Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 09/07/2011 alle  10:29:17, nella sezione CRONACA,  864 letture)

Si è svolta a Lecce l’Assemblea Nazionale della CNUPI, la Confederazione Nazionale delle Università Popolari Italiane presieduta dal prof. Antonio Di Mezza, presso la sala consiliare della città salentina, alla presenza dei massimi esponenti della Confederazione e dei rappresentanti di numerose Università Popolari. E’ intervenuto il prof. Giuseppe Albano, nella sua qualità di Responsabile del Dipartimento Formazione, Sviluppo e Ricerca, il quale ha illustrato ai convenuti i termini e i vantaggi derivanti dall’accordo che è stato siglato fra CNUPI e la Società Certipass s.r.l., un Protocollo d’intesa per la erogazione della certificazione EIPASS, inserita nel quadro dei titoli valutabili a diversi livelli per il personale Docente e ATA delle Scuole di ogni ordine e grado, nonché come attestazione delle competenze ICT nell’ambito dei percorsi TFA degli aspiranti alla carriera docente. Oltre che nelle Scuole, il titolo EIPASS, nei suoi differenti profili, è idoneo ad attestare competenze ICT nei diversi settori del pubblico impiego e delle Amministrazioni private e riconosciuto come equipollente rispetto alle altre certificazioni presenti sul territorio nazionale. Può contare su procedure d’esame agevoli e tali da garantire la massima obiettività ed efficienza grazie all’impiego di una piattaforma multicanale ad accesso telematico. Con la stipula del Protocollo d’intesa, la Confederazione acquisisce un ulteriore valore aggiunto nella proposizione dei servizi al territorio da parte delle Università Popolari associate: le stesse, infatti, potranno accreditarsi in qualità di “Ei-Center” autorizzati a erogare sessioni d’esame per il conseguimento della certificazione EIPASS nei previsti profili, potendo contare sulle particolari condizioni riservate agli Enti facenti parte della rete CNUPI, che prevedono, fra l’altro, la gratuità della procedura di accreditamento di due Esaminatori da impiegare nel corso delle sessioni. Il Presidente dell’Università Popolare di Augusta, dottor Raimondo Raimondi, ha commentato in merito alla nuova possibilità didattica offerta alle U.P.: “Questo protocollo d’intesa in linea con la filosofia di base dell’associazione rafforza l’area prettamente formativa delle Università Popolari, rinfocolando l’entusiasmo e la professionalità dei nostri docenti, professionisti e soci che intendono offrire al nostro territorio un contributo di istruzione e di trasmissione del sapere. Le proposte formative spazieranno da argomenti relativi all’educazione scientifica e tecnica, ai settori umanistico e linguistico ed includono anche l’ambito artistico”. Ricordiamo che l’Università Popolare di Augusta “Giovanna D’Aragona” è nata il 22 ottobre del 2008 e la sua attività è rivolta a persone che vogliono apprendere e partecipare in un rapporto nuovo con la formazione e i formatori.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 09/07/2011 alle  10:26:42, nella sezione CRONACA,  884 letture)

L’assessore all’Urbanistica del comune di Augusta Licciardello ha reso noto che il Comune di Augusta e l’Università di Catania ratificheranno tra breve una convenzione finalizzata alla redazione del Piano Regolatore Generale. Del Piano Regolatore si parla da trentanni ma finora, malgrado i tanti e ripetuti tentativi di metterci mano, la città non si è saputa dotare di questo fondamentale strumento urbanistico, la cui assenza ha costituito la giustificazione speciosa per una edilizia selvaggia, costruzioni abusive e uno scempio del territorio sotto gli occhi di tutti. I più recenti piani di lottizzazione sono stati infatti approvati in consiglio comunale in variante al vecchio strumento urbanistico vigente consentendo il sorgere di complessi abitativi senza alcun criterio di programmazione e di sviluppo omogeneo del territorio in diverse aree, anzi spesso approvando piani di lottizzazione in zone C, agricole o non definite. Questo nuovo Piano Regolatore in fieri dovrebbe nascere da una rivisitazione e un recupero dello strumento urbanistico già esistente con i dovuti adeguamenti ed è certamente un atto necessario per bloccare la cementificazione selvaggia in atto sul territorio. Secondo l’assessore Licciardello se da ora in poi si lavorerà rispettando i tempi previsti, l’amministrazione comunale sarà in grado di dotare la città del nuovo strumento urbanistico entro la fine della legislatura dato che oltretutto la redazione del Prg era uno dei punti prioritari del programma elettorale del sindaco Massimo Carrubba. Dopo la riqualificazione del centro storico si dovrebbe procedere con quella della frazione di Brucoli e delle aree costiere, dove l’abusivismo l’ha fatta ancor più da padrone..

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 09/07/2011 alle  10:24:33, nella sezione CRONACA,  762 letture)

Il capogruppo del PDL in Consiglio Provinciale Paolino Amato interviene a sostegno di una assestamento migliorativo della viabilità in contrada Monte Tauro divenuta, a seguito degli insediamenti abitativi numerosissimi, una arteria di grande traffico e in alcuni punti assolutamente inadatta a smaltire il flusso delle automobili degli oltre diecimila cittadini augustani che hanno scelto di abitare in questa che non è più una zona di campagna o di villeggiatura ma parte integrante del centro abitato e sempre in ulteriore sviluppo. Infatti oltre alle scuole e ai servizi sorgono quì nuovi ipermercati che fanno affluire ancor più automobili congestionando in certe ore il traffico. Peraltro la strada di Monte Tauro rappresenta il collegamento preferenziale per Brucoli, atteso che la vecchia provinciale per la frazione marinara è sempre meno praticata. Ancora si rileva che la presenza di vigili urbani in questa zona è inesistente e il comportamento di guida dei cittadini assai criticabile per cui non sarebbe una cattiva idea un maggior controllo del traffico e una presenza costante delle forze dell'ordine come deterrente per i tanti automobilisti indisciplinati. Dice Paolo Amato a questo proposito: “Da dicembre stiamo aspettando il parere urbanistico per completare l'iter del progetto della rotonda che la provincia dovrebbe realizzare, sulla SP 61, all'altezza della traversa di via Panoramica. Questa opera viaria potrebbe consentire di trasformare l'arteria che attraversa il quartiere Monte Tauro da provinciale a comunale e la conseguente realizzazione del senso unico che potrebbe risolvere i problemi di sicurezza che quotidianamente creano disagi e incidenti. Gli automobilisti che transitano per via Epicarmo Corbino segnalano i pericoli causati dal parcheggio selvaggio ai bordi della strada, in prossimità dei numerosi esercizi commerciali, non rispettando le basilari regole del codice della strada. La creazione di un senso unico potrebbe evitare gli incidenti stradali e le situazioni di pericolo causate dalle numerose autovetture parcheggiate in zona vietata. Non si riesce a comprendere come mai l'ufficio comunale preposto non ha ancora dato il parere urbanistico che sbloccherebbe l'iter del progetto della rotatoria”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 06/07/2011 alle  10:06:28, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  931 letture)

In un vecchissimo numero del Giornale di Augusta del 1980, diretto da Giorgio Casole, in prima pagina strillava un articolo dall’emblematico titolo “Ci impediscono l’accesso al mare!” con una foto della strada che porta al mare di Costa Pergola vistosamente sbarrata da un cancello abusivo. Lo stesso argomento venne affrontato nell’estate del 2008 da alcune associazioni ambientaliste e da una campagna di stampa sul quotidiano la Sicilia. Ma nulla è cambiato. L'estate 2011 nel territorio augustano sarà ancora all’insegna del mare negato. Si tratta del conflitto tra "liberi" bagnanti e occupanti privati a vario titolo dei litorali e delle strade che portano al mare, fatto che, complice un'estrema varietà di interpretazioni della legge, ha sempre scatenato gigantesche problematiche. La legge dello Stato recita (articolo 1, comma 251, legge 296/2006): «È fatto obbligo ai titolari di concessioni di consentire il libero e gratuito accesso e transito per il raggiungimento della battigia...”. In pratica, chiunque può entrare in qualsiasi stabilimento balneare e, a maggior ragione, in qualunque insediamento, attraversarlo e raggiungere la battigia (la striscia di 5 metri prima della zona della risacca sugli scogli o sull'arenile). Questo almeno teoricamente, perché in pratica la faccenda si complica quando si passa all'interpretazione della legge. Prima di tutto ci sono alcune leggi regionali che emendano, almeno in parte, l'articolo prima citato. Diverse regioni, e tra queste la Sicilia, hanno infatti stabilito che l’ingresso è obbligatorio solo se non vi sono altri accessi liberi nel raggio di 150 metri. Dalle nostre parti si aggiunge il fatto che su tutto il litorale dal golfo Xifonio in poi, per un bel po’ di chilometri di costa, imperano ovunque i cartelli dissuasori “mare non balneabile” a causa della mancanza di un depuratore che possa evitare lo sversamento direttamente a mare dei reflui delle abitazioni vacanziere. Del collegamento al depuratore consortile IAS si parla da anni ma finora è tutta aria fritta. E intanto nel nostro mare, già provato da inquinamento industriale, mercurio e chi più ne ha più ne metta, si riversano anche i liquami delle abitazioni aggiungendo i colibatteri fecali a tutte le altre schifezze galleggianti nelle fresche acque. Cancellati dalle mappe catastali gli accessi al mare sono finiti per essere “inglobati” dalle ville progettate dagli architetti o nate “spontaneamente”, come si soleva dire “in economia”, a partire dagli anni settanta e sono diventati anch'essi proprietà privata, muniti di cancelli con tanto di catene e catenacci o azionati da sofisticati dispositivi automatici, le cui chiavi o telecomandi sono in possesso di pochi eletti. Ormai l'unica discesa a mare a disposizione dei cittadini è quella che porta al Faro Santa Croce ma le pessime condizioni della strada stretta l'hanno resa sempre più rischiosa. La chiusura incontrollata ed indisturbata degli accessi al mare, che erano naturalmente pubblici, non ha soltanto negato un elementare diritto a chi non ha la fortuna di possedere una villa ma ha fatto sì che sugli scogli, che non possono certamente essere ritenuti proprietà privata, «fiorissero», piazzole di cemento armato su cui piazzare ombrelloni e sdraio, naturalmente con uso vietato agli estranei o meglio agli intrusi, e perfino scivoli in cemento per calare le barche. Spesso per ragioni di “privacy” le piazzole di cemento armato realizzate sugli scogli sono state munite di reti di recinzione in ferro, in dispregio di tutti i vincoli ambientali, paesaggistici e comunitari che gravano sulla zona costiera. La carenza di varchi è praticamente assoluta e la possibilità che il problema possa essere risolto in tempi brevi, visto i precedenti, sono pressoché nulle. Alleghiamo due foto del cancello sulla strada di costa Pergola, proprio quel varco ostruito di cui parlava il Giornale di Augusta nel 1980, la foto di allora e quella di oggi: nulla è cambiato in trent’anni.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 03/07/2011 alle  14:33:51, nella sezione CRONACA,  848 letture)

Agitata ma partecipata assemblea quella di sabato 2 luglio nel teatro comunale di Augusta, convocata dal Comitato cittadino a difesa del presidio ospedaliero “Muscatello”. Malgrado la calura estiva moltissimi i cittadini presenti a ulteriore riprova che l’argomento è sentito e la temperatura alta. Il reparto di psichiatria potrebbe tornare ad essere allocato al Moscatello, così ha comunicato il sindaco Carruba dando lettura di una nota a firma del direttore generale dell’Asp di Siracusa. Malgrado gli inviti diramati a tutte le forze politiche all’assemblea hanno preso parte due soli deputati: Roberto De Benedictis e Pippo Gianni e il sindaco di Melilli, Pippo Sorbello. Ma alla riunione erano state invitate a partecipare le deputazioni regionali e nazionali della provincia di Siracusa e della Sicilia orientale; il presidente della Provincia regionale di Siracusa, i sindaci di Augusta, Melilli, Priolo, Sortino e dei comuni di Gela e Milazzo. “Ad oggi – ha detto il portavoce del coordinamento Riccardo Fazio - nonostante l’intervento del Prefetto nulla è cambiato ed il decreto che penalizza l’ospedale è sempre in vigore. Lanciamo un appello al presidente della Regione Lombardo affinché intervenga per la modifica del decreto assessoriale”. Il deputato del Pd all’Ars Roberto De Benedictis ha accennato a una possibilità di modifica del decreto visto che esistono 500 posti letto non ancora assegnati. Occorre quindi battersi per far si che parte di questi posti venga destinata ad Augusta. E’ intervenuto anche l’assessore provinciale Nicky Paci, protagonista di una scaramuccia col sindaco Carruba da lui sollecitato ad attivarsi maggiormente. A margine dell’evento si registra la presa di posizione del generale dei carabinieri in congedo Enzo Inzolia, presente alla manifestazione ma che non ha potuto prendere la parola. Inzolia sostiene che gli è stato sostanzialmente impedito di esprimere il suo pensiero e comunica quanto segue agli organi di stampa: “Sabato scorso ho assistito all'ennesima inutile e inconcludente riunione indetta dal Comitato; riunione nella quale sono stati profusi fiumi di parole, sempre le stesse ormai da anni, con gli stessi angosciosi toni di autoflagellazione (o di autocompiacimento, a seconda dei casi) nella ormai sempre più evidente incapacità di comprendere, prima, e gestire, poi, il problema della sopravvivenza del Muscatello. Non si contano più le riunioni, le assemblee, il consigli comunali "monotematici", tutte quelle attività orgogliosamente elencate dal sindaco nel suo recente e costoso pieghevole. Iniziative - sottolinea Inzolia - inconcludenti e, alla prova dei fatti, inutili tantè che un mese dopo i toni trionfali del dopo riunione in Prefettura invece di un'assemblea sorridente e positiva è sembrato di assistere alla messa di suffragio del trigesimo. Ecco perché Russo e la sua corte hanno sempre buon gioco nel prendere in giro questo comitato e, di seguito, i cittadini".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 01/07/2011 alle  14:42:57, nella sezione ARTE,  1352 letture)

Pina Mazzaglia, nota pittrice nativa di Santa Maria di Licodia, esporrà quanto prima i suoi quadri nei prestigiosi ambienti del Palazzo del Governo di Siracusa, nella centralissima via Roma, nel cuore della mitica Ortigia. Artista, giornalista, scrittrice e direttore del periodico catanese “L’Editoriale”, Pina Mazzaglia ha presentato le sue più recenti opere nel novembre dello scorso anno nella mostra “Ipotesi di contemporaneo” ospitata nelle sale del Castello Ursino di Catania. Ora Siracusa avrà l’occasione di apprezzare questa artista di notevole spessore. Per Pina Mazzaglia dipingere è stato sempre un fatto naturale, uno sfogo dell’anima che le ha concesso di esprimere al meglio se stessa.  D’altronde l’arte è una poderosa forma di comunicazione che rende partecipe il fruitore dell’opera alle emozioni  provate dall’artista creativo. Nel caso della Mazzaglia la sua pittura ripercorre i sentieri della pop-art americana, rifacendosi a Andy Warhol, ai manifesti pubblicitari, ai fumetti, alla grande cartellonistica, con una tematica precisa che è quella del sottile erotismo, della femminilità espressa senza falsi pudori, anzi col coraggio di comunicare le proprie sensazioni in un formidabile affresco che diventa emblema di un’epoca, nella quale, finalmente, la donna ha potuto conquistare una propria autonomia di pensiero, affrancata dal ruolo riduttivo di casalinga, e una sofferta libertà di espressione. E’ una pittura straordinaria, vivace e squillante nei colori e nelle dimensioni, sempre grandi, delle sue tele. La parte plastica e quella fortemente cromatica si fondono nei suoi lavori che sono un esempio di come la sensibilità femminile riesca a tirar fuori dalla “normalità” la magica essenza dell’arte. In queste “apparizioni” di immagini sulla tela regnano equilibrio spirituale e delizia dei sensi, riuscendo l’artista, con un unico gesto compositivo, a trasformare le immagini in musica e le note della vita in parole di autentica poesia. La sua opera pittorica è quindi basata preva­lentemente sul gesto e sul colore, elementi unificati dal collante delle sue personalissime emozioni e sensazioni. La sua figurazione è luminosità proveniente dal cosmo, la sua radice è una ricerca assai sapiente ed elaborata nel campo della sintesi, in cui il dato pittorico viene filtrato attraverso l’interpretazione dell’artista e viene trasmesso con il suo mezzo ortografico e filologico: il segno. Segno spesso rappresentato da guizzi e tocchi fuggevoli e nervosi con i colori che si affiancano, si sovrappongono, si amalgamano e si stendono puri. Filamenti dell’anima che cerca ancora se stessa, graffiti che sognano nuove avventure visive e descrittive, che seguono i percorsi dell’immaginazione. Una ricerca basata su una impaginazione spaziale dominata da una vasta gamma cromatica che dà forza e profondità all’insieme, inventando affascinanti forme prospettiche che fanno entrare l’osservatore dentro il quadro, alla ricerca di ciò che non è visibile, di ciò che è al di fuori della convenzionale dimensione delle cose. Ne risulta una pittura praticata per determinare uno stimolo di ordine psicologico, un’espressione artistica quanto mai contemporanea e per niente superata dalle ultime esperien­ze nel campo delle arti visive, anzi in linea con esse.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 01/07/2011 alle  10:03:06, nella sezione EDITORIALI,  878 letture)

La vecchia scuola democristiana insegnava che la politica è l’arte della mediazione, della realizzazione del possibile, dello scongiurare scontri sociali troppo acuti, e questa concezione, questa visione ancestrale, torna oggi alla ribalta perché cruenti scontri sociali dovuti alla crisi economica sono alle porte. La gente, i cittadini, affronta problematiche quotidiane che riguardano soprattutto il lavoro, le capacità di prospettare un futuro, le difficoltà del vivere e/o del sopravvivere, le vecchie e nuove povertà, l’eterna crisi del meridione, le emarginazioni di varia natura. La politica dovrebbe saper dare risposte in tempi brevi, ascoltare i lamenti dell’elettore, risolvere i disagi del cittadino, ma questa nostra classe dirigente fatta di “onorevoli” a vita, la cosiddetta “casta”, di assessori regionali “unti dal Signore”, di deputati che vengono eletti in forza di un maggioritario dominato dalle alleanze e sempre meno bisognoso del singolo voto dell’elettore, non ha più tempo da dedicare all’attività di segreteria, a ricevere e sentire la gente, a costituire un punto d’appoggio per il singolo cittadino che, in forza di un’appartenenza, si trovi nella necessità di essere assistito e consigliato.  Si torna quindi a riconsiderare con occhi diversi un passato, mondandolo dalle frasche secche del clientelismo, per portare alla luce quanto di positivo una certa concezione della politica come “servizio” poteva avere, con l’umanizzazione dei rapporti tra il politico di turno e il cittadino elettore. Berlusconi appariva a molti come un riformatore. Ma alcune delle sue promesse sono state disattese durante il suo mandato, anche se in buona parte per i noti motivi di congiuntura internazionale, ma ugualmente Berlusconi ha pagato il conto di tutto questo alle recenti amministrative e perfino nei referendum. Insomma, siamo in una fase di stallo della politica e si naviga a vista con maggioranze risicate in questa nostra Italia sull’orlo di una crisi di nervi, in questa nazione che mantiene inalterate le sue contraddizioni e le sue sperequazioni, tra nord industriale e sud “turistico”, tra ricchi che spendono e poveri che non possono neppure risparmiare, tra lavoratori che non possono andare in pensione e giovani disoccupati ai quali è interdetto l’ingresso nel mondo del lavoro o ai quali vengono offerti soltanto contratti temporanei di sfruttamento o umiliante precariato a vita. C’è bisogno di tornare velocemente a più moderati ma nello stesso tempo più efficaci comportamenti della politica, di ricercare momenti di equilibrio rispetto alle tensioni estreme, di far prevalere regole e ragionamenti, di rafforzare la democrazia, mediante la rappresentanza degli interessi che, nella complessa pluralità di una società moderna ed avanzata, sono molti, moltissimi, e tali da poter essere meglio espressi probabilmente con un sistema proporzionale, per quanto corretto e meditato.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 01/06/2011 alle  11:23:00, nella sezione ARTE,  2053 letture)

Nella sua più recente produzione artistica Giovanni D’Amico presenta una serie di opere che raccontano un percorso evolutivo che nasce dalla pittura per poi arrivare alle forme tridimensionali di una scultura moderna e trasgressiva per materiali, forme e tecniche di realizzazione: diversi passaggi concettuali accomunati da un linguaggio unico e diversificato allo stesso tempo. E’ il risultato di anni di ricerca e di innovazione sui concetti della pittura che, tra mille varianti, contamina la creatività contemporanea e ne diviene anima e metafora ispirante insieme. D’Amico e' un artista che ha intuito il legame tra il colore e l'innovazione possibile delle forme. A questo ha lavorato incessantemente, supportato dalla tecnologia di un’azienda industriale nella quale egli può operare sul pvc estruso ad alte temperature. La contaminazione nei suoi lavori è un concetto presente a tutti i livelli: pittura e scultura, da sempre legate, possono dare origine a nuove forme espressive. Colore e pensiero possono far nascere nuove idee, come la liquefazione delle forme che D’Amico ottiene lavorando la materia a 250 gradi, intervenendo manualmente a plasmarla e successivamente colorando il manufatto con vernici che donano all’opera una particolare attrattiva magnetica. Arte e tecnologia possono originare progetti che assumono forme e articolazioni visionarie. D’Amico è e resta un pittore, che riprende il cammino verso un'arte totale ed evolve verso il futuro, cambiando dalla pittura alla scultura, attraverso forme concettuali astratte. Giovanni D’Amico unisce l'istintiva gestualità, la sua primitiva forza scevra da contaminazioni e sovrastrutture, a tecniche diverse, tecnologiche, industriali, che conferiscono forma fisica all’incorporeità dell’idea creativa. La materia è il terminale comunicativo che esprime l'organicità del proprio esistere, nel linguaggio delle strutture apparentemente casuali della massa filamentosa, che si avviluppa come una matassa, vincolando la lettura dell'opera d’arte alla capacità dell'artista di creare, rigenerare, modificare, e rendere compiuto un abbozzo di idea. Intuizioni che illuminano i territori dell'immaginazione e trascinano in percorsi di prospettive infinite, di logiche innovative che estendono la portata dei nostri sensi e sollecitano momenti emozionali.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 13/05/2011 alle  16:03:01, nella sezione VIDEO,  1001 letture)

Ecco il video della mostra tenutasi dal 13 al 21 maggio 2011 nei locali espositivi dell'Università Popolare di Augusta "Giovanna d'Aragona" in via Roma ad Augusta. Hanno esposto i pittori Anna Barbagallo, Giuseppe Di Salvo, Bartolomeo Ortisi e Raimondo Raimondi.

 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 15/03/2011 alle  14:59:40, nella sezione CULTURA,  1428 letture)

Appuntamento del Kiwanis club di Augusta al Circolo Vandone sabato 13 marzo. Andrea Angeli, portavoce dell’Onu in Afganistan e Iraq, ha presentato il suo libro “Professione Peacekeeper” a cura del presidente ammiraglio Gaetano Russotto.  Andrea Angeli è nato a Macerata nel 1956, dopo essersi laureato in giurisprudenza e scienze politiche è entrato nel servizio esteri del Gruppo Guzzini. Procuratore legale e giornalista pubblicista dal 1987. Ha mosso i primi passi alle Nazioni Unite nel 1987 presso la sede ONU di Santiago del Cile, durante l'ultima fase del regime militare. Nel dicembre '88 é a Baghdad, tre mesi dopo la fine del lungo conflitto con l'Iran. A metà del '92 é nell'amministrazione temporanea ONU in Cambogia, Angeli diventa subito un punto di riferimento per il contingente di carabinieri inviati a rinforzo della polizia internazionale. Nel settembre '93 é a Sarajevo come addetto stampa della forza di pace UNPROFOR, incarico che ricoprirà fino alla fine della guerra . Nei cinque anni trascorsi in Bosnia Erzegovina e Croazia, Angeli svolge un'ampia attività di raccordo con la stampa di tutto il mondo. Strettissimi i rapporti di Angeli con il contingente di Carabinieri a Mostar' ne1'95 e le Brigate italiane IFAR/SFOR che si sono succedute nel dopoguerra. Alla fine del '98 é portavoce OSCE in Albania. Nei tre mesi dell'intervento NATO in Jugoslavia ha costantemente tenuto informata la stampa internazionale degli eventi che si succedevano a ridosso della frontiera albanese e nei numerosi campi profughi disseminati nel Paese. Nel settembre '99 Angeli ritorna addetto stampa ONU, questa volta a Pristina, nella nascente amministrazione ad interim delle Nazioni Unite. Dopo quattro anni in Kosovo Angeli, su proposta della Farnesina, accetta la posizione di portavoce dell'autorità di coalizione in Iraq. E' lui a dare all'Ansa ed alle altre agenzie la prima notizia dell'attacco alla base di Nassiriyah e a collegarsi con le principali testate mondiali per riferire del tragico evento. Interessanti le testimonianze di Angeli rese ad un uditorio numeroso e qualificato. Lo hanno preceduto gli interventi dell’ammiraglio Bernardi e del generale dei Carabinieri Coppola. Ha come sempre elegantemente condotto la serata Antonello Forestiere.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 25/01/2011 alle  10:32:20, nella sezione CRONACA,  824 letture)

L'Etna è interessato da un lento e continuo scivolamento verso il mare di un intero settore, che scorre pian piano su una superficie posta a circa quattro chilometri di profondità. Lo afferma uno studio sul fianco orientale del vulcano attivo più alto d'Europa recentemente pubblicato sulla  rivista "Geophysical research letters" da un team di ricercatori. Sin dai primi anni '90 numerosi studi hanno dimostrato che i fianchi dei vulcani possono collassare sia attraverso deformazioni repentine, sia mediante movimenti molto più lenti, ma continui, che investono porzioni significative degli apparati vulcanici. Lo studio ha dimostrato che attualmente  l'Etna è interessato da questo secondo tipo di movimento che, in alcuni periodi, accelera producendo terremoti ed evidenti deformazioni del suolo in corrispondenza dei margini tra il fianco instabile e la restante parte dell'apparato vulcanico. I ricercatori hanno messo in evidenza che lo spessore del fianco che collassa si aggira intorno ai 4 km.  Da tempo questi fenomeni sono sotto assiduo esame da parte della comunità scientifica, sia per i danni ai manufatti causati dalle faglie in movimento ai margini delle zone instabili, sia perché la stessa dinamica di fianco sembra effettivamente collegata alle eruzioni attraverso meccanismi non ancora completamente chiari e quindi meritevoli di attenzione.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 21/09/2010 alle  18:37:35, nella sezione CULTURA,  932 letture)

Domenica 19 settembre la Chiesa Madre di Augusta ha ospitato un bel concerto nell’ambito del programma del Primo festival del Barocco dedicato al Barone Emanuele D’Astorga a 330 anni dalla sua nascita.  Il famoso “Stabat Mater” è stato magistralmente eseguito dal Coro dei Musici Nuziali diretto dal Maestro William Grosso cui fa fatto seguito il brano “Fac me plagis” eseguito dal baritono Giovanni Di Mare e la “Missa Brevis” dello stesso William Grosso con l’apporto della soprano Valentina Bianca, del controtenore Giuseppe Pennisi e del baritono venezuelano Paul Sajo. Il Primo Festival del Barocco è una iniziativa dell’Istituto Siciliano d’Arte Musica e Spettacolo intitolato proprio al D’Astorga e gode del patrocinio dell’Amministrazione Provinciale di Siracusa e del Comune di Augusta.

 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 18/09/2010 alle  15:01:52, nella sezione ARTE,  1258 letture)

Il Palazzo del Governo di via Roma a Siracusa ospita dal 18 settembre al 3 ottobre la mostra dei disegni di Aurelio Caliri e Maria Leone. Paesaggi dell’uno e ritratti dell’altra. Presentati dallo storico dell’arte Paolo Giansiracusa sabato 18 alla presenza del Sindaco Visentin, dell’Assessore al Bilancio della Provincia Rino Lazzari, dall’Assessore alla Cultura Amenta e da un folto e qualificato pubblico di estimatori del maestro Caliri, musicista, poeta e certosino disegnatore dei paesaggi di una Sicilia antica e meravigliosa. Sulla sua opera ebbe a dire Turi Volanti: "Disegnare un foglio, come fa Caliri, dare senso alla materia – inchiostro, carta o altro che sia – è il risultato di una infinita gestualità, in cui non solo lo mano - prolungamento del cervello - ma tutto il corpo dell’artista vibra al flusso degli strati interiori più profondi. È così che l'artista si è costruito un suo segno attraverso una sua orchestrazione gestuale, cercandolo e trovandolo nelle pietre di una pietrosa Sicilia, panlitica, iblea, prossima al primordio, pietre da cui tutto emerge e con cui tutto si costruisce, consustanziale alla nostra storia dura, alla fatica di una terra mitica ma avara: l'ha trovato nelle case pastorali, nei muri a secco, nelle categorie riarse e nei riarsi spazi di sole feroce, dove assente è l'uomo, in fuga dalla solitudine e dal silenzio panico”. Lo straordinario scrittore svizzero del Novecento, da poco scoperto, Robert Walser, ha scritto: “ Il pittore dovrà amare la natura con più intensità e maggior dolore di ogni altro, con impeto e tremore perfino più del poeta. e aspettazione”. Certamente con amore, tremore e aspettazione Aurelio Caliri continua ad osservare lo natura, fino a quando non sia prossima a rivelargli il suo segreto.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 05/09/2010 alle  18:40:38, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  966 letture)

Un convoglio di oltre 20 mezzi, tra jeep e moto, tutti rigorosamente restaurati ed efficienti, hanno fatto sosta nel piazzale del Milite Ignoto di Augusta in transito verso Cassibile dove, il 3 settembre 1943 alle ore 17, fu firmato l'armistizio che pose fine al Secondo Conflitto Mondiale. Hanno sfilato i collezionisti di varie associazioni vestiti da militari angloamericani e non solo. Uomini e donne indossavano le divise, ma tra loro c'erano anche i Marines della base di Sigonella. La sfilata ha poi avuto luogo lungo la via Principe Umberto. I giovani hanno osservato incuriositi, ma nelle persone più anziane sono riaffiorati i ricordi del passato. A Cassibile il 3 settembre a ricevere il corteo storico in prima fila c’erano il sindaco Roberto Visentin, l'assessore alla Cultura, Sandro Speranza, il consigliere comunale Paolo Romano, promotore dell'iniziativa, il presidente della commissione comunale alla Cultura, Piero Maltese, l'assessore provinciale alla Cultura, Gaetano Amenta, il sindaco di Canicattini Bagni, Paolo Amenta, lo storico Nunzio Lauretta, il responsabile scientifico della manifestazione, il Marchese di Cassibile ed i rappresentanti delle associazioni culturali Lamba Doria e Kakiparis. La rievocazione storica è stata ideata e ralizzata dall'associazione marchigiana "Fantasmisuferrivecchi" di Camerino in collaborazione con l'associazione "Peri Peri" ed il sostegno della Provincia regionale. Per una settimana, il corteo di mezzi storici ha visitato i luoghi dello sbarco tra le province di Siracusa e Catania. Successivamente il convoglio è ripartito dal porto di Catania alla volta di Civitavecchia.  

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 23/08/2010 alle  12:02:06, nella sezione EDITORIALI,  816 letture)

Sappiamo che solo l’unione fa la forza e come sia necessaria la condivisione di progetti e di energie per far ripartire una voglia di cultura oggi latente ma che può qualificare e riempire di contenuti le buone intenzioni delle tante associazioni che non riescono a mantenere nel tempo gli impegni presi e finiscono per essere soltanto castelli di carta. Tali associazioni devono poter esistere ed operare anche in carenza di contributi pubblici i quali semmai devono venire dopo, a consuntivo di un’attività culturale svolta nel lungo periodo, se si è riusciti a realizzare qualcosa di buono, coi soli mezzi del volontariato e della dedizione a un’idea o a un progetto condiviso. I principi su cui tutti sono d’accordo, oggi come oggi, riguardano come campo d’intervento i giovani, e parlano di cultura della legalità di cui oggettivamente la nostra società ha un gran bisogno e di recupero della dispersione scolastica, fenomeno non così raro come si potrebbe pensare. In nome di una cultura della vita, intesa come valore assoluto contro ogni sballo che possa portare alle stragi del sabato sera. Anche i momenti di aggregazione tra i cittadini, specialmente tra i più giovani, sono da considerarsi indispensabili per la vita della comunità. Nel vuoto assoluto, nella noia di un paese che non sa offrire nulla ai suoi cittadini, proliferano alcool, droga e tragedie annunciate. Augusta non ha alcun contenitore di eventi culturali o di svago in grado di offrire alla cittadinanza una occasione di intrattenimento e di spettacolo. Quando si potrà far uso dei locali del Convento di S. Domenico? E che fine faranno i locali dell’ex tribunale alle Grazie? La verità è che Augusta ha bisogno di fantasia, di progetti d’ampio respiro, di essere tirata fuori dalla situazione in cui si trova e per questo, stante la penosa carenza delle finanze pubbliche, è sempre più necessario il contributo di tutti. Ci aspettiamo quindi la collaborazione di tutti senza settarismi e personalismi, e, per quanto riguarda l’amministrazione pubblica, un atteggiamento sensibile che vada al di là dei ragionamenti di cassa, perché tante cose possono essere realizzate a costi minimi, ma ci vuole abilità e saper fare e una buona dose di amore per la città.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 23/08/2010 alle  11:25:41, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  820 letture)

“L’handicap non è insito nella persona con difficoltà, è piuttosto uno status della persona” – questa frase lapidaria da un senso preciso alla necessità di abbattere ogni tipo di barriere architettoniche che rendono non vivibili tanti spazi pubblici a coloro che sopportano già il peso di un disagio. Un tema spesso dibattuto negli anni passati ma ancora drammaticamente attuale vista la situazione non ben definita malgrado le normative promulgate in materia, a cominciare da quella legge n. 13/89 che a distanza di venti anni dalla sua emanazione ancora non è del tutto operativa. Tutto ciò è ampiamente documentato dalle barriere ancora esistenti, tante, visto che sono ancora poche quelle strutture che invece hanno saputo adeguarsi superando ogni ostacolo. Gli articoli di Mimmo Di Franco e di Giovanni Di Mare hanno più volte denunciato come il fenomeno sia ampiamente presente anche nella nostra cittadina. La gente continua a negare le pari opportunità, negando soprattutto a se stessa la consapevolezza che è proprio il non rispetto delle normative e un comportamento poco civile e responsabile a rendere la persona veramente handicappata. Infatti il mancato adeguamento degli edifici pubblici, negli uffici comunali, nelle scuole, negli ambulatori dell’ASL, nelle Poste o altrove è una grave carenza cui si aggiunge il comportamento dei cittadini allorquando lasciano la macchina parcheggiata davanti a uno scivolo, impedendo così l’accesso e il transito delle carrozzelle, o occupano un parcheggio riservato agli invalidi delineato con le strisce gialle. Si parla tanto di solidarietà ma sarebbe più opportuno ricordarsene concretamente tutti i giorni nei comportamenti comuni. Le iniziative delle varie associazioni di volontariato hanno come obiettivo primario la sensibilizzazione dei ragazzi delle scuole, nella consapevolezza che i giovani siano più bravi dei grandi a capire tutto questo e che proprio da loro si deve cominciare per far sì che la solidarietà non sia solo un sostantivo privo di contenuti, ma un reale e concreto atteggiamento per poter coesistere tutti insieme, disabili e non, in una città civile a misura d’uomo. Perché la diversità è un bene prezioso cui l’umanità può attingere per progredire, senza bisogno di sancire per legge percentuali di partecipazione al potere pubblico, come una nostra graziosa ministra, allora delle pari opportunità, ha proposto qualche tempo fa. “Pari opportunità” deve essere un concetto che vale erga omnes – per tutte le categorie sociali svantaggiate - e non solo riguardo il gentil sesso. Sostituire quantitativamente politicanti femmine a politicanti maschi è cosa risibile, ben altro è trovare qualità politiche d’alto livello in chiunque - uomini, donne, disabili, omosessuali e chi più ne ha più ne metta- meriti di essere valorizzato e di lavorare per il progresso civile della città dove vive e della nazione dove è ospitato.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 12/06/2010 alle  10:37:09, nella sezione CULTURA,  748 letture)

Il Taormina Film Fest, appuntamento di giugno, è arrivato alla sua 56ª edizione dal 12 al 18 giugno 2010 nella meravigliosa cornice di sempre, il Teatro Antico di Taormina, uno tra i più importanti e suggestivi monumenti siciliani. Il Festival gode del patrocinio economico della Regione Sicilia, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, di Sicilia Film Commission, oltre che del Comune di Taormina e di altri importanti sponsor privati, ed è diretto fin dall’edizione del 2007 da Deborah Young che è riuscita a portare nello splendido scenario taorminese grossi nomi del cinema statunitense e mondiale. E’ una grande "vetrina" di importanti anteprime di film provenienti da Hollywood e dal resto del mondo. Diversi film presentati a Taormina sono stati successivamente nominati per rappresentare i loro rispettivi Paesi per gli Academy Awards; altri hanno vinto Emmy, Golden Globe ed altri importanti riconoscimenti. Fra i premi che verranno assegnati quest’anno ci sono il Golden Tauro per il miglior film e i Taormina Arte Awards per varie importanti personalità del cinema internazionale. Il Festival ospita tre diversi concorsi, ognuno limitato a non più di sette film: Mediterranea, riservato a film prodotti dai paesi mediterranei, Oltre il Mediterraneo, dedicato al cinema mondiale e il Concorso Corti Siciliani. La Spagna sarà il Paese del Mediterraneo Ospite d’onore per il 2010; l’anno scorso era stata la volta della Francia con la presenza di Catherine Deneuve, Fanny Ardant e Dominique Sanda. Spettacolari le proiezioni all'aperto sullo sfondo del suggestivo Teatro Antico e suggestivi i cocktail nel Grande Albergo Timeo dove è possibile incontrare e fotografare gran parte degli attori e dei personaggi del mondo del cinema ospiti a Taormina, compresi produttori, distributori e direttori di festival che ogni anno possono visionare i film del festival in anteprima prima ancora che vadano in distribuzione nei circuiti commerciali. In una cittadina unica al mondo per la sua bellezza naturalistica e per la sua calorosa ospitalità, il festival rappresenta oggi un evento culturale validissimo e in rapida evoluzione, che dovrà essere salvato e perpetuato nel tempo a onta di qualsiasi crisi economica che costringa a restrizioni nei contributi. Ma il Festival è uno dei pochi eventi validi in un panorama di sprechi e di questo è perfettamente convinto l’Assessore regionale al Turismo Nino Strano che ha recentemente dichiarato il suo entusiasmo per questa pregevole manifestazione di arte e cultura.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/05/2010 alle  10:40:19, nella sezione SPORT,  1371 letture)

Presentato il 27 maggio alla stampa nell’ufficio del Sindaco di Augusta il “1° Trofeo HANGAR di AUGUSTA”, una due giorni di calcio giovanile riservata alle categorie “Giovanissimi” e “Pulcini misti”. Organizzata dall’A.S.D. SPORTLAND 2000 AUGUSTA, associazione sportiva affiliata alla F.I.G.C. Settore Giovanile Scolastico e al CONI, l’evento gode del patrocinio della Provincia Regionale di Siracusa e del Comune di Augusta e si svolgerà il 29 e 30 maggio 2010 su due campi attrezzati a disposizione della società sportiva, il Campo Megarello e il Centro Sportivo Sportland, che si trovano sulla strada per Brucoli. Partecipano al torneo le seguenti squadre: REGGINA CALCIO, CALCIO CATANIA, J. ACIREALE, M. RAGUSA, HELLENIKA SIRACUSA, SPORTIME C.S. e SPORTLAND 2000. Si è voluto dedicare il torneo giovanile all’Hangar di Augusta per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla possibilità non solo di valorizzare quel monumento unico in Europa che è diventato simbolo di Augusta, ma anche sulla potenzialità che negli ampi spazi verdi che lo circondano possa nascere un centro sportivo a disposizione dei giovani. Pertanto a margine della manifestazione è stata organizzata una mostra di fotografia dedicata all’Hangar di Augusta, a cura dell’Associazione Augusta Photo Freelance e della testata web Augustaonline. Il coordinamento e l’Ufficio Stampa dell’evento sono affidati al giornalista Raimondo Raimondi. L’evento è stato fortemente voluto dal consigliere provinciale Paolo Amato, capogruppo PDL alla Provincia, che ha dichiarato: “Con questo ed altri eventi sportivi saremo in grado di recare benefici soprattutto ai nostri ragazzi oltre che a noi stessi. I preparatori atletici sono assai qualificati e animati da grande passione per lo sport e costituiscono una affettuosa guida per i piccoli atleti. Lo sport è salute, crescita intelligente e trasmette valori, fornendo chi lo pratica, soprattutto in giovane età, di quell'equilibrio necessario per affrontare la vita. Vale la pena perfino di perdere qualche partita sul campo: la vera vittoria consiste nel formare la coscienza e la conoscenza, propria ed altrui, soprattutto nel settore giovanile”. Anche il Sindaco Massimo Carruba ha plaudito all’iniziativa sottolineando come spesso l’iniziativa privata ad Augusta sopperisce alle carenze di strutture sportive pubbliche di cui il comune è attualmente carente, ma si sta provvedendo al riguardo si da avere nel prossimo futuro quelle strutture che i nostri giovani meritano di avere.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 02/04/2010 alle  18:24:24, nella sezione CULTURA,  937 letture)

Presentazione martedì 6 aprile alle 18,30 presso la Libreria Biblios di Siracusa del libro “Amore, rabbia e verità”, ultima fatica letteraria dei siracusani Luca Raimondi e Daniele Scirpo. Alla presentazione prenderanno parte la scrittrice Barbara Becheroni, autrice della prefazione, e la musicista Cristina Gianino. Uniti dalla comune volontà di approfondire i difficili rapporti tra uomini e donne dalla giovinezza all’età adulta, Luca Raimondi e Daniele Scirpo propongono due lunghi racconti tra introspezione, ironia e romanticismo. Incanti e disincanti si susseguono senza sosta, componendo un originale "romanzo a staffetta" sulla crisi d’identità del maschio nella società odierna. Nella prima parte, "A piedi nudi sulla sabbia bollente", Raimondi racconta il duro e iniziatico percorso che riconduce l'io narrante, un giovane filosofo confuso, tra le braccia della ragazza che aveva lasciato in un moto di presunzione. A Scirpo è affidata la seconda parte, "Katerina", in cui un altro io narrante, un mite impiegato modello, si risveglia nel "giorno dopo" di quel lieto fine raggiunto con sacrificio dal primo protagonista: in un matrimonio apparentemente riuscito, si dibatte, scalcia, cerca di capire e infine subisce, felicemente, il potere della donna. Come scrive la scrittrice Barbara Becheroni nella prefazione che aggiunge un punto di vista femminile alle vicende narrate esclusivamente da un’ottica maschile, “non è facile capire le donne, però, a volte, tra contraddizioni e cenere sparsa sulla testa, qualcuno, faticosamente, ci riesce. Non del tutto, per carità, altrimenti, che divertimento ci sarebbe?”. Luca Raimondi, pedagogista, e Daniele Scirpo, archeologo, sono amici di vecchia data uniti dalla comune passione per la letteratura e il cinema. Hanno spesso collaborato nella stesura di sceneggiature (tra cui "I tre giorni di San Paolo", Gruppo Editoriale L'Espresso, 2009) e hanno diretto, insieme o singolarmente, numerosi cortometraggi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 20/03/2010 alle  10:34:09, nella sezione ARTE,  732 letture)

La galleria Roma ospita dal 20 marzo la mostra personale della pittrice Marisa Leanza, priolese. E’ stata presentata dal poeta Salvo Sequenzia che di lei scrive: “Marisa Leanza – in Profili - percorre con estrema rapidità il tempo di una ricerca che da un naturalismo alla Casorati, di spaesante elegia, attraverso momenti traversati da inquietudine e curiosità, approda ad un sentimento della forma caratterizzato da una peregrinazione nel magma della materia colorata. L’artista vede, pensa e sente la realtà come trama intricata di elementi pittorici e, pertanto, le sue percezioni sono restituite sulla tela sub specie cromatica di segno e di luce. Da tale avvertimento affiora una teoria di volti, di corpi, di mani, che si definiscono quali reperti struggenti, assorti, sempre cangianti, modulati su ritmi contratti, scansioni spaziali chiuse e silenti, atmosfere sospese. Nei Profili di Marisa Leanza si colgono legami di forme e di colori che non spiegano né traducono, bensì rappresentano la sostanza stessa delle emozioni evocate, così come esse si riverberano nell'interiorità dell'artista.” Vagamente discontinua la sua produzione che probabilmente deve ancora trovare una univoca amalgama. Per ora affronta temi diversi e differenti stilemi prediligendo però la ricerca di scorci anatomici che emergono dal fondo scuro con squarci di luce dal sapore caravaggesco. Nelle sue opere levità e inquietudine, luce e silenzio, si compenetrano per superarsi a vicenda, ora accentuando il delicato mélange delle tinte, ora acuendo il pathos delle linee scure, come graffi dell’anima. Ogni immagine racchiude felicità espressiva, bellezza lineare e formale, un'interpretazione globale del personaggio, eternato nella sua più intima, intensa spiritualità.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 981 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (222)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (59)
COSTUME E ATTUALITA' (113)
CRONACA (722)
CULTURA (195)
EDITORIALI (26)
EVENTI (288)
LIBRI (181)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017

Gli interventi più cliccati

< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


20/11/2017 @ 14:30:41
script eseguito in 230 ms