Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 08/11/2011 alle  13:03:30, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  890 letture)

Una volta era la natura a rimediare i guasti dell’ambiente. Il vento spazzava via la puzza di uova marce delle industrie e il mare risistemava le coste e portava via i rifiuti e le plastiche. Ma ora non è più così. Ora la natura si ribella e punisce. La risposta del cielo è la pioggia a catinelle che viene giù in pochi minuti e la tonnellata di fango che tutto travolge. Un fenomeno nuovo col quale si dovrà convivere. L’Italia non è più il Paese dove venivano a svernare i diseredati e i vagabondi nordici. Oggi un sottopassaggio che prima era un riparo e un rifugio può diventare una trappola per topi dove morire affogati. Lo Stato non ha saputo occuparsi della sicurezza della gente. Il territorio devastato presenta problemi che vengono affrontati solo a cose fatte. Dopo che le case sono crollate. Dopo che i morti sepolti dai calcinacci o inghiottiti dal fango sono tirati fuori dai volontari. Cascate di fango su una Italia costruita con lo sputo, sulle campagne straformate dagli abusi edilizi. E si muore perché si lavora in nero nelle palazzine pericolanti o perché famiglie intere vivono negli scantinati, si muore o si sopravvive male, rovinati dal crollo dell’unica casa e delle nostre ultime speranze.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 05/11/2011 alle  09:34:04, nella sezione CRONACA,  883 letture)

L’Ufficio Stampa dell’ASP di Siracusa informa che da mercoledì 9 novembre e fino a tutto gennaio 2012 sarà disponibile gratuitamente presso i medici di famiglia e gli ambulatori di vaccinazione di tutta la provincia il vaccino antinfluenzale. La novità di quest’anno è rappresentata dalla possibilità di sottoporre alla vaccinazione i bambini portatori di patologie croniche presso lo studio del proprio pediatra. Destinatari della vaccinazione sono gli anziani di età superiore a 64 anni, i bambini oltre 6 mesi e gli adulti affetti da patologie croniche a carico dell’apparato respiratorio, cardiocircolatorio, da diabete e altre malattie metaboliche, da malattie renali, linfoproliferative, neoplasie, da malattie che comportino immunosoppressione, malassorbimento intestinale, malattie neuromuscolari, patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici. Il vaccino verrà somministrato gratuitamente, inoltre, alle donne nel secondo o terzo trimestre di gravidanza, ai ricoverati in strutture per lungodegenti, a medici e personale sanitario di assistenza, a soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo, a personale che per motivi occupazionali è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani. Anche quest’anno il vaccino antinfluenzale contiene l’antigene AHIN1, responsabile della pandemia del 2010. I cittadini, il cui medico di medicina generale o pediatra non ha aderito alla campagna vaccinale, possono recarsi agli ambulatori di vaccinazione del comune di residenza.. “L’efficacia della vaccinazione – sottolinea il direttore del Servizio di Epidemiologia e Medicina Preventiva Lia Contrino – viene raggiunta dopo circa 10 giorni e mantiene una durata di circa sei mesi. Durante la campagna vaccinale dello scorso anno, nel territorio dell’Asp di Siracusa, sono state vaccinate complessivamente circa 74 mila persone. La tollerabilità dei vaccini utilizzati è stata molto elevata, non ci sono state segnalazioni di eventi avversi gravi. La copertura vaccinale attesa quest’anno è almeno del 75% come obiettivo minimo perseguibile, con un obiettivo ottimale auspicabile del 95% dei soggetti con età superiore e pari a 64 anni compiuti e dei soggetti a rischio. E’ pertanto necessario intensificare gli sforzi per raggiungere tale gruppo di persone, nonché migliorare la protezione nelle altre categorie a rischio”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 03/11/2011 alle  23:07:17, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  1236 letture)

Il trucco dello specchietto retrovisore rotto miete ancora vittime nella provincia siracusana. Pare che siano in tanti i malavitosi che si cimentano in questo trucco fraudolento a danno di indifesi cittadini. Ecco come avviene la dinamica del fattaccio: quando ci si trova incolonnati nel traffico o in prossimità di un incrocio o in strade strette all’improvviso si sente una botta sulla macchina come se si fosse urtato qualcosa. In realtà viene data una manata o viene lanciata una pietra o un bullone su una fiancata dopo di che si viene tallonati da una macchina dalla quale un individuo dalla faccia poco raccomandabile urla improperi sostenendo che gli è stato rotto lo specchietto retrovisore a seguito di un contatto tra le auto o di un sorpasso. Pur essendo sicuri di non aver urtato nessuno, sotto la valanga di minacce e insulti tendenti ad ottenere o la firma un CID o meglio ancora una somma in contanti per non invalidare il bonus-malus, spesso i malcapitati cedono e pagano anche se il danno non esiste e si subodora la truffa. Questa gentaglia va in giro con uno specchietto retrovisore, soprattutto quello della parte destra, già rotto e penzolante e inscenano questa commedia estortiva ogni qual volta ritengono di trovarsi di fronte una donna o un anziano, meglio se soli. Si consiglia di non cedere e di chiamare subito il 112 o il 113, in questura o al comando dei carabinieri questa truffa è ben nota e si tratta di una vera e propria estorsione, anche se difficile da provare.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 03/11/2011 alle  14:59:47, nella sezione ARTE,  1631 letture)

Continua a Siracusa la mostra personale di Giovanni Alfano inaugurata il 15 ottobre al Palazzo del Governo di via Roma per il 50° anniversario della sua pluriennale attività pittorica. “Una vita per l’arte” si intitola l’evento che ha visto esposto un centinaio di opere che spaziano dal figurativo al concettuale-astratto, presentate in un ricco ed elegante catalogo da Paolo Giansiracusa e Giovanna Marino. Numerosissimi i visitatori e gli amanti dell’arte che hanno goduto di questa carrellata di quadri visibili nelle ampie sale del Palazzo di via Roma, il che ha convinto l’artista a prolungare la mostra fino al 13 novembre. Nato ad Augusta nel 1936 Alfano ha poi vissuto incessantemente a Siracusa dove gestisce lo studio-galleria “La tavolozza” in corso Gelone 86. Numerosissime sono le mostre personali e collettive tenute da Alfano in Italia e all’estero. Preziose le amicizie tessute con artisti del calibro di Treccani, Migneco, Fontana. Oltre 200 i premi ricevuti in tante e tante manifestazioni rigorosamente documentate nel catalogo di Alfano. Il critico d’arte Vittorio Sgarbi ha sinteticamente apprezzato le sue opere definendolo “Giovanni Alfano al centro dell’arte”. La rassegna rimarrà aperta al pubblico dalle ore 9,00 alle 13,00 e dalle ore 16,00 alle 20,00. Uomo generoso e leale, amico su cui contare, pittore rigoroso e sapiente, innovatore per certi versi, capace di gestualità e di inventiva, Giovanni Alfano è un artista genuino che ha donato a Siracusa il valore aggiunto della sua creatività artistica e della sua rara umanità.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 02/11/2011 alle  11:35:02, nella sezione CRONACA,  751 letture)

Alla fine, stanchi di promesse e attese, i dipendenti del comune di Augusta scelgono le maniere forti e annunciano uno sciopero per il giorno 14 novembre dalle 8 alle 14, sciopero proclamato dalla FP CGIL Enti Locali che ha comunicato la decisione alla prefettura, al sindaco e alla commissione di garanzia. C’era già stato un tentativo di conciliazione il 18 ottobre risolto in un nulla di fatto visto che non sono state corrisposte le mensilità di settembre e ottobre. Preso atto dell’esito sconfortante del tentativo di raffreddamento e delle richieste di ulteriori incontri con la controparte, il comune, che rimarca l’impossibilità di pagare quanto maturato per difetto di liquidità, i lavoratori si vedono costretti a proclamare una giornata di sciopero. La mancata corresponsione di ben due mensilità ha reso esplosiva la situazione. Questo fronte di lotta “diretto” che vede parte inadempiente l’amministrazione comunale si aggiunge a quello “indiretto” degli operatori ecologici della società “Pastorino”, che cura in regime di proroga il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Queste persone devono ancora percepire le spettanze economiche maturate nei mesi di agosto, settembre e ottobre. La società si giustifica per il mancato accredito delle somme dovute da parte del comune. Cresce quindi il malcontento dei lavoratori che non riescono più a far fronte all’acquisto dei beni di prima necessità e che nel momento in cui percepiranno, e non si sa quando, lo stipendio dovranno far fronte ai debiti nel frattempo contratti. Sommando le due problematiche il comune di Augusta si trova in una situazione veramente difficile come difficile è per le famiglie in stato di disagio tirare avanti senza stipendio.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 31/10/2011 alle  21:01:47, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  911 letture)

Mimmo Di Franco del Movimento cittadino L’Altra Augusta ci fa pervenire una nota riguardante episodi di inciviltà che coinvolgono i portatori di handicap, i quali vedono trasgredire quanto la legge sancisce per favorire la loro già difficile vita quotidiana. “Ad Augusta – dice Di Franco - posteggiare le auto davanti agli scivoli per i disabili è una cosa normalissima, sono talmente tanti i “distratti” oltre a quelli incivili. Ci vorrebbe una campagna stampa per scoraggiare gli automobilisti a posteggiare davanti agli scivoli, con la speranza di scuotere la coscienza di coloro che imperterriti bloccano il passaggio di disabili, mamme con bebè in carrozzina e anziane con il carrello della spesa. Ci vorrebbe pure più controllo da parte delle autorità. Si ricorda che i pass vanno rilasciati alle persone con ridottissima deambulazione. Si è fatto un censimento attuale dei pass e degli stalli personalizzati? Il problema è molto sentito in città”. E’ questo un tema spesso dibattuto negli anni passati ma ancora drammaticamente attuale vista la situazione non ben definita malgrado le normative promulgate in materia, a cominciare da quella legge n. 13/89 che a distanza di quasi 15 anni dalla sua emanazione ancora non è del tutto operativa. Tutto ciò è ampiamente documentato dallo stato di fatto esistente ad Augusta, dove, peraltro, accanto alle barriere ancora esistenti, esistono anche strutture che invece hanno saputo adeguarsi alle normative vigenti. La gente continua a negare le pari opportunità, negando soprattutto a se stessa la consapevolezza che è proprio il non rispetto delle normative e un comportamento poco civile e responsabile a rendere la persona veramente handicappata. Infatti il mancato adeguamento di tanti edifici pubblici, negli uffici comunali, nelle scuole, negli ambulatori dell’ASL e altrove è una grave carenza cui si aggiunge il comportamento dei cittadini allorquando lasciano la macchina parcheggiata davanti a uno scivolo, impedendo così l’accesso e il transito delle carrozzelle, o occupano un parcheggio riservato agli invalidi. Si parla tanto di solidarietà ma sarebbe più opportuno ricordarsene concretamente tutti i giorni nei comportamenti comuni.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 31/10/2011 alle  14:37:21, nella sezione CRONACA,  924 letture)

La Giunta Provinciale ha approvato il progetto definitivo ed esecutivo per l’abbattimento e la ricostruzione dell’Ostello della Gioventù di Belvedere dopo 18 anni di abbandono. Dall’insediamento dell’Amministrazione Bono fino ad oggi e’ stato un susseguirsi di tavoli tecnici tra il Presidente della Provincia, gli Assessori al ramo e la Circoscrizione di Belvedere per portare a compimento quest’opera pubblica di cui si sentiva la mancanza. Accelerati i tempi per la redazione e l’approvazione del nuovo progetto corredato da tutti i pareri comunali richiesti, con la collaborazione sinergica della Soprintendenza ai Beni Culturali, del Genio Civile, sarà ricostruita una struttura ricettiva che potrà apportare alla comunità di Belvedere e di Siracusa benefici economici e di immagine. L’Ostello andrà ad aumentare la disponibilità di posti letto a Siracusa con costi ridotti e quindi nell’ottica del turismo giovanile, agevolando soprattutto gli studenti che potranno visitare Siracusa e il suo patrimonio storico ed architettonico. Tra breve tempo potrà essere redatto il bando per l’espletamento della gara d’appalto e subito dopo si darà il via ai lavori che si prevede durino circa 18 mesi. Così l’attuale amministrazione provinciale di Siracusa ritiene di avere il merito di aver riportato alla luce un progetto rimasto nel cassetto per lungo tempo e per il quale non era stata mai ritirata la concessione edilizia. Dopo 13 anni dalla sua prima verifica da parte della soprintendenza, avvenuta il 15/07/1997, gli elaborati risultavano datati e il contributo concesso calcolato sulla base del prezziario 2001 era divenuto insufficiente, tenuto conto anche di alcune impostazioni che lo rendevano antieconomico. La struttura, nel contempo, era stata abbandonata diventando ricovero per clandestini senza fissa dimora. “Il progetto predisposto – ha affermato l’assessore al patrimonio Rino Lazzari - munito dei visti di Soprintendenza e Vigili del Fuoco, è stato finalmente approvato dalla Giunta. L’Amministrazione Provinciale si era impegnata a realizzare questa storica incompiuta, peraltro utile alla crescita della ricettività turistica della nostra provincia nel segmento giovanile. I problemi tecnici dovuti al lungo tempo trascorso, da quando il primo progetto fu redatto, sono stati finalmente superati in modo da rendere fruibile questa struttura abbandonata da anni.”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 30/10/2011 alle  12:14:44, nella sezione CRONACA,  1180 letture)

Il geometra Giuseppe Frontino è morto a Siracusa mercoledì sera all'età di 79 anni. Si tratta dell’imprenditore che ha realizzato “La fiera del Sud” e il villaggio S. Lorenzo, un pezzo della storia di Siracusa negli anni dello sviluppo economico e delle costruzioni edilizie, di quella Siracusa operosa che costruiva le ricchezze dei singoli ma anche il benessere dell’intera cittadinanza, creando posti di lavoro e attività prestigiose. I funerali si sono svolti nel pomeriggio del 28 ottobre presso la chiesa di Santa Rita gremita da parenti, amici e dipendenti della ditta Frontino, un migliaio di persone che hanno voluto dargli l’estremo addio. Alla fine della cerimonia religiosa celebrata da don Salvatore Arnone è scoppiato un grande applauso per il "geometra", un atto di estremo riconoscimento per lui e di sostegno per la moglie Giulia, le figlie Rita e Daniela, i generi e i nipoti dell'imprenditore scomparso. Tanti i politici presenti a cominciare dal sindaco, Roberto Visentin, i deputati regionali, Bruno Marziano e Giuseppe Gennuso e altri amministratori locali. Una grande manifestazione d'affetto per Frontino, come ha più volte sottolineato il sacerdote Arnone, personaggio dalle grandissime doti umane.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 30/10/2011 alle  11:17:34, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  917 letture)

Ora che il maltempo è passato corre obbligo di fare alcune riflessioni a margine del fatto che bastano degli acquazzoni (si badi bene non ore e ore di pioggia) per rendere impraticabili e allagate le strade di accesso alla cittadina megarese e tutto il tratto compreso tra il crocevia su piazza America e Villa delle Rose. Interdetta la circolazione e gran daffare per gli uomini della squadra lavori, della Protezione Civile e della Polizia Municipale. Gravi disagi anche nel tratto compreso tra il bivio di corso Sicilia e il sottopasso ferroviario ubicato nei pressi dell’ospedale. Com’è possibile che con tutti i lavori fatti di recente, con scolatoi e caditoie che avrebbero dovuto drenare le acque meteoriche e la realizzazione di vasche di raccolta, il problema di questa arteria nata male ma essenziale per i collegamenti verso l’esterno del paese, non sia risolto e la stessa subisca questo regolare e continuo allagamento ogni qual volta le nuvole scaricano acqua piovana?. Nonostante la manutenzione dell’arteria rientri tra le competenze della Provincia Regionale di Siracusa il Comune ha fatto intervenire delle ditte esterne per la rimozione dei detriti accumulatisi ai bordi della strada. La Sp 61 è di fatto rimasta per diverse ore transennata ed interdetta alla circolazione veicolare, così via Delle Saline e la carreggiata attigua al cimitero comunale all’ingresso della città. Anche le vie del centro storico si sono trasformate in torrenti e problemi si sono verificati anche nel plesso privato di via Adua, preso in locazione dalla Provincia, che ospita alcune classi del Liceo Megara, con l’acqua piovana infiltrata dai balconi che è entrata nelle aule. Gli anni passano ma ogni inverno i lavori fatti male e ancor peggio manutenzionati continuano a procurare gravi disagi agli augustani.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 29/10/2011 alle  09:19:59, nella sezione EDITORIALI,  1010 letture)

Ottobre è stato un mese segnato dalla violenza delle immagini. Da quelle drammatiche del sacco di Roma ad opera dei black bloc fino a quelle tragiche delle morti, che paradossalmente si sono susseguite a breve distanza di tempo, del feroce dittatore Gheddafi e dell’innocente campione motociclista Simoncini. E‘ un mondo violento, d’altronde, quello che ci circonda, violento in ogni sua espressione, violento è l’uomo fin dagli albori della cosiddetta civiltà, perché in natura si procede per rapporti di forza e la violenza non è che un uso eticamente non accettabile della forza. Il vero problema è che, nell'accezione comune, il termine "violenza" è associato al concetto di criminalità: il violento è colui che in qualche modo infrange una legge o un diritto usando in modo sconsiderato la sua forza sia esso individuo o gruppo o folla. Ma è violento anche l’individuo comune quando ogni giorno alla guida della sua auto infrange il codice della strada, o quando impreca contro chi non la pensa come lui. I contrasti sociali oggi sono più che mai acuiti da una crisi economica senza precedenti e portano anche il più pacifico degli individui all’esasperazione, a considerare chi la pensa diversamente un nemico e non un semplice avversario, a radicalizzare le idee e le opinioni, a creare quel muro contro muro che non mi pare storicamente abbia mai portato a nulla di buono. Probabilmente solo un bagno di democrazia può salvarci dal medioevo prossimo venturo, dalla barbarie di una società divorata dall’economia, dalla finanza, dal potere politico che sempre più assomiglia alle antiche baronìe con pochi eletti privilegiati ,altro che “governo del popolo”! La raccolta di firme per il referendum contro il “porcellum” ha registrato in pochi giorni oltre 1.200.000 firmatari, un dato entusiasmante di partecipazione popolare che contrasta con il recente risultato elettorale delle regionali in Molise dove è andato alle urne poco più del 50 per cento degli aventi diritto al voto. Come dire che, se si tratta di eleggere politicanti di mestiere, l’antipolitica la fa da padrone creando assenteismo elettorale, ma se si tratta di cambiare le cose la partecipazione è tanta ed attiva e raggiunge risultati impensabili. Sì, probabilmente è tempo di partecipazione e di democrazia diretta. E, come dicono le nostre donne, “se non ora quando?”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/10/2011 alle  09:17:46, nella sezione EVENTI,  900 letture)

Il Rotary Club di Siracusa presieduto dall’ avvocato Giuseppe Piccione ha presentato venerdì 28 ottobre presso la Sala Vassalli dell’Istituto Superiore di Scienze Criminali, in via Logoteta 27, il libro di Armando Spataro dal titolo “Ne valeva la pena. Storie di terrorismi e mafie, di segreti di Stato e di giustizia offesa”. Il caso Tobagi, le Brigate Rosse, il sequestro di Abu Omar, la ‘ndrangheta al Nord: queste alcune delle inchieste più scottanti raccontate da un magistrato che le ha dirette in prima persona. E’ il momento di ripercorrere gli ultimi trent’anni di storia giudiziaria italiana e descrivere la tempesta che, tra ambiguità e silenzi, si sta abbattendo sulla nostra giustizia. Alessandro Spataro per questa sua fatica letteraria ha ricevuto il Premio Capalbio 2010, Sezione Politica e Istituzioni, e il Premio Cesare Pavese 2011, per la saggistica.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 29/10/2011 alle  09:15:24, nella sezione CRONACA,  875 letture)

Il consigliere comunale augustano di Futuro e Libertà per l’Italia Giuseppe Di Mare facendo seguito a quanto dichiarato nella seduta del civico consesso di lunedì scorso durante il quale è stato approvato, col suo voto contrario, il piano triennale delle opere pubbliche, fa pervenire un circostanziato comunicato stampa del seguente tenore: “La grave situazione legata alla liquidità dell’Ente non è l’unico problema del nostro Comune, infatti è accompagnata da una programmazione sulle opere triennali molto carente, si può parlare tranquillamente di programmi fantasmi da parte dell’amministrazione comunale. Rimane la grande insoddisfazione per come si sono svolti i lavori in alcuni momenti, con imbarazzanti difficoltà per la maggioranza e i dirigenti che avevano lavorato agli atti. La verità è che si tratta del solito libro dei sogni, che viene ripresentato di anno in anno, con cui si annuncia la realizzazione di opere che di fatto non avverrà, basta pensare che delle 66 opere inserite nel solo 2011 ben 55 si dovrebbero realizzare attraverso finanziamenti di terzi PO FESR 2007/13 mentre altri 4 attraverso l’accensione di mutui di non sicura concessione. Per alcune opere, per esempio, il recupero dell’immobile dell’ex macello comunale, la realizzazione della strada in Contrada Uliveto a Brucoli, la sistemazione e l’allargamento della strada comunale Xiacche, gli interventi a difesa dei tratti di costa, e molte altre si tratta di un rinvio continuo ed effettivamente per queste opere si può parlare di una programmazione secolare. Su altre opere, come quella che prevede i lavori di messa in sicurezza della piscina comunale (350 mila euro), in modo dilettantistico ed offensivo per l’intelligenza dei consiglieri l’amministrazione ha portato in aula un emendamento per arrivare ad una somma maggiore ( 650 mila euro), emendamento goffamente e precipitosamente ritirato per mancanza della firma del dirigente finanziario e quindi della relativa copertura. Dinanzi a tale disorganizzazione rischia di passare in secondo piano anche il progetto di riduzione dei metri della piscina (anche su questa vicenda il dirigente parla di circa il 50 per cento) che porterebbe da un lato alla creazione di una 'gebbia' comunale e dall’altro cancellerebbe anni ed anni di storia, di tutti quegli uomini e donne che hanno portato in alto la storia della nostra Città, nel nome della piscina comunale 'Gigi Turchio'. Su questo punto l’amministrazione ha preso l’impegno di rivedere il progetto alla luce delle osservazioni fatte, mi auguro che su questo progetto l’impegno sia mantenuto. Altre opere lasciano molto perplessi, altre ancora di anno in anno vengono rinviate e riproposte senza mai vedere luce”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 29/10/2011 alle  09:13:46, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  938 letture)

Diventa sempre più pericoloso lasciarsi andare sul web a dichiarazioni lesive della dignità o degli interessi di altre persone, come spesso avviene in modo grossolano e truculento sui social network o sui vari blog. L’anonimato illusorio dei nick name non sempre mette al sicuro da indagini approfondite e comunque oramai è invalsa l’abitudine di parlare di tutto e di tutti in modo provocatorio e imprudente dichiarando nome e cognome. Ma questo comportamento, se oggetto di denuncia da parte del danneggiato, può costare caro. La Corte di giustizia europea ha stabilito che chi ha subito un danno alla persona via web – è il caso della diffamazione – può chiedere l’intervento al giudice del proprio Stato di residenza. In alternativa può chiamare in causa i giudici degli Stati dell’Unione nei quali sono stati diffusi i contenuti sotto accusa. Il giudice europeo ha stabilito che la pubblicazione di contenuti su Internet è nettamente diversa da quello che avviene su carta stampata. I contenuti online sono molto più invasivi perchè hanno la capacità di raggiungere un numero maggiore di persone, praticamente si potrebbe dire che la diffamazione on line non ha confini. Una diffusione universale in grado di aumentare la gravità delle violazioni dei diritti della personalità e rendere difficile individuare i luoghi di concretizzazione del danno che arrivano da queste violazioni. Per queste caratteristiche, la Corte ha ritenuto che l’impatto delle violazioni on line possa essere meglio valutato dal giudice del luogo dove al vittima ha il proprio centro di interessi. Località che in genere coincide con quella della residenza abituale della persona fisica o della sede sociale per le persone giuridiche.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 29/10/2011 alle  09:09:45, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  876 letture)

Gli operatori commerciali dell’area mercatale di via Marina Ponente nel centro storico di Augusta tornano a lamentarsi ancora una volta per il disagio del sito, specialmente nella stagione invernale che si approssima, che porta sempre meno clienti ad approvvigionarsi nelle bancarelle con un netto calo delle vendite. L’ipotesi di spostare il mercato facendolo tornare, magari solo da un lato della strada, lungo il marciapiede di via X ottobre disciplinando le cose in modo da non compromettere la normale vivibilità dei residenti della zona torna a presentarsi all’orizzonte in considerazione anche della carenza endemica di parcheggi nel centro storico. Questa ipotesi farebbe guadagnare un ulteriore spazio di sosta e dirottare i due mini bus in servizio per il mercato ad altro percorso, oltre che incrementare le vendite degli ambulanti e dei commercianti della via X ottobre che, dopo il trasferimento delle bancarelle, hanno visto la strada progressivamente morire con la chiusura dei pochi esercizi commerciali esistenti. Il parcheggio tornerebbe a tempo pieno e non a mezzo servizio, anche perché la carenza di aree di sosta si avverte maggiormente proprio la mattina allorché tutta la via Marina Ponente è invasa da auto parcheggiate anche laddove esiste un divieto di sosta largamente disatteso e peraltro tollerato dai vigili urbani proprio perché la carenza è troppo evidente e le multe farebbero inferocire gli automobilisti. Peraltro liberando l’area potrebbe essere rispolverato il vecchio progetto di un parcheggio a più piani, cercando di reperire i fondi necessari una volta superato questo periodo nero per l’economia del sempre dissestato comune megarese. E, infine, si restituirebbe ai cittadini un mercato che è nella loro memoria storica e costituisce una tipicità del nostro folklore da tutelare, magari in vista di un rilancio augurabile del centro storico in una visione di futuro sviluppo turistico.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 26/10/2011 alle  19:47:46, nella sezione CRONACA,  1581 letture)

Sabato 22 Ottobre 2011 alle ore 11,00 è stata inaugurata la nuova Comunità Alloggio per disabili psichici ”L'Oasi della Speranza” sita in Via Michele Bonanno, 2 a Siracusa (Vicino la Chiesa di Bosco Minniti). Si tratta di una Cooperativa Sociale ONLUS, Ente Privato Accreditato col Comune di Siracusa che potrà essere convenzionato con tutti i Comuni siciliani. La Comunità fornisce quindi servizi socio-assistenziali in convenzione e opera con l'approccio di tipo familiare per il reinserimento degli ospiti nel tessuto sociale. La riabilitazione, ai sensi della vigente normativa regionale, è programmata col competente Dipartimento Salute Mentale di Siracusa. Questa comunità alloggio per disabili psichici comprende strutturalmente cinque camere da letto per un massimo di dieci posti letto. Ogni camera è fornita di bagno indipendente e di arredi nuovi. Sono presenti il salone per le attività e le riunioni, la sala pranzo, il bagno per portatori di handicap, un'ampia veranda coperta e un piccolo giardino annesso. All’inaugurazione è intervenuto il sindaco di Siracusa Roberto Visentin e il Primario di Psichiatria dr. Gaetano Interlandi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 23/10/2011 alle  20:27:13, nella sezione CRONACA,  845 letture)

Il governatore della Sicilia Raffaele Lombardo pare ispirato in questi giorni da un vento riformista. La giunta regionale ha infatti approvato il disegno di legge sul decentramento delle funzioni ai Comuni, con la contestuale riforma dei liberi consorzi comunali, che era stato presentato dall’assessore per le Autonomie locali e la Funzione pubblica, Caterina Chinnici. Nel provvedimento è prevista, con decorrenza 31 maggio 2013, la soppressione delle Province regionali. Al loro posto sorgeranno i Consorzi di Comuni. La Regione quindi trasferirà agli enti locali funzioni in importanti settori quali le attività produttive, il commercio, l’artigianato, la famiglia, le politiche sociali, la formazione professionale, i lavori pubblici, le infrastrutture, i beni culturali e l’ambiente, i trasporti, il turismo, lo sport e lo spettacolo, la gestione integrata dei rifiuti e la gestione integrata del servizio idrico. Gli organi dei liberi consorzi comunali, formati da almeno 10 comuni e 250 mila abitanti sono l’assemblea (composta da tutti i sindaci dei Comuni che costituiscono il Consorzio), il presidente (eletto da tutti i consiglieri comunali facenti parte del Consorzio) e la giunta (nominata dal presidente tra i componenti dell’assemblea o dei consigli comunali e formata da un minimo di 4 a un massimo di 8 componenti in base alla popolazione). Nel disegno di legge sono state inserite anche norme di contenimento della spesa per cui fin dalle prossime elezioni, nei comuni con più di 500mila abitanti i consiglieri saranno 40 e gli assessori 8; tra 250 e 500 mila ci saranno 35 consiglieri e 7 assessori; tra 100 e 250 mila rispettivamente 30 e 6; tra 30 e 100 mila 25 e 5; tra 10 e 30 mila 15 consiglieri e 4 assessori; tra 3 e 10 mila 12 e 3; meno di 3 mila abitanti 9 consiglieri e 2 assessori. Una vera e propria rivoluzione copernicana che, a regime, dovrebbe consentire un forte risparmio sulle spese della politica nella nostra regione.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 22/10/2011 alle  15:02:51, nella sezione CRONACA,  981 letture)

In questi giorni i cittadini di Augusta stanno ricevendo i bollettini di pagamento per la Tarsu 2010 con gli stessi importi dell’anno 2009 e con la possibilità di pagare in quattro dilazioni. Pesa sulle bollette l’aumento di circa ottanta per cento votato dall’Aula consiliare l’anno scorso con soli due voti contrari (Di Mare e Salamone S.), a seguito del quale la delibera di Consiglio Comunale sta dispiegando i suoi effetti nefasti per le tasche dei cittadini di Augusta con aumenti importanti che trovano poca giustificazione effettiva, se non quella, come più volte affermato, di fare cassa e subito (basta pensare alle sole due date di dilazione concesse l’anno scorso). La dichiarazione di “ente a deficit strutturale” attestata con l’approvazione fatta dal Consiglio Comunale con l’approvazione del consuntivo 2010 – ha dichiarato il Consigliere Comunale di Futuro e Libertà Giuseppe Di Mare – da un lato attesta che troppo poco si è fatto in materia di organizzazione degli uffici fondamentali per far muovere la macchina amministrativa, dall’altro apre a scenari che porteranno ad aggravi anche, e non solo, della TARSU a carico dei cittadini: la legge impone per gli enti in “deficit strutturale” la copertura minima al 70% dei servizi a domanda individuale, per intenderci entro l’anno prossimo prepariamoci ad un aumento di almeno un 15 % della stessa Tarsu. Purtroppo non si è dato seguito all’invito di rivedere il regolamento comunale per l’applicazione della tassa smaltimento rifiuti approvato nel 1997 per modificare l’intero sistema di pagamento e di scelta degli importi imputati. Era stato suggerito di modificare i procedimenti di imputazione del calcolo della tassa ragionando non in termini di metri quadri occupati come avviene con la Tarsu ma per membri del nucleo familiare. E’ un’ingiustizia sociale che, per esempio, una famiglia di due persone con un’abitazione di 100 mq paghi quanto una famiglia in una stessa abitazione composta da cinque persone. Esiste poi una norma per cui gli anziani oltre i settanta anni che vivono soli hanno diritto all’abbattimento delle tariffe al 50 per cento in automatico, senza bisogno di alcuna istanza, norma che non viene applicata ad Augusta. Per non parlare del servizio di raccolta rifiuti espletato sul territorio che ha avuto ben pochi miglioramenti, con la raccolta differenziata ai minimi storici che registra percentuali bassissime.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 20/10/2011 alle  17:04:41, nella sezione CRONACA,  2275 letture)

Sabato 22 Ottobre 2011 alle ore 11,00 verrà inaugurata la nuova Comunità Alloggio per disabili psichici ”L'Oasi della Speranza” sita in Via Michele Bonanno, 2 a Siracusa (Vicino la Chiesa di Bosco Minniti). Si tratta di una Cooperativa Sociale ONLUS, Ente Privato Accreditato col Comune di Siracusa che potrà essere convenzionato con tutti i Comuni siciliani. La Comunità fornisce quindi servizi socio-assistenziali in convenzione e opera con l'approccio di tipo familiare per il reinserimento degli ospiti nel tessuto sociale. La riabilitazione, ai sensi della vigente normativa regionale, è programmata col competente Dipartimento Salute Mentale di Siracusa. Questa comunità alloggio per disabili psichici comprende strutturalmente cinque camere da letto per un massimo di dieci posti letto. Ogni camera è fornita di bagno indipendente e di arredi nuovi. Sono presenti il salone per le attività e le riunioni, la sala pranzo, il bagno per portatori di handicap, un'ampia veranda coperta e un piccolo giardino annesso.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 20/10/2011 alle  14:24:48, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  1173 letture)

Paolo Amato, capogruppo del PdL al Consiglio Provinciale, in una lettera aperta indirizzata al Presidente della Regione Sicilia Raffaele Lombardo, sferra un duro attacco contro gli sprechi dell’apparato burocratico e politico della nostra regione, che ammontano ad oltre un milione di euro l’anno. L’intervento del capogruppo del PDL è stato portato in aula in occasione del Consiglio Provinciale aperto del 03 Ottobre 2011 sulla riforma dell’architettura istituzionale del Paese e sul ruolo delle Province. Dice Amato: “Alla regione non si scherza, oltre al presidente dell'assemblea regionale ben oltre 39 dei 90 deputati regionali percepiscono, in aggiunta all'indennità ordinaria di 10.100 euro lordi al mese, alcuni bonus supplementari, solo per le loro partecipazione al consiglio di presidenza dell' Ars o perché sono presidenti , vicepresidenti, o segretari di commissione. Altro che eliminare le province, sarebbe meglio eliminare le regioni per fare risparmiare veramente i contribuenti. 7.724,34 al presidente dell'assemblea, 5.149,56 per ciascuno dei due vicepresidenti, 4.642,63 per ciascuno dei tre deputati pretori,3.316,16 per cadauno dei tre deputati segretari, 3.316,16 ai nove presidenti di commissione, 829,04 per ciascuno dei 21 vicepresidenti di commissione, 414,52 per ognuno dei nove segretari di commissione. Ciascun gruppo parlamentare riceve mensilmente 4.730 euro per deputato che a sua volta percepisce 4.178,36 euro al mese per il cosiddetto portaborse. Il presidente della regione, oltre all'indennità di deputato, riceve un'aggiunta pari a quella del presidente dell'assemblea, cioè 7.724,34 euro al mese. Gli assessori, percepiscono lo stesso trattamento base dei deputati, cioè 10.100 euro al mese, più un‘indennità di carica pari a quella dei vicepresidenti dell'assemblea 5.149. Essendo la giunta momentaneamente formata di 12 tecnici, la regione non paga 90 stipendi, ma 102. Ci sono poi tanti piccoli e comodi privilegi, che non sono apparenti, ma ci sono: le macchine blu, le segretarie con relativi servizi, le indennità di consolazione per i deputati non rieletti”. Amato si dilunga su una serie infinita di privilegi della “casta” regionale, poi continua: “Solo il 22 giugno 2011 la giunta regionale ha approvato un disegno di legge adeguando il sistema pensionistico dei dipendenti regionali a quello statale e limita il ricorso al pensionamento anticipato esclusivamente all'ipotesi di grave stato di salute del dipendente medesimo. In Lombardia, con una popolazione di 10 milioni di abitanti, l'assemblea regionale è formata da 70 rappresentanti, mentre in Sicilia, con 5 milioni di abitanti siedono a palazzo dei Normanni 90 rappresentanti del popolo. Di tanto in tanto si dà qualche segnale, ma molto marginale rispetto ai costi…..La proposta di riduzione dei deputati da 90 a 70 vorrebbe dire un risparmio per l'assemblea siciliana di 7 milioni di euro l'anno, 35 milioni in 5 anni di legislatura. Il presidente della Regione Raffaele Lombardo dice no a nuove province in Sicilia, anzi ne vuole lo scioglimento, vorrebbe trasformarle in " liberi consorzi dei comuni" al fine di rispondere meglio al territorio e diventando destinatari questi di molti poteri che oggi detiene una Regione elefantiaca…… Quando al posto delle" province regionali" si immaginano "liberi consorzi", così liberi da sfociare nell'indeterminatezza, quando nell'impalpabilità sostanzialmente privi di legittimazione democratica diretta e caratterizzati da una sconcertante mobilità di confini, con un bagaglio di competenze labilissimo e sfuggente, la lesione dei diritti in tutto questo appare drammaticamente evidente. La Regione Sicilia spende per il proprio personale quanto dieci regioni italiane, considerando il loro numero è facile dire che Palazzo dei Normanni, spende metà del totale nazionale. Obiettivamente è difficile da capire. Impossibile da accettare. Ma a questa conclusione si arriva dopo aver appreso i dati della commissione bicamerale, il Copaff, commissione incaricata di preparare il federalismo fiscale, presieduta dal senatore Enrico La Loggia. Dall'analisi emerge che in Sicilia si spendono un miliardo e 740 milioni di euro l'anno, per pagare i dipendenti, questo vuol dire, che ogni dipendente costa 350 euro ad abitante, mentre in Lombardia il costo è di 22,50 euro, in Veneto 30 euro, in Emilia Romagna 36 euro, Piemonte 48 euro. Possiamo benissimo affermare che la Regione Sicilia spende per il personale quanto mezza Italia. Ovviamente non c'e solo il problema del costo. Ancora più grave è il deficit di efficienza. Che cosa fanno i dipendenti della Regione? Qual é il loro contributo alla ricchezza dell'isola? In Sicilia ci sono ventimila dipendenti per una popolazione di poco superiore a 5 milioni di persone. In Lombardia meno di quattromila a fronte di dieci milioni di abitanti”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 20/10/2011 alle  14:21:05, nella sezione ARTE,  963 letture)

La Galleria Roma di Siracusa prosegue il programma espositivo con la personale della pittrice Marina Giuffrida che si inaugura sabato 22 ottobre, alle 18,30. Scrive Melinda Miceli nella presentazione alla mostra: “Analizzando le opere di Marina Giuffrida ci si può inoltrare con immensa curiosità nell’ “avventura della conoscenza” onirica e figurativa di una realtà interiore complessa nella quale soggetti diversi traspongono sfaccettature ampie di pensiero dove trova spazio il nulla ed il tutto e dove la pennellata strutturata e consapevole si alterna al quasi annullamento del segno e del colore. Tentativi di rappresentazione di un reale che sconfinano nell’immaginario, in dipinti quelli della Giuffrida che dal figurativo moderno risentono di influenze della Metafisica dove la massima importanza è attribuita al sogno, all'onirico, alla dimensione dell'interiorità dell'uomo e di influenze dell’arte concettuale dove l'essenza dell'arte consiste invece nell'idea, nel concetto che precede e conforma l'opera. Il percorso dell'idea, la riflessione teorica e filosofica, la precisazione e presentazione del processo di formazione del pensiero, l'azione linguistica, vengono a volte posti in primo piano rispetto al risultato materiale di tale azione che viene considerato come pura esemplificazione fisica del linguaggio. Nel figurativo la ricerca spontanea di soluzioni alternative si manifesta in più direzioni prevalentemente nel segno della libertà e della sperimentazione del nuovo, svincolata da qualsiasi ancoraggio a principi precostituiti di autorità culturale o etica. La ricerca è condotta a rifondare la comprensione della realtà partendo dalla demistificazione di tutte le pratiche rappresentative e dando campo libero al pensiero per indagare l'essenza delle cose e delle relazioni tra esse. La delicatezza del tratto e del colore nei dipinti della Giuffrida approda a esiti creativi anche simbolici dove i soggetti dipinti si prestano a interpretazioni inconsce che si rivelano però contemplative, legate a fattori fortemente culturali, con precisi legami con la tradizione dell'arte classica dove si può ravvisare la plasticità dei corpi e la simmetria dell’ordito concettuale che risente delle influenze storiche dell’arte greco-romana. A tratti elementi di surrealismo suggeriscono la volontà di saldare la realtà storica con quella onirica, allo scopo di liberare tutte le potenzialità espressive della natura umana”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 963 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (245)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (117)
CRONACA (733)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (346)
LIBRI (205)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi più cliccati

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


20/08/2019 @ 16:04:24
script eseguito in 295 ms