Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 11/06/2017 alle  12:42:29, nella sezione ARTE,  501 letture)

fototecaInaugurata sabato 10 giugno, presso la Fototeca Siracusana di Piazza S. Giuseppe a Ortigia, la tripersonale di scultura degli artisti, Gianni Andolina, Doris Bouffard e Johanne Ricard dal titolo "Connessioni interne(t)". La mostra è allestita a cura di Salvatore Zito, responsabile artistico della Galleria di Fototeca Siracusana. foto
L'esposizione – che resterà nel calendario della Galleria sino al 9 luglio – presenta una interessante e inedita lettura congiunta del lavoro dei tre autori accomunati dal materiale adoperato per le loro “connessioni scultoree”: la pietra di Noto.

A proposito di questa performance artistica lo scultore Gianni Andolina dice: "Dal microcosmo usciamo per capire il mondo. In arte non esistono distanza e tempo."

Anche questa è una chiave di lettura per coloro che visitano questa mostra.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 10/06/2017 alle  09:38:42, nella sezione ARTE,  595 letture)

quadro di chisesiDomenica 18 giugno negli spazi della ex “Chiesa del Carmine” di Taormina, si terrà l’inaugurazione della mostra “Saligia” dell’artista Andrea Chisesi, milanese oramai trapiantato a Siracusa, organizzata dal Comune di Taormina e realizzata in collaborazione con l’Associazione TraOrmina Forum e l’Atelier Andrea Chisesi. L’esposizione, dal titolo enigmatico (è l’acronimo dei 7 vizi capitali) racconta, attraverso 36 opere, dislocate tra nicchie e cappelle antiche, quanto complessa e connotata sia la percezione della debolezza umana nel sentire comune. Accidia, superbia, lussuria, sono davvero vizi o non piuttosto opportunità di felicità per l’uomo e la donna? Luogo della mostra, che durerà fino al 20 agosto, l’ex Chiesa del Carmine di Taormina, edificata in stile barocco nel 1666, a pianta centrale, che fu più volte saccheggiata dai saraceni. Dopo essere stata radicalmente distrutta dai bombardamenti del 1943, fu ricostruita e da quel momento sconsacrata, diventando sede di mostre prestigiose. Andrea Chisesi ha vissuto a Milano dove ha frequentato il Liceo Artistico e il Politecnico. Le sue opere necessitano di una rigorosa progettualità: la tela viene preparata pittoricamente per accogliere la fotografia, che successivamente viene dipinta e ultimata. A volte l'artista dà libero sfogo all'istintività e al gesto che caratterizza soprattutto le sue "live performance". Proprio questa esigenza di essere rapido, incisivo, spettacolare davanti a un pubblico attento lo ha indotto ad utilizzare la tecnica del "dripping", tecnica pittorica caratteristica dell'Action Painting americana, elaborata nella sua forma più tipica alla fine degli anni ‘40 da Jackson Pollock.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 10/06/2017 alle  09:34:47, nella sezione CULTURA,  496 letture)

logoA Taormina dal 24 al 28 giugno 2017 si svolgerà la VII edizione di Taobuk, International Book Festival, il Festival Internazionale del libro, ideato e diretto da Antonella Ferrara. L'evento pone l'attenzione sulla letteratura e sul dialogo con il cinema, la musica, il teatro, le arti visive, il grande giornalismo e l'enogastronomia. Scrittori, giornalisti, artisti, sia italiani che stranieri, parteciperanno a incontri, tavole rotonde, momenti musicali e di spettacolo, reading, mostre di fotografie, botteghe del gusto, itinerari turistici, proiezioni di film, corsi di scrittura. Il tema di questa edizione è "Padri & Figli". Cosa abbiamo ricevuto in eredità e cosa vogliamo rendere alle generazioni future, in quel delicatissimo passaggio del testimone che si chiama civiltà? Sabato 24 giugno, alle ore 20,30, nel Teatro Antico di Taormina, si svolgerà l’inaugurazione di Taobuk. La serata prevede la cerimonia di consegna dei Taobuk Awards, quest’anno assegnati agli scrittori Abraham Yehoshua e Domenico Starnone (Taobuk Award for Literary Excellence), al magistrato e saggista Nicola Gratteri (Taobuk Award all’impegno civile), al regista Gianni Amelio (Taobuk Award per il film "La tenerezza"), agli attori Luigi Lo Cascio (Premio Una vita per l’Arte) e Christian De Sica (Premio come protagonista del film "Fräulein"). A concludere la cerimonia sarà l’artista israeliana Noa che si esibirà in concerto con l’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, diretta dal maestro Domenico Sanfilippo. La serata sarà presentata dal giornalista Alessio Zucchini affiancato da Antonella Ferrara.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 10/06/2017 alle  09:33:05, nella sezione EVENTI,  498 letture)

fotoIn corso di svolgimento il "Festival d'Estate" sul delicato e affascinante tema de "Le Logiche dell'Inconscio in Arte, Cultura, Bellezza". Iniziato l'8 giugno e ospitato nel salone al primo piano dell'ex Convento del Ritiro, in via Mirabella 31 a Siracusa, sarà aperto ai vari eventi e reistrerà numerosi interventi di qualificati relatori fino all'11 giugno. Anima dell'iniziativa Letizia Lampo, psicologa e pedagogista clinico, nonché presidente del Centro Studi ExDucere.

"Credo che ispirarsi a qualcosa che ci rappresenti anche pallidamente e che viva al nostro interno - sottolinea Letizia Lampo - sia il primo step di un desiderio soggettivo volto al conoscersi e al sapere di sé. Dentro, nei propri costrutti interiori, nel proprio linguaggio più intimo, nelle immagini che ci hanno cullato sin da bambini sarà probabilmente possibile ritrovare vere e proprie fonti di ispirazioni che motivano le risposte alle domande più importanti della nostra esistenza. Forse non risponderanno mai compiutamente, ma il condursi in tale direzione motiva il secondo step che mi piace chiamare costruzione. Come un artista che costruisce un'opera che parla di sé, così chi ha deciso di far della propria vita un'opera d'arte ha da impegnarsi a realizzare un'opera prima, originale, autentica, ispirata dal proprio moore interiore... e ci sarà da scavare, solcare, tracciare, sottrarre materiale, aggiungerne pezzi. Ci sarà da faticare, da insistere, da non dormire e non mangiare... ma è il lavoro per eccellenza, quello che limita i confini con la semplice curiosità su se stessi. Il terzo step, forse il più coraggioso, parla di esposizione... perché quale potrebbe mai essere il fine stesso di un'opera se non quello di lasciarsi ammaliare dallo sguardo dell'altro nel suo essere presente, nel suo esibirsi per quel che si è senza vergogna, paura o disagio? O forse anche con tutto ciò, ma senza abbandonare il gesto coraggioso di esserci, per sé e per gli altri... chissà, magari per divenire, ancora, ispirazione per altre opere prime, altre opere maestre, in cui ci si possa trovare soggettivamente".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 07/06/2017 alle  18:56:45, nella sezione ARTE,  530 letture)

fotoÈ in corso la mostra “ViceVersa” di Ras Dedo (al centro nella foto) presso la Galleria Spazio 30 di via Roma a Siracusa. Matteo De Domenico, il cui pseudonimo è Ras Dedo, è un artista affascinato dalla cultura Rastafari dalla quale ha subito una forte influenza sia nella vita personale che nel suo lavoro di pittore e di musicista, pioniere della musica reggae in Sicilia. La mostra presenta i suoi ultimi lavori insieme ad una selezione di dipinti di periodi precedenti. La disposizione delle opere non segue una logica lineare e cronologica, ma ciclica, seguendo i principi della filosofia Rastafari, per cui il passato si riflette nel futuro, e viceversa. L'esposizione si snoda in due sezioni: Under Pressure/Overstanding e Myth_Ochondiali. Il primo ambiente ospita una serie di opere di nuova concezione, mentre il secondo ambiente accoglie opere in prevalenza appartenenti al primo periodo. La prima sala espone grandi tele bianche cariche di tracce, simboli e oggetti trovati concettualizzati dall’artista. Una sorta di racconto tra figure danzanti e maschere colorate sono invece le opere che popolano la seconda stanza e che portano il visitatore in un’atmosfera calda e ricca di movimento, con chiari riferimenti alle origini africane dei ritmi e delle campiture pittoriche. Il 24 giugno la danzatrice Stefania Zefiro effettuerà una performance legata alle opere di Dedo con una danza del ventre durante l’ultimo giorno della mostra.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Luca Raimondi (pubblicato il 06/06/2017 alle  18:15:04, nella sezione CINEMA,  952 letture)
Il 1° giugno 2017 alle Ciminiere di Catania, in occasione di Etna Comics, noto Festival Internazionale del Fumetto e della Cultura Pop giunto alla settimana edizione con un nuovo record di presenze, è stato proiettato il cortometraggio "Senza Ritorno”. L’attore emergente Dario Giarrizzo, anche soggettista e sceneggiatore del corto, ringrazia il Responsabile dell’Area Movie Cateno Piazza per l’occasione concessa all’opera a cui ha collaborato, prodotta con un budget minimo. Presenti in sala anche il filmmaker e regista Francesco Maricchiolo, fondatore del centro sperimentale di produzione cinematografica “LABORATORIOdiCINEMA”. “Ho fatto richiesta per partecipare al concorso all’ultimo momento, ma ormai il programma era stato completato. Ma non importa, per me, vedere il corto nella stessa sala dove hanno proiettato un film di Dario Argento, grande regista ospite della manifestazione, è più di un onore” ha dichiarato Giarrizzo. “Senza Ritorno” è visibile on line, gratuitamente, su YouTube.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 06/06/2017 alle  17:55:51, nella sezione ARTE,  492 letture)

sandra rizza fotoVenerdì 16 giugno alle ore 18,30 nella Galleria Quadrifoglio Arte contemporanea (Via Santi Coronati 13, Ortigia) sarà inaugurata una personale dell’artista siracusana Sandra Rizza (nella foto) dal titolo “A porte aperte”, a cura di Mario Cucè. L’autrice espone una serie di disegni a matita o a tempera su carta e su cartoncino, concepiti come opere a sé stanti o assemblati come installazioni e disposti liberamente nello spazio espositivo, che raffigurano concetti geometrici, forme e linee, comunicando all’osservatore l’aerea impressione di trovarsi in un luogo aperto.
Così l’artista illustra il significato del proprio lavoro, in una nota esplicativa: «Spazi senza limiti mentali si scoperchiano ad un angolo visuale o pensabile come la cupola di un osservatorio stellare. Si abbattono muri e confini per aprirsi all’incontro sociale ideale e materiale attraverso cui ogni uomo ha modo di confrontarsi con se stesso e con gli altri.locandina della mostra Il segreto dell’esistenza? Un incrocio di destini, di percorsi inconsci e casuali che creano ordine nel disordine, senso nel non senso». Una mostra, questa, che prova a risalire all’origine del concetto di spazio, alla sua relazione fisica e mentale con il soggetto che lo percepisce, per arrestarsi dinanzi a una domanda che resta inevitabilmente aperta, sospesa: «non so se sta dietro al pensiero la linea, più dietro o più avanti, ancora più avanti». Un interrogativo, questo, che porta l’opera d’arte a sconfinare nel mistero del reale, come osserva l’artista Francesco Lauretta, autore del testo inserito nel dépliant della mostra: «Le geometrie sono offese dello spazio, sono domande e risposte del creato. Al cospetto il pensiero è tremulo. Sandra sfilaccia le forme e si lascia come fosse la prima volta a ‘sapere’ delle cose».
La mostra, aperta fino al 30 giugno, potrà essere visitata da martedì al sabato dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 17.00 alle 20.00.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Luca Raimondi (pubblicato il 02/06/2017 alle  19:58:37, nella sezione VIDEO,  460 letture)
È in svolgimento a Catania, presso il centro fieristico Le Ciminiere, il 7° Festival Internazionale del Fumetto e della Cultura Pop “Etna Comics”. Inaugurata ieri con l’ormai consueto massiccio afflusso di giovani provenienti da ogni dove, la manifestazione proseguirà fino a domenica 4 giugno. Tra i tanti ospiti presenti, uno dei nostri registi più famosi nel mondo, Dario Argento, e il curatore del fumetto di culto “Dylan Dog”, lo sceneggiatore Roberto Recchioni. Presentato ieri anche il volume curato dal suo grande amico Andrea Pintaldi, Dario Argento. Rosso come il sangue, rosso come la passione. Il libro di Pintaldi in 175 pagine senza immagini ma ricche di contenuti vanta interventi d’eccezione e vuole essere un vero e proprio omaggio al regista, grazie agli interventi e alle parole dedicategli da amici e collaboratori, con la partecipazione straordinaria di Ennio Morricone.

 
Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 02/06/2017 alle  15:58:12, nella sezione CRONACA,  471 letture)

fotoIn un comunicato Pippo Zappulla esprime la posizione di Mdp sui voucher, il cui ripristino viene ritenuto inaccettabile, tanto da decidere per sabato 10 giugno di indire una assemblea provinciale Mdp "contro il lavoro e la dignità comprati al tabacchino". "Poche settimane fa il Governo - si legge - decise di revocare i voucher sia per le mprese che per le famiglie. Abbiamo tentato di spiegare che per le famiglie (lavori di cura, giardinaggio e piccole incombenze) un sistema più corretto doveva essere mantenuto. Ma evidentemente il problema del governo era solo quello di impedire il referendum promosso dalla Cgil con il sostegno di più di 3 milioni di cittadini, e fu deciso di abolire tutto. Ora, invece, il Governo ha inserito nel provvedimento della cosiddetta manovrina un emendamento che, sotto mentite spoglie, lo ripristina esattamente nello stesso modo di prima. E’ una decisione che supera i confini del rispetto istituzionale nei confronti del Parlamento, lede e offende il diritto i milioni di italiani che avevano chiesto il referendum, e riattiva uno strumento che rischia di precarizzare e distruggere ulteriormente il già compromesso mercato del lavoro, nonché il sistema elementare di diritti e di tutele del lavoro. Non possiamo accettare che, per giovani, e meno giovani, il probabile destino da lavoratori sia quello di essere “comprati" al tabacchino con un voucher tutto incluso, comprese dignità e professionalità. L’emendamento approvato da PD, Lega e Forza Italia non definisce i requisiti per inquadrare un lavoro davvero occasionale, ed estende l’uso dei voucher alle imprese fino a 5 dipendenti a tempo indeterminato, cioè alla maggioranza delle Imprese italiane. Non è vero che senza i voucher la sola alternativa sia il lavoro nero. Il lavoro a termine e a chiamata, infatti, esiste a prescindere dai voucher, e le Imprese possono farvi ricorso come prima. Non esiste e non è esistito, neanche in queste settimane, alcun vuoto legislativo che costringa le imprese a ricorrere al lavoro nero. Il nuovo meccanismo invece incentiva gli abusi: dopo avere comunicato all’Inps la prestazione, il datore di lavoro ha 3 giorni di tempo per “ripensarci”, pagare in nero e dire che non c’è stata prestazione. Per rispondere alle esigenze delle sole famiglie si dovevano costruire soluzioni condivise tra i vari partiti e con le forze sociali, compresa la Cgil che ha dato piena disponibilità e discuterne e a concordare le giuste soluzioni. Esiste, peraltro, una proposta di legge di Articolouno Mdp sul lavoro subordinato e occasionale per il lavoro domestico e familiare, come giardinaggio, ripetizioni, baby sitter, inoccupati, assistenza malati e disabili. Per queste ragioni non abbiamo approvato il provvedimento. Per queste ragioni, per discutere dei veri temi e criticità del lavoro, delle condizioni drammatiche in cui si vive in questa nostra provincia è stata convocata per giugno una Assemblea Provinciale per illustrare il merito del provvedimento, spiegare le ragioni della nostra posizione e operare una capillare opera di informazione per i giovani, i lavoratori e l’intera opinione pubblica".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 02/06/2017 alle  15:55:23, nella sezione EVENTI,  575 letture)

locandinaIl 9 giugno presso l’Auditorium Vittorini di via Brenta si terrà il convegno conclusivo sulle 12 tappe del “Viaggio nei quartieri” promosso dall’Associazione "Dueppiù per la città che vorrei", presieduta da Sergio Pillitteri.
Tale iniziativa nasce dalla volontà di conoscere i cittadini e le problematiche dei quartieri ovvero dare voce alla gente, ai residenti, a chi vive la città non solo per segnalare eventuali disagi o disservizi, ma anche per illustrare proposte migliorative o suggerimenti utili a garantire una città più vivibile. Grazie all’approccio partecipativo, gli abitanti del quartiere hanno avuto la possibilità di esprimere i propri desideri e le proprie richieste in merito ad una riqualificazione urbana, ambientale, turistica e culturale. In tale contesto, gli studenti della Scuola Media Statale “Paolo Orsi”, coadiuvati dai loro insegnanti, hanno contribuito ad elaborare attraverso attività laboratoriale due cartelloni sul tema: “Per la città che vorremmo” e “Per la città che non vorremmo”. Gli studenti dell’Istituto Tecnico Professionale “F. Insolera” hanno, invece, partecipato esprimendo le loro idee su un argomento di grande importanza ed interesse per la nostra città ossia: “Lo sviluppo turistico del territorio di Siracusa e la valorizzazione dei quartieri storici della città” compiendo un vero e proprio percorso culturale con riferimento al centro storico di S.Lucia (borgata).
Il convegno proposto vuole essere un’occasione di confronto e di approfondimento in cui verrà, inoltre, tracciata un’analisi dettagliata delle diverse tappe attraverso alcune rappresentazioni grafiche che rileveranno i diversi ambiti di intervento utili per il miglioramento della qualità della vita dei cittadini di Siracusa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 02/06/2017 alle  15:52:43, nella sezione CULTURA,  470 letture)

arcigay fotoArmando Caravini (nella foto), portavoce del comitato Pride 2017 e Presidente Arcigay di Siracusa comunica che in occasione del Siracusa pride 2017, che si terrà nei giorni 13, 14 e 15 luglio, il comitato lancia la campagna di sensibilizzazione fotografica #PARTECIPAalSiracusaPride2017. Chiunque volesse partecipare al Siracusa Pride potrà liberamente inviare alla pagina del Siracusa pride 2017, nella piattaforma facebook, una propria fotografia inserendo una frase, nella quale potrà spiegare le proprie motivazioni alla partecipazione del Siracusa pride 2017. “Abbiamo delle immagini campioni - afferma Armando Caravini - per lanciare la campagna di sensibilizzazione fotografica. Nella campagna di sensibilizzazione “Mettici la faccia”, esortiamo a combattere l’omofobia che genera discriminazione ingiustificata e sofferenza. Nella giornata mondiale contro l’omofobia e la transfobia anche il Presidente della Repubblica Mattarella ha preso posizione affermando che tale giornata ha offerto l’occasione di riflettere sulla centralità della dignità umana e sul diritto di ogni persona di percorrere la vita senza subire discriminazioni. Il comitato Pride - conclude Armando Caravini - in applicazione del principio di uguaglianza sancito dall’art.3 della costituzione italiana, offre spunti di riflessione con la campagna di sensibilizzazione fotografica e con il Siracusa pride; in più, convinti nella capacità di respingere ogni forma di intolleranza si misura la maturità della nostra società. L’intolleranza affonda le sue radici nel preconcetto e deve essere contrastata attraverso l’informazione, la conoscenza, il dialogo e il rispetto”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 02/06/2017 alle  15:50:24, nella sezione CRONACA,  486 letture)

augustaVenerdì 2 Giugno, ad Augusta, torna la Giornata Ecologica con il Lungomare Liberato. Il successo dell’iniziativa registrato nei due precedenti appuntamenti ha spinto l'associazione di cittadini "Augusta Si Differenzia" a fare sempre meglio per restituire alla cittadinanza il proprio territorio in veste ecologica. Infatti, in questa occasione, che coincide con la giornata della Vela organizzata dal Club Nautico, il Lungomare sarà chiuso al traffico veicolare e sarà possibile, per i più piccoli, godere della mobilità sostenibile anche in mare con mini corsi di vela educando alla cultura ambientale virtuosa. Il Comune di Augusta e MegarAmbiente presenzieranno in Piazza Unità d’Italia, dalle ore 9:00 alle ore 13:00, con un CCR mobile dotato di sistema di pesatura sul posto, per dare la possibilità ai cittadini di conferire i propri rifiuti di Raccolta Differenziata, relativamente alle tipologie Carta e Cartone, Lattine, Vetro, Imballaggi in Plastica, ed accumulare tanti Eco-Punti al fine di ricevere una decurtazione in bolletta Ta.Ri. Le Utenze Domestiche devono presentarsi con la tessera sanitaria dell’intestatario del ruolo Ta.Ri.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Lisa Bachis (pubblicato il 02/06/2017 alle  12:46:56, nella sezione CULTURA,  559 letture)

chiesa fotoL’edificio chiesastico titolato a S. Antonio Abate sorge in prossimità della prima cinta muraria esterna meridionale di Taormina, a poca distanza da dove era costruita la porta turrita, detta “porta S. Antonio” e che prendeva il nome dalla vicina chiesetta, così come lo spiazzo antistante. La porta che costituiva il primo varco d’accesso alla città, è stata distrutta durante i bombardamenti anglo-americani, il 9 luglio del 1943 e di essa, resta solo una piccola porzione di muro. Anche la chiesa di S. Antonio Abate veniva distrutta quel giorno, e ricostruita nel triennio dal 1945 al 1948, sotto la supervisione dell’architetto napoletano Armando Dillon.
La chiesa, dedicata al santo e monaco egiziano Antonio, il quale – dopo aver rinunziato ad ogni ricchezza terrena – decideva di ritirarsi per dedicarsi ad una vita di preghiera ed eremitaggio, è stata edificata nel 1330, dunque da annoverarsi tra le chiese più antiche di Taormina. L’edificio, è posto extra moenia, rispetto all’abitato urbano medievale. Inoltre, gli stili architettonici visibili all’esterno sono di epoche differenti, segno evidente anche in altre chiese cittadine dell’avvicendarsi di diverse fasi storiche. Riedificata, utilizzando le medesime pietre lavorate, “i conci”, recuperate tra le macerie, ha mantenuto il portale d’ingresso in stile gotico siciliano e la tipica pietra in calcare bianco di Taormina, è rimasta ad abbellire gli stipiti e l’architrave, sovrastati da un arco a sesto acuto con il timpano decorato da archetti e incorniciato con la pietra nera dell’Etna. Esempi analoghi di tale architettura, sono stati riscontrati anche a Savoca, nella chiesa di S. Michele Arcangelo, costruzione degli inizi del XVI secolo. Qui sono stati impiegati materiali provenienti da Taormina, ed è presente il medesimo stile rinascimentale, presente in città.
Interessante, oltre alla particolarità del portale, è il resto della facciata, decorata da due piccole finestre ai lati del portale, che un tempo erano chiuse da lamine di piombo traforate. La chiusura con le lamine invece, persiste nella finestra della facciata laterale nord e in quella della facciata laterale sud, rispettose dell’impianto originario. Il tipo di chiusura detto “a lamelle”, era in uso nell’architettura bizantina e non sorprende, che in un edificio di stile gotico, siano stati inseriti motivi dell’arte precedente, dato che la cultura bizantina era stata molto fiorente nella zona orientale dell’isola. Di nuovo, vi è un esempio analogo a Savoca, nella chiesa di S. Francesco, che ha forme semplici e sopra il portale ha una finestra circolare chiusa da lamina di piombo traforata, ripetuta per le finestre laterali del lato ovest della chiesa. A sinistra della facciata, della chiesa di S. Antonio Abate in Taormina, posto ad angolo, vi è il campanile, di dimensioni ridotte; costituito da tre “pilastrini”, dove i due frontali culminano in una cuspide, mentre il terzo posteriore è mozzo. I pilastri sono congiunti da due archi, con lo spazio sottostante ricavato per allocare la campana. L’interno dell’edificio appare semplice, ed è probabile che la chiesa fungesse da luogo di culto per la gente di ceto inferiore. I popolani, tenuti lontani dall’accesso alle cappelle dei nobili, erano molto più propensi nel recarsi a pregare qui, piuttosto che nella più importante cattedrale, dove i simboli del potere temporale e spirituale, suscitavano timore e timidezza. La chiesa, era una tipica “chiesa di campagna”, molto probabilmente, frequentata da contadini e pastori.
L’interno è modesto, a una sola navata, con una nicchia nella parte sinistra della parete interna, ornata con decori in marmo di Taormina e riservata alla statua lignea del santo. La destinazione “popolare” dell’edificio, è confermata anche dal fatto che S. Antonio Abate, è il protettore degli animali, vista la sua vita dedicata alla solitudine ed a stretto contatto con la natura. Il santo viene festeggiato ogni anno, il 17 gennaio, a cui segue la benedizione degli animali domestici e da allevamento. Un’opera molto bella da ammirare all’interno dell’edificio, è l’imponente presepe, che dal 1953 è qui, in esposizione permanente. Il presepe è frutto del lavoro di artigianato artistico di Dionisio Cacopardo, il padre del defunto Arciprete di Taormina, Monsignor Salvatore Cacopardo. L’opera, in sughero e altro materiale ligneo, riproduce la città ed i suoi monumenti più noti, come la Naumachia, il Teatro Antico, il Duomo, la Badia Vecchia, il centro cittadino e Palazzo Corvaja. Un quadro a tre dimensioni molto dettagliato, che ripropone scene della tradizione natalizia isolana.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/05/2017 alle  14:04:52, nella sezione EVENTI,  462 letture)

isiscLunedì 29 Maggio alle ore 11,00 presso la sede del The Siracusa International Institute for Criminal Justice and Human Rights, in Via Giuseppe Logoteta 27 a Siracusa ha avuto luogo una conferenza stampa durante la quale è stato presentato il documento che vara la campagna per il riconoscimento in seno alle Nazioni Unite del diritto alla conoscenza come diritto umano universale. Sono intervenuti il Prof. M. Cherif Bassiouni, Presidente Onorario del The Siracusa International Institute for Criminal Justice and Human Rights, l'Avv. Ezechia Paolo Reale, Segretario Generale dell'Istituto, la Dott.ssa Laura Harth Rappresentante all'Onu del Partito Radicale e coordinatrice del Comitato Scientifico e il Dott. Matteo Angioli, membro della Presidenza del Partito Radicale e Segretario del Comitato Mondiale per lo Stato di Diritto.
isiscNei vari interventi si è messo in evidenza come si stia assistendo alla erosione dello stato di diritto e come il futuro della democrazia sia quanto mai nebuloso. La ragion di stato infatti può non coincidere con lo stato di diritto e solo i cittadini possono costituire quel baluardo necessario a frenare lo strapotere delle multinazionali, che spesso incidono in maniera decisiva sulle scelte politiche delle singole nazioni essendo esse formidabili potenze economiche sovranazionali che hanno a cuore soltanto i propri interessi senza nessun freno etico. Fondamentale quindi diventa il Diritto alla Conoscenza inteso come diritto umano universale dei cittadini unitamente alla libertà di stampa e alla libera espressione delle opinioni. La lotta al terrorismo potrebbe indurre a sacrificare i diritti in nome della "sicurezza", il tutto reso più facile da attuare perchè i parlamenti sono spesso ridotti a "votifici".
Su queste basi è stato redatto un documento esplicativo e concettuale per il Diritto alla Conoscenza, cioè il diritto umano e civile di conoscere la verità senza mistificazioni e infingimenti. È possibile firmare tale documento sul web, nei siti del partito radicale, sostenendo così la campagna per il riconoscimento in seno alle Nazioni Unite del diritto alla conoscenza come diritto umano universale.
È stato il prof. Bassiouni a concludere la conferenza stampa rilevando come nel 1948 iniziò il cammino verso la democrazia con la Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo e come invece oggi si percorra una strada diversa, a volte diametralmente opposta. Questo avviene perchè i diritti politici ed economici includono tutte le categorie dei diritti e prevalgono su di essi, malgrado le convenzioni che però non sono obbligatorie per i vari stati (dal 1948 si contano oltre 300 convenzioni internazionali sui diritti dell'uomo). Contengono infatti prescrizioni, cioè solo enunciazioni di principi, e non proscrizioni, cioè norme con tutela penale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 25/05/2017 alle  14:28:35, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  534 letture)

logoSi è costituito a Siracusa il Supremo Ordine Internazionale dei Cavalieri di Damone e Pitia. L’Ordine, che ha la sua sede in viale Zecchino n. 156, ha come scopo primario la realizzazione concreta della pace tra uomini e nazioni, la solidarietà, la fratellanza e l’amicizia nello spirito tramandato attraverso la tradizione di Damone e Pitia. I costituenti hanno eletto all’unanimità i componenti della Loggia Suprema tra i quali sono stati assegnati gli incarichi. Quale Supremo Cancelliere Comandante è stato eletto Silvio Aliffi, Supremo Segretario Giancesare Cacciola. Gli altri membri sono: Claudio Cravotta (Vice Supremo Cancelliere), Giacinto Avola (Tesoriere), Domenico Romeo (Rapporti Internazionali), Ignazio Vecchio (Rapporti con le Università), Michele Maniglia (Rapporti con gli Ordini Cavallereschi), Antonino Granata (Deputato al Rituale), Sebastiano Interlandi (Deputato alla Faleristica), Vito Giambrone (Prefetto alla solidarietà). Cristina Tornali è stata eletta Suprema Dama dell’Ordine.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 25/05/2017 alle  14:24:23, nella sezione LIBRI,  616 letture)

locandinaSarà presentato mercoledì 31 maggio nei locali del Centro Studi Mediterranea Art Gallery di via Dione 21 a Siracusa l'ultimo romanzo di Raimondo Raimondi dal titolo "La cattiveria del silenzio" edito da Il Foglio di Gordiano Lupi. È una storia dura, condotta in prima persona dal protagonista, uomo solitario e schivo capace di intenzioni delittuose; nel suo passato una lunga vicenda che il lettore conoscerà pian piano attraverso una serie di flash back. Relazionerà sul romanzo il prefatore Davide C. Crimi che ha definito "La cattiveria del silenzio" un romanzo lunare, che "riluce di una carnalità psichica in cui s’annidano importanti considerazioni sulla contemporaneità, suggerite per suggestioni ancor più che comunicate razionalmente. Ecco la ragione dell’aggettivo “lunare”, che aderisce per emulsione alla lama metallica della narrazione, lasciando trasparire la sensibilità dell’autore e la sua salda esperienza di critico d’arte". L'autore, infatti, è giornalista pubblicista e si occupa di letteratura e di critica d'arte. Nella serata di presentazione si esibirà in una "percussion live" il noto musicista Paolo Greco. Brani del libro saranno letti da Rosetta Barcio e Lalla Bruschi. Il romanzo è presente nelle maggiori librerie siracusane ed è acquistabile sui book store on line di internet (ibs, amazon, etc.).

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
AL "CERCHIO" SI COMMEMORA LA STRAGE DI CAPACI
di Redazione (pubblicato il 25/05/2017 alle  14:20:03, nella sezione EVENTI,  474 letture)

cerchio fotoLa strage di Capaci, venticinque anni dopo. Se ne è parlato mercoledì 24 maggio presso il Centro studi arti e scienze "Il cerchio" di Via Arsenale 40/A-B, in un incontro dal titolo "Per non dimenticare. Memorial Giovanni Falcone. E dal giorno dopo?". L'iniziativa ha inteso fare il punto, attraverso la presentazione di un libro e un dibattito con interventi, testimonianze e rivelazioni anche scottanti, sui risultati conseguiti ( o ancora da conseguire ) nella lotta alla criminalità organizzata. Il libro, "Verso Capaci - Imbuca la poesia...esplode la meraviglia", è un'antologia di poesie scritte nel ricordo dell'attentato di Cosa Nostra del 23 maggio 1992, che costò la vita ai magistrati Giovanni Falcone e alla moglie Francesca Morvillo e a tre agenti della scorta. La silloge è nata da un'idea di Nadia Lisanti. La poetessa lucana ha selezionato le liriche giunte da tutta Italia all'Associazione "La Prospettiva" di Capaci in occasione del Festival internazionale "Palabra en el Mundo" 2016. Nel maggio dello scorso anno, infatti, anche il comune di Capaci ha aderito all'importante evento letterario, organizzato contemporaneamente in più luoghi nel mondo per dar voce in versi a temi etici e sociali. Così sono pervenute numerose poesie d'impegno sociale, che sono state affisse agli alberi lungo la via principale della cittadina. Proprio come avvenne all'indomani della strage, quando un gruppo di ragazzi di Capaci appese agli alberi cartelli di protesta contro la Mafia. Da allora quell'usanza, che si rinnova ogni anno con un tema sempre diverso, rappresenta una voce libera, un messaggio di denuncia contro l'oppressione e l'arroganza mafiosa. Grazie all'Associazione culturale Caffè Convivio di Caltagirone, quelle poesie sono diventate un libro. Impreziosito da alcune significative testimonianze. Una è quella di Antonio Vassallo, fotografo, giornalista indipendente, impegnato in politica e responsabile dell'Associazione "La Prospettiva", che ha aperto il dibattito. La sua voce ha avuto un rilievo particolare perché fu tra i primi a giungere sulla scena dell'attentato, scattando alcune fotografie che poi gli furono sequestrate da personale che si qualificò come appartenente ai servizi segreti. Di quegli scatti, che avrebbero potuto contenere particolari importanti per le indagini, si è persa ogni traccia.
E' intervenuto anche Fabio Granata, già presidente della Commissione Regionale Antimafia e vicepresidente della Commissione Parlamentare Antimafia, il quale ha tracciato un quadro sulla situazione attuale della lotta alle organizzazioni criminali e sulla spinosa questione della trattativa Stato - Mafia, ancora lungi dall'essere chiarita.
Ha coordinato gli interventi Luca Campi, poeta lombardo residente a Siracusa. La serata è stata allietata dagli interventi musicali di Ramona Martinez ed Ettore Sessa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
PRIMO FESTIVAL D'ESTATE ALL'INSEGNA DEL BENESSERE INTERIORE
di Redazione (pubblicato il 18/05/2017 alle  22:56:08, nella sezione EVENTI,  479 letture)

fotoSi svolgerà dall’8 all’11 giugno, a Siracusa, presso l’ex convento del ritiro in via Mirabella, 31 il primo “Festival d’EState” dedicato alla psicologia, alla bellezza e al benessere interiore. Il Festival, che quest’anno prende il titolo: “Le logiche dell’Inconscio – in Arte, Cultura, Bellezza” è organizzato dal Centro Studi Specialistici ExDucere con il patrocinio del Comune di Siracusa. Saranno tre giorni di tavole rotonde e stand illustrativi ed informativi sul tema dell’estetica nella vita. Nella sala dell’ex Convento del Ritiro si alterneranno psicoterapeuti, medici, educatori, pedagogisti che dialogheranno sui temi relativi all’arte, alla bellezza e alla cultura. Presenti, tra gli altri, Leonardo Mendolicchio, Direttore Sanitario Villa Miralago, Varese, Raffaele Schiavo, Musicista, Musicoterapeuta, Umberto Carmignani, Formatore in Costellazioni Familiari, Michelangelo Giansiracusa, Sindaco di Ferla e Guido Pesci, Psicoterapeuta, Pedagogista clinico. Il festival è aperto a tutti e, inoltre, prevede la presenza di spazi aperti di Ayurveda, Shiatzu, Reiki, laboratori per bambini ed adulti, mostre.
“Nasce dall’esigenza di proporre uno spazio di incontro e di discussione sulle tematiche di ricerca studio e comprensione della crescita del soggetto”, dichiara Letizia Lampo, psicologa e responsabile del CSS EXDucere. “In questa prima edizione si è deciso di portare l’attenzione su quelle «logiche» inconsce che spesso «modulano» le nostre scelte e i nostri comportamenti”.
Per maggiori informazioni http://www.css-exducere.it/joo/index.php e https://www.facebook.com/events/1935647396713348/
 
Ecco il programma:

8 giugno, ore 18
Inaugurazione ufficiale del festival Le logiche dell’Inconscio in Arte, Cultura, Bellezza Interventi – Saluti da parte dell’Assessore alla Cultura del Comune di Siracusa; Letizia Lampo, Psicologa, Pedagogista clinico «Come Opere d’Arte: ispirarsi, costruirsi, esporsi»;
Leonardo Mendolicchio, Direttore Sanitario Villa Miralago, Varese «Estetica dei corpi: il rischio anoressico»; Giovanni Moruzzi, Medico Oncologo «Un’Estetica nella morte? Esperienza in hospice»;
Raffaele Schiavo, Musicista, Musicoterapeuta «Danziamo la Voce sino alla Morte».
Performance artistica di Raffaele Schiavo e Gianna Parisi

9 giugno, ore 18
Umberto Carmignani, Formatore in Costellazioni Familiari, «Psicogenealogia: come attori nel teatro della Vita…»;
Maurizio D’Agostino, Psicoterapeuta Bioenergetico, «Corpo, respiro, energia: ciò che parla di noi»;
Michelangelo Giansiracusa, Avvocato, Sindaco di Ferla, «Esperienze in campo: significati di un Centro Comunale dedicato al benessere della persona»;
Veronica Spriveri, Educatrice AlberoMaestro, «Dalla parte dei bambini: questioni di attualità educativa tra concetti di tempo, rispetto, bellezza».
Conclusione dei lavori con Letizia Lampo, Presidente del Centro Studi ExDucere, e Guido Pesci, Psicoterapeuta, Pedagogista clinico, «Omaggio al tempo che insegna: evoluzioni, dieci anni dopo»
Performance artistica di Tango a cura di Cristian Pedricca e Roberta Giddio

10 giugno
h. 09.30 Cultura del Benessere - Spazio Psico-corporeo
ore 9.30-19,30 Seminario di Costellazioni Familiari con Umberto Carmignani (presso la sede del Centro)
ore 10-13 spazi aperti di Ayurveda e Shiatsu;
ore 16-20 spazi aperti di Reiki:
Sessioni individuali e momenti di incontro in gruppo per l’avvicinamento e l’approfondimento della disciplina.
 
11 giugno
h. 10.00 Cultura dei Processi di Crescita
ore 10-13 laboratori creativi di crescita emotiva e creativa per bambini: laboratorio della pietra; letture animate; musica e creatività;
ore 16-19 «I Labirinti Interiori»: laboratori psicologici e pedagogici dedicati al lavoro di crescita per adulti bioenergetica; gioco creativo; racconto e narrazione; esperienze attorno alla metafora del viaggio interiore
ore 19-20 «Progetto Damara»: riflessioni aperte attorno al tema dei Disturbi del Comportamento Alimentare e della qualità nutrizionale.

Mostre d’Arte
Roberta Di Blasi, Artista, Artigiana, «Cambiamenti: i Colori della Rinascita»;
Daniela Romoli, Maestra d’Arte, Pittrice, «Anima-Lei»

Esposizioni Creative
Stefano Lo Bello, Scenografo, Arredatore, Artigiano con «CartaCrea» - riciclo della carta per realizzare complementi di arredo e gioielli ecosostenibili
Maria Grazia Urso con «M@g e il Riciclo» - cambiare forma alla forma, riciclare per dare un’altra vita a ciò che crediamo non possa più servire
«LudoBioDance» – spazio espositivo di fine anno del laboratorio di AlberoMaestro
«Ritratti di Mare» – esposizione delle opere prodotte nei laboratori creativi di AlberoMaestro

Spazio Cultura
Libreria «Diana» - Esposizione di Libri e tempi di narrazioni

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
NESSUNA CHIUSURA DELLA STAZIONE CENTRALE DI SIRACUSA
di Redazione (pubblicato il 18/05/2017 alle  22:52:05, nella sezione CRONACA,  470 letture)

foto«La stazione centrale di Siracusa non chiuderà». Lo ha dichiarato l’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale, Bruno Marziano, a seguito di un confronto con Carmelo Rogolino, della direzione regionale di Ferrovie dello Stato. «Comprendo le preoccupazione della segretaria della filt Cgil di Siracusa, Vera Uccello – ha dichiarato Bruno Marziano - e di Pippo Zappulla, ma per quanto riferitomi da Rogolino voglio tranquillizzare le organizzazioni sindacali, gli utenti e i cittadini della provincia poiché non ci sarà alcuna chiusura della stazione ferroviaria di Siracusa, né del tratto ferroviario fino a Catania. La chiusura temporanea del tratto Bicocca – Siracusa, prevista dal 18 giungo al 10 settembre, si è resa necessaria per lo svolgimento di lavori inderogabili che consentiranno il miglioramento e il ritorno alla piena funzionalità della tratta. Comunque, ho ricevuto rassicurazioni da Carmelo Rogolino e la stazione in questi tre mesi continuerà a svolgere la sua funzione e il servizio di trasporto relativo alla tratta ferroviaria continuerà ad essere garantito con i pullman. La garanzia del mantenimento della stazione non è solo una assicurazione personale fattami dal rappresentante della direzione regionale di Ferrovie dello Stato ma è anche sancita negli accordi tra la Regione e Rfi. Do la mia disponibilità ad affrontare a livello regionale eventuali problematiche occupazionali che dovessero emergere».

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
RIQUALIFICAZIONE DEGLI ASSISTENTI ALL'AUTONOMIA PER GLI STUDENTI DISABILI
di Redazione (pubblicato il 18/05/2017 alle  22:51:11, nella sezione CRONACA,  418 letture)

fotoÈ stato approvato il disegno di legge proposto proposto dall'Assessore Regionale dell'Istruzione e della Formazione Professionale, Bruno Marziano, che consentirà il riconoscimento, attraverso l'attivazione di un corso di riqualificazione, delle competenze professionali acquisite dal personale di organismi privati, che hanno operato nell'ambito dei servizi di assistenza degli studenti portatori di handicap. Il servizio, esternalizzato dagli enti locali interessati, è stato di recente oggetto di sentenze della magistratura amministrativa che ha condannato la provincia di Palermo e diversi altri comuni ad attivare il servizio di assistenza “all'autonomia e alla comunicazione” per i ragazzi disabili che frequentano le scuole primarie e secondarie. La legge approvata permette, pertanto, la riqualificazione di questi operatori, consentendo loro di ottenere la certificazione delle competenze che sono state svolte ad oggi in via di fatto. “Abbiamo centrato un ulteriore obiettivo - ha dichiarato l'Assessore Bruno Marziano - che consentirà a coloro che hanno già operato come assistenti ai disabili di ottenere finalmente la qualifica professionale adeguata e agli alunni diversamente abili di usufruire di un servizio ancor più adeguato alle loro esigenze, garantendo il loro sacrosanto diritto allo studio”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98

 1489 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (236)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (117)
CRONACA (731)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (338)
LIBRI (203)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019

Gli interventi più cliccati

< febbraio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
21
22
23
24
25
26
27
28
     
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


21/02/2019 @ 14:34:44
script eseguito in 282 ms