Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 14/08/2014 alle  12:40:27, nella sezione LIBRI,  753 letture)

COP LIBRO"Amori d'amare", antologia di racconti in due volumi a cura di Cinzia Demi, è una bella iniziativa legata al mare e all’amore, pensata per aiutare la ricerca contro il cancro, raccoglie un gruppo di scrittori sotto l’egida della Minerva Edizioni che festeggia il traguardo dei 25 anni di attività. Racconti che narrano amori di personaggi famosi, letterati, scrittori, pittori, musicisti, ma anche amori comuni, uniti da uno stile poetico e da un’accurata ricerca linguistica. Gli scrittori che hanno partecipato all’iniziativa: Antonella Antonelli, Alessandra Bertocci, Fabio Canessa, Paolo Carnevali, Maria Gisella Catuogno, Rosalba De Filippis, Cinzia Demi, Silvia Fornasari, Rosa Elisa Giangoia, Gordiano Lupi, Dante Maffia, Chiara Maranzani, Gabriella Mecucci, Alessandra Merico, Gabriella Montanari, Vincenzo Montuori, Ivano Mugnaini, Rita Pacilio, Sabrina Paravicini, Sergio Pasquandrea, Marina Ripa di Meana (Volume 1); Giacomo Battara, Stefano Biondi, Roberta De Santis, Liliana Eritrei, Marco Fornasari, Toni Iavarone, Alessandro Mischi, Giuliano Musi, Valeria Roncuzzi, Mauro Roversi Monaco, Marco Rufini, Adriana Sabbatini, Andrea Samaritani, Francesco Vidotto (Volume 2). Un dipinto a tema realizzato da Maurizio Caruso impreziosisce il volume, dotato d’una suggestiva foto d’epoca che ritrae in copertina la spiaggia di Rimini nel 1952. Abbiamo avvicinato la curatrice, Cinzia Demi (nella foto a destra), per farle alcune domande.

Come nasce l’idea di un’antologia di racconti legati all'amore, al mare e alle vite di personaggi famosi?

L’editore Roberto Mugavero mi propose di lavorare intorno al tema dell’amore al mare per una raccolta che potesse essere presentata in estate, a Cesenatico, nell’ambito degli eventi che di solito organizza in collaborazione con lo stesso comune. L’occasione era la voglia di festeggiare i 25 anni di attività della Casa Editrice Minerva insieme ai tanti autori che avessero avuto voglia di dare il loro contributo. Pensai così ad una raccolta di racconti ambientati al mare dove il sentimento dell’amore fosse amplificato – soprattutto per l’interesse del grande pubblico - dal fatto di appartenere ad un personaggio famoso, conosciuto, magari partendo anche da qualche fatto realmente avvenuto. Molti autori da me contattati hanno aderito all’iniziativa, altri hanno omesso questa terza opzione, limitandosi a scrivere storie d’amore immaginarie. Per questo alla fine, volendo comunque pubblicarli tutti, si è pensato ad una sorta di cofanetto di due volumi ognuno dei quali contenenti le due tipologie di storie. Il valore aggiunto di questo libro sta nel fatto che i proventi delle vendite sono destinati all’Istituto Romagnolo per la lotta contro i tumori.

Lo stile di molti racconti (penso a Battara) rasenta la prosa poetica. Si tratta di una precisa scelta editoriale, oppure è il tema che ha condotto su tali binari narrativi?

L’amore è da sempre un tema che rasenta, nelle sue modalità espressive, il sentimento più raccontabile attraverso una forma poetica. Trovo normale, quindi, che molti autori si siano cimentati nella modalità della prosa poetica, vicina alla poesia, per raccontare la propria storia. C’è da aggiungere che tra gli scrittori ci sono anche diversi poeti (penso a Maffia, Pacilio, Carnevali, De Filippis, Mugnaini, Montanari, Pasquandrea, Giangoia ad esempio) ed è inevitabile che la contaminazione tra i generi avvenga – specie pensando sempre alla tematica -. Trovo altrettanto belli i lavori che sono stati scritti però da mani abituate a trattare saggistica, narrativa, fatti di cronaca, soggetti teatrali… la raccolta è in questo senso davvero eterogenea, varia nelle voci e nelle forme espressive. Insomma può davvero accontentare tutti i palati.

Una tua poesia d’amore funge da elemento introduttivo. Perché?

Inizialmente si era pensato ad una raccolta poetica che parlasse d’amore ma, in concomitanza, stava uscendo una analoga raccolta “L’amore dalla A alla Z” curata dallo splendido autore Vincenzo Guarracino per Puntoacapo e non si voleva creare un doppione. L’idea dei racconti pareva sostituire degnamente l’originaria versione ma io ho voluto dare comunque un segno di questa volontà, aprendo il libro con questa mia breve lirica – riportata anche in quarta di copertina – che rappresenta la sintesi dello spirito, del cuore pulsante di tutto il lavoro.

Come ti sei trovata nelle vesti di curatrice di una raccolta di racconti?

La scrittura è l’elemento più significativo della mia vita. Da sempre mi accompagna e da sempre ho desiderato scrivere in ogni forma: poesia, racconto, saggio. Curare i lavori di altri è al tempo stesso un impegno e un valore aggiunto di confronto e quindi di crescita. Questo si equivale sia per le collane di poesia che curo che per questa raccolta di racconti: ogni volta è una scommessa nuova, un traguardo da raggiungere con se stessi e con gli altri, con gli autori che ti danno fiducia e con i pubblico che ti giudica.

Quali criteri hai seguito nella scelta degli autori?

Gli autori sono stati scelti sulla base delle conoscenze personali mie e dell’editore. Ho chiesto a chi pensavo potesse avere interesse a scrivere qualcosa di questo genere e a trovarsi coinvolto in un’antologia con tante voci diverse. Qui, devo dire – e me accorgo adesso – che lo zampino poetico ce l’ho messo io: conoscendo molti più poeti che autori di narrativa, ho chiesto a loro di partecipare più che ad altri. Chi ha raccolto il mio invito si è trovato contento e mi ha ringraziato per il bel lavoro fatto insieme.

Quali sono i personaggi famosi protagonisti delle storie?

I personaggi sono tanti e diversi. Tutti contenuti nel primo volume della raccolta. In pratica una ventina. Si va dallo scrittore al cantante, dallo sportivo all’attore, dal poeta al musicista, dal personaggio noto per fatti di cronaca a quello noto per essere scampato ai campi di concentramento. Non vorrei rivelare i nomi anche perché alcuni sono mimetizzati da uno pseudonimo per motivi di privacy – fatto che rende più intrigante la lettura del libro perché induce a ricercare di identificar il personaggio semi nascosto. Posso affermare in tutta sincerità che ogni autore ha voluto solo rendere un omaggio al proprio protagonista, utilizzato per passione o desiderio di veridicità nei suoi confronti.

Come promuoverete l’antologia?

L’antologia verrà promossa soprattutto attraverso le presentazioni: Ne sono già state fatte due una a Cesenatico e una a Portoferraio. Ogni autore, in pratica, oltre all’editore e alla sottoscritta curatrice, si è impegnato volontariamente a organizzarne una nel proprio luogo di residenza. In pratica – essendo gli autori provenienti da varie città italiane, dal nord al sud, - il libro verrà raccontato in buona parte dell’Italia.

Un buon libro di brevi - ma intensi - spaccati di letteratura dedicati all’amore, prosa poetica, momenti di vita, incontri fugaci, storie di personaggi famosi come non li abbiamo mai conosciuti sui banchi di scuola. Un libro da leggere come un romanzo a puntate, dove ogni episodio è una nuova lettera d’amore, un nuovo capitolo d’una storia infinita. Quando comprerete la vostra copia pensate che - oltre ad aver nutrito la mente di buona letteratura - avrete aiutato la ricerca scientifica, perché il ricavato sarà destinato all’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 12/08/2014 alle  19:53:35, nella sezione CRONACA,  613 letture)

pomodoro pachinoIl presidente della terza commissione “Attività produttive” dell’Assemblea regionale siciliana, Bruno Marziano, ha espresso piena condivisione delle richieste fatte pervenire alla Regione dai rappresentanti delle aziende agricole per superare la crisi che ha colpito l’intero comparto a causa del crollo dei prezzi dei prodotti di eccellenza. A lanciare l’allarme sono stati il consorzio di tutela Igp pomodoro di Pachino, l’Associazione di tutela dei prodotti tipici di Pachino e la Filiera agroalimentare di Pachino e Portopalo, che hanno chiesto al Governo regionale di far fronte alla situazione di crisi con un forte intervento per ottenere una proroga delle rate di credito agrario di esercizio e di miglioramento, scadute o in scadenza entro il 31 dicembre 2014 ed anche l’emanazione del quarto bando gestito dalla Crias.

“Sostegno e appoggio incondizionato al comparto agricolo di Pachino e Portopalo – ha dichiarato il parlamentare regionale. – Il comparto agricolo avrà tutto il supporto necessario da parte della Terza commissione poiché rappresenta uno dei cardini dell’economia siciliana e, soprattutto, assume un ruolo ancor più fondamentale in una zona in cui si produce uno del prodotti di eccellenza che tutto il mondo invidia all’Italia: il pomodoro di Pachino Igp".

Il deputato regionale del Partito democratico ha annunciato che il 3 settembre, dopo la sospensione estiva delle attività dell’Assemblea regionale siciliana, in occasione della prima audizione della Terza commissione “Attività produttive”, sarà trattato l’argomento in presenza degli assessori regionali alle Risorse agricole ed alle Attività produttive e dei rappresentanti di consorzio Igp, Atptp e Fapp.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 12/08/2014 alle  11:55:06, nella sezione CRONACA,  613 letture)

MIGRANTIMentre l’estrema destra ad Augusta raccoglie firme e scomoda leaders politici del calibro di Alemanno e La Russa per sollevare la popolazione contro l’operazione Mare Nostrum e avverso la decisione di creare un centro di accoglienza nei locali dell’ex foresteria della Marina Militare in via X ottobre, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro degli Interni, Angelino Alfano, ha destinato 20 milioni di euro ai Comuni che da mesi stanno fronteggiando l'emergenza sbarchi. Si intesta il merito di tale decisione l’On. Enzo Vinciullo dell’Ncd: “Dopo i finanziamenti giunti su mia proposta, da parte della Regione Siciliana per Augusta e Portopalo - afferma Vinciullo - ora è la volta di Siracusa ed, ancora, di Augusta. Il Ministro degli Interni ha mantenuto, come è suo stile, l'impegno assunto, quando era venuto a Siracusa ed in Prefettura, aveva incontrato i Sindaci, garantendo loro che lo Stato non li avrebbe lasciati soli in questo momento di straordinario impegno, fatto di generosità e sacrifici immani”.

Le spese fin qui sostenute dai Comuni per l'assistenza e l'ospitalità dei migranti verranno riconosciute a tutti i 13 comuni siciliani che hanno fin qui anticipato proprie risorse nel fronteggiare il biblico esodo. I finanziamenti arriveranno materialmente nel mese di ottobre, per l’assegnazione si terrà conto di quanto speso, del flusso di migranti accolti e assistiti e della durata dei ricoveri, guardando con particolare attenzione ai minori non accompagnati, settore questo nel quale il comune di Augusta è intervenuto con particolare sensibilità, anche grazie all’opera dei tanti volontari e delle parrocchie. Il commissario straordinario di Augusta Maria Carmela Librizzi ha comunque chiarito che se sarà utilizzata l'ex struttura della Marina, sarà solo per i migranti minori e per liberare la sede della scuola di via Dessiè, fermo restando che l’accoglienza ai migranti minori non accompagnati è un obbligo di legge per il Comune cui non ci si può sottrarre.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 09/08/2014 alle  09:44:30, nella sezione LIBRI,  2604 letture)

copertina libroRaimondo Raimondi ripubblica in nuova ed elegante veste editoriale, per i tipi dell’AWA International, gli “scritti disorganici di estetica” dal titolo “Arte & Arte”. Si tratta, come dice il titolo, di alcuni saggi raccolti in unico volume che trattano il difficile tema dei percorsi dell’arte contemporanea, dei rapporti sempre più stretti tra creatività e cultura, addentrandosi anche nel mistero che sottende ogni cosa che riguarda l’uomo nella sua più profonda complessità di individuo in grado di immaginare oltre la realtà e di forgiare la materia, tramandando il proprio pensiero e accaparrandosi così una propria immortalità: possibilità unica concessa a un essere vivente su questa terra.

Il talento, il genio, la creatività – si legge sul retro di copertina - si esprimono attraverso l’energia, che è concentrazione di forza, di materia e di qualcos’altro di indefinibile, di esemplare, forse di sovrannaturale. Le opere d’arte sono capaci di farci sognare, di annullare i limiti spazio-temporali, di trasformarci in esseri senza dimensione e senza tempo, regalandoci una nuova, imprevedibile immortalità.

Tredici i capitoli – Raimondi, come nel suo recente libro “L’undicesima”, ama affidarsi ai numeri magici e simbolici: Evoluzione dell’Arte, Arte, mito e magia, Filosofia e Arte, La ricerca artistica contemporanea, La pittura moderna, Il mercato dell’Arte, La persistenza del dubbio nell’Arte, La scelta minimalista, La scelta naturalista, La scelta intimista, La scelta concettuale, La scelta tecnologica. Il tredicesimo capitolo è dedicato alle note biografiche dei personaggi (tantissimi) citati nel testo, assieme alle numerose illustrazioni che fanno di questo libro un prezioso manualetto dedicato a un pubblico di nicchia, ad appassionati del settore.

Raimondo Raimondi vive tra Augusta e Siracusa. Scrittore, giornalista e critico d’arte, ha pubblicato libri di poesia, narrativa e saggistica ed ha curato l’edizione di numerosi cataloghi d’arte. Componente del Comitato Direttivo del Museo Civico di Augusta, è direttore responsabile della testata giornalistica Dioramaonline. Ha recentissimamente dato alle stampe il volume di racconti “L’Undicesima” per le edizioni “Il Foglio Letterario” di Gordiano Lupi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 07/08/2014 alle  09:56:14, nella sezione SPORT,  756 letture)

giovanna1Si sono svolti recentemente i campionati mondiali di Master femminile a Montreal in Canada.Tra queste quella dello Sporting Club Argentario F40 che rappresentava l'Italia ai XV campionati del mondo Master di pallanuoto per club. Al torneo hanno partecipato 70 squadre maschili e 9 femminili. Si è giocato nella piscina Parc Jean-Drapeau e, per la prima volta da quando esistono i campionati master di pallanuoto, una squadra di over 70, la Ancient Mariners Team, proveniente dagli Stati Uniti, ha preso parte alla competizione. Nella squadra ci sono 4 giocatori che parteciparono alle Olimpiadi di Tokio nel 1964.

Per l'Italia erano presenti tre formazioni: l'Europa Sporting 40+M, Campione d'Italia 2014, l'Europa Sporting 55+M, bronzo agli Europei di Budapest nel 2013 e in campo femminile lo Sporting Club Argentario 40+F, Campione del Mondo nel 2012 a Riccione, vice campione Italiano sempre nel 2012 a Brescia, terzo ai Campionati Europei di Budapest lo scorso anno e terzo ai Campionati Italiani di Ostia. L’atleta augustana Giovanna Capuano (nella foto), che faceva parte dello Sport Club Argentario, ha vinto la medaglia d’oro, laureandosi campionessa mondiale Master F40+, bissando così il titolo del 2012.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 02/08/2014 alle  10:50:40, nella sezione EVENTI,  887 letture)

award1Pubblico delle grandi occasioni venerdì sera 1 agosto al Lido Ufficiali della Marina Militare di Punta Izzo ad Augusta dove ha avuto luogo la consegna dei riconoscimenti Kiwanis Children Award e Premio alla Sicilianità, promossi dal Kiwanis Club di Augusta con la collaborazione di MB E20 di Marco Bertoni. Numerosa la presenza di autorità militari e civili, tra cui l’ammiraglio Camerini, i tre commissari straordinari del comune di Augusta, il dirigente del Commissariato di P.S. di Augusta, i presidenti dei club Lions, Rotary, Inner Wheel e Fidapa, il vicecomandante della Guardia di Finanza, il responsabile provinciale della Protezione Civile e tanti altri che hanno collaborato nel consegnare i vari riconoscimenti ai premiati. La serata è stata magistralmente condotta dalla presentatrice Michela Italia, professionale e gradevolissima.

“L’idea di questo Premio “Kiwanis Children Award”- ha dichiarato il presidente del Club di Augusta dott. Raimondo Raimondi chiamato sul palco - è quella di premiare giovani augustani che si sono distinti per il loro talento, lanciando un segnale alla città di Augusta di ottimismo e di speranza, presentando la parte migliore della sua gioventù, sulla quale puntare per il loro e il nostro futuro”.

award2Chairman dell’evento è stato l’ammiraglio Gaetano Paolo Russotto, vicepresidente del club e instancabile guida dell’impegnativa organizzazione, collaborato dal segretario del Kiwanis ing. Antonino Valastro. Durante la serata sono stati raccolti fondi per il progetto internazionale Eliminate, promosso dal Kiwanis e dall’Unicef. I Premiati del Kiwanis Children Award sono stati: Giulia Navanzino, studentessa attrice, Beatrice Riccobello, studentessa con talento grafico-letterario, Sebastiano Galoforo, atleta canottiere, Marco Daniele, giovane attore, che si è anche esibito in una performance recitativa, Sofia Chiara Latino, giovane pianista, Simone Agrò, Gabriele Baudo, Lorenzo Coppola e Gabriele Di Grande, campioni di Giochi Matematici. Accanto ai ragazzi di Augusta, un premio speciale è stato conferito a un giovane migrante, Modou Lamin Ceesay, un ragazzo del Gambia esempio di integrazione e di solidarietà, cui il Kiwanis ha donato anche una somma di denaro per aiutarlo negli studi. Il ragazzo ha voluto poi ringraziare l’ammiraglio Roberto Camerini che dirige l’operazione Mare Nostrum per l’opera di soccorso in mare e la dott.ssa Maria Carmela Librizzi, commissario straordinario di Augusta, per l’accoglienza che la cittadina megarese riserva ai minori migranti.

award3Un premio speciale è stato anche conferito alla Misericordia di Augusta, associazione di volontariato, per l’opera di collaborazione negli sbarchi. Momenti di spettacolo sono stati offerti dalle giovanissime cantanti Sabrina Russo, Gaia La Ferla e Giorgia Cacciaguerra, allieve del maestro Giordani nella sua accademia Yap. A sorpresa si sono esibiti i canterini del gruppo Augusta Folk.

Nel Premio alla Sicilianità, come è stato spiegato da Marco Bertoni, sono state premiate personalità della nostra isola che si sono distinte nel campo dell’arte, dello spettacolo, dello sport, dell’impegno sociale nel ricordo del padre, l’indimenticato artista e chef augustano Pippo Bertoni. Premiati l’attore Luigi Tabita, la giornalista Rosa Tomarchio, il cantautore Emanuele Hesael Pavano, Claudio Castobello, presidente LILT Sicilia, Salvo Ravalli, atleta paraolimpico. Il Premio Pippo Bertoni è stato conferito a Salvo La Rosa, presentatore televisivo, a Gilberto Idonea, noto attore di cinema e di teatro, al Maestro Marcello Giordani, famoso tenore conosciuto in tutto il mondo, che ha ricevuto anche in dono un’opera pittorica di Raimondo Raimondi.

Un Award per l’impegno nel civile e nel sociale è stato consegnato a Nello Musumeci, presidente della Commissione Regionale Antimafia, all’ammiraglio Roberto Camerini, comandante del Comando Marittimo Sicilia e al prefetto dott.ssa Maria Carmela Librizzi, commissario straordinario di Augusta. Marcello Giordani ha chiuso la serata con le note della canzone “E vui durmite ancora” accompagnato alla chitarra da Mimmo Bertoni.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 01/08/2014 alle  11:24:42, nella sezione CULTURA,  798 letture)

RAIMONDI E DE SIMONEMercoledi 30 luglio alle 18,30, presso L'Istituto Musicale "G. Privitera" di Siracusa, si è tenuta la prima presentazione ufficiale del libro "Il fallimento democratico-Diagnosi di un sistema sociale", opera prima di Damiano De Simone, fondatore e primo Presidente della neonata Consulta Civica di Siracusa. Coordinati da Donatella Lo Giudice, hanno relazionato dei contenuti dell'opera il semiologo Salvo Sequenzia e lo scrittore (e Assessore alla Cultura della Consulta) Luca Raimondi (nella foto a fianco, a sinistra, accanto all'autore): il primo ha inserito il saggio nel vasto filone della letteratura pamphlettistica, illustrandone i contenuti filosofici e politici; il secondo ne ha messo in evidenza il valore linguistico e poetico. Non hanno potuto presenziare il vicesindaco e Assessore alle Politiche Culturali, Francesco Italia, e lo storico dell'arte Paolo Giansiracusa, che ha comunque mandato i suoi saluti e un comunicato. Per Giansiracusa, De Simone "è il vero politico di uno scenario cittadino triste e stanco. FOTO DI GRUPPO CON DE SIMONELa sua prima creatura è un libretto di riflessioni, di pensieri, di esortazioni, di progetti. In ogni espressione c'è la sintesi di situazioni realmente vissute , qui tra noi , nella nostra città, nella nostra terra". A garantire la presenza istituzionali ha comunque provveduto l'assessore Maria Grazia Cavarra. Tra gli altri partecipanti all'incontro, diversi assessori civici, alcuni dei quali (come Giuseppe Garro o Marcella Cifali) sono intervenuti nel dibattito e hanno portato la loro testimonianza, nonché la prefatrice del volume, la brillante filosofa aretusea Arianna Zerillo, collaboratrice della rivista "Siracusa iN", che così ha ben riassunto i due concetti coniati da De Simone, tra i contributi più originali offerti dal suo saggio: "l'Archessere, inteso come l’enuclearsi delle determinazioni individuali nel loro distendersi esistentivo, mai prescindibili dalle circostanze spazio-temporali; l'Urbimonìa, da intendersi come il corretto strutturarsi dello spazio urbano, predisposto all’accoglienza e allo sviluppo delle potenzialità di cui ogni singolo individuo è portatore e apportatore di bene collettivo".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/07/2014 alle  22:54:54, nella sezione CINEMA,  785 letture)

finocchiaroE’ “La jaula de oro” (La gabbia dorata) di Diego Quemada il lungometraggio vincitore della XIV edizione del Festival internazionale del cinema di frontiera di Marzamemi. La giuria, composta dai registi Monica Stambrini e Roland Sejko e dal giornalista Mario Serenellini, ha deciso di premiare il film messicano del 2013 “Per aver affrontato la realtà dell’emigrazione in un crescendo tragico di livelli di videogame verso il bug del confine, reso da un’elegante narrazione per immagini”.

Il Festival ha inoltre premiato l’attrice Donatella Finocchiaro, protagonista del film “Marina” di Stijn Coninx “Per la sincera e autentica interpretazione con cui riesce a portare sullo schermo la difficile condizione di una delle tante donne che negli Cinquanta vivevano la condizione dell’emigrazione come una costrizione”.

Per Con-corto, il concorso di cortometraggi, ha vinto “Eppure, io l’amavo” di Cristina Puccinelli “Per la freschezza del soggetto e la capacità autoriale e attoriale di creare empatia con il pubblico; la regista Cristina Puccinelli rivela una buona conoscenza tecnica e padronanza del mezzo cinematografico”. La giuria dei cortometraggi, composta dalla cine-giornalista Laura Silvia Battaglia e dai registi Sebastiano Riso e Lisa Romano ha inoltre premiato “Cargo” di Carlo Sironi, “Un’opera filmica in cui la camera si muove con grande delicatezza e maestria. Una buona fotografia asseconda le scelte narrative”. Assegnata anche una menzione speciale all’attore Danilo Esposito, protagonista del cortometraggio “Thriller” di Giuseppe Marco Albano perché, “Nonostante la sua giovane età, dimostra buone capacità attoriali e un eclettismo artistico non comune”. Con la consegna dei premi sul palcoscenico di piazza Regina Margherita si è conclusa la XIV edizione del Festival internazionale del Cinema di Frontiera di Marzamemi che ieri ha vissuto uno dei momenti più emozionanti con le esibizioni musicali dei fratelli Mancuso e dell’Ensemble Darshan.

Soddisfatto l’ideatore e direttore artistico del Festival internazionale del cinema di frontiera di Marzamemi, Nello Correale: “Anche quest’anno abbiamo registrato un grande successo che, grazie anche agli ospiti internazionali, può crescere ancora di più”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/07/2014 alle  14:30:33, nella sezione EVENTI,  773 letture)

da sinistra Valastro, Russotto, Italia, Raimondi e BertoneVenerdì 1 agosto 2014 alle ore 20.30 presso il Lido Ufficiali della Marina Militare di Punta Izzo ad Augusta avrà luogo la consegna dei riconoscimenti KIWANIS CHILDREN AWARD e PREMIO ALLA SICILIANITA’ organizzati dal Kiwanis Club di Augusta con la collaborazione di MB E20. L’evento è stato presentato agli organi di stampa durante una conferenza stampa svoltasi lunedì mattina nei locali dell’Unuci di Augusta (vedi foto). Il Kiwanis Club da sempre si occupa dei bambini, è la sua ragion d’essere istituzionale: l’attività in questo senso si concretizza nella partecipazione a un service internazionale che è il progetto Eliminate, teso a debellare il tetano materno e neonatale nei paesi in via di sviluppo e alla realizzazione di service locali con lo scopo di affiancare i giovani, accompagnandoli nel loro incerto cammino verso il futuro. “Da ciò deriva l’idea di questo Premio “Kiwanis Children Award”- dichiara il presidente del Club di Augusta dott. Raimondo Raimondi - che intende premiare, e nel far questo incoraggiare, giovani augustani che si sono distinti per particolari qualità o per vari talenti, volendo quindi lanciare un segnale alla città di Augusta di ottimismo e di speranza, presentando la parte migliore della sua gioventù, sulla quale puntare per un domani migliore non solo per gli stessi giovani ma anche per tutti noi che ci specchiamo in loro. Accanto ai ragazzi di Augusta, abbiamo voluto dare un premio speciale a un giovane migrante, uno di quegli sfortunati che hanno attraversato il Mare Nostrum, tra cui ci sono tanti bambini e ragazzi, anello debole di una catena di tragedie umane, dei quali non possiamo non farci carico”. Al Kiwanis Children Award si affianca il Premio alla Sicilianità, da una idea di Marco Bertoni, nel quale vengono premiate personalità della nostra isola che si sono distinte nel campo dell’arte, dello spettacolo, dello sport, dell’impegno sociale, dando lustro alla nostra Sicilia in tutto il mondo. Chairman dell’evento è l’ammiraglio Gaetano Paolo Russotto. La serata sarà condotta dalla presentatrice Michela Italia. Era presente alla conferenza stampa anche il segretario del Club ing. Nino Valastro. (nella foto da sin. Valastro, Russotto, Italia, Raimondi e Bertoni)

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/07/2014 alle  21:18:49, nella sezione CRONACA,  966 letture)

marlettaE’ la dottoressa Stefania Marletta il nuovo dirigente del Commissariato di P.S. di Augusta. Un Commissario donna, quindi, con un’ampia esperienza maturata nella Questura di Ragusa e nell'ufficio Volanti della Questura di Catania. Vice dirigente del Commissariato "Centrale" e dirigente del Commissariato "San Cristoforo" di Catania, è stata anche alla Squadra Mobile e poi assegnata all'ufficio Immigrazione. L'esperienza nella gestione del Centro Richiedenti Asilo di Mineo le potrà essere utile ad Augusta che è uno dei centri di smistamento dei migranti sbarcati nel porto commerciale nell’ambito dell'operazione Mare Nostrum della Marina Militare. La Marletta succede al dott. Teofilo Belviso ed è stata presentata ala stampa durante una recente conferenza stampa cui ha preso parte il Questore di Siracusa Mario Caggegi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/07/2014 alle  20:51:24, nella sezione EVENTI,  854 letture)

di mare 1 taoIl baritono augustano Giovanni Di Mare ricoprirà il ruolo di Tonio nei “Pagliacci” al Teatro Antico di Taormina nel nuovo allestimento del regista Enrico Castiglione. Le rappresentazioni si terranno al teatro Antico di Taormina il 2 e 4 Agosto. Il capolavoro di Ruggero Leoncavallo sarà accoppiato come in tutti i teatri del mondo con la “Cavalleria Rusticana”, ormai un appuntamento classico per tutti i turisti in Sicilia. Il baritono Di Mare ha debuttato nel ruolo di Tonio grazie a Enrico Castiglione che ha scommesso su di lui l’anno scorso intuendo che in questo giovane artista potesse trovarsi un nuovo interprete di riferimento per il doppio ruolo di Tonio e Taddeo nei Pagliacci di Leoncavallo, e così è stato. Giovanni Di Mare si è imposto ormai nella scena mondiale ed è considerato il nuovo Tito Gobbi per la sua interpretazione istrionica e virtuosa. “ Il mio Tonio nei Pagliacci è un opera d’arte cesellata da Enrico Castiglione, uno dei più grandi registi che mi ha diretto – dichiara Di Mare - con lui tutto è diverso, è come se lui scolpisse la materia informe che è dentro di me. Mentre gli altri registi ti mettono in gabbia, ti riempiono di lacci e laccioli, Enrico Castiglione ti mette le ali, fa di tutto per mettere il cantante a suo agio, ti chiede sempre se le posizioni che si disegnano sulla scena siano comode e che non ci compromettano nel canto. di mare 2L’interpretazione del mio personaggio voluta da Castiglione è straordinaria, uno storpio, quasi autistico, ma dentro il suo corpo difforme batte un cuore. Durante il duettone con Nedda questo personaggio viene disegnato con tenerezza, i suoi sentimenti dichiarati a Nedda faranno commuovere lo spettatore”.

I costumi di Sonia Cammarata sono luminosi e sgargianti, creando uno spettacolo imperdibile, nella splendida cornice del teatro Antico di Taormina, uno dei teatri più magici del mondo. Il debutto, fissato per sabato 2 agosto prevede insieme il dittico di Mascagni e Leoncavallo, in replica lunedì 4 agosto. L’accuratissima e suggestiva impostazione registica di Enrico Castiglione, attento ad ogni dettaglio, conquisterà ancora una volta gli spettatori, anche attraverso l’utilizzo di spettacolari scenografie dalla forte connotazione simbolica: un’imponente croce per Cavalleria rusticana e un circo immaginario per Pagliacci. Altrettanto sensazionali i coloratissimi costumi di Sonia Cammarata, ispirati alle antiche ceramiche di Caltagirone per Cavalleria e al mondo circense per Pagliacci. Una collaborazione importante per la Città di Taormina, dove, grazie alla fama internazionale di Enrico Castiglione, arriverà un’importante delegazione di imprenditori cinesi guidata dal Sindaco di Hang Zhou.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 23/07/2014 alle  16:41:44, nella sezione CINEMA,  728 letture)

battiato a marzamemiFranco Battiato ha partecipato alla seconda giornata del Festival internazionale del Cinema di Frontiera. Il musicista ha presentato il suo nuovo documentario, “Attraversando il bardo”, nell’ambito della sezione “Chiacchiere sotto il fico”. Teatro dell’incontro è stata la Tonnara, presa letteralmente d’assalto dagli spettatori-cinefili. Ornella Sgroi, giornalista e conduttrice del festival ha coordinato l’incontro con Battiato, Nello Correale, ideatore e direttore artistico, e Sebastiano Gesù, vice direttore (con Battiato nella foto a sinistra).

“È un film complesso – ha dichiarato il regista –che contiene delle asperità di natura linguistica. Tratta del confronto fra le tradizioni spirituali d'Oriente e d’Occidente. Una meditazione sul significato dell'esistenza e sul tema della morte. Con questo documentario ho voluto raccontare una forma di purificazione, di catarsi”.

Il secondo appuntamento di "Chiacchiere sotto il fico" ha avuto come protagonisti tre scrittori siciliani: Massimo Maugeri, Stefano Amato e Davide Carmelo Maria Ortisi (da sinistra, nella foto a fianco). Maugeri è l’autore di Trinacria Park, edito da e/o nella collana SabotAge. Temi centrali del romanzo sono la menzogna in tutte le sue manifestazioni, la forte identità siciliana e la presenza di diverse forme di criminalità, legate ad ambienti insospettabili quali le istituzioni politiche, l’alta finanza e i media. La Sicilia fa anche da sfondo al 49esimo Stato di Stefano Amato, edito da Feltrinelli/Transeuropa. L’interrogativo da cui parte l’autore è di natura storica: “Cosa sarebbe successo se la vaneggiata annessione della Sicilia agli Usa fosse davvero avvenuta?”. Lo racconta la storia di Amato, ambientata nel 1978. "Filosofia in pillole" di Ortisi, pubblicato per i tipi di Armando editore, è una raccolta di aforismi nati dall’osservazione della realtà e suddivisi in dieci capitoli corrispondenti ad altrettanti temi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 22/07/2014 alle  13:23:21, nella sezione CULTURA,  888 letture)

LOCANDINA EVENTOSi svolgerà il 30 luglio alle 18,30, presso L'Istituto Musicale "G. Privitera" di Siracusa, la prima presentazione ufficiale del libro "Il fallimento democratico-Diagnosi di un sistema sociale", opera prima di Damiano De Simone, fondatore e primo Presidente della neonata Consulta Civica di Siracusa. Coordinato da Donatella Lo Giudice, l'evento vede anche la partecipazione dello scrittore (e Assessore alla Cultura della Consulta) Luca Raimondi e del semiologo Salvo Sequenzia. Presenti anche il vicesindaco e Assessore alle Politiche Culturali, Francesco Italia, e lo storico dell'arte Paolo Giansiracusa.

La prefazione del volume è di Arianna Zerillo, che identifica come spina dorsale dell'intero discorso il rapporto uomo-città, che intreccia la trama del nostro habitus sociale. Così scrive la giovane filosofa siracusana: "Dalla sorgente dell'umana natura, il flusso delle disposizioni soggettive fluisce rapido, per diramarsi in un delta di duplice foce: una vede l'individuo come terreno d’incontro di tutte le velleità ascrivibili alla sfera puramente soggettiva; l'altra individua nel cittadino la disposizione identitaria altrettanto naturale perché determinata dal suo “dover-essere-con-gli altri”, esistente tra esistenti. Il mare in cui esse trovano sbocco è però l'unico macrocosmo civico che l'accoglie. Strettamente connessi con le due facce di quest’unica medaglia civico-esistenziale che è l’uomo, sono due concetti di nuova coniazione: “Archessere”, inteso come l’enuclearsi delle determinazioni individuali nel loro distendersi esistentivo, mai prescindibili dalle circostanze spazio-temporali; “Urbimonìa”, da intendersi come il corretto strutturarsi dello spazio urbano, predisposto all’accoglienza e allo sviluppo delle potenzialità di cui ogni singolo individuo è portatore e apportatore di bene collettivo."

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 22/07/2014 alle  10:40:23, nella sezione LIBRI,  966 letture)

CHRISTIANEEsce domani 23 luglio il nuovo romanzo della scrittrice siracusana Veronica Tomassini, dal titolo “Christiane deve morire”, lungamente atteso dopo l’exploit del precedente “Sangue di cane” (edito nel 2010 da Laurana con grande successo critico). Edito da Gaffi nella collana “Godot” e presentato da Giovanni Pacchiano, il romanzo vanta una bellissima copertina dell’artista romano Maurizio Ceccato. Una nuova storia di disperazione e dolore ambientata in un campo Rom di Siracusa, esplorato dalla cronista di un quotidiano locale.

Autrice anche di un racconto pubblicato da Feltrinelli nella collana Zoom (“Il polacco Maciej”), Veronica Tomassini è giustamente considerata una delle scrittrici emergenti più innovative e dotate di potenza narrativa di questi ultimi anni.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 21/07/2014 alle  14:34:34, nella sezione CINEMA,  607 letture)

medusaDa quest’anno il premio ufficiale di SHORTini Film Festival, manifestazione augustana dedicata al cinema, alla cultura, all’arte, organizzata dall’associazione culturale QuattroTerzi, sarà la “Medusa d’oro”, opera realizzata da Angelo Alessandrini.

Luca Sanseverino, direttore artistico del festival, la cui ottava edizione si svolgerà dal 31 luglio al 3 agosto presso i Giardini pubblici di Augusta, nei pressi del palco della musica, spiega che SHORTini è ormai una realtà consolidata nel panorama culturale siciliano e non solo, un progetto che ha acquisito negli anni grande continuità ed una sempre maggiore credibilità. L'ottava edizione è sembrata quella giusta per introdurre un nuovo elemento distintivo che, ritornando di edizione in edizione, potesse ulteriormente definire la personalità della manifestazione. E’ nata, così, l’idea di creare un premio che potesse rappresentare il festival, distinguerlo, diventarne uno dei simboli. Il progetto è stato affidato al talento di Angelo Alessandrini, uno degli artisti augustani più apprezzati ed è nato così il bozzetto della “Medusa”.

Dalla prima idea, l’opera si è evoluta concretizzandosi in una scultura realizzata in resina e ricoperta di foglia oro patinata, che raffigura un’ immagine femminile, una “Medusa” dai capelli in celluloide. “Nel volto di Medusa – chiarisce Angelo Alessandrini – c’è un’espressione sognante, la stessa che abbiamo tutti noi quando rimaniamo catturati dalle immagini di un bel film. I capelli tentacolari sembrano voler catturare i sogni impressi nei fotogrammi della pellicola, simbolo di un cinema fatto di lavoro artigianale, di maestria tecnica e di creatività.”

Nel premio c’è anche un’ispirazione che lo lega in maniera profonda alla città di Augusta in quanto, nell’ideare la Medusa Alessandrini ha voluto ispirarsi ad una bellissima scultura in bronzo che da decenni gli augustani hanno sotto gli occhi, cioè il volto femminile della “Vittoria” rappresentata nella parte frontale del monumento al Milite ignoto, realizzato, quasi un secolo fa, dallo scultore siciliano Turillo Sindoni.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 20/07/2014 alle  11:06:11, nella sezione CINEMA,  823 letture)

PRESENTAZIONE MARZAMEMISarà il cantautore catanese Franco Battiato uno degli ospiti d’eccezione della quattordicesima edizione del Festival internazionale del cinema di frontiera, presentata nel corso della conferenza stampa che si è tenuta nella sala degli Stemmi del palazzo della Provincia di via Roma. E tra le novità della kermesse c’è l’istituzione del premio “Donna di frontiera”. “Cinema di frontiera, non cinema di periferia - ha ribadito il direttore artistico della manifestazione, Nello Correale - cascame di un cinema dominante, centripeto, che si difende, bensì un cinema che s’interroga, che guarda all’altro da sé, aperto al nuovo. Un cinema che sia punta avanzata verso l’esterno, avamposto e non retroguardia”.

Per la sezione lungometraggi sono sei i film in concorso proiettati in piazza Regina Margherita: I cortometraggi della sezione Con-Corto sono invece 21, provenienti oltre che dall’Italia, anche dalla Francia e dalla Spagna, le cui proiezioni sono in programma nel cortile di Villadorata.

Ma non solo proiezioni di pellicole in concorso. Come ogni anno, infatti, il programma del Festival internazionale del cinema di frontiera è ricco di eventi dislocati in più punti del borgo marinaro, che per una settimana si trasformerà in un laboratorio artistico a cielo aperto.

Nella saletta della Banca di Credito Cooperativo di Pachino si terranno infatti due retrospettive: “Germi, il siciliano - a 100 anni dalla nascita del regista” e “Brancati e la sua parabola cinematografica – a 60 anni dalla scomparsa dello scrittore”, con proiezioni di film “Siciliani” di Pietro Germi e altri tratti da opere di Vitaliano Brancati o sceneggiati dallo scrittore assieme a Luigi Zampa. Tanti, infine, gli ospiti siciliani, tra i quali l’attrice Donatella Finocchiaro che accompagnerà la proiezione del film “Marina” e il regista Gianpaolo Cugno che presenterà in anteprima una clip del film “I Cantastorie”. Numerosi gli ospiti siciliani anche per “Chiacchiere sotto il fico”, come il cantautore e regista Franco Battiato e l’attrice e fotografa Tea Falco. Ma dai registi Pasquale Scimeca e Sebastiano Riso all’attrice Tiziana Lodato, passando attraverso i fratelli Mancuso, cantanti compositori e polistrumentisti, una folta delegazione di artisti siciliani che, con la loro presenza, arricchirà il Festival del cinema di frontiera di Marzamemi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 16/07/2014 alle  12:58:52, nella sezione CRONACA,  763 letture)

RUSSOTTOAll’Orto Botanico di Catania si è tenuto un Workshop Scientifico, finalizzato alla creazione di un sistema integrato di protezione Civile per l’area transfrontaliera, nell’area del canale di Sicilia, estendendosi fino al nord-Africa, caratterizzata da un elevato grado di rischio naturale e antropico, che influenza l’intera area del Mediterraneo. Questi rischi rendono necessario intervenire, avviando studi scientifici e attuando un monitoraggio, con particolare riferimento alla gestione del rischio geologico e alla realizzazione di un piano di Protezione Civile nelle isole di Lampedusa e Gozo.

I lavori si sono svolti in due giornate, 7 e 8 Luglio, presso il Dipartimento di Scienze Biologiche Geologiche e Ambientali, con il dirigente dell’Orto Botanico prof. Pietro Pavone. Il progetto denominato “SIMIT” viene gestito e presentato dalla responsabile del settore scientifico, prof.ssa Agata Di Stefano, alla presenza del direttore Generale della Prot. Civile Regionale Calogero Foti e dell’assessore Regionale alla presidenza Giuseppe Bruno. In rappresentanza del FAI era presente l’Ammiraglio Paolo Gaetano Russotto (nella foto). I principali obiettivi del Progetto SIMIT sono finalizzati ad un approccio multidisciplinare nel valutare i rischi naturali e calcolare gli scenari di rischio, realizzare linee guida per l’attuazione di piani di protezione civile transfrontalieri, con particolare attenzione alle isole di Lampedusa, Gozo e Sicilia. Inoltre si rende necessaria la realizzazione di una “sala controllo” integrata tra Sicilia e Malta, con congiunte esercitazioni di Protezione Civile, avvalendosi di strumenti educativi volti alla disseminazione di una “cultura di Protezione Civile”. Il Prof. Pietro Pavone ha concluso i lavori con un plauso e vivissimi ringraziamenti a tutti gli intervenuti, auspicando un fattivo e proficuo buon lavoro per la salvaguardia del territorio umanistico.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 14/07/2014 alle  16:11:03, nella sezione CINEMA,  830 letture)

enrico lo versoIl 14 luglio parte la sesta edizione dell’Ortigia Film Festival. Primo film in concorso “Il venditore di medicine” di Antonio Morabito, scritto dal regista insieme a Michele Pellegrini e Amedeo Pagani, che è anche produttore del film. In arrivo al Festival anche Enrico Lo Verso (nella foto) che il 15 luglio terrà una master class sul lavoro di attore. Versatile interprete di tanti film, dal celebre “Il ladro di bambini” di Gianni Amelio ai film di Tornatore, Lo Verso nella master class analizzerà le fasi di un processo complesso che parte dal provino allo studio di una scena. Un vero e proprio viaggio che ripercorrerà l’impegnativo lavoro cui un attore è sottoposto dal regista, attraverso consigli e direttive. Aprirà la vetrina dedicata al documentario Edoardo Morabito, con “I fantasmi di San Berillo”. Fantasmi di ieri e di oggi popolano il quartiere di San Berillo a Catania. Nel 1958, l’anno della legge Merlin, San Berillo viene raso al suolo. Con i suoi trentamila deportati in periferia è il più grande sventramento del dopoguerra. Ne rimane in piedi solo un pezzetto che diviene un quartiere a luci rosse. Nel 2000 un blitz ne cancella nuovamente la storia: oggi è un deserto in pieno centro storico. L’Ortigia Film Festival diretto da Lisa Romano è inserito nell’ambito delle iniziative promosse dalla Film Commission Sicilia e dell’Assessorato al Turismo della Regione Sicilia e gode del patrocinio del Comune di Siracusa. Partner della manifestazione anche lo storico Grand Hotel Villa Politi che nei giorni del Festival ospiterà illustri personaggi del cinema.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 13/07/2014 alle  15:46:02, nella sezione SPORT,  790 letture)

cavarra de simone e pernich“Un momento simbolico in cui l’istituzione pubblica incontra l’istituzione cittadina”: così Damiano De Simone, Presidente della Consulta Civica, commenta la sfida sportiva lanciata con molta simpatia dall’Assessore Comunale Maria Grazia Cavarra, entrambi, qualche giorno fa, invitati in veste istituzionale per l’inaugurazione della nuova struttura sportiva di beach volley e soccer presso il Molo S. Antonio (nella foto a fianco un momento della serata), alla presenza anche di Fabio Rotondo in rappresentanza della Circoscrizione Santa Lucia, Raffaele Grienti per la Circoscrizione Ortigia ma anche gli Assessori Civici Giuseppe Garro al Bilancio, Bruno Pernich allo sport ed Emilio Zuccarini alla Salute. Una partita di beach volley, quella che si terrà nella suddetta struttura venerdì 18 alle ore 20,00, che sarà un incontro sportivo senza precedenti: Giunta Civica vs Giunta Comunale.

Questa partita, commenta Damiano De Simone, deve rappresentare non solo un momento di svago tra concittadini, ma anche di esempio alla pratica di sane attività all’interno di un impianto sportivo rivoluzionario che sfida ogni regola culturale trasportando un pezzo di spiaggia in Città. “Vogliamo che la cittadinanza riparta da una nuova interpretazione del termine Politica. Una politica praticata sui principi della sportività (lealtà, onestà e riconoscimento) ma soprattutto una politica agonistica per mezzo della quale perseguire il principio di produttività e miglioramento. Tutto questo parte proprio dalla Città di Siracusa.”

Questo invece il commento dell’Assessore Comunale alle politiche dello sport Maria Grazia Cavarra: “Inviteremo tutti a partecipare all'evento, da spettatori, da tifosi, in modo da creare un momento comune di svago, che rafforzi sempre più il buon rapporto amministratore/cittadino tipico di questa giunta, che come più volte ci é stato riconosciuto dalla gente é vicina alla gente. Un primo evento dal quale si spera ne scaturiscano tanti altri nell'ottica della comunità vicina nei doveri e nei piaceri”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 13/07/2014 alle  15:41:37, nella sezione CINEMA,  690 letture)

marzamemiLa quattordicesima edizione del Festival internazionale del cinema di frontiera di Marzamemi si terrà dal 21 al 27 luglio. Sei, in totale, i film in concorso, la pellicola italiana “Il mondo fino in fondo” di Alessandro Lunardelli, l’argentino “La Reconstruccion” di Juan Taratuto; in concorso anche “Un insolito naufrago” di Sylvain Estibal, film francese, belga, tedesco, incentrato su una storia di scottante attualità: quella di un pescatore palestinese che vive con la moglie lungo il muro della Striscia di Gaza. Altro film in concorso sarà il canadese “Gabrielle” di Louise Acharmbault, che narra di un ventenne con un deficit intellettivo e un grande amore. Il concorso proseguirà con “La Jaula de oro - La gabbia dorata” lungometraggio messicano di Diego Quemada sulla vicenda di tre guatemaltechi che cercano di raggiungere gli Stati Uniti d'America per inseguire il sogno di un'altra vita, lontano dalla povertà in cui sono cresciuti. Chiuderà la sezione dedicata ai lungometraggi in concorso il film italo belga “Marina” di Stijn Coninx, presentato sul palco di piazza Regina Margherita dall’attrice protagonista Donatella Finocchiaro.

“Il festival quest’anno - spiega il direttore artistico Nello Correale - pur mantenendo solidamente le radici in Sicilia e nel Mediterraneo allunga lo sguardo e diventa più internazionale. Oltre alla rassegna di film documentari che saranno presentati nella sala della Tonnara e ai consueti incontri con gli autori nel cortile del Palazzo di Villadorata, è infatti in programma un importante incoming - tavola rotonda con produttori cinematografici americani che presenteranno i progetti di film in preparazione proprio in Sicilia e, ancora, rappresentanti della stampa estera. All’incontro, un’occasione preziosa per il cinema e per l’Isola, saranno invitati operatori del settore, Camere di Commercio, Confindustria, autori e produttori italiani”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 951 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (245)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (117)
CRONACA (733)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (346)
LIBRI (205)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi più cliccati

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


20/08/2019 @ 15:57:58
script eseguito in 302 ms