Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 05/05/2014 alle  20:29:25, nella sezione CULTURA,  816 letture)

manganaro felliniIl 6 maggio alle ore 18, presso il Salone Borsellino di Palazzo Vermexio a Siracusa, si terrà il secondo incontro del ciclo "Terra da scrivere", con Jean-Paul Manganaro e il suo Federico Fellini, presentato da Giovanni Di Maria, Fernando Gioviale e Salvo Gennuso. Introduce l’incontro Alessio Lo Giudice, Assessore alle Politiche Culturali. "Terra da scrivere": ovvero il rapporto fra scrittura e territorialità, laddove il tema del racconto si declina attraverso linguaggi e forme che narrano la storia di un paese, una terra che ci appartiene per nascita o per adesione. E’ un percorso simile quello che fanno Fellini e Manganaro: Fellini racconta l’Italia attraverso Roma, e attraverso un linguaggio che è quello del cinema. Manganaro, dentro un territorio che gli è appartenuto ma che vive da lontano, francese di origine italiana, si serve di Fellini per raccontarci a sua volta l’Italia. Fellini, il libro, diventa così il campo di sperimentazione di una lingua che serve a dire una storia che è la storia del cinema di quello che forse è il più grande regista della storia del cinema, ma è una lingua che racconta di un Fellini narratore, inventore di fiabe, cantore dell’Italia, una lingua quindi che narra essa stessa un paese: nessun regista più di Federico Fellini ha contribuito a costruire e diffondere nel ventesimo secolo il mito dell'italianità. Nessuno più di lui ha saputo raccontare in immagini il nostro paese, traducendolo in un complesso sistema di simboli, e diventando un simbolo egli stesso. In quarant'anni di carriera, attraverso una complessa elaborazione intellettuale, Fellini ha dimostrato come il sogno, la memoria, la poesia possano costituire la sostanza del fare cinema. Jean-Paul Manganaro procede in un’intima esplorazione dell’opera felliniana lasciando ampio spazio ai film – a ciascuno è dedicato un capitolo del libro – di cui svela l’architettura e definisce il codice estetico. Si compone così una moltitudine di echi, associazioni, eterni ritorni, mentre davanti ai nostri occhi scorre un’inedita storia dell’Italia contemporanea, insieme ai fotogrammi di una vicenda umana e artistica straordinaria. Jean-Paul Manganaro è professore emerito di Letteratura italiana contemporanea all’Università di Lille III. Profondo conoscitore dell’Italia, suo paese d’origine, ha pubblicato per Seuil Le Baroque et l’Ingénieur. Essai sur l’écriture de Carlo Emilio Gadda (1994) e Italo Calvino. Romancier et conteur (2000). Ha tradotto in italiano opere di Artaud e Deleuze e, in francese, romanzi e saggi di Gadda, Tomasi di Lampedusa, Calvino, Testori, Mari, Del Giudice, oltre alle Opere di Carmelo Bene, di cui è stato grande amico e sodale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 05/05/2014 alle  20:19:42, nella sezione LIBRI,  777 letture)

MARCO MIELEMarco Miele è uno scrittore di Piombino, terra ricca di tradizioni in provincia di Livorno - quasi Grosseto - un promontorio che si affaccia sull’Isola d’Elba, posto a me caro, ci sono nato e ci ho ambientato l’ultimo romanzo (Calcio e acciaio - Dimenticare Piombino, Acar). Nato nel 1963, pubblica dal 2011, ha al suo attivo due romanzi: L’umore del caffè (Multistampa srl, 2011 - ristampato da Govane Holden), Un pesce da aprire (Giovane Holden, 2013) e un paio di racconti lunghi usciti in antologie edite dal mio Foglio Letterario: Raccontare Piombino (2013) e Piombino in Giallo (2014). Marco Miele usa il giallo per raccontare la vita quotidiana della provincia maremmana, impiegando al meglio un personaggio seriale: il commissario Franco Danzi, detto il Nero, che torna da Roma a Piombino dopo un matrimonio fallito, rivede i vecchi amici e riscopre i sapori della vita passata. Nel primo libro il Nero deve risolvere un mistero d’annata, un omicidio sulla spiaggia le cui indagini vengono riaperte e conducono a un’imprevista soluzione. Nel secondo romanzo - più maturo e anche ben realizzato a livello editoriale - deve risolvere un omicidio contemporaneo e scagionare un vecchio amico da un’accusa infamante. I due romanzi sono ambientati in una perfetta scenografia maremmana, scritti ricorrendo al dialogo, dosando pittoresche espressioni vernacolari e inserendo piccanti situazioni erotiche. I due romanzi tecnicamente sono definibili come gialli, perché c’è un mistero da risolvere, tra l’altro appassionante, ben mimetizzato tra indizi contraddittori, ma sono anche racconti ironici, frizzanti e scorrevoli, scritti in modo appassionato e divertente. Il Nero ritrova una banda di amici dei vecchi tempi, ricorda la giovinezza, preti sporcaccioni, amiche disponibili ed esperte nell’arte amatoria, compagni d’avventura dai nomignoli strani (L’Ora, Legno, Zero…); con quel gruppo trascorre serate sul mare davanti a un tramonto e in locali del centro bevendo birra e consumando patatine fitte. Ginepre è una minuscola Piombino, un paese di fantasia localizzabile nei pressi di Populonia Stazione, tra San Vincenzo e Baratti, un luogo popolato da mille anime, ma che possiede la sua Scuola Magistrale, piena zeppa di femmine da tampinare. Molto camilleriana come scelta, anche perché nel racconto convivono location realistiche (Piombino, Cecina, Isola d’Elba…) e il paese fantastico ideato dall’autore. Il Nero, paradossalmente, è il personaggio meno tratteggiato psicologicamente rispetto al gruppo, ma nel secondo volume resta memorabile uno scontro generazionale tra padre e figlio che si conclude con una cena a base di stoccafisso.

MARCO MIELEAbbiamo avvicinato Marco Miele - senza grande difficoltà perché entrambi piombinesi - per avere qualche informazione di prima mano sulla sua attività di giallista.

Perché il giallo?

Il giallo, oltre a essere un appassionato, mi ha dato l’opportunità di raccontare storie che con il genere hanno poco da spartire. L’amicizia e la vita reale, sono temi che mi sono più cari. Il giallo è un pretesto.

 Ti trovi bene a gestire un personaggio seriale?

Il protagonista dei due racconti, Franco Danzi detto il Nero, è suo malgrado il carattere descritto meno, viene intuito dai comportamenti, suoi e dei suoi amici, comprimari, coprotagonisti. Il protagonista seriale si muove in diversi spazi temporali, e mi è piaciuto tratteggiarne i cambiamenti nel tempo, suoi degli amici e del territorio che li circonda.

La scenografia dei luoghi conosciuti (Piombino e Val di Cornia) quanto è importante nei tuoi romanzi?

Ginepre è un luogo di fantasia, ma tutto quello che c’è intorno è reale. Il territorio della Maremma è il protagonista silenzioso. I luoghi dove si ambientano gli eventi salienti di entrambi i racconti, sono verificabili, passo dopo passo, i luoghi veri e reali, e soprattutto indispensabili e insostituibili.

Perché l'uso del vernacolo toscano?

Ho cercato di trasferire la lingua parlata nella realtà, specie in certe fasce d’età, per rendere ancora più realistici i protagonisti. poi diciamo la verità noi toscani in generale, i maremmani in particolare, anche i più ostinati non riusciamo a togliere del tutto il “nostro” vernacolo.

Progetti per il futuro…

Quest’estate, partecipo alla raccolta Piombino in Giallo, spero di pubblicare prima della fine del 2014, dopo i primi due, il terzo e conclusivo episodio di quella trilogia da me definita da me del Caffè. Poi si vedrà quel che sarà…

Marco Miele è un talento naturale, imbastisce storie avvincenti, le ambienta con naturalezza in location conosciute, rende a dovere la suspense ricorrendo a trucchi del mestiere, racconta lo scorrere del tempo, il cambiamento di luoghi e situazioni. In una parola fa letteratura, con la elle minuscola, certo, ma letteratura…

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 04/05/2014 alle  09:40:26, nella sezione CRONACA,  696 letture)

coltraroLunedì 5 maggio, alle 10,30, i responsabili regionali del "Movimento SAL" (Sviluppo, Autonomia, Lavoro) e di "Articolo 4" terranno una conferenza stampa su alcuni temi politici. L’incontro avverrà nella sala conferenze del Grande Albergo Alfeo, in via Nino Bixio 5 a Siracusa. Saranno presenti il deputato regionale presidente del Movimento SAL, notaio Giambattista Coltraro (nella foto), che ha appena lasciato il Megafono, il segretario regionale di "Articolo 4", Lino Leanza, il coordinatore provinciale Salvo Sorbello e l'assessore regionale all'Agricoltura Paolo Ezechia Reale. Presentati alcuni progetti politici condivisi, in particolare nel settore dell'agricoltura, e ipotesi di convergenze per alcuni appuntamenti di elezioni amministrative che si terranno in concomitanza alle europee a partire da quella sul candidato sindaco di Pachino Emanuele Rotta. Secondo il presidente del SAL, Giambattista Coltraro, il progetto del Megafono è ormai tramontato perché non ha saputo mantenere le caratteristiche iniziali di un rapporto costante con il territorio e la gente, per questo motivo il deputato regionale ritiene che adesso sia “necessario ripartire con un nuovo progetto politico che possa riunire tutte le anime moderate del centrosinistra”, e in particolare avere come riferimento l'azione di Matteo Renzi attraverso un dialogo preferenziale con Davide Faraone, che in Sicilia rappresenta il Presidente del Consiglio.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 03/05/2014 alle  13:35:05, nella sezione CULTURA,  712 letture)

loc sicilia scriveSalvo Cavallaro, specializzato in racconti; Valentina Carmen Chisari, giornalista, il cui primo libro è dedicato alla letteratura per l’infanzia; Luca Raimondi, autore di saggi e romanzi: tre autori, introdotti da Cristina Gianino e moderati dalla giornalista Rosa Tomarchio, che converseranno riguardo le diverse forme con cui la letteratura può raccontare le sue storie e racconteranno le loro traversie di scrittori in una terra, la Sicilia, tanto ricca di spunti e stimoli quanto avara in termini di lettori e di attenzione verso la cultura e verso coloro che, nel loro piccolo, se ne fanno promotori. L’evento si terrà domenica 4 maggio alle 18,30 presso il Biblios Cafè di Luisa Fiandaca, in via del Consiglio Regionale 11 Ortigia, nel centro storico di Siracusa, Ortigia.

I tre autori si riuniscono per la terza volta, dopo essere stati già ospitati ad Acireale e a Catania. Salvo Cavallaro, acese di professione avvocato, si è finora dedicato alle “short stories” , esordendo nel 2011 con “Ma di cosa stiamo ancora parlando” e diventando direttore della collana di racconti “Vervain” della casa editrice Carthago, presso cui ha di recente pubblicato una seconda raccolta dal titolo “Date dai mangiare ai pesci”.

Nata e cresciuta a Catania, Valentina Carmen Chisari si laurea in Scienze Politiche nel 2005 discutendo una tesi sperimentale sul giornalismo e riportando il massimo dei voti; nello stesso anno ottiene l’iscrizione all’Albo dei Giornalisti Pubblicisti. La sua passione è da sempre la scrittura che coltiva attraverso la collaborazione con il quotidiano “La Sicilia”, con altre testate giornalistiche e mediante la stesura di racconti; del gennaio 2013 è la pubblicazione del suo primo libro di racconti illustrati per bambini "Racconti dall'isola magica. La Sicilia e i suoi colori", Inkwell edizioni, avente come protagonisti i frutti della Sicilia che si fanno portavoce di valori umani.

Luca Raimondi augustano trapiantato a Siracusa, ha esordito nel lontano 1996 e successivamente si è laureato due volte presso l’Università di Catania; tra la provincia aretusea e il mondo accademico etneo ha ambientato il suo ultimo romanzo “Se avessi previsto tutto questo”, così come il prossimo che uscirà tra qualche mese, sempre le Edizioni Il Foglio e sempre con lo stesso protagonista, Carlo Piras, che continua così il suo percorso di formazione temporalmente collocato negli anni Novanta. Appassionato di cinema e fondatore del “Corto Siracusano Film Fest”, è attivo anche come regista e sceneggiatore.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/04/2014 alle  10:00:33, nella sezione CRONACA,  724 letture)

assemblea kiwanisSi è svolta lunedì 28 aprile presso i locali dell’Università Popolare di Augusta l’Assemblea Generale Ordinaria dei Soci del Kiwanis Club per l’elezione del Comitato Direttivo dell’anno sociale 2014-2015. All’unanimità votata la presidenza per il prossimo anno sociale del dott. Salvatore Cannavà che succederà quindi nella conduzione del prestigioso sodalizio augustano all’attuale presidente in carica dott. Raimondo Raimondi. Nel corso dell’Assemblea sono stati eletti anche i rappresentanti del Club, i tre effettivi (di cui due, Presidente e Presidente Designato, definiti dallo Statuto del Club) e i tre supplenti, alle prossime Convention del Distretto (Ferrara 13/14 Giugno 2014), del Kief (Annecy Francia 28/31 maggio 2014) e del KI (Tokio 17/20 luglio 2014).

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/04/2014 alle  21:49:58, nella sezione EVENTI,  701 letture)

kiwanisI soci del Kiwanis Club di Vittoria hanno fatto visita domenica 27 aprile alla città di Augusta, ricevuti da una delegazione del Kiwanis augustano composta dal presidente in carica dott. Raimondo Raimondi, dal vicepresidente amm. Paolo Russotto, dal presidente eletto dott. Salvatore Cannavà e dal past luogotenente ing. Domenico Morello. Presente l’avv. Antonello Forestiere, anch’egli kiwaniano, ma nelle vesti di direttore del Museo della Piazzaforte sito in piazza Duomo che è stato visitato dagli amici di Vittoria i quali hanno potuto ammirare gli interessanti e rari reperti in esso contenuti. E’ stato ricordato il fondatore del Museo della Piazzaforte, l’Ing. Tullio Marcon, e illustrata l’attività del museo. Si continua a lavorare per l'apertura di una terza sala per l'esposizione dei reperti museali e un'attività che viene svolta periodicamente è quella di manutenzione delle armi per preservarle dal deterioramento, così per le divise e per tutto ciò che il tempo logora. In questi ultimi anni numerosi cittadini augustani hanno donato i propri cimeli affinché questa istituzione si arricchisca di nuove testimonianze. Un momento cerimoniale di scambio dei rispettivi guidoncini tra i presidenti dei due clubs, Salvatore Migliore per Vittoria e Raimondo Raimondi per Augusta (insieme nella foto), ha ravvivato la mattinata. Era presente anche il Luogotenente Governatore della Divisione Sicilia Sud Est Luigi Barone. Visitata anche la Chiesa Madre, il gruppo si è spostato alla banchina torpediniere, dove i natanti del gruppo barcaioli hanno caricato i visitatori portandoli nei forti Garsia e Vittoria che sorgono proprio in mezzo al porto di Augusta. Dopo il pranzo in un noto ristorante della città tutto il gruppo si è spostato verso l’hangar per i dirigibili, monumento militare unico nel suo genere in tutta Europa, aperto per l’occasione alla fruizione turistica. L'hangar dirigibili di Augusta, costruito in cemento armato tra il 1917 e il 1920, nel contesto della prima guerra mondiale, rappresenta un'opera ingegneristica di valore storico e tecnico. Il parco circostante, una collina di eucalipti di quasi 30 ettari aspetta ancora di essere valorizzato e consegnato alla fruizione dei cittadini.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Marcello Lo Iacono (pubblicato il 27/04/2014 alle  21:45:44, nella sezione CULTURA,  1120 letture)

plemmirioLa Storia raccontata in diretta ed a colori. Questa in sintesi l’esperienza vissuta a Capo Murro di Porco domenica 27 aprile durante la visita guidata alla batteria militare della Lamba Doria, organizzata dall'Associazione Plemmirio Blu nell'ambito del grand tour della Maddalena di SOS Siracusa. Attraverso le spiegazioni della guida e le letture di documenti da parte di alcuni soci dell'Associazione abbiamo rivissuto uno spicchio della nostra Storia più recente. Il sito della Lamba Doria occupa una porzione d’altura del Plemmirio di circa 48 mila mq nella parte meridionale della Penisola della Maddalena interamente di proprietà del demanio pubblico dello Stato ramo Marina e con una quota che va da 20 a 34 metri sul livello del mare. E’ risaputo che il Plemmirio è stato importante per la difesa e lo sviluppo di Siracusa e Virgilio descrive, in modo superbo, l’allocazione e la funzione di questo promontorio, che lega il suo nome e la sua ragion d’essere alla difesa di Ortigia chiudendo con la sua mole il porto grande. Ma tale natura difensiva si è ulteriormente accentuata durante l’ultimo conflitto mondiale durante il quale fu protagonista diretta delle vicende belliche. Risale difatti agli anni trenta la costruzione delle due batterie navali di grosso calibro che il Genio Militare edificò: la Lamba Doria a Capo Murro di Porco e la Emanuele Russo a Punta della Mola che facevano della Penisola Maddalena un punto di forza nel sistema difensivo della piazzaforte Augusta-Siracusa nell'ultima guerra mondiale. Sono stati, appunto, gli edifici e le strutture della batteria Lamba Doria oggetto della visita guidata, che attraverso le informazioni e le spiegazioni date è servita a tracciare la storia dello sbarco alleato presso le nostre coste. Questo è un luogo reale con i suoi edifici storici e le sue strutture militari che hanno visto svolgersi fatti significativi legati all’ultimo conflitto mondiale. Questo sito possiede una storia letterale che è stata ricavata attraverso la testimonianza dei militi della Batteria e questi scritti sono stati letti, con evidente commozione, dai soci di Plemmirio Blu, e sono serviti per stabilire un contatto e una connessione con le esperienze del passato che appartengono a noi ed al nostro territorio e rappresentano anch'essi l’identità storica della nostra comunità. Queste strutture, questi eventi, riguardano una parte del Plemmirio e servono a farci percepire una vicinanza con le comunità che un tempo occupavano il sito e metterci così in contatto con il nostro passato collettivo. Questa nostra costa ha visto genti d’ogni parte approdarvi nel corso degli ultimi millenni; dalle genti greche che fondarono Siracusa, ai romani, ai bizantini, agli arabi e quelle che a seguire la occuparono, non ultimi quelli che arrivarono con lo sbarco alleato sulle nostre coste.

Oggi, che è stato permesso che il nostro territorio subisse in modo incontrollato una forte antropizzazione della delicatissima fascia costiera, dobbiamo impegnarci per farlo ridiventare nuovo crocevia di interessi indirizzati ad un corretto utilizzo ed alla tutela intelligente dell’ambiente, per un futuro sostenibile.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Marcello Lo Iacono (pubblicato il 27/04/2014 alle  19:48:03, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  682 letture)

La recente dichiarazione dell'Assessore Alessio Lo Giudice relativa al reperimento delle risorse per tamponare l'ammaloramento delle strutture della Villa Reimann non si può accogliere che positivamente. Non possiamo che essere d'accordo per la presa di conoscenza e di coscienza su una problematica che è attualmente all'ordine del giorno del dibattito cittadino. Come è noto Siracusa è stata beneficiata dalla ND danese Christiane Reimann con il lascito della Villa di via Necropoli Grotticelle con tutte le sue dipendenze e con il meraviglioso parco botanico che la circonda. Sicuramente la nobildonna danese, che è stata ammaliata dalla forza e dalla bellezza della nostra Città tanto da sceglierla come sua dimora eterna, conosceva fin troppo bene il patrimonio genetico della nostra classe politica e per tale motivo si è voluta immunizzare pensando anche al modo di come reperire le risorse economiche per la manutenzione della proprietà ceduta.

Previdente come era e come di solito sono le persone anziane, volle donare al Comune di Siracusa anche alcuni agrumeti in zona Carancino e Case Bianche che dovevano, con il loro reddito, sostenere la manutenzione e la conservazione della stessa Villa. Probabilmente non aveva immaginato che i nostri amministratori locali avrebbero fatto deperire e prosciugare anche questa fonte di reddito aggiuntivo ed avrebbero consegnato quei terreni al loro degrado facendoli diventare incolti, non curati ed abbandonati.

Anche la Villa è ormai arrivata ad un punto di degrado tale che le risorse reperite dall'Assessore Lo Giudice potranno solo tamponare i guasti apportati dalle infiltrazioni di acqua. Tutto il resto dei lavori di restauro e di sistemazione dei locali hanno, invece, necessità di essere intrapresi nel più breve tempo possibile e sicuramente dopo che verrà definito il futuro testamentario della Villa e del suo prezioso Parco. Per rispettare le volontà testamentarie della testatrice, diverse associazioni socio-culturali, consiglieri comunali e di quartiere e tanti cittadini hanno richiesto da tempo di assegnare la Villa ad attività che ne consentano, da un lato,il rispetto puntuale della volontà testamentarie della nobildonna e dall'altro di consentire un utilizzo che ne assicuri l'autonomia economica e gestionale. Abbiamo da tempo indicato che le strutture della Villa devono accogliere con dignità l'Archivio Storico Comunale che è abbandonato in uno scantinato. Unitamente a questa sistemazione possono essere affiancate altre iniziative per rendere autonoma e sostenibile la stessa vita della Villa Reimann. Questo non può darlo certamente la destinazione di museo d'arte o i cineforum e neanche le più disparate attività svolte recentemente, molte delle quali non corrispondenti alle volontà della Reimann.

 Occorrerebbe un' idea generosa e temeraria da affidare a fondazioni di studi e di ricerca che possano apportare le risorse economiche e gestionali tali da garantire un futuro sicuro per questo prezioso patrimonio.

Intanto la preoccupazione maggiore è che, mentre si discute e si perde tempo, la Villa ed il suo meraviglioso giardino sono soggetti a lento degrado, per fermare il quale dovrebbe venir coinvolta la Forestale, affidandole la responsabilità delle opportune cure del parco e il recupero immediato di tantissime specie botaniche.

Questo consentirebbe di curare il giardino in modo professionale in attesa di analoghi interventi conservativi delle strutture della Villa e far si che “mentre i dottori discutono il malato non muoia".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/04/2014 alle  14:10:44, nella sezione ARTE,  823 letture)

mostra gallaroAncora aperta fino al 27 aprile nei restaurati locali della ex Chiesa dei Cavalieri di Malta, in via Gargallo a Siracusa, la mostra "L'altra parte del cielo" patrocinata dal Comune di Siracusa ed organizzata dalla Galleria Gallaro. L’evento per la sua importanza culturale ha ottenuto il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese e dall'Assessorato Regionale dei Beni culturali e dell'identità siciliana. L'ambasciata cinese è stata rappresentata, in occasione dell’inaugurazione della mostra il 13 aprile, dal signor Zhang Jianda, consigliere culturale dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese. Erano presenti gli autori, il fotografo Enrico Porcaro e l'artista Angela Gallaro, oltre al curatore della mostra Marco Goracci. E’ intervenuto il sindaco Giancarlo Garozzo accompagnato dal suo vice Francesco Italia, l'assessore regionale Mariarita Sgarlata, e l'assessore Alessio Lo Giudice. Presentati al pubblico ritratti di donne cinesi e scene di vita della popolosa nazione, fotografati in uno sfavillio di colori da Enrico Porcaro e una interpretazione contemporanea della lanterna cinese, installazione di Angela Gallaro. L’artista siracusana, scenografa e costumista, ha lavorato in produzioni nei teatri antichi di Siracusa e Segesta e si è misurata con i grandi spazi archeologici, dove la sua sensibilità per il segno antico ha avuto modo di scaturire fluentemente dalla sua anima. Siracusa, la città natale, è il luogo dove ha scelto di continuare il suo lavoro percorrendo l'affascinante tracciato della rappresentazione, subito vivificato dall'universo cromatico della natura e dell'arte della terra e del mare. L'esperienza teatrale che per decenni ha assorbito la sua creatività ha presto trovato nuove cellule espressive ricavando ispirazione dall'ambiente circostante, ridondante degli echi dell'antichità dei luoghi, in una ricerca di forme e di materiali cromatici e plastici che è la sintesi di una memoria antica e di una estrema e sentita contemporaneità.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 24/04/2014 alle  09:51:44, nella sezione CRONACA,  813 letture)

realeSi parlerà della situazione del comparto agricolo ed in particolare di quello vitivinicolo nella prossima riunione della Terza commissione “Attività produttive e Agricoltura” dell’Assemblea regionale siciliana, che si svolgerà il 7 maggio e a cui parteciperà il nuovo assessore regionale alle Risorse agricole, Ezechia Paolo Reale (nella foto). Ad annunciarlo è stato il presidente della commissione, il deputato regionale Bruno Marziano, che ha scritto all’ assessore elencando tutte le criticità del comparto segnalate direttamente dai produttori agricoli e dai vitivinicoltori. «L’assessore Reale – ha dichiarato Bruno Marziano - illustrerà il suo programma e in che modo intenderà affrontare le problematiche». Il parlamentare regionale sottoporrà all’interesse del neo assessore alcuni punti che interessano il settore vitivinicolo, soprattutto nelle aree di alto livello in cui insistono vini ad Indicazione geografica protetta e vini a Denominazione di origine controllata. Le problematiche più sentite sono l’accesso al credito e la commercializzazione dei prodotti agricoli, strettamente legate alla nuova programmazione del nuovo Piano di sviluppo rurale 2014-2020. «Sarebbe necessario – ha detto Marziano - un intervento della Regione per superare, nei modi dovuti, le barriere poste dal sistema bancario». «Sarebbe utile in questa fase – ha dichiarato ancora il presidente della terza commissione - intercettare tutti i progetti già realizzati in tutto o in parte che essendo già in possesso di fatture non potrebbero partecipare a nuovi bandi, e finanziarli ». Su questi temi l’assessore Reale e i componenti della commissione “Agricoltura ed Attività produttive” saranno impegnati il 7 maggio in un confronto programmatico.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 24/04/2014 alle  09:46:25, nella sezione EVENTI,  734 letture)

ricucciSabato 26 aprile, alle 18, a Siracusa, nel salone Borsellino di palazzo Vermexio, avrà luogo la conferenza dal titolo “YallaYalla Siria. Il coraggio e la dignità del popolo siriano. Tre anni di conflitto ignorato”. Si parlerà di una guerra a due passi da noi che ha già causato oltre 150 mila vittime e più di 2 milioni e mezzo di rifugiati. Tra di loro oltre un milione di bambini. La tragedia che sta vivendo il popolo siriano sarà rievocata dal giornalista Rai Amedeo Ricucci (nella foto), rapito in Siria il 3 aprile del 2013 e poi rilasciato dopo 11 giorni. Ricucci da inviato speciale ha seguito i più importanti conflitti degli ultimi 20 anni in zone di guerra come Algeria, Somalia, Bosnia, Afghanistan, Iran, Iraq e Siria. Oltre a Ricucci, interverranno la giornalista italo-siriana Asmae Dachan e la cooperante internazionale israelo-siriana Tytty Cherasien che tracceranno il quadro di quanto sta accadendo in Siria. L’incontro sarà anche un’occasione per fare il punto sull’emergenza sbarchi che ha investito la Sicilia e le coste della provincia di Siracusa fino ad Augusta. A parlarne saranno il Capitano di fregata Ernesto Cataldi, che descriverà l’azione portata avanti per prestare soccorso ai migranti che affrontano viaggi a bordo di “carrette del mare” per raggiungere le coste siciliane, e il giornalista Gaspare Urso che si è occupato del fenomeno degli sbarchi sul territorio di Siracusa e provincia. Coordinerà il dibattito Joshua Evangelista, direttore di Frontiere News, interverranno il sindaco di Siracusa Giancarlo Garozzo e l’Assessore comunale alle Politiche Culturali Alessio Lo Giudice.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 24/04/2014 alle  09:37:09, nella sezione ARTE,  810 letture)

Giuseppe Forzisi (nella foto) espone la sua ultima produzione artistica presso la Galleria Quadrifoglio di Siracusa, dal 27 aprile al 13 maggio 2014. La mostra dal titolo Luminosa propone un percorso evocativo in cui la metafora del risveglio attinge alla tradizione antica e moderna, attraverso una narrazione frammentata di segni e immagini che sono tracce in divenire. “Le opere presentate – scrive Giuseppe Carrubba - sono cartografie dell’anima e sedimentazioni della coscienza dove la luce rivela possibilità di interpretazione formale, svela lo spazio e la materia come mezzo di comunicazione, moltiplica il significato delle superfici stabilendo variazioni nella ripetizione differente. In questo senso il lavoro dell’artista è essenzialmente scultoreo, anche quando affronta il linguaggio della bidimensionalità del disegno e della pittura, con indicazioni materiali a rilievo, in quanto viene ricondotto ad un pensiero di tridimensionalità che ricerca l’effetto della luce assorbita o riflessa”.

Giuseppe Forzisi è un artista visivo che si esprime nell’ambito della scultura, della pittura e del disegno come supporto progettuale e poetico. Il suo lavoro lo porta a sconfinare nello spazio con l’installazione dando forma a figure e assemblando diversi materiali. Si forma nel clima artistico e culturale degli anni Sessanta e Settanta attraverso la frequentazione delle mostre romane dedicate all’arte povera e all’arte concettuale, dove studia la produzione artistica di quegli anni, il linguaggio delle avanguardie, e ne trae suggestioni e stimoli per lo sviluppo di un progetto personale. Dopo il breve soggiorno romano, legato agli anni giovanili della ricerca, ritorna a Siracusa, la città natale, dove attualmente risiede, e, contemporaneamente all’attività artistica, inizia nel 1974 l’attività didattica, portata avanti fino al 2006, in qualità di docente di Scultura presso l’Istituto d’Arte. La mostra Luminosa rappresenta un aspetto della recente progettazione poetica ed estetica dell’artista. Diversi i progetti di scenografie di Forzisi per il cinema e il teatro, e numerose le partecipazioni a mostre collettive con curatori e critici d’arte come Gino Cilio, Nicolò D’Alessandro, Enzo Di Grazia, Francesco Gallo, Gino Gini, Diego Gulizia, Fernando Miglietta, Demetrio Paparoni, Francesco Poli, Giuseppina Radice, Barbara Tosi, Antonio Vitale e Giuseppe Vitale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 22/04/2014 alle  12:41:46, nella sezione CULTURA,  1816 letture)

carmelo stranoPrima conferenza del ciclo “Lezione Extra” mercoledì 23 aprile alle ore 16 nell’aula conferenze della Scuola Didattica Speciale di Architettura, in Piazza Federico di Svevia. A salire in cattedra sarà Carmelo Strano (nella foto), filosofo, critico delle arti visive, professore ordinario di Estetica e di Storia dell'Arte Contemporanea all'Università di Catania. E' il teorico dell'estetica del quotidiano. Ha dato nuovi contributi nell'ambito della filosofia sociologica e dell'estetica, sul leitmotiv della complessità e della globalizzazione, delle nuove economie correlate e talvolta sulla base di un confronto dialettico soprattutto con Jacques Derrida, Hans Georg Gadamer e Benoit Mandelbrot. Tra i volumi pubblicati: Il segno della devianza, 1984 (nuova edizione: 2005); Dall'Opera aperta all'Opera ellittica, 1989 (entrambi nella collana di estetica di Mursia diretta da Luigi Pareyson e Luciano Anceschi); Mai visto un tempo così-come sentiamo, pensiamo, agiamo all'apertura del nuovo millennio, Lupetti editori di Comunicazione, 2004. La conferenza di Carmelo Strano avrà come discussant: Zaira Dato, professore ordinario di progettazione architettonica e urbana, SDS Architettura di Siracusa, e Aldo César Fagà, teorico e artista. La conferenza è aperta al pubblico.

Prossime Lecture di Lezione Extra: 30 aprile Silvio Cherubini e il 14 maggio Nicola Impollonia. Lunedì 28 aprile alle ore 12 nella stessa sede verrà presentato il bando del concorso per idee per la progettazione di un padiglione gonfiabile. Partecipazione aperta a tutti gli studenti della scuola regolarmente iscritti all’anno accademico. Scopo del concorso è l’opportunità di lavorare con del materiale plastico conoscere e sviluppare tecniche costruttive, e le vaste possibilità che l’architettura gonfiabile può fornire. I gruppi vincitori parteciperanno prima al work shop per l’2 e 3 maggio per l’avvio dei lavori per la realizzazione di un prototipo di padiglione gonfiabile, subito dopo al seminario che si terrà dal 9 al 10 maggio con l’azienda partner quando verranno approfonditi temi, obiettivi, modalità d’uso e tecniche del gonfiabile. Work shop conclusivo 16 e 17 maggio.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 21/04/2014 alle  10:30:48, nella sezione SPORT,  733 letture)

Perviene in redazione il seguente comunicato che pubblichiamo:

Dopo avere ospitato, per 15 lunghissimi giorni, oltre 150 giovani sfortunati migranti, la palestra è tornata fruibile per le attività sportive. A conclusione di un lungo girovagare per la provincia aretusea e catanese le numerose squadre della società hanno potuto fare rientro a casa. La dirigenza della associazione desidera ringraziare quanti, in questo difficile periodo per la sopravvivenza stessa della Pallavolo Augusta, hanno contribuito a superare le difficoltà che, via via, si sono presentate. Il motore del vero e proprio “risorgimento” della società sono stati i genitori degli allievi/e delle squadre giovanili. Si sono organizzati, hanno rilasciato interviste, hanno coinvolto politici ed autorità, si sono spesi per dare testimonianza della assoluta credibilità del progetto sportivo ma anche di crescita sociale che è in atto presso il Centro Sportivo di Brucoli, il sentirsi defraudati di questo “contenitore” anche se indiscutibilmente per fini umanitari, ha provocato in loro un vero e proprio moto di rivalsa. Un sentito ringraziamento va a tutte le società di pallavolo che hanno dimostrato la loro vicinanza mettendo a disposizione gli impianti di Floridia, Carlentini, Siracusa, Canicattini e Catania ed ai vari organi della FIPAV nazionale, regionale e provinciale che hanno agevolato spostamenti, rinvii e cambi campo, al CONI Provinciale per il sostegno istituzionale; alle varie autorità che hanno messo a disposizione le loro palestre per gli allenamenti (Marina Militare, alla dirigente del 1° Istituto Comprensivo Dott.ssa Agata Sortino, al dirigente del 2° Istituto Superiore Prof. Carmelo Gulino); agli organi di stampa che hanno puntato i riflettori su una vicenda che da una parte ha sottolineato la volontà e la capacità della comunità locale di dare accoglienza ai profughi ma nel contempo sentito forte la necessità di manifestare il disagio nel vedersi scompaginata una realtà sociale consolidata altamente educativa e formativa; alla Commissione Straordinaria al Comune di Augusta che, anche se “stritolata” dalla necessità ha tuttavia dialogato con la rappresentanza dei genitori e con la associazione stessa contribuendo, di fatto, a superare questa emergenza che ha messo a serio rischio la sopravvivenza della società stessa; agli atleti, coinvolti in numerosi campionati, sottoposti a stressanti trasferimenti serali o, peggio ancora, senza potersi allenare, hanno comunque cercato di dare il loro meglio in campo anche con il disagio causato dai problemi di carenza di allenamento; ai genitori degli atleti che, non cedendo allo sconforto, hanno collaborato la società con la loro costante e generosa presenza, assicurando la partecipazione delle squadre alle partite di campionato anche se giocate tutte in trasferta. Infine ai dirigenti della A.S.D. Pallavolo Augusta sottoposti ad un superlavoro organizzativo e di rappresentanza oltre che di rassicurazione degli atleti”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 20/04/2014 alle  21:21:48, nella sezione LIBRI,  703 letture)

Sabato la Casa del Libro “R. Mascali” di via delle Maestranze a Siracusa, gestita da Marilia Di Giovanni, ha ospitato la presentazione dei libri “L’undicesima” di Raimondo Raimondi e “Se avessi previsto tutto questo” di Luca Raimondi, padre e figlio, entrambi editi dal Foglio Letterario, casa editrice di Piombino diretta da Gordiano Lupi. E’ stata la scrittrice e giornalista Veronica Tomassini a presentare i due libri (de “L’undicesima” aveva anche scritto la prefazione) ponendo alcune domande agli autori e aprendo un dialogo col numeroso pubblico presente, nel quale spiccava la presenza dello scrittore, critico letterario e traduttore Paolo Bianchi, milanese, collaboratore di "Libero". Si è argomentato naturalmente soprattutto sui libri presentati: “L’undicesima” è una raccolta di racconti che, in massima parte, possono inquadrarsi nel filone delle crime stories, nelle quali si agita una piccola schiera di personaggi diversi e strani, tutti però accomunati da una personalità border line, acuita dalle contraddizioni della società contemporanea. “Storie di marginalità” sono stati definiti questi racconti. “Se avessi previsto tutto questo – in cerca d’amore nella Catania di fine millennio”, come ha scritto Roberto Alajmo, “attinge all’autobiografia ma se ne distacca ironicamente, raccontando una genlibrierazione che pagava in lire e rimorchiava artigianalmente. Un romanzo di formazione impastato di umorismo ma speziato di malinconia. Un’epopea quotidiana tardo-adolescenziale in cui l’amore e l’amicizia sono i valori da esaltare e (occasionalmente) tradire”. Poi la discussione si è portata su argomenti riguardanti la società contemporanea e il ruolo degli intellettuali, con interventi nel pubblico da parte di Giuseppe Garro e Damiano De Simone, fondatori della neonata Consulta Civica che è stata presentata alla città nella conferenza stampa di venerdì e di cui fa parte anche Luca Raimondi quale assessore alla Cultura, Unesco e Beni Culturali. E’ seguita una degustazione offerta dalla Taverna Giudecca Ortigia, in un connubio certamente piacevole tra gastronomia e letteratura siracusana.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 18/04/2014 alle  15:18:11, nella sezione CRONACA,  787 letture)

conferenza stampa consulta civicaVenerdì 18 aprile è nata ufficialmente la prima Consulta Civica Cittadina di Siracusa. La proclamazione è avvenuta nell'aula magna dell'Istituto A. Rizza di Siracusa nel corso di una conferenza stampa. La Consulta Civica è un organo di governo civico di tipo consultivo con sistema elettivo cittadino che va a contribuzione in supporto al lavoro della giunta comunale. La Consulta, nata dall'iniziativa del giovane Damiano De Simone, si doterà di un programma consultivo, assessori civici e consiglio civico da eleggere. Ecco la lista dei primi Assessori Civici, i quali avranno il compito di nominare dei Consulenti di Indirizzo per comporre Commissioni di lavoro inerenti agli ambiti di loro competenza: a Carlo Castello è stato affidato il Turismo; a Claudia Santacroce lo Spettacolo; lo scrittore Luca Raimondi ha dato la propria adesione per la Cultura, i Rapporti con l'Unesco e i Beni culturali; la psicologa Marcella Cifali si occuperà di Politiche Sociali, il professore Giuseppe Garro (commercialista e revisore contabile) di Bilancio e Bruno Pernich di Sport. Damiano De SimoneCONSULTA, ideatore della Consulta Civica e ora suo Presidente ha ribadito quanto aveva già in precedenza dichiarato: "Un governo ombra? Niente affatto, altrimenti questa istituzione non sarebbe legale cosi come la sua esistenza non sarebbe pubblica pertanto la Consulta Civica si pone come governo consultivo a sostegno delle politiche condotte dalla giunta comunale o comunque della pubblica amministrazione. In altre parole, un momento cruciale di rivalutazione del concetto di democrazia in cui l’attività di governo locale potrà essere supportata dal contributo consultivo dei membri componenti la Consulta Civica di Siracusa a loro volta eletti dal popolo siracusano con procedure regolamentate nello Statuto. La Consulta Civica rappresenta quindi l’organo di legame a fronte di una maggiore partecipazione dei cittadini alla vita politica della propria città”.
Alla conferenza stampa è intervenuto tra gli altri anche l'Assessore al Bilancio del Comune di Siracusa, Santi Pane, che ha pubblicamente espresso il suo gradimento per l'iniziativa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 17/04/2014 alle  16:13:29, nella sezione CRONACA,  724 letture)

A seguito dell’operazione Mare Nostrum, soccorso in mare ai migranti che viene effettuato dalle navi della nostra Marina Militare, il porto di Augusta, base da dove le navi militari vanno e vengono, è ormai diventato la zona principale di arrivo di questi poveretti che attraversano il Mediterraneo, pare addirittura che abbia sostituito Lampedusa come punto di sbarco, ma la città non è ancora riuscita ad approntare un efficiente centro d'accoglienza, soprattutto in riferimento ai minori non accompagnati che la nostra vigente legislazione pone a carico dei servizi sociali del comune territorialmente interessato al loro arrivo. I minori stranieri non accompagnati, circa un migliaio dall'inizio dell'anno, sono alloggiati per lunghi periodi in strutture non adeguate per la loro accoglienza, sia per la mancanza di personale, sia per la mancanza di strutture sanitarie che possano monitorare ed evidenziare i casi di malattie infettive trasmissibili. Dato che tali soggetti per legge non possono essere trattenuti come in prigione, spesso e volentieri lasciano i centri improvvisati per tentare un viaggio della speranza verso Milano e i grandi centri urbani del nord, viaggio disperato che viene affrontato senza soldi e senza la padronanza della lingua italiana. L’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati è gestita dal ministero del Welfare attraverso i comuni. Quello di Augusta, commissariato da tempo, a sentire la Librizzi, commissario prefettizio, intervistata dalle Iene di Italia 1, non ha risorse e strumenti per far fronte al loro pronto trasferimento, per cui si produce uno stallo le cui conseguenze sono pagate ancora dai minori migranti e dalla comunità territoriale, nella quale tra l’altro si diffonde un certo allarmismo fomentato da ambienti retrivi e ottusi, che giustificano questa non tanto larvata xenofobia con preoccupazioni di ordine pubblico e pericolo sanitario. Sicuramente siamo di fronte ad una doppia falla della legislazione: da una parte i minori in arrivo dovrebbero essere ripartiti in tutto il territorio nazionale, come avviene per i maggiorenni, e non essere posti del tutto a carico del comune di Augusta, dall’altra bisogna constatare come quest’ultimo, nelle mani burocratiche dei commissari, tutti tesi al risanamento economico dell’ente, sia del tutto impreparato e inadeguato ad affrontare la situazione, lasciando la maggior parte dell’ingrato lavoro alle associazioni di volontariato che ormai non ce la fanno più. E sulle coste africane si ammassano ancora migliaia di disperati in attesa di imbarcarsi verso le coste siciliane.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 15/04/2014 alle  21:49:20, nella sezione CULTURA,  725 letture)

stile liberoMercoledì 16 aprile alle 16,00 primo appuntamento del ciclo STILE LIBERO con una lezione di Salvatore Adorno nell’aula conferenze della Scuola di Architettura di Siracusa (piazza Federico di Svevia). Adorno parlerà sul tema: “Riflessioni sulla storia urbana. Siracusa contemporanea: La città e il suo territorio”. STILE LIBERO è un ciclo di conferenze che presenta nella sua articolazione e varietà il panorama culturale contemporaneo. Il programma è caratterizzato dalla presenza di figure disciplinari e generazionali diverse chiamate a raccontare i loro punti di vista e le loro posizioni a partire da alcuni temi proposti dal curatore di ogni conferenza. Stile libero seleziona artisti, critici, architetti, urbanisti, letterati, storici, intellettuali e li invita a mettere in campo i propri saperi per affrontare le più urgenti questioni contemporanee e confrontarsi con gli studenti e i docenti della Scuola di Architettura. Ogni lettura è preceduta da una presentazione ed è seguita da un dialogo tra relatore e curatore. Salvatore Adorno è docente di Storia contemporanea presso la Facoltà di lettere e filosofia dell’Università di Catania, tra il 1997 e il 2005 ha insegnato Storia della città e del territorio nella Facoltà di Architettura dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria. Dal 2000 al 2009 è stato presidente della Società Siracusana di Storia Patria e direttore dell’ ”Archivio Storico Siracusano”. L’appuntamento quindi è a Siracusa, mercoledì 16, Adorno sarà introdotta da Carmelo Nigrelli, SDS Architettura di Siracusa.

Prossimi appuntamenti di STILE LIBERO: 28 maggio PIERO BRUNO, 29 maggio JOSÉ IGNAZIO LINAZASORO.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 14/04/2014 alle  20:38:09, nella sezione EVENTI,  785 letture)

foto donazioneNella centralissima piazza Duomo di Augusta si è svolta una breve cerimonia per la consegna di dieci pacchi viveri ad altrettante famiglie bisognose della cittadina megarese. L’input è venuto dal locale Circolo Filantropico Umberto I°, antico sodalizio che ha la propria sede antistante la Chiesa Madre, ed è stato organizzato dal dinamico segretario del Circolo Sebastiano Mignosa, alla presenza del presidente Alfonso Ravalli, del vicepresidente Mimmo Di Franco e di alcuni membri del direttivo. Alla consegna ha partecipato anche il Kiwanis Club di Augusta, presenti il presidente Raimondo Raimondi, il vicepresidente Paolo Russotto e il segretario del club service Nino Valastro. Il Club ha donato dieci uova di Pasqua da allegare ai pacchi viveri, uova del service internazionale pro progetto Eliminate “Un uovo per la vita”. Intermediaria ricevente delle donazioni la dottoressa Irene Noè, presidente della benemerita associazione di volontariato “Il buon samaritano” che provvederà poi alla distribuzione alle famiglie secondo le graduatorie di cui dispone. Hanno preso la parola Ravalli, Messina, Mignosa e Raimondi del Kiwanis, ha concluso la dottoressa Noè ringraziando e ribadendo come l’impegno che l’associazione Buon Samaritano porta avanti richiede mezzi e volontari per poter assicurare un servizio quotidiano efficiente per la preparazione e la consumazione dei pasti. La mensa, che ha sede nei locali dell’Opera Pia di via Orfanotrofio 22, vede impegnati i volontari del Buon Samaritano di Augusta – Onlus nell’assistere le famiglie bisognose, assicurando 32 pasti caldi al giorno e la distribuzione settimanale di prodotti alimentari. Il Buon Samaritano in quasi sette anni di attività ha svolto una considerevole mole di lavoro, contribuendo in maniera significativa ad alleviare le difficoltà di centinaia di famiglie bisognose di Augusta, erogando a volte anche contributi economici in favore di famiglie indigenti e in gravi difficoltà.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 12/04/2014 alle  10:23:27, nella sezione CULTURA,  763 letture)

buttafuoco“Adesso basta. Qualcuno - Matteo Renzi? - dica basta, perché l'autonomia sarà cosa santa e giusta ovunque ma in Sicilia no, è un flagello e si trascina nel baratro l'Italia. Lì l'autonomia regionale, fonte di sprechi e burocrazia, è l'acqua che nutre l'arretratezza economica e sociale di un pezzo importante del Mediterraneo. Ed è la fogna in cui nuota la mafia.” Così ha scritto Pietrangelo Buttafuoco su “Il Sole 24 ore” meno di un mese fa. E ha ribadito il concetto ieri al Palazzo Vermexio, durante il primo incontro di “Terra da scrivere”, ciclo di appuntamenti voluto dall’Assessore alla Cultura Alessio Lo Giudice in collaborazione con la Biblioteca Comunale di Siracusa (rappresentata sul palco da Salvo Gennuso). Una serie di riflessioni sull’arte della scrittura e sul suo rapporto con il territorio in cui Buttafuoco è stato introdotto e interrogato da tre scrittori siracusani, Elvira Siringo, Cetty Amenta e Luciano Modica. La verve da contastorie e da polemista del poliedrico Buttafuoco, autore, lo ricordiamo, di romanzi come “Le uova del drago”, “L’ultima del diavolo” e del più recente “Il dolore pazzo dell’amore”, non ha tardato a venire fuori, incalzata anche da diversi interventi provenienti dal folto pubblico presente in sala (hanno preso la parola, tra gli altri, anche personalità note del mondo della cultura siracusana, dal compositore e musicista Aurelio Caliri all’editore Silvio Aparo). "Il successo di questo primo appuntamento dimostra come la città sia più che pronta a rispondere quando si presentano occasioni per un autentico ed elevato confronto pubblico" ha dichiarato l'assessore Lo Giudice. Prossimo appuntamento del ciclo il 6 maggio alle ore 18.00 con Jean-Paul Manganaro a conversare con Fernando Gioviale, Giovanni Di Maria e Salvo Gennuso.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 1725 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (246)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (117)
CRONACA (733)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (352)
LIBRI (205)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019

Gli interventi più cliccati

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


16/10/2019 @ 07:09:48
script eseguito in 294 ms