'Europa? Quali nuove sfide dobbiamo affrontare? Come è evoluta la crisi migratoria? C'è più o meno fiducia rispetto ad un anno fa? Le sfide restano complesse, le risposte difficili. Un anno dopo il primo Dialogo, i cittadini potranno confrontarsi direttamente con il Primo Vicepresidente della Commissione europea sui progressi registrati, i problemi irrisolti, gli sviluppi positivi e le nuove sfide per l'Europa. L'incontro si terrà alle ore 17.00 in piazza Duomo. L'evento potrà essere seguito in diretta in webstreaming collegandosi al sito http://ec.europa.eu/italy/index_it.htm o sull'account twitter della Commissione europea, @europainitalia, #EUdialogues.
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 25/09/2017 alle  09:27:15, nella sezione EVENTI,  643 letture)
Grande successo di pubblico per la piece teatrale scritta da Luciano Modica dal titolo "#Toomuchmoney" messo in scena domenica 24 settembre dalla regista Erika Barresi nel Chiostro dell'Ex Convento San Francesco d'Assisi in via Gargallo a Siracusa, con i bravissimi attori Giancarlo Latina e Giorgia D'Acquisto. Il lavoro teatrale prende spunto da un tema attualissimo: l’uso irresponsabile del denaro, la tendenza al sovrindebitamento, motivato da un’attitudine alle spese compulsive, supportato da pubblicità e media martellanti e spesso causato anche da patologie legate al gioco d’azzardo nelle sue svariate possibilità di espletamento oramai alla portata di tutti, anche della casalinga che si trova sotto casa agenzie di scommesse, sale Bingo, slot machine posizionate nei bar e nelle ricevitorie traboccanti di biglietti per il gratta e vinci. In un’economia che fonda le sue basi nel consumo e nella circolazione vorticosa del denaro il cittadino viene contagiato da una malattia dilagante: l'esigenza febbrile di poter disporre di quanto più denaro possibile, e su questo agiscono le tante finanziarie che con offerte subdole e allettanti fanno indebitare il malcapitato per un'intera vita a "piccole rate mensili". La pièce è strutturata in quattro scene distinte interpretate magnificamente dagli attori Giancarlo Latina, brilante e pieno di energia, e Giorgia D’Acquisto, deliziosa e autoironica, una vera scoperta in grado di affrontare la scena e tenere avvinto il pubblico con la sua briosa personalità e avvalendosi di una padronanza del corpo fuori dal comune. Interpretazione sopra le righe, il tutto affidato alla sapiente regia di Erika Barresi. che ha perfettamente orchestrato tempi, ritmi, musiche e registri narrarivi. Le luci erano affidate alla professionalità di Paolo Greco. Situazioni comiche e paradossali senza nemmeno un attimo di cedimento o di retorica, il che dimostra la bravura della regista e dei suoi attori, professionalmente al top. Il progetto teatrale è stato realizzato con la sponsorizzazione di Banca Etica, Istituto di Credito che fonda la sua mission proprio sull’uso etico e responsabile del denaro.
 
di Redazione (pubblicato il 23/09/2017 alle  08:36:03, nella sezione EVENTI,  528 letture)
La sede estiva del Circolo Unione di Siracusa ospiterà domenica 1 ottobre la V edizione del Premio “L’Arte incontra l’Arte” organizzato come ogni anno dall'Artistica Fondazione di cui è Presidente il noto musicista Paolo Greco, che ha voluto essere ancora una volta promotore di un premio che intende mettere in evidenza l’impegno di quei professionisti e di quegli artisti che si sono contraddistinti nei vari settori di appartenenza, premiando il percorso di ricerca, di studio e di attività attraverso cui costoro riescono a suscitare emozioni e a trasmetterle. Il Premio, arrivato alla sua V edizione, negli anni passati si era spostato in varie località, realizzando anche delle installazioni artistiche che hanno attirato la curiosità del pubblico per l’originalità progettuale, e quest’anno, anche grazie alla collaborazione e alla sensibilità della professoressa Francesca Aliffi, sarà ospitato nella sede estiva del “Circolo Unione” di Siracusa. Il presidente Paolo Greco e la professoressa Aliffi consegneranno le targhe personalizzate ai vari premiati. Tante le categorie, rappresentate da nomi importanti della cinematografia, dell'imprenditoria multimediale e musicale, dell'impegno ecologista, della letteratura, dell'enogastronomia, della fotografia, della musica pop, dell pittura, del teatro, della musica folk, della disciplina Yoga e del volontariato. Una serata esclusiva da non perdere.
 
di Redazione (pubblicato il 21/09/2017 alle  09:19:24, nella sezione EVENTI,  469 letture)
Sabato 7 ottobre la Mediterranea Art Gallery di via Dione 21 a Siracusa ospiterà la presentazione del libro di poesie di Raimondo Raimondi dal titolo "Tempo di Fughe", edito da A&A edizioni di Luigi Augelli. E' l'ultima fatica letteraria di questo autore siracusano che segue di stretta misura il romanzo "La cattiveria del silenzio" pubblicato pochi mesi fa per le edizioni Il foglio di Gordiano Lupi, casa editrice toscana. I tanti estimatori dello scrittore Raimondo Raimondi attendevano da tempo una sua nuova silloge poetica. La voce di questo autore (scrittore, giornalista e critico d'arte) si alza dolente e tomentata per raccontare le proprie emozioni ed esperienze di vita, ma anche il sentimento del tempo, il dramma della contemporaneità, il tema delicatissimo e attuale dei migranti, espresso con lirica compartecipazione, il tema del femminicidio, quello poderoso dell'inquinamento dell'ambiente e delle coscienze. "Tempo di fughe" si nutre anche della nostalgia di un tempo passato, il tempo della memoria, della giovinezza trascorsa, irrecuperabile ma vissuta appieno, senza rimpianti né ripensamenti. Una silloge di 64 poesie tutte da godere nel silenzio di una buona lettura che appaga l'anima e fa riflettere. Raimondo Raimondi vive a Siracusa. Giornalista pubblicista, si occupa di letteratura e di critica d'arte. Ha pubblicato numerosi libri di poesia, narrativa e saggistica ed ha, inoltre, curato l'edizione di vari cataloghi d'arte. Durante la serata di presentazione interverrà a relazionare il semiologo prof. Salvo Sequenzia, autore anche della prefazione del libro, leggerà alcune liriche la brava Rosetta Barcio e ci sarà spazio per un intervento musicale del noto percussionista e musicoterapeuta Paolo Greco.
 
di Redazione (pubblicato il 15/09/2017 alle  10:13:53, nella sezione EVENTI,  505 letture)
Una serata dedicata alla poesia dialettale siciliana per rendere omaggio al poeta floridiano Agostino Iaci, al quale l’amministrazione comunale di Solarino ha voluto tributare un premio per la sua attività poetica e di studioso di etno-antropologia e di lingua siciliana. L’evento, che ha richiamato un numeroso pubblico proveniente da tutta la provincia, si è svolto Giovedì 14 settembre nella cornice dell’anfiteatro Rosa Balistreri di Solarino. Le voci recitanti di Maria Aparo, Maria Burgio, Francesco Catinella, Filippo Puglisi, Giusy Sorrenti e Salvo Sequenzia hanno dato vita ai versi di Agostino Iaci, accompagnati alla chitarra dal maestro Fabio Barbagallo, mentre le coreografie di Natascia Sipala hanno ricreato atmosfere di intensa suggestione ispirate al repertorio musicale. La regia dell’evento è stata affidata ad Armando Liistro. Agostino Iaci è una figura di poeta e studioso tra le più importanti e significative delpanorama letterario siciliano contemporaneo. La sua produzione poetica si colloca su uno spartiacque tra tradizione e nuova poesia dialettale siciliana, caratteristica che conferisce a tale produzione un carattere “ibrido”, percorso da una continua sotterranea tensione fra omaggio ai referenti illustri -Martoglio, Meli, Tempio, Buttitta, Vann’Anto’ - e una sperimentazione linguistico-espressiva che lo avvicina alla nuova generazione di poeti dialettali siciliani come Salvo Basso, Massimiliano Magnano, Sebastiano Aglieco e Sebastiano Burgaretta. Il semiologo Salvo Sequenzia, nel suo intervento, si è così espresso nei confronti di Iaci: « Iaci appartiene ad una stagione della cultura letteraria siciliana che eredita gli esiti del “Rinnovamento della poesia dialettale siciliana”, movimento tra i più importanti del nostro Novecento letterario fondato dal poeta Alessio Di Giovanni, che, grosso modo tra il 1945 e il 1958, coinvolse talune aree della poesia dialettale siciliana sul terreno della ricerca e della sperimentazione di nuove vie».
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 06/09/2017 alle  17:08:16, nella sezione EVENTI,  430 letture)
Domenica 10 settembre ricorre la Giornata Europea della Cultura Ebraica, durante la quale sarà possibile effettuare visite guidate nell'antico bagno rituale ebraico (Mikvé), dalle 9.30 alle 16.30 in via Alagona 52 alla Giudecca. La manifestazione nazionale ha lo scopo di rivisitare storia, luoghi e tradizioni degli ebrei mediante visite guidate a sinagoghe, musei e quartieri ebraici, con spettacoli, mostre, concerti e altri appuntamenti culturali. La Giornata Europea della Cultura Ebraica è giunta quest'anno alla diciottesima edizione, ed è promossa dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, che fa parte di un network internazionale al quale aderiscono trentacinque Paesi europei. Il tema prescelto è “La Diaspora. Identità e dialogo”, che unisce idealmente tutti gli eventi, con iniziative aperte e gratuite per la cittadinanza in ottantuno località, diffuse da nord a sud in quattordici regioni italiane. La Sicilia è stata quest’anno prescelta quale centro delle iniziative che si svolgeranno in sei diverse località siciliane: Palermo, Catania, Agira (Enna), Camarina (Ragusa), Siracusa e Troina (Enna). L'esistenza in Ortigia di un Mikvé la rende un luogo privilegiato di interesse e di visitazione da parte di chi, per appartenenza religiosa o per ricerca culturale, è affascinato dall'ebraismo.
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 25/08/2017 alle  15:35:07, nella sezione eventi,  550 letture)
La sera del 21 agosto, nella capiente location del Teatro "Città della notte", con la direzione artistica di Marco Bertoni e la regia televisiva di Luigi Augelli si è svolto in pompa magna il XXIII° PREMIO ALLA SICILIANITA' intitolato all'indimenticato artista PIPPO BERTONI. Ruggero Sardo ha presentato la nutrita rosa dei premiati e i tantissimi ospiti illustri del panorama artistico nazionale ed internazionale. Il tema di quest anno è stato "L'IMMIGRAZIONE... E DOVE I POPOLI SI UNISCONO" significando che da questa unione possono nascere l'arte, la musica, le tradizioni, il tutto condensato in oltre due ore di spettacolo di danza, musica e cabaret, aperto da una performance di danza sul tema dell'immigrazione curata dalla maestra Danila Patania. Sono state premiate quelle eccellenze siciliane che si sono distinte nei vari campi del sociale, dell'imprenditoria e della cultura, insomma i siciliani di Sicilia, assieme ai siciliani della Diaspora, quei siciliani cioè che hanno potuto emigrare per portare in giro per il mondo il nome della SICILIA. L'elenco dei premiati è lungo e consistente: il ballerino Gabriele Baio per la danza, il giornalista RAI Pino Finocchiaro per il giornalismo televisivo, il funzionario della Prefettura Cetty Pappalardo per il sociale, il funzionario di P.S. Paolo Montoneri per l'immigrazione, Carlo Parrini della Procura della Repubblica per la solidarietà, il presidente FIGC Jose Sorbello sez. Catania per lo sport, il sindaco di Priolo Antonello Rizza per l'impegno civile, lo spassoso cabarettista Sebastiano Picone per lo spettacolo, il dottor Francesco Bucca per la medicina, il Duo di Coppe per il cabaret, l'emittente WLTV e Globus Television nella persona del suo patron Enzo Stroscio per la televisione, Natale Zennaro di Antenna Sicilia, regista della trasmissione Insieme, per la carriera televisiva, gli scrittori Raimondo Raimondi e Giampiero Bernardini per la letteratura, Alfredo Lo Faro per la musica, l'attrice Mara Di Maura per il teatro, il famoso chitarrista di fama internazionale Francesco Buzzurro, che a sorpresa ha offerto al pubblico una grande perfomance con la sua chitarra magica. premi speciali a Enzo Incontro, al maestro Antonello Tonna per la carriera musicale e ad Alessandra Ambra per l'imprenditoria. Ospiti che si sono esibiti durante la serata la bravissima cantante Leandra Prato con Cocciu d'amuri e Mimmo Bertoni con Mi votu e mi rivotu, presente assieme ai suoi fratelli nel ricordo struggente del padre, che ha anche eseguito una cover di My Way accompagnato dal giovane e virtuoso violinista Giovanni Di Mauro e da Peppe Cannarella. Un premio anche per Tanya Fiandaca, stilista di borse, per Annamaria Spina e un premio alla memoria del compianto Rino Lazzari, prematuramente scomparso, consegnato al figlio Luigi. La sala era piena e lo spettacolo entusiasmante. Appuntamento all'anno prossimo per la XXIV edizione.
 
di Redazione (pubblicato il 03/08/2017 alle  16:23:00, nella sezione EVENTI,  493 letture)

tabitaAnche quest'anno Noto ospita, sabato 6 e domenica 7 agosto, la seconda edizione del Giacinto–Nature LGTB, un festival dedicato alla cultura omosessuale, la cui direzione artistica è affidata all’attore Luigi Tabita (nella foto col direttore di Diorama). Tra i protagonisti la madrina dell’evento Eva Robin’s, Andrea Pinna e i giocatori della prima squadra di rugby gay inclusiva. Il festival ideato e diretto dall’attore e operatore culturale Luigi Tabita, da sempre in prima linea per le lotte su diritti civili e pari opportunità, prevede due giorni di manifestazioni che con linguaggi differenti racconteranno la realtà omosessuale. La prima edizione del festival – ha detto il direttore artistico Tabita - ha riscosso un grande interesse da parte della stampa nazionale ma soprattutto vi è stata una grande partecipazione di pubblico, quasi 5 mila persone in due giorni“. Il festival quest’anno ha ricevuto per l’apertura il patrocinio della Camera dei Deputati ed è stato riconosciuto “come evento culturale volto a valorizzare il rispetto delle differenze e a contrastare le discriminazi” dall’ UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazione della Presidenza del Consiglio). Inoltre vedrà pure la partecipazione di Amnesty International, circoscrizione Sicilia. Si affronterà il tema tanto poco discusso della transessualità. Ancora oggi, infatti, "la comunità transessuale e transgender, è purtroppo lontana dal raggiungimento di un autentico riconoscimento sociale e culturale ed è vittima di leggende nere e discriminazioni, che la confinano in un mondo parallelo e, per lo più, notturno”. Centro nevralgico del festival sarà il cortile dell’ex Convitto Ragusa, palazzo storico nel cuore della città barocca, ma la manifestazione si estenderà a tutto il centro di Noto con varie iniziative. La seconda edizione prevede un programma ricco di mostre, documentari, spettacoli e incontri con ospiti di eccezione del mondo della cultura, della politica e dello spettacolo.

 
di Redazione (pubblicato il 26/07/2017 alle  09:50:34, nella sezione EVENTI,  521 letture)

plemmirioL'associazione Plemmirio Blu ha voluto dare, quest'anno, il proprio contributo per intrattenere i residenti ed i turisti che in questo periodo utilizzano il nostro territorio. Sono state programmate due serate, sabato 29 luglio e 5 agosto, dove verranno rappresentate due commedie in lingua siciliana dalla Compagnia teatrale Arte-Fatti di Palazzolo Acreide con inizio alle ore 20.30 e con ingresso libero.
L'attività culturale dell'Associazione Plemmirio Blu si affianca a quella sociale per la difesa dell'ambiente e della vivibilità del Territorio oggi messa in pericolo dalla presenza di discariche abusive, spazzatura ed amianto abbandonato. Quest'opera di denuncia e di sensibilizzazione dei soggetti interessati sarà lunga e laboriosa ma Plemmirio Blu ha fiducia che si possa e si debba concludere con la vittoria della Bellezza e della Cultura sull'Incuria e sull'Inciviltà e le rappresentazioni teatrali programmate vanno in questa direzione. L'associazione ringrazia tutti coloro che hanno dato una mano: il Consiglio di quartiere Neapolis, la Chiesa Madonna della Roccia che ospita l'evento, gli esercizi commerciali e turistici,i tecnici ed i Soci e le persone che interverranno.

 
di Redazione (pubblicato il 18/07/2017 alle  15:11:25, nella sezione EVENTI,  496 letture)

fotoEntra nel vivo Ortigia Film Festival con la premiazione di Isabella Ragonese (nella foto) protagonista del film proiettato in via Minerva “Il padre d’Italia” del regista Fabio Mollo. L’attrice, che ha lavorato con registi come Paolo Virzì, Daniele Luchetti, Daniele Vicari, Mario Martone riceverà il premio ‘Attrice dell’anno – Veramente Indipendente’ messo in palio dal portale cinemaitaliano.info. Segue per la vetrina dei documentari “I am not your Negro”, il documentario di Raoul Peck che affronta le questioni spinose e attualissime dell’identità nera e del razzismo negli Stati Uniti sulla base di un progetto incompiuto di James Baldwin "Remember This House", il libro che voleva trattare quei temi a partire dalle vite e dalle morti violente di Malcom x, Martin Luther King jr. e Medgar Evers. Confrontando le vite e le morti di questi tre leader, Baldwin e Peck mettono in pellicola una sfida a ciò che l’America rappresenta. Nel cast Samuel L. Jackson, James Baldwin e Harry Belafonte. Nell'Arena Logoteta prosegue il concorso internazionale dei cortometraggi con "Adele" di Giuseppe F. Maione (alle 22) e "Nights of Contrition" di Robert Misovic (22,20); in anteprima nazionale, "Identity" di Juan Carlevaris (21,40) e, in anteprima per la Sicilia, "Whoever Was Using This Bed" di Andrew Kotatko (21) e "The Cavity" di Zahra Torkamanlou (21,20).

 
di Redazione (pubblicato il 15/07/2017 alle  17:15:55, nella sezione EVENTI,  544 letture)

logo isiscInizierà ufficialmente Lunedì 17 Luglio presso la sede del Siracusa International Institute for Criminal Justice and Human Rights, il corso di formazione specialistica per avvocati intitolato “Casi relativi ai crimini internazionali concernenti riciclaggio di denaro, finanziamento alle organizzazioni terroristiche e reati ecologici”.
Il corso fa parte dell’International Defence Counsel Training Programme, il primo programma di formazione specialistica pluriennale rivolto specificatamente ad avvocati internazionalisti che si occupano di casi relativi a crimini internazionali innanzi alle giurisdizioni nazionali e internazionali.
Negli ultimi decenni il fenomeno della globalizzazione ha cambiato radicalmente il modo in cui gli individui interagiscono e comunicano con il resto del mondo. Le nuove tecnologie di comunicazione globale, se da un lato hanno portato tutta una serie di benefici, dall’altro hanno fornito nuovi strumenti per la globalizzazione del crimine organizzato e delle organizzazioni terroristiche. Il traffico di esseri umani e degli stupefacenti, il riciclaggio di denaro e spesso il finanziamento del terrorismo avviene difatti su scala globale. Per contrastare questi fenomeni, la comunità internazionale ha adottato una vasta gamma di convenzioni internazionali, fra cui la Convenzione delle Nazioni Unite contro la criminalità organizzata transnazionale.
Il corso di Specializzazione, partendo proprio da questo scenario, vedrà la partecipazione di numerosi avvocati, consulenti e giuristi provenienti da tutto il mondo e si focalizzerà sull’analisi delle nuove strategie per contrastare questi fenomeni, attraverso lo studio delle attuali normative nazionali e internazionali in materia e del ruolo dei diversi organi di vigilanza, come il Fondo Monetario Internazionale (FMI), l’Unità di Cooperazione Giudiziaria dell’Unione Europea (EUROJUST), L’Ufficio Europeo di Polizia (EUROPOL) e l’Organizzazione Internazionale della Polizia Crminale. (INTERPOL). Particolare attenzione sarà dunque dedicata agli aspetti procedurali della cooperazione giuridica internazionale in materia penale, attività che oggi risulta essere decisiva per combattere le organizzazioni criminali transnazionali.
Ad aprire i lavori del corso, lunedì 17 Luglio alle ore 9:00, vi saranno il Presidente del Siracusa International Institute, il Procuratore Generale Jean-François Thony, il Direttore del Programma di formazione, Dott. Andrea Chmielinski Bigazzi e il Direttore Legale del Fondo Monetario Internazionale, Dott. Sean Hagan. L’intero programma ha ricevuto il sostegno di prestigiose organizzazioni internazionali, fra cui l’Unione Internazionale degli Avvocati, la Scuola Superiore dell’Avvocatura Italiana, l’Associazione Internazionale di Diritto Penale, il Consiglio Nazionale degli Avvocati Francesi, l’Associazione degli Avvocati presso la Corte Penale Internazionale, il Consorzio Internazionale di Giustizia Penale e il Centro Studi sulla Sicurezza Internazionale e la Cooperazione Europea e vanta inoltre il patronato di un’accademia di giuristi ed esperti di fama mondiale che svolgono la funzione di docenti nei vari corsi.

 
di Redazione (pubblicato il 04/07/2017 alle  13:33:40, nella sezione EVENTI,  566 letture)
foto luxuriaInizia il countdown, per il tanto atteso Siracusa Pride 2017 che partirà tra 10 giorni esatti. Ad invitare a partecipare alla manifestazione, nei giorni 13-14-15 luglio, la madrina d’eccezione: la conduttrice televisiva, ex deputata della XV legislatura e attivista Vladimir Luxuria. Il documento politico del Siracusa Pride 2017 avrà come titolo “Dalla cultura al corpo: la Trans-Formazione”, cultura come storia e conoscenza di sé, identità e rivendicazione, libertà di essere e affermarsi. Quest’anno il pride vuole incentrarsi sulla conoscenza-autocoscienza della comunità LGBT, della sua storia, del suo agire e del suo linguaggio. Vladimir Luxuria, nel suo video clip, invita a partecipare alla manifestazione evidenziando che non sarà una manifestazione solo rivolta per la comunità LGBT ma sarà per tutti gli amici etero, colleghi, familiari, per tutti coloro i quali credono nell’uguaglianza. Inoltre nel messaggio invita mediante conferenze stampa a pubblicizzare l’evento attraverso interviste, attraverso la sua presenza, anche attraverso i social e simpaticamente esorta ad invitare anche attraverso il citofono. Vladimir Luxuria conclude il video clip elogiando Siracusa, terra di cultura, terra di buon vivere, terra di accoglienza e di rispetto.
 
di Redazione (pubblicato il 11/06/2017 alle  20:01:35, nella sezione EVENTI,  664 letture)

fotoDal 29 giugno cominceranno al Teatro greco di Siracusa gli spettacoli de "Le rane" di Aristofane per la regia di Giorgio Barberio Corsetti con Ficarra e Picone, i due comici siciliani che interpreteranno questa commedia, innescando quei “meccanismi” della risata, che sono loro particolarmente congeniali, con cui si riescono ad affrontare con leggerezza temi scottanti e "politici". La comicità serviva, allora come ora, a “risvegliare” la coscienza di popoli stanchi, affamati, spenti. Salvo Ficarra e Valentino Picone si caleranno quindi nei panni di Dioniso e Xantia sotto la guida esperta del regista, che ha effettuato uno studio attento dell’opera, con una chiave interpretativa. rispettosa ma originale, utilizzando alcuni espedienti come le grandi marionette ispirate alle sculture di Gianni Dessì. Corsetti è giudicato dai suoi collaboratori un “simpatico stacanovista”, uno che ha coinvolto gli allievi dell’Accademia e che ha pure ad alcuni di loro offerto la possibilità di acquisire nuove competenze, come quelle relative alla conduzione delle marionette, personaggi questi ultimi, senza anima, che però sono in grado di raccontare, anche solo con la loro imponente presenza scenica.
La trama è nota: Dioniso, dio del teatro, decide di raggiungere l'Ade per riportare in vita Euripide. Riportare Euripide in vita è l'unico modo per salvare la tragedia dal declino. Dioniso e il suo servo Xantia chiedono ad Eracle quale sia la strada più rapida per giungere all'Ade; quest'ultimo, dopo qualche presa in giro, risponde che è necessario attraversare una palude, l'Acheronte. Il traghettatore Caronte fa salire Dioniso sulla sua barca per portarlo sull'altra riva, mentre Xantia è costretto a girare intorno alla palude a piedi. Durante la traversata, Dioniso e Caronte incontrano le rane che col loro gracidare intonano un canto in onore di Dioniso, ma senza accorgersi che il dio è proprio là con loro. Dioniso è presto infastidito dal loro canto e protesta, ma le rane continuano, non riconoscendolo nemmeno. Alla fine il dio imita il loro verso e questo le zittisce. Alla fine Dioniso e Xantia si rivedono alle soglie dell'Ade, dove incontrano un gruppo di anime e poi Eaco, che scambia Dioniso per Eracle (il primo infatti si era vestito a imitazione del secondo) e comincia a insultarlo e minacciarlo. Eaco era infatti furioso nei confronti di Eracle, che aveva rubato il suo cane Cerbero. Spaventato, il dio scambia i suoi abiti con Xantia, che è meno impaurito del suo padrone. I due vengono entrambi frustati, ma alla fine l'equivoco è chiarito. Euripide viene finalmente trovato, mentre è nel mezzo di un litigio con Eschilo a proposito di chi meriti di sedere sul trono di miglior tragediografo di tutti i tempi: ognuno dei due si ritiene il migliore. Comincia allora una gara, con Dioniso come giudice: i due autori citano a turno versi delle loro tragedie, e tentano di sminuire quelli del contendente. Alla fine viene portata in scena una bilancia e ognuno dei due autori viene invitato a recitare alcuni suoi versi; la citazione che "pesa" di più farà pendere la bilancia in favore del proprio autore. Eschilo esce vincitore da questa gara, ma a quel punto Dioniso, che inizialmente intendeva riportare in vita Euripide, non sa più a chi sia meglio concedere questo onore. Decide che sceglierà l'autore che darà il miglior consiglio su come salvare Atene dal declino. Euripide dà una risposta generica e poco comprensibile mentre Eschilo dà un consiglio più pratico. Infine Dioniso decide di riportare in vita Eschilo, che, prima di andare, affida a Plutone il compito di riservare il trono di miglior tragediografo a Sofocle, raccomandandogli di non lasciarlo mai ad Euripide.

 
di Redazione (pubblicato il 10/06/2017 alle  09:33:05, nella sezione EVENTI,  585 letture)

fotoIn corso di svolgimento il "Festival d'Estate" sul delicato e affascinante tema de "Le Logiche dell'Inconscio in Arte, Cultura, Bellezza". Iniziato l'8 giugno e ospitato nel salone al primo piano dell'ex Convento del Ritiro, in via Mirabella 31 a Siracusa, sarà aperto ai vari eventi e reistrerà numerosi interventi di qualificati relatori fino all'11 giugno. Anima dell'iniziativa Letizia Lampo, psicologa e pedagogista clinico, nonché presidente del Centro Studi ExDucere.

"Credo che ispirarsi a qualcosa che ci rappresenti anche pallidamente e che viva al nostro interno - sottolinea Letizia Lampo - sia il primo step di un desiderio soggettivo volto al conoscersi e al sapere di sé. Dentro, nei propri costrutti interiori, nel proprio linguaggio più intimo, nelle immagini che ci hanno cullato sin da bambini sarà probabilmente possibile ritrovare vere e proprie fonti di ispirazioni che motivano le risposte alle domande più importanti della nostra esistenza. Forse non risponderanno mai compiutamente, ma il condursi in tale direzione motiva il secondo step che mi piace chiamare costruzione. Come un artista che costruisce un'opera che parla di sé, così chi ha deciso di far della propria vita un'opera d'arte ha da impegnarsi a realizzare un'opera prima, originale, autentica, ispirata dal proprio moore interiore... e ci sarà da scavare, solcare, tracciare, sottrarre materiale, aggiungerne pezzi. Ci sarà da faticare, da insistere, da non dormire e non mangiare... ma è il lavoro per eccellenza, quello che limita i confini con la semplice curiosità su se stessi. Il terzo step, forse il più coraggioso, parla di esposizione... perché quale potrebbe mai essere il fine stesso di un'opera se non quello di lasciarsi ammaliare dallo sguardo dell'altro nel suo essere presente, nel suo esibirsi per quel che si è senza vergogna, paura o disagio? O forse anche con tutto ciò, ma senza abbandonare il gesto coraggioso di esserci, per sé e per gli altri... chissà, magari per divenire, ancora, ispirazione per altre opere prime, altre opere maestre, in cui ci si possa trovare soggettivamente".

 
di Redazione (pubblicato il 02/06/2017 alle  15:55:23, nella sezione EVENTI,  660 letture)

locandinaIl 9 giugno presso l’Auditorium Vittorini di via Brenta si terrà il convegno conclusivo sulle 12 tappe del “Viaggio nei quartieri” promosso dall’Associazione "Dueppiù per la città che vorrei", presieduta da Sergio Pillitteri.
Tale iniziativa nasce dalla volontà di conoscere i cittadini e le problematiche dei quartieri ovvero dare voce alla gente, ai residenti, a chi vive la città non solo per segnalare eventuali disagi o disservizi, ma anche per illustrare proposte migliorative o suggerimenti utili a garantire una città più vivibile. Grazie all’approccio partecipativo, gli abitanti del quartiere hanno avuto la possibilità di esprimere i propri desideri e le proprie richieste in merito ad una riqualificazione urbana, ambientale, turistica e culturale. In tale contesto, gli studenti della Scuola Media Statale “Paolo Orsi”, coadiuvati dai loro insegnanti, hanno contribuito ad elaborare attraverso attività laboratoriale due cartelloni sul tema: “Per la città che vorremmo” e “Per la città che non vorremmo”. Gli studenti dell’Istituto Tecnico Professionale “F. Insolera” hanno, invece, partecipato esprimendo le loro idee su un argomento di grande importanza ed interesse per la nostra città ossia: “Lo sviluppo turistico del territorio di Siracusa e la valorizzazione dei quartieri storici della città” compiendo un vero e proprio percorso culturale con riferimento al centro storico di S.Lucia (borgata).
Il convegno proposto vuole essere un’occasione di confronto e di approfondimento in cui verrà, inoltre, tracciata un’analisi dettagliata delle diverse tappe attraverso alcune rappresentazioni grafiche che rileveranno i diversi ambiti di intervento utili per il miglioramento della qualità della vita dei cittadini di Siracusa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/05/2017 alle  14:04:52, nella sezione EVENTI,  543 letture)

isiscLunedì 29 Maggio alle ore 11,00 presso la sede del The Siracusa International Institute for Criminal Justice and Human Rights, in Via Giuseppe Logoteta 27 a Siracusa ha avuto luogo una conferenza stampa durante la quale è stato presentato il documento che vara la campagna per il riconoscimento in seno alle Nazioni Unite del diritto alla conoscenza come diritto umano universale. Sono intervenuti il Prof. M. Cherif Bassiouni, Presidente Onorario del The Siracusa International Institute for Criminal Justice and Human Rights, l'Avv. Ezechia Paolo Reale, Segretario Generale dell'Istituto, la Dott.ssa Laura Harth Rappresentante all'Onu del Partito Radicale e coordinatrice del Comitato Scientifico e il Dott. Matteo Angioli, membro della Presidenza del Partito Radicale e Segretario del Comitato Mondiale per lo Stato di Diritto.
isiscNei vari interventi si è messo in evidenza come si stia assistendo alla erosione dello stato di diritto e come il futuro della democrazia sia quanto mai nebuloso. La ragion di stato infatti può non coincidere con lo stato di diritto e solo i cittadini possono costituire quel baluardo necessario a frenare lo strapotere delle multinazionali, che spesso incidono in maniera decisiva sulle scelte politiche delle singole nazioni essendo esse formidabili potenze economiche sovranazionali che hanno a cuore soltanto i propri interessi senza nessun freno etico. Fondamentale quindi diventa il Diritto alla Conoscenza inteso come diritto umano universale dei cittadini unitamente alla libertà di stampa e alla libera espressione delle opinioni. La lotta al terrorismo potrebbe indurre a sacrificare i diritti in nome della "sicurezza", il tutto reso più facile da attuare perchè i parlamenti sono spesso ridotti a "votifici".
Su queste basi è stato redatto un documento esplicativo e concettuale per il Diritto alla Conoscenza, cioè il diritto umano e civile di conoscere la verità senza mistificazioni e infingimenti. È possibile firmare tale documento sul web, nei siti del partito radicale, sostenendo così la campagna per il riconoscimento in seno alle Nazioni Unite del diritto alla conoscenza come diritto umano universale.
È stato il prof. Bassiouni a concludere la conferenza stampa rilevando come nel 1948 iniziò il cammino verso la democrazia con la Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo e come invece oggi si percorra una strada diversa, a volte diametralmente opposta. Questo avviene perchè i diritti politici ed economici includono tutte le categorie dei diritti e prevalgono su di essi, malgrado le convenzioni che però non sono obbligatorie per i vari stati (dal 1948 si contano oltre 300 convenzioni internazionali sui diritti dell'uomo). Contengono infatti prescrizioni, cioè solo enunciazioni di principi, e non proscrizioni, cioè norme con tutela penale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 25/05/2017 alle  14:20:03, nella sezione EVENTI,  545 letture)

cerchio fotoLa strage di Capaci, venticinque anni dopo. Se ne è parlato mercoledì 24 maggio presso il Centro studi arti e scienze "Il cerchio" di Via Arsenale 40/A-B, in un incontro dal titolo "Per non dimenticare. Memorial Giovanni Falcone. E dal giorno dopo?". L'iniziativa ha inteso fare il punto, attraverso la presentazione di un libro e un dibattito con interventi, testimonianze e rivelazioni anche scottanti, sui risultati conseguiti ( o ancora da conseguire ) nella lotta alla criminalità organizzata. Il libro, "Verso Capaci - Imbuca la poesia...esplode la meraviglia", è un'antologia di poesie scritte nel ricordo dell'attentato di Cosa Nostra del 23 maggio 1992, che costò la vita ai magistrati Giovanni Falcone e alla moglie Francesca Morvillo e a tre agenti della scorta. La silloge è nata da un'idea di Nadia Lisanti. La poetessa lucana ha selezionato le liriche giunte da tutta Italia all'Associazione "La Prospettiva" di Capaci in occasione del Festival internazionale "Palabra en el Mundo" 2016. Nel maggio dello scorso anno, infatti, anche il comune di Capaci ha aderito all'importante evento letterario, organizzato contemporaneamente in più luoghi nel mondo per dar voce in versi a temi etici e sociali. Così sono pervenute numerose poesie d'impegno sociale, che sono state affisse agli alberi lungo la via principale della cittadina. Proprio come avvenne all'indomani della strage, quando un gruppo di ragazzi di Capaci appese agli alberi cartelli di protesta contro la Mafia. Da allora quell'usanza, che si rinnova ogni anno con un tema sempre diverso, rappresenta una voce libera, un messaggio di denuncia contro l'oppressione e l'arroganza mafiosa. Grazie all'Associazione culturale Caffè Convivio di Caltagirone, quelle poesie sono diventate un libro. Impreziosito da alcune significative testimonianze. Una è quella di Antonio Vassallo, fotografo, giornalista indipendente, impegnato in politica e responsabile dell'Associazione "La Prospettiva", che ha aperto il dibattito. La sua voce ha avuto un rilievo particolare perché fu tra i primi a giungere sulla scena dell'attentato, scattando alcune fotografie che poi gli furono sequestrate da personale che si qualificò come appartenente ai servizi segreti. Di quegli scatti, che avrebbero potuto contenere particolari importanti per le indagini, si è persa ogni traccia.
E' intervenuto anche Fabio Granata, già presidente della Commissione Regionale Antimafia e vicepresidente della Commissione Parlamentare Antimafia, il quale ha tracciato un quadro sulla situazione attuale della lotta alle organizzazioni criminali e sulla spinosa questione della trattativa Stato - Mafia, ancora lungi dall'essere chiarita.
Ha coordinato gli interventi Luca Campi, poeta lombardo residente a Siracusa. La serata è stata allietata dagli interventi musicali di Ramona Martinez ed Ettore Sessa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18

 336 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (252)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (117)
CRONACA (733)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (353)
LIBRI (205)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


13/12/2019 @ 21:41:30
script eseguito in 253 ms