Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 16/07/2014 alle  12:58:52, nella sezione CRONACA,  725 letture)

RUSSOTTOAll’Orto Botanico di Catania si è tenuto un Workshop Scientifico, finalizzato alla creazione di un sistema integrato di protezione Civile per l’area transfrontaliera, nell’area del canale di Sicilia, estendendosi fino al nord-Africa, caratterizzata da un elevato grado di rischio naturale e antropico, che influenza l’intera area del Mediterraneo. Questi rischi rendono necessario intervenire, avviando studi scientifici e attuando un monitoraggio, con particolare riferimento alla gestione del rischio geologico e alla realizzazione di un piano di Protezione Civile nelle isole di Lampedusa e Gozo.

I lavori si sono svolti in due giornate, 7 e 8 Luglio, presso il Dipartimento di Scienze Biologiche Geologiche e Ambientali, con il dirigente dell’Orto Botanico prof. Pietro Pavone. Il progetto denominato “SIMIT” viene gestito e presentato dalla responsabile del settore scientifico, prof.ssa Agata Di Stefano, alla presenza del direttore Generale della Prot. Civile Regionale Calogero Foti e dell’assessore Regionale alla presidenza Giuseppe Bruno. In rappresentanza del FAI era presente l’Ammiraglio Paolo Gaetano Russotto (nella foto). I principali obiettivi del Progetto SIMIT sono finalizzati ad un approccio multidisciplinare nel valutare i rischi naturali e calcolare gli scenari di rischio, realizzare linee guida per l’attuazione di piani di protezione civile transfrontalieri, con particolare attenzione alle isole di Lampedusa, Gozo e Sicilia. Inoltre si rende necessaria la realizzazione di una “sala controllo” integrata tra Sicilia e Malta, con congiunte esercitazioni di Protezione Civile, avvalendosi di strumenti educativi volti alla disseminazione di una “cultura di Protezione Civile”. Il Prof. Pietro Pavone ha concluso i lavori con un plauso e vivissimi ringraziamenti a tutti gli intervenuti, auspicando un fattivo e proficuo buon lavoro per la salvaguardia del territorio umanistico.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 14/07/2014 alle  16:11:03, nella sezione CINEMA,  801 letture)

enrico lo versoIl 14 luglio parte la sesta edizione dell’Ortigia Film Festival. Primo film in concorso “Il venditore di medicine” di Antonio Morabito, scritto dal regista insieme a Michele Pellegrini e Amedeo Pagani, che è anche produttore del film. In arrivo al Festival anche Enrico Lo Verso (nella foto) che il 15 luglio terrà una master class sul lavoro di attore. Versatile interprete di tanti film, dal celebre “Il ladro di bambini” di Gianni Amelio ai film di Tornatore, Lo Verso nella master class analizzerà le fasi di un processo complesso che parte dal provino allo studio di una scena. Un vero e proprio viaggio che ripercorrerà l’impegnativo lavoro cui un attore è sottoposto dal regista, attraverso consigli e direttive. Aprirà la vetrina dedicata al documentario Edoardo Morabito, con “I fantasmi di San Berillo”. Fantasmi di ieri e di oggi popolano il quartiere di San Berillo a Catania. Nel 1958, l’anno della legge Merlin, San Berillo viene raso al suolo. Con i suoi trentamila deportati in periferia è il più grande sventramento del dopoguerra. Ne rimane in piedi solo un pezzetto che diviene un quartiere a luci rosse. Nel 2000 un blitz ne cancella nuovamente la storia: oggi è un deserto in pieno centro storico. L’Ortigia Film Festival diretto da Lisa Romano è inserito nell’ambito delle iniziative promosse dalla Film Commission Sicilia e dell’Assessorato al Turismo della Regione Sicilia e gode del patrocinio del Comune di Siracusa. Partner della manifestazione anche lo storico Grand Hotel Villa Politi che nei giorni del Festival ospiterà illustri personaggi del cinema.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 13/07/2014 alle  15:46:02, nella sezione SPORT,  771 letture)

cavarra de simone e pernich“Un momento simbolico in cui l’istituzione pubblica incontra l’istituzione cittadina”: così Damiano De Simone, Presidente della Consulta Civica, commenta la sfida sportiva lanciata con molta simpatia dall’Assessore Comunale Maria Grazia Cavarra, entrambi, qualche giorno fa, invitati in veste istituzionale per l’inaugurazione della nuova struttura sportiva di beach volley e soccer presso il Molo S. Antonio (nella foto a fianco un momento della serata), alla presenza anche di Fabio Rotondo in rappresentanza della Circoscrizione Santa Lucia, Raffaele Grienti per la Circoscrizione Ortigia ma anche gli Assessori Civici Giuseppe Garro al Bilancio, Bruno Pernich allo sport ed Emilio Zuccarini alla Salute. Una partita di beach volley, quella che si terrà nella suddetta struttura venerdì 18 alle ore 20,00, che sarà un incontro sportivo senza precedenti: Giunta Civica vs Giunta Comunale.

Questa partita, commenta Damiano De Simone, deve rappresentare non solo un momento di svago tra concittadini, ma anche di esempio alla pratica di sane attività all’interno di un impianto sportivo rivoluzionario che sfida ogni regola culturale trasportando un pezzo di spiaggia in Città. “Vogliamo che la cittadinanza riparta da una nuova interpretazione del termine Politica. Una politica praticata sui principi della sportività (lealtà, onestà e riconoscimento) ma soprattutto una politica agonistica per mezzo della quale perseguire il principio di produttività e miglioramento. Tutto questo parte proprio dalla Città di Siracusa.”

Questo invece il commento dell’Assessore Comunale alle politiche dello sport Maria Grazia Cavarra: “Inviteremo tutti a partecipare all'evento, da spettatori, da tifosi, in modo da creare un momento comune di svago, che rafforzi sempre più il buon rapporto amministratore/cittadino tipico di questa giunta, che come più volte ci é stato riconosciuto dalla gente é vicina alla gente. Un primo evento dal quale si spera ne scaturiscano tanti altri nell'ottica della comunità vicina nei doveri e nei piaceri”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 13/07/2014 alle  15:41:37, nella sezione CINEMA,  669 letture)

marzamemiLa quattordicesima edizione del Festival internazionale del cinema di frontiera di Marzamemi si terrà dal 21 al 27 luglio. Sei, in totale, i film in concorso, la pellicola italiana “Il mondo fino in fondo” di Alessandro Lunardelli, l’argentino “La Reconstruccion” di Juan Taratuto; in concorso anche “Un insolito naufrago” di Sylvain Estibal, film francese, belga, tedesco, incentrato su una storia di scottante attualità: quella di un pescatore palestinese che vive con la moglie lungo il muro della Striscia di Gaza. Altro film in concorso sarà il canadese “Gabrielle” di Louise Acharmbault, che narra di un ventenne con un deficit intellettivo e un grande amore. Il concorso proseguirà con “La Jaula de oro - La gabbia dorata” lungometraggio messicano di Diego Quemada sulla vicenda di tre guatemaltechi che cercano di raggiungere gli Stati Uniti d'America per inseguire il sogno di un'altra vita, lontano dalla povertà in cui sono cresciuti. Chiuderà la sezione dedicata ai lungometraggi in concorso il film italo belga “Marina” di Stijn Coninx, presentato sul palco di piazza Regina Margherita dall’attrice protagonista Donatella Finocchiaro.

“Il festival quest’anno - spiega il direttore artistico Nello Correale - pur mantenendo solidamente le radici in Sicilia e nel Mediterraneo allunga lo sguardo e diventa più internazionale. Oltre alla rassegna di film documentari che saranno presentati nella sala della Tonnara e ai consueti incontri con gli autori nel cortile del Palazzo di Villadorata, è infatti in programma un importante incoming - tavola rotonda con produttori cinematografici americani che presenteranno i progetti di film in preparazione proprio in Sicilia e, ancora, rappresentanti della stampa estera. All’incontro, un’occasione preziosa per il cinema e per l’Isola, saranno invitati operatori del settore, Camere di Commercio, Confindustria, autori e produttori italiani”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 11/07/2014 alle  10:35:38, nella sezione CRONACA,  553 letture)

monitoraggioLunedì 14 luglio, presso il Comando Marittimo MariSicilia sarà presentato, per il porto di Augusta, il progetto relativo al programma Operativo Nazionale “Port and CoastalSurvey” (PON-PACS), finanziato dalla Comunità Europea, con il quale la Marina Militare si propone di garantire l’utilizzo sicuro delle vie di comunicazione marittime, monitorando la sicurezza delle aree portuali e costiere. Dopo la presentazione sarà effettuata una dimostrazione pratica dell’attività e il giorno 18 luglio sarà allestito uno Stand promozionale della Marina Militare. La Marina Militare condurrà quindi un’attività di controllo e monitoraggio dei fondali di specifiche aree portuali sensibili dei principali porti delle regioni interessate dal progetto mediante la localizzazione ed eventuale bonifica di oggetti pericolosi per la navigazione e presenti nei fondali, contribuendo ad incrementare la sicurezza dei porti; la conduzione di monitoraggio ambientale,contribuendo alla tutela dell’ambiente marino; la realizzazione di un database degli oggetti presenti sui fondali. L’attività P.A.C.S. sarà condotta da un team di palombari della Marina Militare del Gruppo Operativo Subacquei (G.O.S.), impiegando sistemi tecnologicamente avanzati per la mappatura subacquea e per la scoperta ed identificazione di oggetti pericolosi. Il porto di Augusta è tra i nove del Sud Italia che saranno monitorati dai nostri palombari ed è anche uno dei più inquinati, con la presenza di relitti giacenti da anni nelle acque del porto Xifonio.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 11/07/2014 alle  10:23:40, nella sezione CRONACA,  607 letture)

sediaPer disposizione del contrammiraglio Roberto Camerini, comandante di Marisicilia, è stato adeguato lo scivolo di accesso al mare nel lido dei dipendenti del Ministero della Difesa, a Punta Izzo ad Augusta, in modo da permettere il passaggio dei disabili, utilizzando l’apposita carrozzina da mare denominata Job che consente di entrare e uscire dal mare agevolmente. La carrozzina Job era stata donata lo scorso anno dall'Autorità Portuale all'Associazione "Il Faro Onlus" che ne aveva fatto richiesta per rendere accessibile il mare ai portatori di handicap, ma a causa della ritardata consegna non è stata mai utilizzata. Quest’anno l'associazione ha deciso di metterla a disposizione di tutti coloro che ne hanno necessità. Un ringraziamento va quindi a tutti coloro che hanno contribuito a realizzare l'iniziativa. L'Autorità Portuale, che ha preso a cuore la richiesta e ha donato l’ausilio e il contrammiraglio Roberto Camerini, sempre sensibile e disponibile per far fronte alle problematiche dei disabili, come aveva già dimostrato nel dicembre scorso promuovendo un calendario per beneficienza, il cui ricavato di vendite è stato messo a disposizione della ASD Nuova Augusta Sport Disabili. Una curiosità: Job non significa lavoro ma è l'abbreviazione della frase in dialetto napoletano "Jamme 'O Bagno". La carrozzina infatti è prodotta in Italia ed è sul mercato da diversi anni.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 10/07/2014 alle  22:10:36, nella sezione CRONACA,  969 letture)

aug mimmo di francoMimmo Di Franco affronta ancora una volta la delicata questione del piano del traffico ad Augusta, cittadina ad alto rischio sismico dove è facile si verifichino ingorghi in ognuna delle sue strette vie. Di Franco comunica che è stato inoltrato al Comando dei vigili urbani un invito a verificare e rivedere il piano della circolazione stradale nell’isola di Augusta. A suo tempo fu fatta una richiesta per attivare il senso unico in via Marina Ponente, dove c'è il mercato con direzione verso Terravecchia. Considerato il caos che si crea con il doppio senso di circolazione, malgrado il divieto di accesso da sud a nord fino alla Capitaneria, si potrebbe creare la variante in questo senso: via Capitaneria percorribile tutta verso sud proveniente dalla Porta Spagnola e proseguendo fino a Terravecchia, per la Capitaneria c’è un altro ingresso nella nuova Darsena. Via X Ottobre con senso verso nord uscendo in via C. Colombo e proseguendo per la porta spagnola, via Umberto verso sud, via Megara verso nord,via Epicarmo verso sud e via Xifonia verso nord con uscita verso il ponte Federico. Quindi avremmo la circolazione, per le strade in verticale, alternata nord-sud. Attualmente abbiamo via Marina Ponente, via X Ottobre e via Umberto,tutte e tre confinanti, con direzione verso sud, si eviterebbe così pure il giro dell’oca.

Il decreto legislativo del 30.04.1992 n. 285 art. 36 del nuovo codice stradale prescrive che ai comuni, con popolazione residente superiore a trentamila abitanti, è fatto obbligo dell'adozione del piano urbano del traffico.

I piani del traffico sono finalizzati ad ottenere il miglioramento delle condizioni di circolazione e della sicurezza stradale, la riduzione degli inquinamenti acustico ed atmosferico. Inoltre, considerato che viviamo in un isola e siamo in una zona ad alto rischio ambientale,industriale e sismico, si aggiunge anche un piano di evacuazione. In questo momento abbiamo le tre strade del lato ovest che hanno direzione interna, verso sud anziché verso l’uscita dell’isola e cioè: via Marina Ponente, via X Ottobre e via Umberto, quindi in caso di necessità si creerebbe un colossale ingorgo in via Megara.

Sono stati organizzati, più volte, convegni sulla protezione civile, sicurezza e viabilità ma in concreto non si vede nulla di nuovo. Si vorrebbe sapere se siano stati approntati dei piani di evacuazione e il piano del traffico urbano, dopo aver contribuito ad attivare tutti i sistemi per la sicurezza e l’incolumità dei cittadini del territorio.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 10/07/2014 alle  22:07:46, nella sezione CRONACA,  570 letture)

CONVEGNOHa avuto luogo al Palmento di Rudinì, in territorio di Pachino, il convegno su “La nuova programmazione 2014 - 2020 sul Fondo di sviluppo rurale (Fsr)”, organizzato dal movimento Sal. All’incontro sono intervenuti il sindaco di Pachino, Roberto Bruno, il dirigente dell’area programmazione dell’assessorato all’Agricoltura della Regione siciliana, Gaetano Cimò, il presidente del Consorzio di tutela Igp pomodoro di Pachino, Sebastiano Fortunato e il presidente del Centro Studi Mesogeios Sud Est, Nicolò Costa. Ha chiuso il convegno il deputato regionale Giambattista Coltraro, segretario della Commissione Attività produttive dell’Ars, che ha affermato: “Un appuntamento simile riveste una notevole importanza per una zona a vocazione agricola come Pachino, dove questo settore è stato per troppo tempo trascurato dalla politica, che ha sicuramente le sue responsabilità. Adesso per questo territorio, così pieno di ricchezze ma disorganizzato, è giunto il momento di cambiare e questo può avvenire solo se tutti, istituzioni, centri di ricerca, università e imprese, agiscono insieme”. Combattere la grande concorrenza con il frazionamento dell’offerta locale è impensabile e l’onorevole Coltraro ha ribadito: “Bisogna lavorare all’interno di un’organizzazione comune, che si chiami rete di imprese, patto territoriale, dove non devono mancare il Comune, il Consorzio di tutela Igp pomodoro di Pachino e le principali organizzazioni di produttori. L’altra strada da seguire è quella della qualità. Oggi è assurdo pensare di poter affrontare i problemi dell’agricoltura con un prodotto che non viene qualificato e tracciato. Per provare a dare una boccata d’ossigeno a un settore come quello agricolo, da troppo tempo in crisi, bisogna infatti puntare su un prodotto di qualità, certificarlo, infine promuoverlo in maniera adeguata. Il Fondo di sviluppo rurale rappresenta in tal senso una straordinaria opportunità che però non può e non deve essere sfruttata da una singola impresa ma da tutto il territorio in maniera compatta”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 04/07/2014 alle  19:12:39, nella sezione EVENTI,  573 letture)

abrucoliAppuntamento a Brucoli domenica 6 luglio con inizio alle ore 20.30 per una degustazione unica nel suo genere con un Wine Tasting pubblico di 13 vini di altrettante aziende siciliane, ognuno selezionato tra i più rappresentativi della produzione vinicola isolana. Il tutto organizzato dall’AIS (Associazione Italiana Sommeliers – Sezione Sicilia) nel suggestivo scenario del Castello aragonese di Brucoli contornato dalla bellezza del mare e delle case della frazione marinara, con sullo sfondo il vulcano Etna. Sul palco si alterneranno i produttori e gli enologi delle aziende per raccontare i loro vini mentre il Presidente AIS Sicilia, Camillo Privitera, ed il Sommelier Salvo di Bella, guideranno il pubblico nella degustazione dei 13 vini. Ogni partecipante avrà a disposizione una propria postazione con i bicchieri da degustazione, ed il servizio dei vini sarà curato dai Sommelier dell’AIS che daranno all’incontro un tocco professionale. L’idea di portare in varie località la degustazione dei vini nasce dal desiderio di dare un impulso alla loro conoscenza, di quelli di qualità in particolare, puntando su una proposta che si distacca dalla ormai consueta degustazione con un banchetto per azienda e facendo leva sulla suggestione data dalla particolarità del luogo scelto. Il successo della passata edizione ha spinto l’AIS Sicilia ad organizzare altri incontri come questo di Brucoli, quindi altri ne seguiranno nelle più belle piazze della Sicilia.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 03/07/2014 alle  00:37:40, nella sezione LIBRI,  622 letture)

disarmonia la copertinaMaria Grazia Di Biagio, autrice di Nella disarmonia dell'inatteso (Bel Ami Edizioni) è una vera poetessa, una che non si limita a scrivere versi senza leggere, per essere originale e non avere padrini letterari. Sembra impossibile ma ne ho conosciuti tanti di (presunti) poeti che non leggono poesia ma si credono vati e fanno i sostenuti se non li leggi. I versi di Maria Grazia Di Biagio raccontano un amore che non fa rima con cuore ma è ricco di metafore straordinarie e di versi suadenti.

 

È un anno di parole che non scrivo

e non c’è incuria o disamore, credi,

se ho lavato la matassa dei pensieri

e l’ho stesa al silenzio ad asciugare.

 

Renato Fiorito - autore di un’ispirata postfazione - ha avuto la mia stessa sensazione di struggente tenerezza nel leggere i versi sopra riportati, forse perché anche lui aveva bisogno di rispecchiare in altrui parole il proprio dolore. Questa è la forza della vera poesia, ma anche della vera letteratura, di una scrittura profonda che non sia volta a realizzare il mero intrattenimento.

 

Non è cambiato molto da quel giorno

cado ancora come allora

mi sbuccio le ginocchia

ma non piango più, purtroppo

e questo è male, perché il pianto cura,

è pioggia che consola, il pianto.

 

Ho letto questi versi a mia figlia, certo lei che ha sette anni non ha pensato al male di vivere di montaliana memoria, né al vizio assurdo di Pavese, ma alle sue ginocchia sbucciate e al pianto, facendomi notare che le lacrime sono una pioggia metaforica che cade dai suoi occhi quando è triste, addolorata o soffre. Grandezza della vera poesia che si fa apprezzare da una bambina, come quella del mio amico cubano Felix Luis Viera che parla della figlia lasciata a Cuba per un doloroso esilio quando aveva quindici anni, racconta la sofferenza tangibile d’un padre in fuga.

 

Cerco in ogni libro una rivelazione

oppure un’intuizione condivisa,

una piccola cosa impertinente,

una violetta sbucata dalla neve

che mi faccia sentire meno assurda.

Cerco la bellezza delle cose

nella disarmonia dell’inatteso,

nelle parole, il senso primo del significato.

 

Altri versi che raccontano l’importanza di un libro, di una storia, di una pagina scritta, dove cerchiamo soprattutto noi stessi, il senso profondo delle cose, per recuperare stupefatti una metaforica violetta sbucata dalla neve.

 

Ho mentito.

Non è vero che non sto scrivendo

sono solo versi bianchi

ma ho finito i fogli colorati.

 

Stupenda la chiusura della raccolta. Il poeta non può fare a meno di scrivere, se ti dice che non sta scrivendo sta mentendo, il poeta è un fingitore, come scrive Pessoa, ma nel caso della Di Biagio è un sincero dispensatore d’amore, che quando finisce i fogli colorati scrive solo versi bianchi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 03/07/2014 alle  00:18:38, nella sezione CRONACA,  794 letture)

elicotteroTransitando in questi giorni sulla Siracusa-Augusta abbiamo avvistato nel cielo uno strano elicottero da cui penzolava una lunga antenna: poiché non ci era mai capitato di vederne di simili, ci siamo voluti documentare. Si tratta di un elicottero con georadar, utilizzato per la ricerca di rifiuti chimici e radioattivi in forza al progetto Miapi, finanziato con i fondi PON 2007-2013 del Ministero dell’Ambiente, in collaborazione con diverse università, con il dipartimento di Protezione Civile e l’Arpa, ente che alla fine trarrà le conclusioni dei rilevamenti valutando i risultati finali. L’antenna agganciata all’elicottero rilancia dei raggi gamma e laser verso il suolo, rilevando l’eventuale presenza di sostanze inquinanti e di radiazioni, generate sia da fonti naturali che dall’eventuale presenza di depositi clandestini di rifiuti. Ciò al fine di creare una vera e propria mappatura delle condizioni del territorio e del suo sottosuolo. I voli a bassa quota degli scorsi giorni nella nostra zona significavano che l’elicottero stava mappando tutta la zona industriale e la zona delle vecchie cave, dove è possibili che negli anni scorsi rischio rifiuti pericolosi possano essere stati occultati. Tutti i dati, come già detto, verranno fatti confluire all’Arpa regionale che farà un a attenta analisi per capire se questi siti siano stati utilizzati per smaltire abusivamente rifiuti o sostanze tossiche o radioattive. Un monitoraggio necessario e opportuno visto che ci troviamo in una zona industriale che ha prodotto scorie e materiali di risulta delle lavorazioni chimiche che addirittura talvolta sono stati utilizzati per riempire spazi di terreno su cui poi si è edificato.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 03/07/2014 alle  00:13:39, nella sezione EVENTI,  808 letture)

sa sinistraSi è svolto lunedì 30 giugno nel Salone di rappresentanza del Municipio di Augusta un convegno dal titolo “Emergenza immigrazione - istituzioni e cittadini a confronto”, relatori la dott.ssa Maria Carmela Librizzi della Commissione straordinaria del Comune di Augusta, il contrammiraglio Roberto Camerini, comandante militare marittimo autonomo in Sicilia (Marisicilia), la dott.ssa Giuseppina Pignatello, dirigente dell’unità territoriale Sr - Usmaf e il dott. Carmelo Sapia, infettivo logo. L’incontro, a cui hanno partecipato tanti residenti e diverse associazioni di volontariato che operano nell’assistenza ai migranti, ha rappresentato l'occasione per aprire un dibattito sul tema, chiarendo i tanti dubbi sull’argomento. E’ stato ribadito come l’accoglienza non si limita all’approdo dei migranti sulle nostre coste, attività che rappresenta soltanto il primo passo di un lungo e complesso percorso che necessiterebbe di un approccio e di un’organizzazione diversi, tanto più che di emergenza non si può più parlare. Gli augustani hanno sempre accolto, e continuano ad accogliere con straordinaria generosità, i tanti migranti in fuga da guerre e povertà. L’attività della Marina militare, di tutte le Forze dell’Ordine, dei dipendenti del Comune, dei volontari e dei cittadini in generale è encomiabile e dimostra il grande cuore di una comunità che, nonostante i problemi economici, ma non solo, ogni giorno dà un grande esempio di civiltà. Ma ciò non vuol dire che i problemi sanitari e organizzativi della comunità di Augusta debbano passare in secondo piano. L’onorevole Coltraro ha puntato il dito a contro il Governo regionale che nella concessione della finanziaria Ter per quei Comuni che hanno dovuto fronteggiare l’emergenza sbarchi non ha incluso Augusta. “Mi sono già attivato per presentare un emendamento - ha concluso - che, se ce lo permetteranno, risolverà in maniera definitiva questa situazione che ha dell’assurdo”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/06/2014 alle  10:35:12, nella sezione EVENTI,  802 letture)

est augustanaFinalmente anche Augusta avrà la propria programmazione di eventi artistici e culturali per l’estate 2014. Dalla collaborazione tra diverse realtà associative e singoli artisti attivi sul territorio megarese nasce l’ “Estate Augustana 2014”, un cartellone di eventi, spettacoli, manifestazioni che possano rendere più vivace ed interessante l’estate che si appresta ad iniziare. L’Estate Augustana nasce con l’intento di arricchire la stagione che è appena iniziata. Dall’ 1 Luglio al 15 Settembre, cultura, intrattenimento, sport e riscoperta del territorio saranno le offerte rivolte a tutti i cittadini che amano vivere la propria città e vogliono vederla rifiorire e crescere.

L’iniziativa è totalmente autogestita dal comitato proponente, senza sponsor, senza contributi pubblici, senza patrocini da parte della pubblica amministrazione.

Il comitato proponente è costituito da: Augusta Blues, QuattroTerzi, Giovanni Villari, Circolo Unione, Info Point turismo, B&B il Carmine, Associazione Diapason, Libreria letteraria, Peri Peri, Marilighea, Shloq, Associazione Leonardo Da Vinci, Sportlife, Augusta Photo Freelance, Andrea Cimino, Stratogemmateatro, libreria Mondadori, Arabesque.

“L’Estate Augustana 2014 vuole essere un contenitore – spiega Stefano Cacciaguerra, responsabile del progetto – di eventi artistici, culturali e di spettacolo. Da mesi lavoriamo ad un programma che pian piano si è arricchito di eventi in un crescendo di entusiasmo. Malgrado Augusta stia vivendo un periodo estremamente difficile, l’Estate Augustana mette in luce la voglia, da parte di associazioni, artisti e cittadini di fare rete offrendo agli augustani un’estate ricca e briosa di eventi.” Questa iniziativa vuole anche dimostrare che con pochi e mirati investimenti e con la disponibilità da parte di tutti a collaborare, si può creare un cartellone di eventi di tutto rispetto, in grado di dare risalto a molte realtà cittadine e di soddisfare il pubblico e i turisti che d’estate soggiornano ad Augusta. Il Comitato organizzatore auspica che presto la città possa disporre di spazi sociali messi a disposizione di tutti i cittadini, di spazi in cui si possano svolgere eventi culturali, artistici e legati allo spettacolo.

Il programma completo dell’Estate Augustana 2014 è visionabile su www.facebook.com/estateaugustana.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/06/2014 alle  15:15:07, nella sezione CRONACA,  1018 letture)

cavarraCi è pervenuto un comunicato sottoscritto da numerosi organi e associazioni locali, che pubblichiamo qui di seguito:

Apprendiamo ogni giorno dalla stampa locale la notizia dell'imminente rimpasto all'interno della giunta Garozzo. In particolare un noto quotidiano siracusano ha avanzato un'ipotesi di sostituzione, tra gli altri, dell'assessore Maria Grazia Cavarra (nella foto a sinistra, n.d.r.). Non potevamo tacere, anche se si tratta di notizia mai confermata da fonti ufficiali, e abbiamo voluto esprimere il nostro pensiero attraverso il documento che segue.
Dopo un anno di amministrazione, la Giunta presieduta dal Sindaco Giancarlo Garozzo, ha dimostrato coesione, umiltà, coerenza ed efficacia. Il motivo che spiega questo risultato proviene da due nature fondamentali: la professionalità rinforzata da esperienza di ogni componente ed il forte sentimento d’amore che spinge ognuno di loro a svolgere il prestigioso nonché difficoltoso ruolo, vista l’eredita catastrofica tramandata da 15 anni di incompiute e malefatte politiche precedenti all’attuale Amministrazione.  Tra i componenti di Giunta Comunale, la libera cittadinanza ed il mondo dell’associazionismo organizzato,  ritrovano nella persona di Maria Grazia Cavarra, l’Assessore di riferimento, l’Assessore amico, l’Assessore delle confidenze più intime. L’Assessore dal forte senso umano. Finalmente un Assessore conoscitore delle materie per le quali svolge la propria attività politica. A Maria Grazia va inoltre il riconoscimento dell’eccellente lavoro svolto per le deleghe che Le competono, malgrado i fondi economici carenti per lo sviluppo, la Sua capacità aggregativa e coinvolgente ha fatto si che la comunità siracusana riscoprisse l’amore per lo  sport attraverso attività educative mai praticate in passato. Un vulcano d’idee, detto da molti, dai più disparati ambiti sociali, dalle scuole, dalle società, da liberi cittadini a cui si sente spesso esclamare: lunga vita a Maria Grazia.
Confidando nel buonsenso del Sindaco Giancarlo Garozzo, distintosi soprattutto per la capacità di formare una squadra di alto valore professionale ed umano al contempo, chiediamo che Maria Grazia Cavarra rimanga a svolgere il ruolo di Assessore Comunale, egregiamente impersonato e dallo stesso Sindaco riconosciuto, per il bene e lo sviluppo della società Siracusana.


Pol. Desda
Medea Twirling
Holimpia Volley
Siracusa Atletica
Le Formiche Siracusa
ASD Athena
Aretusa Basket
ASD Siracusa Basket
Danza Sportiva
Baskin
Olimpia Atletica
Ass. Love project (joga)
Subbuteo club Siracusa
ASSE (Equitazione)
Badminton
Coordinamento delle associazioni di protezione civile  
Consulta Giovanile        
Associazione Noi cuori e colori   
Sport club Pantanelli    
Gruppo prSelfie@event  
Associazione SI.CU.LI.
Comitato eventi balneari
Consulta Civica di Siracusa (La Giunta Civica, in particolare, per le deleghe condivise, l’Assessore Civico allo sport Bruno Pernich e Assessore Civico alla protezione civile e salute sociale Emilio Zuccarini).

Numerose altre organizzazioni associative, non legate alle deleghe assessoriali di Maria Grazia Cavarra, sostengono e ne condividono l’operato ad oggi svolto.
 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/06/2014 alle  13:10:29, nella sezione EVENTI,  584 letture)

convegnoParticolarmente sensibile alla tematica dell’immigrazione, il deputato regionale Giambattista Coltraro annuncia che il movimento Sal ha organizzato un convegno, in programma lunedì prossimo alle 19, nell’aula consiliare del Comune di Augusta, dal titolo “Emergenza immigrazione - Istituzioni e cittadini a confronto”. L’incontro, che intende dare risposte e notizie esatte alla popolazione, troppo spesso disinformata e preoccupata dall’emergenza sbarchi, prevede diversi e qualificati interventi. Aprirà il convegno la dott.ssa Maria Carmela Librizzi, della Commissione straordinaria del Comune di Augusta, seguirà l’intervento del contrammiraglio Roberto Camerini, comandante militare marittimo autonomo in Sicilia (Marisicilia) e poi quello della dott.ssa Giuseppina Pignatello, dirigente dell’unità territoriale Sr - Usmaf. In programma anche gli interventi del dott. Carmelo Sapia, responsabile provinciale Sal e del dott. Giuseppe Occhipinti della Protezione civile. Chiuderà il convegno l’onorevole Giambattista Coltraro, che in una nota ribadisce come il governo regionale “non può e non deve dimenticare l’impegno, lo sforzo e la generosità che i Comuni di Augusta e di Portopalo hanno messo, e continuano a mettere, in campo per aiutare i tanti migranti che giungono sulle coste siracusane alla ricerca di un futuro migliore. Per questo - aggiunge - mi impegnerò in maniera concreta affinché il governo regionale preveda dei fondi anche per questi due Comuni della provincia aretusea, al momento penalizzata senza alcuna ragione”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/06/2014 alle  12:55:31, nella sezione EVENTI,  1171 letture)

LABISI1Si è svolta sabato 21 giugno presso l’ Hotel Nettuno di Catania, con la conduzione di Nino Graziano Luca e Maria Monsè, la XXI Edizione del Premio Internazionale Targa d’Argento “Antonietta Labisi”, organizzato dall’avv. Corrado Labisi, presidente dell’Istituto Medico Psicopedagogico “Lucia Mangano” di Sant’Agata Li Battiati. Tra le personalità premiate per la cultura e l’informazione Elisa D’Ospina, top model taglia forte cheinsegna come accettare il proprio corpo attraverso il cervello, l’autoconvinzione di trovare in sé la propria bellezza che molte donne non vedono perché erroneamente distorte dal proliferare di falsi modelli commerciali dettati dalla moda e dei media. La D’Ospina ha recentemente pubblicato il libro “Una vita tutta curve”edito da Giunti Editore, in cui traspare evidente il messaggio terapeutico dell’accettarsi così come si è, senza l’abbandono pericoloso verso i disturbi mentali che spesso sfociano nell’anoressia o nella bulimia. Proiettato anche un video dedicato all’opera di Antonietta Labisi, fondatrice dell’Istituto Medico Psicopedagogico “Lucia Mangano”, alla cui memoria è intitolato il premio. Tanti i premiati tra cui S.E. Yevhen Perelygin, ambasciatore dell’Ucraina in Italia, destinatario del premio per i rapporti diplomatici, che ha ricevuto la targa dal dott. Giovanni Tinebra, Procuratore Generale della Repubblica di Catania. Elisa D’Ospina, ha ritirato il riconoscimento dalle mani dottor Salvo Labisi, coordinatore generale del comitato Associazione Internazionale Antonietta Labisi. A consegnare il premio ad Albert Ignatenko, docente di tecnologia Psico-informazionale all’Università Internazionale di Studi Fondamentali dell’Ucraina, è stato l’Ammiraglio Gaetano Paolo Russotto, già Presidente Gieie Mare Nostrum nonché vicepresidente del Kiwanis Club di Augusta. Il Comandante del RIS Generale Luciano Garofalo, esperto in casi di cronaca nera per diverse trasmissioni Mediaset, autore di varie pubblicazioni sul tema, ha ricevuto la targa d’argento dal prof. Salvatore Ranno dell’Università di Catania. L’avv. Corrado Labisi ha chiuso la serata inneggiando alla fratellanza universale tra i popoli oltre ogni barriera culturale, politica e geografica.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/06/2014 alle  12:44:32, nella sezione CINEMA,  720 letture)

cinema di frontieraSette giorni di proiezioni di lunghi, corti, documentari e fuori formato, di incontri e di musica. Si rinnova, dal 21 al 27 luglio prossimi, l’appuntamento con il Festival internazionale del cinema di frontiera di Marzamemi. L’antico borgo marinaro infatti, ancora una volta, per la quattordicesima volta, ospiterà la manifestazione cinematografica ideata e diretta dal regista Nello Correale e organizzata dal Centro naturale commerciale “Marzamemi” e dal cinecircolo Festival internazionale Cinema di Frontiera. Marzamemi si prepara insomma a divenire di nuovo la sala cinematografica a cielo aperto più grande e più a Sud d’Europa, in un confronto “obbligato” per chi voglia interrogarsi e provare a capire il legame forte che tiene insieme frontiere diverse: la Sicilia, il Mediterraneo e i Paesi del Sud del mondo. Come spiega infatti il direttore del Festival internazionale del cinema di frontiera, Nello Correale, “uno dei motivi dichiarati della manifestazione è quello di utilizzare il cinema non solo come mezzo di espressione artistica, ma anche come strumento di conoscenza di popoli e costumi. Un film è sempre espressione di un mondo interiore, che sottende scelte individuali ma, allo stesso tempo, corrisponde e richiama luoghi e culture di interi popoli. Anche un piccolo film dichiaratamente intimista segna il luogo ed il tempo da cui proviene. Per questo portare sullo stesso schermo in faccia al mare, per una settimana, film che non raggiungono facilmente le nostre sale, è un’occasione unica e importante, non solo da un punto di vista critico ed estetico, ma anche perché trasforma il cinema in un’arma efficace per abbattere muri e frontiere. Così come per sua natura il mare fa da sempre, per il suo essere un confine liquido e non segnato”. Diverse, come ogni anno, le sezioni del Festival: 22 film Fuori Formato e documentari che arrivano dalle frontiere calde del mondo, 6 film del Concorso internazionale dei lungometraggi, e il Con-corto, una selezione di 16 cortometraggi in concorso, curata dalla Filmoteca Laboratorio 451, che accoglie il meglio del cinema breve italiano e un Focus sul cinema corto e documentario iraniano, curato e presentato dal famoso montatore e attore premio Oscar Babak Karimi. Quest’anno saranno inoltre aumentate le occasioni di incontro e di riflessione, con un maggiore spazio riservato agli incontri con gli autori e con gli operatori del settore, che si svolgeranno nel cortile di Villa Dorata, per la presentazione di libri e altro.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 24/06/2014 alle  21:51:29, nella sezione CRONACA,  575 letture)

Venerdì mattina si è rotto un tubo nei pressi del distributore Esso - Casalaina, all’ingresso di Augusta, e da allora praticamente tutte le case della borgata e di Monte Tauro sono rimaste senz’acqua fino a domenica sera. Poi, a seguito di un intervento straordinario, la situazione è andata migliorando ma ancor oggi in certe zone l’acqua scorre col contagocce o non scorre affatto, creando allarme e preoccupazione nella popolazione che teme di restare senza il prezioso liquido proprio in questi giorni di gran calura.

La scelta annunciata del Comune di Augusta di riappropriarsi della gestione degli impianti idrici ha provocato un coro di approvazioni vista la pessima gestione della fallita Sai 8 Spa.

“Quello che è successo lo scorso fine settimana in alcune zone di Augusta, dove decine e decine di famiglie si sono ritrovate senz'acqua – ha dichiarato l’onorevole Giambattista Coltraro, presidente del movimento Sal, Sviluppo, autonomia, lavoro, e segretario della commissione Attività produttive dell’Ars - è inammissibile e credo che dopo questo episodio, la scelta del Comune di prendere in mano la situazione, sia la più saggia e la più giusta. Per questo non posso che esprimere il mio plauso nei confronti della commissione straordinaria di Augusta che ha agito per il bene della comunità”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 23/06/2014 alle  09:33:34, nella sezione CRONACA,  607 letture)

Bruno Marziano, presidente della Terza commissione “Attività produttive” dell’Assemblea regionale siciliana, prende posizione riguardo alle condizioni in cui versano i due tratti autostradali da Rosolini a Siracusa e poi sino a Catania. Per due motivi diversi. Due delle gallerie del tratto che va da Siracusa a Catania, sono completamente al buio e senza la garanzia minima di sicurezza. «Non è possibile – ha dichiarato il deputato regionale - che le gallerie si tengano per così lungo tempo, ora più di un anno, senza illuminazione. Mi pongo un problema: come è possibile che in una autostrada ipervigilata, dove esistono videocamere, possano essere stati commessi furti di rame? C’è qualcosa che non funziona nel sistema di sorveglianza». Oltre all’assenza di illuminazione ad aggravare la situazione ci sono gli svincoli “oscurati” dalle erbacce e i lavori di riqualificazione del tratto Rosolini-Cassibile. «Gli svincoli in alcuni tratti sono in condizioni di pericolosità, perché le erbacce sono così folte ai margini della carreggiata che quando si imbocca lo svincolo è ostruita la visibilità agli automobilisti». Sulla Rosolini- Cassibile sono iniziati i lavori di riqualificazione, in coincidenza con il periodo estivo. «E’necessario – continua Marziano - che il Consorzio autostrade siciliane garantisca che il sabato e la domenica nella zona di restrizione del traffico ci sia il personale che garantisca il normale deflusso e tutto quello che è necessario per evitare sofferenze per gli automobilisti. Altrimenti aumenteranno i tempi di percorrenza e la situazione sarà aggravata dalle modalità in cui opera il casello di Cassibile: si rischiano lunghissime file. È al via una stagione estiva in cui la zona sud tornerà ad essere uno dei poli di attrazione della Sicilia sud orientale: presenterò una interrogazione parlamentare all’assessore alle Infrastrutture ed ai Trasporti, in cui chiedo interventi nei confronti di Cas e Anas, perché non si può prevedere una stagione di inferno per gli automobilisti, sia turisti che residenti».

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 20/06/2014 alle  14:41:56, nella sezione LIBRI,  787 letture)

PRES1Con il patrocinio della Fidapa e del Kiwanis Club, giovedì 19 Giugno 2014, nell’elegante salone di rappresentanza del Circolo Unione di Augusta, è stato presentato a un folto pubblico di intervenuti il libro “L’undicesima” di Raimondo Raimondi, edito dalle Edizioni Il Foglio. Dopo una breve introduzione del cerimoniere del Kiwanis ing. Domenico Morello, che ha ricordato come parte degli introiti per la vendita del libro saranno devoluti al Progetto Eliminate, inteso a debellare il tetano neonatale nei paesi del terzo mondo, Rosalba Amara Partinico, presidentessa della Fidapa, ha presentato la relatrice professoressa Gabriella Rista, docente di Lettere presso il Liceo Classico che ha illustrato il contenuto del libro. PRES2Ha poi posto alcune domande all’autore riguardo alla scelta del titolo che pare sottendere al significato esoterico del numero undici e al denominatore comune dei racconti che è il lato oscuro dell’umanità, tendente a compiere il male, l’azione criminosa. Eppure, come è stato detto, “è uno spaccato di umanità varia quello che viene narrato ed in questa felicità del narrare si può riconoscere che quelle storie terribilmente tragiche, disperate presentino un elemento di salvezza, come se perfino nell’aberrazione del crimine possano esplodere le potenzialità dell’essere umano”.

Alcuni brani del libro sono stati letti da Gaetana Bruno Ferraguto e da Lucia Imprescia. Il maestro Salvino Strano ha poi magistralmente eseguito al pianoforte alcune colonne sonore tratte da film famosi. “L’undicesima” sta registrando un buon successo di critica e di pubblico ed è stato recensito su tanti giornali e riviste e su numerosi siti web dedicati alla letteratura. Gode di una presentazione della scrittrice Veronica Tomassini, giornalista del Fatto Quotidiano, e di una foto di copertina di Luca Morreale.

Raimondo Raimondi vive tra Augusta e Siracusa. Scrittore e giornalista, ha pubblicato libri di poesia, narrativa e saggistica ed ha curato l’edizione di numerosi cataloghi d’arte. Componente del Comitato Direttivo del Museo Civico di Augusta, è direttore responsabile della testata giornalistica Dioramaonline.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 814 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (237)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (117)
CRONACA (732)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (340)
LIBRI (204)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019

Gli interventi più cliccati

< marzo 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
13
14
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


19/03/2019 @ 19:53:19
script eseguito in 284 ms