Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 13/09/2011 alle  10:06:07, nella sezione EVENTI,  1132 letture)

Giovedì 15 settembre alle 18,30 nei locali della Galleria Roma di piazza S. Giuseppe a Siracusa Salvo Sequenzia presenterà il libro di Enzo Giudice, poeta floridiano prematuramente scomparso 14 anni fa, dal titolo “Il figlio del diluvio”. “Ritornare alla poesia di Enzo Giudice – dice Salvo Sequenzia - ad Ortigia, dove il poeta visse e compose i suoi versi più belli ed amari, vagando tra i vicoli della Giudecca «accattone di sogni e di parole» è un ritorno che propizia una lettura nuova dell’opera del Nostro, la cui indagine critica rimane sempre aperta per l’innumerevole quantità di inediti che il poeta ha lasciato e che, periodicamente, affiorano, portati alla luce dalle inesplicabili correnti della vita. Il poeta Enzo Giudice fu uomo fedele ai suoi e agli amici, buon lettore, curioso di esperienze, gran viaggiatore inquieto e disperato, raffinato animatore culturale in quella cerchia di intellettuali siracusani che si radunava, negli anni post-bellici, nella “Bottega Margutta” di Castorio Di Tommasi attorno a Piero Fillioley, a Dino Cartia, a Mario Zammararo, ai fratelli Formosa. L’apprendistato letterario di Enzo Giudice si consuma a metà tra gli anni Sessanta e Settanta in interventi giornalistici di costume e di cronaca, in recensioni e appunti culturali sui rotocalchi aretusei l’Eco di Sicilia, La Domenica, Edizioni Pentapoli. Si attestano ai primi anni Settanta i viaggi di Enzo Giudice a Milano e a Roma, dove frequenta l’atelier del pittore Giorgio Orefice e la casa di Mario Zammarano, partecipando con curiosità e intelligenza all’avventura culturale delle “romane” Edizioni Cartia. Intanto conosce e frequenta Leonida Repaci, al quale fa leggere i suoi primi esperimenti poetici, che confluiranno nella silloge Il figlio del diluvio, pubblicata nel 1974 dall’editore Cartia e che risulterà finalista al Premio Viareggio, nella sezione dedicata all’opera prima. Leonida Repaci, «estimatore dei suoi versi» , lo introdurrà negli ambienti letterari della capitale dove il poeta viene subito apprezzato per la sua sensibilità e il suo carattere mite e malinconico.”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 12/09/2011 alle  14:03:43, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  776 letture)

Settembre: si riaprono le scuole e subito si devono fare i conti con le problematiche di sempre, aggravate quest’anno dai tagli pesanti che il comparto ha dovuto subire. Il che significa meno docenti e personale amministrativo e minori fondi da gestire per il buon andamento del percorso didattico, problemi cui si aggiunge lo stato spesso pessimo dell’edilizia scolastica, che soffre da sempre di carenze strutturali e cattiva manutenzione. Tutti sanno benissimo come le scuole straniere dell'Europa più avanzata siano completamente diverse dalle nostre italiane: strutture nuovissime, esteticamente apprezzabili, palestre ottime, laboratori per ogni materia. Noi non chiediamo tanto, ma perlomeno edifici che restino integri con soffitti che non crollano per l’umidità. Se non ci sono soldi da dedicare all'edilizia scolastica, ciò vuol dire che la scuola in generale è poco considerata dalle amministrazioni provinciali, regionali e nazionali. Innumerevoli sono state e sono le polemiche in fatto di fondi da destinare all'istruzione e al personale scolastico. D’altra parte stiamo parlando del futuro di 8 milioni di studenti italiani, queste le cifre. Per cui un inizio anno "bollente", pieno di polemiche, è prevedibile: dal caro libri alle classi ghetto, dal problema dell'edilizia scolastica alle manifestazioni di piazza, genitori, studenti e lavoratori della scuola sono pronti a dar battaglia. Un'indagine dell'Adiconsum denuncia che in più della metà delle classi delle scuole superiori sono stati sforati i tetti di spesa previsti dal Ministero dell'Istruzione. L'Associazione dei genitori italiani chiede almeno che la spesa dei libri di testo sia deducibile, mentre il ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini, ha promesso sanzioni "attraverso una riduzione del trasferimento dei fondi" alle scuole che non rispettano il tetto di spesa. Il Codacons stima che quest'anno per mandare i figli a scuola, le famiglie spenderanno l'8% in più, tra libri e corredo scolastico. Anche l'associazione dei contribuenti italiani Contribuenti.it ha posto l'accento sull'annoso problema dell'edilizia scolastica: due scuole su tre non sono a norma e devono essere messe in sicurezza. E la provincia di Siracusa in questo senso non è seconda a nessuno.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 11/09/2011 alle  18:27:35, nella sezione ARTE,  1581 letture)

Presentata sabato sera nella nuova sede della Galleria Roma di Siracusa la mostra personale del pittore Antonio Pilato, artista nativo di Grotte, paese della provincia di Agrigento, ma che alterna la sua attività tra Milano e Palermo dove risiede nel periodo estivo. Ha frequentato per alcuni anni l’Accademia di Palermo, ma non condividendo l’impostazione didattica, da lui stesso definita pedante e carceraria, e per nuove esigenze sopravvenute di carattere spirituale si iscrive alla facoltà di Pedagogia e Filosofia, laureandosi con una tesi su “I problemi di estetica in Croce”. Pittore sensibile ed eclettico non resta indifferente davanti alle problematiche esistenziali angoscianti degli oppressi e la conoscenza personale dello scrittore Leonardo Sciascia lo motiva ancor più in questa sua sensibilità verso la gente umile, percependo il respiro sofferente dei personaggi delle zolfare e dei “carusi”, durante i brevi incontri estivi a Racalmuto con il famoso scrittore. Trasferitosi a Milano nel 77, alterna l’insegnamento della Filosofia e della Pedagogia negli istituti superiori, con la frequenza saltuaria del libero corso di composizione a Brera dove stringe rapporti di amicizia con Giuseppe Migneco, suo conterraneo, col quale matura un processo di sintesi linguistica e formale, consona alla sua originale personalità. Partecipa negli anni a numerose mostre assieme ad artisti già noti nel mondo dell’arte, in spazi altamente qualificati. Approda oggi a Siracusa con una nuova produzione pittorica presentato al folto pubblico presente in sala dal professore Salvo Sequenzia, che, con la colta sensibilità che lo contraddistingue, ha saputo cogliere l’essenza del pensiero creativo di questo artista.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 09/09/2011 alle  10:25:02, nella sezione CRONACA,  1702 letture)

Scendendo dai giardini pubblici di Augusta si impatta sulla destra un’orrenda struttura di ferri a sostegno del muro di cinta occidentale nei pressi della Porta Madre di Dio, che ha dato segni di cedimento parecchi mesi fa. Sarebbe ora di metterci mano anche perché le putrelle di puntellamento occupano mezza carreggiata oltre che costituire una bruttura estetica. Finalmente il Dipartimento provinciale di Protezione civile ha effettuato un sopralluogo, in vista di un intervento mirato a scongiurare il rischio di crollo del tratto pericolante, per far si che venga riaperta la sottostante carreggiata. Per il consolidamento definitivo dell’intera struttura è necessaria un’ingente somma. Per ora quindi si potrà procedere soltanto a realizzare un primo intervento con fondi della Protezione civile, per un ammontare di circa 200 mila euro. La somma verrà erogata dalla Regione su richiesta dell’assessore ai Lavori Pubblici, Salvo Madonia, che recentemente si è recato a Palermo per contattare il dirigente del Dipartimento Regionale di Protezione Civile rappresentandogli la necessità di procedere agli interventi indispensabili per il contenimento del muro e per liberare la sottostante carreggiata che rappresenta, ricordiamolo, una via di fuga dalla città in caso di sisma. Cosicché il Dipartimento regionale di Protezione civile ha ritenuto opportuno inserire l’intervento di messa in sicurezza tra le opere da finanziarie. Il muro era stato provvisoriamente puntellato utilizzando fondi comunali, una volta verificato il pericolo che incombeva sull’incolumità degli automobilisti che transitavano nella sottostante carreggiata in direzione Porta Spagnola.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 08/09/2011 alle  10:33:36, nella sezione CULTURA,  795 letture)

Narra la leggenda che il convento di San Domenico di Augusta sia stato fondato nel 1219 dal Beato P. Reginaldo D’Orleans e che, in forza della sua popolarità e del miracoloso cipresso che lui stesso aveva piantato nel sito, l’edificio monastico divenne in breve tempo un punto di riferimento assai importante per gli uomini di fede. Tale circostanza determinò molte vocazioni di semplici cittadini e di nobili che vollero prendere i voti indossando il saio domenicano. Secondo lo storico Salomone in tale struttura presero i voti, convertendosi al cristianesimo, anche due notabili musulmani, il primogenito dell’imperatore turco ed il figlio dell’imperatore d’Etiopia. La maggior parte degli storici è, piuttosto, d’accordo nel datare la costruzione del convento tra il 1229 e il 1231 e cioè contemporaneamente alla fondazione di Augusta da parte di Federico II. In effetti appare improbabile che Augusta possa essere stata popolata prima di quella data, in quanto il territorio era una vasta palude e non vi poteva vivere che qualche sparuta comunità di pescatori. L'affermazione del culto con risonanza fuori dei confini locali è legata alle vicende del XVI secolo, all'epoca delle frequenti incursioni ottomane. Già, nel 1453 la caduta di Costantinopoli in mano dei Turchi aveva suscitato in tutta l'Europa enorme impressione. Come ha osservato lo storico Cipolla: "La minaccia turca fu il fatto che più impressionò gli Europei del XV e del XVI secolo. Tra i libri stampati in Francia tra il 1480 e il 1609 quelli relativi ai Turchi e all'impero turco furono più del doppio di quelli concernenti le Americhe". La conferma del pericolo arrivò presto con incursioni sempre più massicce, che sembravano preludere ad una vera e propria conquista militare. La Sicilia venne a trovarsi come avamposto avanzato della cristianità e Augusta visse un lungo periodo di sofferenza per le continue incursioni seguite da saccheggi, devastazioni, incendi e deportazioni di uomini, donne e bambini. Una delle incursioni più devastanti dovette essere quella del 16 luglio 1551 con la distruzione della città e l'abbandono da parte dei superstiti. In questa circostanza il convento domenicano fu spogliato e perfino le colonne del chiostro furono razziate e destinate alla costruzione del palazzo del sultano. I frati domenicani furono costretti a fuggire da Augusta e a rifugiarsi a Lentini e a Siracusa. Soltanto un frate, augustano di nascita, Salvatore Tringali, rimase sul posto e grazie alla sua forza d’animo e alla sua costanza nel giro di trent’anni il convento fu ricostruito. La tenacia del vecchio frate predicatore che sosteneva di aver visto in sogno S. Domenico, riuscì a ridare fiducia agli abitanti che si prodigarono a ricostruire la città. L'episodio che doveva suggellare la devozione della città al Santo Patriarca avvenne però dopo, il 24 maggio del 1594, quando l'ennesima incursione dei turchi fu miracolosamente respinta a seguito dell’apparizione di un frate domenicano su un cavallo bianco con la spada sguainata. In quel frate si volle riconoscere lo stesso S. Domenico accorso a proteggere la sua chiesa, tanto che alcuni dei comandanti ottomani, folgorati dall’apparizione, si sarebbero convertiti al cristianesimo restando nel convento di Augusta come frati. In seguito il convento fu più volte distrutto e ricostruito, la prima dopo il terremoto del 1693 e la seconda dopo quello del 1848. Agli inizi del XX secolo si trovavano nel cortile interno il monumento funebre dedicato al conte Sancio Landogna, che nel XIV secolo si distinse per il buon governo della città e per i lasciti cospicui all’ordine domenicano, e una colonna tortile in pietra arenaria, poggiata su un piedistallo a ricordo dell’antico cipresso dalla corteccia miracolosa, germogliato dal bastone del Beato Reginaldo D’Orleans. Ambedue queste monumenti risultano scomparsi a partire dagli anni trenta. Nel 1866, in seguito all’emanazione di una legge che sottraeva alla Chiesa alcuni dei suoi beni immobili, il convento passò nella proprietà del Comune che lo utilizzò da allora per diversi scopi: dapprima come sede degli uffici della Pretura, poi come Archivio Notarile, poi ancora come Ufficio del Registro e infine come sede scolastica, ospitando il Liceo Classico “Megara”. Rimasto per anni in stato di abbandono, dopo il terremoto del 1990 fu stanziato, ai sensi della legge n. 433 del 1991, un finanziamento di 2 milioni e mezzo di euro per il recupero della Chiesa di S. Domenico e dell’annesso Convento. Grazie a tale finanziamento pubblico fu dapprima realizzata una attenta opera di restauro della Chiesa dedicata al Santo Patrono di Augusta, e quindi gli interventi di restauro dell’intero complesso monastico, dalla pulizia delle lapidi al recupero degli intonaci, dal consolidamento delle volte e dei solai alla realizzazione di strutture portanti in legno, alla valorizzazione dell’originario portico del XVI secolo. Durante questi ultimi lavori di restauro e di scavo sono stati riportati alla luce resti e testimonianze di manufatti edilizi sorti in epoche antecedenti al terremoto del 1693 e al di là del giardino centrale è stato identificato il sito dell’antico chiostro, le colonne in pietra e una cisterna usata come deposito di armi nella seconda guerra mondiale. Il finanziamento non è però bastato per finire del tutto la complessa opera di recupero dell’edificio e ci sarà bisogno di altre risorse finanziarie e di un altro po’ di tempo per restituire finalmente alla città e ai cittadini questo glorioso monumento di grande valore culturale, storico e architettonico. Speriamo che si trovino al più presto i fondi mancanti e non diventi il convento un altro simbolo di incapacità amministrativa e di inefficienza delle pubbliche istituzioni.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 07/09/2011 alle  12:56:02, nella sezione EVENTI,  819 letture)

Un sodalizio promettente, che potrebbe darci risultati interessanti quello tra Carlo Muratori, versatile e celebre musicista siracusano, e Veronica Tomassini, scrittrice di talento balzata alla ribalta delle cronache letterarie col suo best seller “Sangue di cane”, edito da Laurana ed oggi in alto nelle classifiche di vendita oltre che pluripremiato nei tanti eventi culturali che si sono susseguiti questa estate. Si tratta di una suite per voce recitante, canto e chitarra su testi tratti dal romanzo della Tomassini e musiche di Muratori che verrà presentata in prima assoluta il 6 ottobre alle ore 21 nel Teatro Comunale di Giardini Naxos. Carlo Muratori nato a Siracusa nel 1954 ed ha reinterpretato e riportato alla luce le tradizioni musicali siciliane. In trent’anni di attività, passati in ricerche nel campo della musica folk e nella realizzazione di tanti concerti dal vivo e di numerose compilation discografiche, il musicista ha risvegliato l’interesse verso la musica popolare e aperto una nuova strada per la canzone d’autore. Veronica Tomassini, giornalista, scrive sul quotidiano ”La Sicilia” dal 1996. “Sangue di cane” è il suo primo romanzo e narra una storia di emarginazione, di chi, straniero ed estraneo alla città, campa di poco o niente, di elemosine, di chi non ha casa, di chi è arrivato da paesi lontani, di chi trova l’unica via d’uscita ad una vita d’inferno nell’ubriacatura e nell’abbrutimento. “Sangue di cane” è la storia di un amore, un amore difficile e tuttavia necessario tra una ragazza siciliana e un polacco dropout. La protagonista divide la sua quotidianità con S³awek, un semaforista che per sopravvivere allunga la mano chiedendo “poco spicci, prego”, un alcolizzato che dorme nelle case occupate o nei vagoni merci e vive di espedienti. Il polacco ha un passato di violenza, ma nel futuro per lui potrebbe esserci la speranza perché dall’unione con la ragazza siciliana è nato un figlio. Ma una scarsa forza di volontà e le debolezze della carne allontanano per sempre ogni possibilità di redenzione. Una storia amara e vagamente autobiografica le cui pagine di mirabile scrittura, mixate con le note di Carlo Muratori, arriveranno a noi in una magica atmosfera.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 06/09/2011 alle  08:58:21, nella sezione CRONACA,  699 letture)

Continua fino al 25 settembre la raccolta di firme per il referendum sulla legge elettorale, il cosiddetto porcellum, la legge elettorale definita “porcata” direttamente da uno dei suoi estensori, quel Roberto Calderoli che oggi è al Ministero della Semplificazione. Ma per quale motivo non funziona questa legge elettorale? Dov’è che non funziona? Oggi i parlamentari italiani sono nominati dai segretari di partito. Non rispondono ai cittadini, ma sono fedeli a chi li ha candidati. L’attuale legge elettorale, infatti, prevede liste bloccate per la scelta dei parlamentari, possibilità di cambio di casacca in corsa per chi è pronto a tutto per conservare il posto, regole diverse tra camera e senato che determinano maggioranze instabili. Il referendum permette di tornare alla legge precedente, il mattarellum, che prevede l’elezione dei parlamentari in collegi territoriali ed eletti che rispondono ai cittadini. Per la verità sembra che l’attenzione su questa consultazione referendaria non sia poi altissima o che lo sia molto meno rispetto ai referendum dello scorso giugno. Il calendario completo, a Siracusa, per la raccolta di firme per indire il referendum per l’abrogazione dell’attuale legge elettorale è il seguente: Sabato 10/09/2011 dalle ore 10 alle ore 13 in Corso Gelone (Jolly hotel), dalle ore 18 alle 22 al Tempio di Apollo. Domenica 11/09/2011 dalle ore 10 alle ore 13 in piazza Santa Lucia, dalle ore 18 alle 22 al Tempio di Apollo. Sabato 17/09/2011 dalle ore 10 alle ore 13 in Corso Gelone (Jolly hotel), dalle ore 18 alle 22 al Tempio di Apollo. Domenica 18/09/2011 dalle ore 10 alle ore 13 in piazza Santa Lucia, dalle ore 18 alle 22 al Tempio di Apollo .

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 05/09/2011 alle  14:30:21, nella sezione ARTE,  762 letture)

Appena inaugurata la nuova sede della Galleria Roma Arte Contemporanea di Siracusa in Piazza S. Giuseppe e subito si parte con la mostra personale di pittura dell’artista Antonio Pilato, sabato 10 settembre, presentato dal critico prof. Salvo Sequenzia. Laureato in lettere e filosofia, con la tesi su “Il problema dell’arte in Croce”, docente, Pilato ha sempre avuto uno spiccato interesse verso le arti figurative, effettuando mostre ed esposizioni ad Agrigento e Palermo. Trasferitosi a Milano, dove tuttora insegna filosofia e pedagogia, ha continuato l’attività di pittore, inserendosi nel tessuto artistico del capoluogo lombardo. Originale e personale, l’artista non richiama alla mente alcun riferimento immediato se non ciò che è interiormente vissuto, dove l’oggetto si fa simbolo, invenzione poetica, e dove l’uomo si fa cardine di tutte le sue tematiche. Si affacciano nelle sue opere svariate problematiche politiche, sociali ed etiche, che lo fanno riflettere sul destino dell’uomo e sulle forze che lo impastoiano e a volte lo liberano.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 04/09/2011 alle  15:43:32, nella sezione EVENTI,  2328 letture)

Foto: Studio17Nello splendido scenario della villa Bellini di Catania, ieri sera si è tenuta con successo la manifestazione “Corto sotto le stelle”, organizzata dall’associazione “Deusluxfilms” in occasione della giornata “Bau sotto le stelle” istituita dalla Provincia e Comune di Catania e dall'Associazione “Amici degli animali”. Successo pieno per l’azienda siracusana DGTVision di Giorgio Nanì La Terra, che – con il corto girato in Abruzzo “Dietro la (qual) facciata” - ha portato a casa i premi per la regia dei giovanissimi Simone La Rana e Marco Miscione (appena 18 e 19 anni) e per l’interpretazione di Andrea De Rosa (uno dei protagonisti di “Notte prima degli esami”). Nelle valutazioni dei giurati ha prevalso sul filo di lana su un altro corto realizzato dalla stessa casa di produzione, “Un vino stellare” per la regia di Luca Raimondi, con protagonista Francesca Ferro, presente anche nel divertentissimo “Latte di mamma” di Francesco Maria Attardi, purtroppo escluso dal concorso per via della sua durata non regolamentare (25 minuti) ma ugualmente proiettato per la gioia e il divertimento del folto pubblico e premiato con una menzione speciale creata ad hoc. Fuori concorso, presentato anche un altro valido cortometraggio prodotto dalla stessa associazione organizzatrice, “Ho già il mio sogno” con un’intensa Valentina Ferrante. Da citare anche un altro corto che ha ottenuto un buon riscontro, “Cultura complice” di Massimo Longo: ha guadagnato il premio per la miglior sceneggiatura, grazie soprattutto all’impegno civile e alla forza della sua denuncia antimafia ottenuta attraverso una drammaturgia piuttosto originale anche se non esente da qualche caduta retorica nel finale. Il produttore Giorgio Nanì La Terra, ritirando il premio per i registi e l’attore assenti, ha ringraziato il pubblico rimarcando la difficoltà di emergere in un settore a compartimenti stagni e che investe poco sui giovani.

 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 04/09/2011 alle  14:27:44, nella sezione CRONACA,  1430 letture)

Su iniziativa di Alessandro Spadaro, coordinatore de "La Destra - Alleanza Siciliana" di Siracusa nasce a il comitato "RINASCITA DI FONTANE BIANCHE" rivolto a tutti i cittadini, proprietari di immobili, residenti, operatori commerciali e turistici di Fontane Bianche. La nota località balneare di Fontane Bianche, da sempre polmone estivo dei siracusani, negli anni passati oggetto di una espansione edilizia incontrollata e molto estesa, versa oggi in uno stato di totale abbandono. Tutto ciò sta comportando un depauperamento del valore immobiliare, aggravato dall’assenza totale di servizi e di manutenzioni pubbliche sia ordinarie che straordinarie. Se una volta la proprietà immobiliare in cui i cittadini siracusani avevano investito i loro risparmi valeva 100, oggi, nella situazione attuale e con la crisi del mercato, vale la metà. Strade dissestate sporcizia diffusa, spiagge abbandonate, viabilità da terzo mondo, parcheggi inesistenti, inesistenza di punti di aggregazione e socializzazione come di un decente lungomare, questa la realtà di un luogo balneare ben diverso da Marzamemi o da Pozzallo, abbandonato a se stesso anche quanto ad eventi pubblici e cartelloni estivi di spettacoli. Tutti i soldi versati per ICI e TARSU in questi ultimi 20 anni dai proprietari di villette e abitazioni che risultati hanno prodotto per questo territorio? Come sono stati spesi? Davanti a questo scempio i componenti del comitato ritengono non si possa ancora stare a guardare, assistendo senza far nulla ad una lenta agonia di quello che era ritenuto il posto più bello di Siracusa. Da qui l’esortazione a costituire un fronte unito e compatto per riportare Fontane Bianche al suo antico splendore.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 03/09/2011 alle  13:36:50, nella sezione CRONACA,  703 letture)

Il consigliere comunale di Futuro e Libertà per l’Italia di Augusta Giuseppe Di Mare fa pervenire un comunicato stampa con le sue considerazioni sugli ultimi sviluppi della vicenda che riguarda l’autorizzazione alla realizzazione del rigassificatore. L’antefatto: il consiglio comunale di Augusta dovrà a breve stabilire se accettare o meno la convenzione proposta dalla società che intende realizzare il rigassificatore, la "Ionio gas". Argomento che era giù stato sottoposto al parere dei residenti di Priolo e Melilli con due referendum popolari che hanno decretato il no, referendum che comunque ad Augusta non è stato proposto. In questa fase, oggi, si affronta il problema delle spartizioni delle compensazioni previste per il territorio e per i comuni interessati. Di Mare sostiene che si apre una fase in cui le solite regole di "partecipazione" passeranno al di sopra della testa dei cittadini. “Tutto come previsto - dice Di Mare - dal silenzio, adesso in meno di quindici giorni, si passa "la patata bollente" al consiglio comunale per decidere con urgenza estrema su una materia delicata ed importante. Avevo chiesto da parecchio tempo la convocazione del consiglio comunale per discutere sia delle compensazioni, che dell'impatto dell'impianto di rigassificazione nel nostro territorio, senza ottenere nessuna risposta concreta. Oggi i consiglieri ricevono la convocazione nelle varie commissioni e presto in aula, per conoscere la proposta di convenzione sui principi e l'ammontare delle misure di compensazione e riequilibrio ambientale. In meno di quindici giorni - afferma ancora Di Mare - i consiglieri comunali vengono chiamati a dare un parere che riguarderà anche il futuro della città. Se i tempi di scadenza sono quelli scritti nelle note (e cioè il 15 settembre p.v.) è chiaro che non sarà possibile un'attenta analisi, soprattutto non si riuscirà a coinvolgere le forze professionali, i giovani, categoria su cui ricadranno gli effetti di questa scelta. Proprio per questo motivo, Futuro e Libertà ad Augusta organizzerà degli appuntamenti per approfondire, capire e coinvolgere la cittadinanza sulla materia delle compensazioni e non solo. Riteniamo che, al di là delle posizioni personali, si debba aprire un'attenta riflessione, ci chiediamo se la qualità della vita possa essere sottoposta a compensazioni. Mi auguro – conclude Di Mare - che su questa importante materia, in Aula, si possa lavorare senza tener conto delle appartenenze, o degli eventuali ordini di scuderia, ma solo con l’obiettivo di dare un servizio ed un futuro più sereno e migliore al domani della nostra Augusta".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Paolo D'Orio (pubblicato il 03/09/2011 alle  13:34:00, nella sezione CRONACA,  858 letture)

paolo d'orioForse è vero che lamentarsi è un vizio ma resta comunque il fatto che a Canicattini Bagni le attività produttive diventano sempre più flebili e ai giovani non viene offerto alcun incentivo. Tralasciando il settore industriale, che per ovvie ragioni non si presta a soluzioni locali, è nei restanti settori, agricolo e terziario, che bisogna porre l’attenzione per ricercare soluzioni concrete. Il settore agricolo è quello che appare più compromesso, sia per lo spopolamento cronico delle campagne che per la mancanza di infrastrutture e nondimeno per il fenomeno dell’abigeato, che preoccupa da anni i paesani allevatori; ma il problema vitale è innanzitutto il territorio comunale: gli esigui 13,62 kmq hanno da sempre limitato lo sviluppo dell’agricoltura e dell’allevamento canicattinese, i cui protagonisti sono di stazza in contrade rurali immediatamente limitrofe di cui è comune Noto (Cugno Lupo, Cugno Marino, Sant’Alfano). Il settore terziario è la fascia più considerevole nella cittadina: vi confluiscono i dipendenti pubblici ma anche gli addetti al commercio, i lavoratori autonomi, gli artigiani. Anche in questo settore si registrano purtroppo dei dati preoccupanti. Utilizzando gli appositi strumenti legislativi e con mirati interventi promozionali si potrebbe favorire la formazione di piccole imprese per la trasformazione dei prodotti agroalimentari, nuove piccole industrie conserviere come quella denominata “Ditta Raffa” che negli anni Cinquanta dette tanto lustro al paese con la produzione della peperonata e della caponata. Sul totale della popolazione, inferiore nella realtà ai 7.375 abitanti annoverati nell’ultimo censimento, la più alta percentuale di residenti a Canicattini Bagni ha varcato la soglia dei 60 anni: la principale produttrice di reddito annuo pro capite è perciò quest’ampia fascia di pensionati. Le pensioni, percepite a vario titolo, sebbene contribuiscono a risolvere dignitosamente e giustamente il problema della Terza Età, non riescono perché non possono fare produzione ed anzi generano un’implosione economica: il contestuale tasso di disoccupazione rende palese che sono tantissimi i giovani che si aggrappano ai nonni per un sostentamento in attesa di sbarcare il lunario….il cane che si morde la coda!. Se gli esperti che suggeriscono la politica economica alla Pubblica Amministrazione reputano che gli investimenti debbano riguardare solo gli show d’estate e mai lo stimolo per i piccoli imprenditori non si potrà mai uscire dallo stato di crisi che inquieta il popolo canicattinese. Bisogna allontanare la tentazione di concepire la politica come ambito prescelto per espletare l’affascinante esercizio del potere o per il soddisfacimento di bisogni ristretti e fare cooperazione per affrontare la sostanziale staticità economica e culturale che impedisce alle persone intelligenti di confidare in un futuro migliore.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 02/09/2011 alle  14:25:18, nella sezione CRONACA,  667 letture)

Lotta alla mafia, sviluppo sostenibile, politiche per l'occupazione giovanile, solidarietà sociale, innovazione e formazione, turismo e politiche culturali, questi i settori che il coordinatore nazionale delle iniziative esterne di Futuro e Libertà per l'Italia, Fabio Granata, rilancia come caratterizzanti di un’azione di governo regionale assieme alla proposta degli Stati generali del Terzo Polo in Sicilia per governare le città e la Regione in modo innovativo e trasparente. Il FLI si dichiara quindi disponibile a valutare un'alleanza politica tra il Terzo polo e il Partito Democratico sulla base di un programma da sottoporre agli elettori a condizione che il candidato alla presidenza sia ancora una volta Raffaele Lombardo. La Sicilia è da sempre laboratorio politico con inedite alleanze e ora sia FLI per bocca del coordinatore regionale Briguglio che l’UDC per bocca del segretario Gianpiero D’Alia tendono ufficialmente la mano al PD. A questo proposito il segretario regionale del PD Giuseppe Lupo ha affermato di voler dare una svolta politica che passi per una alleanza forte e autorevole, mettendo insieme Pd-Terzo polo e sinistra, ma questa alleanza va verificata e il candidato presidente dovrà venire fuori dalle primarie che per il PD sono uno strumento democratico irrinunciabile.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 02/09/2011 alle  14:19:16, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  674 letture)

E’ operativa ad Augusta fin dal 2007 una sezione della associazione “Le Nereidi” fondata dalla siracusana Raffaella Maugeri, che si occupa da sempre di sensibilizzare opinione pubblica e amministrazioni locali sul gravissimo problema della violenza sulle donne, che tanti episodi drammatici ha visto registrare soprattutto negli ultimi anni. Del sodalizio fa parte, tra le altre, l’avvocato Giovanna Fratarrigo, attuale assessore della giunta di Massimo Carruba. La molestia e la violenza sulle donne è una di quelle problematiche saltate di recente agli onori delle cronache (chi non ha sentito disquisire sul cosiddetto mobbing e dello stalking) e diventata battaglia simbolo per l’associazionismo al femminile. Recentemente l’aver configurato il mobbing come un reato a se stante, seppur di difficile individuazione, ha reso gli uomini più prudenti per non rischiare imbarazzanti denunce, ma il fenomeno certo permane come mentalità e costume ed è doveroso condannarlo perché nulla di positivo può nascere laddove manca il rispetto per l’altrui personalità e laddove non si impara a lavorare fianco a fianco con reciproca comprensione. Analogo e per certi versi più preoccupante è lo stalking. Alcuni comportamenti come telefonate, sms, e-mail, visite a sorpresa e perfino l’invio di fiori o regali, possono essere graditi segni di affetto ma, a volte, possono trasformarsi in vere e proprie forme di persecuzione in grado di limitare la libertà di una persona e di violare la sua privacy, giungendo perfino a spaventare chi ne è destinatario suo malgrado. Sempre che poi non si passi a vere e proprie forme di violenza incontrollata che può portare all’omicidio.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 01/09/2011 alle  20:21:28, nella sezione CULTURA,  727 letture)

Continua il giro di rappresentazioni dello spettacolo di musica lirica organizzato dall’'Accademia Nazionale della Politica, presieduta dal Prof. Bartolo Sammartino, un concerto dal titolo "Le convenienze ed inconvenienze teatrali" di Gaetano Donizetti, per cantanti, coro e pianoforte, a cura dei partecipanti al progetto Officina Sinfonica Siciliana, che dopo i successi di Agrigento e di Acitrezza è approdato ad Alcamo in provincia di Trapani. La scena si apre in un teatrino d'opera, dove stanno provando un'opera seria. La prima donna, Daria, tiranneggia su tutti, aiutata dal marito, l'odioso Procolo, e nessuno capisce come si scriva il cognome del tenore tedesco Guglielmo. La prima donna esige che il dramma s'intitoli anziché Romolo ed Ersilia, Ersilia e Mommolo, attirando le proteste di Pippetto, il musico, e le ire della "seconda donna", Luigia, e della sua mamma insopportabile, Agata, la quale pretende che la figlia e la prima donna facciano un duetto, per stabilire chi delle due reciterà. Le due cantanti tuttavia litigano sempre, Pippetto scappa, e con lui Guglielmo, dopo essere stato aggredito da mamma Agata. L'ispettore, per non annullare l'opera, decide di far cantare Agata nella parte di Ersilia, e Agata viene trascinata nel camerino gridando contro l'ispettore. Inizia la parte più comica dell'opera: mamma Agata deve sostituire la prima donna e non fa che parlare quando non deve, Daria pretende di cantare alla fine dell'opera, per riposarsi. Tuttavia l'ispettore, a causa della fuga del tenore e del musico, comunica la decisione del podestà e del consiglio di annullare l'opera. Per evitare di pagare i costi di produzione, tutti se ne vanno, lasciando l'impresario nei guai. E’ proprio Agata, la napoletana, il personaggio magistralmente interpretato dal baritono augustano Giovanni Di Mare con la consueta verve e il tipico senso del ritmo teatrale e dell’innata comicità che suscita sempre applausi a scena aperta.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 01/09/2011 alle  18:03:33, nella sezione CRONACA,  969 letture)

Fabio Rodante consigliere del FLI al Comune di Siracusa risponde a un commento a margine dell’articolo pubblicato su “Dioramaonline.org” il 30 agosto u.s. dal titolo “Presa di posizione sulla gestione dei beni culturali”. Il commento all’articolo era di questa natura: “Perchè bisogna sperare nell'aiuto dei volontari quando il Comune di Siracusa ha centinaia di migliaia di euro all'anno per pulire i siti archeologici provenienti da una convenzione con la Soprintendenza di Siracusa, che prevede che il 30 per 100 dell'incasso dei siti vada al Comune e che sia usato per migliorare la fruizione in città.. soprattutto pulire i siti, togliere l'erba... provvedere alla disinfestazione e bonifica dei siti... migliorare l'illuminazione e persino la segnaletica. Scusate ma qualcuno mi sa rispondere? Invece del solito chiacchiericcio che non porta da nessuna parte?” . Questa la risposta dell’avvocato Rodante: “Il comune di Siracusa e la Soprintendenza ai BB. CC. nel 2008 hanno siglato una convenzione che impegnava il comune, a fronte del trasferimento del 30% dei proventi dallo sbigliettamento dei siti archeologici e museali aretusei, alla manutenzione ordinaria straordinaria dei siti di maggiore pregio storico e culturale. Nonostante gli impegni di FLI, che ha mantenuto personale comunale presso musei e siti al fine di garantirne la fruizione nei periodi di alta stagione, la maggior parte delle somme trasferite dalla Regione sono state impiegate per coprire le spese di bilancio.  Per riformare del tutto la mala gestio dei siti archeologici, abbiamo proposto la costituzione di un capitolo di bilancio ad hoc, per 100.000 euro, destinato alla pulizia e manutenzione dei siti archeologici, e la stipulazione di convenzioni con associazioni culturali specializzate per la cogestione dei siti rimanenti. Dopo la proficua collaborazione instaurata con Italia Nostra per la gestione della Latomia dei Cappuccini, riproporremo lo stesso modello per Villa Reimann ed il suo giardino. Garantire la manutenzione, gestione e promozione del nostro patrimonio architettonico, naturale e paesaggistico è una priorità per la nostra comunità. Solo da attente politiche di fruizione potremo creare nuova occupazione e sviluppo. La politica di reperimento dei fondi regionali per la promozione turistica della Sicilia ha già portato i primi frutti in termini di aumento progressivo dei flussi turistici in entrata, ora sarà compito delle amministrazioni locali potenziare i servizi e raggiungere standard europei di accoglienza.”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 01/09/2011 alle  11:33:44, nella sezione EDITORIALI,  785 letture)

Gli ultimissimi episodi riportati dalla stampa locale hanno evidenziato quanto poco sia partecipato il problema dell’handicap soprattutto motorio in un paese in cui la propria ansia di trovare parcheggio nelle immediate vicinanze degli esercizi commerciali prevale su tutto, anche sui diritti sanciti per legge che riservano ai disabili posti auto e passaggi facilitati che, invece, regolarmente vengono ostruiti. “L’handicap non è insito nella persona con difficoltà, è piuttosto uno status della persona” – questa frase lapidaria conferisce un senso preciso alla necessità di abbattere ogni tipo di barriere architettoniche che rendono non vivibili tanti spazi pubblici a coloro che sopportano già il peso di un disagio. Un tema spesso dibattuto negli anni passati ma ancora drammaticamente attuale vista la situazione non ben definita malgrado le normative promulgate in materia, a cominciare da quella legge n. 13/89 che a distanza di più di vent’anni dalla sua emanazione ancora non è del tutto operativa. Tutto ciò è ampiamente documentato dalle barriere ancora esistenti, tante, visto che sono ancora poche quelle strutture che hanno saputo adeguarsi superando ogni ostacolo. Gli interventi di Mimmo Di Franco ad Augusta hanno più volte denunciato come il fenomeno sia ampiamente presente anche nella nostra cittadina. Il mancato adeguamento degli edifici pubblici, negli uffici comunali, nelle scuole, negli ambulatori dell’ASP, nelle Poste o altrove è una grave carenza cui si aggiunge il comportamento dei cittadini allorquando lasciano la macchina parcheggiata davanti a uno scivolo, impedendo così l’accesso e il transito delle carrozzelle, o occupano un parcheggio riservato agli invalidi delineato con le strisce gialle. Si parla tanto di solidarietà ma sarebbe più opportuno ricordarsene concretamente tutti i giorni nei comportamenti comuni. “Pari opportunità” deve essere un concetto che vale erga omnes, per tutte le categorie sociali svantaggiate, e che deve essere sentito innanzitutto nelle coscienze civili prima ancora che in sede giuridica.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 31/08/2011 alle  19:54:50, nella sezione VIDEO,  1178 letture)

Carlo Piras è un trentenne che conduce una vita vacua accompagnandosi a presunti amici con cui non scambia nulla di sé, mantenuto dalla mamma e abbandonato dal padre. Annoiato e privo di emozioni, nel vano tentativo di provarne è solito uccidere persone a casaccio. Non viene mai neanche sfiorato dalle indagini della polizia, soprattutto perché non ha alcun legame con le vittime, che sono a lui del tutto sconosciute. Al tempo stesso, questa estraneità con le persone che uccide, gli impedisce probabilmente di provare quelle emozioni che cerca. La sua vita comincia a cambiare quando incontra una poetessa, Carmen Beretta, con cui ha finalmente una relazione dialettica e da cui riceve quella passione e quel sentimento che mancavano alla sua vita.

Il formato di ripresa è l’HDV (High Definition Video), le locations sono praticamente tutte ortigiane e comprendono svariati vicoli scelti tra i più oscuri e labirintici del centro storico siracusano, la Marina, il ristorante SETA di Via Roma, l’enoteca IL BLU di Via Nizza, Palazzo Impellizzeri, la Mediterranea Art Gallery di Via Dione.

Ulteriori informazioni sul film nel sito www.cortosiracusano.it 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 31/08/2011 alle  19:31:12, nella sezione CRONACA,  760 letture)

La LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) ha diffuso un allarmato comunicato stampa riguardante la preapertura della caccia a partire da giovedì 1 settembre. “Un grave errore - sostiene la LIPU - si spara ad animali che hanno appena finito di nidificare e quindi si può bloccare la riproduzione di tante specie anche a rischio estinzione. La preapertura della caccia in programma dal primo settembre colpirà specie in un momento che hanno appena terminato la nidificazione mettendo così a rischio le popolazioni avicole. Solo Liguria, Molise, Piemonte e le province autonome di Trento e di Bolzano hanno deciso di non autorizzare la caccia in preapertura. A fermare invece l’anticipo della stagione venatoria della Campania ha provveduto il TAR (Tribunale amministrativo regionale)”. Nel complesso, le doppiette colpiranno 12 specie di uccelli e 5 di mammiferi. “Sparare a inizio settembre – dichiara Fulvio Mamone Capria, presidente LIPU-BirdLife Italia – vuol dire colpire popolazioni di animali che hanno appena terminato di nidificare, perché gli uccelli migratori provenienti dal Nord Europa arriveranno solo a fine settembre. Un grave rischio, dunque, per la tutela di popolazioni che si trovano in un delicato momento del loro ciclo riproduttivo”. Tra le specie cacciabili, alcune si trovano inoltre in uno stato di conservazione sfavorevole: la marzaiola, la tortora, la quaglia e il beccaccino, tutte specie classificata come “Spec 3” (ossia specie non concentrata in Europa ma con status di conservazione sfavorevole). “Si tratta di specie – conclude Mamone Capria - che dunque andavano escluse dalla lista delle cacciabili, nel rispetto delle normative europee e dei dati scientifici in nostro possesso. Chiediamo che vengano rafforzati i controlli di polizia venatoria da parte delle Province, del Corpo Forestale dello Stato e delle altre forze di Pubblica sicurezza, perché proprio durante le preaperture vengono abbattute tantissime altre specie, anche protette. Testimonianza diretta saranno le centinaia di animali feriti da arma da fuoco che giungeranno ai nostri centri di Recupero. Sarà l’ennesima strage di animali autorizzata”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 31/08/2011 alle  19:30:22, nella sezione CRONACA,  841 letture)

Che fine ha fatto la bonifica del porto di Augusta, promessa dal ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo? «Si farà – sosteneva qualche tempo fa anche il sindaco Massimo Carrubba - si sta discutendo della tecnica da seguire, ci sono numerose indicazioni che fanno ritenere, peraltro, più pericoloso l'intervento di rimozione sui sedimenti nei fondali. Ma è tempo di trovare la soluzione, oggi c'è un presidente dell’Autorità portuale, il dott. Garozzo, che ha idee chiare su quel che il nostro porto potrà diventare». Ma il tempo passa e nulla di nuovo sotto il sole appare. Eppure dal punto di vista commerciale e per il tessuto economico di questo territorio della Sicilia che salda tre province, autostrada, porto e autoporto, Augusta è un anello nevralgico del complesso sistema dei trasporti e della mobilità, e un porto più efficiente e coi fondali opportunamente dragati potrebbe far decollare quel turismo che è un elemento essenziale e trainante dell'economia, ma che da troppo tempo è fermo proprio per la mancanza di iniziative pubbliche che ne promuovano l'accelerazione. Esiste in questo territorio un piccolo paradiso terrestre, tra Augusta, Brucoli, le baie, le spiagge, il mare e il verde e non è un caso che sia recentemente cresciuto l'interesse di molti operatori turistici per questa zona. Interesse concreto, perché sono aumentate le richieste di autorizzazioni per la realizzazione di porticcioli turistici, confermando che la baia di Brucoli è e rimane una delle mete preferite da chi si sposta in barca da Catania o Siracusa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 984 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (222)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (59)
COSTUME E ATTUALITA' (113)
CRONACA (722)
CULTURA (195)
EDITORIALI (26)
EVENTI (288)
LIBRI (181)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017

Gli interventi più cliccati

< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


20/11/2017 @ 14:31:09
script eseguito in 321 ms