Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 15/05/2013 alle  14:07:02, nella sezione CULTURA,  771 letture)

E' partita da Siracusa la prima edizione del concorso MYBOOKVIDEO in collaborazione con alcune delle più note case editrici italiane come Longanesi, Fazi, Fanucci, Gargoyle Books, Cavallo di Ferro e Tunuè. Mybookvideo.it è il primo portale web italiano che raccoglie al suo interno “esclusivamente” la materia prima e propulsiva dell’editoria del terzo millennio: i booktrailers. Il progetto, ideato da Vincenza Tomaselli, nasce sia come servizio specifico agli Editori che abbiano booktrailer da realizzare e divulgare, sia come alternativa efficace per scrittori o aspiranti tali, che hanno il desiderio di pubblicare a proprie spese un’opera e non hanno società di distribuzione che li affianca nel marketing e nella promozione dell’opera medesima. I booktrailer sono dei video creati specificamente per pubblicizzare libri di emergenti o di nomi affermati dell’editoria, che sfruttano lo strumento delle immagini, dei suoni e degli effetti speciali, per farsi largo nel mercato. I booktrailers hanno infatti una straordinaria capacità di sedurre il pubblico con il loro impatto visivo ed emotivo e grazie a software sempre più raffinati, rappresentano ormai dei veri e propri cortometraggi cinematografici in grado di attrarre un’utenza variegata che va 10 a 90 anni.

Il concorso, dedicato agli studenti delle Scuole superiori, nasce per incentivare i ragazzi alla lettura diventando protagonisti attivi della nuova era dell'editoria tecnologica. Nessun limite alla fantasia e alla creatività: un corpo di docenti costituito da registi, video maker, esperti della comunicazione, sceneggiatori, giornalisti e grafici multimediali è infatti a loro disposizione per lo start up artistico. Brevi ma esaustivi workshop, per definire le basi di veri e propri mini corti promozionali di 90 secondi. Il concorso si articola in due momenti: Premio della giuria e Premio del pubblico. Il primo è assegnato da una Giuria competente, costituita da personalità del mondo del cinema, del giornalismo, della comunicazione multimediale. Il secondo è assegnato tramite votazione online sul sito www.mybookvideo.it. L’assegnazione di entrambi i premi, accompagnati da una motivazione scritta formulata sia dalla giuria che dallo staff dell’organizzazione stessa del concorso, sarà momento centrale di un evento pubblico che si svolgerà l'1 Giugno 2013 alle ore 20.00 alla Sala Randone di via Malta a Siracusa.

 

 

 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 14/05/2013 alle  20:51:34, nella sezione CRONACA,  811 letture)

di silvestroTroppo lunghi i tempi di attesa e nel frattempo la città muore. La lamentela arriva dal meetup "Movimento Cinque Stelle Augusta" (meetup è un servizio di social network che consente l'incontro di gruppi di persone aggregati attorno a un comune interesse), che sottolinea il grande distacco che c'è tra i commissari straordinari e i cittadini, tramutabile nella mancanza di dialogo tra la popolazione e le istituzioni. "Da quando si sono insediati non siamo riusciti ad incontrarli per proporre soluzioni e suggerimenti per affrontare i grossi problemi che attanagliano la nostra città" - queste le parole del nuovo portavoce incaricato Sarah Marturana. Mauro Caruso ha ricordato: "Abbiamo incontrato 40 giorni fa i commissari per discutere della nostra città ma ci avevano chiesto 30 giorni di tempo per la consultazione degli atti burocratici e legali. Come da accordi presi abbiamo atteso, ma ora non si può più aspettare perché la Città è distrutta ed ha bisogno di ripartire". Ha concluso l'incontro il portavoce uscente Antonino Di Silvestro (nella foto con Grillo), ora addetto alla comunicazione del Movimento Cinque Stelle Augusta, ricordando che "i cittadini non hanno più tempo: tenere le porte del comune aperte per apparenza, ma non incontrare chi vuole proporre soluzioni per il bene della collettività, è solo un atto distruttivo che allontana sempre più la voglia di attivarsi per il territorio e la fiducia nella istituzioni, e Augusta non ha bisogno di questo. Ci aspettiamo un incontro a breve per iniziare a lavorare seriamente e dare risposte a quel 42 % di cittadini che rappresentiamo nella nostra città e non solo, noi siamo liberi da ogni rapporto con il passato amministrativo che ci ha marchiati come città mafiosa e quindi non ci aspettiamo un atteggiamento diffidente da parte di coloro che oggi rappresentano la nostra amministrazione".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 14/05/2013 alle  14:02:49, nella sezione CRONACA,  794 letture)

vermexioAnche a Siracusa arriva la violenza e l’intimidazione nei confronti di pubblici impiegati. Vittima di un’aggressione mentre si recava in ufficio la dottoressa Rosaria Garufi, responsabile dei settori Politiche sociali e Politiche culturali ed educative del Comune di Siracusa. La sua auto è stata assalita per strada da due persone con il volto coperto da caschi a bordo di una moto, che l’hanno fatta scendere dal mezzo, l’hanno picchiata colpendola con un tubo di gomma e afferrandola per i capelli. La Garufi è stata accompagnata al pronto soccorso dell’Ospedale Umberto I, dove sono accorsi subito il comandante della Polizia municipale e una pattuglia di vigili urbani, poi, acquisito un referto medico con una prognosi di 15 giorni, il funzionario si è recato in questura per presentare la denuncia relativa al grave fatto. “Si è trattato di un’aggressione in piena regola – ha dichiarato il commissario straordinario del Comune di Siracusa Giacchetti - ancor più vile perché rivolta contro una donna sola mentre si recava a svolgere il proprio dovere. Un’aggressione incivile e che non può trovare giustificazione alcuna”. Unanimi gli attestati di solidarietà che stanno provenendo da tutte le parti politiche, peraltro impegnate in una campagna elettorale tutto sommato ancora corretta, che non faceva certo presagire azioni di questo genere. Speriamo si tratti di un gesto isolato, ma certo le modalità dell’agguato da parte di quello che pare un vero e proprio “commando” destano le preoccupazioni degli inquirenti.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 13/05/2013 alle  13:32:30, nella sezione CULTURA,  1208 letture)

teatro grecoPartita la stagione 2013 delle rappresentazioni classiche del Teatro Greco di Siracusa. Una cavea di oltre 4000 presenze ha salutato entusiasticamente sabato scorso l’Edipo Re di Sofocle. Domenica la prima di Antigone, altro capolavoro sofocleo, lunedì la commedia di Aristofane "La Repubblica delle donne". Le tre rappresentazioni classiche si alterneranno fino al 23 giugno, come da cartellone. Ospite d'onore al Teatro Greco di Siracusa alla prima di Edipo re, in apertura del 49° Ciclo, il ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri. Allestimento coinvolgente, dall'imponente scenografia, questo "Edipo Re" per la regia di Daniele Salvo. Ottima prova di Ugo Pagliai che è il vecchio Tiresia, bravo il protagonista Daniele Pecci, applausi per tutto il cast. La tragedia narra la vicenda di Edipo, figlio di Laio e Giocasta, sovrani di Tebe, su cui pesa il responso di un oracolo secondo il quale, cresciuto, ucciderà il padre e sposerà la madre. Una tragedia che si inserisce nel cosiddetto ciclo tebano e narra del destino di un re carismatico ed amato che in un solo giorno viene a conoscenza del suo tragico passato: senza saperlo ha ucciso il proprio padre e sposato la propria madre, con la quale ha generato inoltre dei figli. Sconvolto da queste rivelazioni, che fanno di lui un uomo maledetto dagli dei, Edipo reagisce accecandosi, perde il regno di Tebe e va in esilio.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 13/05/2013 alle  12:54:11, nella sezione ARTE,  795 letture)

In corso fino al 30 maggio presso la Galleria Quadrifoglio, in via dei SS. Coronati a Siracusa, la mostra collettiva “Seven” che presenta le opere di sette artisti: Francesco Bertrand nato nel 1963 che dal 1990 collabora con la Galleria Quadrifoglio con la quale partecipa a manifestazioni di livello nazionale ed europeo. Angelo Cortese nato a Siracusa nel 1941 che ha insegnato decorazione pittorica presso l'Istituto Statale d'Arte di Siracusa e di Catania. Arianna Lion nata a Finale Ligure che insegna "Discipline plastiche" presso l'Accademia di Belle Arti di Brera. Sesto Mammana (nella foto) nato a Siracusa nel 1946 dove vive e opera. Dopo regolari studi artistici presso il locale Istituto d'Arte, si è dedicato alla pittura e all'architettura d'interni. Pietro Marchese nato a Siracusa nel 1977 diplomato presso l'Istituto d'Arte della sua città e che nel 2001 ha acquisito il diploma di Scultura presso l'Accademia di Belle Arti di Carrara. Lucia Ragusa nata a Catania dove ha compiuto i suoi studi all'Accademia di Belle Arti. È docente di Decorazione e Scultura presso l'Accademia di Belle Arti e Restauro "Abadir" di Catania. Filippo Sgarlata nato a Siracusa nel 1944. Ha studiato presso l'Istituto d'Arte di Siracusa dove ha conseguito il diploma di Maestro d'Arte. Dal 1970 ha iniziato la sua attività artistica partecipando a rassegne nazionali ed internazionali

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 13/05/2013 alle  12:35:35, nella sezione ARTE,  1094 letture)

Continua fino al 2 giugno la mostra "Blue&Scraps" alla Galleria Spazio 30 di Siracusa, evento che vede protagonisti i due noti artisti contemporanei il siracusano Emanuele Vittorioso e l’americano Kraser (nella foto col direttore di Dioramaonline). Coetanei, ma di origine e stile diversi, separati da un migliaio di chilometri, incrociano la loro carriera artistica contraddistinta dal gusto di "fare arte" come scelta di vita cercando linguaggi e forme sempre nuovi. Vittorioso incontra Kraser un anno fa a Milano, città che li lega entrambi, humus fertile di arte e cultura: da qui l'idea di un'esposizione insieme a Siracusa.

Scrive sui due Daniela Piazza: “Kraser, artista originale ed interessante della scena contemporanea internazionale, costruttore di mondi incredibili, condotti con l'uso sapiente della tecnica che rende il suo spazio pittorico una lente visibile su ciò che è invisibile. mostra kraserCreatore del suo personalissimo mondo dentro il quale imprigiona lo sguardo dell'osservatore che si perde nel surreale conferendo un aspetto magico molto forte. Vittorioso, artista informale che mira al superamento degli aspetti puramente visivi per attingere dalla totalità dell'esperienza concreta e pulsionale esprimendo le proprie energie creative in un immaginario eterogeneo dal quale si può estrarre la linfa vitale. Le sue opere diventano qualcosa di più di un quadro oggetto: parlano, raccontano, cantano la vita. Veicolo espressivo in progress con sconfinamenti, interferenze, connessioni, empatie espresse con dinamismo e attraverso un continuo rinnovamento che garantiscono una visione di f1uidità e freschezza di pensiero. Sarà un'esperienza davvero insolita poter compiere un viaggio attraverso la mescolanza delle due visioni artistiche apparentemente diverse, ma legate da una condivisa passione per la street art. C'è un punto di contatto nel loro modo di dipingere, ora reso esplicito ora lasciato solo intravedere e immaginare che sicuramente ci stupirà”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Luca Raimondi (pubblicato il 12/05/2013 alle  14:53:50, nella sezione CULTURA,  1411 letture)

roberto alajmoSi è tenuto stamani nel centro storico di Ortigia a Siracusa, presso il Biblios Cafè di Luisa Fiandaca, l’incontro con Roberto Alajmo: introdotto da Mario Fillioley (entrambi nella foto a destra), lo scrittore e giornalista ha presentato il suo nuovo libro, edito da Mondadori, “Il primo amore non si scorda mai anche volendo”. Alajmo, nato a Palermo nel 1959 e che a Palermo “insiste a vivere”, è autore di numerosi altri volumi: "Almanacco siciliano delle morti presunte" (edizioni della Battaglia, 1996) ; "Le scarpe di Polifemo" (Feltrinelli, 1998) ; "Notizia del disastro" (Garzanti, 2001), col quale ha vinto il premio Mondello. Con Mondadori nel 2003 ha pubblicato il romanzo "Cuore di Madre", finalista ai premi Strega e Campiello. Nel 2004 è uscito "Nuovo repertorio dei pazzi della città di Palermo" e nel 2005 il romanzo "È stato il figlio", finalista al premio Viareggio e vincitore del SuperVittorini e SuperComisso. Dal libro è stato tratto l'omonimo film con Toni Servillo diretto da Daniele Ciprì. Il suo ultimo romanzo, pubblicato da Mondadori nel 2008 si intitola "La mossa del matto affogato". Con Laterza, ha pubblicato i saggi: "Palermo è una cipolla" (2005); "1982 - Memorie di un giovane vecchio" (2007); "L'arte di Annacarsi - Un viaggio in Sicilia" (2010); "Tempo Niente" (2011); "Arriva la fine del mondo (e ancora non sai cosa mettere)" (2012). Per il teatro: "Repertorio dei pazzi della città di Palermo", "Centro divagazioni notturne" e il libretto dell'opera "Ellis Island", per le musiche di Giovanni Sollima.

Il suo ultimo lavoro è una sorta di catalogo dei ricordi d’infanzia che lo scrittore ha voluto redigere spaventato dall’idea di perdere la memoria e, dunque, se stesso. Una specie di “romanzo di formazione”, in cui è ripercorsa una giovane vita compresa tra il primo ricordo e il primo bacio, in cui la memoria individuale si sovrappone a quella collettiva, sottolineando, in un certo senso, come i nostri ricordi personali non sono mai davvero soltanto nostri ma sono condivisi con un’intera generazione, pur con le inevitabili differenze geografiche (alcune esperienze dei bambini siciliani saranno difficilmente condivise con quelle dei bambini di altre regioni). Il libro di Alajmo utilizza uno stile asciutto, quasi scarnificato (sembra quasi aver abolito avverbi e aggettivi dalle sue frasi),a ma riesce nell'intento di intrattenere e divertire con controllata ironia.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 11/05/2013 alle  09:17:35, nella sezione CRONACA,  855 letture)

via ponenteMimmo Di Franco ci scrive: “Ho seguito per tanto tempo l’iter burocratico amministrativo della concessione d’uso dal Demanio al Comune riguardante il segmento di strada da asfaltare relativo al prolungamento della via Marina Ponente, per unire ideologicamente la circonvallazione dell’isola, entrando dalla Porta spagnola per uscire dal ponte Federico senza attraversare il centro storico. Finalmente sono iniziati i lavori alcuni giorni orsono ma, ahimè, da informazioni sul posto, pare che i lavori siano terminati a metà. Nessuna colpa da attribuire alla Commissione prefettizia, per carità, che è fuori da questo pasticcio poiché l’iter era cominciato nel 2008, con un progetto che prevedeva la costruzione della strada, compresa l’illuminazione. Man mano che gli anni passavano, diminuivano i soldi a disposizione e di conseguenza i lavori da fare. ponente 2La determina che era di 148 mila euro circa, prevedeva l’asfaltatura della strada per 7 metri di larghezza, con un marciapiede, inoltre pare che sarebbe stato utilizzato il ribasso d’asta come finanziamento per ultimare i lavori per intero, compresa l’illuminazione. Purtroppo il ribasso d’asta si può utilizzare solo in casi di varianti progettuali, e questo non è il caso, quindi, queste sono consentite nei soli casi previsti dall’art. 132 del DLgs 163/06 e non possono modificare sostanzialmente il progetto originario e, in linea generale, devono essere determinate da eventi non noti o non prevedibili nella fase progettuale. A questo punto,si dovrà fare un’altra gara d’appalto per il completamento dell’opera di asfalto e di illuminazione? Si confida nella Commissione affinché, dopo tanta attesa, questa trazzera si possa chiamare interamente strada”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 08/05/2013 alle  14:46:55, nella sezione CRONACA,  805 letture)

GIANNI BRIANTEIl presidente del CENACO Akradina di Siracusa, Franco Veneziano, ha comunicato di aver iniziato un giro di consultazioni coi candidati sindaci: il primo è stato Gianni Briante (nella foto) incontrato il 7 maggio. La delegazione del Cenaco Acradina Grottasanta è stata accolta da Gianni Briante nella sede dell’affollato comitato elettorale di viale Tica. Una vecchia conoscenza del Cenaco, quella di Gianni Briante, che in tempi non sospetti, da tre anni almeno, ha avuto modo di collaborare fattivamente col Cenaco Acradina Grottasanta, sia come programmazione di eventi sia come addobbo floreale dell’area Tisia. “Mi è sembrato più che doveroso ascoltare il Cenaco e i commercianti siracusani. – ha esordito Gianni Briante - Da sempre ho ritenuto che l’attività commerciale ha bisogno di tutto il supporto della politica. Dunque, sono pronto, da sempre, ad ascoltare i commercianti, le loro lagnanze e i loro propositi. Ricordo a tutto, che tempo addietro, ebbi modo di presentare una mozione contro la realizzazione del centro commerciale di contrada Spalla. Figuriamoci quindi se non sono al fianco dei negozi di vicinato”.

Il programma di Briante è pronto così ad accogliere le istanze di tutte le associazioni, comprese quelle esposte dal Cenaco. “Non avendo interlocutori certi (in riferimento agli altri candidati sindaci) – ha detto Briante – ho preferito presentare per ultimo il mio programma elettorale, lo farò in concomitanza con la chiusura delle liste, tra qualche giorno. Anticipo soltanto che il Cenaco rientra sicuramente tra i miei obiettivi programmatici, e sarò ben lieto di intestarmi la lotta contro le tasse comunali, il suolo pubblico, e la spazzatura”.

Ma come evidenziato dal presidente Veneziano, i problemi Cenaco non finiscono qua. Dando uno sguardo alla lettera aperta indirizzata a tutti i candidati sindaci, ci sono 500 attività commerciali nell’area Tisia che chiedono alla politica locale, da tempo, maggiore attenzione verso i quartieri di periferia, ridotti sempre più a dormitorio pubblico. “Abbiamo necessità di un punto di riferimento certo – ha detto Veneziano – dunque di un sindaco attento e sensibile e che sappia interloquire con un certo vigore con la Regione. A nostro avviso, il Comune deve diventare un canale preferenziale per la comunicazione diretta col governo siciliano, che si faccia promotore di un tavolo di concertazione sul turismo, industria, commercio, artigianato. Un Comune che sia in grado di riprendere in mano la situazione in sospeso relativa al PUC (Piano Urbano Commerciale) e al PUT (Piano Urbano Traffico) e che dia impulso ai mercatini rionali, al progetto di riqualificazione urbana dell’area Cenaco, per il quale sono previsti sei milioni di euro, che sia in grado di regolamentare l’ambulantato selvaggio cosi come la cartellonistica abusiva, e che intervenga sul caso “caro affitti”, sulla annosa vicenda Serit e che contribuisca al dialogo con le banche per l’accesso al credito agevolato”. Il Cenaco Acradina Grottasanta incontrerà nei prossimi giorni gli altri candidati sindaco a cominciare dal candidato di Progetto Siracusa, Ezechia Paolo Reale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 06/05/2013 alle  20:04:46, nella sezione CRONACA,  1152 letture)

scoutAnche Siracusa adotta il sistema “scout” per il rilevamento delle infrazioni al codice della strada. Si tratta di telecamere installate a bordo di auto dei vigili urbani che riprendono le auto in divieto di sosta o in doppia fila o che, comunque, compiono infrazioni di qualsiasi genere che non vengono contestate subito come nel sistema tradizionale del verbale di contravvenzione elevato dal vigile in carne ed ossa, ma le relative multe vengono fatte pervenire al domicilio del proprietario dell’auto individuato a mezzo targa. Multe sostanziose e magari, a seconda della gravità dell’infrazione, una notifica di sottrazione di punti dalla patente.

Questa modalità per l'elevazione delle contravvenzioni pare sia legittima, visto che è stata adottata in varie città (ad Augusta è in funzione dal dicembre 2012), ma fioccano i ricorsi da parte dei cittadini contro questo tipo di sanzioni, proprio per la mancata contestazione del vigile.

Oltre al ricorso allo stesso comando dei vigili urbani “in autotutela”, gli utenti possono presentare ricorso al giudice di pace o al prefetto per evitare abusi o errori. Ed è bene che i comuni tengano conto dei limiti del sistema elettronico e della possibilità concreta di errori, visto che la soccombenza in giudizio potrà gravare sulle casse comunali con la condanna alle spese.

Ad Augusta per esempio dove mancano parcheggi, corsie preferenziali e un Piano del traffico, lo scout è già considerato più un modo per punire gli automobilisti senza offrire servizi che un sistema per l'educazione stradale o ancor meglio solo un sistema per rastrellare risorse a danno dei cittadini. Ad Augusta è stato già sperimentato che una multa per divieto di sosta costa il 37 per cento in più di quanto previsto dal codice a causa delle spese di notifica, piuttosto consistenti anche perché l’amministrazione comunale uscente, quella sciolta in odore di infiltrazioni malavitose, decise di usare una ditta privata per notificare le contravvenzioni elevate con il sistema “scout”. Passa l’auto dei vigili equipaggiata con l’occhio elettronico, il software rileva automaticamente l’auto che “trasgredisce”, e la multa è fatta. Poi la multa arriva direttamente a casa. Solo che, oltre la sanzione, bisogna anche pagare 10 euro e 50 della raccomandata, più 5 euro per le spese di notifica, che non vanno a rimpinguare le esauste casse comunali, ma vanno a una ditta privata cui il Comune ha affidato il servizio di notifica delle contravvenzioni. Così ad Augusta la multa per divieto di sosta non viene a costare i 41 euro previsti dalla legge, bensì 56 euro e 50 centesimi. Un ulteriore balzello a carico dei cittadini che ora con l’adozione dello scout a Siracusa riguarderà anche i siracusani.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 06/05/2013 alle  16:39:28, nella sezione CINEMA,  876 letture)

Diego Mondella raduna un gruppo di autori (Della Casa, Giusti, Zagarrio, Spagnoletti, D’Agostini, Zanello, Chiesi, Cotroneo, Caldiron, Rossi, Monetti, Marelli, Savatteri, Dottorini, Cairola, Bajani, Abbate) per realizzare un’antologia di scritti finalizzati a ricordare Elio Petri, cineasta impegnato ingiustamente sottovalutato dalla critica. Ne viene fuori "L'ultima trovata-Trent'anni di cinema senza Elio Petri": un buon testo, con tutti i limiti dei lavori antologici, poco uniformi e frammentari, ma che ha il suo punto di forza in un interessante apparato di interviste agli amici e in una stupenda conversazione tra Elio Petri e Dacia Maraini. Degni di nota il capitolo "Eliopensiero" e una completa filmografia. Il libro ci fornisce lo spunto per parlare di un regista da noi sempre amato e sul quale abbiamo scritto qualcosa a proposito di Un tranquillo posto di campagna, Il maestro di Vigevano e Todo modo.

Elio Petri (Roma, 1929 - 1982), cinefilo sin da giovane, appassionato frequentatore di cineclub, comincia a occuparsi di politica seguendo le convinzioni della sinistra parlamentare. Unisce le due passioni quando assume l’incarico di critico cinematografico per L’Unità e subito dopo inizia una fruttuosa attività di sceneggiatore e aiuto regista a fianco di Giuseppe De Santis. Il soggetto di Roma ore 11 (1952) deriva da un’inchiesta giornalistica del futuro regista, convinto sostenitore del neorealismo nel periodo 1940 - 1960, poi transfuga verso un cinema meno sovietico e più attento alle esigenze del pubblico. Ricordiamo Elio Petri sceneggiatore di lavori popolari come L’impiegato (1959) di Gianni Puccini e I mostri (1963) di Dino Risi. La prima prova dietro la macchina da presa è L’assassino (1961), un thriller anomalo che racconta l’omicidio dell’amante di un antiquario e la relativa indagine poliziesca, ma il vero scopo del regista è quello di analizzare la mediocrità umana e l’ambiente in cui viviamo.

Il debutto di Elio Petri mostra un cineasta padrone del mezzo espressivo dopo un apprendistato fatto di documentari, critica, sceneggiatura e aiuto regia. Regista impegnato ma votato ad accettare le regole produttive, consapevole che si possa far trapelare messaggio e ideologia anche attraverso la struttura di un giallo. Il suo tema portante sarà quello dell’alienazione dell’uomo contemporaneo all’interno di una società che uniforma e banalizza.

I giorni contati (1962) è ancora più esplicito nel narrare la voglia di fuga dall’omologazione, da un quotidiano sempre uguale che annichilisce e distrugge la creatività. Il protagonista scopre sin dalla prima sequenza di avere i giorni contati perché vede un morto in autobus. Elio Petri subisce l’influenza della nouvelle vague, ama raccontare i problemi che affliggono la società contemporanea, gira anche cinema di genere ma solo per trasmettere un messaggio politico. Da questo film Petri comincia a fare uso del piano sequenza secondo la lezione di Antonioni, modificando il montaggio e inserendo nuovi elementi visivi e sonori che rappresentano la sua cifra stilistica. I tempi cominciano a essere dilatati, i gesti quotidiani del protagonista sono ripresi con attenzione. Il maestro di Vigevano (1963), interpretato da Alberto Sordi, tratto da un romanzo di Mastronardi, è un buon lavoro commerciale, come Peccato nel pomeriggio, episodio di Alta infedeltà (1964), girato con Salce, Monicelli e Rossi. La decima vittima (1965) è cinema fantastico allo stato puro, sceneggiato da Flaiano, Guerra e Salvioni sulla base del racconto di Robert Sheckley, girato all’Eur e interpretato da un ottimo Marcello Mastroianni. L’alienazione è sempre in primo piano in una società del futuro dove il potere mediatico mette in scena squallidi giochi al massacro. Petri comincia a collaborare con Gian Maria Volontè, che diventa il suo attore di riferimento a partire da A ciascuno il suo (1967), una pellicola contro la mafia tratta dal romanzo di Leonardo Sciascia. Ugo Pirro diventa il suo sceneggiatore di fiducia e ne condizionerà la poetica futura. In questo periodo Elio Petri studia la condizione dell’uomo nella società contemporanea, anche se nella pellicola Un tranquillo posto di campagna (1968) la riflessione è limitata alla figura dell’artista che non trova tranquillità nel mondo circostante. Altri temi prediletti da Petri sono il rapporto tra uomo e autorità, configurata nel datore di lavoro che aliena l’operaio e lo conduce verso la follia, ma anche nella giustizia che assolve sempre se stessa. La vita politica italiana diventa il nodo centrale del suo cinema e una visione critica del sistema accompagna uno stile che diventa sempre più ermetico.

Petri gira pellicole importanti come Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto (1970) - Oscar per il miglior film straniero - e La classe operaia va in Paradiso (1971) - Palma d’Oro a Cannes. Le pellicole del registra romano sono raffinate, colte, ridondanti e fin troppo intellettuali, ma riescono a mantenere un equilibrio grazie alla valida denuncia sociale e alla recitazione di Gian Maria Volontè. La denuncia antigovernativa di Elio Petri perde forza con gli ultimi lavori, a partire da La proprietà non è più un furto (1973), film molto politico, confuso e di complessa interpretazione, sia per lo stile con cui è girato che per una recitazione teatrale molto sopra le righe. Todo modo (1976) è la trasposizione di un altro romanzo di Sciascia, ma è girato secondo un registro grottesco che ne stempera la forza polemica di denuncia nei confronti del potere. Ricordiamo Ciccio Ingrassia in un’intensa parte drammatica e Gian Maria Volontè nei panni di un uomo politico molto simile ad Aldo Moro. Gli ultimi lavori di Petri sono il televisivo Le mani sporche (1979), tratto da un lavoro di Sartre, e Buone notizie (1979), un atto di accusa intriso di pessimismo contro il potere dei media. Il cinema di Elio Petri è stato spesso accusato di eccessivo intellettualismo, di ermetismo e di scarsa concessione allo spettacolo per inseguire un discorso politico. Resta comunque un cinema importante in un panorama di scarso impegno che caratterizza i nostri anni Settanta cinematografici, perché ha saputo mettere il dito nella piaga e denunciare i mali di un Paese ostaggio della mafia e di una classe politica corrotta. Non solo. Si tratta di un cinema ispirato da molti autori del teatro dell’assurdo, gente come Ionesco, Beckett, Borges e Sartre, caratterizzato dal suo essere antirealista, se non addirittura iperrealista e surreale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 05/05/2013 alle  10:14:56, nella sezione CULTURA,  1226 letture)

13 maggioL'11 maggio del 1943 arrivò nella rada di Augusta una nave cisterna per rifornire di combustibili gli idrovolanti e gli aerei tedeschi di base a Comiso e a Catania. Questo arrivo provocò la reazione degli alleati anglo-americani che precedentemente avevano bombardato sporadicamente la città e invece il 13 maggio intensificarono il bombardamento sulla zona abitata di Augusta anziché colpire la nave-cisterna o le navi militari. Quel giorno c'era foschia ed i bombardieri volavano ad alta quota, quindi la contraerea poté fare ben poco per la difesa della città. Questo attacco provocò la morte di 62 persone e molti feriti. I danni al patrimonio furono ingenti. Si chiede ai componenti della Commissione di Storia Patria, del Museo della Piazzaforte, degli Enti con esperienza in materia e ai rappresentanti delle forze politiche, di promuovere presso la Commissione Prefettizia una iniziativa significativa per i cittadini augustani: l’intitolazione di una strada del centro storico di Augusta a questa data fatidica creando una "Via 13 Maggio", per ricordare questa giornata storica di lutto cittadino.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 05/05/2013 alle  10:10:59, nella sezione CRONACA,  884 letture)

giudice di pace fotoSulla chiusura di tanti uffici pubblici strategici che sta avvenendo nel comune di Augusta registriamo l’opinione di un cittadino attento come Mimmo Di Franco, che ci scrive: “Mi sono sorpreso questa mattina, leggendo sulla stampa, che anche gli uffici del giudice di pace lasciano Augusta trasferendosi a Siracusa. Il motivo di quest’altra perdita di uffici pubblici, nel Comune di Augusta, è da attribuire alla mancata partecipazione dei comuni di Priolo e Melilli nel dividersi le spese di gestione degli uffici, affitto locale e del personale. Considerata la situazione economica del Comune e non potendosi caricare da solo le spese, giacché la legge sul riordino della giustizia, come nel campo sanitario, imponeva la riunificazione degli uffici per la diminuzione dei costi, dopo varie riunioni e colloqui con gli Enti interessati, si è giunti a questa decisione. Questo vuol dire andare a Siracusa anche per fare ricorso per una multa stradale, con spese ulteriori sia per il cittadino che per il Comune. Lo Stato, per evitare la chiusura, aveva invitato i Comuni a consorziarsi accollandosi le spese, dando una scadenza ben precisa. Inoltre, anche gli uffici del tribunale dislocati a Meccano 2 vicino l’hangar saranno trasferiti, per lo stesso motivo, poiché i procedimenti pendenti sono stati assegnati al tribunale di Siracusa. A questo punto lo Stato è assente ad Augusta come presidio di giustizia. La domanda nei cittadini nasce spontanea: se ad Augusta il Consiglio Comunale è stato sciolto per mafia, perché lo Stato abbandona la trincea anziché rafforzarla? Oppure le motivazioni sono altre, facendo l’equazione: se nel triangolo della morte, Priolo-Melilli-Augusta, si muore di cancro con alta percentuale, l’ospedale a che serve? Se ad Augusta per tantissimi anni ci sono stati amministratori incapaci di gestire la cosa pubblica e mafiosi, che senso ha tenere un tribunale e un ufficio di giudice di pace?”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 03/05/2013 alle  11:35:46, nella sezione CULTURA,  903 letture)

locandina presentazione siracusanaOggi alle 18.30 si terrà in Ortigia, presso la Galleria Roma Arte Contemporanea in piazza San Giuseppe, la prima presentazione siracusana del romanzo di Luca Raimondi “Se avessi previsto tutto questo. In cerca d’amore nella Catania di fine millennio”, edito dalle Edizioni Il Foglio, la cui collana di narrativa è diretta dallo scrittore, saggista e traduttore toscano Gordiano Lupi. Il romanzo è stato definito dallo scrittore Roberto Alajmo “un’epopea quotidiana tardo-adolescenziale in cui l’amore e l’amicizia sono i valori da esaltare e (occasionalmente) tradire”. Relatori dell’evento saranno il professore Luigi Amato (ordinario di Estetica presso l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria) e il direttore artistico del Cine Aurora di Belvedere e del Floridia Film fest, il giovane Renato Scatà, scelta quest’ultima dettata dall’amore per il cinema da sempre manifestato da Raimondi (in passato anche regista e sceneggiatore, curatore di sei edizioni del “Corto Siracusano Film Festival” e di numerosi saggi sull’argomento). L’attore Giuseppe Cottone, già presente in alcuni cortometraggi diretti da Raimondi, leggerà alcuni brani del romanzo. Dopo la partecipazione ad “In-chiostro letterario”, manifestazione benefica tenutasi ad Acireale lo scorso 13 aprile, riprende dunque il mini-tour di presentazione del volume che toccherà anche Ragusa (il 10 maggio presso Le Fate Cafè), Catania il 17 maggio (presso la Feltrinelli Libri & Musica di via Etnea) e, a giugno, Augusta e Pedara (CT).

Questa, in sintesi, la trama del romanzo: Carlo Piras, studente all'Università di Catania, vive i suoi diciotto anni incastonati nella metà degli anni '90. È qui che Carlo spera di trovare nuovi amici e - forse, magari - il grande amore. Attorno a lui il mondo si muove contromano, però. Le lezioni lo lasciano perplesso, le notti sembrano stordirlo e le ragazze sono enigmi che si muovono su gambe bellissime. Il primo vero scacco coincide col mancato conseguimento della patente, ma è la cugina installata in casa a destabilizzare Carlo, che comincia a fare i conti col proprio passato di ragazzo e col futuro da uomo. L'insonnia morde, la solitudine divora. I suoi comici e a volte drammatici tentativi di conquistare le ragazze di cui si innamora rivelano la sua inadeguatezza alla vita. L’inadeguatezza, forse, di un’intera generazione. Il blog del romanzo è www.seavessiprevisto.blogspot.it.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 30/04/2013 alle  15:12:54, nella sezione CRONACA,  1082 letture)

palazzo ex essoRiceviamo e pubblichiamo una nota di Mimmo Di Franco: “Si ritorna a parlare di edifici abbandonati e inutilizzati che deturpano il decoro urbano, minano l’incolumità delle persone e sono ricettacoli di rifiuti e animali. Un tavolo tecnico per discutere di questo tema, considerando la crisi occupazionale e trovando la soluzione, sarebbe un modo per rimettere in moto l’economia edilizia con gli effetti collaterali positivi. Si citano i casi più clamorosi che sono: il biglietto da visita all’ingresso di Augusta in via Umberto angolo via C. Colombo dove da tantissimi anni insiste un pianoterra, con tetto in eternit, abbandonato, l’ex cinema Kursaal che domina gli abbandonati giardini pubblici, l’ex cinema Impero, l’ex macello comunale, la ricetta di Malta oltre alle tante case private con porte e finestre murate e senza tetto. Tra questi edifici risalta, in via X Ottobre, un immobile abbandonato da oltre un decennio (nella foto), ricettacolo di immondizia e animali. Inizialmente, molti anni fa, tale edificio fu utilizzato dalla Esso come foresteria, successivamente, passato di proprietà alla Marina Militare, fu utilizzato per alcuni anni come uffici. In seguito la Marina Militare non ha più ritenuto opportuno utilizzare tal edificio, avendo costruito delle palazzine all’interno del recinto militare, in zona Comando Marina a Terravecchia e nella vecchia Darsena. A tal proposito ci si chiede se non sia opportuno che il Comune verifichi la necessità di rilevare tale struttura e utilizzarla per le proprie necessità. Il sito, essendo di proprietà dello Stato, potrebbe far evitare spese di affitti al Comune, oppure pagandolo direttamente allo Stato, ci sarebbe un giro conto. Per il momento molti uffici pubblici sono dislocati in vari siti privati, tra l’altro arretrati nei pagamenti, considerati i debiti e la mancanza di liquidità del Comune. Sicuramente la Marina Militare cederebbe volentieri tale struttura, poiché sarebbe oneroso pagare l’IMU e la TARSU per un immobile non utilizzato che comunque deve essere ripulito dalle erbacce e rimesso in sicurezza”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 29/04/2013 alle  19:18:36, nella sezione ARTE,  1088 letture)

kraser 1La Galleria Spazio 30 di Siracusa presenta l’11 maggio una mostra d’arte in “tandem” dei pittori Kraser, uno street artist spagnolo attento ai dettagli, tecnicamente perfetto, che ha scelto di comunicare in modo forte e chiaro le sue idee, e l’italiano Emanuele Vittorioso.

Kraser Tres (nella foto) è molto noto negli ambienti artistici e affronta tematiche fantastiche nelle quali protagonisti sono gli animali: aquile, scimmie, elefanti, salamandre.

Per la verità si potrebbe dire che egli rappresenta l’essere umano attraverso scene o sentimenti di altri esseri viventi, perché ritiene che l’uomo non sia differente dal resto degli animali, anzi ha molto in comune con essi ed abitualmente si comporta come loro. Per questo motivo le figure, i personaggi delle sue tele sono, alla fine, la fusione tra animali e frammenti umani e si comportano come umani come gli umani si comportiamo da animali.

Kraser foto“L’ Italia come la Spagna - dice l’artista in una intervista rilasciata - sono paesi mediterranei che hanno le loro piccole differenze ma hanno molto di più in comune, persino la lingua è molto simile. Con riferimento all’arte, in questi due paesi c’è ancora una mentalità estremamente classica e la “street art” non è ancora vista come un movimento classico. Oggi incontro paesi nei quali è molto interessante lavorare, come Stati Uniti, Germania, Inghilterra. La realtà è che ogni città è buona per lasciare un segno della mia arte. Io sono cresciuto con l’arte del Graffiti e per molti anni mi sono mosso in questo circolo ed evidentemente questo mi ha molto influenzato. Sono anche un amante dell’arte classica, concettuale, ecc…e anche questo mi ha influenzato abbastanza. Il periodo che più mi piace è quello attuale, ci sono molti grandi artisti in tutto il mondo che fanno un lavoro eccezionale, qualunque sia il loro genere. Anche se esiste questa libertà così grande di lavoro ed espressione per realizzare cose geniali, si possono tuttavia vedere lavori di “artisti consacrati” che realizzano schifezze che vengono considerate arte e questo non mi piace”.

Parlando di Kraser bisogna sapere che è sulla scena di diverso tempo, lo Street Artist spagnolo ha iniziato la sua attività da giovanissimo, dimostrandosi all’altezza e soprattutto padroneggiando abilmente la bomboletta. Partito come graffiti artist il suo percorso si è poi evoluto con l’approdo a nuove forme di espressione all’interno delle quali ha sperimentato ed evoluto la propria concezione di arte. In questo inizio d’anno Kraser è tornato a lavorare su parete e direttamente nella sua Cartagena, ultimamente presa d’assalto dagli artisti spagnoli, dove ha proposto splendide pitture nelle quali il blu la fa da padrone e tutto l’intricato e inconfondibile stile dell’artista spagnolo emerge nella sua grandezza. Nelle sue opere c’è una grande attenzione al dettaglio: questo è un piccolo valore aggiunto che viene offerto alla persona che viene a vedere i suoi lavori, siano essi in una galleria d’arte che in strada.

Emanuele Vittorioso, l’altro espositore, è un artista concettuale anch’egli proveniente da quel mondo di writer, rapper e street artist che per molti giovani sono i diversi modi di fare arte, di riappropriarsi delle architetture urbane e di raccontare le loro storie. Un’arte pubblica, che preferiva stare fuori dai musei, visibile in strada o che dalla strada nasce, ma che oggi entra in Galleria, allo Spazio 30 di Siracusa fino al 2 giugno.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 28/04/2013 alle  14:50:24, nella sezione ARTE,  833 letture)

giusy novelloE’ alla sua prima personale Giusy Novello, artista pachinese che ha compiuto i suoi studi presso l’Istituto Statale d’Arte di Siracusa, la cui pittura è basata prevalentemente sul gesto e sul colore, elementi unificati dal collante delle sue personalissime emozioni. La mostra è ospitata presso la Galleria Roma di Siracusa dove è stata inaugurata il 27 aprile. La radice di questa artista è chiaramente mediterranea, tendendo a una ricerca sapiente ed elaborata nel campo della sintesi, in cui il dato pittorico viene filtrato attraverso l’interpretazione e la creatività e viene trasmesso con il mezzo filologico più congeniale al suo carattere. La pittrice utilizza larghe pennellate, a volte compie guizzi e tocchi fuggevoli e nervosi con tocchi cromatici che si affiancano, si sovrappongono, si amalgamano e si stendono sulla superficie della tela. Nella sua tematica sono presenti personaggi della tradizione siciliana, ma filtrati da un’anima che cerca ancora se stessa, immagini che cercano nuove avventure visive e descrittive, che seguono i percorsi della fantasia, che toccano miti e leggende. Una ricerca basata su una impaginazione spaziale dominata da una gamma cromatica che crea forza e profondità, inventando masse formali che fanno entrare l’osservatore dentro il quadro, dentro una pittura praticata per determinare uno stimolo ottico di ordine psicologico, un’espressione artistica quanto mai contemporanea e per niente superata dalle ultime esperienze nel campo delle arti visive, anzi in linea con esse. La mostra resterà aperta fino al 7 maggio.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/04/2013 alle  09:07:17, nella sezione EVENTI,  1058 letture)

TOLOKIN 1Si è svolto il 24 e 25 aprile 2013 presso la sede del Centro Studi MURO di Siracusa, in via Dione 21, il seminario sul tema "Respiro di Vita", tenuto da Oleg Tolokin, spiritualista e sensitivo russo, psicologo professionista, direttore dell’Associazione Sociale Internazionale di Beneficenza «Collaborazione», in questi giorni ospite della città di Siracusa. Il seminario è stato organizzato dall’Associazione INFORUM Europa e vi hanno partecipato numerosi appassionati provenienti da tutta Italia e dall’estero, richiamati dalla fama internazionale del maestro Tolokin. “Viviamo per imparare a vivere meglio. – ha detto Tolokin - Se una persona apprende come risolvere i suoi problemi, poi non ha più nulla da fare su questa terra e sarà il momento di prepararsi a un mondo migliore. Il nostro mondo è per sua natura vibratorio. Viviamo secondo le leggi della risonanza. Ognuno di noi emette una vibrazione. TOLOKIN 2Perché siamo attratti da un certo gruppo di persone con le quali ci sentiamo piacevolmente a nostro agio? Perché le loro vibrazioni coincidono con le nostre. Quando non c’è questa risonanza, le persone non si capiscono l'un l'altre, hanno difficoltà a comunicare fra di loro. Le migliori qualità creano pensieri belli e puri che facilmente e immediatamente si realizzano”. Sulle guarigioni prodigiose che si possono ottenere Tolokin dice: “Un miracolo lo può vedere solo chi è preparato per questo. Non c'è niente da dimostrare a nessuno. Ciò deve essere sperimentato. Meglio non rifiutare niente, fino all’acquisizione di una certa esperienza. Questo non significa che dobbiamo credere ad ogni sciocchezza, ma è necessario raccogliere informazioni, anche se sembrano inverosimili, ed estrarre da esse la verità, se volete capire il mondo e voi stessi”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Salvo Sequenzia (pubblicato il 23/04/2013 alle  20:18:20, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  799 letture)

Salvo SequenziaIl PD si sta sgretolando perché non esistono più, nella nostra società, le ideologie "forti", legate a motivazioni e ad istanze che hanno caratterizzato la formazione e la vita di queste forme di rappresentanza nel secolo scorso. Viviamo un'età di cambiamento. Ed il cambiamento implica la "crisis". La fine delle grandi "narrazioni" che tenevano unita la sinistra rappresenta la fine dell'ultimo grande partito della storia dell'occidente. Popolari e Socialisti, a Strasburgo, non sono altro che i fantasmi, i "simulacra" dietro cui si celano nebulose di interessi e nuove forme di espressione rappresentativa mosse da valori e da ideali "altri". Gli scenari della politica globale si sono spostati al medio e all'estremo oriente. Nessuno vuole il Mediterraneo quale "omphalos" di civiltà e progresso. Tutt'altro! La depressione programmata di questa parte del mondo sarà la linfa che nutrirà e farà rifiorire, da un lato, la primazia degli stati teutonici, e dall'altro trasformerà il sud dell'Europa e l'Africa nel terreno di pascolo dei cinesi, dei nipponici, degli indiani e dei russi, con la compiacenza degli Stati Uniti. Saremo presto una provincia della periferia dell'Impero mal governata da satrapi asserviti a banche e a multinazionali.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 22/04/2013 alle  14:35:11, nella sezione LIBRI,  786 letture)

SANCHEZ LUPIEsce il 24 aprile il nuovo libro di Gordiano Lupi, “Yoani Sanchez. In attesa della primavera”, edito da Anordest. Yoani Sánchez nell'aprile del 2007 ha creato il blog Generación Y, dove pubblica regolarmente storie di vita cubana, caratterizzate da un tono critico nei confronti del governo. È una delle più influenti voci sulla realtà cubana. Il suo blog è stato bloccato dal 2008 al 2011 agli utenti cubani ed è spesso perseguitata dalle autorità. In Italia, i suoi post sono pubblicati dal quotidiano La Stampa, tradotti da Gordiano Lupi. È stata candidata al premio Nobel per la Pace 2012.

La prefazione del libro è a firma del direttore della “Stampa”, Mario Calabresi, che così si esprime: “Due persone sono state decisive per convincermi definitivamente dell’importanza del lavoro che Yoani Sánchez porta avanti da anni: Barack Obama e il mio barbiere. Nel 2009 Yoani inviò alla Casa Bianca sette domande sul futuro di Cuba, indirizzate al presidente Obama. Una persona qualunque poteva attendersi come replica, al massimo, due righe cortesi di ringraziamento redatte da qualcuno dello staff presidenziale. Passarono invece poche settimane e a casa di Yoani arrivò una risposta scritta di Obama, che si dilungava nel dettagliare la linea della sua Amministrazione nei confronti del regime castrista. «Il suo blog» scrisse tra l’altro il presidente alla Sánchez «offre al mondo una finestra unica per scoprire la realtà della vita quotidiana a Cuba». Il settimanale Time aveva già inserito poco tempo prima Yoani nella lista delle 100 persone più influenti del pianeta. Ma la mossa di Obama significava qualcosa di più, perché faceva della blogger cubana un interlocutore diretto per il governo degli Stati Uniti, un modo per l’America di raggiungere direttamente il popolo cubano. Nel nostro piccolo, noi de La Stampada questo punto di vista avevamo preceduto il presidente americano di diversi mesi, riconoscendo l’eccezionale opportunità di capire Cuba che ci offrivano i racconti di Yoani. Il governo de L’Avana nella primavera 2009 le vietò di partecipare al Salone del Libro di Torino: l’espatrio per Yoani era solo un sogno e sarebbero passati altri quattro anni di battaglie prima che le fosse concesso di avere il passaporto e lasciare l’isola. Visto che il regime all’epoca non la lasciava andare in giro per il mondo e ostacolava in ogni modo il suo lavoro sul web, decidemmo di darle ospitalità sul nostro giornale e su LaStampa.it, diventato la casa italiana del blog Generaciòn Y di Yoani. Da allora, è diventata una di “famiglia” per noi della Stampa, una testimone eccezionale che ci ha aiutato a scoprire la complessa evoluzione delle vicende cubane. Attraverso Yoani, però, sono stati soprattutto i lettori italiani a vivere l’altalena di frustrazioni e piccole e grandi conquiste che caratterizzano la vita quotidiana sotto uno degli ultimi regimi comunisti al mondo. Yoani ha storie da raccontare che colpiscono chiunque, dal presidente degli Stati Uniti alla gente comune. A farmelo capire è stato il mio barbiere. Un giorno sono entrato nel suo negozio, mi sono seduto per attendere il mio turno e sul tavolino in bella evidenza, dove di solito dominano le riviste di gossip, ho visto il libro Cuba Libre di Yoani. «Cosa ci fa qui?», ho chiesto al barbiere. «L’ho comprato perché ero incuriosito dall’autrice» mi ha risposto «e ho scoperto che ci racconta come si vive davvero a Cuba, senza censure. Lo tengo a disposizione dei clienti nella speranza che lo sfoglino, così il tempo che passano nell’attesa serve a qualcosa. Gli ho regalato una finestra su Cuba...». Il mio barbiere a Torino la pensava esattamente come Barack Obama a Washington. E allora buon viaggio con Yoani”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 1601 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (245)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (117)
CRONACA (733)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (346)
LIBRI (205)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi più cliccati

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


18/08/2019 @ 19:02:33
script eseguito in 377 ms