Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 20/05/2014 alle  14:56:08, nella sezione CINEMA,  835 letture)

Si riapre il casting del cortometraggio “La scelta” diretto da Giorgio Nanì La Terra, prodotto da Nino Gibilisco e sceneggiato da Luca Raimondi. Sebbene al primo casting siano intervenute ben 200 persone rimangono aperti ancora dei ruoli che non sono stati individuati. La difficoltà maggiore sta nel fatto che nel corto i protagonisti subiscono fino a due evoluzioni anagrafiche e quindi le scelte fra attori sono condizionate dalla somiglianza degli intervenuti rispetto ai ruoli dei personaggi che andranno ad interpretare. Esempi: il protagonista "Nino" (ruolo ancora libero anni 17/20 circa) prima ha un'età cinematografica di 11 anni poi di 17 ed infine di 70 anni. Così come le sorelle, "Lucia e Sebastiana", rispettivamente di età cinematografica di 7 anni e 14 anni che poi diventano di 17 anni e 24 anni (ovvero 10 anni in più), quindi la protagonista "Jo" che prima ha un'età cinematografica di 18 anni e poi di 70.

Contemporaneamente alla riapertura dei casting si effettueranno i "provini di parte" a coloro precedentemente intervenuti e selezionati dalla direttrice dei casting Mariarosa Grasso che, in quell'occasione, deciderà definitivamente l'assegnazione delle parti . Si ricercano quindi (in ordine casuale): Bambino di 9/12 anni con occhi azzurri e capelli castani. Bambina di 7/10 anni con occhi verdi e capelli castani. Uomo di circa 45 anni. Donna di circa 40/45 anni. Ragazza di 17/24 anni. Ragazzo di 20/24 anni (più di uno) sia con occhi scuri che chiari. Donna di circa 70 anni.

Le riprese saranno effettuate dal 9 al 13 Giugno 2014 a Palazzolo Acreide. Tuttavia chi non sarà chiamato per questa selezione potrebbe essere comunque contattato in seguito per fare la comparsa.

Il corto abbraccia un periodo storico che va dagli anni ’50 e tratta un argomento di grande attualità: un bambino viene iscritto al seminario per diventare prete. Così a 11 anni la madre lo accompagna a Siracusa, in piazza Duomo, presso l'Arcivescovado. Qualche anno dopo conosce una ragazza. Nasce un’amicizia sincera e profonda: attratti l’uno dall’altra da tanti fattori ma soprattutto per l’ideale comune che ognuno nutre nel proprio cuore. Infatti anche lei, devota a Cristo, vorrebbe farsi suora, ma circostanze particolari le impongono di abbandonare l’ideale. I due si frequentano, restando comunque fedeli al loro proposito: la dedizione a Cristo. Lui però è sempre più attratto da lei e sogna di mettere su famiglia. Lei insiste sempre nel consigliare a lui e a se stessa di procedere per la sua strada.

L'appuntamento è dunque per Domenica 25 Maggio presso l'ex Biblioteca Comunale di Palazzolo Acreide (Municipio della piazza principale) dalle ore 11:00 alle ore 13:00 e dalle ore 16:00 alle ore 19:00. La produzione ci tiene a ringraziare il sindaco di Palazzolo Carlo Scibetta, il consigliere comunale Simona Princiotta e l'assessore alla Cultura Alessio Lo Giudice per aver contribuito attivamente affinché questo progetto possa realizzarsi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 19/05/2014 alle  21:19:07, nella sezione EVENTI,  754 letture)

Città della Notte il 31 maggio alle ore 21 ospiterà lo spettacolo teatrale “BEN HUR una storia di ordinaria periferia” di Gianni Clementi, con Roberto Casuccio, Piera Di Benedetto e Nunzio Lo Re, per la regia di Giacomo Tarico. Ben Hur è la rappresentazione di uno spaccato di vita quotidiana con un sapiente mixaggio di emozioni e stati d’animo. Nel rispetto del copione originale dell’autore, Gianni Clementi, l’opera viene interpretata dai protagonisti in dialetto romano, il che rappresenta una prima assoluta nel panorama teatrale di Augusta. La commedia scorre attraverso tratti molto divertenti e colpi di scena inaspettati che rendono la storia avvincente ed emozionante. La rappresentazione regalerà allo spettatore della sana ilarità e tra una risata e l’altra lo appassionerà alle storie dei personaggi. La commedia mette in scena la storia di un fratello e una sorella, Sergio e Maria, due spiantati che con l’arrivo di Milan sembrano aver risolto tutti loro problemi. Sergio, ex stuntman separato con due figli, si guadagna da vivere facendo il centurione al Colosseo. Maria, sorella di Sergio, divorziata, impiegata in una Chat-line erotica vive una vita al limite della depressione. I due costretti ad una forzata convivenza a causa delle ristrettezze economiche, vivono due vite destinate ad una lenta e inesorabile deriva. L’arrivo di Milan, extracomunitario bielorusso, da nuove speranze ad una vita di stenti e di continue ansie. L’autore, nel mettere in risalto la condizione nella quale sono costretti a vivere gli extracomunitari, spesso oggetto di vessazioni e continue mortificazioni pur di ottenere un lavoro, solitamente sotto pagato, induce ad un momento di riflessione su quello che accade ai giorni d’oggi sotto i nostri occhi talvolta indifferenti e cinici. Il riferimento alla nota pellicola statunitense del 1959 con Charlton Heston nel ruolo del protagonista, ovvero Ben Hur, un principe divenuto schiavo, tende a sottolineare la misera, sottomessa socialità degli extracomunitari, definiti oramai i moderni “schiavi del XXI° secolo”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 19/05/2014 alle  21:13:10, nella sezione CRONACA,  936 letture)

via romaPubblichiamo una vibrante nota di Mimmo Di Franco relativa alle difficoltà di transito nelle anguste vie del centro storico, fatto gravissimo quando c’è necessità di interventi urgenti da parte dei vigili del fuoco o delle ambulanze del 118.

“Qualche giorno fa – scrive il cittadino Di Franco - l’autopompa dei Vigili del Fuoco e una loro camionetta stazionava all’angolo con via Umberto. Si vociferava che stesse facendo un intervento per il trasporto di una persona anziana, con difficoltà di movimenti e più avanti, verso ovest, vi era l’autoambulanza con le portiere aperte per soccorrere una paziente. Anche nell’ultimo intervento, sempre in via Roma, sono stati chiusi gli specchietti laterali delle auto, sia a destra sia a sinistra, perché impedivano il passaggio dell’autopompa. Mi chiedo perché non s’interviene preventivamente in tutte le strade strette, mettendo il divieto di sosta, almeno da un lato della strada. Vi sono difficoltà anche nella via Epicarmo, nel tratto via Colombo e Piazza del Carmine, nella via Roma interamente, in via Xifonia, in via XIV Ottobre e in via X Ottobre, in via Alabo e via Limpetra, non solo per l’autopompa dei Vigili del fuoco ma anche per le ambulanze, soprattutto agli angoli delle strade dove maggiore è la difficoltà di manovra. Insomma tutta l’isola di Augusta ha delle criticità relativa alla viabilità. Dobbiamo sempre sperare che il buon Dio ci dia un occhio di riguardo? A proposito di quanto sopra e delle difficoltà di viabilità, ancora si aspetta un piano di evacuazione per tutta la città. In caso di nube tossica pericolosa o disastri di grandi proporzioni, dobbiamo stare sempre a mani giunte? Ai diversi convegni sulla sicurezza e viabilità non è seguito nulla di concreto, ancora non c’è un piano del traffico urbano, nonostante il consulente pare sia stato pagato. A seguito di ciò, è stato chiesto più volte un eliporto funzionante all’ospedale Muscatello, un reparto di primo intervento per ustionati, oltre ai proclami fatti per il famigerato centro oncologico, di cui ancora non c’è nessuna traccia,tra l’altro si paventa la chiusura di quei pochi posti letto di pediatria, malgrado le promesse verbali, nelle interviste televisive ed in vari riunioni dell’ex presidente della regione e dell’ex commissario dell'ASP Zappia. Si chiede di informare la cittadinanza,in caso di evacuazione,con messaggi sui cellulari, con auto munita di altoparlante, con la distribuzione di un opuscolo che informi i cittadini come comportarsi in caso d’incidenti industriali, nube tossica, disastri ambientali e, scusate se è poco, tutto ciò a spese delle industrie che insistono sul territorio. L’albero di Natale a dicembre lo possono donare, se lo vogliono, solo dopo aver contribuito ad attivare tutti i sistemi per la sicurezza e l’incolumità dei cittadini del territorio”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 19/05/2014 alle  15:13:40, nella sezione CRONACA,  695 letture)

La mobilitazione di Coldiretti “Adesso andiamo al succo” ha fatto tappa il 16 maggio al mercato di Campagna Amica di Siracusa, in piazza Adda. All’appuntamento sono intervenuti il direttore regionale della Coldiretti, Giuseppe Campione e quello della Coldiretti di Siracusa, Pietro Greco. Per sostenere l’iniziativa hanno partecipato anche l’assessore regionale dell’Agricoltura, Ezechia Paolo Reale e quello comunale, Fabio Moschella. Nel corso dell’evento sono state distribuite arance e volantini per illustrare le ragioni della mobilitazione. Con una produzione di arance di circa 4 milioni di quintali, la provincia di Siracusa è infatti al secondo posto regionale ma non c’è un pari riscontro economico soprattutto negli ultimi anni a causa dell’importazione sempre più massiccia. Dall’Egitto negli ultimi anni l’arrivo in Italia di agrumi è più che raddoppiato e a questa situazione già critica si aggiunge quella di marzo, quando la Commissione Politiche dell’Ue della Camera ha bocciato l’emendamento alla Legge europea 2013 che prevedeva l’aumento della percentuale di frutta nelle bibite dal 12 al 20 per cento.

“Abbiamo chiesto alle istituzioni della Sicilia di sostenere l’azione di Coldiretti per l’innalzamento della percentuale di frutta - ha affermato il direttore regionale della Coldiretti, Giuseppe Campione. Vogliamo che tutti prendano una posizione chiara ed ottenere garanzie prima di tutto di salubrità sia per i consumatori sia per i produttori. L’aumento della percentuale di frutta nelle bevande, infatti, considerato il consumo stimato di 50 mila chili di vitamina C in più all’anno da parte dei consumatori, concorrerebbe a migliorare la qualità dell’alimentazione e a ridurre le spese sanitarie dovute alle malattie connesse all’obesità in forte aumento. Inoltre questa modifica ristabilirebbe condizioni di equità della filiera, visto che un litro di aranciata con il 12 per cento di succo naturale contiene oggi solo 3 centesimi di euro di arance ed è venduta a un prezzo esorbitante”.

“Basterebbe l’aumento di un solo punto percentuale - ha spiegato il direttore provinciale della Coldiretti, Pietro Greco - per determinare un consumo di ben 250 mila quintali di prodotto in più pari a oltre 1.000 ettari di agrumeto, con benefici in termini di occupazione e crescita per il Paese. In Sicilia l’agroalimentare può infatti costituire la base dello sviluppo e di coesione territoriale. Ma in programma c’è anche un’altra iniziativa a sostegno dei prodotti locali e della qualità di ciò che mangiamo: proporremo il consumo di prodotti a chilometro zero nelle mense a tutte le scuole, dagli agrumi ai formaggi all’ortofrutta, in modo da garantire risvolti culturali per una sana alimentazione”.

“Sostengo questa iniziativa che, tra l’altro, rientra nella politica che sto portando avanti sin dal primo giorno del mio insediamento – ha sottolineato Ezechia Paolo Reale, assessore regionale dell’agricoltura - Una politica basata soprattutto sulla difesa dei prodotti siciliani attraverso un marchio di tutela identificativo che combatta la contraffazione e permetta la promozione del commercio estero dei nostri prodotti”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 17/05/2014 alle  14:41:55, nella sezione LIBRI,  1213 letture)

copertina facchinettiSono usciti i primi due libri di una Casa Editrice giovane dedicata allo sport, attiva su Internet e sui social network, dotata di una pagina Facebook molto seguita. Si tratta di Campo per destinazione - 70 storie dell’altro calcio di Carlo Martinelli (prefazione di Stefano Bizzotto) e Il Romanzo di Julio Libonatti di Alberto Facchinetti (con una nota di Gian Paolo Ormezzano).

Il progetto Edizioni inContropiede nasce in Riviera del Brenta (Venezia) nei primi giorni del 2014. Tre amici appassionati di libri e di sport (Nicola Brillo, Alberto Facchinetti e Federico Lovato) decidono di creare una piccola realtà editoriale per pubblicare una decina di volumi l’anno di letteratura sportiva (romanzi, saggi, biografie, antologie di articoli, raccolte di racconti). Lo sport (soprattutto il calcio) deve essere protagonista, ma basta anche che sia lo sfondo dove è ambientata la storia. La giovane realtà editoriale non farà salti nel buio, la vendita dei libri avverrà esclusivamente online, attraverso Amazon.it, IBS e il sito www.incontropiede.it.

La scelta del nome è un omaggio a Gianni Brera, uno dei più grandi cantori dello sport, un giornalista colto e raffinato che citava i classici greci e latini mentre parlava di calcio. Al tempo stesso è anche un omaggio alla scelta controcorrente di scommettere in un momento di crisi economica generale in un settore (editoriale) in grande difficoltà. martinelliLa casa editrice guarderà al passato, ripescando dal baule dei ricordi storie dimenticate, ma non mancherà uno sguardo attento nei confronti degli scrittori del presente. inContropiede editerà solo libri di formato tradizionale, non elettronico, non avrà alcun distributore e nessuna libreria di riferimento. Punta ad avere tanti lettori, grazie a Internet.

Il romanzo di Julio Libonatti è l’unica biografia al mondo dedicata al calciatore argentino, il primo sudamericano a decidere di andare a giocare in un club europeo. Libonatti è stato un indimenticato attaccante del Torino (il secondo marcatore di tutti i tempi della storia granata) e ha giocato pure in Nazionale, dopo essere stato naturalizzato. Come dice il titolo, il libro non è una semplice biografia, ma si tratta di una fiction condita da molti elementi di verità. Alberto Facchinetti è il giovane autore (classe 1982), laureato in giornalismo sportivo e già noto al pubblico per Doriani d’Argentina (2011) e La Battaglia di Santiago. Coordina il gruppo di scrittori Sport in punta di penna.

Campo per destinazione – 70 storie dell’altro calcio è un’interessante raccolta di piccole storie che riguardano personaggi molto noti del mondo sportivo e dello spettacolo. Si va da Italo Allodi a Gianni Brera, passando per Helenio Herrera a Sandro Ciotti, toccando Eusebio, Gigi Meroni, Pier Paolo Pasolini, Marylin Monroe. Piccole riflessioni, appunti, storie poco note, vergate dalla penna esperta del giornalista trentino Carlo Martinelli (1957), già autore di Storie di pallone e bicicletta.

Per informazioni potete contattare EDIZIONI inCONTROPIEDE alla mail incontropiede@gmail.com.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 17/05/2014 alle  14:27:54, nella sezione CINEMA,  879 letture)

CASTING 1Si è concluso il primo step dei casting del cortometraggio “La scelta”, prodotto da Nino Gibilisco e diretto da Giorgio Nanì la Terra. Oltre 200 gli intervenuti ai provini a Palazzolo Acreide, un numero che lascia ben presagire l’ottimo risultato di Mariarosa Grasso di Acicatena, che si è occupata della direzione dei casting e che sta effettuando la scelta degli attori che interpreteranno i ruoli nel cortometraggio. 

"La Scelta" è un cortometraggio che racconta una storia realmente accaduta a Siracusa, un piccolo film di 15 minuti circa ma dalle realizzazione impegnativa dal punto di vista produttivo perché ambientata in un contesto storico (sul finire degli anni '50).

CASTING 2A riguardo, ecco le dichiarazioni del regista: "Ringrazio Santo Nigro, palazzolese, titolare di un vecchio Molino adibito a pub e ristorante, partnership del progetto, per aver trovato tutte le automobili d’epoca che durante la realizzazione del corto permetteranno di inscenare perfettamente, insieme a scenografia e costume, la quotidianità del paese. A giorni comunicherò una seconda giornata di casting dove si ricercheranno gli attori per i ruoli mancanti e nel contempo per effettuare dei provini più specifici per i selezionati della giornata precedente. Stefano Frassetto direttore di produzione, e Pino Merez si sono occupati dell’aspetto tecnico del set, delle luci e dell’acquisizione delle candidature mentre Soriana e Loredana D’amico del coordinamento logistico degli intervenuti, che essendo stati tanti, ha richiesto precisione e tempismi perfetti. Il tutto si è svolto con fluidità e seppur davanti all’ex biblioteca di Palazzolo, sede dei casting, si fosse formata stabile una piccola folla, nessuno ha aspettato più del dovuto. Non smetterò mai di ringraziare la cittadinanza palazzolese per questa ospitalità in primis il Sindaco Carlo Scibetta per il Patrocino del Comune e le autorizzazioni concessomi per svolgere il cortometraggio in un Paese che è davvero un set a cielo aperto, teatro e protagonista infatti anche in passato, di numerose ed importantissime produzioni cinematografiche.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 17/05/2014 alle  14:23:01, nella sezione CRONACA,  645 letture)

coltraro e vasquesSi è costituito anche a Solarino il coordinamento cittadino del Movimento Sal - Sviluppo, autonomia, lavoro, presieduto dall’on. Giambattista Coltraro, segretario della commissione Attività produttive dell’Ars. Il coordinatore cittadino è il dott. Salvatore Vasques, che spiega: “Il coordinamento è formato da diversi professionisti del territorio che intendono puntare su un nuovo progetto politico per la città di Solarino. Tra i primi obiettivi c’è il rilancio economico del territorio, dove bisogna creare le condizioni ideali per incoraggiare le opportunità di lavoro, puntando anzitutto sull'agricoltura e sull'artigianato locale. Ci rendiamo conto che non si tratta di una sfida facile, ma bisogna arrestare al più presto l’emorragia di giovani, e non solo, che abbandonano la città di Solarino alla ricerca di nuove soluzioni occupazionali”.

“Sono molto contento - afferma il deputato regionale Giambattista Coltraro - della nascita del coordinamento cittadino di Solarino, che si aggiunge a quello di Melilli, presentato proprio lunedì scorso, e ai tanti altri in fase di costituzione nell'intera provincia. Il movimento Sal sta infatti riscuotendo sempre più successo tra la gente, che sente l’esigenza di un nuovo progetto che dal basso, dal territorio, avvii un modello politico di rottura della consuetudine usurata e rimetta in movimento un processo virtuoso di partecipazione diretta e attiva attraverso cui avviare la crescita e lo sviluppo economico del territorio siciliano”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 15/05/2014 alle  13:53:45, nella sezione CRONACA,  777 letture)

carabinieriRiceviamo dal CONSIGLIO INTERMEDIO DI RAPPRESENTANZA CO.I.R. Culqualber - CO.BA.R. Sicilia - CO.BA.R Calabria e pubblichiamo la seguente nota:

In data 13 e 14 Maggio 2014 il CO.I.R. Culqualber ha voluto riunire a Messina i due Co.Ba.R confluenti Calabria e Sicilia, in Rappresentanza dei 16 mila Carabinieri che prestano servizio in queste terre difficili, belle e problematiche. Alla riunione ove hanno presenziato anche i Delegati del Consiglio Centrale di Rappresentanza, si è discusso principalmente della drastica situazione economica che il personale dell’Arma sta subendo da 4 anni, per via del blocco stipendiale creato in modo insensato, sviluppato in modo nettamente penalizzante rispetto alla altre categorie e prorogato ingiustamente da tutti i Governi. Da troppo tempo questa Rappresentanza Militare della Sicilia e della Calabria vede in successione, provvedimenti Normativi che penalizzano fortemente ed in modo sproporzionato i Carabinieri di tutta Italia, già tra l’altro penalizzati dalla specificità di essere uomini con le stellette e quindi privi della libertà d’azione che invece hanno altre categorie del pubblico impiego. Dal 1996 ad oggi, nessun Governo si è preso a cuore i problemi sollevati più volte dalle Rappresentanze Militari. Ai Carabinieri è stata tolta la possibilità di avere una pensione dignitosa, è stata tolta la possibilità di crearsi un futuro ed una famiglia e dopo anni di sacrificio e di vittime, è stata tolta la possibilità di vivere con uno stipendio meritevole per via del blocco stipendiale avviato ben 4 anni fa’ e che colpisce 90 mila uomini e donne.

Questa Rappresentanza della Calabria e della Sicilia rimane sconcertata dalle promesse mai mantenute che i vari Governanti hanno posto in essere su documenti, interviste e quant’altro. Dovendo dare risposte concrete ai colleghi questa Rappresentanza Militare dice: Basta a questi atteggiamenti provocatori redatti dai Governanti che si susseguono al potere e che mirano, forse, a far scendere i Carabinieri in Piazza a protestare come le altre categorie; Basta osannare i delinquenti e massacrare i tutori dello Stato; Basta essere considerati cittadini sacrificabili.

Inoltre invita gli altri CO.I.R. d’Italia, ad organizzare insieme al CO.CE.R. dell’Arma una Assise Generale a Roma anche liberi dal servizio, allorquando il Governo si presti a prorogare anche per il 2015 il blocco stipendiale. Questo CO.I.R. Culqualber, i due Co.Ba.R. Sicilia e Calabria in sinergia con il CO.CE.R. Carabinieri, vigileranno sull’operato del Governo e nel caso attueranno forti forme di protesta, al fine di ridare fiducia ai Carabinieri e dignità alle rispettive famiglie, le quali pagano più di tutti il disagio di esserci al fianco in modo silenzioso ma sofferente. In un paese dove i furbi si arricchiscono, altri difendono i loro privilegi e i delinquenti osannati, avere uomini e donne che credono nella bandiera Italiana, che credono nei valori sociali ed umani e per tali sono pronti a sacrificare i loro cari ed anche la propria vita, è segno di civiltà, è segno di patriottismo è segno di sicurezza, la quale parola deve essere coltivata e preservata come un albero secolare e non tranciata come una siepe spinosa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 15/05/2014 alle  10:09:56, nella sezione EDITORIALI,  737 letture)

migrantiImmigrazione: un esodo biblico, l’Africa intera vuole traghettare in Europa, inseguendo sogni di benessere e una vita migliore. O semplicemente una vita, visto che in certe parti del continente nero restare in questo mondo è un difficile traguardo, o si muore ammazzati o si muore affamati. E noi, popolo pingue e sovrappeso, abbiamo paura di questi poveretti, noi, una nazione di 60 milioni di abitanti, non riusciamo a organizzare un’accoglienza decente per trentamila rifugiati, anzi vorremmo i “respingimenti”, parola cruda ma asettica per dire: ributtiamoli a mare. Noi, popolo cattolicissimo devoto a Papa Francesco, non li vorremmo nemmeno vedere per strada questi giovanissimi abbronzati magri magri, con gli occhi spalancati verso un incerto futuro e la memoria dolente per i compagni annegati nel tragico viaggio della speranza su un barcone rattoppato. E pensare che un paio di secoli fa le navi negriere degli europei li andavano a caricare questi giovani abbronzati strappandoli con la forza ai loro villaggi, alle loro famiglie, alle loro donne, per trarli in catene a lavorare senza paga nelle piantagioni. Allora erano ricercati, forza lavoro a buon mercato, bestie da soma per arricchire gli speculatori inglesi, tedeschi, olandesi, spagnoli e americani. Ora questi esodati ci terrorizzano, pensiamo che possano rubarci l’osso rosicato che è la nostra economia, ciechi non vediamo le opportunità di un mondo che cambia, l’ineluttabilità di un movimento epocale dei popoli, inarrestabile come le orde dei unni, che voler contrastare è vano, impossibile, tanto vale accettarlo e gestirlo alla meglio, con buona pace dei cittadini fratelli d’Italia. Tanto poi loro, i migranti, non ci vogliono restare in questa Italia miserabile, piena di livore e di rabbia, asservita a politici ladri, dove impera la mafia e il puttanesimo. Loro, i migranti, andranno altrove transitando verso un’Europa più mitica e ricca, alla ricerca di un lavoro e di una nuova patria.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 15/05/2014 alle  10:08:45, nella sezione CRONACA,  704 letture)

sa8 marzianoA fare chiarezza sui timori legati al personale per il ritorno alla gestione pubblica dell’acqua è stato il deputato regionale Bruno Marziano, presidente della Terza commissione “Attività produttive” dell’Assemblea regionale siciliana. “La legge – ha dichiarato Marziano – ha fugato ogni timore: i sindaci posso tornare serenamente alla gestione pubblica dell’acqua perché ci sono norme specifiche che consentono, durante il trasferimento di azienda, di poter acquisire il personale considerandolo non nuova assunzione. Sia che il soggetto sia pubblico che privato». La norma a cui si fa riferimento è l’art. 47 della legge 29 dicembre 1990, n. 428, che al comma 3 modifica l’art. 2112 del Codice Civile e al comma 4 detta che "il trasferimento d'azienda non costituisce di per sé motivo di licenziamento" e al comma 5 che "qualora il trasferimento riguardi [...] imprese nei confronti delle quali vi sia stata dichiarazione di fallimento [...], nel caso in cui la continuazione dell'attività non sia stata disposta [...], ai lavoratori il cui rapporto di lavoro continua con l'acquirente non trova applicazione l'articolo 2112 del codice civile [...]”. Non pare che quest'ultimo caso ricorra perché è stata disposta la continuazione dell'attività, trattandosi di pubblico servizio. Ma, anche ove fosse, il rapporto di lavoro continuerebbe, comunque, con l'acquirente. Comunque, si tratta di una norma entrata in vigore a fine gennaio 1991 e non più modificata che, essendo di natura comunitaria, non distingue, né potrebbe, tra soggetti pubblici e privati. La norma in questione è stata applicata anche per altre vicende della Regione Siciliana, nel caso di imprese che perdevano l’appalto ed altre che subentravano. “Ritengo – ha concluso Marziano - che si possa fugare la preoccupazione dei sindaci che vogliono tornare alla gestione pubblica dell’acqua, così come è nello spirito della legge appena approvata all’Ars, anche se non fa riferimento alla salvaguardia dei lavoratori perché questo impedimento avrebbe potuto incappare nella impugnativa da parte del commissario dello Stato. Un problema che può essere superato perché non si fanno nuove assunzione, ma si acquisisce un servizio per cui è stata disposta la continuazione dopo il fallimento, indipendentemente che il soggetto sia pubblico o privato. Per cui non c’è pericolo di sforamento del patto di stabilità e i lavoratori possono essere garantiti e tranquillizzati”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 14/05/2014 alle  18:25:05, nella sezione CRONACA,  1026 letture)

da sinistraE’ stato presentato il 13 maggio, nel salone del convento dei frati cappuccini di Melilli, il coordinamento cittadino del movimento Sal - Sviluppo, autonomia, lavoro, presieduto dall’on. Giambattista Coltraro, segretario della commissione Attività produttive dell’Ars. All'incontro sono intervenuti: il deputato regionale Giambattista Coltraro, il coordinatore cittadino di Sal, Andrea Castelli e il responsabile del Coordinamento per il 118 di Melilli, Vincenzo Girgenti. L’appuntamento ha infatti anche rappresentato l’occasione per parlare dell’emergenza 118, dato che Melilli non ha una sede operativa. Ed è proprio questo il primo obiettivo del coordinamento cittadino di Sal: riuscire a dotare il Comune di una postazione del 118. “Abbiamo già presentato all’assessorato regionale della Salute - ha spiegato il deputato regionale Giambattista Coltraro - una prima istanza per l’istituzione di una postazione del 118 a Melilli, per cui sono state raccolte oltre 1.300 firme. Ma adesso stiamo avviando un altro procedimento per una postazione di carattere transitorio. Questa seconda istanza sarà supportata da una relazione tecnica, indispensabile per far comprendere che si tratta della vita delle persone e di un problema reale del Comune di Melilli”. “Come coordinatore cittadino di Sal – ha aggiunto Andrea Castelli – mi impegnerò personalmente per questa causa perché credo che una postazione del 118 a Melilli sia un servizio indispensabile”. All'incontro è intervenuto anche il responsabile del Coordinamento per il 118, Vincenzo Girgenti, che ha ripercorso le principali tappe della battaglia. La relazione tecnica per supportare la seconda istanza da presentare all'assessorato regionale della Salute sarà curata dal responsabile provinciale della sanità di Sal, Francesco Ossino, che ha sottolineato come la postazione del 118 a Melilli sia necessaria “anche in considerazione dell’alta incidenza di patologie, respiratorie o cardiache, registrate nel territorio”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 13/05/2014 alle  14:55:03, nella sezione CINEMA,  1142 letture)

NINO GIBILISCOSi girerà a giugno a Palazzolo Acreide il cortometraggio “Una scelta”, del regista siracusano Giorgio Nanì La Terra. Una storia realmente accaduta a Siracusa, un delicatissimo tema affrontato tramite l’amore: due amori per esattezza. Amori che al giorno d’oggi non possono convivere nella medesima vita. Un cortometraggio ambientato negli anni 50, in costume, la cui genesi è così rievocata da Nanì La Terra: “Mesi fa ho realizzato un video per promozionare i 25 anni dell’AVIS di Palazzolo Acreide e in quell’occasione ho intervistato il dott. Nino Gibilisco (nella foto a fianco), che attualmente ricopre la carica di presidente provinciale dell’Avis. In quel momento il dott. Gibilisco mi esponeva un soggetto, da lui realmente vissuto, che mi ha fatto riflettere. Mi raccontava che, a 11 anni entrò in seminario presso l’Arcivescovado di Siracusa. Iniziò così a frequentare il seminario, con nel cuore il desiderio di abbracciare la vita sacerdotale. Durante la pubertà conobbe una ragazza, che voleva dedicarsi alla vita claustrale (nel corto viene chiamata Jo) verso cui Nino ha cominciato a nutrire un sentimento. Nel tempo Nino “ha dovuto fare una scelta” e con questo corto ci vuole trasmettere il significato di vivere anche se la stessa crea rinunce e logorio interno. Nel cortometraggio - sceneggiato da Luca Raimondi, ormai noto scrittore siracusano - si evince il percorso di questa scelta, i sentimenti, le emozioni e i colori di un tempo che se anche ormai passato, dimostrano la introspezione dell’autore nel leggere interiormente i piani, che in questo caso lo stesso sente, di Dio su di lui”.

locandina castingGiovedì 15 Maggio si apriranno i casting per la scelta degli attori di questo corto e successivamente si terrà una conferenza stampa in cui saranno senz’altro ringraziati la Consigliera Comunale Simona Princiotta, l’Assessore alla Cultura Alessio Lo Giudice e il Sindaco di Palazzolo Acreide Carlo Scibetta, per l’aiuto che hanno apportato affinché questo corto si realizzasse. Nella stessa occasione saranno presentati gli attori principali, i protagonisti che interpreteranno l’anima di questa vicenda ma anche i membri della troupe. In primis Enzo Prisciandaro, portatore di servizi RAI TGR regione Lazio che fornirà un drone professionale per le riprese aeree e le carrellate orizzontali e verticali oltre a tutto il supporto tecnico professionale che una narrazione cinematografica impone. Quindi Stefano Frassetto, palazzolese, che oltre ad occuparsi della direzione della produzione fornirà le apparecchiature fondamentali per la distribuzione della luce con kit altamente professionali di fari e luci atti a curare la fotografia. Elemento importantissimo è Moris Verdiani, di Roma, noto costumista cinematografico e televisivo che vanta numerose collaborazioni anche con Mediaset, Rai e Sky. Il fonico per la presa diretta dell’audio sarà Mariano Blanco che recentemente ha partecipato alla realizzazione di un film che è arrivato a Cannes. La scenografa Lucia Pisana sarà collaborata da Loredana D’amico e quest’ultima si occuperà anche delle acconciature. A Soriana D’amico invece è stato affidato il trucco. Quindi i preziosi ed indispensabili aiuto regia, Mariarosa Grasso di Acicatena (collaboratrice di un’importante azienda operante nel settore cinematografico) e Alessandro Campanella che si sta occupando tra le altre cose dello spoglio della sceneggiatura. La colonna sonora invece è a cura del Maestro Massimiliano Distefano (Maxim in arte) reduce di firma di un importante contratto discografico. Santa Valvo, maestra di scuola primaria, sarà la coach dei piccoli attori, bambini palazzolesi con i quali il regista ha già lavorato nella realizzazione di un cortometraggio didattico.

Sono molto gradite partecipazioni speciali con auto d’epoca anni 1950/max 1960 si ricercano arredamenti e scenografie e ogni tipo di oggettistica di quel tempo. Ogni contributo proposto sarà gradito. L’ambientazione del cortometraggio sarà nella citta di Siracusa e a Palazzolo Acreide. Le date delle riprese sono dal 9 al 13 Giugno 2014. L’appuntamento per i casting è quindi per giovedì 15 presso l’ex biblioteca comunale di Palazzolo Acreide dalle ore 10:30 alle 13:00 e dalle ore 16:00 alle 19:00. La direttrice dei casting è Mariarosa Grasso. Qui di seguito la descrizione dei personaggi:

Protagonista Nino: BAMBINO (11 anni)-ADOLESCENTE (18/24 anni)-ANZIANO (sulla 60ina). Protagonista Femminile JO: capelli e occhi (piccoli) castani, tratti mediterranei. JO ADOLESCENTE (18/24 anni)- JO ANZIANA (sulla 60ina).MAMMA NINO (tra i 35 e i 45 anni): capelli castani e occhi neri, tratti mediterranei. RETTORE (dai 45 anni in su): capelli bianchi, occhiali (superfluo), alto, corporatura media. SEBASTIANINA (tra i 18 e i 21 anni): classica mediterraneaLUCIA: classica mediterranea(tra i 15 e i 18 anni)BAMBINA (nipote): 5/7 anni circa - può essere sia bionda che moraSIGNORA LUCIETTA: tra i 40 e i 50 anni (signora che incontrano per strada nella partenza di NinoPIPPO, SEBY, BRUNO E CARMELO (amici di Nino): 11/13 anniGIOVANE PRETE (sulla 30ina) RESPONSABILE SEMINARIO (sulla 50ina) COMPAGNI DI NINO (18/24anni circa)AMICA DI JO (18/24 anni circa) SACERDOTE (sulla 50ina) LAVANDAIE Donne dai 30 ai 60 anni, GENITORI E BAMBINI SEMINARIO.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 12/05/2014 alle  14:56:18, nella sezione CRONACA,  909 letture)

granataHa preso il via con un comizio in piazza Duomo ad Augusta la campagna elettorale per le europee di Fabio Granata, candidato con la lista Green Italia-Verdi Europei. E’ stato presentato da Marco Stella che, ricordiamo, è stato il candidato del centrodestra nelle ultime elezioni comunali, battuto di stretta misura dal candidato del centrosinistra, incappato poi in una inchiesta della magistratura determinando il commissariamento per sospette infiltrazioni mafiose del comune megarese, in atto gestito da tre prefetti nominati dal Ministero dell’Interno. Ribaditi i punti cardine: stop all'industria della raffinazione e disco verde alla rigenerazione tramite le bonifiche, aprendo ai settori green. “La nostra campagna elettorale - ha detto Granata - è costruita sulla militanza e sulle battaglie che con coerenza e coraggio abbiamo portato avanti negli ultimi anni, sostenendo sempre che l'unica industria sostenibile sul nostro territorio è quella del turismo e dell'agricoltura”. Proprio ad Augusta Granata aveva presentato qualche tempo fa il movimento “Green Italia comunicando l’idea di lanciare una class action regionale “in nome del popolo inquinato” siciliano con il coinvolgimento dei cittadini di Siracusa, Melilli, Augusta, Priolo, Milazzo, Gela e altre aree inquinate, perché vengano accertate una volta per tutte le pesanti responsabilità della grande industria e delle istituzioni regionali e nazionali sulle immissioni inquinanti e velenose degli impianti esistenti, sui controlli compiacenti degli enti pubblici, sui sistemi di sicurezza non a norma e sulle mancate bonifiche. Fu sottolineata la mancanza di sicurezza e di controllo sui dati dell'inquinamento e i gravi rischi per la salute dei cittadini, che vogliono sapere la verità sulle cause e sugli effetti dell'inquinamento ambientale e quel che è ancora possibile fare in relazione alla sicurezza industriale. Cardine della campagna elettorale in corso il concetto che, venuta a mancare l’applicazione del principio di precauzione, si deve applicare il principio sancito a livello europeo che “chi inquina deve pagare”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 11/05/2014 alle  21:12:45, nella sezione CRONACA,  716 letture)

scuola«I finanziamenti per l’innovazione tecnologica nelle scuole non sono più in pericolo: la problematica è stata risolta». A comunicarlo è il deputato regionale Bruno Marziano, presidente della Terza commissione “Attività produttive” dell’Assemblea regionale siciliana, che si è occupato dell’accelerazione dell’iter per le gare di appalto relative al bando PON FESR “Ambienti per l’apprendimento” a cui hanno partecipato diverse scuole siciliane, ottenendo l’autorizzazione alla realizzazione di progetti per una somma pro capite di circa 75 mila euro. E lo ha fatto con una interrogazione e con un intervento diretto nei confronti dell’assessore alla Pubblica istruzione, Nelli Scilabra. A seguito delle autorizzazioni le scuole hanno provveduto ad indire bandi pubblici di gara per l’acquisizione delle attrezzature previste, adottando quale criterio di scelta del contraente quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa e selezionando commissari tra i funzionari delle stazioni appaltanti e non mediante sorteggio pubblico tra gli iscritti all’albo regionale Urega, Ufficio regionale per le gare d’appalto, come prevede la normativa regionale. Così sono stati sollevati vizi di legittimità riguardanti la composizione del seggio di gara e le scuole hanno chiesto chiarimenti al Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca. Il Miur ha scritto alla Regione dando ragione ai criteri utilizzati dalle scuole e chiedendo l’adeguamento. La Regione non aveva ancora fornito alcuna risposta e le scuole, tenute a rendicontare entro il 31 maggio 2014 le somme effettivamente impegnate, rischiavano di perdere i finanziamenti e quindi l’opportunità di ampliare le proprie dotazioni tecnologiche per la didattica.

«La problematica – ha dichiarato il deputato regionale, Bruno Marziano – è stata risolta. L’assessorato regionale, infatti, ha riconosciuto pertinenti le posizioni del ministero ed i finanziamenti non sono più in pericolo. Penso di poter dire con soddisfazione che l’intervento su questa vicenda ha determinato la soluzione di un problema delicato per decine e decine di scuole siciliane».

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 11/05/2014 alle  12:49:10, nella sezione EVENTI,  816 letture)

teatro grecoE’ iniziata venerdì 9 maggio la nuova stagione del Teatro Classico di Siracusa. Il Teatro Greco ha ospitato il primo spettacolo del 50° ciclo festeggiando quest’anno il centenario dell’Inda. Numeroso il pubblico delle grandi occasioni con le massime autorità cittadine e cariche istituzionali, tra cui l’onorevole Sofia Amoddio, gli assessori regionali Ezechia Paolo Reale e Mariarita Sgarlata, gli onorevoli Enzo Vinciullo e Pippo Gianni, il sindaco Giancarlo Garozzo e il vicesindaco Francesco Italia, il leader di Green Italia Fabio Granata. Presente in teatro l’artista Arnaldo Pomodoro, autore delle scene e dei costumi. Regista Luca De Fusco, interpreti Elisabetta Pozzi, non nuova alle scene del Teatro Greco, nelle vesti di Clitemnestra, la regina moglie di Agamennone, interpretato da Massimo Venturiello, Mariano Rigillo (Araldo), Mauro Avogadro (Sentinella), Giovanna Di Rauso (Cassandra) e Andrea Renzi (Egisto). Tra i corifei spiccano Massimo Cimaglia, Francesco Biscione e Piergiorgio Fasolo. La trama è nota: ad Argo, sul tetto della reggia degli Atridi, una sentinella attende da anni il segnale di fuoco che deve annunciare la presa di Troia. Finalmente il fuoco appare dalle vette dei monti: Troia è caduta e la sentinella ne porta notizia alla regina Clitemnestra. Il Coro dei vecchi argivi esulta, ma le espressioni di gioia per la fine dell’annosa guerra sono venate di toni angosciosi, agitate da oscuri presagi. Annunciato dall’araldo, Agamennone vittorioso torna alla reggia su un carro: accanto a lui è la concubina Cassandra, la figlia di Priamo sua preda di guerra. Clitemnestra lo accoglie, esultante. Dopo un lungo e animato dialogo con lo sposo, reduce dopo dieci anni di assenza, Agamennone entra nel palazzo, accettando di percorrere il sentiero tracciato dalla corsia di preziosa porpora rossa che Clitemnestra gli impone di calpestare. Rimane sulla scena Cassandra che, in preda al delirio profetico, è scossa dalle visioni di tutti i delitti, passati e futuri, che insanguinano la casa degli Atridi: la sventurata figlia di Priamo entra infine in scena e predice al Coro, sconvolto e incredulo, la sua propria morte, l’uccisione imminente del re per mano della regina, e quella futura di Clitemnestra (e del suo amante Egisto) per mano del figlio Oreste. Dall’interno della reggia si odono le grida di Agamennone, colpito a morte da Clitemnestra che irretisce lo sposo in un rito di macabra accoglienza e poi lo finisce con le sue stesse mani, colpendolo con la spada: la morte di Agamennone è anche una vendetta per il sacrificio di Ifigenia, la figlia prediletta sacrificata dal padre all’inizio della spedizione perché i venti spirassero propizi e consentissero alle navi degli Achei di salpare per Troia. Appare sulla porta della reggia Clitemnestra, dritta dinanzi ai cadaveri di Agamennone e Cassandra. Alle accuse del Coro che condanna la regina per l’uccisione dello sposo, Clitemnestra risponde rivendicando la giustizia del suo delitto, ultimo capitolo della sanguinosa maledizione che incatena da generazione la casata regale. Esce dal palazzo anche Egisto, figlio di Tieste che era stato vittima della crudeltà di Atreo, e rivendica un suo ruolo nel regicidio e le sue pretese sul trono di Argo: il Coro sbeffeggia l’arroganza e la boriosa prepotenza del vile Egisto, “donnicciola” che non ha saputo affrontare il cugino Agamennone ma ha lasciato alla regina il ruolo di protagonista nella progettazione e nell’esecuzione del piano omicida. L’intervento di Clitemnestra impedisce la colluttazione delle guardie di Egisto con il Coro dei vecchi argivi. “Basta sangue. Governeremo, insieme, da re” – queste le ultime parole di Clitemnestra, che si ritira nella reggia con a fianco il suo imbelle amante.

I cento anni dell’Inda sono stati così celebrati con una tragedia che richiama appassionati e cultori del teatro classico. Sabato 10 maggio è andato in scena anche Coefore /Eumenidi, regia di Daniele Salvo, con Paola Gassman, Francesco Scianna, Ugo Pagliai, Elisabetta Pozzi e con la partecipazione straordinaria di Piera Degli Esposti. Si recita fino al 22 giugno.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 05/05/2014 alle  20:29:25, nella sezione CULTURA,  861 letture)

manganaro felliniIl 6 maggio alle ore 18, presso il Salone Borsellino di Palazzo Vermexio a Siracusa, si terrà il secondo incontro del ciclo "Terra da scrivere", con Jean-Paul Manganaro e il suo Federico Fellini, presentato da Giovanni Di Maria, Fernando Gioviale e Salvo Gennuso. Introduce l’incontro Alessio Lo Giudice, Assessore alle Politiche Culturali. "Terra da scrivere": ovvero il rapporto fra scrittura e territorialità, laddove il tema del racconto si declina attraverso linguaggi e forme che narrano la storia di un paese, una terra che ci appartiene per nascita o per adesione. E’ un percorso simile quello che fanno Fellini e Manganaro: Fellini racconta l’Italia attraverso Roma, e attraverso un linguaggio che è quello del cinema. Manganaro, dentro un territorio che gli è appartenuto ma che vive da lontano, francese di origine italiana, si serve di Fellini per raccontarci a sua volta l’Italia. Fellini, il libro, diventa così il campo di sperimentazione di una lingua che serve a dire una storia che è la storia del cinema di quello che forse è il più grande regista della storia del cinema, ma è una lingua che racconta di un Fellini narratore, inventore di fiabe, cantore dell’Italia, una lingua quindi che narra essa stessa un paese: nessun regista più di Federico Fellini ha contribuito a costruire e diffondere nel ventesimo secolo il mito dell'italianità. Nessuno più di lui ha saputo raccontare in immagini il nostro paese, traducendolo in un complesso sistema di simboli, e diventando un simbolo egli stesso. In quarant'anni di carriera, attraverso una complessa elaborazione intellettuale, Fellini ha dimostrato come il sogno, la memoria, la poesia possano costituire la sostanza del fare cinema. Jean-Paul Manganaro procede in un’intima esplorazione dell’opera felliniana lasciando ampio spazio ai film – a ciascuno è dedicato un capitolo del libro – di cui svela l’architettura e definisce il codice estetico. Si compone così una moltitudine di echi, associazioni, eterni ritorni, mentre davanti ai nostri occhi scorre un’inedita storia dell’Italia contemporanea, insieme ai fotogrammi di una vicenda umana e artistica straordinaria. Jean-Paul Manganaro è professore emerito di Letteratura italiana contemporanea all’Università di Lille III. Profondo conoscitore dell’Italia, suo paese d’origine, ha pubblicato per Seuil Le Baroque et l’Ingénieur. Essai sur l’écriture de Carlo Emilio Gadda (1994) e Italo Calvino. Romancier et conteur (2000). Ha tradotto in italiano opere di Artaud e Deleuze e, in francese, romanzi e saggi di Gadda, Tomasi di Lampedusa, Calvino, Testori, Mari, Del Giudice, oltre alle Opere di Carmelo Bene, di cui è stato grande amico e sodale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 05/05/2014 alle  20:19:42, nella sezione LIBRI,  831 letture)

MARCO MIELEMarco Miele è uno scrittore di Piombino, terra ricca di tradizioni in provincia di Livorno - quasi Grosseto - un promontorio che si affaccia sull’Isola d’Elba, posto a me caro, ci sono nato e ci ho ambientato l’ultimo romanzo (Calcio e acciaio - Dimenticare Piombino, Acar). Nato nel 1963, pubblica dal 2011, ha al suo attivo due romanzi: L’umore del caffè (Multistampa srl, 2011 - ristampato da Govane Holden), Un pesce da aprire (Giovane Holden, 2013) e un paio di racconti lunghi usciti in antologie edite dal mio Foglio Letterario: Raccontare Piombino (2013) e Piombino in Giallo (2014). Marco Miele usa il giallo per raccontare la vita quotidiana della provincia maremmana, impiegando al meglio un personaggio seriale: il commissario Franco Danzi, detto il Nero, che torna da Roma a Piombino dopo un matrimonio fallito, rivede i vecchi amici e riscopre i sapori della vita passata. Nel primo libro il Nero deve risolvere un mistero d’annata, un omicidio sulla spiaggia le cui indagini vengono riaperte e conducono a un’imprevista soluzione. Nel secondo romanzo - più maturo e anche ben realizzato a livello editoriale - deve risolvere un omicidio contemporaneo e scagionare un vecchio amico da un’accusa infamante. I due romanzi sono ambientati in una perfetta scenografia maremmana, scritti ricorrendo al dialogo, dosando pittoresche espressioni vernacolari e inserendo piccanti situazioni erotiche. I due romanzi tecnicamente sono definibili come gialli, perché c’è un mistero da risolvere, tra l’altro appassionante, ben mimetizzato tra indizi contraddittori, ma sono anche racconti ironici, frizzanti e scorrevoli, scritti in modo appassionato e divertente. Il Nero ritrova una banda di amici dei vecchi tempi, ricorda la giovinezza, preti sporcaccioni, amiche disponibili ed esperte nell’arte amatoria, compagni d’avventura dai nomignoli strani (L’Ora, Legno, Zero…); con quel gruppo trascorre serate sul mare davanti a un tramonto e in locali del centro bevendo birra e consumando patatine fitte. Ginepre è una minuscola Piombino, un paese di fantasia localizzabile nei pressi di Populonia Stazione, tra San Vincenzo e Baratti, un luogo popolato da mille anime, ma che possiede la sua Scuola Magistrale, piena zeppa di femmine da tampinare. Molto camilleriana come scelta, anche perché nel racconto convivono location realistiche (Piombino, Cecina, Isola d’Elba…) e il paese fantastico ideato dall’autore. Il Nero, paradossalmente, è il personaggio meno tratteggiato psicologicamente rispetto al gruppo, ma nel secondo volume resta memorabile uno scontro generazionale tra padre e figlio che si conclude con una cena a base di stoccafisso.

MARCO MIELEAbbiamo avvicinato Marco Miele - senza grande difficoltà perché entrambi piombinesi - per avere qualche informazione di prima mano sulla sua attività di giallista.

Perché il giallo?

Il giallo, oltre a essere un appassionato, mi ha dato l’opportunità di raccontare storie che con il genere hanno poco da spartire. L’amicizia e la vita reale, sono temi che mi sono più cari. Il giallo è un pretesto.

 Ti trovi bene a gestire un personaggio seriale?

Il protagonista dei due racconti, Franco Danzi detto il Nero, è suo malgrado il carattere descritto meno, viene intuito dai comportamenti, suoi e dei suoi amici, comprimari, coprotagonisti. Il protagonista seriale si muove in diversi spazi temporali, e mi è piaciuto tratteggiarne i cambiamenti nel tempo, suoi degli amici e del territorio che li circonda.

La scenografia dei luoghi conosciuti (Piombino e Val di Cornia) quanto è importante nei tuoi romanzi?

Ginepre è un luogo di fantasia, ma tutto quello che c’è intorno è reale. Il territorio della Maremma è il protagonista silenzioso. I luoghi dove si ambientano gli eventi salienti di entrambi i racconti, sono verificabili, passo dopo passo, i luoghi veri e reali, e soprattutto indispensabili e insostituibili.

Perché l'uso del vernacolo toscano?

Ho cercato di trasferire la lingua parlata nella realtà, specie in certe fasce d’età, per rendere ancora più realistici i protagonisti. poi diciamo la verità noi toscani in generale, i maremmani in particolare, anche i più ostinati non riusciamo a togliere del tutto il “nostro” vernacolo.

Progetti per il futuro…

Quest’estate, partecipo alla raccolta Piombino in Giallo, spero di pubblicare prima della fine del 2014, dopo i primi due, il terzo e conclusivo episodio di quella trilogia da me definita da me del Caffè. Poi si vedrà quel che sarà…

Marco Miele è un talento naturale, imbastisce storie avvincenti, le ambienta con naturalezza in location conosciute, rende a dovere la suspense ricorrendo a trucchi del mestiere, racconta lo scorrere del tempo, il cambiamento di luoghi e situazioni. In una parola fa letteratura, con la elle minuscola, certo, ma letteratura…

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 04/05/2014 alle  09:40:26, nella sezione CRONACA,  742 letture)

coltraroLunedì 5 maggio, alle 10,30, i responsabili regionali del "Movimento SAL" (Sviluppo, Autonomia, Lavoro) e di "Articolo 4" terranno una conferenza stampa su alcuni temi politici. L’incontro avverrà nella sala conferenze del Grande Albergo Alfeo, in via Nino Bixio 5 a Siracusa. Saranno presenti il deputato regionale presidente del Movimento SAL, notaio Giambattista Coltraro (nella foto), che ha appena lasciato il Megafono, il segretario regionale di "Articolo 4", Lino Leanza, il coordinatore provinciale Salvo Sorbello e l'assessore regionale all'Agricoltura Paolo Ezechia Reale. Presentati alcuni progetti politici condivisi, in particolare nel settore dell'agricoltura, e ipotesi di convergenze per alcuni appuntamenti di elezioni amministrative che si terranno in concomitanza alle europee a partire da quella sul candidato sindaco di Pachino Emanuele Rotta. Secondo il presidente del SAL, Giambattista Coltraro, il progetto del Megafono è ormai tramontato perché non ha saputo mantenere le caratteristiche iniziali di un rapporto costante con il territorio e la gente, per questo motivo il deputato regionale ritiene che adesso sia “necessario ripartire con un nuovo progetto politico che possa riunire tutte le anime moderate del centrosinistra”, e in particolare avere come riferimento l'azione di Matteo Renzi attraverso un dialogo preferenziale con Davide Faraone, che in Sicilia rappresenta il Presidente del Consiglio.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 03/05/2014 alle  13:35:05, nella sezione CULTURA,  752 letture)

loc sicilia scriveSalvo Cavallaro, specializzato in racconti; Valentina Carmen Chisari, giornalista, il cui primo libro è dedicato alla letteratura per l’infanzia; Luca Raimondi, autore di saggi e romanzi: tre autori, introdotti da Cristina Gianino e moderati dalla giornalista Rosa Tomarchio, che converseranno riguardo le diverse forme con cui la letteratura può raccontare le sue storie e racconteranno le loro traversie di scrittori in una terra, la Sicilia, tanto ricca di spunti e stimoli quanto avara in termini di lettori e di attenzione verso la cultura e verso coloro che, nel loro piccolo, se ne fanno promotori. L’evento si terrà domenica 4 maggio alle 18,30 presso il Biblios Cafè di Luisa Fiandaca, in via del Consiglio Regionale 11 Ortigia, nel centro storico di Siracusa, Ortigia.

I tre autori si riuniscono per la terza volta, dopo essere stati già ospitati ad Acireale e a Catania. Salvo Cavallaro, acese di professione avvocato, si è finora dedicato alle “short stories” , esordendo nel 2011 con “Ma di cosa stiamo ancora parlando” e diventando direttore della collana di racconti “Vervain” della casa editrice Carthago, presso cui ha di recente pubblicato una seconda raccolta dal titolo “Date dai mangiare ai pesci”.

Nata e cresciuta a Catania, Valentina Carmen Chisari si laurea in Scienze Politiche nel 2005 discutendo una tesi sperimentale sul giornalismo e riportando il massimo dei voti; nello stesso anno ottiene l’iscrizione all’Albo dei Giornalisti Pubblicisti. La sua passione è da sempre la scrittura che coltiva attraverso la collaborazione con il quotidiano “La Sicilia”, con altre testate giornalistiche e mediante la stesura di racconti; del gennaio 2013 è la pubblicazione del suo primo libro di racconti illustrati per bambini "Racconti dall'isola magica. La Sicilia e i suoi colori", Inkwell edizioni, avente come protagonisti i frutti della Sicilia che si fanno portavoce di valori umani.

Luca Raimondi augustano trapiantato a Siracusa, ha esordito nel lontano 1996 e successivamente si è laureato due volte presso l’Università di Catania; tra la provincia aretusea e il mondo accademico etneo ha ambientato il suo ultimo romanzo “Se avessi previsto tutto questo”, così come il prossimo che uscirà tra qualche mese, sempre le Edizioni Il Foglio e sempre con lo stesso protagonista, Carlo Piras, che continua così il suo percorso di formazione temporalmente collocato negli anni Novanta. Appassionato di cinema e fondatore del “Corto Siracusano Film Fest”, è attivo anche come regista e sceneggiatore.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/04/2014 alle  10:00:33, nella sezione CRONACA,  778 letture)

assemblea kiwanisSi è svolta lunedì 28 aprile presso i locali dell’Università Popolare di Augusta l’Assemblea Generale Ordinaria dei Soci del Kiwanis Club per l’elezione del Comitato Direttivo dell’anno sociale 2014-2015. All’unanimità votata la presidenza per il prossimo anno sociale del dott. Salvatore Cannavà che succederà quindi nella conduzione del prestigioso sodalizio augustano all’attuale presidente in carica dott. Raimondo Raimondi. Nel corso dell’Assemblea sono stati eletti anche i rappresentanti del Club, i tre effettivi (di cui due, Presidente e Presidente Designato, definiti dallo Statuto del Club) e i tre supplenti, alle prossime Convention del Distretto (Ferrara 13/14 Giugno 2014), del Kief (Annecy Francia 28/31 maggio 2014) e del KI (Tokio 17/20 luglio 2014).

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 288 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (253)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (118)
CRONACA (735)
CULTURA (201)
EDITORIALI (26)
EVENTI (353)
LIBRI (207)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020

Gli interventi più cliccati

< luglio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             


Titolo

 



Titolo

Le fotografie più cliccate


Titolo


14/07/2020 @ 22:03:40
script eseguito in 361 ms