Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 10/11/2013 alle  16:47:54, nella sezione CRONACA,  716 letture)

green italiaPresentato ad Augusta, nel salone di Palazzo Zuppello, il movimento politico ambientalista “Green Italia”, alla presenza di Fabio Granata, Francesco Ferrante e Giuseppe Marano, leader dei Verdi, presentati da Marco Stella che ha nell’occasione ribadito la sua volontà di candidarsi a prossimo sindaco di Augusta. Green Italia intende lanciare una class action regionale “in nome del popolo inquinato” siciliano con il coinvolgimento dei cittadini di Siracusa, Melilli, Augusta, Priolo, Milazzo, Gela e altre aree inquinate, perché vengano accertate una volta per tutte le pesanti responsabilità della grande industria e delle istituzioni regionali e nazionali sulle immissioni inquinanti e velenose degli impianti esistenti, sui controlli compiacenti degli enti pubblici, sui sistemi di sicurezza non a norma e sulle mancate bonifiche. Viene sottolineata la mancanza di sicurezza e di controllo sui dati dell'inquinamento e i gravi rischi per la salute dei cittadini, che vogliono sapere la verità sulle cause e sugli effetti dell'inquinamento ambientale e quel che è ancora possibile fare in relazione alla sicurezza industriale. “Green Italia – ha detto Fabio Granata – intende fare interrogazioni parlamentari anche a tutela di Giuseppe Marano, che è stato citato in giudizio per diffamazione dall’Eni di Milazzo con una enorme richiesta di risarcimento, e ritiene questo fatto preoccupante perché inficia la libertà d'espressione in difesa della salute, dell'ambiente e dei beni comuni”. Ribadito infine il concetto che, venuta a mancare l’applicazione del principio di precauzione, si deve applicare il principio sancito a livello europeo che “chi inquina deve pagare”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 10/11/2013 alle  12:58:52, nella sezione CRONACA,  638 letture)

no muosCon l’ordinanza dell’8 novembre (695/2013), il TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) di Palermo ha accolto la domanda di sospensiva cautelare presentata dal Comitato regionale siciliano di Legambiente sulla vicenda MUOS di Niscemi. Lo annuncia lo Studio legale Giuliano di Siracusa, incaricato, insieme agli avvocati di Legambiente, di rappresentare e difendere in giudizio il Comitato regionale siciliano dell’associazione ambientalista. Nel ricorso contro l’Assessorato regionale del territorio e dell'ambiente ed altri, Legambiente ha chiesto l’annullamento previa sospensione dell'efficacia del provvedimento n. 32513 del 24 luglio 2013, firmato dal Dirigente Generale del Dipartimento dell’Ambiente dell'Assessorato Regionale Territorio e Ambiente, con il quale la Regione siciliana procedeva alla revoca dei provvedimenti di revoca della realizzazione del sistema di comunicazione satellitare della marina militare statunitense, noto con la sigla MUOS (Mobile user objective system), nel territorio del Comune di Niscemi (Caltanissetta). Il TAR ha infatti ritenuto che “la complessità delle questioni prospettate e soprattutto la evidente connessione con altri ricorsi per i quali si è già avuta la fissazione della udienza di merito consenta di ritenere che alle esigenze cautelari prospettate possa darsi adeguata tutela mediante la trattazione della controversia in tale data”. Il comma 10, dell'art. 55, del Codice sul processo amministrativo recita, infatti, che se il TAR “ritiene che le esigenze del ricorrente siano apprezzabili favorevolmente e tutelabili adeguatamente con la sollecita definizione del giudizio nel merito, fissa con ordinanza collegiale la data della discussione del ricorso nel merito”. La fissazione dell'udienza di merito nella stessa data degli altri ricorsi sul MUOS manifesta da parte del TAR un interesse per la trattazione congiunta e una consapevolezza della complessità delle questioni esposte.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 10/11/2013 alle  12:58:12, nella sezione EVENTI,  945 letture)

carcereIl lunedì nel carcere circondariale di Cavadonna vi è l’ora del laboratorio letterario, un appuntamento al quale partecipano una ventina di detenuti. Il lunedì, ma anche il giovedì. Da qualche tempo questa occasione di incontro si è trasformata in un laboratorio autobiografico, in una opportunità per avviare un percorso di consapevolezza di sé attraverso la narrazione della propria vita. E’ così che nasce LUNEDI’, il testo teatrale ispirato e narrato dai detenuti del laboratorio autobiografico del carcere di Cavadonna, facilitati in questo complesso lavoro di riscrittura dal coordinatore del laboratorio, Pippo Ruiz, che è stato insegnante di italiano nel scuole medie di primo grado a Siracusa.

Lunedì prossimo, 11 novembre ’13, alle 11,30, al carcere Cavadonna, si terrà un incontro speciale. Durante l’appuntamento del laboratorio sarà presentato “LUNEDI”, il libro che raccoglie il testo teatrale ed altre testimonianze sull’esperienza educativa e sulle problematiche del sistema carcerario in Italia. All’incontro con i detenuti parteciperanno Pippo Ruiz, Corrado Giuliano, avvocato civilista e sostenitore dell’iniziativa editoriale, Ettore Randazzo, avvocato penalista e autore di un saggio pubblicato nel libro sul tema “Carcere e Costituzione”, Angela Lantieri e Linda Favi, rispettivamente direttore e vice direttore della Casa circondariale Cavadonna ed altri operatori del carcere. Il percorso che “Lunedì” suggerisce non si limita al racconto della vita del gruppo dei detenuti. E’ molto di più. “Narrarsi – si legge nel testo teatrale – significa guardarsi dentro, accettare la responsabilità di quello che si è stati, che non è possibile cambiare, e nel momento in cui lo accettiamo noi trasformiamo il nostro passato, e il nostro presente, perché lo reinventiamo: quello che ci è accaduto diventa un punto di partenza per il nostro futuro…”.

“Quel laboratorio dentro Cavadonna, scrive Corrado Giuliano nel suo contributo, e' il campo aperto, veramente liberatorio, fuori dalle sbarre della contenzione fisica e delle stesse idee, capace di recuperare pienamente quella vita/non vita sottratta anche alla conquista della nostra civiltà costituzionale che da più di sessantacinque anni predica inattuata che ‘l'imputato non e' considerato colpevole sino alla condanna definitiva’ e che ‘le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato’…” Sull’inadeguatezza del sistema carcerario italiano, e in particolare sulla detenzione in attesa di giudizio, la cosiddetta custodia cautelare, e sulle pene alternative riflette invece Ettore Randazzo. Nel suo saggio si legge: “La privazione della libertà personale, anche se si riuscisse a garantire modalità meno afflittive di quelle carcerarie, è per chi la soffre profondamente ingiusta e contrasta irrimediabilmente con la presunzione di innocenza di cui, astrattamente e in ossequio a principi di rango costituzionale, si beneficerebbe. Subire una permanenza in carcere nonostante la responsabilità sia tutta da accertare (e statisticamente poi per lo più esclusa) è inutile e dannoso anche per la società, oltre che di per sé palesemente irrazionale”. E riporta l’attenzione sulle pene detentive alternative, proponendo la soluzione della struttura abitativa sorvegliata, più educativa ed umana del carcere, indicata per le persone in attesa di giudizio definitivo, per le quali non sono necessarie altre cautele aggiuntive.

“LUNEDI’” diventa, dunque, un’occasione di dialogo tra il dentro e il fuori, tra detenuti e cittadini. Quei cittadini che spesso preferiscono rimuovere il problema carceri, negandone la rilevanza nella propria vita, senza accorgersi che, come scrive Ettore Randazzo, ogni inasprimento normativo “ritaglia anche la nostra libertà, sebbene egoismo e miopia ci impediscano di accorgercene e ci inducano a plaudire stoltamente a leggi e metodi illiberali”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 09/11/2013 alle  20:07:01, nella sezione EVENTI,  824 letture)

tracuzziAl Museo Bellomo di Siracusa si è svolta la conferenza stampa per la presentazione del Festival EuroMediterraneo che si terrà il prossimo luglio al Teatro Greco. A fare gli onori di casa, l’assessore regionale ai Beni Culturali, Mariarita Sgarlata (assente Michela Stancheris per impegni istituzionali a Milano), insieme al vice sindaco Francesco Italia, il direttore artistico del Festival di lirica e balletto Enrico Castiglione ed il giornalista, moderatore dell’incontro, Fabio Tracuzzi (nella foto). Nella sala gremita del Bellomo anche il presidente degli albergatori Giuseppe Rosano, il presidente di Siracusa Turismo Sebastiano Bongiovanni, quello dell’Ufta Mario Bevacqua e il responsabile provinciale delle guide turistiche Carlo Castello, oltre a parecchi proprietari alberghieri e agenzie di viaggio. “Presentare a novembre una manifestazione di luglio è un successo che possiamo tutti condividere. – ha dichiarato l’assessore Sgarlata - Le polemiche sterili in questa città non hanno portato mai a nulla. Questa non è l’unica manifestazione che faremo al Teatro Greco, non sottrarremo nulla alle altre proposte, abbiamo aperto un corridoio dopo anni di immobilismo culturale. Dovremo anche riuscire a recuperare il vecchio festival del balletto degli anni Ottanta quando a Siracusa arrivò Bejart secondo una proposta di condivisione. Naturalmente, istituiremo un ticket on line per l’Aida ed il City Ballet, arrivando a luglio già organizzati. Sono qui come concessionaria del sito insieme alla soprintendente Beatrice Basile. Ripeto per questo evento i fondi regionali non c’entrano nulla”.

Enrico Castiglione, regista, scenografo e direttore del Festival non è nuovo da queste parti. “Avevamo già iniziato un percorso nel 2012 a Siracusa con EuroMediterraneo poi, per alcuni intoppi tecnici con la passata amministrazione regionale, non si poté realizzare l’evento. Con l’intervento della Sgarlata e della Stancheris è stato superato tutto, e vinto il ricorso. Di concerto con l’assessorato ai Beni Culturali abbiamo avviato un processo di valorizzazione del Teatro Greco di Siracusa indirizzando la programmazione della lirica. Cosi come a Taormina dove il festival è stato trasmesso in 700 sale in tutto il mondo (Il Rigoletto) con risultati numerici eccellenti alla stesa stregua della Scala di Milano. E’ impensabile che Siracusa non avesse un Festival stabile nel tempo. Questo successo ci ha permesso di essere autonomi ed autofinanziati, e dunque programmare in tempo”.

Sebastiano Bongiovanni di SiracusaTurismo è intervenuto dicendo: “Penso che otto mesi siano sufficienti per programmare e avere ottimi riscontri. Questo Festival deve essere non un punto di arrivo ma di partenza, questa città può mettere a frutto nell’arco di due tre anni molto di più. L’amministrazione comunale può ribaltare i numeri del settore turistico incrementandoli del 40 per cento, sia negli arrivi che nelle presenze in città. In questi ultimi due anni, facendo rete è aumentato il numero di presenze ma si può fare ancora di più con la collaborazione di ognuno di noi, perché fare rete attira l’attenzione dei viaggiatori. Il futuro dipende solo da noi”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 09/11/2013 alle  19:44:35, nella sezione CRONACA,  854 letture)

A seguito delle polemiche e degli annunci che da varie parti si sono susseguiti riguardo al contestatissimo congresso provinciale del PD, abbiamo raccolto una dichiarazione di Liddo Schiavo che pubblichiamo qui di seguito: “Su alcuni quotidiani locali leggo che il mio ricorso è stato rigettato dalle Commissioni per il Congresso Regionale e Nazionale. Tale notizia è stata inizialmente data, con nota di agenzia, come dichiarazione di autorevoli personaggi del Partito, nella tarda mattinata di ieri, ma non nel senso in cui è stata ripresa dalla stampa locale. La Commissione Regionale che dovrà discutere il ricorso in questione si riunirà lunedì 11 novembre e la Commissione Nazionale ha rimandato la discussione ai primi giorni della prossima settimana. Non mi risulta, pertanto, che gli organismi di Garanzia abbiamo rigettato le mie motivazioni per l'annullamento del Congresso provinciale di Siracusa e se ciò dovesse risultare veritiero sarebbe una seria violazione etica aver anticipato, da parte di alcuni componenti, quello che potrebbe essere l'esito collegiale.

Per quanto mi riguarda il Congresso provinciale di Siracusa rimane ancora sub judice e quindi non posso che restare serenamente in attesa di quelle che saranno le decisioni ufficiali degli Organismi di Garanzia del Partito”.

Ricordiamo che si era già annunciato che Carmen Castelluccio l’aveva spuntata sull’avversario candidato alla segreteria provinciale, il renziano Liddo Schiavo. Pertanto, l’area ex bersaniana e quella Dem cantavano già vittoria ma gli esponenti dell’area Renzi e Innovazione hanno protestato e avanzato diversi ricorsi sulla metodologia e le norme rigide applicate nella fasi congressuali dagli avversari interni che non hanno permesso il libero allargamento del numero dei tesserati del PD.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 08/11/2013 alle  15:07:03, nella sezione CRONACA,  725 letture)

Nel salone dell’Istituto Comprensivo “Domenico Costa” di Augusta ha avuto luogo la presentazione dei risultati di un questionario che era stato proposto in questi mesi a un campione di cittadini, su iniziativa congiunta del Kiwanis Club di Augusta e dell’Università delle tre età. Il questionario si proponeva di rilevare dati sulla “qualità della vita in Augusta”. Nel salone, gremito da circa 250 soci dell’Unitre, alla presenza del presidente Unitre dott. Giuseppe Caramagno, del past presidente del Kiwanis dott. Gaetano Roggio e dell’attuale presidente in carica dott. Raimondo Raimondi, il dott. Salvatore Cannavà, psicologo, ha illustrato le varie domande poste dal questionario commentandone i risultati che hanno messo in evidenza problematiche sentite dalla popolazione e che spaziano dall’inquinamento dell’aria alla raccolta differenziata, alla fruizione dei servizi sociali e pubblici e così via.

Aria, acqua, rifiuti, spazi urbani, verde pubblico, rumore, servizi sociali, carenze nei servizi, percezione delle criticità in vari uffici pubblici (comune, ospedale, asp, poste, enel, etc.), questi temi hanno registrato risposte del campione intervistato e suddiviso per sesso, età, istruzione e attività che evidenziano i problemi annosi di una cittadina da tempo abbandonata a se stessa a causa della cattiva amministrazione, culminata poi nello scioglimento del consiglio comunale per infiltrazioni mafiose. Fatto grave che ha prodotto una ulteriore paralisi amministrativa e i cui effetti protraggono nel tempo tutte le problematiche, che a volte appaiono difficili da risolvere, se non impossibili. Una iniziativa questa del Kiwanis Club di Augusta e dell’Unitre che fotografa uno stato di fatto e i cui risultati verranno presentati ufficialmente agli attuali commissari straordinari del Comune, nella speranza che possano essere utili ad indirizzare interventi ed attività. Sempre che ci sia la volontà di migliorare le cose, per quanto possibile.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 06/11/2013 alle  16:14:19, nella sezione CULTURA,  806 letture)

chiesa madreNella storica cornice della Chiesa Madre di Augusta, messa a disposizione gentilmente da Padre Palmiro Prisutto, si è consumata la cerimonia di apertura dell’anno sociale dell’Università delle Tre Età presieduta dal Dr. Giuseppe Caramagno. La cerimonia è stata arricchita dall’esibizione del Coro Unitre. Il presidente ha presentato ai numerosi soci intervenuti, circa 300, oltre ai corsi culturali e ai vari laboratori di attività programmati per il nuovo anno, le iniziative e i progetti approvati dal Direttivo per aprire maggiormente l’associazione alla città. Tra gli ospiti i presidenti dei vari Club Services cittadini e altre autorità. Caramagno ha presentato anche i docenti che si alterneranno durante l’anno nei vari corsi, i quali hanno accennato al contenuto delle loro lezioni. Un cenno particolare anche all’attività meramente ricreativa che il sodalizio porta avanti per raggiungere lo scopo di una più intensa partecipazione e aggregazione tra i soci.

Ricordiamo che l'Unitre di Augusta è un'associazione di promozione sociale e culturale senza scopo di lucro, basata sul volontariato e aderente all'Associazione Nazionale delle Università delle Tre Età, avente sede a Torino. Durante la cerimonia Franca Morana Caramagno ha parlato del Libro- Progetto – Unitre dal titolo “Carissimi nonni di domani, noi, ragazzi di ieri”, una iniziativa editoriale che vedrà la luce all’inizio dell’anno prossimo, un libro nel quale saranno raccontate le emozioni del periodo adolescenziale di coloro che oggi sono nonni e le piccole gioie e conquiste che profumavano la loro quotidianità. “Vorremmo spargere - ha detto Franca Caramagno - messaggi di speranza, di incoraggiamento, di sprone a non arrendersi alla corrente comune, ma rimboccarsi le maniche pur sporcandosi, al fine di costruire una società almeno un po’ più a dimensione umana e non solo virtuale, a incidere nel proprio territorio in maniera costruttiva e positiva.”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 05/11/2013 alle  17:39:27, nella sezione CRONACA,  761 letture)

parcoRiceviamo e pubblichiamo un comunicato inviatoci da Marcello Lo Iacono, in merito alla perimetrazione del Parco Archeologico di Siracusa.

“Ho ascoltato con molta attenzione – scrive Lo Iacono - l'intervento dell'Assessore Sgarlata alla conferenza di presentazione del nuovo Soprintendente di Siracusa. Molte le assicurazioni date sul fronte della tutela del nostro Patrimonio, che oltre ad un rinnovato impegno vedrà la stessa attività degli uffici confrontarsi con la Città, richiedendone la partecipazione, in una sorta di larga concertazione e condivisione. E' interessante questa nuova prospettiva che ci fa comprendere come oramai sia stata raggiunta, su questo versante, una nuova sensibilità e maturazione sociale.

Ma per quanto riguarda la perimetrazione del Parco Archeologico di Siracusa e la sua successiva decretazione, ritengo che essa è e debba restare un mero adempimento consequenziale alle norme dettate dalla legge regionale n. 20 del 3.11.2000, che espressamente non prevedono alcuna concertazione con la Politica. Deve essere questo lo spirito giusto per decretare il Parco Archeologico di Siracusa.

Ormai, come sostiene lo stesso Prof. Cabianca, “il tempo, l’abusivismo e una dinamica edilizia spontanea hanno sostanzialmente travolto tutti, sconvolto valori, partiti, il territorio. Tutto è ora diverso,anche se i limiti di consapevolezza di ciò che si sta distruggendo non sono mutati.”

Oggi non serve neanche, come sostenuto dal Prof. Voza, “che debba essere ricercata l’idea della democrazia di procedimento, di costruzione democratica del Parco in dialogo con i cittadini attraverso la stampa, in colloquio continuo, con un invito al confronto e all’arricchimento delle idee e delle proposte.”

Le precedenti perimetrazioni, proprio a causa di una ricercata e per certi versi sospetta concertazione, sono tutte fallite miseramente. Eppure alla loro stesura si sono cimentate le massime autorità designate che non hanno mai difeso con coerenza quanto da loro proposto. Ho sempre immaginato che la tutela fosse una responsabilità in capo allo stesso Sopraintendente e che la perimetrazione fosse una precisa necessità della nostra società e che per realizzarla si dovesse partire da effettive evidenze scientifiche, storiche, documentali, scaturenti da una conoscenza diretta della nostra storia attraverso gli studi prodotti e che dovesse proiettarsi cautelativamente in una maggiore inclusione di aree a causa della forte ed antica antropizzazione del nostro territorio.

Era un loro preciso dovere salvare, perimetrando alcune aree inviolabili, quello che rimaneva di questo nostro patrimonio insidiato da assalti economici e speculativi di cittadini che la nostra Storia la sanno solo utilizzare seppellendola con le loro ruspe. Non era loro permesso che, a fronte di una cattiva concertazione con la città, la stessa venisse adoperata per rinunciare alla perimetrazione originale necessaria, ridimensionando e mortificando lo stesso principio posto a base della tutela messa in campo. Non si sarebbe mai dovuto consentire, dopo avere presentato un progetto di tutela di determinate aree supportate da studi e declaratorie varie, soprassedere a quelle convinzioni di tutela per rimodulare, restringendole, quelle stesse aree che poco tempo prima erano necessarie alla effettiva tutela della nostre emergenze. Non bisognava essere coinvolti in problemi di gestione e mediazione della perimetrazione ridimensionandola nel vano tentativo di salvarla da continui tentativi e richieste di modifiche ancor prima che venisse approvato il PRG della Città.

Oggi non sarà più permesso che ci si serva della concertazione per restringere le aree che declaratorie di salvaguardia hanno già individuato. Non sarà possibile tirarsi indietro e restringere aree e luoghi che la Politica vorrebbe destinare ad altri scopi ed interessi. Oggi, assessore Sgarlata, si faccia carico che la Soprintendenza trasmetta al Comune tutto l'incartamento, adempia al dettato della Legge di sentire l'Amministrazione Comunale e pretenda che entro 45 giorni venga esplicitata questa conoscenza. Dopodiché faccia la sua parte e decreti il Parco Archeologico di Siracusa.

Evitiamo di dare pretesti come quelli forniti nel recente passato, come ad esempio carte topografiche risibili o scambi di lettere informali con disparati percorsi utilizzati per accelerarne o rallentarne la consegna e la presa visione. Evitiamo protocolli ballerini e richieste di chiarimenti utili solo a perdere tempo.

La Legge stabilisce 45 giorni di tempo entro cui il Comune deve esprimere un parere e 45 giorni dovranno essere. Non un giorno in più per coloro che hanno tutto l'interesse ad affossare una perimetrazione che non li soddisfa.

Questa volta Il Prof. Cabianca non sarà solo - conclude Marcello Lo Iacono - “a combattere, termopili dopo termopili, contro una sfera enorme e lentamente rotolante di organizzazioni partitiche con idoli così diversi, e con l’alleanza di così poche figure locali disposte ad esporsi.” Oggi c'è un sentimento popolare conscio del grave scippo che subisce la Città che non lascerà nulla di intentato affinché “quell'utopia e quel sogno si realizzi trasformando la Città nello scenario del suo passato, in una trama spaziale di un immenso parco di resti archeologici immersi nella continuità di un contestuale tessuto verde che ne focalizzi il carattere e la continuità nel nuovo scenario urbano che possa risuscitare, per il mondo intero, un polo di riferimento storico-semiologico ed una reminiscenza primaria della grande storia della civiltà classica, matrice della nostra identità.”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 05/11/2013 alle  16:11:47, nella sezione EVENTI,  1076 letture)

la commissioneIl primo premio del Concorso nazionale sulle Mura Dionigiane è stato assegnato al gruppo di progettazione composto da Simone Iannucci e Simona Iachetti di Architettura di Pescara. Il secondo premio è andato agli studenti del Politecnico di Milano Bovisa, il terzo a quelli di Architettura di Ferrara. Il gruppo che si è classificato al secondo posto è composto da Alessandra Nassivera, Alice Citterio, Claudio Giampietro, Carlo Maria Cislaghi e Michela Tettamanti. Mentre gli studenti vincitori del terzo premio sono Francesco Tonnarelli, Giacomo Moretti, Michele Pelliconi, Giacomo Quercia e Matteo Viciani. Al gruppo primo classificato sarà assegnato un premio di 2.500 euro, al secondo classificato andranno 1.500 euro. Il gruppo terzo classificato riceverà un premio di 1.000 euro. Al gruppo di Architettura di Siracusa, composto da Alessio Marino e Paolo Mercorillo, la Commissione giudicatrice ha invece riconosciuto la menzione speciale. Per la menzione sono stati scelti, inoltre, due gruppi di progettazione del Politecnico di Milano Bovisa, composti rispettivamente da Petra Montuschi, Mirko Franzoi, Marco Morlacchi, e da Alessandro Rigamonti, Yuan Hao Li, ed il progetto di Daniela Lazzari, iscritta ad Architettura di Firenze. Ricordiamo che il concorso era rivolto agli studenti iscritti ai corsi di laurea di architettura ed ingegneria edile delle università italiane. Ai partecipanti è stato chiesto di formulare un’ idea progettuale che ridefinisse un nuovo rapporto di valorizzazione del sistema delle Mura Dionigiane in relazione alle zone limitrofe.

Della Commissione, che ha valutato le 52 idee progettuali pervenute, hanno fatto parte: Vincenzo Cabianca, ingegnere e urbanista, coautore del secondo PRG di Siracusa, Teresa Cannarozzo, professore ordinario di Urbanistica, Università di Palermo; Alberto Ferlenga, professore ordinario di Composizione architettonica e urbana, IUAV; Corrado V. Giuliano, avvocato, esperto in diritto urbanistico e ambientale; Dieter Mertens, già direttore dell’Istituto Archeologico Germanico di Roma; Giuseppe Voza, archeologo e Soprintendente emerito ai BB.CC.AA. di Siracusa; Emanuele Fidone, professore associato di Architettura di Siracusa, delegato del Presidente della S.D.S. di Architettura; Roberto Meloni, Presidente del Consorzio Universitario Archimede, e Vincenzo Latina, ricercatore della SDS di Architettura Siracusa, delegato dal Presidente del “Comitato per i parchi”. Gli Enti promotori del concorso (SDS Architettura di Siracusa, Consorzio universitario “Archimede”, Comitato per i parchi “Santi Luigi Agnello”, Studio legale Giuliano Siracusa) e la Commissione giudicatrice hanno espresso soddisfazione per la qualità delle idee progettuali pervenute, per l'alto livello di partecipazione e per l'interesse suscitato dal tema oggetto del concorso, che costituisce una delle criticità più rilevanti della riqualificazione e valorizzazione del sistema urbano di Siracusa. Le premiazioni dei vincitori e la consegna delle menzioni avranno luogo il prossimo 21 novembre, alle ore 17,00, a Palazzo Vermexio, in piazza Duomo a Siracusa. Lo stesso giorno, alle ore 19,00, nelle sale dell'ex convento del Ritiro, in via Mirabella, 27, sempre a Siracusa, sarà inaugurata la mostra dei progetti in concorso.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 05/11/2013 alle  15:54:43, nella sezione LIBRI,  729 letture)

Venerdì 8 novembre, a partire dalle ore 19:00, presso il Biblios Café di via del consiglio reginale 11, Siracusa, si terrà l'anteprima del romanzo Cosa vuoi fare da grande di Ivan Baio e Angelo Orlando Meloni, edito da Del Vecchio (nell'immagine a fianco, la copertina). Gli autori dichiarano che si tratterà di un reading con annessa bisboccia, in cui si proverà a parlare di libri senza causare colpi di sonno, allucinazioni mistiche e sindrome post-traumatica da flusso di coscienza.

Il romanzo, in libreria dal 20 novembre, racconta la storia di Guido Pennisi e Gianni Serra, due bambini strani; nessuno sembra accorgersi di loro nella Scuola elementare Attilio Regolo di Milano. Figuriamoci il giorno più atteso dell’anno, il giorno in cui l’anonimo istituto si prepara ad accogliere il più famoso e ricco inventore di sempre, colui che ha dato alla luce il “futurometro”, una macchina estinata a cambiare il futuro dei ragazzi e il sistema dell’istruzione italiana. È tutto pronto nella palestra: festoni appesi, mamme in ghingheri, autorità tirate a lucido. Un’Italia da sempre provinciale è accalcata in quello stanzone, un Paese di adulti mancati pronti a lavarsi le mani del futuro dei loro pargoli con la benedizione della tecnica. La sfida finale alle fantasie infantili è cominciata, ma, forse, gli adulti non hanno fatto i conti con i terribili gemelli Smargotti della III F. Si tratta di un romanzo divertente e avventuroso in cui i sentimenti umani sono trattati con delicatezza e verità. Una storia che semina ironia e malinconia e spalanca il cuore degli uomini, lasciandoci alla fine di fronte alla domanda che non dobbiamo smettere di porci: “Cosa vuoi fare da grande?”.

Angelo Orlando Meloni è nato a Catania e vive a Siracusa. Ha scritto la raccolta di racconti Ciao campione e il romanzo Io non ci volevo venire qui (Del Vecchio Editore, 2010). Aggiorna saltuariamente un blog di colore verde come la speranza, la benzina e l’ecologia. Ivan Baio viveva a Milano che ha lasciato per Roma che ha lasciato per Berlino, ma è nato a Siracusa. Oggi inventa macchine fantastiche per Doppiozero.com, scrive quattro nuovi romanzi e lavora al social network definitivo.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 03/11/2013 alle  13:32:17, nella sezione CULTURA,  690 letture)

Dal 6 al 9 novembre 2013 Licodia Eubea ospiterà, per il terzo anno consecutivo, la Rassegna del Documentario e della Comunicazione Archeologica. La manifestazione è organizzata da Giacomo Caruso, presidente della sezione locale “Mario Di Benedetto” dell’Archeoclub d’Italia, da anni promotrice di eventi e attività culturali sul territorio; la direzione artistica è affidata al regista augustano Lorenzo Daniele (nella foto) e all’archeologa Alessandra Cilio. A patrocinare l’iniziativa, la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici di Catania e la Fondazione Museo Civico di Rovereto, nota nel settore per la sua Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico, oggi alla sua ventiquattresima edizione. Quattro giorni di proiezioni di documentari da tutto il mondo, una personale inedita sulla Libia antica del fotografo romano Marcello Benassai, incontri con archeologi, comunicatori e registi, oltre ad uno spazio interamente dedicato ai giovani, il 7 novembre. L’obiettivo è di raccontare la ricerca archeologica in tutte le sue sfumature: storie di scoperte sensazionali, sfide, difficoltà, in cui questa disciplina non è solo ponte tra il presente e il passato, ma anche tra civiltà e realtà sociali diverse. Grande attesa per la giornata conclusiva, quella di sabato 9 novembre, che vedrà la consegna del 2° “Premio Antonino Di Vita”, intitolato alla memoria dell’illustre archeologo e destinato a chi ha speso la propria professione nella valorizzazione del patrimonio culturale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 31/10/2013 alle  15:38:28, nella sezione CRONACA,  883 letture)

E’ guerra in casa Pd, lo scontro tra Renziani, Innovazione e Lettiani ed ex Bersaniani e alleati Dem si fa a colpi di ricorsi che vengono inviati alla Commissione provinciale per il Congresso. I renziani in modo particolare lamentano di essere stati tenuti, in un modo o in un altro, lontano dalla possibilità di candidarsi o di votare, nei centri dove, domenica scorsa, si è votato per eleggere il segretario provinciale e quelli locali. Altri ricorsi vengono presentati dai renziani nei comuni dove si voterà domenica prossima, e dove, sostengono, viene loro impedito di votare e di candidarsi attraverso l’applicazione di regole che valgono solo contro di loro. Turi Raiti, presidente della commissione provinciale, sostiene invece che si applicano le regole del partito e nulla di più. E’ una lotta senza quartiere tra rottamatori e conservatori che si oppongono al tesseramento incontrollato, una lotta che ha messo in discussione l’intero partito democratico e rischia di far saltare il Congresso. Ad Augusta si è registrato un fatto increscioso, di per se quasi risibile, ma indicativo se inserito nel clima complessivo e riportato dalla stampa: l'impossibilità di accedere alla sede del circolo di via Principe Umberto, la cui saracinesca era chiusa a chiave, ha suscitato le ire di uno dei coordinatori della sezione augustana, Francesca Furfaro (nella foto), rappresentante dell'area dei "renziani", che ha presentato una segnalazione al Comitato Provinciale, regionale e di garanzia per il Congresso e agli organi di controllo del partito, per denunciare il fatto ritenuto grave e compiuto ai danni del funzionamento del Coordinamento cittadino. “Ancora una volta un atto di abuso, un atto di ostruzionismo che ha impedito di fatto lo svolgimento di una seduta ufficiale di Coordinamento, già prevista ed ufficializzata in un verbale.” - ha dichiarato la Furfaro agli organi di stampa locali. Domenica prossima dovrebbe tenersi il congresso cittadino per l’elezione del segretario e dei membri del direttivo e il condizionale è d’obbligo vista la situazione di tensione al limite del paranoico.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 31/10/2013 alle  15:37:46, nella sezione CULTURA,  714 letture)

L’assessore regionale ai Beni culturali, Mariarita Sgarlata (nella foto), ha annunciato che la giunta regionale ha deciso di sostenere la candidatura per far diventare Siracusa e il Sudest Capitale della cultura del 2019, considerando questo fatto utile a definire la nuova immagine della Sicilia. Una decisione che ha già un primo effetto positivo per Siracusa perché la Regione finanzierà con 700 mila euro i progetti di piste ciclabili. Il complesso delle iniziative, contenute nel dossier presentato il 20 settembre al Ministero per i Beni e le attività culturali riguardano 19 comuni e una serie di soggetti pubblici e privati, ed il suo valore è stimato in 30 milioni di euro. Il tema scelto è “Frontiera d’Oriente” e i progetti sono stati raggruppati in tre titoli: “Frontiere dell’abitare”, per investire sui diritti di cittadinanza e per la rigenerazione urbana; “Frontiere per l’Europa”, per un sistema culturale inclusivo; “Frontiere della cultura”, per valorizzare le contaminazioni e rafforzare il legame tra i territori. Prossimamente due appuntamenti nell’ottica di portare avanti il progetto complessivo: la partecipazione alla Settimana dell’Unesco (che si terrà dal 18 al 24 novembre) e l’audizione che l’Anci nazionale ha organizzato con i comuni candidati per far finanziare le diverse iniziative culturali con i fondi europei della programmazione 2014-2020. L’assessore comunale alle Politiche Culturali, Alessio Lo Giudice, ha detto: “Vogliamo dire all’Europa che per un anno la frontiera diventa centralità per provocare un dibattito sulle nostra radici e per affrontare la questione del rapporto con gli altri popoli in termini di opportunità e non di criticità, perché la diversità non è un problema ma è ricchezza. Siracusa sta diventando attrattiva per iniziative culturali che solitamente si tengono altrove”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/10/2013 alle  22:01:08, nella sezione CINEMA,  764 letture)

All’età di 85 anni è venuto a mancare Luigi Magni (nella foto), regista cinematografico nato a Roma il 21 marzo del 1928, con al suo attivo film famosi come Nell’anno del signore, In nome del Papa re, Tosca. La carriera di Magni inizia come sceneggiatore e soggettista, sotto la collaborazione di Age e Scarpelli. Collaboratore teatrale di Garinei e Giovannini nei loro fortunati musical, passa definitivamente al cinema a partire dal 1956, lavorando con i maggiori registi italiani dell'epoca. Solo nel 1968 decide di passare anche lui alla regia, dirigendo Renzo Montagnani e Ottavia Piccolo nella commedia Faustina, pellicola che ha un buon successo e permette a Magni di proseguire nella sua professione di regista. Esce così Nell'anno del Signore (1969) che definisce il suo genere cinematografico, vale a dire una filmografia improntata in larga parte su Roma e sulla sua storia, ondeggiando fra gli aspetti farseschi e quelli drammatici, senza mai dimenticare il linguaggio tipicamente popolare.

Fra i suoi attori prediletti principalmente Nino Manfredi (per il quale firma la sceneggiatura della sua opera da regista Per grazia ricevuta, nel 1971), ma anche Alberto Sordi, Claudia Cardinale, Ugo Tognazzi e Pippo Franco. Con lui se ne va un altro pezzo di cinema che ha accompagnato la nostra giovinezza. Di lui ci resta il ricordo di un ultimo incontro avuto a Taormina nel 2004 in occasione di una serata dedicata al cinema di Nino Manfredi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 26/10/2013 alle  21:17:49, nella sezione CRONACA,  802 letture)

Augusta in piazza contro l’inquinamento. Era questo l’obiettivo del comitato promotore della manifestazione di sabato scorso. Obiettivo raggiunto solo a metà perché in piazza Duomo, a circondare coloro che hanno preso la parola per denunciare il grave stato di fatto venutosi a creare soprattutto per i continui “fuori servizio” nelle industrie, che producono immissioni in atmosfera di gas maleodoranti, erano solo gli studenti del Ruiz e del Liceo Megara, accorsi in tanti per assistere e partecipare. Ma dei cittadini augustani nemmeno l’ombra. Al netto di quelle poche decine di persone della stampa, del pensiero politico locale e della curiosità, non c’è stata alcuna partecipazione di popolo. Augusta è stanca. Demotivata, vecchia. Ha sentito troppe parole e non ha visto fatti. Decenni di parole e di propositi falliti, lontani gli anni dell’industrializzazione che portò benessere economico e innescò il seme del degrado ambientale. Già allora si decretava la morte di tanti cittadini per quel male indicibile e straziante chiamato cancro, diretta e dimostrata conseguenza dell’aria che respiriamo. Mimmo Di Franco, Parisi, Patanè, Zappulla, i rappresentanti degli studenti, il sacerdote Palmiro Prisutto, poi anche Marika Cirone Di Marco, membro della commissione ambiente della Regione, ognuno ha detto la sua, ha portato un contributo sincero e appassionato al tema in questione. Gli studenti, con le loro belle facce pulite, applaudivano. Ecco, l’unica speranza sono i giovani, pensavo. Noi abbiamo fallito, consegnando loro una società basata sul modello benessere a tutti i costi, soldi, soldi, soldi e nessun valore di riferimento. Augusta è il paese la cui amministrazione è stata sciolta per infiltrazioni mafiose nei gangli vitali della sua condizione sociale, economica e politica. Per cui non abbiamo niente da insegnare ai nostri figli, dobbiamo solo sperare che, per una strana ironia della vita, da loro ci arrivi qualcosa, magari un po’ di impegno, un po’ di passione per la cosa pubblica, qualcosa in più dei loro padri, di tutti quei cittadini augustani così pronti a lamentarsi nei bar, ma che sabato mattina erano al mercato a comprare il pesce (inquinato) per la domenica, oppure facevano jogging sul ponte, respirando a pieni polmoni e in iperventilazione l’aria (inquinata) satura di veleni. Ma che non hanno voluto sacrificare nemmeno un minuto della loro precaria esistenza per testimoniare ai loro figli una partecipazione e una coscienza, per indicare una qualche via verso un domani migliore, nel quale il suono di una tromba non celebri la memoria dei morti per cancro, ma squilli un segnale di rivolta e di risveglio delle coscienze.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 25/10/2013 alle  16:56:06, nella sezione CRONACA,  758 letture)

Qualche giorno fa il Governo ha bocciato la mozione del M5S con la quale si chiedeva una moratoria alla combustione dei rifiuti nei cementifici. Il decreto Clini del marzo 2013 prevede infatti che alcune tipologie di rifiuti, in particolare urbani e speciali non pericolosi, perdano la qualifica di rifiuti per diventare veri e propri prodotti utilizzabili in co-combustione nei cementifici. A supporto di questa scelta scellerata vengono citati dati, per lo più correlati a studi finanziati dagli stessi cementieri, che mostrerebbero come la combustione nei cementifici porterebbe ad una diminuzione delle emissioni di questi impianti.

“L’operazione in realtà – sostiene il M5S - aiuterebbe l’industria del cemento e potrebbe anche risolvere parte del problema di dove/come smaltire i rifiuti indifferenziati. Insomma 3 piccioni con una fava! Purtroppo è un’illusione e come spesso accade a pagarne il prezzo finale sono la salute dei cittadini e dell’ambiente. E’ bene essere molto chiari: la nostra posizione – continua il movimento di Grillo - assolutamente contraria a questa soluzione non è il frutto di una proiezione ideologica, ma deriva direttamente dall’analisi di dati reperiti nella letteratura scientifica in materia. I nostri interventi in Aula hanno dimostrato, dati alla mano e analizzando anche gli stessi articoli scientifici citati dalla maggioranza come, in realtà, seguendo la prassi del decreto Clini, i problemi per l’ambiente e per la salute umana sarebbero di gran lunga superiori ai benefici”.

Insomma da una parte si pensa che l’utilizzazione dei rifiuti come combustibile nei cementifici ridurrebbe anche il fabbisogno degli inceneritori evitando di costruire nuovi impianti di incenerimento che oltre ad essere costosi sono anche dannosi. Dall’altra parte l’Isde (Associazione dei medici per l’ambiente) sostiene che i danni per l’ambiente sarebbero comunque enormi. Un cementificio è un impianto altamente inquinante con o senza l’uso dei rifiuti come combustibile e produce almeno il triplo di CO2 rispetto a un inceneritore classico e la quantità di diossine immesse in atmosfera è proporzionale alla quantità di rifiuti bruciati. In più bruciando anche copertoni (visto che i Combustibili Solidi Secondari, utilizzabili secondo il decreto Clini, sono composti anche da materiali ad elevato potere calorifico, inclusi pneumatici fuori uso) il rischio diossina aumenta. Nel nostro territorio esiste lo stabilimento dell’Unicem, proprio a ridosso del sito archeologico di Megara Iblaea, in un’area densamente occupata da insediamenti industriali di tutti i tipi, con emissioni catastrofiche che stanno rendendo impossibile abitare in questo inquinatissimo angolo di mondo, dove è più facile morire che sopravvivere.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 22/10/2013 alle  21:10:20, nella sezione CRONACA,  759 letture)

adei wizo foto1“Una cultura in tante culture”, evento patrocinato dal Kiwanis Club di Augusta, presieduto da Raimondo Raimondi, ha avuto luogo martedì 22 ottobre presso il Liceo Classico Megara, col prezioso contributo della dirigente scolastica Maria Concetta Castorina e l’intervento di tanta parte del corpo docente dell’istituto superiore augustano.

Il Kiwanis Club di Augusta, da sempre sensibile alle problematiche dei minori e istituzionalmente votato ad agire in favore dei bambini di qualsiasi nazionalità, ha accolto la delegazione dell’Adei Wizo, Associazione Donne Ebree d’Italia, composta da Ziva Fischer Modiano, organizzatrice del Corso di formazione per insegnanti sull’integrazione di alunni di etnie diverse, e da Edna Angelica Calò Livne, direttrice della fondazione “Beresheet LaShalom” Teatro Arcobaleno, docente di madrelingua italiana esperta nel campo dell’integrazione scolastica e sociale in Israele, che ha mostrato un video sulla sua esperienza in Israele di incontro e dialogo tra ebrei e palestinesi. Paolo Russotto, vicepresidente del Club Kiwanis, si è assunto l’onere di coordinare questo incontro e consentirne la realizzazione. adei wizo foto 2Dopo l’ntervento introduttivo della professoressa Castorina, ha preso la parola il presidente Raimondi che ha posto l’accento sulla necessità di dialogo tra docenti e genitori, ancor più nel caso delle famiglie immigrate, in quanto il supporto degli insegnanti può aiutare i bambini stranieri e i loro genitori a sentirsi maggiormente integrati nel sistema italiano. Sviluppare un approccio interculturale a scuola é indispensabile per favorire il dialogo fra culture e l’integrazione dei bambini immigrati, non solo nel sistema scolastico ma anche, più in generale, nella società nel suo complesso. “Gli insegnanti - ha concluso Raimondi - possono far molto in tal senso, aiutando ad esempio gli alunni italiani a comprendere le diversità culturali e a sviluppare curiosità e rispetto verso usanze e costumi diversi”.

Presente alla manifestazione il Prefetto Maria Carmela Librizzi, commissario straordinario del Comune di Augusta, che ha portato il suo saluto, accompagnata dal Comandante dei Vigili Urbani.

(nella foto 1 da sx: Russotto, Ziva Fischer, Castorina, Edna Calò, Raimondo Raimondi)

(nella foto 2 al centro: Maria Carmela Librizzi)

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 21/10/2013 alle  09:14:33, nella sezione CRONACA,  802 letture)

locandina manifestazioneE’ da un pezzo ormai che nei fine settimana, soprattutto nella sera del sabato, su tutto il territorio del comune di Augusta si avvertono terribili esalazioni puzzolenti provenienti dalla zona industriale. Non è la prima volta e non sarà l’ultima che questo succede ma il fenomeno pare aggravarsi sempre più e i cittadini cominciano finalmente a svegliarsi e a chiedere a gran voce che qualcuno provveda ad accertare provenienza e gravità di questi odori, certamente fastidiosi e che costringono e tener chiuse le finestre, e ad accertare anche la loro effettiva incidenza sulla salute umana. Così viene proposta sulla rete l’iniziativa di una manifestazione che si terrà in piazza Duomo sabato mattina promossa da un gruppo di cittadini augustani che postano su un social network il seguente messaggio:

“A seguito delle continue emissioni di gas maleodoranti e sfiaccolate provenienti presumibilmente dalla zona industriale e dal deposito Maxcom, i cittadini di Augusta si stanno organizzando per sabato 26 p.v.,alle ore 10:30 in piazza Duomo, per una manifestazione di protesta pacifica, allo scopo di sensibilizzare le istituzioni e gli organi preposti affinché, ognuno per le proprie competenze, intervenga per porre fine a questi gravi problemi ambientali. Bisogna che ognuno faccia la propria parte - conclude il comunicato. - Troppe giovani vite lasciano questo territorio dopo “lunghe sofferenze“.

D’altra parte sono tutti convinti che le emissioni che si è costretti a respirare tutti i giorni non siano soltanto maleodoranti, ma siano tossiche e inquinanti. Ci sono indagini effettuate dall’ARPA, l’agenzia regionale per la protezione ambientale, che hanno accertato l'esistenza delle maleodoranze inquinanti e la presenza di acido solfidrico (H2S) nell’aria dei centri abitati di quello che ormai è il “quadrilatero industriale”, Melilli Priolo Augusta e Siracusa, in concentrazioni preoccupanti, in quantità cioè che destano allarme tra la popolazione, senza però che la stessa Arpa ne abbia stabilito la natura e la provenienza. È per questo motivo che i cittadini di Augusta vogliono, con la manifestazione di sabato, rinnovare l'appello ai tre commissari straordinari perché si attivino presso le aziende impattanti e richiedano l'immediata adozione di misure per ridurre l'inquinamento, chiedendo delucidazioni sugli effetti che queste sostanze possono avere sulla salute dei cittadini stessi. "Ci bruciano e ci lacrimano gli occhi e ci viene il mal di gola. – sostengono in tanti - È un nostro diritto sapere se è soltanto una questione di cattivo odore o se c'è in gioco qualcosa di più importante. La salute è uno dei primi diritti di ogni cittadino. Vogliamo sapere la verità”.

Già nel 2011, presso la prefettura di Siracusa, si era tenuta una riunione dei rappresentanti dei comuni di Melilli, Augusta, Priolo, delle istituzioni, del Cipa e dei rappresentanti degli stabilimenti industriali (allora Isab impianti nord; Isab impianti sud; Isab Energy e Esso italiana) che presentano acido solfidrico all’interno dei loro cicli produttivi. Presso la sede Arpa di Siracusa si erano formati tavoli tecnici di lavoro tra l’ente preposto e le industrie coinvolte, al fine di evitare e prevenire il ripetersi di tali eventi. Ma a quanto pare nulla si è fatto per risolvere il problema, anzi, con la cessione ai russi della Lukoil degli stabilimenti Isab, pare che ben poche risorse siano state devolute alla manutenzione degli impianti e alla loro messa in sicurezza. Da allora ad oggi le emissioni di H2S nel quadrilatero industriale Melililli, Priolo, Augusta e Siracusa non sono state bloccate e nemmeno ridotte. L’odore nauseabondo di uova marce e quello dei prodotti petroliferi di raffineria colpisce periodicamente, ma sempre più spesso, complici anche i venti o i processi atmosferici, ma è ora che si scenda in piazza per protestare. Purché questa protesta non sia solo episodica ma sia l’inizio di un nuovo corso di battaglie ecologiche per la salvaguardia della nostra salute e di quella dei nostri figli.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 19/10/2013 alle  14:00:07, nella sezione LIBRI,  781 letture)

A detta dello scrittore britannico Chesterton, oggi abbiamo perso la capacità di stupirci e di meravigliarci, non per mancanza di meraviglie, ma per mancanza di senso del meraviglioso. La società contemporanea, con i suoi miraggi e le false conquiste, ha abbandonato la via pulchritudinis, distogliendoci così dallo stupore e dall’ammirazione della bellezza in ciò che la rappresenta in tutto il mondo, a cominciare ovviamente dal campo delle arti, con il suo ricco patrimonio di valori, tramandato e apprezzato dal grande pubblico. L’iconografia ispirata al bello racchiude in sé il vero e il buono, e si lascia contemplare con la stessa obiettività con cui ammiriamo un ampio panorama e da cui ci lasciamo rapire per esserne, nello stesso tempo, edificati. bonadonna

Francesca Bonadonna (nella foto a destra) nelle 140 pagine del libro La bellezza salverà il mondo, pubblicato dall'editore siracusano Morrone in un'elegante veste grafica, raggruppa una serie di dipinti di artisti meno noti del XIX che raccontano spaccati della vita quotidiana di varie epoche storiche, affiancati da brevi descrizioni e interpretazioni delle opere a partire dall’elemento chiave della bellezza. Una bellezza intesa come armonia dell’uomo con la natura, con le creature e con Dio. Dalla figura della donna, immortalata nei diversi ruoli che si è via via ritagliata all'interno della famiglia e della società, alla bellezza della civiltà contadina, fino alla devozione dei nonni. La parte iconografica si alterna a citazioni bibliche, riflessioni e testimonianze dell’autrice e ad illustri firme della cultura cattolica attuale. Una rilettura di quella bellezza che sempre più spesso manca - o non viene percepita perché non ne siamo più in grado - nel mondo contemporaneo; un libro necessario per evadere dalla frenesia quotidiana, per intrattenerci con gusto e scuotere la nostra apatia facendoci riscoprire la nostra capacità di meravigliarci.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 19/10/2013 alle  10:33:46, nella sezione EVENTI,  819 letture)

locandina evento“Una cultura in tante Culture” è il titolo dell’evento che il 22 ottobre verrà ospitato nell’aula “Vallet” del Liceo Classico Megara di Augusta a partire dalle 8,30 del mattino, col patrocinio del Kiwanis Club di Augusta, presieduto dal dott. Raimondo Raimondi. Il Club di Augusta, da sempre sensibile alle problematiche dei minori e istituzionalmente votato ad agire in favore dei bambini di qualsiasi nazionalità, non poteva che accogliere entusiasticamente l’invito a collaborare con l’ADEI WIZO, Associazione Donne Ebree d’Italia, che è da oltre 80 anni attiva nel campo del volontariato sociale e culturale. L’associazione realizza un Corso di formazione per insegnanti sull’integrazione di alunni di etnie diverse tenuto da Ziva Fischer Modiano e Edna Angelica Calò Livne, direttrice della fondazione “Beresheet LaShalom” Teatro Arcobaleno, docente di madrelingua italiana esperta nel campo dell’integrazione scolastica e sociale in Israele.

Il corso parte dall’analisi dell’esperienza israeliana compiuta in un habitat difficile per l’annosa contrapposizione tra ebrei e palestinesi. Il presidente del Kiwanis Raimondi ha voluto sponsorizzare l’evento accogliendo la richiesta dell’Amm. Paolo Russotto, attuale vicepresidente del Club, prezioso e insostituibile nella sua opera di mediazione per promuovere questo incontro e consentirne la realizzazione. Organizzare un evento di questa portata in una regione, la Sicilia, ove non esistono istituzioni ebraiche è stata una sfida che l’ADEI WIZO ha vinto grazie alla determinazione delle protagoniste di questo progetto. E' stato possibile realizzare il corso a Catania (il 21 ottobre) e Augusta grazie alla collaborazione e sostegno dell' Università di Catania e del Kivanis International di Augusta, e a Siracusa (il 23 ottobre) presso l'istituto comprensivo”Salvatore Raiti”. Ad Augusta decisivo è stato il contributo della dirigente scolastica prof.ssa Maria Concetta Castorina che ha subito accettato di ospitare questo evento nei prestigiosi locali del Liceo Classico Megara di Augusta

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 221 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (239)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (117)
CRONACA (733)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (342)
LIBRI (205)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019

Gli interventi più cliccati

< aprile 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
12
13
14
15
17
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
         
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


21/04/2019 @ 10:10:21
script eseguito in 288 ms