\\ Home page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 06/04/2014 alle  20:47:19, nella sezione CULTURA,  929 letture)

sgarlataL’assessore regionale ai Beni Culturali Mariarita Sgarlata (nella foto), presente al “Vinitaly 2014” di Verona, ha presentato ufficialmente nella sala business del padiglione Sicilia il progetto “Gli italiani restaurano l’Italia - la Sicilia”, iniziativa promossa dall’associazione “Amo l’arte, Amo l’Italia” in collaborazione con l’assessorato ai Beni culturali e con il patrocinio dell’Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia (IRVOS). L'assessore Sgarlata aveva stipulato nel mese di febbraio una convenzione con l'associazione “Amo l'Arte, Amo l’Italia Onlus” finalizzata al sostegno dei costi per il restauro ed il recupero alla fruizione di beni culturali siciliani attraverso il contributo di imprese vitivinicole operanti nel territorio. Il progetto “Gli italiani restaurano l’Italia” ha infatti lo scopo di raccogliere fondi e contribuire, in collaborazione con le strutture istituzionali, alla tutela, salvaguardia e restauro del patrimonio storico-artistico italiano. Tale progetto coinvolgerà i produttori vitivinicoli siciliani. Le cantine che aderiranno, con pochi centesimi per ogni bottiglia di vino venduta, contribuiranno a creare un fondo destinato al restauro di alcuni beni del patrimonio culturale siciliano.

L’assessore Sgarlata ha presentato anche il progetto “Diodoros: il Vino della Valle”, progetto nato dal connubio tra archeologia, turismo rurale ed eno-gastronomico. “Diodoros: il vino della Valle” è il frutto di una convenzione firmata dall'Autorità del Parco della Valle dei Templi di Agrigento in collaborazione con le strutture produttive del territorio, per riprendere la coltivazione della vite nelle aree demaniali del Parco.

Sono intervenuti all’incontro tra gli altri Dario Cartabellotta, assessore Agricoltura, Sviluppo Rurale e Pesca Mediterranea della Regione Siciliana, Giuseppe Parello, direttore generale del Parco della Valle dei Templi, Giovanni Greco, presidente di Viticultori Associati di Canicatti e Lucio Monte, direttore dell’Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 06/04/2014 alle  20:42:10, nella sezione LIBRI,  1279 letture)

AGENTE KASPERLuigi Carletti pubblica un libro che farà scalpore per Mondadori - Strade Blu, insieme a un fantomatico Kasper, nome che copre un ex carabiniere, agente dei servizi segreti e dei Ros, pilota d’aereo, esperto di arti marziali, armi, esplosivi, protagonista di clamorose operazioni contro la criminalità internazionale. Supernotes farà scalpore e desterà l’attenzione dell’opinione pubblica perché non è un Segretissimo, un’opera di fiction di pronto consumo, ma cronaca nuda e cruda, storia di vita vissuta.

“L’inferno esiste e io ci sono stato. Mi hanno sequestrato, imprigionato e torturato. Prigioniero per trecentosettantatre giorni. Hanno tentato di farmi sparire nel nulla. Con me dovevano sparire anche i risultati del mio lavoro. Un’indagine lunga e difficile. Con un nome che forse non dice molto ma significa moltissimo: supernotes”, scrive l’Agente Kasper, protagonista del racconto scritto da Luigi Carletti con stile piano e scorrevole, con la tecnica del best-seller.

“Ho conosciuto Kasper vent’anni fa. Era un pilota dell’Alitalia. Viaggiava su una Porsche con due pistole e un fucile d’assalto nascosti sotto i sedili. Aveva sulla testa una taglia di un milione di dollari, ma non poteva avere la scorta”, ricorda Carletti. Un caso oscuro il suo, ignorato dai media, coperto da stampa e televisioni, perché forse troppo delicato, persino incredibile. L’Agente Kasper è la prova vivente che i campi di concentramento esistono ancora, almeno in Cambogia, dove lui ricorda di aver trascorso 13 mesi da prigioniero. Un ex carabiniere italiano rapito e nascosto, perché insieme a lui sparissero i risultati di un’indagine chiamata supernotes, un codice che è diventato il titolo di uno straordinario romanzo verità. La storia parte dalla cattura dell’agente segreto, avvenuta nel 2008 in Cambogia, prosegue con la prigionia in una caserma, in un ospedale - lager, quindi nel vero e proprio campo di concentramento di Prey Sar, dalle parti di Phnom Penh. L’Agente Kasper paga con la privazione della libertà un segreto terribile, una rete di dollari falsificati per milioni e milioni di biglietti da cento, un segreto chiamato supernotes.

Luigi Carletti e l’Agente Kasper mettono insieme i ricordi di una pericolosa indagine, descrivono prigionia, sofferenze e torture, componendo un romanzo avvincente, ricco di dialoghi e di azione, scritto con stile da consumato sceneggiatore. Una spy-story che ha qualcosa in più rispetto ai romanzi polizieschi stile 007, perché l’oggetto della narrazione è realmente accaduto, inserito in una scenografia che fa da sottofondo storico - politico. Il lettore ripercorre la nascita di Gladio, le fughe dei neofascisti in America Latina, il piano per eliminare gli uomini di Nelson Mandela in Europa, la guerra dei Balcani, il legame stretto tra i servizi segreti italiani e la CIA. Luigi Carletti pubblica il suo lavoro più maturo, dopo alcune storie minimaliste di grande spessore (Alla larga dai comunisti, Lo schiaffo) e alcuni gialli ben confezionati (Prigione con piscina, Cadavere squisito). Consigliato per chi ama i romanzi di spionaggio, il poliziesco all’italiana e la realtà romanzesca.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 06/04/2014 alle  20:32:00, nella sezione SPORT,  836 letture)

podistica notoSi è svolta a Noto domenica 5 aprile, con partenza da palazzo Ducezio, la prima edizione della Manifestazione podistica dei cinque Comuni. L’appuntamento era in seno al progetto UniversiNoto, realizzato nell'ambito dei Servizi agli Studenti nei Comuni sedi di Università, promosso e sostenuto dal Dipartimento della Gioventù - Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall'Anci - Associazione Nazionale Comuni Italiani. L’evento era organizzato dalla Mediter Business Consulting s.r.l., partner dell’iniziativa insieme con il capofila Comune di Noto e i Comuni di Avola, Pachino, Portopalo di Capo Passero, Rosolini, l’Associazione culturale Territorio e Ambiente e il Consorzio Universitario Mediterraneo Orientale. La manifestazione podistica dei cinque Comuni è stata inaugurata dai saluti dei sindaci di Noto, Avola, Pachino, Rosolini e Portopalo, rispettivamente Corrado Bonfanti, Luca Cannata, Paolo Bonaiuto, Corrado Calvo e Michele Taccone e dal presidente del Cda del Cumo, Aurelio Basilico. I partecipanti erano distinti in tre categorie UniNoto, Stady Superior e Atletic, che hanno seguito il percorso da palazzo Ducezio lungo il corso Vittorio Emanuele, proseguendo per via XX Settembre e salendo per via Sofia fino al punto d’arrivo previsto nella sede del Cumo. E’ quindi seguita la premiazione dei partecipanti da parte delle rappresentanze locali intervenute.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 06/04/2014 alle  20:27:29, nella sezione ARTE,  1131 letture)

Nuova personale di Angelo Cortese (nella foto) alla Galleria Quadrifoglio di via SS. Coronati a Siracusa dal titolo “Forme Sognanti”. Inaugurata sabato 5 aprile la mostra è curata da Mario Cucè, e rappresenta un affascinante rivisitazione del pensiero di uno dei più bravi pittori siracusani attraverso le opere esposte, oli su tela di vari formati, caratterizzate dalla ricerca di una dimensione conoscitiva dell'essere e della natura, da una fascinazione verso il metafisico e l’esoterico, che l'autore interpreta con le forme e i colori, con il segno graffiante e il tormento della sua geniale anima d’artista.

«L’universo intero – scrive Angelo Cortese nella brochure della mostra - è sognante e dal suo profondo si irradia in forma di tenebra una vibrazione che musicalmente pervade tutto, creando delle forme che spasmodicamente cercano una loro identità. Nella fase ancestrale queste forme ancora fluide contengono varie realtà: minerali, vegetali, animali e umane che, attratte dalla luce, assumono una loro identità. In questo vorticoso divenire l’anima sognante, attraversando e sostando in varie dimore, si arricchisce di spiritualità cercando Dio fino all’illuminazione totale. Da queste radici concettuali nasce la mia ricerca pittorica e l’elemento iconico, che visualizza il mio operare, si arricchisce di immagini, animali e umane che, in chiave mitologica e antropologica, cercano di fissare sulla tela simboli e allegorie fra l’apollineo e il dionisiaco».

Angelo Cortese è nato a Siracusa nel 1941 e si è formato presso la locale scuola d’Arte, l’Istituto Statale d’Arte di Palermo e le Accademie di Firenze e Roma. Dal 1964 al 1998 ha insegnato decorazione pittorica negli Istituti statali d’Arte di Siracusa e di Catania e nell’Accademia Val di Noto. E’ universalmente riconosciuto il valore aggiunto di una inquietudine interiore della quale Cortese pervade i suoi dipinti, ricchi di grande suggestione cromatica ma che, oltre a far godere l’occhio, costringono la nostra mente a riflettere sulla complessità della vita e sul mistero della morte.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 01/04/2014 alle  22:04:33, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  775 letture)

Tra non molto sarà Pasqua e dovrebbe esserci aria di festa e movimento di gente in giro, gente disposta a far compere, a spendere e a consumare, ma, a sentire i commercianti di Augusta, compreso il centro storico sempre più abbandonato e deserto, pare ci sia davvero poco da stare allegri. C’è aria di recessione, dovuta al falcidiato potere di acquisto degli stipendi, fatto dimostrabile in tante piccole cose, specialmente nella spesa quotidiana al mercato e nell’abbigliamento, tutte cose di cui nessuno in teoria potrebbe fare a meno. Le spese di lusso, d’altra parte, sono ormai appannaggio di pochi. E questi pochi fortunati che si ritrovano quattro soldi in tasca non sanno più neanche come investirli, visto che giocare in borsa è rischiosissimo e riserva amare sorprese, che i conti correnti non danno più alcun interesse, anzi costa maledettamente tenerli attivi, e che i BOT, antica e tradizionale camera di sicurezza dei nostri sudati risparmi, sono al minimo storico quanto a rendimenti e in pericolo per minacciati prelievi fiscali. Poi ci sono le tasse: comunali, addizionali, spazzatura, bollette telefoniche, Enel, Tarsu, Tasi e chi più ne ha più ne metta. Il mese di maggio prossimo venturo sarà il momento del redde rationem fiscale con i modelli 730 e 740 e i versamenti della nuova Tasi. Il cittadino, sempre più vessato, dovrà fare lunghe code alla posta, nelle banche, negli sportelli dei vari enti, per pagare, per versare quanto dovuto, con la sensazione di chi, oltre al danno, deve subire anche le beffe. Perché i cittadini hanno in cambio servizi poco efficienti, strade scassate, che si allagano ad ogni scroscio di pioggia, illuminazione pubblica inesistente, traffico congestionato e carenza di parcheggi. Ci salvi S. Domenico, ci salvi il Santo patrono che ormai si è abituato a soffrire anch’egli come i suoi devoti augustani. Il futuro è incerto, malgrado Renzi e le sue promesse, soprattutto si è persa la speranza di vedere i nostri figli sistemati, con un posto di lavoro possibilmente in Sicilia, non per forza al nord, perché se i nostri giovani continueranno ad emigrare in Sicilia resteranno solo i vecchi. E questo avviene per la pochezza spesso dimostrata dalla classe dirigente dei partiti e per la loro incapacità di volare alto, di progettare e di proiettarsi verso il futuro.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2

 173 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (253)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (119)
CRONACA (735)
CULTURA (203)
EDITORIALI (26)
EVENTI (356)
LIBRI (210)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021

Gli interventi più cliccati

< aprile 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             


Titolo

 



Titolo

Le fotografie più cliccate


Titolo


10/04/2021 @ 21:07:51
script eseguito in 240 ms