Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 13/05/2011 alle  16:03:01, nella sezione VIDEO,  1084 letture)

Ecco il video della mostra tenutasi dal 13 al 21 maggio 2011 nei locali espositivi dell'Università Popolare di Augusta "Giovanna d'Aragona" in via Roma ad Augusta. Hanno esposto i pittori Anna Barbagallo, Giuseppe Di Salvo, Bartolomeo Ortisi e Raimondo Raimondi.

 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 15/03/2011 alle  14:59:40, nella sezione CULTURA,  1558 letture)

Appuntamento del Kiwanis club di Augusta al Circolo Vandone sabato 13 marzo. Andrea Angeli, portavoce dell’Onu in Afganistan e Iraq, ha presentato il suo libro “Professione Peacekeeper” a cura del presidente ammiraglio Gaetano Russotto.  Andrea Angeli è nato a Macerata nel 1956, dopo essersi laureato in giurisprudenza e scienze politiche è entrato nel servizio esteri del Gruppo Guzzini. Procuratore legale e giornalista pubblicista dal 1987. Ha mosso i primi passi alle Nazioni Unite nel 1987 presso la sede ONU di Santiago del Cile, durante l'ultima fase del regime militare. Nel dicembre '88 é a Baghdad, tre mesi dopo la fine del lungo conflitto con l'Iran. A metà del '92 é nell'amministrazione temporanea ONU in Cambogia, Angeli diventa subito un punto di riferimento per il contingente di carabinieri inviati a rinforzo della polizia internazionale. Nel settembre '93 é a Sarajevo come addetto stampa della forza di pace UNPROFOR, incarico che ricoprirà fino alla fine della guerra . Nei cinque anni trascorsi in Bosnia Erzegovina e Croazia, Angeli svolge un'ampia attività di raccordo con la stampa di tutto il mondo. Strettissimi i rapporti di Angeli con il contingente di Carabinieri a Mostar' ne1'95 e le Brigate italiane IFAR/SFOR che si sono succedute nel dopoguerra. Alla fine del '98 é portavoce OSCE in Albania. Nei tre mesi dell'intervento NATO in Jugoslavia ha costantemente tenuto informata la stampa internazionale degli eventi che si succedevano a ridosso della frontiera albanese e nei numerosi campi profughi disseminati nel Paese. Nel settembre '99 Angeli ritorna addetto stampa ONU, questa volta a Pristina, nella nascente amministrazione ad interim delle Nazioni Unite. Dopo quattro anni in Kosovo Angeli, su proposta della Farnesina, accetta la posizione di portavoce dell'autorità di coalizione in Iraq. E' lui a dare all'Ansa ed alle altre agenzie la prima notizia dell'attacco alla base di Nassiriyah e a collegarsi con le principali testate mondiali per riferire del tragico evento. Interessanti le testimonianze di Angeli rese ad un uditorio numeroso e qualificato. Lo hanno preceduto gli interventi dell’ammiraglio Bernardi e del generale dei Carabinieri Coppola. Ha come sempre elegantemente condotto la serata Antonello Forestiere.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 25/01/2011 alle  10:32:20, nella sezione CRONACA,  917 letture)

L'Etna è interessato da un lento e continuo scivolamento verso il mare di un intero settore, che scorre pian piano su una superficie posta a circa quattro chilometri di profondità. Lo afferma uno studio sul fianco orientale del vulcano attivo più alto d'Europa recentemente pubblicato sulla  rivista "Geophysical research letters" da un team di ricercatori. Sin dai primi anni '90 numerosi studi hanno dimostrato che i fianchi dei vulcani possono collassare sia attraverso deformazioni repentine, sia mediante movimenti molto più lenti, ma continui, che investono porzioni significative degli apparati vulcanici. Lo studio ha dimostrato che attualmente  l'Etna è interessato da questo secondo tipo di movimento che, in alcuni periodi, accelera producendo terremoti ed evidenti deformazioni del suolo in corrispondenza dei margini tra il fianco instabile e la restante parte dell'apparato vulcanico. I ricercatori hanno messo in evidenza che lo spessore del fianco che collassa si aggira intorno ai 4 km.  Da tempo questi fenomeni sono sotto assiduo esame da parte della comunità scientifica, sia per i danni ai manufatti causati dalle faglie in movimento ai margini delle zone instabili, sia perché la stessa dinamica di fianco sembra effettivamente collegata alle eruzioni attraverso meccanismi non ancora completamente chiari e quindi meritevoli di attenzione.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 21/09/2010 alle  18:37:35, nella sezione CULTURA,  1014 letture)

Domenica 19 settembre la Chiesa Madre di Augusta ha ospitato un bel concerto nell’ambito del programma del Primo festival del Barocco dedicato al Barone Emanuele D’Astorga a 330 anni dalla sua nascita.  Il famoso “Stabat Mater” è stato magistralmente eseguito dal Coro dei Musici Nuziali diretto dal Maestro William Grosso cui fa fatto seguito il brano “Fac me plagis” eseguito dal baritono Giovanni Di Mare e la “Missa Brevis” dello stesso William Grosso con l’apporto della soprano Valentina Bianca, del controtenore Giuseppe Pennisi e del baritono venezuelano Paul Sajo. Il Primo Festival del Barocco è una iniziativa dell’Istituto Siciliano d’Arte Musica e Spettacolo intitolato proprio al D’Astorga e gode del patrocinio dell’Amministrazione Provinciale di Siracusa e del Comune di Augusta.

 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 18/09/2010 alle  15:01:52, nella sezione ARTE,  1542 letture)

Il Palazzo del Governo di via Roma a Siracusa ospita dal 18 settembre al 3 ottobre la mostra dei disegni di Aurelio Caliri e Maria Leone. Paesaggi dell’uno e ritratti dell’altra. Presentati dallo storico dell’arte Paolo Giansiracusa sabato 18 alla presenza del Sindaco Visentin, dell’Assessore al Bilancio della Provincia Rino Lazzari, dall’Assessore alla Cultura Amenta e da un folto e qualificato pubblico di estimatori del maestro Caliri, musicista, poeta e certosino disegnatore dei paesaggi di una Sicilia antica e meravigliosa. Sulla sua opera ebbe a dire Turi Volanti: "Disegnare un foglio, come fa Caliri, dare senso alla materia – inchiostro, carta o altro che sia – è il risultato di una infinita gestualità, in cui non solo lo mano - prolungamento del cervello - ma tutto il corpo dell’artista vibra al flusso degli strati interiori più profondi. È così che l'artista si è costruito un suo segno attraverso una sua orchestrazione gestuale, cercandolo e trovandolo nelle pietre di una pietrosa Sicilia, panlitica, iblea, prossima al primordio, pietre da cui tutto emerge e con cui tutto si costruisce, consustanziale alla nostra storia dura, alla fatica di una terra mitica ma avara: l'ha trovato nelle case pastorali, nei muri a secco, nelle categorie riarse e nei riarsi spazi di sole feroce, dove assente è l'uomo, in fuga dalla solitudine e dal silenzio panico”. Lo straordinario scrittore svizzero del Novecento, da poco scoperto, Robert Walser, ha scritto: “ Il pittore dovrà amare la natura con più intensità e maggior dolore di ogni altro, con impeto e tremore perfino più del poeta. e aspettazione”. Certamente con amore, tremore e aspettazione Aurelio Caliri continua ad osservare lo natura, fino a quando non sia prossima a rivelargli il suo segreto.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 05/09/2010 alle  18:40:38, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  1068 letture)

Un convoglio di oltre 20 mezzi, tra jeep e moto, tutti rigorosamente restaurati ed efficienti, hanno fatto sosta nel piazzale del Milite Ignoto di Augusta in transito verso Cassibile dove, il 3 settembre 1943 alle ore 17, fu firmato l'armistizio che pose fine al Secondo Conflitto Mondiale. Hanno sfilato i collezionisti di varie associazioni vestiti da militari angloamericani e non solo. Uomini e donne indossavano le divise, ma tra loro c'erano anche i Marines della base di Sigonella. La sfilata ha poi avuto luogo lungo la via Principe Umberto. I giovani hanno osservato incuriositi, ma nelle persone più anziane sono riaffiorati i ricordi del passato. A Cassibile il 3 settembre a ricevere il corteo storico in prima fila c’erano il sindaco Roberto Visentin, l'assessore alla Cultura, Sandro Speranza, il consigliere comunale Paolo Romano, promotore dell'iniziativa, il presidente della commissione comunale alla Cultura, Piero Maltese, l'assessore provinciale alla Cultura, Gaetano Amenta, il sindaco di Canicattini Bagni, Paolo Amenta, lo storico Nunzio Lauretta, il responsabile scientifico della manifestazione, il Marchese di Cassibile ed i rappresentanti delle associazioni culturali Lamba Doria e Kakiparis. La rievocazione storica è stata ideata e ralizzata dall'associazione marchigiana "Fantasmisuferrivecchi" di Camerino in collaborazione con l'associazione "Peri Peri" ed il sostegno della Provincia regionale. Per una settimana, il corteo di mezzi storici ha visitato i luoghi dello sbarco tra le province di Siracusa e Catania. Successivamente il convoglio è ripartito dal porto di Catania alla volta di Civitavecchia.  

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 23/08/2010 alle  12:02:06, nella sezione EDITORIALI,  913 letture)

Sappiamo che solo l’unione fa la forza e come sia necessaria la condivisione di progetti e di energie per far ripartire una voglia di cultura oggi latente ma che può qualificare e riempire di contenuti le buone intenzioni delle tante associazioni che non riescono a mantenere nel tempo gli impegni presi e finiscono per essere soltanto castelli di carta. Tali associazioni devono poter esistere ed operare anche in carenza di contributi pubblici i quali semmai devono venire dopo, a consuntivo di un’attività culturale svolta nel lungo periodo, se si è riusciti a realizzare qualcosa di buono, coi soli mezzi del volontariato e della dedizione a un’idea o a un progetto condiviso. I principi su cui tutti sono d’accordo, oggi come oggi, riguardano come campo d’intervento i giovani, e parlano di cultura della legalità di cui oggettivamente la nostra società ha un gran bisogno e di recupero della dispersione scolastica, fenomeno non così raro come si potrebbe pensare. In nome di una cultura della vita, intesa come valore assoluto contro ogni sballo che possa portare alle stragi del sabato sera. Anche i momenti di aggregazione tra i cittadini, specialmente tra i più giovani, sono da considerarsi indispensabili per la vita della comunità. Nel vuoto assoluto, nella noia di un paese che non sa offrire nulla ai suoi cittadini, proliferano alcool, droga e tragedie annunciate. Augusta non ha alcun contenitore di eventi culturali o di svago in grado di offrire alla cittadinanza una occasione di intrattenimento e di spettacolo. Quando si potrà far uso dei locali del Convento di S. Domenico? E che fine faranno i locali dell’ex tribunale alle Grazie? La verità è che Augusta ha bisogno di fantasia, di progetti d’ampio respiro, di essere tirata fuori dalla situazione in cui si trova e per questo, stante la penosa carenza delle finanze pubbliche, è sempre più necessario il contributo di tutti. Ci aspettiamo quindi la collaborazione di tutti senza settarismi e personalismi, e, per quanto riguarda l’amministrazione pubblica, un atteggiamento sensibile che vada al di là dei ragionamenti di cassa, perché tante cose possono essere realizzate a costi minimi, ma ci vuole abilità e saper fare e una buona dose di amore per la città.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 23/08/2010 alle  11:25:41, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  937 letture)

“L’handicap non è insito nella persona con difficoltà, è piuttosto uno status della persona” – questa frase lapidaria da un senso preciso alla necessità di abbattere ogni tipo di barriere architettoniche che rendono non vivibili tanti spazi pubblici a coloro che sopportano già il peso di un disagio. Un tema spesso dibattuto negli anni passati ma ancora drammaticamente attuale vista la situazione non ben definita malgrado le normative promulgate in materia, a cominciare da quella legge n. 13/89 che a distanza di venti anni dalla sua emanazione ancora non è del tutto operativa. Tutto ciò è ampiamente documentato dalle barriere ancora esistenti, tante, visto che sono ancora poche quelle strutture che invece hanno saputo adeguarsi superando ogni ostacolo. Gli articoli di Mimmo Di Franco e di Giovanni Di Mare hanno più volte denunciato come il fenomeno sia ampiamente presente anche nella nostra cittadina. La gente continua a negare le pari opportunità, negando soprattutto a se stessa la consapevolezza che è proprio il non rispetto delle normative e un comportamento poco civile e responsabile a rendere la persona veramente handicappata. Infatti il mancato adeguamento degli edifici pubblici, negli uffici comunali, nelle scuole, negli ambulatori dell’ASL, nelle Poste o altrove è una grave carenza cui si aggiunge il comportamento dei cittadini allorquando lasciano la macchina parcheggiata davanti a uno scivolo, impedendo così l’accesso e il transito delle carrozzelle, o occupano un parcheggio riservato agli invalidi delineato con le strisce gialle. Si parla tanto di solidarietà ma sarebbe più opportuno ricordarsene concretamente tutti i giorni nei comportamenti comuni. Le iniziative delle varie associazioni di volontariato hanno come obiettivo primario la sensibilizzazione dei ragazzi delle scuole, nella consapevolezza che i giovani siano più bravi dei grandi a capire tutto questo e che proprio da loro si deve cominciare per far sì che la solidarietà non sia solo un sostantivo privo di contenuti, ma un reale e concreto atteggiamento per poter coesistere tutti insieme, disabili e non, in una città civile a misura d’uomo. Perché la diversità è un bene prezioso cui l’umanità può attingere per progredire, senza bisogno di sancire per legge percentuali di partecipazione al potere pubblico, come una nostra graziosa ministra, allora delle pari opportunità, ha proposto qualche tempo fa. “Pari opportunità” deve essere un concetto che vale erga omnes – per tutte le categorie sociali svantaggiate - e non solo riguardo il gentil sesso. Sostituire quantitativamente politicanti femmine a politicanti maschi è cosa risibile, ben altro è trovare qualità politiche d’alto livello in chiunque - uomini, donne, disabili, omosessuali e chi più ne ha più ne metta- meriti di essere valorizzato e di lavorare per il progresso civile della città dove vive e della nazione dove è ospitato.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 12/06/2010 alle  10:37:09, nella sezione CULTURA,  861 letture)

Il Taormina Film Fest, appuntamento di giugno, è arrivato alla sua 56ª edizione dal 12 al 18 giugno 2010 nella meravigliosa cornice di sempre, il Teatro Antico di Taormina, uno tra i più importanti e suggestivi monumenti siciliani. Il Festival gode del patrocinio economico della Regione Sicilia, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, di Sicilia Film Commission, oltre che del Comune di Taormina e di altri importanti sponsor privati, ed è diretto fin dall’edizione del 2007 da Deborah Young che è riuscita a portare nello splendido scenario taorminese grossi nomi del cinema statunitense e mondiale. E’ una grande "vetrina" di importanti anteprime di film provenienti da Hollywood e dal resto del mondo. Diversi film presentati a Taormina sono stati successivamente nominati per rappresentare i loro rispettivi Paesi per gli Academy Awards; altri hanno vinto Emmy, Golden Globe ed altri importanti riconoscimenti. Fra i premi che verranno assegnati quest’anno ci sono il Golden Tauro per il miglior film e i Taormina Arte Awards per varie importanti personalità del cinema internazionale. Il Festival ospita tre diversi concorsi, ognuno limitato a non più di sette film: Mediterranea, riservato a film prodotti dai paesi mediterranei, Oltre il Mediterraneo, dedicato al cinema mondiale e il Concorso Corti Siciliani. La Spagna sarà il Paese del Mediterraneo Ospite d’onore per il 2010; l’anno scorso era stata la volta della Francia con la presenza di Catherine Deneuve, Fanny Ardant e Dominique Sanda. Spettacolari le proiezioni all'aperto sullo sfondo del suggestivo Teatro Antico e suggestivi i cocktail nel Grande Albergo Timeo dove è possibile incontrare e fotografare gran parte degli attori e dei personaggi del mondo del cinema ospiti a Taormina, compresi produttori, distributori e direttori di festival che ogni anno possono visionare i film del festival in anteprima prima ancora che vadano in distribuzione nei circuiti commerciali. In una cittadina unica al mondo per la sua bellezza naturalistica e per la sua calorosa ospitalità, il festival rappresenta oggi un evento culturale validissimo e in rapida evoluzione, che dovrà essere salvato e perpetuato nel tempo a onta di qualsiasi crisi economica che costringa a restrizioni nei contributi. Ma il Festival è uno dei pochi eventi validi in un panorama di sprechi e di questo è perfettamente convinto l’Assessore regionale al Turismo Nino Strano che ha recentemente dichiarato il suo entusiasmo per questa pregevole manifestazione di arte e cultura.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/05/2010 alle  10:40:19, nella sezione SPORT,  1552 letture)

Presentato il 27 maggio alla stampa nell’ufficio del Sindaco di Augusta il “1° Trofeo HANGAR di AUGUSTA”, una due giorni di calcio giovanile riservata alle categorie “Giovanissimi” e “Pulcini misti”. Organizzata dall’A.S.D. SPORTLAND 2000 AUGUSTA, associazione sportiva affiliata alla F.I.G.C. Settore Giovanile Scolastico e al CONI, l’evento gode del patrocinio della Provincia Regionale di Siracusa e del Comune di Augusta e si svolgerà il 29 e 30 maggio 2010 su due campi attrezzati a disposizione della società sportiva, il Campo Megarello e il Centro Sportivo Sportland, che si trovano sulla strada per Brucoli. Partecipano al torneo le seguenti squadre: REGGINA CALCIO, CALCIO CATANIA, J. ACIREALE, M. RAGUSA, HELLENIKA SIRACUSA, SPORTIME C.S. e SPORTLAND 2000. Si è voluto dedicare il torneo giovanile all’Hangar di Augusta per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla possibilità non solo di valorizzare quel monumento unico in Europa che è diventato simbolo di Augusta, ma anche sulla potenzialità che negli ampi spazi verdi che lo circondano possa nascere un centro sportivo a disposizione dei giovani. Pertanto a margine della manifestazione è stata organizzata una mostra di fotografia dedicata all’Hangar di Augusta, a cura dell’Associazione Augusta Photo Freelance e della testata web Augustaonline. Il coordinamento e l’Ufficio Stampa dell’evento sono affidati al giornalista Raimondo Raimondi. L’evento è stato fortemente voluto dal consigliere provinciale Paolo Amato, capogruppo PDL alla Provincia, che ha dichiarato: “Con questo ed altri eventi sportivi saremo in grado di recare benefici soprattutto ai nostri ragazzi oltre che a noi stessi. I preparatori atletici sono assai qualificati e animati da grande passione per lo sport e costituiscono una affettuosa guida per i piccoli atleti. Lo sport è salute, crescita intelligente e trasmette valori, fornendo chi lo pratica, soprattutto in giovane età, di quell'equilibrio necessario per affrontare la vita. Vale la pena perfino di perdere qualche partita sul campo: la vera vittoria consiste nel formare la coscienza e la conoscenza, propria ed altrui, soprattutto nel settore giovanile”. Anche il Sindaco Massimo Carruba ha plaudito all’iniziativa sottolineando come spesso l’iniziativa privata ad Augusta sopperisce alle carenze di strutture sportive pubbliche di cui il comune è attualmente carente, ma si sta provvedendo al riguardo si da avere nel prossimo futuro quelle strutture che i nostri giovani meritano di avere.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 02/04/2010 alle  18:24:24, nella sezione CULTURA,  1038 letture)

Presentazione martedì 6 aprile alle 18,30 presso la Libreria Biblios di Siracusa del libro “Amore, rabbia e verità”, ultima fatica letteraria dei siracusani Luca Raimondi e Daniele Scirpo. Alla presentazione prenderanno parte la scrittrice Barbara Becheroni, autrice della prefazione, e la musicista Cristina Gianino. Uniti dalla comune volontà di approfondire i difficili rapporti tra uomini e donne dalla giovinezza all’età adulta, Luca Raimondi e Daniele Scirpo propongono due lunghi racconti tra introspezione, ironia e romanticismo. Incanti e disincanti si susseguono senza sosta, componendo un originale "romanzo a staffetta" sulla crisi d’identità del maschio nella società odierna. Nella prima parte, "A piedi nudi sulla sabbia bollente", Raimondi racconta il duro e iniziatico percorso che riconduce l'io narrante, un giovane filosofo confuso, tra le braccia della ragazza che aveva lasciato in un moto di presunzione. A Scirpo è affidata la seconda parte, "Katerina", in cui un altro io narrante, un mite impiegato modello, si risveglia nel "giorno dopo" di quel lieto fine raggiunto con sacrificio dal primo protagonista: in un matrimonio apparentemente riuscito, si dibatte, scalcia, cerca di capire e infine subisce, felicemente, il potere della donna. Come scrive la scrittrice Barbara Becheroni nella prefazione che aggiunge un punto di vista femminile alle vicende narrate esclusivamente da un’ottica maschile, “non è facile capire le donne, però, a volte, tra contraddizioni e cenere sparsa sulla testa, qualcuno, faticosamente, ci riesce. Non del tutto, per carità, altrimenti, che divertimento ci sarebbe?”. Luca Raimondi, pedagogista, e Daniele Scirpo, archeologo, sono amici di vecchia data uniti dalla comune passione per la letteratura e il cinema. Hanno spesso collaborato nella stesura di sceneggiature (tra cui "I tre giorni di San Paolo", Gruppo Editoriale L'Espresso, 2009) e hanno diretto, insieme o singolarmente, numerosi cortometraggi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 20/03/2010 alle  10:34:09, nella sezione ARTE,  810 letture)

La galleria Roma ospita dal 20 marzo la mostra personale della pittrice Marisa Leanza, priolese. E’ stata presentata dal poeta Salvo Sequenzia che di lei scrive: “Marisa Leanza – in Profili - percorre con estrema rapidità il tempo di una ricerca che da un naturalismo alla Casorati, di spaesante elegia, attraverso momenti traversati da inquietudine e curiosità, approda ad un sentimento della forma caratterizzato da una peregrinazione nel magma della materia colorata. L’artista vede, pensa e sente la realtà come trama intricata di elementi pittorici e, pertanto, le sue percezioni sono restituite sulla tela sub specie cromatica di segno e di luce. Da tale avvertimento affiora una teoria di volti, di corpi, di mani, che si definiscono quali reperti struggenti, assorti, sempre cangianti, modulati su ritmi contratti, scansioni spaziali chiuse e silenti, atmosfere sospese. Nei Profili di Marisa Leanza si colgono legami di forme e di colori che non spiegano né traducono, bensì rappresentano la sostanza stessa delle emozioni evocate, così come esse si riverberano nell'interiorità dell'artista.” Vagamente discontinua la sua produzione che probabilmente deve ancora trovare una univoca amalgama. Per ora affronta temi diversi e differenti stilemi prediligendo però la ricerca di scorci anatomici che emergono dal fondo scuro con squarci di luce dal sapore caravaggesco. Nelle sue opere levità e inquietudine, luce e silenzio, si compenetrano per superarsi a vicenda, ora accentuando il delicato mélange delle tinte, ora acuendo il pathos delle linee scure, come graffi dell’anima. Ogni immagine racchiude felicità espressiva, bellezza lineare e formale, un'interpretazione globale del personaggio, eternato nella sua più intima, intensa spiritualità.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 13/03/2010 alle  18:35:06, nella sezione ARTE,  898 letture)

In mostra all’Antico Mercato di Ortigia dal 13 al 27 marzo i dipinti recenti di una delle più interessanti pittrici del panorama siracusano: Sandra Rizza. Una immersione nelle visioni metafisiche che hanno per protagonista la verticalità dei grattacieli di New York, grandi tele che segnano una presa di distanza, che marcano un desiderio di trascendenza, un decollo ardito verso l’infinito e il divino. E piccole tele deliziose e intriganti a completare un viaggio, un volo che atterra nell’inattesa installazione in cui spirali di luce riflessa e gestuali e sensuali movimenti di colore si intrecciano a provocare coinvolgenti “capogiri”. Sandra Rizza ama la sperimentazione, si è appassionata al neo-impressionismo, è stata entusiasta della pop-art, non si è sottratta al contagio della fumettistica e dell’arte pubblicitaria, ma oggi le sue immagini, frutto di una ricerca espressiva inesausta, si imprimono nella retina del visitatore, che scopre come sotto la superficie della contemporaneità si annidi una simbologia profonda, che la pittrice ci consegna con un intuito fuori dal comune.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 02/03/2010 alle  10:34:09, nella sezione ARTE,  873 letture)

La galleria Roma ospita dal 20 marzo la mostra personale della pittrice Marisa Leanza, priolese. E’ stata presentata dal poeta Salvo Sequenzia che di lei scrive: “Marisa Leanza – in Profili - percorre con estrema rapidità il tempo di una ricerca che da un naturalismo alla Casorati, di spaesante elegia, attraverso momenti traversati da inquietudine e curiosità, approda ad un sentimento della forma caratterizzato da una peregrinazione nel magma della materia colorata. L’artista vede, pensa e sente la realtà come trama intricata di elementi pittorici e, pertanto, le sue percezioni sono restituite sulla tela sub specie cromatica di segno e di luce. Da tale avvertimento affiora una teoria di volti, di corpi, di mani, che si definiscono quali reperti struggenti, assorti, sempre cangianti, modulati su ritmi contratti, scansioni spaziali chiuse e silenti, atmosfere sospese. Nei Profili di Marisa Leanza si colgono legami di forme e di colori che non spiegano né traducono, bensì rappresentano la sostanza stessa delle emozioni evocate, così come esse si riverberano nell'interiorità dell'artista.” Vagamente discontinua la sua produzione che probabilmente deve ancora trovare una univoca amalgama. Per ora affronta temi diversi e differenti stilemi prediligendo però la ricerca di scorci anatomici che emergono dal fondo scuro con squarci di luce dal sapore caravaggesco. Nelle sue opere levità e inquietudine, luce e silenzio, si compenetrano per superarsi a vicenda, ora accentuando il delicato mélange delle tinte, ora acuendo il pathos delle linee scure, come graffi dell’anima. Ogni immagine racchiude felicità espressiva, bellezza lineare e formale, un'interpretazione globale del personaggio, eternato nella sua più intima, intensa spiritualità.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 01/03/2010 alle  12:25:41, nella sezione CULTURA,  1217 letture)

Mercoledì 10 marzo 2010, alle ore 18.00 al Caffè Letterario in Via Ostiense 95 a Roma avrà luogo la presentazione del libro "Amor Fati" di Marcello Veneziani (Ed. Mondadori) a cura di Antonio Saccà. L'incontro sarà moderato dalla scrittrice Deborah D'Agostino e sarà presente l'Autore. Il libro sviluppa una riflessione appassionata sul destino, il caso e la provvidenza, alla ricerca di un disegno intelligente di vita nella nostra epoca che ne è priva, dominata dalla tecnica e dall'economia. Amor Fati affronta il disperato bisogno di sacro e di senso in un tempo che ha perduto il passato e il futuro, ingoiati nel presente. Amor Fati significa accogliere la vita, i suoi limiti e le sue responsabilità, fino in fondo: accettare la realtà e le sue imperfezioni. Amor Fati è la serenità degli inquieti. Marcello Veneziani, editorialista del "Giornale", ha fondato e diretto settimanali, riviste, case editrici, e curato opere di filosofia, storia e cultura politica. Ha pubblicato per Mondadori: Il segreto del viandante (2003), I vinti (2004), Contro i barbari (2006), Rovesciare il '68 (2008), Sud (2009). Dopo la presentazione di Marcello Veneziani, sarà la volta della scrittrice Silvia Resta e del suo ultimo libro "La bomba di Firenze - Fantacronaca delle stragi del '93" (Infinito Edizioni), presentato da Serena Rossi. Una reporter americana nata dalla fantasia dell'autrice, si muove tra le macerie delle stragi a caccia della verità. Alla fine troverà una risposta: inquietante, quasi surreale. Onirica. Ma non per questo impossibile.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 23/02/2010 alle  12:20:47, nella sezione CULTURA,  1020 letture)

Presentato “Marenigma” alla Galleria Roma di Siracusa Nell’ambito dei giovedì culturali organizzati dalla Galleria Roma il 18 febbraio il prof. Luigi Amato ha presentato il romanzo di Luca Raimondi "MARENIGMA" edito da Aracne di Roma. Un thriller psicologico e metafisico al tempo stesso, una favola nera alla Stephen King. Una villa in un’amena località balneare è il teatro di una serie di inspiegabili eventi che coinvolgono un gruppo di adolescenti in gita. Qualcosa annulla la volontà dei ragazzi o forse, al contrario, la fa venire fuori, mentre all’orizzonte si stagliano le nubi minacciose, una tempesta in arrivo, uno strano vascello fantasma, la natura capricciosa che si ribella a qualunque tentativo di razionale ordine e spiegazione, l'incontro e lo scontro con l’ultraterreno che dispensa redenzioni e punizioni. Infine, il mare, immenso e ipnotico, gravido di misteri insondabili. Luca Raimondi, per il suo ritorno alla narrativa, propone ai suoi lettori un coinvolgente romanzo sulla giovinezza e i suoi terrori. Luca Raimondi è nato ad Augusta nel 1977 e vive a Siracusa. Tra le sue pubblicazioni, i romanzi Cerniera lampo (1996) e Cuore del vuoto (1998) e i saggi Mostri e maestri. Tracce di cinema e letteratura (2002), Gustave Doré (2002), Nient’altro che un sogno (2005), Il pensiero pedagogico di Pier Paolo Pasolini (2006) e Comunicare la cultura (2007). Regista e sceneggiatore di cortometraggi, videoclip e documentari, fondatore e direttore artistico dal 2002 del “Corto Siracusano Film Fest”, è inoltre autore del saggio “Fronte del corto. Scenari del film breve”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 23/01/2010 alle  12:18:03, nella sezione ARTE,  967 letture)

Si inaugura il 30 gennaio la dodicesima edizione della mostra di beneficenza organizzata per incentivare le adozioni a distanza di bambini del terzo mondo. “L’arte per la vita” registra la partecipazione di molti validi artisti nei locali dell’ex Convento del ritiro di via Mirabella che il Comune ha messo a disposizione. Dice l’organizzatore Giacomo Perticone: “Adesso col vostro aiuto ognuna delle opere esposte potrà servire a nutrire ed educare un bambino per un intero anno e questa vostra corale e pronta collaborazione ha fruttato in undici anni centinaia di adozioni. Questa sinergia fa onore sia a noi artisti che a voi benefattori. Ma soprattutto a voi perché, mentre noi produciamo le nostre opere per soddisfare il nostro bisogno di esprimerci dando sfogo alla nostra fantasia e pertanto proviamo grande piacere a farlo e lo faremmo comunque, voi invece dovete aprire la tasca che sta sulla parte sinistra del vostro petto e non vi accorgete che con questo gesto spalancate il vostro cuore e compite l'azione più bella della vostra vita, quella di fare del bene ad un altro essere umano, quello più fragile, indifeso e impossibilitato ad attivarsi e a reagire a qualsiasi ingiustizia gli venga rivolta: ad un bambino. Come ogni anno siete tutti invitati alla mostra, non mancate, vi prego, In occasione di essa vi verrà omaggiato un catalogo di alcune delle opere esposte che vi ricorderà a lungo in futuro questa dodicesima manifestazione”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 21/01/2010 alle  12:12:14, nella sezione ARTE,  1702 letture)

Col patrocinio della Provincia Regionale di Siracusa e del Comune di Augusta il 22 gennaio 2010 si inaugurerà alle ore 18,00 nella sala espositiva dell’A.W.A. International, sita in via Roma 33, il 1° Premio di Pittura CASTELLO SVEVO. L’evento è organizzato dall’Associazione Culturale “Figli di Augusta”, presieduta da Aldo Raina, sotto la direzione artistica del critico d’arte Raimondo Raimondi. La mostra sarà visitabile dal 22 al 28 gennaio, con orario d’apertura 18,00-20,00, mentre la cerimonia di premiazione degli artisti partecipanti avrà luogo venerdì 29 gennaio, alle ore 18,00, nell’Auditorium di Palazzo S. Biagio sempre in via Roma. Questa mostra d’arte contemporanea costituisce un’occasione d’incontro tra il pubblico e gli autori; tema dominante è il Castello di Federico II, che caratterizza Augusta con la sua solenne mole, antico spettatore silenzioso delle vicende storiche della città. Un monumento che deve essere recuperato alla città non solo come bene architettonico ma anche e soprattutto come fruibile contenitore di iniziative artistiche e culturali, cosa che ancora una volta non è stato possibile in questa occasione per le proibitive condizioni imposte dalla Sovrintendenza di Siracusa. La Provincia Regionale di Siracusa ha voluto patrocinare questa iniziativa fortemente voluta dal Presidente Nicola Bono e dal Consigliere Provinciale Paolo Amato. L’iniziativa gode anche del patrocinio del Comune di Augusta. La mostra d’arte vede come protagonisti 20 pittori chiamati alla realizzazione di opere originali, sensibili interpreti del territorio, inteso come insieme di paesaggio ambientale e di beni artistici e culturali. Gli artisti che partecipano al Premio sono gli augustani Giovanni Bruno, Antonino Cammarata, Palmino Cipriano Giuseppe Di Salvo, Bartolomeo Ortisi, Enrico Pugliares, Salvo Pugliares, Raimondo Raimondi e Cinzia Sciolto, il lentinese Franco Condorelli, il pugliese Vito Bitetti e i siracusani Salvatore Accolla, Santo Gallo, Giuseppe Insolia, Vittorio Lucca, Amedeo Nicotra, Luciano Paone, Giacomo Perticone Maria Salustro e Claudio Schifano, tutti nomi importanti del panorama artistico nazionale. Le opere di questi pittori saranno poste in vendita ed il ricavato servirà per realizzare un progetto meritorio: quello di far venire ad Augusta dall’Argentina due giovani figli di emigrati augustanesi che non hanno mai visitato la patria dei loro genitori. Questo grazie ai rapporti che intercorrono tra l’Associazione “Figli di Augusta” e le Associazioni di emigrati augustanesi in Argentina.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 23/12/2009 alle  12:07:21, nella sezione ARTE,  1023 letture)
La galleria LAVERONICA di Modica, diretta da Corrado Gugliotta, presenta dal 28 dicembre 2009 al 21 marzo 2010 “DeadMouth”, mostra personale dell’artista Adelita Husni-Bey. Nata a Milano e cresciuta tra l’Italia e la Libia, Adelita Husni-Bey vive e lavora a Londra dove ha studiato prima al Chelsea College of Art and Design e poi al Goldsmiths College, dove ha appena conseguito l’MA in Photography & Urban Cultures. Nel suo lavoro Adelita Husni-Bey affronta temi come il rapporto tra storia e biografia personale, la relazione tra dimensione privata e vissuto collettivo, il potere narrativo delle immagini e la loro capacità di contenere o sviluppare una storia. La sua pratica artistica si sviluppa attraverso mezzi espressivi differenti, che spaziano dal disegno alla pittura, dal video alla fotografia, dalla scultura all’installazione, anche se tutte le sue opere tradiscono sempre un approccio e una sensibilità pittorica che rivela la sua spiccata e naturale propensione all’utilizzo di questo linguaggio. La mostra si sviluppa intorno al nuovo video che l’artista ha realizzato su Teufelsberg (monte del diavolo), una collina artificiale situata nel bosco adiacente la stazione di Grunewald, a sud ovest di Berlino. La collina fu costruita dagli Alleati dopo la seconda guerra mondiale per seppellire l’edificio nazista progettato da Albert Speer, sede di una scuola di tecnica militare. L’edificio fu ricoperto utilizzando milioni di metri cubi di macerie degli edifici distrutti dai bombardamenti bellici. L’artista vuole renderci un’immagine del potere sconosciuto - politico o religioso - che ci attrae, guida o governa, una riflessione su come ciò che determina il nostro agire sia in verità qualcosa di indefinito e oscuro.
Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 20/12/2009 alle  12:04:27, nella sezione CULTURA,  824 letture)

Il Maestro Pietro Ballo, tenore di fama internazionale, nell’intento di ricordare l’amico e collega Luciano Pavarotti a due anni dalla sua prematura scomparsa, organizza con l’egida dell’Accademia Lirica del Mediterraneo, di cui è presidente e direttore artistico, l’ “Omaggio a Pavarotti”. L’evento straordinario vedrà come cornice il teatro “Massimo” di Palermoe avrà luogo giorno 21 Dicembre alle 21.00. Sul palco il tenore Pietro Ballo, i soprani Lidia Ballo e Barbara Lo Faro, i baritoni Nicola Alaimo e Giovanni Di Mare, i bassi Sergio Fontana e Claudio Levantino, accompagnati dall’orchestra Filarmonica di Lugansk, diretta per l’occasione dal Maestro Leone Magiera. L’evento, di straordinaria caratura internazionale, ha visto come sponsor promotori la Provincia Regionale di Palermo, la Regione Siciliana, Assessorato al Turismo e diversi enti privati.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 131 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (232)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (59)
COSTUME E ATTUALITA' (116)
CRONACA (732)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (333)
LIBRI (201)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli interventi più cliccati

< novembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
11
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


15/11/2018 @ 13:24:13
script eseguito in 354 ms