Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 12/05/2015 alle  09:14:30, nella sezione EVENTI,  525 letture)

sergio pillitteri"Un evento da non perdere" annuncia Sergio Pillitteri, presidente dell'associazione "Per la città che vorrei".  "Amore, demone possente, che sta tra i mortali e gli immortali..." Così Platone nel Simposio. L'amore, considerato in tutte le sue sfaccettature, sarà il tema attorno a cui ruoterà lo spettacolo "Il canto dell'amore" che si terrà a Siracusa presso il Salone dell'Istituto Musicale "Privitera" in Viale Regina Margherita 19 giorno 15 maggio 2015 alle ore 19.30. Famosi passi letterari, letti da Silvana Scrofani, accompagneranno i brani musicali affidati alla bravura e all'estro di Salvino Strano, noto musicista siracusano. 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 12/05/2015 alle  08:59:07, nella sezione ARTE,  598 letture)

mostra floridiaTaglio del nastro a Floridia per la mostra collettiva d’arte contemporanea "Incanto Siciliano”. Domenica 10 maggio Marinella Raniolo, presidente dell’Associazione “Trinacria Arte”, ha aperto le porte delle sale di Palazzo Raeli, nella centralissima Piazza Del Popolo, con un brillante discorso di apertura, alla presenza del sindaco avvocato Orazio Scalorino e del critico d’arte e scrittore dott. Raimondo Raimondi, contornati da una folla numerosa di artisti e di ospiti tra i quali la pittrice Laura Alessi, Giuseppe Apa, presidente dell’associazione “Arte No Stop” di Catania, il maestro Giovanni Longo, gli artisti catanesi Vito e Anastasia Guardo e il poeta dialettale palazzolese Fabio Messina, che ha declamato alcuni versi della sua ultima raccolta in vernacolo “Musa d’amuri”.

In mostra le opere di ben 31 pittori, tra cui Armando Nigro e Vanessa De Grandi del gruppo Versus di Siracusa, cui appartiene la stessa Raniolo. Nutrita la rappresentanza femminile a dimostrazione della grande sensibilità verso l’arte che le donne riescono più facilmente ad esprimere. Il sindaco Scalorino ha parlato del rilancio di Floridia nelle sue manifestazioni culturali ma soprattutto nelle sue tradizioni tra cui il famoso palio dell’Ascensione, tradizionale corsa di cavalli sospesa da qualche anno a questa parte e che egli spera di poter ripristinare presto, adeguando questa manifestazione tanto sentita dai floridiani alle norme di sanità pubblica e di sicurezza imposte dalla legge vigente. Il critico Raimondo Raimondi ha parlato del messaggio che gli artisti partecipanti hanno inteso dare a tutta la cittadinanza, dimostrando come al di là di ogni guerra e di ogni miseria umana sia possibile attraverso l’arte elevarsi verso una maggiore spiritualità. La mostra resterà aperta dal 10 al 17 Maggio con orari di apertura tutti i giorni dalle 18.00 alle 21.00.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 07/05/2015 alle  18:43:33, nella sezione CRONACA,  957 letture)

comune augustaFinalmente gli augustani vanno alle urne per eleggere il nuovo sindaco e i 30 consiglieri comunali. Sette i candidati alla carica di Sindaco e sedici le liste dei consiglieri comunali. Le amministrative sono in programma il 30 maggio e l’1 giugno (il 15 giugno il probabile turno di ballottaggio). Concorrono alla carica di primo cittadino Marcello Guagliardo, Marco Stella, Domenico Morello, Giambattista Totis, Cettina Di Pietro, Antonio Di Silvestro e Nicky Paci. Quasi cinquecento gli aspiranti consiglieri comunali, un’orda di pretendenti, uomini e donne, già sguinzagliati a caccia di consensi elettorali.

Marcello Guagliardo è sostenuto solo dalla sua lista dal lirico nome “Nessun Dorma” e ha già designato tre suoi assessori: Giuseppe Curella, Mirko La Face e Antonio Roggio.

Marco Stella è sostenuto da due liste: CambiAugusta e Lista Stella. Assessori indicati: Carmen De Riggi, Davide Fazio e Concetto Lombardo.

Domenico Morello ha il sostegno di ben 4 liste: Impegno Comune, Sal-Sicilia Democratica, Lista Azzurra e Popolari per Augusta. Assessori indicati: Cinzia Dato, Riccardo Camalleri, Carmelo Gulino, Emiliano Fabac.

Giambattista Totis si presenta con due liste: PD (unica sigla di partito nazionale presente a queste elezioni) e Totis per Augusta. Assessori designati: Attilio Salerno, Francesco Carpinteri e Alberto Lomeo.

Cettina Di Pietro del Movimento 5 Stelle è l’unica donna in corsa per la sindacatura. La sua squadra di assessori, già al gran completo, è formata da Giuseppe Pisani, Giuseppe Schermi, Roberta Suppo, Nicolò Caramagno, Maria Francesca Giovanniello, Giuseppina Sirena.

Antonio Di Silvestro è il candidato della lista Il Popolo della Rete con i suoi assessori designati Monia Saia, Giovanna Torbini, Ciccio La Ferla, Gianfranco Nasti, Mario Puglisi e Paolo Garelli.

Nicky Paci è supportato da una coalizione numerosa di ben 5 liste: Civico 89, Noi per la Città, AttivaMente, Tu Territorio Unito e Prima Augusta. Gli assessori indicati sono: Giuseppe Sicari, Pietro Forestiere e Irene Noè.

Si voterà nelle 41 sezioni cittadine e in 3 sezioni speciali allocate presso la Casa di Reclusione, l’Ospedale Muscatello e la clinica Villa Salus. I giochi quindi sono fatti e vinca il migliore. Dopo 18 mesi di commissariamento la città è alle corde e aspetta con ansia il suo futuro. Molti hanno deciso di non andare a votare. Ci si aspetta inoltre un cospicuo voto di protesta. Altri resteranno legati ai propri carrozzoni di interessi, di clientele o voteranno semplicemente il parente di turno in lista senza chiedersi nulla. Comunque sia, viste le condizioni disastrose del paese e i debiti accumulati, il nuovo sindaco non potrà che grattare il fondo del barile e chiedere nuovi sacrifici ai cittadini. Chissà come reagiranno, se mai reagiranno, gli augustani.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 07/05/2015 alle  15:11:27, nella sezione LIBRI,  760 letture)

amato meloniSabato 9 maggio, a partire dalle ore 20:00, nella libreria Gabò in corso Matteotti, 38, Siracusa, si terrà la "festa di presentazione" di due libri appena usciti, La fiera verrà distrutta all'alba di Angelo Orlando Meloni (Intermezzi editore) e Bastaddi di Stefano Amato (Marcos y Marcos edizioni). Tra un bicchiere di vino gentilmente offerto dalle Cantine Pupillo, la lettura di qualche brano e la firma di copie, i due autori siracusani festeggeranno l’uscita dei loro nuovi romanzi.

La fiera verrà distrutta all’alba di Angelo O. Meloni (Intermezzi editore, collana Ottantamila euro 5,00) fa i conti con la mitomania contemporanea, svela i desideri mostruosamente proibiti degli “aspiranti qualcosa” ai tempi dei social network e della paventata, presunta morte della lettura in un apocalittico mondo post-qualcosa. È la storia della fine del giornalismo e dell’editoria come noi li conosciamo, la storia del primo “giornale che vale”. Ce la farà il giovane Enzo Losanga da Pachino, aspirante scrittore suo malgrado, a uscire vivo dalla più pericolosa e imprevedibile fiera del libro di tutti i tempi?

Bastaddi di Stefano Amato (Marcos y Marcos euro 16,00) si ispira a Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino. Nel film, otto uomini feroci e selvatici, caricati a odio puro, minano alle fondamenta il dominio nazista. In questo romanzo invece siamo in Sicilia, ed è la mafia l’oppressore. Il tenente Ranieri, al comando dei suoi otto Bastaddi assetati di giustizia, colleziona scalpi di Cosa nostra. Il Capo dei capi è sempre più nervoso. Il Maxiprocesso con tutte quelle condanne è semplicemente intollerabile, e questi Bastaddi assatanati una spina nel fianco. Di questo passo, dove andremo a finire? Occorre proprio un gesto simbolico, una celebrazione della mafia, con i suoi picciotti, il suo onore, i suoi film. Una bella serata mafiosa in un cinema di Siracusa sarà il giusto segnale per tutti. La cupola di Cosa nostra concentrata in un cinema? Che occasione meravigliosa, per i Bastaddi. E se il cinema per giunta appartiene a Carla, che ha perso tutta la famiglia in una strage mafiosa… si scatenerà una gara esplosiva a chi stermina i mafiosi per primo nella sala buia. Perché al cinema, o nei romanzi, i buoni in qualche modo ce la fanno, i cattivi muoiono quando devono morire. E Falcone e Borsellino brinderanno in pace a una Sicilia finalmente libera, sorrideranno ancora. Una cover letteraria di grandi passioni, umane e civili.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 07/05/2015 alle  14:52:36, nella sezione LIBRI,  572 letture)

LA PIZZA PER AUTODIDATTI COPERTINAVenerdì 8 maggio alle ore 19:30 presso il locale Il Peter di Corso Umberto 62 sarà presentato il nuovo libro di Cristiano Cavina, La pizza per autodidatti, Marcos y Marcos edizioni.

Cristiano Cavina nasce a Casola Valsenio nel maggio del 1974 e c’è ancora dentro fino ai capelli: Made in Casola è il marchio in calce ai suoi romanzi e alle sue mail. Si nutre di storie fin da piccolo, ascoltando i racconti dei vecchi al bar; quando poi scopre i libri, la sua strada è tracciata. Scrive di cose che conosce bene: la sua infanzia in Alla grande (premio Tondelli) e Un’ultima stagione da esordienti; l’epopea di Nonna Cristina in Nel paese di Tolintesàc; la sua storia di figlio senza padre e di padre fuori dagli schemi nei Frutti dimenticati (premio Castiglioncello, premio Vigevano, premio Serantini, Selezione premio Strega); il lavoro nell’immensa cava di gesso alle porte di Casola Valsenio in Scavare una buca; i suoi anni di scuola superiore in Inutile Tentare Imprigionare Sogni.

In La pizza per autodidatti trasmette la sua esperienza di "pizzaiolo quando c’è" nella Pizzeria Il Farro di Casola Valsenio: tra impasti, temperature e ricette, ci svela l’importanza del forno per un narratore come lui.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 07/05/2015 alle  14:46:00, nella sezione EVENTI,  626 letture)

maria gennusoL'associazione culturale "Per la città che vorrei" chiama a raccolta le mamme di Siracusa Domenica 10 Maggio ore 10.00 presso il Teatro chiesa Sacra Famiglia in viale dei Comuni.

I bambini parteciperanno a un percorso didattico-educativo attraverso dei cartelloni che rappresenteranno "Come nasce una mamma?" e la "Super mamma di oggi", coloreranno delle schede strutturate e poi realizzeranno un lavoretto con le proprie mani da donare alla loro mamma.

La festa continua con l’animazione curata dal “Circo Riccio” artisti di strada,famosi per le loro acrobazie e per le loro gigantesche bolle di sapone che faranno felici piccoli e grandi, facendo rivivere momenti oggi persi, sempre emozionanti e custoditi nel cuore di ognuno di noi. A seguire, realizzazione di sculture di palloncini e, per finire, consegna dell’attestato di partecipazione alle “Super mamme”. Maria Gennuso, responsabile delle attività laboratoriali dell'associazione, dichiara: "la nostra associazione con sensibilità si pone gli obiettivi di promuovere la cultura dell’infanzia, lo sviluppo cognitivo, psicologico e socio-relazionale, promuovere la valorizzazione del territorio, creando una città a misura di bambino, dando uno spazio dove crescere, giocare, relazionarsi. Il presidente dell'associazione "Per la città che vorrei", Sergio Pillitteri, aggiunge: "In questo evento i veri protagonisti saranno le mamme ed i bambini, vogliamo evidenziare il ruolo dell'istituzione "famiglia" e soprattutto l'importanza delle mamme nel vivere quotidiano".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 04/05/2015 alle  15:03:43, nella sezione EVENTI,  795 letture)

TRUPPIETTUL’Associazione ”Rosolinesi a Siracusa” ha organizzato qualche giorno fa in un agriturismo un singolare torneo di “Truppiettu” rosolinese in ricordo di come si giocava negli anni dell’infanzia. Nell’occasione sono state lette alcune pagine del libro “Come Giocavamo” scritto da Federico Faraone, nelle quali viene descritto come si eseguivano i lanci: ‘n-sutta,’n-supra, a testa, a pizzuni o tiro americanu. Se il tiro era stato ben eseguito prendeva diverse denominazioni: masculinu, addummisciutu, ’na sita, lapuniata, assaccunna, morriri. Nel libro si parla anche del tipo di legno utilizzato, del truppiettu ballarinu, della presa in mano del truppiettu, ecc. A Rosolini furono pochi gli autentici maestri truppittari; primo, vero e forse unico fra tutti, il celebre Don Gaitanu Mmmirmina, che, nella sua bottega di Rosolini, in via Roma, vicino o Corigghjesù, creava col suo tornio definito “magico” eccellenti truppetti, compatti, bilanciati e dalle puntazze in acciao, che si potevano scegliere fra quelle arrotondate, sferiche o quadrangolari. Pietro Paolo Poidimani ha fatto pervenire all’Associazione una nota che è stata letta e che diceva: “Subito il mio pensiero va all’ indimenticabile don Caitanu Immermina insuperabile artista ri truppetta e ri autri cosi che fanno parte delle tradizioni del popolo siciliano e rusalinaru. Un giorno mio padre Pippo Poidimani, cu don Currainu Assenza e il grande antropologo siciliano Antonino Uccello, presente il sottoscritto ancora ragazzo, andarono da don Caitanu nta na traversa ra Via Roma a Rusalini pi fari fari triccientu truppetta co lignu ri na maccia ri carrua di nostra proprietà ro tirrinu ro Casali vicinu all’Arbanieddu. Buona parte mio padre li donò a Uccello per esporli nel Museo che lui aveva fondato a Palazzolo Acreide. Altri li tenne per se e ancora sono conservati in qualche posto della mia casa paterna, gli altri rimanenti li donò ai suoi alunni delle Scuole Elementari del Bellini di Rosolini. Fu una delle ultime volte che mio padre e Uccello si rividero, grandi amici e compagni di scuola al Magistrale Matteo Raeli di Noto. Giusto per non dimenticare”.

Al torneo di truppiettu hanno partecipato 19 concorrenti e, secondo i tempi di rotazione del truppiettu, è stata stilata, a cura della commissione, la graduatoria che ha indicato i vincitori i quali hanno ricevuto i relativi premi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 02/05/2015 alle  11:50:20, nella sezione LIBRI,  609 letture)

MISSIROLIDomenica 3 maggio alle ore 11:00 alla Libreria Gabò di Corso Matteotti 38 sarà ospite lo scrittore Marco Missiroli per presentare il suo ultimo romanzo Atti osceni in luogo privato, Feltrinelli Editore, vincitore del Premio Mondello 2015. Ne parleranno con l'autore Loredana Faraci e Pina Dapice.

Marco Missiroli è nato a Rimini nel 1981. Con il suo romanzo d’esordio, Senza coda (Fanucci, 2005), ha vinto nel 2006 il premio Campiello Opera prima. Per Guanda ha pubblicato Il buio addosso (2007), Bianco (2009; premio Comisso e premio Tondelli) e Il senso dell’elefante (2012; premio Selezione Campiello 2012, premio Vigevano e premio Bergamo). È tradotto in Europa e negli Stati Uniti. Scrive per il “Corriere della Sera”.

Atti oscceni in luogo privato racconta una storia che comincia una sera a cena, quando Libero Marsell, dodicenne, intuisce come si può imparare ad amare. La famiglia si è da poco trasferita a Parigi. La madre ha iniziato a tradire il padre. Questa è la storia, raccontata in prima persona, di quel dodicenne che da allora si affaccia nel mondo guidato dalla luce cristallina del suo nome. Si muove come una sonda dentro la separazione dei genitori, dentro il grande teatro dell’immaginazione onanistica, dentro il misterioso mondo degli adulti. Da Parigi a Milano, dallo Straniero di Camus al Deserto dei Tartari di Buzzati, dai Deux Magots, caffè esistenzialista, all’osteria di Giorgio sui Navigli, da Lunette alle “trentun tacche” delle nuove avventure che lo conducono, come un destino di libertà, al sentimento per Anna. Libero Marsell, le Grand Liberò, LiberoSpirito, è un personaggio “totale” che cresce con noi, pagina dopo pagina, leggero come la giovinezza nei film di Truffaut, sensibile come sono sensibili i poeti, guidato dai suoi maestri di vita a scoprire l’oscenità che lo libera dalla dipendenza di ogni frase fatta, di ogni atto dovuto, in nome dello stupore di esistere.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 01/05/2015 alle  14:52:55, nella sezione CRONACA,  992 letture)

m5sdipietroIl Movimento 5 Stelle di Augusta ha presentato i sei assessori che comporranno la Giunta del candidato sindaco Cettina Di Pietro. I nominativi sono i seguenti:

1) Vice Sindaco Dott. GIUSEPPE PISANI: Assessorato all’Ambiente, alla Polizia Municipale ed ai servizi alla città. 2) Dott. GIUSEPPE SCHERMI: Assessorato al Bilancio, risorse economiche e sviluppo economico. 3) Ing. ROBERTA SUPPO: Assessorato ai Lavori pubblici, alle Infrastrutture ed alla pianificazione urbanistica. 4) Ing. NICOLO' CARAMAGNO: Assessorato al Territorio ed alle Risorse Energetiche. 5) Avv. MARIA GIOVANNIELLO: Assessorato ai Servizi Sociali ed alle Politiche per le famiglie ed il cittadino. 6) Dott.ssa GIUSEPPINA SIRENA: Assessorato alla cultura e beni culturali.

“Si tratta di professionisti – comunica la Di Pietro - selezionati tramite bando e non con le "solite logiche di partito " che, oltre ad avere certificato penale e carichi pendenti immacolati (segno, per un professionista, non solo di rettitudine morale ma anche di capacità professionale, dal momento che svolgendo, ad esempio, la libera professione si può incorrere in denunce per negligenza!), hanno deciso di mettersi a disposizione non per arricchissi (hanno già una propria onesta professione) ne' per fare gli interessi di pochi, ma per aiutare a risollevare, insieme a noi, la nostra città! La nostra selezione si è basata esclusivamente su questi criteri, onestà e spirito di sacrificio (rinunceranno al 30% delle indennità che spettano loro per legge). Nel nostro bando assessori, inoltre, era specificato che coloro che avrebbero inviato i propri curricula dovevano essere pronti a rendersi immediatamente disponibili a collaborare con noi. Le persone selezionate lo hanno fatto, ci hanno aiutato a definire i punti essenziali del nostro programma, già sviluppato con i cittadini negli scorsi mesi, e ciascuno li loro, in base alle rispettive competenze, ha dato il proprio contributo”. L’avvocato Di Pietro in conclusione ha precisato che, anche in caso di dissesto, non ha intenzione di ridurre l'organico del comune, precari compresi, e ha ribadito la volontà di valorizzare il personale già in servizio, sulla base dei criteri di meritocrazia, perché la macchina amministrativa deve lavorare bene, in sinergia e verso l’obbiettivo di una maggiore efficienza.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 01/05/2015 alle  14:48:15, nella sezione CRONACA,  897 letture)

pataniaConferenza stampa di Marcello Guagliardo nella sede di “Nessun dorma” per comunicare l’adesione alla lista del candidato sindaco del dott. Carlo Patania, coordinatore del gruppo Rinnovamento Augustano, fondato 7 anni fa e poi confluito nel Megafono. I motivi che hanno condotto a questo avvicinamento sono la condivisione di uno stesso programma, la medesima visione delle cose e la scelta di Marcello Guagliardo come l'unica candidatura nuova e convincente per le prossime elezioni augustane. Patania nel suo intervento non ha risparmiato gli attacchi ad un PD considerato ondivago che, dopo numerosi solleciti, ha preferito non ricorrere alle primarie come strumento democratico di scelta del candidato sindaco, ma ha optato per il vetusto sistema degli accordi sottobanco. Guagliardo, orgoglioso per la fiducia accordatagli, ha dichiarato di aver sempre rifiutato possibili alleanze di nomi interessati solo a poltrone. La sua scelta ha portato alla realizzazione di un'unica forte lista composta da figure rappresentative ed epurata da candidature di comodo usate solo per riempimento. Alla luce dell'ormai certo dissesto finanziario Marcello Guagliardo ha sottolineato come in questi giorni stia ridefinendo i punti del suo programma che devono essere calibrati in considerazione di questa possibilità di dissesto. Ritiene che i fondi europei, quanto meno quelli che prevedono una compartecipazione del Comune, non potranno essere utilizzati. La soluzione che Guagliardo propone per il reperimento di risorse sono le fondazioni estere e i grandi brand internazionali che vanno incentivati a investire nella nostra città. Una piccola prova è la realizzazione prossima della Cavalleria Rusticana in Piazza Duomo (il prossimo 26 giugno) totalmente finanziata da una fondazione filantropica israeliana-canadese.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 30/04/2015 alle  17:16:54, nella sezione LIBRI,  572 letture)

Domenica 3 maggio alle ore 19 la libreria Biblios Cafè di Siracusa ospiterà Luigi Viva, biografo ufficiale di Fabrizio De André che, in occasione della 18° ristampa e dell'uscita del film, presenterà il libro Non per un dio ma nemmeno per gioco, (Feltrinelli), un'accurata biografia del cantautore genovese. Il libro, al quale collaborò lo stesso De André, dopo aver toccato il terzo posto nelle classifiche di vendita dei tascabili, è considerato ormai un importante testo di riferimento per conoscere la vita dell'artista e dell'uomo. Un testo ricchissimo, documentato e avvincente, che dà voce ai racconti di Fabrizio (interviste, colloqui personali, telefonate) e alle testimonianze di prima mano di amici famosi e no, da Paolo Villaggio, complice inseparabile degli anni genovesi, a Ivano Fossati, collaboratore dell'ultimo album, ai genitori di Fabrizio, ai compagni di scuola e di strada.

Durante la presentazione Carlo Natoli (Gentless3) e Andrea Romano (Il Fratello) eseguiranno, voce e chitarra, alcuni brani di Fabrizio De André. Luigi Viva racconta la vita del cantautore genovese attraverso la sua musica, i suoi ricordi e le confessioni rilasciate a voce negli anni all'autore, ricostruendo così il percorso umano ed artistico di un poeta infinito. Luigi Viva, scrittore, giornalista, conduttore radiofonico e socio fondatore della Fondazione Fabrizio De André, ha collaborato con testate come Paese Sera, Il Tempo, Il Sussidiario.net, Jazz Magazine e Jam.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/04/2015 alle  20:41:18, nella sezione ARTE,  626 letture)

Dal 28 al 30 aprile l’Antico Mercato di Siracusa, in Ortigia, ha ospitato il “Waiting Jazz Day & International Jazz Day” alla sua prima edizione, che, oltre naturalmente all’esibizione di tanti gruppi musicali ha registrato anche un evento artistico, la mostra della “Jazz Art” dell’artista augustano Nuccio Garilli. Si trattava di tele raffiguranti i volti dei grandi del Jazz (nella foto), ritratti rivisitati con grande maestria e originalità di tecnica da uno dei più interessanti artisti augustani, ricco di particolare personalità. Giuseppe Mandalari, direttore artistico della manifestazione, e Stefania Altavilla, presidente di Arca (Associazione Rinascimento Culturale Archimedeo), l’associazione che ha organizzato l’evento, hanno presentato in prima serata Raffaele Genovese che si è esibito insieme alla cantante Daniela Spalletta. Il secondo concerto ha visto l’esibizione del sassofonista Gianni Gebbia insieme al pianista palermitano Diego Spitaleri, con l’apporto della batteria di Carmelo Graceffa e del contrabbasso di Gabrio Bevilacqua. Nella seconda serata nuovamente sul palco il pianista Raffaele Genovese affiancato dal sax di Antonio Bonasera, che hanno proposto il progetto "Tra Folk e Jazz”, con l'esecuzione di alcuni brani della tradizione siciliana riletti in arrangiamenti moderni, contaminati dal jazz e da altre sonorità. Ha fatto seguito il “No game quintet” con il sassofonista Claudio Giambruno e la vocalist Daniela Spalletta, assieme a Claudio Guarcello al pianoforte, Giovanni Villafranca al contrabbasso e Antonio Leta alla batteria. Stasera la serata finale. Numeroso il pubblico intervenuto, in maggioranza turisti stranieri, che hanno ben accolto questo intrattenimento musicale e artistico loro offerto col patrocinio dell’Amministrazione Comunale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/04/2015 alle  15:13:48, nella sezione CRONACA,  531 letture)

PILLITTERICantiere fermo, non c'è nessuno: così denuncia il segretario del circolo del Partito Democratico Tiche-Epipoli Sergio Pillitteri. "Ho avuto modo di verificare, che nell'area cantiere per la ricostruzione della nuova scuola di via Calatabiano, non vi è alcun operaio in attività. L'area è in questo stato da mesi. Mi sono pervenute tante lamentele dai residenti di via Calatabiano, nel quartiere Tiche, lo spazio è stato invaso da cumuli di materiale edile scaricato, questo crea disagi per le abitazioni limitrofe. Sembra un cantiere abbandonato".

Aggiunge Pillitteri: "Questo stato di collasso, sia per i residenti della zona che per lo stop effettivo dei lavori non può permanere per altri mesi. I cittadini vogliono sapere che succede? Perché è tutto fermo? L'edificio è ancora lontano dal completamento, questa condizione è assolutamente da evitare, bisogna che i lavori riprendano giornalmente la loro attività, al fine di completare e rendere fruibile al più presto l'intera area, che è circondata da abitazioni e prospiciente all'ingresso del mercatino rionale giornaliero".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/04/2015 alle  15:06:20, nella sezione ARTE,  877 letture)

locandinaDomenica 10 maggio 2015 sarà inaugurata a Floridia la mostra collettiva d’arte contemporanea dal titolo "Incanto Siciliano", organizzata dall’Associazione “Trinacria Arte”, presieduta dalla pittrice Marinella Raniolo (nella foto mentre riceve un premio da Raimondo Raimondi). L’evento sarà ospitato nelle sale del Palazzo Raeli, nella centralissima Piazza Del Popolo di Floridia. La serata inaugurale sarà presentata dal critico d’arte e scrittore Raimondo Raimondi e registrerà la presenza di numerosi artisti e ospiti tra i quali Laura Alessi, Giuseppe Apa, presidente dell’associazione “Arte No Stop” di Catania, il maestro Giovanni Longo e il poeta dialettale Fabio Messina. ranioloSaranno messe in mostra opere di numerosi pittori, tra i quali la rappresentanza femminile è prevalente a dimostrazione della grande sensibilità verso l’arte che le donne riescono più facilmente ad avere. Saranno quindi presenti all’evento artistico: Laura Alessi, Lory Bella, Nelly De Caro, Vanessa De Grandi, Vincenza Favaloro, Alessandra Ferraro, Lorena Galazzo, Rita Gambilonghi, Mary Gibilisco, Elisa Gozzo, Stefania Grasso, Antonella Greca, Miriam Innoceta, Rosa Iorio, Giovanni Longo, Armando Nigro, Danila Parisi, Sebastiano Quattropani, Marinella Raniolo, Mariella Ricca, Salvo Rizzo, Giusy Romano, Agatina Salina, Davide Scalora, Luzia Tata, Maria Tata e Maurizio Villari. La mostra resterà aperta dal 10 al 17 Maggio con orari di apertura tutti i giorni dalle 18.00 alle 21.00.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/04/2015 alle  14:39:30, nella sezione LIBRI,  590 letture)

ARRIVEDERCI A BERLINO ESTGiovedì 30 aprile alle 18:30 la libreria Biblios Cafè ospiterà la presentazione del romanzo Arrivederci a Berlino est di Roberto Moliterni, scrittore e sceneggiatore nonchè vincitore, con questo libro, della terza edizione del premio letterario Rai La Giara. A introdurre l’autore sarà lo scrittore siracusano Luca Raimondi. Arrivederci a Berlino Est trascina il lettore in un intenso intreccio di eventi che vanno dalla guerra in Albania alla caduta del Muro, travolgendo il Titta, un siciliano che ha più volte cambiato nome e identità nel corso della sua vita e che è finito a trascorrere le giornate in una piccola pensione della città divisa, ormai rifugio di spie che vengono da ogni parte del mondo. Il protagonista vive sospeso tra un passato scomodo e l'amore per una donna che non riesce a dimenticare.

Roberto Moliterni, senza sacrificare il ritmo proprio di un noir, riesce a penetrare e scavare i suoi personaggi, sempre in bilico tra il desiderio di scegliere il proprio destino o subire quello che la storia decide per loro. Il libro, che ha sconfitto più di 500 romanzi inediti pervenuti alle 21 sedi Rai di tutta Italia e si è aggiudicato la Giara d'oro, è una storia che intreccia amore e spionaggio, ripercorrendo un vasto arco di tempo che va dalla seconda guerra mondiale alla caduta del muro. Moliterni riesce a governare bene il complesso intreccio degli eventi, a trascinare il lettore per le vie di Berlino est, a fargli sentire le sue strade come una grande gabbia, a fargli respirare il clima di quegli anni dalla Bulgaria alla Praga della rivoluzione, con una scrittura capace di ricreare tutti i colori delle diverse fasi attraversate dal suo protagonista: dai toni forti e intensi della gioventù inconsapevole e idealista, a quelli cupi di una maturità disillusa, a quelli grigi di una vecchiaia rassegnata con un cuore solo apparentemente in inverno. Una scrittura che, senza sacrificare il ritmo proprio di un noir, è capace di penetrare e scavare i propri personaggi restituendogli tutte le contraddizioni della vita vera. Il protagonista si chiederà continuamente se siano state le proprie scelte a condurlo là dove si trova, o se la Storia, il contesto, le origini, gli abbiano tracciato un'unica strada percorribile. Moliterni, con una scrittura mai banale, traccia un personaggio la cui amara consapevolezza ha il pregio di non essere dimenticata dal lettore.

Roberto Moliterni (1984) è cresciuto a Matera. Dopo gli studi in cinema, nel 2010 ha vinto il Premio Malerba per la sceneggiatura In prima classe. Ha pubblicato Fare un corto (Dino Audino Editore, 2012), collabora come rubricista a diverse riviste e ha un blog su "Donna Moderna". Ha ideato insieme a due amici le carte da gioco "Materane". Arrivederci a Berlino est è il suo primo romanzo.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/04/2015 alle  16:47:15, nella sezione CRONACA,  702 letture)

totisRiceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa del Circolo PD di Augusta relativo alla candidatura a sindaco del professore Totis:

“Il circolo di Augusta del Partito Democratico, a seguito di un ampio e attento dibattito interno ed in linea con l’indirizzo politico del nuovo gruppo dirigente che ha sostenuto e promosso nell’ultimo anno, giudica positivamente la proposta politico-amministrativa lanciata dalla aggregazione civica formatasi attorno alle figure di Giambattista Totis e Alfredo Beneventano. Il gruppo dirigente del PD di Augusta sin dall’inizio del periodo di consultazioni con varie forze politiche e aggregazioni civiche affini del centro-sinistra, ha posto come primaria necessità la costruzione di una coalizione su base programmatica e non solo elettorale con il fermo obiettivo dell’individuazione di una coalizione che avesse come finalità primaria la rinascita della città di Augusta a partire dalla ricostruzione delle basi democratiche sulle quali si fonda una efficiente e trasparente organizzazione sociale che punta all’innalzamento della qualità di vita dei suoi cittadini. La linea politica del Partito Democratico, volta esclusivamente al bene della città e non a interessi partitici o personali, è stata resa possibile anche dalla disponibilità del partito, sempre espressa durante tutte le consultazioni, a rinunciare a una pur valida candidatura a Sindaco di una figura interna al PD, nell’interesse prioritario di aggregare più forze politiche in un raggruppamento il più ampio e coeso possibile attorno a quei principi inderogabili fin da subito dichiarati Riteniamo che questa più ampia aggregazione che viene a configurarsi con l’adesione del PD attorno alla figura prestigiosa per storia, competenze e valore etico e morale del professore Giambattista Totis abbia tutte le qualità per ridare ai cittadini di Augusta le giuste speranze di rinascita civile ma anche per soddisfare le loro legittime aspettative in tema di ripresa economica, di sviluppo delle opportunità di lavoro, di risanamento e tutela ambientale, di riorganizzazione e governo del territorio, di riconoscimento e difesa dei diritti, di promozione della cultura, di salvaguardia della legalità, etc.. pur nel difficile momento che attraversa la città. Riteniamo che questo progetto politico, per la coerenza e affinità dei suoi componenti, pur nella varietà delle loro tradizioni politiche di provenienza, che vanno dal riformismo socialista più o meno moderato e gradualista, mosso da spirito laico, al riformismo cristiano democratico, mosso da spirito cattolico, varietà che costituisce nel contempo un arricchimento per la stessa coalizione e riflette del resto la stessa origine ed essenza del Partito Democratico, consenta agli attivisti del PD di candidarsi orgogliosamente con il proprio simbolo. Spinti da queste motivazioni il PD prendere le distanze da una delle grandi ipocrisie che si stanno consumando nell’attuale campagna elettorale, che ha visto il proliferare di numerose liste civiche in cui, dietro l’apparente intento di rottamare i partiti politici tradizionali, cercano di celarsi i soliti personaggi della vecchia politica che possono in tal modo dare anche vita a coalizioni altrimenti innaturali e improponibili. Siamo convinti dell’utilità e dell’importanza del ruolo dei partiti politici perché riteniamo che nonostante tutto la democrazia ancora oggi continua a essere diffusa e salvaguardata nella società soprattutto grazie alla loro azione politica. L’orgoglio dell’appartenenza al Partito Democratico, e della partecipazione a questa tornata elettorale con una lista che riporta il proprio simbolo, lo riconduciamo anche al continuo sforzo dell’attuale gruppo dirigente del PD locale impegnato in una grande azione di rilancio del partito, che ha già visto un deciso rinnovamento dei suoi attivisti e dirigenti a testimonianza della reale volontà di creare tutte le condizioni di rilancio della politica cittadina. Siamo certi che il sostegno alla proposta politica e amministrativa partita con l’appello di Totis darà ancora più forza al partito in questa ampia azione di rinnovamento già avviata, sostegno che definizione e condivisione di un programma di governo più ampio e articolato che dovrà scaturire dalla elaborazione unitaria degli intenti programmatici predisposti dalle singole compagini componenti la coalizione e ispirarsi sempre ai principi di pluralismo, collegialità, rappresentatività, e operando sempre nello spirito democratico che prevede gli strumenti del confronto, del dialogo, della concertazione, della trasparenza, della partecipazione, del coinvolgimento, sia nei riguardi dei vari componenti della stessa coalizione di maggioranza di governo sia nei confronti di tutti i nostri concittadini.”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/04/2015 alle  16:37:58, nella sezione CULTURA,  612 letture)

moni ovadiaSi avvicina l’inizio del cinquantunesimo ciclo di spettacoli classici in programma al Teatro greco di Siracusa dal 15 maggio al 28 giugno. “Le Supplici” di Eschilo sono affidate alla regia di Moni Ovadia (nella foto) che interpreta anche il ruolo del re di Argo, Pelasgo. Attore teatrale, drammaturgo, scrittore, compositore e cantante, Moni Ovadia ha dedicato gran parte della sua vita e della sua opera al recupero e alla rielaborazione del patrimonio artistico, letterario, religioso e musicale degli ebrei dell'Europa orientale. In linea con l’impegno civile di Ovadia già si parla di una messa in scena che renderà attuale la vicenda effettuando un parallelismo con gli emigranti di oggi. Infatti nelle “Supplici” le protagoniste sono delle 'richiedenti asilo' dell'epoca, anche se la loro è una condizione non debole, ma più forte di quella di chi oggi è nella stessa situazione, perché le supplici sono protette dal padre degli dei, Zeus, e le loro richieste di accoglienza sono perentorie, sanno di avere un diritto. Lo stesso diritto sancito poi dalla Bibbia, 'amerai lo straniero', dalle parole di Cristo, 'ciò che fai allo straniero lo fai a me', e che oggi è sancito dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo", come ha sottolineato lo stesso Moni Ovadia. Altra innovazione di regia sarà che il testo verrà recitato anche in siciliano e greco moderno. "La scelta del greco moderno è stato un atto politico, un riferimento all'attuale situazione della Grecia, mentre il siciliano è stato scelto per dare al testo di Eschilo maggiore intensità e sapore”. In scena anche "Ifigenia in Aulide" di Euripide per la regia di Federico Tiezzi e "Medea" di Seneca per la regia di Paolo Magelli.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 24/04/2015 alle  15:01:59, nella sezione CRONACA,  624 letture)

campo fontanaSi torna a parlare dell'intervento di bonifica del campo Fontana di Augusta, già inserito nell'accordo di programma settennale ma mai realizzato. L'immediata bonifica costerà 6.572.000 euro e porterà alla rimozione e allo smaltimento di tutta la cenere di pirite contenuta sotto il campo. Il candidato sindaco Marcello Guagliardo, aveva già inserito nel suo programma elettorale la proposta di bonifica e la riapertura al pubblico dello storico campo megarese. Qualche settimana fa, durante un incontro programmatico per la realizzazione di SPERO 20.20 (la Leopolda Siracusana su tematiche legate all'ambiente e allo sviluppo), alla presenza del Sindaco Garozzo e dell'assessore Contraffatto, Guagliardo aveva colto l'occasione per porre l'accento sull'urgenza di bonifica del campo sportivo. L'assessore Regionale all'energia Vania Contraffatto ha trasformato quelle parole in concretezza e quello che ad Augusta sembrava un miraggio pare che stia per diventare realtà. Non resta che affidarsi alla celerità e alla concretezza d'azione dell'assessore. Per quanto riguarda l’evento SPERO 20.20, l’appuntamento è per il 6 e il 7 giugno con una serie di incontri, focus e dibattiti su 12 temi centrali per Siracusa e la sua provincia. Un confronto aperto a tutti, ospitato nell’area ex industriale della Spero. Una scelta non casuale per una zona che vorrebbe diventare “altro” anche attraverso uno scambio di idee e posizioni. Spero 20.20 è organizzata dall’associazione Tempi Nuovi e vede la partecipazione degli esponenti renziani del PD siracusani ma anche regionali. Parteciperà anche il Ministro alle infrastrutture, Graziano Delrio, e Augusta sarà tappa del progetto per parlare di portualità e di sviluppo industriale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 24/04/2015 alle  13:10:05, nella sezione CRONACA,  925 letture)

morelloIn una convention ad Augusta presso Palazzo Zuppello, ha avuto luogo la presentazione del candidato Sindaco della coalizione di centro composta dalle liste civiche : “Azzurra”, “Impegno Comune” , e “SAL”. Oltre al candidato sindaco Domenico Morello erano presenti l’on. Giambattista Coltraro, per la lista “SAL”, e Paolo Amato per la lista “Azzurra” con in sala numerosi cittadini e amici, delle più disparate estrazioni, per sostenere un candidato espressione della società civile che si distingue per competenza e professionalità ma soprattutto che ha sempre mostrato con umiltà e spirito di servizio grande interesse per il variegato mondo dell'impegno sociale. Gli interventi di presentazione hanno spiegato la scelta di organizzarsi in una coalizione politica, capace di mettere al centro il progetto per la città e per il territorio, per affrontare le problematiche tutti insieme, facendo presente che questo è un momento importante in sé, ma ancor di più in relazione al contesto in cui interviene, caratterizzato da un lungo commissariamento, da assetti ed equilibri deboli da un punto di vista istituzionale, e da un quadro di bisogni sociali crescenti e di risorse che si riducono. Gli aderenti alle liste civiche “Azzurra”, “Impegno Comune” , e “SAL”, consci che la sfida che ci si accinge a raccogliere è impegnativa, si sono imposti, partendo da poche regole chiare e alcune linee guida, di essere corresponsabili in un progetto finalizzato al bene comune. “Un accordo non esclusivo, bensì inclusivo tale da poter coinvolgere variegate forze della società civile nell’ambizioso progetto di formare una comunità politica capace di coinvolgere persone di buona volontà, competenti e determinate – ha detto Paolo Amato – senza farsi imbrigliare nelle maglie strette delle polemiche sterili perché fortemente convinti che essere uniti, pur nelle diverse sensibilità ci rende più forti e più liberi”. L’on. Giambattista Coltraro ha ribadito che “Domenico Morello, essendo un buon conoscitore della macchina amministrativa ha le competenze per la gestione di un comune che richiede grande lavoro di squadra e potrà essere certo che a livello regionale troverà un interlocutore impegnato a sostenere ogni programma di lavoro utile, sostenibile e partecipato che tenga conto delle reali necessità dei cittadini e dell’enorme valore del territorio augustano”. Da parte sua Domenico Morello ha confermato di essere fiero di impegnarsi per far partire una Augusta migliore e di volersi impegnare insieme agli augustani nell’intraprendere vie nuove. “ So che nessuno di voi – ha detto - si aspetta che la nuova classe dirigente di Augusta possa risolvere tutti i problemi, ma ognuno di Voi, giustamente, chiede ascolto, chiede attenzione, rispetto e vuole avere la percezione concreta che qualcuno i problemi li sta affrontando davvero e in tal senso sottoscrivo l’impegno di assicurare una grande attenzione per i problemi reali, con senso di responsabilità e lealtà, costruiremo una politica di sviluppo intorno ai giovani, perché sono loro ad avere i bisogni più grandi nell’istruzione, nella sanità, nello sport, nello svago e nei consumi. Le sfide che ci attendono sono molteplici: dal lavoro alla crisi delle aziende, metteremo in campo una serie di azioni capaci di sostenere l’economia del territorio e stimolarne la crescita, con l’obiettivo di favorire la creazione di posti di lavoro, puntando sulla valorizzazione delle eccellenze del territorio, nel rispetto dell’ambiente, del paesaggio e della tutela della salute dei cittadini per creare opportunità di sviluppo e crescita. Le risorse sono in continua diminuzione e tutto ciò rende ancora più complesso amministrare, eppure non dobbiamo e non possiamo rinunciare al compito di fornire risposte e cercare soluzioni adeguate e credibili. La cultura dovrà essere valorizzata per la crescita di una cittadinanza attiva, vivace e stimolata, che torni a essere e sentirsi parte di una medesima comunità. La mia fiducia in Augusta è completa. Siamo certi che questa alleanza è destinata ad allargarsi, aggregando persone, liste, coinvolgendo tutti coloro che decideranno di ‘starci’, per cambiare davvero le cose”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 20/04/2015 alle  21:00:19, nella sezione CRONACA,  595 letture)

sergio pillitteriIl segretario del circolo del PD Tiche Epipoli, Sergio Pillitteri, accende i riflettori su un'opera lasciata a metà, situata nella zona alta della città, ovvero la seconda parte dei marciapiedi di viale Scala Greca, vale a dire da Largo Palatucci a traversa Belvedere di Scala Greca. "E’ necessario non distogliere assolutamente l’attenzione dall’iter burocratico o addirittura dal mancato reperimento dei fondi mediante appositi bandi finalizzati alla realizzazione del secondo tratto, ancor di più del primo considerato che vi è un esigenza impellente considerata l’alta densità di popolazione che risiede in questa parte del viale Scala Greca."

"Infatti il 2° tratto" aggiunge Pillitteri "è interessato da svariati condomini, istituti di credito, la sede della Questura, scuole, supermercati, uffici, ciò significa un alta fruizione di pedoni che sino ad oggi sono costretti a transitare senza alcuna garanzia di sicurezza, mettendo a rischio la propria incolumità. A che punto siamo? si chiede Pillitteri: di questo argomento nessuno parla. Perché questo assoluto disinteresse? "Dopo tutti questi anni, ancora ad oggi non è stata neanche avviata la pratica per gli espropri nei vari condomini e terreni ricadenti nel tratto in questione, visto che tale dinamica impiegherà svariato tempo.

Pillitteri, infine, lancia un appello affinché si possa creare un attenzione su questa mancanza di opera infrastrutturale fondamentale per la sicurezza dei cittadini, e per migliorare la loro vivibilità. "Attendiamo che si possa avviare un certo impulso su ciò. Continuerò a vigilare su tale mancanza."

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 436 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (241)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (117)
CRONACA (733)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (346)
LIBRI (205)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019

Gli interventi più cliccati

< giugno 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


19/06/2019 @ 19:46:25
script eseguito in 395 ms