Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 14/06/2014 alle  09:09:04, nella sezione ARTE,  628 letture)

Sabato 15 giugno alle 20,00 si inaugura presso la Galleria Civica Arte Contemporanea Montevergini di Siracusa la Mostra “Fimmine di terra omnia” di Angela Carrubba che elabora immagini dedicate a sette divine sublimi immortali eroine della mitologia greca. Con questa inedita mostra dedicata alle eroine greche, l’artista Angela Carrubba torna nella sua città natale con un lavoro concepito appositamente per il centenario della rappresentazione delle tragedie greche a Siracusa. Attraverso un suggestivo allestimento fatto di teli, installazioni, video, performance e fotografie Angela Carrubba consegna all’arte sette eroine della mitologia greca: Medea, Andromaca, Alcesti, Antigone, Ifigenia, Elettra ed Elena. Eroine o semplicemente donne, divine e umane, sublimi e mortali, ma sempre eterne; le loro tragiche vicende “trasudano” nei pigmenti materici utilizzati dall’artista con una tecnica propria. Ogni eroina è interpretata con un colore pieno e i forti contrasti cromatici di oro, argento, bronzo, bianco, viola, rosso porpora, blu e ocra sono impressi su lunghi teli di lino che costituiscono il corpus della mostra. Completano la mostra le fotografie di Giovanni Gastel e Franca Centaro e un video dei registi Nicola Artico e Dimitri Pintaldi che documentano il back stage del lavoro artistico. La mostra resterò aperta al pubblico dal 15 al 29 giugno (chiusura lunedì: h. 9.00/13.00 – 16.00/20.00)

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 13/06/2014 alle  14:48:19, nella sezione LIBRI,  1025 letture)

IL CIRCOLO UNIONESotto il patrocinio della locale sezione della Fidapa e del Kiwanis Club di Augusta, giovedì 19 Giugno 2014 alle ore 18,30 nel Salone di rappresentanza del Circolo Unione di Augusta (nella foto), in Piazza Duomo 3, verrà presentato il libro “L’undicesima” di Raimondo Raimondi, edito dalle Edizioni Il Foglio di Piombino. Introdurrà la serata Rosalba Amara Partinico, presidentessa Fidapa, relazionerà la professoressa Gabriella Rista, docente di Lettere presso il Liceo Classico Megara di Augusta, leggeranno alcuni brani del libro Gaetana Bruno Ferraguto e Lucia Imprescia. Seguirà un intervento musicale al pianoforte del maestro Salvino Strano che eseguirà alcune colonne sonore da film.

Il libro racchiude undici racconti che, in massima parte, possono inquadrarsi nel filone delle crime stories. In questi racconti noir si agita una schiera di personaggi accomunati da una personalità border line, che spesso smarriscono ogni naturalezza, ogni umanità, ogni valore condiviso.locandina evento “L’undicesima” sta registrando un buon successo di critica e di pubblico ed è stato recensito su tanti giornali e riviste e su numerosi siti web dedicati alla letteratura. Gode di una presentazione della scrittrice Veronica Tomassini, giornalista del Fatto Quotidiano, e di una foto di copertina di Luca Morreale.

Tra le tante recensioni vale la pena citare un brano dell’articolo di Roberto Mistretta, pubblicato nella rubrica “Scaffale” del quotidiano La Sicilia: “In Italia viene veicolato l'erroneo messaggio che i libri di racconti non allettino i lettori. Tuttavia di fronte alle autentiche perle che Raimondo Raimondi è riuscito a incastonare nella sua ultima opera, "L'undicesima", con scrittura elegante e forbita ma mai pedante, non si può restare indifferenti. L'autore usa la penna come un bisturi per incidere nei mali della nostra opulenta ed egoistica società. Undici racconti che sono undici pugni nello stomaco. Ed ogni racconto è introdotto da un inciso di noti autori che preludono al dipanarsi della storia. E undici sono le vittime innocenti che una dopo l'altra, in questo racconto così reale da ricalcare la cronaca nera, vengono barbaramente pugnalate da un anonimo impiegato che sfoga sulle donne di strada, la sua sete di sangue. Il femminicidio dei nostri giorni….Ché questo pregio hanno i racconti di Raimondi, di raccontare la nostra realtà con l'occhio disincantato d'un autore da conoscere e far conoscere”.

Raimondo Raimondi vive tra Augusta e Siracusa. Scrittore e giornalista, ha pubblicato libri di poesia, narrativa e saggistica ed ha curato l’edizione di numerosi cataloghi d’arte. Componente del Comitato Direttivo del Museo Civico di Augusta, è direttore responsabile della testata giornalistica Dioramaonline.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 12/06/2014 alle  18:29:41, nella sezione LIBRI,  705 letture)

zappullaSalvo Zappulla è un ottimo scrittore siciliano che leggo dai tempi della sua collaborazione con Terzo Millennio, editore serio e onesto, ragion per cui ha dovuto chiudere bottega. Scrive di critica letteraria su "La Sicilia", "La Voce di Romagna", "Il Sud", "La Voce dell’Isola"... Ha pubblicato fiabe, racconti, romanzi, commedie, vincendo premi importanti e classificandosi al secondo posto con un’opera teatrale presentata al prestigioso premio Troisi (2006). Il nuovo romanzo, "Kafka e il mistero del processo" (edito da Melino Nerella), resta nel solco della sua miglior narrativa per quel che riguarda uno stile sobrio, piano, lineare, composto da un dialogare continuo, senza perdersi in elucubrazioni letterarie. Zappulla ama il grottesco, segue le orme di Pirandello e Kafka, per creare la figura di uno scrittore raccomandato da uno zio onorevole che un editore pubblica per compiacere l’importante parente. Un bel giorno il politico cade in disgrazia e l’editore - un burbero meridionale innamorato del suo lavoro - rifiuta l’ultimo manoscritto bucolico e retorico, invitandolo a scrivere qualcosa veramente originale. A questo punto inizia il romanzo umoristico, una sorta di Castello kafkiano in salsa sicula, corretto secondo lo stile di Zappulla. Lo scrittore deve subire la ribellione del personaggio (Pedro Escobar) che a un certo punto rifiuta di tornare a condurre un’esistenza grigia al fianco di una moglie noiosa, brutta e pedante. Non solo. Lo scrittore finirà in prigione, dopo un processo surreale e al termine di una requisitoria della Pubblica Accusa che condanna il suo stile e la sua creatività. Inutile difendersi mettendo di fronte a chi lo accusa illustri precedenti: Kafka ("Il castello", "La metamorfosi"), Flaubert ("Madame Bovary"), Buzzati e persino Dante Alighieri. Il romanzo procede per capitoli alterni, con il personaggio che vive di vita propria, incontra Madame Bovary, Pinocchio, La piccola fiammiferaia, Attila..., con loro conversa e scambia opinioni, indagando la vera natura che esprimono, ben oltre le intenzioni narrative.

Un romanzo grottesco, umoristico, di facile lettura, ma che vuol essere una critica serrata a un mondo editoriale diventato un supermercato, un surrogato dell’incultura televisiva, un luogo frequentato da nani, ballerine, calciatori, veline, scrittori panettone, narratori del niente. Ho scritto qualcosa di simile un sacco di anni fa ("Quasi quasi faccio anch'io un corso di scrittura", "Nemici miei", "Velina e calciatore, altro che scrittore!"), ma mi rendo conto con tristezza che il mercato editoriale non solo non è cambiato, ma è persino peggiorato. La sola alternativa per gli scrittori veri - animati dal sacro fuoco delle lettere che scrivono solo quando hanno qualcosa da dire - è seguire il consiglio dell’editore - personaggio del romanzo di Zappulla: darsi all’agricoltura biologica. Pure per coltivare zucchine serve creatività, in fondo. Inoltre si tratta di un mercato puro, non inquinato da un mare di escrementi che galleggiano in un liquido informe, voluto dall’Editore Unico Nazionale che presto avrà un Distributore Unico Nazionale (PDE - Messaggerie). Editori e Scrittori veri - vi scrivo con la lettera maiuscola - cosa aspettate a ribellarvi? Nel frattempo, leggiamo Zappulla, ché il romanzo merita.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 12/06/2014 alle  18:16:08, nella sezione CULTURA,  569 letture)

PIERA DEGLI ESPOSTIPiera degli Esposti, la sua carriera, la sua vita, l’amore per il teatro. Una serata interamente dedicata a lei, attraverso una conversazione con Manuel Giliberti. E’ il tema di un incontro che si terrà sabato 14 giugno presso la Casa del Libro di Marilia Di Giovanni, in via Maestranze a Siracusa. Una conversazione sul filo dei ricordi con al centro il Teatro Greco di Siracusa, cui l’attrice è da sempre legata e dove, in questi giorni, recita per la sua sesta volta nel ruolo di Atena in Coefore-Eumenidi per la regia di Daniele Salvo, interpretazione che segna il suo ritorno al teatro dopo quasi dieci anni di assenza dalle scene.

Ricordi e passione che sono anche quelli che Giliberti racconta in “Bravo lo stesso - Il teatro di Piera degli Esposti”, Lombardi editore, un libro il cui titolo riprende una frase che Giorgio de Chirico disse all’attrice agli inizi della sua carriera. Il libro di Giliberti ricostruisce per intero la carriera dell’attrice, attraverso commenti critici, immagini e note dell’autore.

Il commissario straordinario, Alessandro Giacchetti, ha recentemente consegnato a Piera Degli Esposti il Premio alla Carriera, un riconoscimento che la Fondazione INDA ha voluto assegnare a una donna e un’attrice che rappresenta il teatro, il cinema e la televisione nel panorama italiano e internazionale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 12/06/2014 alle  18:13:41, nella sezione CRONACA,  660 letture)

SAL TASI“Il Comune di Siracusa proroghi la scadenza della Tasi al 31 luglio e attivi un numero verde per chiarire i tanti dubbi dei cittadini”. Lo chiede l’on. Giambattista Coltraro, presidente del movimento Sal - Sviluppo, autonomia, lavoro e segretario della Commissione Attività produttive dell’Ars. “In Italia 6.000 Comuni hanno fissato la data di scadenza per il pagamento della Tasi al 16 ottobre - continua il deputato regionale Giambattista Coltraro - mentre 2.000 Comuni al 16 giugno. Siracusa fa parte di questi ultimi, ma almeno l’amministrazione comunale si prodighi per venire incontro alle tante difficoltà registrate dai residenti, e da quelli anziani soprattutto, costretti a fare file interminabili all'Ufficio tributi o nei Caf. Per questo si potrebbe scegliere di percorrere la strada già seguita da altri Comuni, come quello di Bologna, dando ai cittadini la possibilità di pagare la Tasi fino al 31 luglio senza rincorrere in alcuna sanzione, attivando subito un numero verde, a cui i cittadini potranno rivolgersi per ottenere tutte le informazioni”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Luca Raimondi (pubblicato il 09/06/2014 alle  10:18:55, nella sezione EVENTI,  1108 letture)

MARIO VENUTISi è conclusa domenica la quarta edizione del Festival Internazionale del fumetto e della cultura pop, meglio conosciuto come “Etna Comics”. Dal 6 all’8 giugno, presso le Ciminiere di Catania, si è rinnovata con successo una kermesse che ormai è diventata un appuntamento imperdibile per quantità e qualità di ospiti, idee e proposte, il cui direttore è Antonio Mannino, coadiuvato da tantissimi validi collaboratori. Inviato per conto di Diorama, mi sono subito perso tra decine e decine di padiglioni, mostre, incontri con ospiti a dir poco eccellenti, nazionali e persino internazionali: per dirne uno, mi sono subito imbattuto in Greg Capullo, disegnatore della testata regolare di Batman. Nella stessa sala, a seguire, è stato chiamato a parlare della sua passione per i fumetti persino il cantante Mario Venuti (nella foto a sinistra). ROBERTO RECCHIONIOvviamente la parte del leone l’ha come al solito interpretata la Sergio Bonelli Editore, che ha inviato nella città etnea il nome forse attualmente di maggiore fama nell’ambito dei comics nostrani, vale a dire Roberto Recchioni (nella foto a destra ingobbito per accontentare i tanti fan che chiedevano una dedica o un autografo), oggi curatore di Dylan Dog (per cui ha scritto memorabili sceneggiature, tra cui il celebrato “Mater Morbi”, di cui era in mostra una pregevole edizione rilegata), ma anche autore di serie di culto come “John Doe” e la recente nuova serie di science-fiction “Orfani”. Assieme a lui, presenti anche altri autori dell’Indagatore dell’incubo, Alessandro Bilotta (anche ideatore della serie “Valter Buio” nonché story editor dei cartoni animati di “Winx Club”, nella foto in basso a sinistra), la disegnatrice Daniela Vetro e Fabio Celoni, ALESSANDRO BILOTTAsceneggiatore e disegnatore dell’ultimo numero dylandoghiano “I raminghi dell’autunno”, un riuscito omaggio alle atmosfere fantastiche di Ray Bradbury, di cui erano in mostra tutte le 94 tavole originali, un piatto davvero succulento. Come del resto succulente erano anche altre mostre, da quella per il 75° anno di Batman (con esposizione di memorabilia, gadget e schizzi originali) a quella dedicata al più celebre maestro vivente di fumetti erotici, Milo Manara (nella foto in basso a destra), anch’egli presente per incontrare il pubblico e tenere un workshop. Quelli che ho ricordato sono solo una piccola parte dei tantissimi nomi presenti in un programma davvero ricco e costruito con attenzione e intelligenza, con momenti anche di musica live (venerdi sera Cristina D’Avena ha fatto il pienone ripercorrendo le sue celebri sigle dei cartoni animati, sabato è statamilo manara la volta della cantante Fumika, per la prima volta in Europa per la felicità dei tanti appassionati della cultura nipponica, domenica di Clara Serina e dei Raggi Fotonici) ed esibizioni di ogni genere e tipo: ricostruzioni medievali, tornei fantasy, corsi per diventare ghostbusters, esperti di tecniche jedi e nell’uso delle spade laser, tiri con l’arco, poligoni di tiro, possibilità dif arsi fotografare insieme a Darth Vader e all’imperatore Palpatine o con uno straordinario sosia del pirata dei caraibi Johnny Depp… Tra i tanti eventi dell'ultima giornata, da segnalare almeno la presenza di Paolo Di Orazio, nome legato alle storiche testate di horror a fumetti “Splatter” e “Mostri” e gli imperdibili workshop con Leo Ortolani, popolare autore di “Rat-man”, e Giuseppe Palumbo (disegnatore di “Martyn Mystere” e “Diabolik”).

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 08/06/2014 alle  20:50:22, nella sezione CRONACA,  613 letture)

azzardo“Esprimo soddisfazione per la strada tracciata dal Comune di Siracusa, primo capoluogo d’Italia ad aver scelto di sostenere concretamente gli esercenti che rinunciano formalmente all'utilizzo, nelle loro attività commerciali, di videolottery, apparecchi con vincite in denaro, slot machine”. E’ quanto afferma l’on. Giambattista Coltraro, segretario della Commissione Attività produttive dell’Ars e presidente del movimento Sal - Sviluppo, autonomia, lavoro, che continua: “L’emendamento al regolamento della Tari, proposto dal consigliere comunale Salvo Sorbello, che riconosce a questi commercianti una riduzione del 30% sulla tariffa per la raccolta dei rifiuti, rappresenta un atto importante e soprattutto concreto che, come Sal, intendiamo riproporre nei Consigli comunali dove siamo presenti”.

 Il movimento Sal, al fianco delle vittime del gioco d’azzardo e delle loro famiglie, intende promuovere una serie di iniziative per tutelare le persone fragili, e quelle più giovani in particolare, evitando che cadano nella spirale illusoria e perversa della ricerca della ricchezza facile. Tali iniziative saranno presentate lunedì 9 giugno, alle ore 12, nel corso di una conferenza stampa che si terrà nella sede di Sal a Siracusa, in corso Gelone 63. Alla conferenza stampa parteciperanno il deputato regionale Giambattista Coltraro e il coordinatore provinciale di Articolo 4 e delegato nazionale dell’Anci per la Famiglia, Salvo Sorbello.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 08/06/2014 alle  20:49:37, nella sezione CRONACA,  616 letture)

villa reimannSi è riunito a Siracusa giovedì 5 giugno il gruppo di associazioni denominato “Save Villa Reimann” che ha come obiettivo il ripristino delle volontà testamentarie della nobildonna danese. Alla riunione, presieduta da Marcello Lo Iacono, erano presenti la dott.ssa Concetta Vinci, consigliere comunale, le prof.sse Lucia Acerra e Liliana Gissara per la Sezione Siracusana di Italia Nostra, Antonio Gentile per l’associazione “Syrakosia“, Salvatore Gentile per Onda Sicula-Siracusa Libera, Alessandro Maiolino, Annalisa Romano e Giuseppe Privizzini per Giovani per Siracusa e Maria Vernali. Erano presenti anche, per la prima volta, Roberto Fai e Aldo Castello per Agire Solidale ed Ermanno Adorno. Durante la riunione i convenuti hanno stilato un promemoria da presentare all’Amministrazione Comunale, mentre continua il monitoraggio di tutte le proprietà della Reimann. “Impressione positiva sulla riunione svoltasi giovedì scorso a Villa Reimann, – afferma la presidente di Italia Nostra, Lucia Acerra – Forse è un altro “ regalo” della Signorina perché per la prima volta ho colto tra i partecipanti un vero spirito di collaborazione per il raggiungimento dello scopo comune, senza “fughe in avanti” ma con ponderazione si sono stabiliti i capisaldi delle nostre azioni che porteremo avanti a supporto delle decisioni dell’Amministrazione che è espressamente chiamata a mettere fine a tanti anni di incuria dovuta soprattutto alle gestioni degli ultimi dieci anni. Mi auguro di proseguire in questo comune cammino di legalità e richiesta di trasparenza per tutto ciò che riguarda il patrimonio Reimann, nell’interesse della città, lontani dai soliti individualismi, che molto spesso hanno caratterizzato altre “ buone intenzioni”, per potere dare attuazione completa alle volontà testamentarie, così chiaramente espresse dalla Signorina Reimann in favore “dell’elevazione culturale e sociale della città di Siracusa”. “Oggi sono contentissimo del lavoro fatto e delle informazioni scambiate che hanno fatto ulteriore luce sulla figura di Christianne Reimann e sull’abbandono del suo patrimonio fino ad adesso – afferma Marcello Lo Iacono - Qualcosa si muove, ma chiederemo più impegno all’Amministrazione”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 08/06/2014 alle  20:48:59, nella sezione CRONACA,  543 letture)

kiwanis club etneoI soci del Kiwanis Club Etneo sono arrivati domenica 8 giugno nella città di Augusta, ricevuti da una delegazione del Kiwanis augustano composta dal presidente in carica dott. Raimondo Raimondi, dal past luogotenente ing. Domenico Morello, dal segretario ing. Nino Valastro e dall’Avv. Antonello Forestiere, kiwaniano, direttore del Museo della Piazzaforte sito in piazza Duomo, che è stato visitato dagli amici catanesi che hanno potuto ammirare gli interessanti e rari reperti che il museo espone. Un momento cerimoniale di scambio dei rispettivi guidoncini è avvenuto nella mattinata tra i presidenti dei due clubs, Graziella Bonanno per il club etneo e Raimondo Raimondi per il club augustano. Visitata anche la Chiesa Madre, poi il gruppo si è spostato alla banchina torpediniere, dove i mezzi nautici del gruppo barcaioli hanno caricato i visitatori portandoli nei forti Garsia e Vittoria che sorgono proprio in mezzo al porto di Augusta. Dopo il pranzo nel caratteristico locale “Archi Vuoti” tutto il gruppo si è spostato verso l’hangar per i dirigibili, monumento militare unico nel suo genere in tutta Europa, aperto per l’occasione alla fruizione dei soci kiwaniani.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 06/06/2014 alle  09:13:10, nella sezione LIBRI,  648 letture)

libri a imperiaLa Fiera del Libro 2014 è sbarcata ad Imperia in un momento in cui la città sta soffrendo molto per le tragiche notizie prima del pastificio Agnesi, poi della Porto di Imperia SPA, e questa tre giorni dedicata alla cultura è stata una vera e propria boccata di aria fresca. Presenti numerose realtà editoriali italiane di grande caratura e tantissimi piccoli editori, il nerbo di una nuova dimensione della letteratura, aperti ai giovani e agli esordienti e spesso scopritori di veri talenti prima misconosciuti. Presente anche Gordiano Lupi in uno stand con le pubblicazioni del “Foglio Letterario” che ha presentato il suo “Calcio e Acciaio - dimenticare Piombino” partecipante al Premio Strega 2014. Tra i libri di vari autori editi dal “Foglio” presentati alla Fiera del Libro di Imperia spiccano il romanzo “Se avessi previsto tutto questo” di Luca Raimondi e i racconti de “L’undicesima” di Raimondo Raimondi. I due autori siciliani (padre e figlio, vivono a Siracusa e ad Augusta) stanno lavorando insieme alla stesura di un romanzo storico ambientato nella Sicilia del Seicento.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 05/06/2014 alle  11:23:39, nella sezione CULTURA,  633 letture)

silviaSabato 7 giugno alle ore 21,00 nella sala di rappresentanza del Circolo Unione, in piazza Duomo n.3 ad Augusta, sarà presentato a cura della Libreria Mondadori il nuovo romanzo della scrittrice Silvia Avallone (nella foto) dal titolo “Marina Bellezza”. Un evento importante per Augusta visto che con il suo romanzo d’esordio, “Acciaio” (Rizzoli, 2010), la Avallone ha vinto il premio Campiello Opera Prima, il premio Flaiano, il premio Fregene, e si è classificata seconda al premio Strega 2010. Il romanzo è stato tradotto in 22 lingue e in Francia, con “D’Acier”, ha vinto il Prix des lecteurs de L’Express 2011. Da “Acciaio” è stato tratto il film omonimo, per la regia di Stefano Mordini, con Michele Riondino e Vittoria Puccini, prodotto da Palomar. “Se con Acciaio Silvia Avallone aveva anticipato la fine di un benessere che credevamo inesauribile, con "Marina Bellezza" ci dice che il destino non è già segnato e la vera rivoluzione sta nel rimanere, nel riappropriarci della nostra terra pezzo per pezzo, senza mai arretrare, perché anche se scalzi, furiosi e affamati, è certo che ce la faremo”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 03/06/2014 alle  14:14:16, nella sezione LIBRI,  678 letture)

LUPO ALBERTOLupo Alberto nasce nel 1974, sul "Corriere dei Ragazzi", storica rivista per adolescenti da tempo chiusa, lasciando solo Il "Giornalino" della San Paolo a difendere un mondo che non esiste più, conquistato da televisione e media telematici. Viene da chiedersi - proprio per questo motivo - se ci sono ancora lettori di fumetti per ragazzi, oppure se certe (benemerite!) operazioni di riscoperta sono riservate a un pubblico di nostalgici. Per me che sono nato nel 1960 e ho scoperto Lupo Alberto nel 1974, incuriosito da un nome che conteneva una voluta citazione di un grande attore teatrale e televisivo (Alberto Lupo), non è difficile esprimere gradimento e complimentarmi con un editore lungimirante. Sono tempi di crisi, il fumetto comico non incontra più il favore del lettore, capolavori come Mafalda, Sturmtruppen (del compianto Bonvi) e Cattivik - tutti in catalogo Salani - sono dimenticati dal grande pubblico che li acclamava negli anni Settanta. In compenso assistiamo alla tristezza di Gipi al Premio Strega, celebrato in TV da Fabio Fazio, come sempre compiacente con tutto quel che viene - di buono o di cattivo - da certi ambienti della sinistra. Ma basta con le polemiche. Cerchiamo di convincere, invece, i giovani di oggi ad appassionarsi alle storie di un lupo dal pelo azzurro (purtroppo il libro per motivi economici è stampato in bianco e nero), innamorato di una gallina di buona famiglia di nome Marta e in perenne lotta con un cane da guardia chiamato Mosè. I personaggi non finiscono qui, c’è anche Enrico la talpa che non ci vede un tubo, ha ribattezzato con il nome Beppe il nostro Alberto ed è sposato con Cesira, una moglie petulante che cucina divinamente. La struttura delle storie è ripetitiva, ma non per questo meno geniale e divertente, ricalcata sullo schema del coyote della Warner Brothers che cerca di catturare lo struzzo. Il lupo tenta di intrufolarsi nel pollaio per amoreggiare con Marta, di solito non ci riesce, becca un sacco di legante da Mosé, mentre Enrico lo incoraggia.

Per festeggiare i quarant’anni di Lupo Alberto, la casa editrice Salani ha organizzato una mostra itinerante che è partita da Fano il 27 febbraio e finirà a Correggio il 12 dicembre. Molte le tappe intermedie: Napoli, Milano, Albissola, Marostica, Rovigo, Catania, Fano, Cagliari, Udine, Lucca, Torino… Il 2014 sarà l’anno di Lupo Alberto, con nuovi gadget e tanti libri dedicati al lupo più simpatico del fumetto italiano.

Guido Silvestri (1952), in arte Silver, comincia l’avventura con un striscia comica intitolata La Fattoria dei McKenzie, ma il nome che s’impone è quello del protagonista. Le strisce - pensate sul modello di quelle statunitensi - cominciano a diventare brevi racconti e il fumetto si guadagna persino una testata autonoma che durerà in edicola per molti anni. Altri tempi. Erano gli anni Settanta - Ottanta. I ragazzini leggevano i fumetti e i genitori disapprovavano. Adesso capita di avere una figlia di sette anni e di obbligarla a leggere Lupo Alberto e altri fumetti intelligenti, invece di assopire l’intelligenza davanti alla televisione che diffonde manga e telefilm idioti. Tempi che cambiano, certo, ma non in meglio…

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 31/05/2014 alle  15:58:29, nella sezione CRONACA,  717 letture)

librizziLorenzo Spina, direttore del Distretto Sanitario di Augusta, ha partecipato all’incontro, svoltosi presso il Municipio di Augusta, tra i rappresentanti di quindici comuni della provincia di Siracusa (Augusta, Melilli, Priolo, Floridia, Solarino, Sortino, Ferla, Cassaro, Buccheri, Buscemi, Palazzolo Acreide, Canicattini Bagni, Lentini, Carlentini e Francofonte) per far fronte comune ai fini del finanziamento, nell’ambito dei fondi europei, di 4.5 milioni di euro relativi ai Piani di Sviluppo Territoriale. L’autorità sanitaria è fortemente motivata sull’argomento in quanto può agire più velocemente rispetto ai comuni perché non è tenuta ad espletare gare. Ricordiamo che i comuni interessati avranno tempo fino al giugno del 2015 per presentare la progettazione, pena la perdita dei finanziamenti e l’esclusione da una possibilità di sviluppo preziosa per il disastrato comune di Augusta, ancor più che per gli altri comuni interessati. Presenziavano l’incontro i membri della Commissione Straordinaria, il prefetto Maria Carmela Librizzi (nella foto), il viceprefetto Maria Rita Cocciufa, e il dirigente di prefettura Francesco Puglisi.

“Occorre trovare – ha detto la Librizzi – una soluzione per evitare la perdita del finanziamento. Durante questi lavori si è provveduto a incaricare un gruppo avente il compito di rimodulare il progetto, fissando un periodo temporale breve, oltre ad estendere il numero degli utenti destinatari delle iniziative che verranno messe in atto. Si è ritenuta necessaria una rimodulazione che fosse compatibile con i parametri dei bandi di gara”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 31/05/2014 alle  15:57:56, nella sezione CINEMA,  672 letture)

jessica spinelliSi annuncia intenso ed appassionante il lavoro di selezione che attende lo staff dell’VIII edizione di SHORTini Film Festival, chiamato a scegliere tra gli oltre 300 lavori inviati da registi e case di produzione di tutto il mondo per partecipare al concorso che avrà luogo ad Augusta dal 31 luglio al 3 agosto 2014. “Sono decine le nazioni che si candidano ad essere rappresentate nella selezione ufficiale del festival - spiega Luca Sanseverino, direttore artistico di SHORTini - Sono diverse, però, le nazioni che partecipano per la prima volta, segno del profilo sempre più internazionale che il festival sta assumendo. La nostra scelta sarà guidata dalla qualità tecnica dei lavori proposti, senza trascurarne, ovviamente, il valore narrativo e la capacità di emozionare. Siamo anche molto contenti che le nuove sezioni del concorso abbiano ricevuto tante attenzioni, cogliamo questo segnale come il desiderio di rinnovare la proposta editoriale e produttiva, e SHORTini non si sottrarrà a questo vento di novità” .

In attesa che si concluda la procedura di selezione, lo staff di SHORTini continua a lavorare al programma. “Abbiamo deciso di articolare il festival in quattro giorni – chiarisce Jessica Spinelli (nella foto), presidente di QuattroTerzi, associazione che organizza il festival – uno in più della scorsa edizione, per poter proporre al pubblico che interverrà un programma sempre più ricco ed interessante. Oltre al consueto concorso dedicato ai cortometraggi, vi saranno dei momenti di approfondimento dedicati alle retrospettive, alla letteratura ed alla musica. Saranno quattro giorni molto coinvolgenti, nei quali il pubblico potrà trovare molti spunti di interesse, di riflessione e di divertimento. La scelta della nuova location, individuata nei giardini pubblici di Augusta, nei pressi dei palco della musica, va nella direzione, seguita ormai da anni, di una maggiore valorizzazione dei luoghi simbolo della città. Il festival sarà, quindi, l’occasione per riscoprire e rivivere uno spazio oggi purtroppo marginale”. L’VIII edizione di SHORTini Film Festival coinvolgerà, grazie alla sezione “i Chose SHORTini”, ancora di più i ragazzi. “C’è qualcosa di nuovo da quest’anno – afferma Chiara Tamburini, responsabile del progetto “I Chose SHORTini – perché con la nostra sezione dedicata ai bambini ed ragazzi abbiamo creato uno spazio nel quale prenderanno forma una serie di proposte e opportunità. Del resto, SHORTini ha sempre creduto nel talento dei giovani, la cui valorizzazione è possibile solo mettendo insieme passione, valori culturali e formazione artistica. Quest’anno, bambini e ragazzi hanno un ruolo molto più attivo, che li coinvolgerà anche nel racconto di tutto il Festival.”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 31/05/2014 alle  15:57:35, nella sezione CULTURA,  862 letture)

massimo cacciariOrganizzata dalla Fondazione INDA per il “Festival del Centenario”, dal Collegio Siciliano di Filosofia, dall’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici e dalla Rivista di studi sul Dramma Antico “Dioniso”, venerdì 13 giugno alle ore 16,00 presso il Museo Paolo Orsi di Viale Teocrito 66 a Siracusa, avrà luogo la Lectio Magistralis del filosofo Massimo Cacciari (nella foto), docente presso l’Università San Raffaele di Milano, sul tema “COLPA E GIUSTIZIA”. Porgerà un saluto il Commissario Straordinario della Fondazione INDA Alessandro Giacchetti e presiederà l’incontro Roberto Fai, del Collegio siciliano di Filosofia. Nella stessa occasione il prof. Guido Paduano dell’Università di Pisa presenterà la Rivista di studi sul Dramma Antico, Annale della Fondazione Inda, “Dioniso”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/05/2014 alle  14:14:39, nella sezione CULTURA,  746 letture)

giorgio casoleMercoledì 28 maggio il Circolo Ufficiali della Marina Militare di Augusta ha ospitato una conferenza sul tema “Augusta 13 maggio 1943. L’inferno disceso dal cielo. Memoria e cronaca di un giorno vissuto e sofferto”. Relatore l’avvocato Francesco Migneco, il quale appena adolescente fu testimone di quel tragico giorno di guerra che vide i bombardieri americani sganciare una impressionante quantità di bombe sulla cittadina megarese, provocando ingentissimi danni e la morte di tante persone, tra cui alcuni bambini, oltre a un gran numero di feriti. Ha introdotto la conferenza il prof. Giorgio Casole, subito dopo il saluto iniziale del presidente del Circolo Ufficiali C.V. Giuseppe Barbera.

conferenzaNumeroso il pubblico presente composto da autorità militari, presidenti e rappresentanti dei vari Club Service e di associazioni ed istituzioni varie, oltre che interessati cittadini emozionati dal ricordo di quel tragico evento che l’avv. Migneco è riuscito a partecipare a tutti con momenti di vera commozione. Il 13 maggio 1943 fu infatti un giorno di disperazione e di lutto per la popolazione augustana, morirono oltre 70 persone tra uomini, donne e bambini. Avevano l’unica colpa di abitare in un’isola molto importante dal punto di vista strategico-militare. Dopo i due bombardamenti delle ore 12,50 e delle 13,40 da parte dei 53 aerei americani “Liberators” Augusta si presentava “come un enorme calcinaccio fumigante, oppresso da una coltre di polverone gialliccio e adagiato su un mare stravolto da cerchi che ribollivano, colorati dal fango, dall’argilla e dall’alga”, come ha scritto lo stesso Migneco in un suo libro. Alla fine della conferenza Giorgio Casole ha letto un componimento poetico ispirato ai fatti del 13 maggio 43 scritto dal compianto prof. Giovanni Satta. Subito dopo un breve concerto della bravissima arpista Laura Vinciguerra che eseguito una ninna nanna popolare irlandese, un brano inedito di Irene Veneziano e, fuori programma, un arrangiamento per arpa delle bellissime musiche di Nino Rota tratte dal film “Romeo e Giulietta” di Franco Zeffirelli.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/05/2014 alle  08:50:25, nella sezione EVENTI,  1359 letture)

convegno totaUn convegno sull’attualissimo e delicato tema dell’immigrazione è stato organizzato dall’avvocato Dario Tota ed ha avuto luogo venerdì scorso a Siracusa nei locali del Jolly Hotel. Si è parlato di come fronteggiare un fenomeno destinato a durare ancora parecchi anni, con la partecipazione dell’assessore regionale all’Agricoltura Ezechia Paolo Reale che ha rappresentato le difficoltà, non solo logistiche, della Sicilia dinanzi a questo esodo biblico, con paesi come Lampedusa e Augusta ormai allo stremo e non in grado di dare risposte adeguate al fenomeno. Oltre 40 mila immigrati sono sbarcati dall’inizio dell’anno e si rende necessaria una seria politica di accoglienza e assistenza verso chi è in fuga da paesi in guerra o dalla fame ed ha diritto a una vita. Tra i relatori il giornalista Francesco Magnano, ex direttore del centro per minori immigrati. A margine del convegno sono stati premiati il Tenente Colonnello Paolo Tredici, comandante del distaccamento aeronautico di Siracusa, che ha ricevuto una targa da Franco Zappalà, la presidente della Rete Centri Antiviolenza “Le Nereidi” Raffaela Mauceri, che ha ricevuto il premio dal presidente dell’associazione Arma Aeronautica Salvatore La Gumina, gli assistenti capo della Polizia Municipale Corrado Di Natale e Sebastiano Vinci, che hanno ricevuto la targa rispettivamente dal Generale dell’Esercito Giuseppe Petralito e da Emanuele Geraci, gli ispettori capo Rosalba Giuffrida e Fabrizio Fratantonio e gli assistenti capo Sebastiano Norcia e Gaetano Marangi della Polizia di Stato di Siracusa, che sono staconsulta civica e totati premiati dal presidente dell’associazione Antiracket di Siracusa Giuseppe Barreca e da Silvia Caruso Pupillo, il Presidente dell'Associazione “Stonewall Glbt” Tiziana Biondi, che ha ricevuto il premio dal Colonnello dell’Aeronautica Militare Gaetano Bassi, la testata giornalistica SiracusaOnline, che è stata premiata dal vicecomandante del Corpo di Polizia Municipale Rino Tona e la Caritas Diocesana Siracusa, che ha ricevuto il premio dall’ex presidente dell’Ordine degli Avvocati di Siracusa Sebastiano Grimaldi. Un premio d'incoraggiamento ha anche ricevuto la neonata Consulta Civica fondata da Damiano De Simone (nella foto a destra). Dario Tota ha ringraziato infine tutti i partecipanti al convegno, soprattutto l'assessore regionale Ezechia Paolo Reale, che ha fatto di tutto per presenziare nonostante i mille impegni di natura politica e professionale, ribadendo che le diversità di pensiero sono una risorsa e una ricchezza per la città' di Siracusa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 24/05/2014 alle  10:19:56, nella sezione CRONACA,  638 letture)

coltraroAnche ad Augusta, dopo Melilli e Solarino, si è costituito il coordinamento cittadino di Sal - Sviluppo, autonomia, lavoro, il movimento presieduto dall’on. Giambattista Coltraro, segretario della commissione Attività produttive dell’Ars. Il nuovo circolo, uno dei più grandi della provincia, è stato presentato ufficialmente nella sede di via Lavaggi, dove sono intervenuti anche i responsabili provinciali di alcuni settori del movimento: Sebastiano Ponzio per lo sport, Renato Scatà per la cultura e il cinema, Peppe Assenza e Peppe Scala per le politiche giovanili, Domenico Morello per l’ambiente, Carmelo Gulino per la scuola e Antonio Cammaleri per l’energia e lo sviluppo economico. Nel corso dell’incontro sono infatti stati illustrati idee e progetti riguardanti alcuni settori del movimento, non tralasciando la tematica dell’immigrazione che a breve - ha spiegato il deputato regionale Giambattista Coltraro - sarà affrontata tramite l’organizzazione di un tavola rotonda con esperti dell’argomento per dare risposte e notizie esatte alla popolazione, troppo spesso disinformata e preoccupata. La carenza di impianti sportivi pubblici è stata affrontata da Sebastiano Ponzio, che ha spiegato: “Oltre a lavorare all'ambizioso progetto di una cittadella dello sport ad Augusta, l’iniziativa mira alla realizzazione di una città degli sport del mare, una struttura che si potrebbe organizzare per esempio mediante la concessione di un’area demaniale, dove poter collocare costruzioni leggere e mobili per riattivare strutture già esistenti”. Sta lavorando a una politica nuova, soprattutto per incoraggiare le opportunità di lavoro per i ragazzi, Peppe Assenza che, assieme a Peppe Scala, ha anticipato: “La nostra idea è di creare uno sportello dedicato a tutti i cittadini, per dare risposte e informazioni in materia giuridica o fiscale, per esempio, ma soprattutto per fornire supporto ai giovani con idee imprenditoriali da sviluppare”. “Sto valutando le criticità e soprattutto le realtà culturali esistenti in ogni Comune della provincia - ha aggiunto Renato Scatà - per creare un vero e proprio movimento di rinascita legato al cinema e al teatro. In programma ci sono già diverse visite all'interno di strutture dedicate al cinema, chiuse da tempo e dimenticate, che potrebbero rinascere grazie alla collaborazione delle associazioni in sinergia con il movimento Sal”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 20/05/2014 alle  14:56:08, nella sezione CINEMA,  749 letture)

Si riapre il casting del cortometraggio “La scelta” diretto da Giorgio Nanì La Terra, prodotto da Nino Gibilisco e sceneggiato da Luca Raimondi. Sebbene al primo casting siano intervenute ben 200 persone rimangono aperti ancora dei ruoli che non sono stati individuati. La difficoltà maggiore sta nel fatto che nel corto i protagonisti subiscono fino a due evoluzioni anagrafiche e quindi le scelte fra attori sono condizionate dalla somiglianza degli intervenuti rispetto ai ruoli dei personaggi che andranno ad interpretare. Esempi: il protagonista "Nino" (ruolo ancora libero anni 17/20 circa) prima ha un'età cinematografica di 11 anni poi di 17 ed infine di 70 anni. Così come le sorelle, "Lucia e Sebastiana", rispettivamente di età cinematografica di 7 anni e 14 anni che poi diventano di 17 anni e 24 anni (ovvero 10 anni in più), quindi la protagonista "Jo" che prima ha un'età cinematografica di 18 anni e poi di 70.

Contemporaneamente alla riapertura dei casting si effettueranno i "provini di parte" a coloro precedentemente intervenuti e selezionati dalla direttrice dei casting Mariarosa Grasso che, in quell'occasione, deciderà definitivamente l'assegnazione delle parti . Si ricercano quindi (in ordine casuale): Bambino di 9/12 anni con occhi azzurri e capelli castani. Bambina di 7/10 anni con occhi verdi e capelli castani. Uomo di circa 45 anni. Donna di circa 40/45 anni. Ragazza di 17/24 anni. Ragazzo di 20/24 anni (più di uno) sia con occhi scuri che chiari. Donna di circa 70 anni.

Le riprese saranno effettuate dal 9 al 13 Giugno 2014 a Palazzolo Acreide. Tuttavia chi non sarà chiamato per questa selezione potrebbe essere comunque contattato in seguito per fare la comparsa.

Il corto abbraccia un periodo storico che va dagli anni ’50 e tratta un argomento di grande attualità: un bambino viene iscritto al seminario per diventare prete. Così a 11 anni la madre lo accompagna a Siracusa, in piazza Duomo, presso l'Arcivescovado. Qualche anno dopo conosce una ragazza. Nasce un’amicizia sincera e profonda: attratti l’uno dall’altra da tanti fattori ma soprattutto per l’ideale comune che ognuno nutre nel proprio cuore. Infatti anche lei, devota a Cristo, vorrebbe farsi suora, ma circostanze particolari le impongono di abbandonare l’ideale. I due si frequentano, restando comunque fedeli al loro proposito: la dedizione a Cristo. Lui però è sempre più attratto da lei e sogna di mettere su famiglia. Lei insiste sempre nel consigliare a lui e a se stessa di procedere per la sua strada.

L'appuntamento è dunque per Domenica 25 Maggio presso l'ex Biblioteca Comunale di Palazzolo Acreide (Municipio della piazza principale) dalle ore 11:00 alle ore 13:00 e dalle ore 16:00 alle ore 19:00. La produzione ci tiene a ringraziare il sindaco di Palazzolo Carlo Scibetta, il consigliere comunale Simona Princiotta e l'assessore alla Cultura Alessio Lo Giudice per aver contribuito attivamente affinché questo progetto possa realizzarsi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 19/05/2014 alle  21:19:07, nella sezione EVENTI,  658 letture)

Città della Notte il 31 maggio alle ore 21 ospiterà lo spettacolo teatrale “BEN HUR una storia di ordinaria periferia” di Gianni Clementi, con Roberto Casuccio, Piera Di Benedetto e Nunzio Lo Re, per la regia di Giacomo Tarico. Ben Hur è la rappresentazione di uno spaccato di vita quotidiana con un sapiente mixaggio di emozioni e stati d’animo. Nel rispetto del copione originale dell’autore, Gianni Clementi, l’opera viene interpretata dai protagonisti in dialetto romano, il che rappresenta una prima assoluta nel panorama teatrale di Augusta. La commedia scorre attraverso tratti molto divertenti e colpi di scena inaspettati che rendono la storia avvincente ed emozionante. La rappresentazione regalerà allo spettatore della sana ilarità e tra una risata e l’altra lo appassionerà alle storie dei personaggi. La commedia mette in scena la storia di un fratello e una sorella, Sergio e Maria, due spiantati che con l’arrivo di Milan sembrano aver risolto tutti loro problemi. Sergio, ex stuntman separato con due figli, si guadagna da vivere facendo il centurione al Colosseo. Maria, sorella di Sergio, divorziata, impiegata in una Chat-line erotica vive una vita al limite della depressione. I due costretti ad una forzata convivenza a causa delle ristrettezze economiche, vivono due vite destinate ad una lenta e inesorabile deriva. L’arrivo di Milan, extracomunitario bielorusso, da nuove speranze ad una vita di stenti e di continue ansie. L’autore, nel mettere in risalto la condizione nella quale sono costretti a vivere gli extracomunitari, spesso oggetto di vessazioni e continue mortificazioni pur di ottenere un lavoro, solitamente sotto pagato, induce ad un momento di riflessione su quello che accade ai giorni d’oggi sotto i nostri occhi talvolta indifferenti e cinici. Il riferimento alla nota pellicola statunitense del 1959 con Charlton Heston nel ruolo del protagonista, ovvero Ben Hur, un principe divenuto schiavo, tende a sottolineare la misera, sottomessa socialità degli extracomunitari, definiti oramai i moderni “schiavi del XXI° secolo”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 1712 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (236)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (117)
CRONACA (731)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (338)
LIBRI (204)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019

Gli interventi più cliccati

< febbraio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
22
23
24
25
26
27
28
     
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


21/02/2019 @ 15:57:59
script eseguito in 324 ms