Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 13/05/2012 alle  20:37:52, nella sezione ARTE,  964 letture)

Sabato 12 maggio la Galleria Roma di Siracusa ha presentato la mostra personale della giovane artista calabrese Valentina Chillè, che nelle sue opere dimostra una personalità artistica assai ricca e complessa. “Personality” si intitola infatti la sua mostra, introdotta dal prof. Luigi Amato che così si è espresso sulla giovane pittrice: ”Un'artista figurativa che opera attraverso tematiche primarie e strutturali che attraversano una filosofia di elementi primari e vitali. Artista giovane, ma dalle profonde venature estetiche frutto di diverse esperienze intellettuali…Un artista è una persona che partecipa con comprensione alla creazione di un’opera d’arte. Un’opera d’arte è un tipo di artefatto creato per essere presentato a un pubblico che appartiene a un mondo dell’arte. Un pubblico è un insieme di persone i cui membri sono preparati in qualche misura a comprendere un oggetto che viene loro presentato. Il mondo dell’arte è la totalità di tutti i sistemi di mondo dell’arte. Un sistema di mondo dell’arte è la cornice per la presentazione di un’opera d’arte da parte di un artista a un pubblico che appartiene a un mondo dell’arte”. La mostra, che ha registrato un intervento iniziale del presidente di Galleria Roma, Salvatore Zito, resterà aperta fino al 22 maggio.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 13/05/2012 alle  15:29:38, nella sezione ARTE,  1826 letture)

Inaugurata sabato 12 maggio all’ex Convento del Ritiro di Siracusa, in Ortigia, la Rassegna internazionale di Arte Moderna “Artes Magnae” organizzata da Spazio Arte e Art Center col patrocinio dell’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Siracusa. Tantissimi gli artisti partecipanti e numeroso il pubblico presente che ha assistito a una performance poetica di Marco Veneziano e della sua Equipe e a un concerto del percussionista siracusano Paolo Greco (foto in alto a sinistra) affiancato dalle due brave danzatrici Nadia Hekmat e Marzia Fede, che si sono esibite in fascinose danze mediorientali al ritmo incessante dei tamburi suonati da Paolo Greco. Tra gli artisti espositori un cenno a parte meritano la giapponese Tomie Nomiya, la giovane e bravissima pittrice Margherita Davì, l’astrattista Claudio Schifano e il noto scultore e ceramista Gianfranco Bevilacqua (nella foto in alto a destra). Tomie Nomiya (nella foto in basso a sinistra) persegue tra occidente e oriente la sua ricerca che traccia una interiorità espressiva di sguardi e di gesti rappresentati in una delicatezza chiaroscurale, in una pulizia delle linee, in una armonia delle proporzioni che danno vita a una ritrattistica espressiva ed emozionale. Margherita Davì (nella foto in basso a destra), diplomatasi Maestro d’Arte nel 2004, oggi affronta nelle sue opere attuali una ritrattistica originale e una puntigliosa tematica pittorica originale ed onirica, caratterizzata da una ricerca spirituale e da una libera espressione dell’anima. La mostra resterà aperta fino al 27 maggio registrando altri due momenti di intrattenimento: il 20 maggio “De Andrè, musica, ritmo e tormento di un cantautore”, con le musiche del maestro Claudio Massaro, “Coloriamo un mondo di pace”, spettacolo poetico e musicale a cura di Marco Veneziano; il 27 maggio un movimento coreografico a cura di Valentina Romano, le poesie dialettali di Francesca Privitera e un’altra performance “percussion live” di Paolo Greco.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 13/05/2012 alle  09:58:22, nella sezione LIBRI,  768 letture)

Biagio Proietti & Diana Crispo, Chiunque io sia, Hobby & Work, pag. 221, 16,50 euro.

Biagio Proietti (Roma, 1940) è un nome che tutti gli appassionati del cinema di genere conoscono, unito a quello della compagna di vita Diana Crispo, da sempre collaboratrice anche nel mondo del lavoro. Proietti & Crispo hanno inventato sceneggiati televisivi di culto come Coralba, Un certo Harry Brent, Come un uragano, Lungo il fiume e sull’acqua, Ho incontrato un’ombra, Philo Vance (interpretato da Giorgio Albertazzi), Un uomo curioso, Dov’è Anna, La mia vita con Daniela, L’ultimo aereo per Venezia e Doppia indagine. Erano i tempi della televisione in bianco e nero, gli originali televisivi non si chiamavano ancora fiction, il cinema di genere italiano faceva scuola e le grandi sale erano affollate di ragazzini urlanti. Proietti è noto agli appassionati anche come regista per aver girato alcuni telefilm (L’armadio, La mezzatinta, Miriam, La casa della follia, Uno più uno) e due film televisivi (Storia senza parole, 1979 e Sound, 1988, interpretato da Peter Fonda). Al cinema ricordiamo Chewingum (1984), una commedia giovanilistica di buon successo popolare e Puro cachemire (1986), ma non va dimenticato che è suo il soggetto di Black Cat (1981) di Lucio Fulci. Biagio Proietti è meno attivo nel campo della narrativa pura, ma recentemente - forse per la crisi della televisione che manda in onda solo reality e talent show e di un cinema italiano in affanno tra commedie paradossali e gay-movies - ha scritto alcuni romanzi dove dimostra tutto il suo mestiere di sceneggiatore di storie del mistero: Una vita sprecata (2005) e Io sono la prova (2007), entrambi editi da Dario Flaccovio. Adesso torna alla ribalta in coppia con la compagna Diana Crispo, ispirandosi al cinema di Hitchcock (Vertigo, Io ti salverò, Marnie), come aveva fatto Lucio Fulci nel film Una sull’altra (1969), cercando di dipanare il mistero di una donna che sembra aver vissuto due volte. Protagonista del giallo è l’avvocato Morelli che un bel giorno si trova davanti Bianca Rizzi, una ragazza identica alla moglie Daniela, scomparsa otto mesi prima. Non solo Bianca è simile a Daniela, sembra proprio lei, una serie di indizi inequivocabili lo dimostrano. Non è possibile dire altro sulla trama senza togliere il piacere della lettura, aggiungiamo che ricorda molto Una sull’altra, un giallo - thriller di Lucio Fulci scritto con la collaborazione di Roberto Gianviti, una rivisitazione de La Donna che Visse Due Volte (Vertigo, 1958) di Alfred Hitchcock, vicenda inquietante e morbosa. Proietti & Crispo si ispirano a un loro vecchio soggetto televisivo: La mia vita con Daniela (andato in onda nel 1976) e realizzano un giallo sofisticato che ricorda molto da vicino le atmosfere del thriller all’italiana degli anni Settanta. Profumo di nostalgia, madeleines di Scerbanenco, Fulci, Lenzi, Bava, Hitchcock e chi più ne ha più ne metta. Da leggere, per ricordare come eravamo e quel che siamo diventati. Una letteratura popolare e un cinema consegnato nelle mani degli statunitensi come se fossero una truppa di occupazione. Che peccato! Grazie Proietti per continuare a esserci e per far tornare alla memoria un passato che profuma di cinema popolare. Un appunto devo farlo all’editore. Se vogliamo far leggere gli italiani, la narrativa popolare non può costare più di 12 euro per 200 - 250 pagine. Il prezzo (16,50 per una carta scadente uso mano e una copertina cartonata) è troppo alto per un editore di grandi dimensioni e dotato di un’ottima distribuzione come Hobby & Worck.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 11/05/2012 alle  19:33:28, nella sezione CRONACA,  977 letture)

Open Land, A.M Group, Isab-Erg, la Provincia regionale, il Comune di Siracusa ed altri soggetti pubblici e privati si erano rivolti al TAR per chiedere, con l’annullamento del decreto assessoriale di adozione del Piano paesaggistico della Provincia di Siracusa, la sospensione degli effetti del Piano stesso. Ebbene oggi questi soggetti hanno rinunciato alla richiesta di sospensiva. La decisione è stata assunta in seguito ai risultati dell’udienza del TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) di Catania, convocata il 9 maggio scorso per discutere i ricorsi contro il Piano paesaggistico. In quell’occasione i Presidenti delle due Sezioni del TAR hanno ritenuto di non doversi pronunciare sulla domanda cautelare di sospensione del Piano paesaggistico ed hanno assunto la decisione di trattare le cause solo quando si conoscerà l'esito del Consiglio di Giustizia Amministrativa (CGA) sul Piano paesistico di Ragusa. Occorrerà quindi attendere che il CGA si pronunci nel merito sui ricorsi contro il Piano di Ragusa. “Si prende atto – fa sapere lo studio legale di Corrado Giuliano - che le parti ricorrenti, tra le quali compaiono anche il Comune e la Provincia regionale di Siracusa, che hanno concorso attivamente alla stesura del Piano paesaggistico provinciale, tra le diverse soluzioni possibili abbiano optato per la rinuncia alle richieste di sospensiva. Lascia comunque perplessi che enti pubblici chiamati a tutelare interessi collettivi intraprendano azioni insostenibili che hanno come unica finalità quella di rappresentare interessi privati”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 11/05/2012 alle  16:43:29, nella sezione CRONACA,  862 letture)

Si terranno il 12 ed il 14 Maggio al Grand Hotel Villa Politi a Siracusa le due giornate di confronto sulle Reti d’Impresa, dal titolo “Reti per la qualità”, organizzati dalla neo costituita Consulta dei Giovani Imprenditori della Camera di Commercio di Siracusa, che vede all’interno le rappresentanze dei giovani imprenditori delle Associazioni di Categoria della provincia. Un momento di riflessione articolato in due giornate per confrontarsi sulle opportunità delle reti d’impresa con particolare riferimento, nella prima giornata del 12 Maggio, al comparto agro-alimentare, settore fondamentale dell’economia del nostro territorio. Da questo ambito si vuole partire per sostenere il valore delle tipicità siracusane cui va dato valore partendo con assoluta priorità dal riconoscimento qualitativo delle stesse. Un fattore che deve contemplare le complessità logistiche del territorio e le opportunità legate a nuovi mercati emergenti ed affascinati dal food made in Italy. A queste valutazioni si è scelto di aggiungere una ulteriore opportunità di Rete tra imprese correlata proprio alle produzioni agro-industriali, il riutilizzo degli scarti di lavorazione e della materia seconda per un approvvigionamento energetico alternativo delle imprese. Una soluzione innovativa e fortemente eco-compatibile. La seconda giornata, 14 Maggio, sarà invece dedicata ad uno dei casi di rete più elementare ma, al contempo, più complesso, il Centro Commerciale Naturale, esempio primario di connessione tra piccoli esercenti uniti dal contrasto allo strapotere della grande distribuzione. Realtà che rappresentano il punto finale del ciclo del prodotto, la vendita al dettaglio. Reti per la qualità vuole essere dunque un evento zero di un percorso più ampio nel quale trovare vie concrete per una affermazione delle reti nel nostro territorio ed un destino migliore per l'offerta del nostro brand. «Abbiamo scelto di partire con un evento orientato alle reti – affermano i componenti della Consulta dei Giovani Imprenditori istituita presso la CCIAA di Siracusa – proprio perché da queste pensiamo si debba ripartire per il rilancio del nostro territorio. Cooperare per accedere a mercati nuovi è oggi una necessità, non una mera opportunità e per farlo dobbiamo raccogliere sinergie comuni e rompere quel paradigma anche culturale che ci vede soli e disuniti di fronte ad un mercato sempre più globale. Cercheremo di insistere su questi argomenti e fornire strumenti utili a questi obiettivi, da giovani abbiamo l’obbligo morale di scommettere insieme su questo territorio».

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 11/05/2012 alle  15:09:54, nella sezione LIBRI,  1071 letture)

Giuseppe Palumbo - Luciano Curreri, L'elmo e la rivolta, Comma 22, www.comma22.it, 10 euro.

L’elmo e la rivolta è un fumetto colto, pieno zeppo di citazioni cinematografiche, di riferimenti storici, rimandi filosofici e annotazioni politiche. Luciano Curreri - saggista di vaglia, autore de Il peplum, di Emilio (Il Foglio, 2012) - scrive un testo ispirato, che non rinuncia alla complessità (in senso positivo) pur usando il mezzo espressivo del fumetto. Siamo in presenza di un vero e proprio saggio disegnato con protagonisti due simboli come Spartaco e Scipione l’Africano che non ha niente da invidiare a precedenti opere ponderose di un autore esperto di D’Annunzio e Salgari. I disegni sono del grande Giuseppe Palumbo (Matera, 1964), che ricordiamo creatore per Frigidaire del personaggio di Ramarro, un supereroe bizzarro e masochista. Un maestro del fumetto italiano, autore di tavole con protagonisti personaggi popolari come Diabolik e Martin Mystere. Comma22 gli dedica un’intera collana che contiene le sue storie più personali, in formato 17x24 con una speciale sovraccoperta stampata su cartoncino acquerello. L’elmo e la rivolta cita Uccellacci e uccellini, il capolavoro di Pier Paolo Pasolini, introducendo il racconto con la figura di un corvo saccente che accompagna lo svolgersi egli eventi e con un finale che ricalca la pellicola interpretata da Totò e Ninetto Davoli. Spartaco viene immortalato come l’eroe della ribellione, lo schiavo che affronta il potere a viso aperto, sia nell’interpretazione marxista, in funzione anticapitalista e antiborghese, che in chiave religioso - messianica. Alla base di tutto ci sono le pellicole e i romanzi (Spartacus di Howard Fast), ma soprattutto lo Spartaco scritto da Stanley Kubrick e interpretato da Kirk Douglas nel 1960. Personaggi del libro sono anche Annibale e Scipione l’Africano, eterni avversari di una guerra infinita, citati per mezzo di pellicole storiche (Scipione l’africano di Luigi Magni, 1971) e fatti rivivere con vesti contemporanee. Garibaldi potrebbe essere uno Scipione moderno, ma pure Mussolini come il condottiero della guerra d’Africa ricalca le orme del personaggio storico. Persino Alessandro Manzoni avrebbe voluto scrivere il romanzo di Spartaco, ma allora non avremmo avuto I promessi sposi, avremmo dovuto attendere Fogazzaro per il primo vero romanzo d’amore italiano. Meglio così, abbiamo lasciato al cinema il compito di far rivivere la leggenda di Spartaco, mentre questo saggio grafico, scritto in maniera mirabile e illustrato con classe da artista, si arroga il compito di far riflettere sulle tante valenze simboliche e sui molteplici corsi e ricorsi storici.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 11/05/2012 alle  11:07:57, nella sezione CRONACA,  967 letture)

Il coordinatore cittadino dell’Mpa Domenico Tringali risponde alle dichiarazioni di Alessandro Tripoli, capogruppo dei “Democratici per Carrubba” che aveva affermato in un comunicato agli organi di stampa successivo alla nomina del nuovo assessore Marco Arezzi: "Ritengo che l’alleanza politica con MPA sia un punto di forza di questa nostra amministrazione ma mi sento in tutta onestà di prendere le distanze dalle scelte che sono state prese negli ultimi giorni. Mi sento in obbligo verso i miei elettori e concittadini per etica politica ed onestà, di chiarire alcuni aspetti che hanno portato alla nomina. Personalmente rivendico la lealtà politica che il gruppo consiliare che io rappresento ha sempre mostrato a questa maggioranza. Lo stesso non si può dire degli altri partiti che la sostengono, con un PD vuoto e con MPA che non ha mai sostenuto con l'intero gruppo consiliare le sedute in aula. Pertanto piuttosto che nominare l'amico di qualcuno io, come da tempo chiedo, avrei preferito una verifica sulla composizione della giunta con esponenti politici. Il mio intervento non vuole essere un ingerenza su quelle che sono le scelte dell’ MPA ne tanto meno quelle del sindaco, ma da esponente politico che da anni lavora esclusivamente per il bene della collettività, non posso non essere critico con chi permette, solo ed esclusivamente per un modo di fare politica vecchio ed obsoleto, all’uomo della strada senza nessuna esperienza politica di ricoprire incarichi importanti. Scelte che oggi mi appaiono insensate e che rischiano di non dare la giusta e necessaria stabilità nell’ultimo anno di governo. Se consideriamo anche il fatto che questa politica è sempre più lontana dalla società civile e dai suoi bisogni, rischiamo che i nostri concittadini giudichino scelte che nulla hanno a che fare con la buona politica come un ulteriore segnale di distacco e di allontanamento dalla stessa". A questo punto Domenico Tringali replica: “Il partito in maniera unanime ha espresso fiducia e gradimento per la nomina del nostro vice-coordinatore Arezzi ad assessore ai lavori pubblici, sicuri che riuscirà a rappresentare al meglio e con lealtà il gruppo in un ruolo di estrema importanza nel governo della città. Noi cercheremo di stimolarlo quotidianamente e di sostenerlo nel suo lavoro. Se c'è qualcuno che vuole mettere continuamente in discussione le scelte dell'MPA ha sbagliato interlocutore. La sua è una nomina politica, poiché è il vice coordinatore del partito, a testimonianza di una sintesi maturata all'interno del gruppo. A Marco è toccata sicuramente una difficile rubrica. Ma siamo certi che sarà all'altezza di questo incarico, che gli amici di partito gli hanno voluto affidare, attraverso il suo impegno, la sensibilità e la competenza. Se, poi, si pensa che Marco Arezzi è "l'uomo della strada" gli si sta facendo un complimento, visto che il neo assessore è un uomo che è impegnato attivamente e fattivamente nel volontariato. Se, infine, si pensa che non ha nessuna esperienza politica, si è usciti fuori tema mostrando una superficialità nell'analisi, perché fin da giovanissimo è stato impegnato attivamente in politica ed ha rivestito anche il ruolo di presidente di quartiere. Siamo certi che, pur dovendo operare solo per pochi mesi, Marco riuscirà a farsi apprezzare in un incarico che va pensato e vissuto con una totale abnegazione e cura. Siamo sicuri che attraverso la sua umiltà, il suo spirito di squadra e il sostegno di tutti riuscirà a raggiungere importanti obiettivi. Ci tenevamo a fare questa precisazione per spiegare, se ci fosse bisogno, chi è Marco, ma non siamo interessati ad alimentare alcuna polemica. Ad altri diciamo che in politica è importante anche la variabile tempo. Non si possono prendere posizioni di distinguo, nei momenti sbagliati e soprattutto quando si sta dialogando per rilanciare la coalizione in un nuovo ciclo. Speriamo che con il tempo, chi oggi appare smemorato e indignato, riesca a cambiare idea”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Luca Raimondi (pubblicato il 11/05/2012 alle  10:41:02, nella sezione LIBRI,  1581 letture)

Segnaliamo con piacere l’uscita in libreria di due volumi dello scrittore ed editore toscano Gordiano Lupi, con il quale “Diorama” da qualche tempo si onora di collaborare. Si tratta di due interessanti saggi editi da “Profondo rosso”, la casa editrice del regista Luigi Cozzi che, per chi non lo sapesse, oltre che autore di film come il popolare “Hercules” con Lou Ferrigno, è stato un abituale collaboratore di Dario Argento, al cui titolo più famoso è dedicata sia la sua impresa editoriale, sia il negozio di memorabilia che dal 1989, nel quartiere Prati, è un punto di riferimento per gli appassionati del cinema italiano. Entrambi i volumi riportano a galla nomi che negli anni settanta (e nei primi anni ottanta) guadagnarono una più o meno duratura celebrità nell’ambito della cosiddetta “commedia sexy”, un genere che spopolò prima nelle sale cinematografiche e poi sulle reti televisive soprattutto private. Un genere che, con la sua vasta schiera di libidinose infermiere, poliziotte, supplenti e liceali, ha condizionato l’immaginario erotico di un pubblico soprattutto maschile grazie alle generose nudità di attrici come Edwige Fenech, Lilli Carati, Carmen Russo e Orchidea De Santis (che firma anche una prefazione dal titolo Io e gli anni ruggenti del cinema italiano) spesso accompagnate (o più che altro “spiate”) da attori comici quali Alvaro Vitali, Renzo Montagnani, Lino Banfi. In cabina di regia, ad orchestrare il mix di erotismo e comicità, navigati professionisti come Sergio Martino, Mariano Laurenti, Michele Massimo Tarantini, Nando Cicero (analizzati nel dettaglio nel primo volume dal titolo “Nude…si ride”) e ancora Nello Rosati, Giuliano Carnimeo, Marino Girolami, Mario Gariazzo, Gianfranco Baldanello (autori su cui Lupi disquisisce nel secondo volume, “Grazie…zie”, gettando un po’ di luce anche su alcuni autori minori ormai quasi del tutto dimenticati).

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 11/05/2012 alle  09:56:38, nella sezione EVENTI,  798 letture)

Come ormai consuetudine da sabato 12 maggio alle ore 9.00 fino a domenica alle ore 19.30 il Parco dell'Hangar di Augusta ospiterà la Terza Festa dell’Aria con un programma di tutto rispetto:

Sabato 12 Maggio

09,00 – 13,00 Visite guidate del monumento Hangar. Esibizione degli Aquilonisti Internazionali. Laboratorio didattico di aquiloni per ragazzi. Attività sportive. Competizione di remoergometro a cura dell'ASD Juvenilia.

14,00 – 18,30 Esibizione degli Aquilonisti Internazionali.

15,30 – 18,30 Secondo Torneo Provinciale di MINI PARKVOLLEY a cura dell'ASD Pallavolo Augusta. Esibizione di aeromodelli dinamici a cura del gruppo GAMI. Corsa campestre per ragazzi a cura dell'ASD Atletica Augusta. Spazio tenda: presentazioni e proiezioni video.

18,30 – 19,30 Fiabe tra gli alberi con Anna Passanisi e Tiziana Bellassai (attori del piccolo Teatro di Catania).

Domenica 13 Maggio

09,00 – 12,30 Visite guidate del monumento Hangar. Preparazione al volo della Mongolfiera a cura dello Skydive Sicilia. Voli frenati in Mongolfiera: battesimo del volo. Attività sportive. Artisti di strada. Spazio Tenda: incontri, presentazioni e proiezioni video.

12,30 - 13,00 Esercitazione di pronto intervento a cura della Misericordia di Augusta.

16,00 - 19,00 Voli frenati in Mongolfiera. Spazio Tenda: incontri, presentazioni e proiezioni video. La festa è un evento organizzato dall’Hangar Team di Augusta.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 11/05/2012 alle  09:53:59, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  810 letture)

Mariela Castro, direttrice del Centro Nacional de Educación Sexual (CENESEX) e figlia di Raúl, ha detto durante una conferenza stampa che all’Avana verrà realizzata la V Giornata contro l’Omofobia. L’evento sarà una sorta di gay pride di Stato, non spontaneo ed espressione di un’esigenza che viene dal basso, ma organizzato da una struttura governativa. La Giornata contro l’Omofobia prevede incontri sul tema della diversità sessuale e riunioni contro l’omofobia. Tutto sarà dedicato alla memoria del grande scrittore cubano Virgilio Piñera (1912-1979), messo a tacere dal regime negli anni Settanta proprio per la sua omosessualità e recuperato dopo la sua morte. Nei giorni scorsi il cantante italiano Cristiano Malgioglio è stato ospite di Mariela Castro, visto che la reputa persona in grado di operare cambiamenti nella società cubana. Il nostro famoso connazionale non si è posto il problema dei gay non rivoluzionari e non si è fatto la domanda più semplice: perché un gay pride di Stato? Cuba vieta le libere associazioni di persone, preferisce organizzare il consenso e indirizzare i cittadini verso eventi decisi dall’alto, espressione della volontà governativa. Il disegnatore satirico Omar Santana, su El Nuevo Herald, stigmatizza questa “Quinta giornata contro l’omofobia” con una battuta arguta e irriverente rivolta ai gay: “Potete farvi vedere. Non ci sono problemi…” ma poi aggiunge: “Occhio, solo i rivoluzionari!”. Infatti sono previste manifestazioni spontanee organizzate dall’associazione omosessuale non legata al governo ma frutto della spontanea partecipazione dei cittadini. Ovviamente la loro sfilata sarà controllata e repressa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 11/05/2012 alle  09:52:49, nella sezione CRONACA,  1001 letture)

Artigianato siciliano KO per mancato rinnovo del Consiglio di Amministrazione della Crias e del Comitato Tecnico ArtigianCassa. E’ la problematica affrontata in una interrogazione parlamentare all’Ars dal capogruppo di Grande Sud, on. Titti Bufardeci, che raccoglie il malcontento di Michele Marchese (nella foto), presidente Casartigiani di Siracusa il quale informa, nel sollecitare tali adempimenti di legge ed escludendo commissari straordinari, che saranno attivate azioni a tutela e rispetto della normativa in vigore. Bufardeci polemizza e affonda la spada, dichiarando: “Il governo di Raffaele Lombardo non smette di arrecare ulteriore danno alla Sicilia e, nella fattispecie, all’artigianato siciliano. Questo mancato rinnovo del CdA nei fatti crea un ulteriore danno a tutto il mondo delle attività produttive, già fortemente danneggiate in termini di spesa comunitaria, di bilancio e finanziaria regolarmente impegnate dal commissario dello Stato. Una situazione che rimanda al dramma ed in questo senso faccio mio questo sollecito da parte del presidente degli artigiani Michele Marchese , perchè ci sia la pronta risposta da parte del governo siciliano anziché del solito “collo di bottiglia” di Lombardo il quale, spero, non faccia il solito CdA formato da ex trombati dell’Mpa ma all’altezza del compito strategico che ha l’Ente per l’ attività artigianale siciliana”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 08/05/2012 alle  13:09:12, nella sezione CRONACA,  1005 letture)

Come previsto nei due comuni del siracusano dove si votava col sistema proporzionale si andrà al ballottaggio il 20 e 21 maggio prossimi. Ad Avola il ballottaggio si farà tra Albino Di Giovanni, già sindaco di Avola in una precedente legislatura, e Luca Cannata, esponente di Grande Sud, partito di Centaro e Bufardeci. A Floridia il ballottaggio si farà tra Orazio Scalorino, sostenuto dal Partito Democratico, ed Emanuele Faraci di Primavera Floridiana, creatura dell’onorevole Egidio Ortisi, appoggiato anche dall’UDC. Fibrillazione quindi nei due comuni per creare quelle alleanze che possano portare alla vittoria l’uno o l’altro dei contendenti. Nei comuni invece dove si è votato col sistema maggioritario le urne hanno già decretato i sindaci eletti dai cittadini: a Cassaro Nello Pisasale è stato confermato sindaco sostenuto dalla lista “Progetto Cassaro” ed ha ottenuto 208 voti, pari al 38,24%, battendo Mirella Garro e Vincenzo Garro, appoggiati da “Un impegno in Comune” e dalla lista Italia dei Valori; a Canicattini Paolo Amenta, esponente di Fli, che ha sfidato Paolo Tuccitto, tornerà riconfermato a palazzo di Città per altri 4 anni; a Solarino il vinciulliano Paolo Scorpo sostenuto dalla lista "Insieme con Scorpo sindaco" ha ottenuto 2.324 voti, pari al 44,99%. battendo il sindaco uscente Pietro Mangiafico, appoggiato dalla lista "Pietro sindaco", che ha ottenuto 2.124 voti, con il 41,12%.; a Melilli, infine, ce l'ha fatta Pippo Cannata (nella foto) con una coalizione inedita che ha messo insieme Grande Sud, Partito Democratico, Sinistra Ecologia e Libertà per Melilli, Melilli dei Valori e Unione di Centro. Cannata, espressione del sindaco uscente, Pippo Sorbello, ex Mpa, oggi uno dei leader dell'Udc in provincia di Siracusa, che si è impegnato allo spasimo, che ha avuto ragione sull'aspirante sindaco sostenuto dall'Mpa di Lombardo e Gennuso, Nuccio Scollo di Villasmundo, il cui risultato è stato deludente. Sconfitto anche il candidato di Pippo Gianni, il dottor Remo Ternullo. Cannata ha ottenuto il 43,9% con 3.864 preferenze. Il partito che ha avuto più consensi dai melillesi è stato l'UDC.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 08/05/2012 alle  09:44:46, nella sezione EVENTI,  894 letture)

Bellissima serata domenica 6 maggio nei locali di Galleria Roma in piazza S. Giuseppe, dove l’attrice Bibi Bruschi ha messo in scena un recital di poesie dal titolo “Per amore, solo per amore”. Il tema dell’amore in poesia è un tema inesauribile, dalle mille sfaccettature, un tema che ha coinvolto e coinvolge gli uomini di ogni tempo. Il canto del poeta è un canto di emergenza l’emergenza del cuore che non contiene oltre i propri bisogni, siano essi per la libertà, per l’anima o per l’amore. E se i poeti scrivono, gli attori recitano. Gli attori ci aiutano a meglio comprendere il senso delle parole, il senso dei versi. Come direttori di un orchestra di parole, gli attori fanno vibrare ora questa, ora quella, ora il silenzio. Gli attori sanno quando i versi devono essere gridati e quando bisbigliati, quando tacere e quando srotolare la partitura in un andante travolgente. Bibi Bruschi ha sapientemente fatto tutto questo, ha svolto il suo compito di attrice nella religiosa attenzione di un pubblico presente che ha bevuto dalla bocca della valente interprete i versi magici di Saffo, di Neruda, di Garcia Lorca e di Edgar Lee Master fino alla prosa madida di passione della scrittrice francese Colette, verso cui l’attrice ha dichiarato affinità elettive che ineluttabilmente uniscono le anime di due donne che hanno interpretato la vita per ciò che è, nella sua immodificabile verità, fatta di passione, di gioia ma anche di amarezze e di sconfitte.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 05/05/2012 alle  10:07:09, nella sezione VIDEO,  836 letture)

Pubblichiamo due video relativi al "Cinemavola Film Festival 2012", entrambi per la regia di Giorgio Nanì La Terra.

 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 05/05/2012 alle  10:00:29, nella sezione CRONACA,  1351 letture)

Nominato ad Augusta il nuovo assessore della giunta Carrubba, in forza all’Mpa, che subentra a Salvo Madonia, dimissionario, nella rubrica Lavori Pubblici ed Edilizia Sportiva, nomina che rientra nel quadro degli accordi tra il Sindaco e il coordinamento dell’Mpa, che, con i suoi cinque consiglieri comunali, rappresenta una solida stampella di sostegno all’amministrazione in carica. La conferenza stampa di presentazione ha visto la partecipazione del coordinatore cittadino ing. Domenico Tringali e di altri elementi del gruppo consiliare del Movimento per l'Autonomia. Il nuovo assessore è Marco Arezzi (nella foto), giovane geometra che è anche il vicecoordinatore cittadino del movimento di Raffaele Lombardo, che entra in giunta nella fase conclusiva della legislatura già in vista delle prossime elezioni. Massimo Carrubba ha dichiarato: "L’Mpa ha scelto un professionista giovane e stimato. La nomina conferma un'alleanza e la determinazione a mantenere la quota di nove assessori. Se ci saranno le condizioni verrà nominato un decimo assessore. Essendo un tecnico Arezzi si concentrerà sugli appalti in corso e sulle piccole manutenzioni".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 05/05/2012 alle  09:56:36, nella sezione CRONACA,  909 letture)

L’Unità Operativa di Oncologia Medica, attivata di recente presso il Presidio Ospedaliero Muscatello di Augusta, assicura assistenza ai pazienti neoplastici in regime ambulatoriale ( visite di controllo o prime visite nel pomeriggio di martedì e giovedì), in regime di Day Hospital ( indagini diagnostiche plurispecialistiche pre e post trattamento, trattamenti di supporto), in regime di Day Service ( terapie specifiche con farmaci chemioterapici, biologici, immunoterapici). In ambulatorio si accede con richiesta del medico di famiglia previa prenotazione al CUP. In DH\DS si accede in seguito a visita ambulatoriale o consulenza in altri reparti dell’Ospedale. A breve saranno attivati i posti letto in regime di ricovero ordinario, evento che chiuderà la filiera assistenziale del complesso iter del trattamento diagnostico e terapeutico a favore del malato oncologico. A giorni sta per iniziare un Corso educazionale ( di perfezionamento e di aggiornamento per taluni soggetti) indirizzato a volontari già presenti e attivi in altri reparti (volontari AVULSS), ma anche a persone di buona volontà, sensibili alla diuturna e sofferta problematica esistenziale che investe il paziente neoplastico e i suoi familiari. A tal proposito giorno 9 maggio alle ore 15,30, presso la Sala riunioni dell’Ospedale Muscatello, si terrà un incontro preliminare informativo in presenza dell’equipe medica ed infermieristica dell’U.O. di Oncologia di Augusta.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 03/05/2012 alle  21:32:42, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  833 letture)

All’inizio della stradina in discesa che attraversa il boschetto attorno al Castello Svevo ad Augusta fu posto qualche tempo fa, per iniziativa di Legambiente sponsorizzata dall’Eni, un bel cartello a colori che riproduceva la planimetria del camminamento all’interno del suddetto boschetto, ricco di piante d’alto fusto, che una volta era attraversato da tutti noi ragazzi quando si voleva scendere in borgata dall’isola accompagnando le nostre fidanzatine dell’epoca, magari tentando teneri approcci complici le “fresche frasche”. Un piccolo esempio di civiltà il cartello elegante e ad uso dei turisti (?) e dei visitatori. Ma tant’è, la mano sporcacciona di beceri vandali, chissà se giovani o anziani, hanno ridotto il gradevole cartello nelle condizioni che si vedono nella foto. Un piccolo esempio, minimo in confronto a ben altre lordure e a ben altre brutture, ma indicativo dello stato di civiltà di un popolo che non solo non è riuscito ad eleggere amministratori all’altezza della situazione, ma nemmeno ad educare i propri figli al rispetto per le cose comuni e per il patrimonio culturale della città. Infatti il tour delle brutture continua tutt’attorno alle mura del castello lordate da scritte orrende, che peraltro nulla hanno a che fare con quella “street art” di derivazione americana, che comunque ha (avrebbe) un senso solo nelle dimensioni megametropolitane. Tra queste brutture e l’abbandono delle cadenti muraglie spagnole c’è davvero poco da stare allegri.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Luca Raimondi (pubblicato il 03/05/2012 alle  16:34:31, nella sezione SPORT,  1144 letture)

Ha fatto registrare una notevole partecipazione di pubblico e di partecipanti il primo trofeo di dama intitolato al grande maestro Michele Borghetti. Sono ben 42 i giocatori che si sono sfidati per aggiudicarsi la vittoria, suddivisi in due gruppi di gioco: il primo costituito da Maestri, Candidati maestri, Nazionali e Regionali, il secondo da giocatori Provinciali e non tesserati. Ad aggiudicarsi la vittoria nel primo gruppo è stato il candidato maestro G.B. Di Stefano di Palermo, seguito da Sebastiano Montoneri, Sebastiano Greco, Severino Sapienza e Massimo Ciarcià. Nel secondo gruppo vittoria dell’avolese Corrado Cannata che ha battuto di misura Michele Di Falco. Terzo posto per Giorgio Nanì La Terra (anche organizzatore dell’evento) seguito da Corrado Santoro e Paolo Bianca. Nella sfida fra i vincitori dei due gruppi ha prevalso Corrado Cannata, che ha così ottenuto la vittoria finale. L’intera sfida è stata seguita con interesse dal grande maestro Michele Borghetti. Grande interesse ha suscitato la sua esibizione in simultanea: dei suoi agguerriti 31 avversari (fra i quali 3 maestri 4 candidati e molti nazionali) soltanto in quattro sono riusciti a strappargli un pareggio: si tratta dei già citati Di Stefano e Montoneri, oltre a Giovanni Catanzaro e a Santo Randazzo. Agli altri è rimasto soltanto il piacere di aver potuto sfidare il più grande damista di tutti i tempi, congratulandosi con lui con una stretta di mano. Premiazioni alla presenza dell’Assessore allo Sport del Comune di Avola Simone Libro, del Delegato regionale FID Severino Sapienza, del Delegato provinciale FID Massimo Ciarcià. Ha diretto il tutto lo staff arbitrale costituito da Benito Cataldi, Massimo Ciarcià e Sebastiano Greco.

 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 02/05/2012 alle  20:10:30, nella sezione EVENTI,  891 letture)

Giovedì 3 maggio nei locali di Galleria Roma in piazza s. Giuseppe, alle ore 18,30, l’attrice Bibi Bruschi reciterà un monologo tratto dalle pagine del romanzo “L’erede” scritto da Gaetano Gulizia. Un gesto d’affetto nei confronti di un amico scomparso da poco tempo ed esternato alla maniera di chi ha vissuto e vive sul palcoscenico. Le comuni esperienze condivise in una Siracusa di qualche anno fa, ricca di fermenti culturali e sociali forse mai maturati e soprattutto il rapporto d’amicizia, si condenseranno nella performance di giovedì che si inserisce nella mostra di pittura dedicata allo stesso artista Gulizia, in corso presso la Galleria Roma, organizzata da Anna Rudilosso, compagna di Tanino per tutta una vita. La lettura recitata di Bibi Bruschi, che lei stessa ha tratto dalle pagine del romanzo, scorre in un susseguirsi di scenografie tutte siracusane, imbevute di mito e di storia, in cui i personaggi, anch’essi dai forti tratti locali, vivono storie comuni alle nostre, angosce e gioie, amori e tradimenti quasi fossimo noi stessi a raccontare la nostra vita in un eterno presente in cui l’antico convive con il moderno. Ed è in tal modo che personaggi dai nomi antichi come Amiclea o Fillide simbolizzano i valori dei sentimenti umani in un contesto attuale evidenziando il contrasto tra l’eterno e l’effimero per aiutarci un poco a capire anche la nostra storia e forse pure il senso delle cose in questa nostra città dalle tante contraddizioni e dalle tante potenzialità inespresse.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 02/05/2012 alle  14:28:02, nella sezione CRONACA,  842 letture)

Così è trascorso il 1° maggio, festa dei lavoratori sempre di meno in questa Italia di disoccupati e di esodati. Solo in tv il tradizionale concertone di piazza S. Giovanni a Roma con un Capareza scatenato, ma nella città aretusea nulla. La CGIL da sola ha preferito effettuare una modesta manifestazione il giorno prima, 30 aprile, in piazza Archimede, manifestazione significativa per come è stata congegnata con un Mimmo Contestabile a presentare e una Stefania Bongiovanni a leggere testimonianze toccanti, con Paolo Zappulla e giovani precari e disoccupati e tanto jazz di sottofondo in una piazza per la verità poco gremita per quanto svolazzassero bandiere rosse e palloncini colorati. Dicevamo poca partecipazione pur di fronte ai dati drammatici del lavoro che manca, agli espulsi dal mercato del lavoro e ai tanti giovani, in particolare donne, che in questa provincia non hanno futuro. Celebrare la Festa dei Lavoratori il 1° maggio sarebbe stato un controsenso in un momento di grande crisi e di pericolo anche per chi un lavoro oggi ce l’ha. Sarebbe stata una ulteriore violenza ed umiliazione nei confronti di quarantamila disoccupati della provincia, di fronte a una realtà fatta da giovani e meno giovani che restano a casa, che un lavoro non l’hanno mai avuto. Così il sindacato di Susanna Camusso e di Paolo Zappulla, ha preferito fare festa il 30 aprile, nel centro storico di Siracusa, in Piazza Archimede, proprio “per il lavoro che non c’è”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 79 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (230)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (59)
COSTUME E ATTUALITA' (116)
CRONACA (732)
CULTURA (198)
EDITORIALI (26)
EVENTI (319)
LIBRI (198)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018

Gli interventi più cliccati

< luglio 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
12
13
14
15
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


19/07/2018 @ 19:12:21
script eseguito in 269 ms