Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 15/07/2013 alle  19:58:46, nella sezione CRONACA,  968 letture)
#nd#
 
di Redazione (pubblicato il 12/07/2013 alle  21:26:54, nella sezione CRONACA,  889 letture)

muosIl Tribunale Amministrativo Regionale di Palermo, con l’ordinanza 470/2013, ha rigettato le richieste di sospensiva presentate dal Ministero della difesa contro la Regione Siciliana, che aveva bloccato i lavori per la realizzazione del sistema di comunicazione satellitare della marina militare statunitense, noto con la sigla MUOS (Mobile user objective system), nella cittadina di Niscemi (Caltanissetta). Lo annuncia con soddisfazione lo Studio legale Giuliano incaricato, insieme agli avvocati di Legambiente, di rappresentare e difendere in giudizio il Comitato regionale siciliano dell’associazione ambientalista intervenuta ad opponendum nel ricorso contro il Ministero della difesa. Il TAR ha affermato la priorità e l’assoluta prevalenza del principio di precauzione e della tutela del diritto alla salute dei cittadini di Niscemi, “non assoggettabile a misure anche strumentali che la compromettano seriamente fin quando non sia giunta la certezza assoluta della non nocività del sistema MUOS”. Secondo il Tribunale esistono, inoltre, seri dubbi sull’incidenza e pericolosità del sistema in questione sul traffico aereo nella Sicilia orientale. “L’ordinanza del TAR, ha commentato l’avv. Corrado Giuliano, titolare dello Studio legale Giuliano, ha confermato il blocco dei lavori per la realizzazione del MUOS in corso a Niscemi e riaffermato, ancora un volta, il diritto alla tutela della salute dei cittadini siciliani. Ora, continua l’avv. Giuliano, spetta al Governo regionale e a quello nazionale, trovare una soluzione politica definitiva ad un problema la cui gestione si presenta sempre più complessa”. Il gruppo di legali che ha rappresentato in giudizio Legambiente è composto dagli avvocati Corrado V. Giuliano, Marilena Del Vecchio e dalla dott.ssa Donatella Crucitti dello Studio Legale Giuliano; dagli avvocati Nicola Giudice, Daniela Ciancimino, Antonella Bonanno, del Centro di Azione Giuridica Legambiente Sicilia.

 
di Redazione (pubblicato il 10/07/2013 alle  11:35:19, nella sezione CRONACA,  1094 letture)

A dieci giorni dalla pronuncia del Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione Sicilia (sentenza n. 605/2013) sulla vicenda Open Land, gli avvocati Corrado Giuliano, Giovanni Sallicano, Marilena Del Vecchio e Paolo Tuttoilmondo, del collegio difensivo delle associazioni Legambiente Sicilia e Grilli Artusei, e del Centro studi Davide contro Golia, informano che è stato costituito un gruppo di lavoro composto da esperti in diritto urbanistico e ambientale per la definizione della strategia processuale conseguente alle conclusioni dei giudici amministrativi. Occorre ricordare che il CGA ha condannato il Comune di Siracusa a pagare i danni, che dovranno essere quantificati, alla società Open Land in seguito al diniego della concessione che ha ritenuto illegittimo nella forma, ma ha anche negato nella sostanza, ciò che più conta, la legittimità della concessione edilizia rilasciata successivamente dallo stesso Comune per la realizzazione del centro commerciale. In particolare, i giudici hanno sottolineato la difformità dell'opera con il Piano Regolatore Generale che nell’area in questione prevede la destinazione fieristica, non quella commerciale. Su quest’ultimo aspetto e sulla possibilità di contrastare il progetto di costruzione del centro commerciale della società Open Land si concentrerà, in particolare, l’approfondimento del gruppo di esperti. Visto il grande interesse e sostegno della società civile alle motivazioni rappresentate in giudizio dalle associazioni ambientaliste, le nuove argomentazioni del collegio difensivo saranno rese note durante un incontro pubblico che si terrà in tempi brevi.

 
di Redazione (pubblicato il 03/07/2013 alle  10:23:04, nella sezione CRONACA,  918 letture)

fabio granataQualche giorno fa, all'auditorium del museo Maxxi di Roma, si è svolto il primo incontro del nuovo movimento politico "Green Italia", un movimento, spiegano i promotori, per «mettere l'ecologia nel cuore della politica, offrire agli elettori italiani un'altra scelta da quelle oggi disponibili: la scelta di un progetto politico fondato sull'idea di un "green new deal" per l'Italia». A promuovere "Green Italia" sono, tra gli altri, Roberto Della Seta e Francesco Ferrante (Pd), la presidente dei Verdi europei Monica Frassoni, Rossella Muroni e Edoardo Zanchini, direttrice e vicepresidente di Legambiente, imprenditori della "green economy" come Ilaria Catastini, esponenti politici provenienti dalla destra come il siracusano Fabio Granata (nella foto), Fabio Renzi, segretario generale della Fondazione Symbola, il presidente dei Verdi italiani Angelo Bonelli, Anna Donati, già parlamentare verde e dirigente del Wwf e tanti altri. Si parte dalla riflessione che in campo ambientale l’Italia vive una crisi ecologica che non è solo il riflesso dei problemi ambientali planetari: le nostre città sono tra le più inquinate d’Europa; buona parte del territorio è in uno stato di dissesto cronico; il patrimonio edilizio presenta standard particolarmente mediocri sia in termini di rendimento energetico che di sicurezza antisismica; vi è un sistema dei trasporti che privilegia del tutto la mobilità su gomma con costi ambientali e di efficienza assai pesanti; in particolare nel Sud permane una profonda arretratezza delle infrastrutture ambientali primarie dalla depurazione delle acque alla gestione dei rifiuti; siamo assediati da fenomeni di illegalità ambientale: dall’abusivismo edilizio, all’azione devastante delle ecomafie. Il nuovo movimento ha tutte le carte in regolaper affermarsi nel nostro territorio da sempre sensibile alle problematiche ambientali, vista la pluriennale storia di inquinamento e di degrado che, soprattutto nel triangolo industriale di Augusta, Priolo e Melilli, caratterizza in modo negativo la vita dei cittadini. Una battaglia che tanti hanno perso fin qui, e che ora “Green Italia” riattiva perché non si può più attendere senza reagire.

 
di Redazione (pubblicato il 02/07/2013 alle  23:38:25, nella sezione CRONACA,  962 letture)

muscatelloSi apprende dalla stampa che tra i 1.504 posti letto da cancellare entro il 31 dicembre 2013 in Sicilia c’è anche il “punto nascita” del Muscatello di Augusta. Il reparto sarà chiuso e dall’anno prossimo per far nascere i bambini ci si dovrà spostare a Lentini, Siracusa o a Catania.

E’ un provvedimento varato dall’assessore regionale alla Sanità Lucia Borsellino, in ossequio al piano di ripianamento dei debiti della sanità e che dovrebbe migliorare le prestazioni senza aumentare i ticket sanitari. Una disposizione che si allinea al decreto varato dal ministro Balduzzi che ridurrà i posti letto su base nazionale da 19.581 a 18.077. Augusta invece dovrebbe veder potenziato il reparto di oncologia tanto da realizzare un vero e proprio polo oncologico in linea con le esigenze del territorio che presenta dati epidemiologici inquietanti. Infatti l’incremento dei tumori si afferma non solo nelle consuete aree industriali di Priolo, Melilli e Augusta, ma dai dati tratti dai registri integrati della Sicilia emergono altri casi finora poco noti. Al nord nella provincia siracusana, a Lentini e Carlentini, c’è un’elevata incidenza di leucemie con un aumento del 30 per cento negli ultimi anni, mentre a Francofonte si registra una anomala incidenza di linfomi.

Gli studi dei ricercatori sostengono che, oltre all’inquinamento atmosferico derivato dalla zona industriale relativamente vicina rispetto alla zona nord, una concausa è la predisposizione genetica nella popolazione che fu sottoposta nei primi decenni del secolo scorso alla malaria, correlata alla talassemia, innescata da un antiparassitario utilizzato in agricoltura, causa di leucemie e linfomi. Nell’area a ridosso del petrolchimico naturalmente l’incidenza tumorale si registra più alta che altrove, soprattutto con un eccesso delle patologie oncologiche correlate al pancreas per le donne e alla prostata per gli uomini. Su queste basi uno che si è speso parecchio all’Ars per il nosocomio augustano è l’onorevole Giambattista Coltraro, eletto nella lista Il Megafono, che ha sempre ribadito il ruolo strategico del Muscatello in un bacino di utenza caratterizzato dalla presenza del maggiore polo petrolchimico d'Europa, del porto commerciale e militare, della base navale, dell'arsenale militare e di una casa di reclusione che ospita quasi mille detenuti. Coltraro si è rifatto alla legge regionale 5 del 2009 che prevede specifici finanziamenti per il soddisfacimento delle necessità derivanti dalle esigenze di protezione della salute nelle aree industriali a rischio, ed ha ripetutamente richiesto al governo della Regione l'attivazione di nuove unità operative complesse oncologiche e radioterapiche, con il mantenimento di 24 posti letto di medicina, di 14 posti letto di neurologia e l'istituzione di una unità operativa semplice di pediatria con 8 posti letto di degenza. Il parlamentare del Megafono ha posto l’accento sull’importanza di avere nel territorio un reparto di eccellenza in oncologia, per evitare "viaggi della speranza", avendo la possibilità di poter essere curati nella propria terra senza disagi logistici per i malati e per i loro familiari.

 
di Redazione (pubblicato il 02/07/2013 alle  23:35:56, nella sezione CRONACA,  1129 letture)

manifestoL’Associazione culturale “Lamba Doria” di Siracusa organizza l’evento di commemorazione storica “70° Anniversario della Battaglia di Sicilia”, 5 Iniziative in memoria dei nostri Caduti, che si svolgerà in diversi momenti e in diversi luoghi della provincia aretusea. Il 6 luglio 2013 alle ore 18,30, convegno dibattito a Pachino dal titolo “Operation Husky 2013”, nel quale interverranno l’Ing. Leonardo Salvaggio e il Dott. Alberto Moscuzza, Presidente della Lamba Doria. Il 10 luglio, alle ore 9,30, convegno a Catania alle Ciminiere dal titolo "Sicilia 1943. Operazione Husky". Contemporaneamente, alle ore 9,00, incontro tra reduci e familiari canadesi a Pachino con una serie d’iniziative storiche. Lo stesso giorno, alle ore 19,00, a Cassibile, cerimonia d’intitolazione di una via cittadina al Caduto di Guerra Vice Brigadiere di P.S. Calisto Calcagno. Interverranno il Sindaco di Siracusa, il Questore di Siracusa, il Presidente dell’Associazione culturale “Lamba Doria”, lo storico militare avv. Antonello Forestiere. Durante la commemorazione sarà distribuito l’opuscolo “10 luglio 1943”, concernente i combattimenti del Ponte sull’Anapo, a cura dell’Associazione Lamba Doria. Il 14 luglio, alle ore 17,00, a Piano Stella ad Acate, cerimonia di commemorazione dei civili italiani trucidati il 10 luglio 1943 dalle truppe americane.

 
di Redazione (pubblicato il 02/07/2013 alle  23:35:03, nella sezione CRONACA,  832 letture)

de simoneA Siracusa nasce il “Comitato Civico Portavoce”. Promotore è Damiano De Simone (al centro nella foto) il quale, non arrendendosi di fronte alla sconfitta politica che di fatto lo ha escluso dal Consiglio Comunale, con questa iniziativa intende rilanciare l’azione tesa a contribuire fattivamente, anche se non con una carica ufficiale, allo sviluppo della città. “Portavoce Civico” è così che si dichiara Damiano De Simone in un suo comunicato stampa all’alba della nuova amministrazione comunale del sindaco Garozzo. Nei prossimi giorni in una conferenza stampa verrà presentata pubblicamente una delegazione civica che opererà prevalentemente tramite diretta consultazione con la cittadinanza, pertanto pronta a sostenere le giuste cause e proporre soluzioni a problematiche attraverso lo studio e la progettazione per lo sviluppo territoriale, sociale, politico/amministrativo, economico pubblico e privato. “Alla nuova Amministrazione Comunale chiederemo un tavolo di confronto permanente a cadenza periodica mensile a fronte di un auspicato rapporto di collaborazione costruttivo per il bene della cittadinanza, cosicché, – dichiara il portavoce Damiano De Simone - in ausilio al Civico Consesso, sommeremo la Civica Proposta. A giorni, chiederemo una riposta pubblica ai neo assessori e al neo Sindaco di Siracusa Giancarlo Garozzo ai quali sin da ora auguro buon lavoro e lodevoli soluzioni per il bene comune”.

 
di Redazione (pubblicato il 26/06/2013 alle  16:06:06, nella sezione CRONACA,  994 letture)

Si è concluso il corso informatico per non vedenti promosso dal Rotary Club di Augusta in collaborazione con l’IRIFOR di Siracusa. Il corso ha avuto una durata di circa due mesi e si è svolto presso la sede dell’Unione Ciechi di Augusta. I veri protagonisti sono stati i dieci partecipanti al corso Sigg. Carmelo di Martino, Carmelo Fangano, Assunta Foti, Giuseppe Lombardo, Giuseppe Nitto, Corrado Civello, Sebastiano Patania, Lucia Micieli ed Emanuele Cortese. Gli allievi, provenienti da tutta la provincia, si sono avvalsi dei saggi e pazienti insegnamenti del Prof. Gianni Canzolle, anch’egli non vedente, il quale li ha introdotti all’uso di tutte le nuove tecnologie disponibili su piattaforma Apple con voice over, dal Macbook agli Ipad ed Iphone. Al termine di una breve ma emozionante cerimonia il presidente del Rotary Club di Augusta, Avv. Pietro Paolo Amara, ha tenuto a ringraziare il presidente dell’IRIFOR di Siracusa Sig. Carmelo Di Martino ed il responsabile del settore informatico dell’Unione Nazionale Ciechi sez. di Siracusa Sig. Antonio Greco, nonché ad elogiare il Prof. Gianni Canzolle per l’alta professionalità e competenza. A sua volta il Sig. Carmelo Di Martino ha ringraziato il Rotary Club di Augusta, portando anche i saluti del Presidente Nazionale dell’IRIFOR, sottolineando che per la prima volta in Italia si svolge un corso del genere che sfrutta la sinergia tra Associazione di categoria e Club Service in modo da migliorare l’integrazione dei non vedenti con il tessuto sociale. Si spera che in futuro questo genere di esperienza venga ripetuta su scala più ampia magari con il supporto della stessa Apple.

 
di Redazione (pubblicato il 26/06/2013 alle  15:12:19, nella sezione CRONACA,  941 letture)

comune augustaIl Comune di Augusta si costituirà parte civile nel procedimento penale contro gli ex amministratori dello stesso. Così ha stabilito una determina della Commissione straordinaria, composta da Maria Carmela Librizzi, Maria Rita Cocciufa e Francesco Puglisi, che ha deliberato l'incarico a un legale per la costituzione di parte civile dell'ente nel procedimento penale che vede tra gli imputati alcuni degli ex amministratori del comune megarese. Ciò in considerazione dei danni subiti in conseguenza dei fatti posti a fondamento della richiesta di rinvio a giudizio, riconducibili al danno d'immagine che il comune ha subito e continua a subire in conseguenza agli eventi, al danno d'immagine che la città subisce in conseguenza di una sovraesposizione mediatica cui è esposta in termini negativi a causa del procedimento penale, al danno patrimoniale e non cui la città è esposta e che si traduce in una sostanziale perdita di opportunità da parte di cittadini e degli operatori economici, anche in termini di perdita di attrattività per investimenti e finanziamenti. Per tali motivi la commissione straordinaria ha proposto di conferire incarico al legale Sebastiano Grimaldi del foro di Siracusa e dichiarare la deliberazione immediatamente esecutiva.

 
di Redazione (pubblicato il 24/06/2013 alle  21:12:18, nella sezione CRONACA,  882 letture)

garozzoHabemus Sindacum! (latino maccheronico): Giancarlo Garozzo è il nuovo primo cittadino di Siracusa, città che ha fatto registrare un numero bassissimo di votanti, appena il 35 per cento degli aventi diritto. Comunque, anche se con un vantaggio di stretta misura sul suo diretto “ballottante” Ezechia Paolo Reale, il candidato del Pd e di altre liste collegate ha tripudiato in un bagno di folla entusiasta, tra dichiarazioni di speranza per il futuro della città di Archimede, che ha bisogno veramente di ripartire uscendo da una fase di stallo culturale ed economico che non ha precedenti. Un’altra città importante si aggiunge a tutti quei comuni conquistati quindici giorni fa dal centrosinistra.

Nella vicina Ragusa, in piena controtendenza, il nuovo sindaco di Ragusa è Federico Piccitto del Movimento 5 Stelle. Il grillino sostenuto anche da SEL ha battuto al ballottaggio il rappresentante del centro sinistra Giovanni Cosentini,. La proposta politica del candidato appartenente al Movimento 5 stelle di Beppe Grillo ha convinto i cittadini ragusani a cambiare la dirigenza politica della città, cancellando in un solo colpo una intera classe politica. Piccitto adesso avrà l’arduo compito di amministrare la città con tutte le difficoltà del caso ma forte di una percentuale bulgara (70 per cento).

 
di Redazione (pubblicato il 23/06/2013 alle  19:53:03, nella sezione CRONACA,  933 letture)

augusta il comuneIl Tar del Lazio nell’udienza del 19 giugno scorso si è pronunciato sul ricorso presentato contro lo scioglimento del Consiglio Comunale di Augusta per infiltrazioni mafiose dagli ex consiglieri comunali Morello, Sortino, Sessa, Ramaci, Conti, Ponzio, Belfiore, e, con istanza separata, dall’ex sindaco Massimo Carrubba. Il Tar non ha concesso la richiesta sospensiva del provvedimento, ritenuto pregiudizievole per gli ex consiglieri, ma ha disposto che entro 60 giorni il Ministero degli Interni produca gli atti su cui poggia il provvedimento di scioglimento ed in particolare la relazione della Commissione d’indagine nominata dal Prefetto di Siracusa il 29 agosto 2012. Questa disposizione di acquisire ulteriore documentazione fa auspicare che da parte del Tar del Lazio si voglia approfondire la vicenda in modo da motivare meglio la decisione finale. La trattazione del merito è stata fissata nell’udienza che si terrà il 9 aprile 2014.

 
di Redazione (pubblicato il 13/06/2013 alle  20:08:40, nella sezione CRONACA,  1338 letture)

croceSabato 8 Giugno, durante una breve ma sentita cerimonia nella Chiesa della Madonna delle Grazie, il Rotary Augusta, nella persona del Presidente Pietro Paolo Amara, ha consegnato il Crocifisso ligneo risalente al XVII sec. restaurato da Serafino Bauso su commissione del Club. Alla presenza dei soci del Club, di autorità militari, civili e di molti fedeli, hanno preso la parola il presidente Amara, soddisfatto d’aver contribuito a riportare agli antichi splendori un’opera di grandissimo valore artistico, il presidente della Confraternita dell’Immacolata Dott. Alfredo Beneventano del Bosco, l’arciprete-vicario Don Palmiro Prisutto, che ha voluto ringraziare il Rotary per l’opera meritoria, il coordinatore delle Confraternite Giuseppe Carrabino ed il restauratore Serafino Bauso che ha spiegato, in breve, le modalità del restauro. Al termine della cerimonia, i soci e gli ospiti si sono trasferiti presso la sagrestia della Chiesa Madre dove il PDG Concetto Lombardo ha consegnato, a nome del Distretto 2110°, due armadi del 700 toscano restaurati. “Ho voluto aderire – ha detto Lombardo – ad un vecchio progetto di restauro globale della sagrestia della Chiesa Santa Maria Assunta proposto dall’Arciprete don Gaetano Incardona e sono molto fiero per aver contribuito a riportare agli antichi splendori tale Settecentesca Sagrestia”.

 
di Redazione (pubblicato il 11/06/2013 alle  12:51:34, nella sezione CRONACA,  1190 letture)

esameA tutt’oggi si è ancora in attesa che il Duodenoscopio sia attivato all’ospedale Muscatello di Augusta, nonostante le promesse fatte ai più alti livelli e in considerazione delle note vicende dei trasferimenti di alcuni reparti importanti (Ostetricia,Ginecologia e Pediatria) a Lentini. Doveva essere emesso un decreto di 6 posti-letto di pediatria (promesso dall’ex presidente della Regione Sicilia Lombardo), ma si è avuto con un atto aziendale sempre in bilico, solo l’attivazione notturna dell’eliporto e il completamento del nuovo padiglione entro luglio 2012 e poi prorogato al dicembre 2013. Tuttora il Muscatello lavora sotto organico, nonostante la buona volontà dei medici e del personale paramedico. “Il duodenoscopio – sostiene Mimmo Di Franco, che ha seguito la vicenda sin dall’origine - fu donato dalla Raffineria Esso all’ospedale di Augusta nel Febbraio del 2012, sono passati 15 mesi e, malgrado le continue promesse di attivazione da parte del Commissario straordinario dr. Mario Zappia, lo strumento è conservato in qualche armadio mentre i pazienti aspettano “pazientemente” qualche anno per i vari esami”. La colangio–pancreatografia-retrograda per via endoscopica è un esame combinato endoscopico-radiologico che si esegue con il duodenoscopio e permette la diagnosi mediante l’introduzione di mezzo di contrasto all’interno delle vie biliari intra ed extra epatiche e dei dotti pancreatici. In molti casi, alla fase diagnostica segue quella terapeutica sempre per via endoscopica che consente: la sfinterotomia biliare di stenosi benigne; l’estrazione di calcoli biliari o pancreatici; la protesizzazione e il drenaggio biliare o pancreatico per stenosi maligne che interessano le vie biliari o il dotto pancreatico. E’ stata inviata una richiesta ai deputati regionali eletti nella provincia di Siracusa, affinché si attivino per far funzionare questo strumento, che non necessita di una votazione all’ARS ma di un sollecito alle promesse fatte dai vertici aziendali, almeno per dare un segno della presenza e vicinanza delle istituzioni, in una città che in questo momento sta vivendo un momento buio della sua storia. Le note vicende di scioglimento del Consiglio Comunale, per infiltrazioni mafiose, non possono e non devono essere pagate dai cittadini, dimenticandosi d’intervenire anche nei piccoli dettagli.

 
di Redazione (pubblicato il 09/06/2013 alle  14:40:36, nella sezione CRONACA,  824 letture)

Pochi giorni fa si è riunita in un noto ristorante cittadino l’assemblea generale dei soci del Kiwanis Club di Augusta, convocata dal presidente pro tempore dott. Gaetano Roggio. All’ordine del giorno la ratifica della nomina del presidente eletto per l’anno sociale 2013-2014 nella persona del dott. Raimondo Raimondi (nella foto mentre riceve dal presidente Roggio il distintivo di presidente eletto), che si insedierà nella carica con la cerimonia del passaggio della campana che avverrà in ottobre. E’ stato inoltre proposto dal presidente eletto e approvato all’unanimità il prossimo consiglio direttivo del sodalizio. Il presidente Roggio ha annunciato i prossimi appuntamenti del Kiwanis che saranno una conferenza sulla storia del gioiello tenuta dall’avvocato Rita Cocciola a Palazzo Zuppello e una manifestazione estiva con intervento teatrale a scopo di beneficienza, per apportare ulteriori fondi al progetto internazionale “Eliminate” contro il tetano neonatale, sponsorizzato dal Kiwanis assieme all’Unicef, e per contribuire a dotare la Misericordia di Augusta di una tenda attrezzata come ospedale da campo da utilizzare in caso di calamità.

 
di Redazione (pubblicato il 30/05/2013 alle  21:08:01, nella sezione CRONACA,  809 letture)

CanicattiniIl Consiglio comunale di Canicattini Bagni approva all’unanimità l’anagrafe pubblica degli eletti. Presto online sul sito del Comune tutte le informazioni che riguardano l’operato di consiglieri, assessori e del sindaco: stipendi, rimborsi, gettoni di presenza; dichiarazioni dei redditi e dei finanziamenti ricevuti, dei doni, dei benefici o di altro assimilabile; i registri di tutte le spese, ma anche gli atti presentati con il quadro delle presenze ai lavori e i voti espressi sui provvedimenti adottati dal Consiglio. Ma anche tutte le informazioni che riguardano l’ente: i bilanci, gli incarichi esterni, le discussioni consiliari, e tutto ciò che concerne le nomine, le società interamente pubbliche e quelle partecipate. Un’operazione trasparenza che pone Canicattini tra gli enti più virtuosi in Italia, grazie all’adozione di questo strumento che è una vero e proprio argine contro la corruzione. In Sicilia solo il comune di Bagheria ha approvato su proposta di un consigliere il mese scorso una delibera analoga. Ma il merito di Canicattini sta nel fatto che la spinta in questo caso è venuta proprio dai cittadini che riuniti in un comitato hanno avviato ad ottobre scorso una campagna di raccolta firme per una proposta di delibera di iniziativa popolare, come consentito dall’articolo 10 dello statuto. Campagna che ha ricevuto grande attenzione e sostegno da parte dei cittadini del centro ibleo, come testimoniano le oltre 400 sottoscrizioni. È la prima volta che i cittadini utilizzano questo istituto importantissimo di partecipazione popolare attiva e costruttiva.

Nell’ultima seduta, del 27 maggio scorso, il Consiglio comunale ha espresso voto unanime sulla proposta. Ora l’amministrazione avrà 6 mesi di tempo per adeguarsi alle disposizione presenti nella delibera e realizzare sul sito internet del Comune una apposita sezione che renda pubblici i documenti.

Piena soddisfazione tra i promotori dell’iniziativa che sottolineano come non cesseranno di vagliare sulla reale attuazione degli obblighi in essa contenuti da parte dell’amministrazione usufruendo del diritto di accesso civico sancito dall’articolo 5 del decreto di riordino sulla trasparenza del 14 marzo 2013 n.33, che fa di ogni cittadino un vero e proprio “controllore civico”, consentendogli di richiedere i documenti per i quali sia stata omessa la pubblicazione ed obbligando contestualmente l'amministrazione a procedere in tal senso, entro trenta giorni. Inoltre – ci tengono a precisare – continueranno, ad avanzare altre proposte all’amministrazione e al consiglio in materia di trasparenza, di contrasto alla corruzione e all’illegalità, certi di trovare sempre la piena apertura e il clima di condivisione già sperimentato in questa occasione.

 
di Redazione (pubblicato il 28/05/2013 alle  21:15:51, nella sezione CRONACA,  1027 letture)

DI FRANCO SI SFOGARiceviamo e pubblichiamo lo sfogo di un cittadino, Mimmo Di Franco, sempre attento alla realtà (spesso squallida) della città di Augusta. “Cambia il comandante, - sostiene Di Franco - gli ufficiali sono sempre gli stessi e la nave continua a fare acqua e ad affondare. Da quasi un anno é stata decapitata la politica ad Augusta. Il processo dirà chi ha avuto le responsabilità di un dissesto finanziario, politico e sociale del Comune di Augusta, suddividerle in proporzioni agli amministratori a tutti i livelli, susseguitesi nei tempi. A quasi un anno dallo scioglimento del Consiglio Comunale i problemi sono rimasti tutti sul tappeto: mancanza di controllo sul territorio, sporcizia per le strade, lavori di rattoppo non a regola d’arte, lasciati dalle ditte che scavano le strade ed i marciapiedi, senza che nessuno utilizzi la cauzione, come disposto da un Consiglio comunale. Inoltre, le strade del centro storico sono pericolose e non hanno una manutenzione da oltre 30 anni, continuano ad allagarsi, creando difficoltà nella circolazione. Gli uffici statali periferici si stanno, man mano, perdendo senza un minimo di opposizione. Il finanziamento della rete fognaria. che scade il 30 giugno, non si sa a che punto si trovi, si spera che vada in porto per poter avere le coste augustane finalmente balneabili. Intanto, abbiamo la zona Faro S. Croce intasata di auto, multate per l’obbrobrio delle due grandi piazze, progettate da politici-scienziati. Per fortuna abbiamo festeggiato il Santo Patrono di Augusta S. Domenico, ripulendo la villa e sostituendo diverse lampade, ma molte zone della città rimangono al buio. Le strade periferiche del monte sono piene di erbacce miste a sporcizia. I topi scorrazzano per le vie del centro, i tombini sono otturati dal fango, non si sa di chi sia la competenza, ma i cittadini pagano circa 400 mila euro al mese per la pulizia delle strade. Poi il prolungamento di via Marina Ponente, lasciato a metà, la fontana del milite ignoto che funziona solo quando decide un dipendente di attivarla e non perché gestita da un timer. E ancora, i soldi spesi per l’ascensore della Posta, non riattivato, mentre l’immondizia si accumula all’interno e le persone non vanno al mercato perché non si vedono nemmeno i pullmini elettrici. Infine, e non perché meno importante, nessuno ci aggiorna sulla situazione degli impianti sportivi e del teatro comunale. Una città senza sport e cultura è una città morta. Scusate lo sfogo, - conclude il cittadino - ma se il Consiglio Comunale è stato sciolto per mafia, non devono essere i cittadini a pagarne le conseguenze. Vorrei che qualcuno cominciasse a chiedere conto dei soldi spesi per le strisce blu, perché non sussistevano né i motivi né l’urgenza di istituirle, chiedendo il risarcimento del danno”.

 
di Redazione (pubblicato il 22/05/2013 alle  15:42:44, nella sezione CRONACA,  899 letture)

industrieUn altro tragico e mortale incidente sul lavoro si è verificato nella zona industriale di Siracusa. Salvatore Gangi, 38 anni, che lavorava come addetto agli impianti dell’Isab nord, è stato trovato morto probabilmente per le esalazioni di sostanze chimiche nella stazione di caricamento CR27 di H2S (Acido Solfidrico), dove si fermano i camion con le sostanze chimiche prima che vadano in funzione nell'impianto. Un operaio esperto, non un novellino né uno di quei precari chiamati a fare un breve periodo di lavoro occasionale. Sull'incidente è stata aperta un'inchiesta, le cause del decesso si accerteranno solo dopo l'autopsia. Ma l’ipotesi quella di soffocamento per inalazione di un gas tossico è assai probabile. Una tragedia che si replica continuamente, di cui le cronache parlano troppo spesso. Di poco tempo fa la morte di Gabriele Serrano, giovane operaio ventitreenne di Augusta, e di Luigi Catania, siracusano di 42 anni, i due operai feriti nell’incidente sul lavoro avvenuto in una raffineria nei pressi di Cagliari, costato la vita al loro collega Pierpaolo Pulvirenti, di 25 anni. I tre, dipendenti di una ditta di Catania, stavano operando la manutenzione di un serbatoio di un impianto in fermata. Questa della pulizia dei serbatoi che mai si riesce ad effettuare in piena sicurezza, come dimostrano i tanti casi di infortunio sul lavoro e le mortalità conseguenti avvenute nella nostra zona industriale, è una vecchia storia. Come ha ribadito tempo fa Sanzaro della CISL “non si può barattare il lavoro con la sicurezza, un bene da preservare ad ogni costo e sempre. Ci deve essere una soluzione e per questo ci si deve impegnare su tutti i fronti con il massimo rigore. Parliamo di sicurezza degli impianti, di formazione dei lavoratori, ma torniamo a parlarne sempre dopo l’ennesima tragedia”. Dopo avere appreso la notizia della morte dell'operaio, i sindacati hanno immediatamente proclamato lo sciopero dei lavoratori dell'impianto Isab Nord di Priolo, dove lavorano circa 700 persone. La produzione quindi è rimasta ferma per l'intera giornata. I sindacati stanno valutando altre iniziative di mobilitazione.

 
di Redazione (pubblicato il 14/05/2013 alle  20:51:34, nella sezione CRONACA,  853 letture)

di silvestroTroppo lunghi i tempi di attesa e nel frattempo la città muore. La lamentela arriva dal meetup "Movimento Cinque Stelle Augusta" (meetup è un servizio di social network che consente l'incontro di gruppi di persone aggregati attorno a un comune interesse), che sottolinea il grande distacco che c'è tra i commissari straordinari e i cittadini, tramutabile nella mancanza di dialogo tra la popolazione e le istituzioni. "Da quando si sono insediati non siamo riusciti ad incontrarli per proporre soluzioni e suggerimenti per affrontare i grossi problemi che attanagliano la nostra città" - queste le parole del nuovo portavoce incaricato Sarah Marturana. Mauro Caruso ha ricordato: "Abbiamo incontrato 40 giorni fa i commissari per discutere della nostra città ma ci avevano chiesto 30 giorni di tempo per la consultazione degli atti burocratici e legali. Come da accordi presi abbiamo atteso, ma ora non si può più aspettare perché la Città è distrutta ed ha bisogno di ripartire". Ha concluso l'incontro il portavoce uscente Antonino Di Silvestro (nella foto con Grillo), ora addetto alla comunicazione del Movimento Cinque Stelle Augusta, ricordando che "i cittadini non hanno più tempo: tenere le porte del comune aperte per apparenza, ma non incontrare chi vuole proporre soluzioni per il bene della collettività, è solo un atto distruttivo che allontana sempre più la voglia di attivarsi per il territorio e la fiducia nella istituzioni, e Augusta non ha bisogno di questo. Ci aspettiamo un incontro a breve per iniziare a lavorare seriamente e dare risposte a quel 42 % di cittadini che rappresentiamo nella nostra città e non solo, noi siamo liberi da ogni rapporto con il passato amministrativo che ci ha marchiati come città mafiosa e quindi non ci aspettiamo un atteggiamento diffidente da parte di coloro che oggi rappresentano la nostra amministrazione".

 
di Redazione (pubblicato il 14/05/2013 alle  14:02:49, nella sezione CRONACA,  844 letture)

vermexioAnche a Siracusa arriva la violenza e l’intimidazione nei confronti di pubblici impiegati. Vittima di un’aggressione mentre si recava in ufficio la dottoressa Rosaria Garufi, responsabile dei settori Politiche sociali e Politiche culturali ed educative del Comune di Siracusa. La sua auto è stata assalita per strada da due persone con il volto coperto da caschi a bordo di una moto, che l’hanno fatta scendere dal mezzo, l’hanno picchiata colpendola con un tubo di gomma e afferrandola per i capelli. La Garufi è stata accompagnata al pronto soccorso dell’Ospedale Umberto I, dove sono accorsi subito il comandante della Polizia municipale e una pattuglia di vigili urbani, poi, acquisito un referto medico con una prognosi di 15 giorni, il funzionario si è recato in questura per presentare la denuncia relativa al grave fatto. “Si è trattato di un’aggressione in piena regola – ha dichiarato il commissario straordinario del Comune di Siracusa Giacchetti - ancor più vile perché rivolta contro una donna sola mentre si recava a svolgere il proprio dovere. Un’aggressione incivile e che non può trovare giustificazione alcuna”. Unanimi gli attestati di solidarietà che stanno provenendo da tutte le parti politiche, peraltro impegnate in una campagna elettorale tutto sommato ancora corretta, che non faceva certo presagire azioni di questo genere. Speriamo si tratti di un gesto isolato, ma certo le modalità dell’agguato da parte di quello che pare un vero e proprio “commando” destano le preoccupazioni degli inquirenti.

 
di Redazione (pubblicato il 11/05/2013 alle  09:17:35, nella sezione CRONACA,  942 letture)

via ponenteMimmo Di Franco ci scrive: “Ho seguito per tanto tempo l’iter burocratico amministrativo della concessione d’uso dal Demanio al Comune riguardante il segmento di strada da asfaltare relativo al prolungamento della via Marina Ponente, per unire ideologicamente la circonvallazione dell’isola, entrando dalla Porta spagnola per uscire dal ponte Federico senza attraversare il centro storico. Finalmente sono iniziati i lavori alcuni giorni orsono ma, ahimè, da informazioni sul posto, pare che i lavori siano terminati a metà. Nessuna colpa da attribuire alla Commissione prefettizia, per carità, che è fuori da questo pasticcio poiché l’iter era cominciato nel 2008, con un progetto che prevedeva la costruzione della strada, compresa l’illuminazione. Man mano che gli anni passavano, diminuivano i soldi a disposizione e di conseguenza i lavori da fare. ponente 2La determina che era di 148 mila euro circa, prevedeva l’asfaltatura della strada per 7 metri di larghezza, con un marciapiede, inoltre pare che sarebbe stato utilizzato il ribasso d’asta come finanziamento per ultimare i lavori per intero, compresa l’illuminazione. Purtroppo il ribasso d’asta si può utilizzare solo in casi di varianti progettuali, e questo non è il caso, quindi, queste sono consentite nei soli casi previsti dall’art. 132 del DLgs 163/06 e non possono modificare sostanzialmente il progetto originario e, in linea generale, devono essere determinate da eventi non noti o non prevedibili nella fase progettuale. A questo punto,si dovrà fare un’altra gara d’appalto per il completamento dell’opera di asfalto e di illuminazione? Si confida nella Commissione affinché, dopo tanta attesa, questa trazzera si possa chiamare interamente strada”.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37

 1053 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (253)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (119)
CRONACA (735)
CULTURA (202)
EDITORIALI (26)
EVENTI (353)
LIBRI (207)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           


Titolo

 



Titolo

Le fotografie più cliccate


Titolo


08/08/2020 @ 05:49:24
script eseguito in 278 ms