\\ Home page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 07/05/2015 alle  15:11:27, nella sezione LIBRI,  782 letture)

amato meloniSabato 9 maggio, a partire dalle ore 20:00, nella libreria Gabò in corso Matteotti, 38, Siracusa, si terrà la "festa di presentazione" di due libri appena usciti, La fiera verrà distrutta all'alba di Angelo Orlando Meloni (Intermezzi editore) e Bastaddi di Stefano Amato (Marcos y Marcos edizioni). Tra un bicchiere di vino gentilmente offerto dalle Cantine Pupillo, la lettura di qualche brano e la firma di copie, i due autori siracusani festeggeranno l’uscita dei loro nuovi romanzi.

La fiera verrà distrutta all’alba di Angelo O. Meloni (Intermezzi editore, collana Ottantamila euro 5,00) fa i conti con la mitomania contemporanea, svela i desideri mostruosamente proibiti degli “aspiranti qualcosa” ai tempi dei social network e della paventata, presunta morte della lettura in un apocalittico mondo post-qualcosa. È la storia della fine del giornalismo e dell’editoria come noi li conosciamo, la storia del primo “giornale che vale”. Ce la farà il giovane Enzo Losanga da Pachino, aspirante scrittore suo malgrado, a uscire vivo dalla più pericolosa e imprevedibile fiera del libro di tutti i tempi?

Bastaddi di Stefano Amato (Marcos y Marcos euro 16,00) si ispira a Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino. Nel film, otto uomini feroci e selvatici, caricati a odio puro, minano alle fondamenta il dominio nazista. In questo romanzo invece siamo in Sicilia, ed è la mafia l’oppressore. Il tenente Ranieri, al comando dei suoi otto Bastaddi assetati di giustizia, colleziona scalpi di Cosa nostra. Il Capo dei capi è sempre più nervoso. Il Maxiprocesso con tutte quelle condanne è semplicemente intollerabile, e questi Bastaddi assatanati una spina nel fianco. Di questo passo, dove andremo a finire? Occorre proprio un gesto simbolico, una celebrazione della mafia, con i suoi picciotti, il suo onore, i suoi film. Una bella serata mafiosa in un cinema di Siracusa sarà il giusto segnale per tutti. La cupola di Cosa nostra concentrata in un cinema? Che occasione meravigliosa, per i Bastaddi. E se il cinema per giunta appartiene a Carla, che ha perso tutta la famiglia in una strage mafiosa… si scatenerà una gara esplosiva a chi stermina i mafiosi per primo nella sala buia. Perché al cinema, o nei romanzi, i buoni in qualche modo ce la fanno, i cattivi muoiono quando devono morire. E Falcone e Borsellino brinderanno in pace a una Sicilia finalmente libera, sorrideranno ancora. Una cover letteraria di grandi passioni, umane e civili.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 07/05/2015 alle  14:52:36, nella sezione LIBRI,  581 letture)

LA PIZZA PER AUTODIDATTI COPERTINAVenerdì 8 maggio alle ore 19:30 presso il locale Il Peter di Corso Umberto 62 sarà presentato il nuovo libro di Cristiano Cavina, La pizza per autodidatti, Marcos y Marcos edizioni.

Cristiano Cavina nasce a Casola Valsenio nel maggio del 1974 e c’è ancora dentro fino ai capelli: Made in Casola è il marchio in calce ai suoi romanzi e alle sue mail. Si nutre di storie fin da piccolo, ascoltando i racconti dei vecchi al bar; quando poi scopre i libri, la sua strada è tracciata. Scrive di cose che conosce bene: la sua infanzia in Alla grande (premio Tondelli) e Un’ultima stagione da esordienti; l’epopea di Nonna Cristina in Nel paese di Tolintesàc; la sua storia di figlio senza padre e di padre fuori dagli schemi nei Frutti dimenticati (premio Castiglioncello, premio Vigevano, premio Serantini, Selezione premio Strega); il lavoro nell’immensa cava di gesso alle porte di Casola Valsenio in Scavare una buca; i suoi anni di scuola superiore in Inutile Tentare Imprigionare Sogni.

In La pizza per autodidatti trasmette la sua esperienza di "pizzaiolo quando c’è" nella Pizzeria Il Farro di Casola Valsenio: tra impasti, temperature e ricette, ci svela l’importanza del forno per un narratore come lui.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 07/05/2015 alle  14:46:00, nella sezione EVENTI,  644 letture)

maria gennusoL'associazione culturale "Per la città che vorrei" chiama a raccolta le mamme di Siracusa Domenica 10 Maggio ore 10.00 presso il Teatro chiesa Sacra Famiglia in viale dei Comuni.

I bambini parteciperanno a un percorso didattico-educativo attraverso dei cartelloni che rappresenteranno "Come nasce una mamma?" e la "Super mamma di oggi", coloreranno delle schede strutturate e poi realizzeranno un lavoretto con le proprie mani da donare alla loro mamma.

La festa continua con l’animazione curata dal “Circo Riccio” artisti di strada,famosi per le loro acrobazie e per le loro gigantesche bolle di sapone che faranno felici piccoli e grandi, facendo rivivere momenti oggi persi, sempre emozionanti e custoditi nel cuore di ognuno di noi. A seguire, realizzazione di sculture di palloncini e, per finire, consegna dell’attestato di partecipazione alle “Super mamme”. Maria Gennuso, responsabile delle attività laboratoriali dell'associazione, dichiara: "la nostra associazione con sensibilità si pone gli obiettivi di promuovere la cultura dell’infanzia, lo sviluppo cognitivo, psicologico e socio-relazionale, promuovere la valorizzazione del territorio, creando una città a misura di bambino, dando uno spazio dove crescere, giocare, relazionarsi. Il presidente dell'associazione "Per la città che vorrei", Sergio Pillitteri, aggiunge: "In questo evento i veri protagonisti saranno le mamme ed i bambini, vogliamo evidenziare il ruolo dell'istituzione "famiglia" e soprattutto l'importanza delle mamme nel vivere quotidiano".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 04/05/2015 alle  15:03:43, nella sezione EVENTI,  821 letture)

TRUPPIETTUL’Associazione ”Rosolinesi a Siracusa” ha organizzato qualche giorno fa in un agriturismo un singolare torneo di “Truppiettu” rosolinese in ricordo di come si giocava negli anni dell’infanzia. Nell’occasione sono state lette alcune pagine del libro “Come Giocavamo” scritto da Federico Faraone, nelle quali viene descritto come si eseguivano i lanci: ‘n-sutta,’n-supra, a testa, a pizzuni o tiro americanu. Se il tiro era stato ben eseguito prendeva diverse denominazioni: masculinu, addummisciutu, ’na sita, lapuniata, assaccunna, morriri. Nel libro si parla anche del tipo di legno utilizzato, del truppiettu ballarinu, della presa in mano del truppiettu, ecc. A Rosolini furono pochi gli autentici maestri truppittari; primo, vero e forse unico fra tutti, il celebre Don Gaitanu Mmmirmina, che, nella sua bottega di Rosolini, in via Roma, vicino o Corigghjesù, creava col suo tornio definito “magico” eccellenti truppetti, compatti, bilanciati e dalle puntazze in acciao, che si potevano scegliere fra quelle arrotondate, sferiche o quadrangolari. Pietro Paolo Poidimani ha fatto pervenire all’Associazione una nota che è stata letta e che diceva: “Subito il mio pensiero va all’ indimenticabile don Caitanu Immermina insuperabile artista ri truppetta e ri autri cosi che fanno parte delle tradizioni del popolo siciliano e rusalinaru. Un giorno mio padre Pippo Poidimani, cu don Currainu Assenza e il grande antropologo siciliano Antonino Uccello, presente il sottoscritto ancora ragazzo, andarono da don Caitanu nta na traversa ra Via Roma a Rusalini pi fari fari triccientu truppetta co lignu ri na maccia ri carrua di nostra proprietà ro tirrinu ro Casali vicinu all’Arbanieddu. Buona parte mio padre li donò a Uccello per esporli nel Museo che lui aveva fondato a Palazzolo Acreide. Altri li tenne per se e ancora sono conservati in qualche posto della mia casa paterna, gli altri rimanenti li donò ai suoi alunni delle Scuole Elementari del Bellini di Rosolini. Fu una delle ultime volte che mio padre e Uccello si rividero, grandi amici e compagni di scuola al Magistrale Matteo Raeli di Noto. Giusto per non dimenticare”.

Al torneo di truppiettu hanno partecipato 19 concorrenti e, secondo i tempi di rotazione del truppiettu, è stata stilata, a cura della commissione, la graduatoria che ha indicato i vincitori i quali hanno ricevuto i relativi premi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 02/05/2015 alle  11:50:20, nella sezione LIBRI,  614 letture)

MISSIROLIDomenica 3 maggio alle ore 11:00 alla Libreria Gabò di Corso Matteotti 38 sarà ospite lo scrittore Marco Missiroli per presentare il suo ultimo romanzo Atti osceni in luogo privato, Feltrinelli Editore, vincitore del Premio Mondello 2015. Ne parleranno con l'autore Loredana Faraci e Pina Dapice.

Marco Missiroli è nato a Rimini nel 1981. Con il suo romanzo d’esordio, Senza coda (Fanucci, 2005), ha vinto nel 2006 il premio Campiello Opera prima. Per Guanda ha pubblicato Il buio addosso (2007), Bianco (2009; premio Comisso e premio Tondelli) e Il senso dell’elefante (2012; premio Selezione Campiello 2012, premio Vigevano e premio Bergamo). È tradotto in Europa e negli Stati Uniti. Scrive per il “Corriere della Sera”.

Atti oscceni in luogo privato racconta una storia che comincia una sera a cena, quando Libero Marsell, dodicenne, intuisce come si può imparare ad amare. La famiglia si è da poco trasferita a Parigi. La madre ha iniziato a tradire il padre. Questa è la storia, raccontata in prima persona, di quel dodicenne che da allora si affaccia nel mondo guidato dalla luce cristallina del suo nome. Si muove come una sonda dentro la separazione dei genitori, dentro il grande teatro dell’immaginazione onanistica, dentro il misterioso mondo degli adulti. Da Parigi a Milano, dallo Straniero di Camus al Deserto dei Tartari di Buzzati, dai Deux Magots, caffè esistenzialista, all’osteria di Giorgio sui Navigli, da Lunette alle “trentun tacche” delle nuove avventure che lo conducono, come un destino di libertà, al sentimento per Anna. Libero Marsell, le Grand Liberò, LiberoSpirito, è un personaggio “totale” che cresce con noi, pagina dopo pagina, leggero come la giovinezza nei film di Truffaut, sensibile come sono sensibili i poeti, guidato dai suoi maestri di vita a scoprire l’oscenità che lo libera dalla dipendenza di ogni frase fatta, di ogni atto dovuto, in nome dello stupore di esistere.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 01/05/2015 alle  14:52:55, nella sezione CRONACA,  1009 letture)

m5sdipietroIl Movimento 5 Stelle di Augusta ha presentato i sei assessori che comporranno la Giunta del candidato sindaco Cettina Di Pietro. I nominativi sono i seguenti:

1) Vice Sindaco Dott. GIUSEPPE PISANI: Assessorato all’Ambiente, alla Polizia Municipale ed ai servizi alla città. 2) Dott. GIUSEPPE SCHERMI: Assessorato al Bilancio, risorse economiche e sviluppo economico. 3) Ing. ROBERTA SUPPO: Assessorato ai Lavori pubblici, alle Infrastrutture ed alla pianificazione urbanistica. 4) Ing. NICOLO' CARAMAGNO: Assessorato al Territorio ed alle Risorse Energetiche. 5) Avv. MARIA GIOVANNIELLO: Assessorato ai Servizi Sociali ed alle Politiche per le famiglie ed il cittadino. 6) Dott.ssa GIUSEPPINA SIRENA: Assessorato alla cultura e beni culturali.

“Si tratta di professionisti – comunica la Di Pietro - selezionati tramite bando e non con le "solite logiche di partito " che, oltre ad avere certificato penale e carichi pendenti immacolati (segno, per un professionista, non solo di rettitudine morale ma anche di capacità professionale, dal momento che svolgendo, ad esempio, la libera professione si può incorrere in denunce per negligenza!), hanno deciso di mettersi a disposizione non per arricchissi (hanno già una propria onesta professione) ne' per fare gli interessi di pochi, ma per aiutare a risollevare, insieme a noi, la nostra città! La nostra selezione si è basata esclusivamente su questi criteri, onestà e spirito di sacrificio (rinunceranno al 30% delle indennità che spettano loro per legge). Nel nostro bando assessori, inoltre, era specificato che coloro che avrebbero inviato i propri curricula dovevano essere pronti a rendersi immediatamente disponibili a collaborare con noi. Le persone selezionate lo hanno fatto, ci hanno aiutato a definire i punti essenziali del nostro programma, già sviluppato con i cittadini negli scorsi mesi, e ciascuno li loro, in base alle rispettive competenze, ha dato il proprio contributo”. L’avvocato Di Pietro in conclusione ha precisato che, anche in caso di dissesto, non ha intenzione di ridurre l'organico del comune, precari compresi, e ha ribadito la volontà di valorizzare il personale già in servizio, sulla base dei criteri di meritocrazia, perché la macchina amministrativa deve lavorare bene, in sinergia e verso l’obbiettivo di una maggiore efficienza.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 01/05/2015 alle  14:48:15, nella sezione CRONACA,  914 letture)

pataniaConferenza stampa di Marcello Guagliardo nella sede di “Nessun dorma” per comunicare l’adesione alla lista del candidato sindaco del dott. Carlo Patania, coordinatore del gruppo Rinnovamento Augustano, fondato 7 anni fa e poi confluito nel Megafono. I motivi che hanno condotto a questo avvicinamento sono la condivisione di uno stesso programma, la medesima visione delle cose e la scelta di Marcello Guagliardo come l'unica candidatura nuova e convincente per le prossime elezioni augustane. Patania nel suo intervento non ha risparmiato gli attacchi ad un PD considerato ondivago che, dopo numerosi solleciti, ha preferito non ricorrere alle primarie come strumento democratico di scelta del candidato sindaco, ma ha optato per il vetusto sistema degli accordi sottobanco. Guagliardo, orgoglioso per la fiducia accordatagli, ha dichiarato di aver sempre rifiutato possibili alleanze di nomi interessati solo a poltrone. La sua scelta ha portato alla realizzazione di un'unica forte lista composta da figure rappresentative ed epurata da candidature di comodo usate solo per riempimento. Alla luce dell'ormai certo dissesto finanziario Marcello Guagliardo ha sottolineato come in questi giorni stia ridefinendo i punti del suo programma che devono essere calibrati in considerazione di questa possibilità di dissesto. Ritiene che i fondi europei, quanto meno quelli che prevedono una compartecipazione del Comune, non potranno essere utilizzati. La soluzione che Guagliardo propone per il reperimento di risorse sono le fondazioni estere e i grandi brand internazionali che vanno incentivati a investire nella nostra città. Una piccola prova è la realizzazione prossima della Cavalleria Rusticana in Piazza Duomo (il prossimo 26 giugno) totalmente finanziata da una fondazione filantropica israeliana-canadese.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2

 509 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (245)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (117)
CRONACA (733)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (349)
LIBRI (205)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
13
14
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


16/09/2019 @ 14:08:31
script eseguito in 294 ms