Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 15/06/2015 alle  18:09:21, nella sezione LIBRI,  785 letture)

libro reimann la copertinaL’Associazione SAVE VILLA REIMANN presenterà il libro "COME UN PUZZLE" di Maria Vernali, che avrà luogo sabato 20 giugno alle ore 10.00 presso la sala conferenze di Villa Reimann. La presentazione del libro, organizzata dalla stessa autrice, cofondatrice di Save Villa Reimann, intende promuovere una campagna di sensibilizzazione e di iscrizione all'Associazione Italiana Scoliotici di cui è Presidentessa.

Il libro si compone di due parti. La prima tratteggia in forma di dialogo a due voci la figura di Christiane Reimann. La seconda parte è la traduzione del saggio pubblicato a suo nome, nel 1931, sulla rivista trimestrale degli Ospedali "Nosokomeion" dell'editore W. Kohlhammer di Stuttgart. Il libro indaga sui pezzi del puzzle che compongono la vita di Christiane ed il suo lavoro, nel tentativo dell'autrice di offrire un tributo ad una donna emancipata, professionalmente preparata, moralmente evoluta, culturalmente intrigante, generosa, imprenditrice che scelse Siracusa per viverci e morirvi. Una delle grandi donne, siracusana d'elezione, che merita tutta la nostra riconoscenza.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 15/06/2015 alle  18:06:35, nella sezione CRONACA,  1010 letture)

di pietroE così con 13496 voti su circa 18000 votanti l’avvocato penalista Di Pietro Maria Concetta detta Cettina del Movimento 5 Stelle è la prima sindaco donna del disastrato Comune di Augusta. Il suo antagonista Nicky Paci ha ottenuto appena 4484 voti. Augusta balza agli onori delle cronache nazionali essendo stata conquistata assieme al Comune di Gela dal Movimento di Grillo e Casaleggio, una vittoria annunciata che dimostra come l’indignazione popolare per anni di amministrazione clientelare che hanno poi determinato lo scioglimento del consiglio comunale per infiltrazioni della malavita organizzata sia stata tale e tanta da sconfiggere con una grande manifestazione di volontà democratica i gruppi di interesse economico che hanno determinato le scelte scellerate di questi ultimi vent’anni e la devastazione del territorio. Ci voleva proprio, dicono da più parti, un cambiamento di rotta, una presa d’atto da parte dei cittadini, uno sfogo all’indignazione e al malcontento, ora bisognerà affrontare il dissesto del comune megarese e recuperare il tempo perduto, raschiando il fondo del barile per fare cassa e mantenere impegni e programmi. Ma questa è un’altra storia che inizia da domani. Oggi i grillini esultano e gli augustani tornano a sperare.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 15/06/2015 alle  16:51:26, nella sezione LIBRI,  800 letture)

bonadonna"Oggi abbiamo perso la capacità di stupirci e di meravigliarci, non per mancanza di meraviglie, ma per mancanza di senso del meraviglioso." ( Chesterton)

La società contemporanea, con i suoi miraggi e le false conquiste, ha abbandonato la via pulcritudinis, distogliendoci così dallo stupore e dall’ ammirazione della bellezza in ciò che la rappresenta, ad esempio nel campo delle arti, con il suo ricco patrimonio di valori, tramandato e apprezzato dal grande pubblico, in tutto il mondo. L’autrice, Francesca Bonadonna il 20 giugno alle ore 18,00 presso la sala conferenze Vittorini,ex Provincia Regionale di Siracusa, in via Brenta, Siracusa, sarà ospite alla presentazione del suo libro album, dal titolo suggestivo, ispirato alla celeberrima affermazione di Fëdor Dostoevskij, La bellezza salverà il mondo, con l’intento di colmare, nel piccolo, questa mancanza percepita nella società, divenuta ormai una esigenza che ci induce a ossigenarci e a circondarci di bellezza, in contrasto con la crisi odierna e i tanti fattori inquinanti che tendono a insidiare il nostro equilibrio e la nostra serenità. L'evento è organizzato dall'associazione "Per la città che vorrei" presieduta da Sergio Pillitteri, che dichiara, nel comunicato stampa, di essere "orgoglioso di affrontare tematiche basate sui valori".

Il libro verrà presentato da Sua Eccellenza Mons. Giuseppe Greco direttore Biblioteca Alagoniana, le letture saranno curate da Luana Iacono sulle note del chitarrista Giuseppe Pitarresi. Una rilettura della bellezza, per evadere dalla frenesia quotidiana, per intrattenerci con gusto e meravigliarci.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 15/06/2015 alle  11:35:20, nella sezione ARTE,  697 letture)

locandina versusSarà ospitato negli ampi saloni del Palazzo del Governo di via Roma a Siracusa, opportunamente concessi dalla Provincia Regionale, il primo appuntamento del Gruppo artistico VERSUS con il suo pubblico. La mostra, che sarà inaugurata sabato 20 giugno alle ore 18,30, si intitola “Versus/contro” ed è curata dal critico d’arte Raimondo Raimondi e dalla professoressa Giovanna Trefiletti che presenteranno insieme le opere dei pittori, fotografi e scultori aderenti al sodalizio.

Si tratta di Lino Baio, Salvatore Barbagallo, Mariaconcetta Birrico, Giovanni D’Amico, Vanessa De Grandi, Sebastiano Dipasquale, Anastasia Guardo, Vito Guardo, Santo Paolo Guccione, Gaetano Interlandi, Rita Marta Massaro, Armando Nigro, Raimondo Raimondi, Marinella Raniolo, Giovanna Trefiletti, Patrizia Trefiletti e Cetty Urso. All’inaugurazione di sabato 20 giugno parteciperà Paolo Greco, famoso musicista anch’egli in forza al gruppo Versus, con le sue suggestive musiche “percussion live”. Saranno presenti il presidente di INFORUM EUROPA Giacinto Avola e il presidente di ARTENOSTOP Giuseppe Apa.

L’esperienza del Gruppo Versus nasce da un’iniziativa di arte e cultura ideata da un gruppo di artisti siciliani, provenienti da formazioni diverse, che si sono uniti intorno a un progetto di aggregazione artistica intraprendendo un percorso comune di condivisione di principi e di visioni, pur mantenendo la loro individualità di stili, linguaggi e tecniche, confrontando le loro esperienze di vita e d’arte per meglio comprendere la realtà contemporanea nella sua varietà di fenomeni, di accadimenti e nella sua complessità di codici interpretativi.

La mostra resterà aperta fino al 27 giugno col seguente orario: tutti i giorni dalle 9,00 alle 12,00 e dalle 16,00 alle 20,00 escluso la domenica. Dopo questa esposizione di Siracusa il Gruppo Versus ha già in programma varie mostre nei mesi a seguire e più precisamente nel mese di luglio ad Avola nel Refettorio dei Domenicani, nel mese di agosto a Noto nelle sale di Palazzo Nicolaci e in settembre tutto il gruppo parteciperà a un evento artistico ospitato nel Museo del Castello di Castelmola.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 14/06/2015 alle  20:18:47, nella sezione CRONACA,  615 letture)

giulietto chiesaSabato 13 giugno nella sala degli Stemmi della Provincia Regionale di Siracusa, in via Roma, gremita di pubblico si è tenuto l’incontro, organizzato dal Circolo dei Lettori presieduto da Salvatore Russo, con Giulietto Chiesa, giornalista e scrittore autore del recente saggio “È arrivata la bufera” che interpreta in chiave filorussa gli avvenimenti relativi alla crisi ucraina e alla situazione mondiale che presenta gravi pericoli di una insorgenza di conflitti che possono coinvolgere tutto il mondo occidentale. Chiesa da tempo cerca di mettere in luce le verità nascoste dai media di regime e spiegare alcuni aspetti contraddittori della politica estera nazionale. Introdotto da Luigi Amato e Luca Pinasco, Giulietto Chiesa ha esordito parlando delle verità negate, quei fatti scomodi che le veline di regime non riportano neanche, fatti negati o travisati come ad esempio la questione ucraina. Irrealtà, falsità, informazione manipolata perché i grandi proprietari dei media, televisioni e carta stampata, controllano i loro camerieri e ben poche voci si staccano dal coro, mentre sarebbe necessaria una possibilità di attingere ad una informazione attendibile, cosa prima d’ora assai difficile ma che oggi, grazie alla rete, comincia a diffondersi per far si che il cittadino esca dall’ignoranza e spezzi la coltre delle nebbie che avvolgono i fatti. I nostri politici sono solo dei camerieri, non detengono il vero potere che è in mano a entità lontane e spesso intercambiabili. Una volta era facile individuare i padroni ma oggi i padroni sono tanti e sfuggenti, sconosciuti alla massa dei cittadini. Si deve incominciare a una resistenza popolare o le prossime generazioni saranno generazioni di schiavi, senza potere decisionale e senza possibilità di consumo. I detentori del potere sanno che quest’epoca sta per finire ma noi, cittadini comuni, non lo dobbiamo sapere. Il petrolio non sarà più sufficiente a produrre energia appena tra 30 anni, allorché costerà troppo e non tutti potranno averlo. Chiesa ha citato una interessante legge di natura che esiste da sempre: “in un sistema di risorse finito non è possibile uno sviluppo infinito”. L’attuale sistema capitalistico o cresce o muore, ma se crollano i consumi, se il popolo non avrà più la possibilità di accedere ai consumi, il capitalismo crollerà o dovrà trasformarsi. La lettura della realtà corrente e del prossimo futuro che Giulietto Chiesa compie con lucida analisi è, per certi versi, apocalittica arrivando perfino a pronosticare una guerra totale di cui già si mostrano le prime avvisaglie e che avrà come epicentro lo scontro tra gli Stati Uniti e la Russia di Putin. Chiesa ritiene che l’Italia debba uscire dalla Nato, considerato oltretutto che le sanzioni contro Mosca imposte dagli Usa sono un danno per l’Italia, e ha lanciato una raccolta di firme in tal senso per una iniziativa democratica che parta dai cittadini puntando a raccogliere 2 milioni di firme. Nel campo dell’informazione il giornalista scrittore intende portare avanti un progetto di televisione indipendente a livello nazionale e internazionale, partendo dall’esperienza di Pandora Tv, la sua tv su internet (“un’altra visione dal mondo”), che non possa essere condizionata dal potere dei padroni, palesi od occulti che siano. Stimolati da questa messe di argomentazioni poderose e preoccupanti molti degli intervenuti all’incontro con Chiesa hanno dato vita a un vivace dibattito ponendo ulteriori domande al relatore e ricevendone esplicative risposte.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 12/06/2015 alle  21:44:29, nella sezione ARTE,  908 letture)

uprootedBella mostra d’arte intercultura quella in corso a Siracusa presso la restaurata chiesa di Gesù e Maria in via Capodieci, nei pressi del Museo Bellomo. La mostra, organizzata da Intercultural Studies Center, è stata inaugurata giovedì 11 giugno con un concerto interetnico e porta il titolo UPROOTED – All’insegna della coesistenza – e resterà aperta fino all’11 luglio. Presenta le opere dell’inglese Elizabeth Atkinson, del tunisino Ramzi Harrabi e dell’ortigiano Salvatore Accolla. Tema trattato l’integrazione delle diverse culture e la questione dei migranti, temi cari anche al rettore della chiesa, una splendida cappella medioevale perfettamente restaurata, don Alfredo Andronico, che ha concesso i locali per la significativa manifestazione. Elizabeth Atkinson, inglese che ha scelto di vivere ad Ortigia da cui è affascinata, ha una pittura pregna di ingenuità, e recupera il senso di antichi stupori, di inquietudini non sopite, di felicità fanciullesche mai scordate. fotoPuò essere anche il mezzo per trasferire in un non-luogo, il un giardino della mente, in una terra di mezzo, sogni e tensioni che sarebbero insopportabili se vissuti nel quotidiano presente. Ciò avviene, in questa giovane artista, attrezzata di solida preparazione accademica, avendo conseguito una laurea in belle arti, e stimolata da esperienze di viaggio, attraverso un figurare poetico fatto di semplicità e di minimalismo, in cui la delicatezza del messaggio conferisce status simbolico all’evanescenza dell’essere. La pittura concettuale del tunisino Ramzi Harrabi presenta un comportamento artistico anomalo ed originale, carico della particolare inquietudine di questo artista che ha saputo mixare la cultura e la tradizione islamica con le espressioni d’arte più tipiche dell’occidente. Queste sue ultime opere non sono che, in definitiva, le ultime scelte del suo nomadismo pittorico, unificate dalla tematica: le barche dei migranti stilizzate e ripetute in modo seriale in una iterazione simbolica assai incisiva. Del resto la sua capacità di mestiere, il precoce talento di giovane pittore alle prese col piacere del colore e con l’intellettualismo dei concetti da esprimere, chiesa gesu marianon è lontano da una consapevolezza linguistica e caratterizza l’avvio di un percorso che prende le mosse dalla difficile convivenza tra culture diverse anche allorquando l’artista si esprime attraverso la musica, eseguendo i ritmi ossessivi delle percussioni, di cui è abile interprete, e attraverso la poesia, mescolando anche qui le sonorità della lingua araba col verseggiare italiano. Salvatore Accolla, conosciutissimo ortigiano, è un pittore spontaneo affetto da una frenesia creativa che lo porta a dipingere quadri che espone sui marciapiedi di corso Matteotti ai tanti suoi estimatori che hanno dimostrato di apprezzare la sua arte, la sua vena creativa a volte visionaria, a volte frutto di palpabili tormenti interiori. Nel tempo Accolla ha fatto passi in avanti esponendo le sue opere in varie gallerie d’arte. Le sue tele raffigurano animali, barche, gatti, tetti, arlecchini e rivisitazioni personalissime di opere famose, come l’Urlo di Munch, un infinito caleidoscopio di figurazioni cromatiche ma tutte con una personalissimo linguaggio che, già di per se, è un risultato difficile da raggiungere in campo artistico: la riconoscibilità immediata dei suoi quadri.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 11/06/2015 alle  13:25:04, nella sezione CRONACA,  551 letture)

Il Gruppo direttivo del PD augustano ha fatto pervenire in redazione il seguente comunicato che pubblichiamo:

“Dopo anni di travaglio il nuovo gruppo dirigente del pd di Augusta riparte da qui, da quei 1473 voti di preferenza che ha ottenuto alle elezioni amministrative di domenica 31 maggio e 1 giugno. Ringraziamo tutti i nostri candidati che nonostante le difficoltà, con l'orgoglio dell'appartenenza al nuovo progetto del pd di Augusta, si sono spesi e si sono messi in gioco. È stata premiata la nostra coerenza nel presentarci con il nostro simbolo non cedendo alla ipocrisia di quei soggetti politici e uomini di partito che si sono nascosti dietro fantomatiche e fantasiose liste civiche e la nostra caparbietà di non cedere né a logiche partitiche lontane dal territorio né a lusinghe, compromessi e poltrone e rinunciando anche a sostegni elettorali di voti per non snaturare il nuovo corso del circolo, restando fermi sull'obiettivo del progetto programmatico da noi costruito. Abbiamo anche assistito a componenti del partito che si sono candidati con altre liste anche di centrodestra richiamati da allettanti promesse o a correnti del pd che hanno sostenuto e fatto votare candidato a sindaco diverso da quello del pd. La nostra lista ha ottenuto molte più preferenze di tante altre liste più quotate alla vigilia delle elezioni ma purtroppo il candidato a sindaco da noi scelto ha raggiunto solo il terzo posto ma con più consensi di candidati sostenuti da armate elettorali, flotte di liste e con campagne elettorali faraoniche con risorse economiche non indifferenti. Ringraziamo di vero cuore il professore Totis per il suo impegno e per essersi speso e messo a disposizione di questo progetto comune che riteniamo non vada perso ma anzi rilanciato mettendolo a disposizione dell'intera collettività nella continuità della strada tracciata durante questi anni. 1473 cittadini ci hanno dato fiducia, ma sono molti di più dato i tantissimi voti che ci sono stati annullati, e ci hanno consegnato nuovi stimoli a proseguire la strada che abbiamo intrapreso e per riconquistare i tanti nostri elettori, che appartengono al nostro mondo, delusi o che hanno scelto il non voto. Pertanto il circolo pd,i n continuità alla sua coerenza politica e non interessato a nessuna poltrona ha deciso di non effettuare nessun apparentemente nè tecnico nè politico in quanto reputiamo che i progetti politici dei due candidati a sindaco arrivati al ballottaggio sono distanti dalla nostra visione programmatica della città di Augusta. Il nostro progetto per Augusta rimane quello del lavoro, delle bonifiche e risanamento ambientale, dell'industria sostenibile, del decollo delle attività portuali e marittime, dell'affermazione della cultura della legalità contro ogni forma di corruzione e di malaffare. Comprendiamo la rabbia e l'indignazione dei cittadini contro le tante cose che non funzionano e non vanno nella giusta direzione ma la risposta, a nostro avviso, che va data è quella della buona politica non del qualunquismo e dell'antipolitica dilagante. Noi continuiamo il nostro progetto e non è finita qui, questo è solo l'inizio.”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Graziella Fortuna (pubblicato il 11/06/2015 alle  13:22:01, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  735 letture)

immagineChi non ricorda le donne del ’68 sventolare i reggiseni per rivendicare la libertà di essere femmina? Una libertà sognata, sperata, pretesa, confidata, trepidata. Mai temuta. Ma quale libertà? La nostra è una società ancora al maschile, anche se la rappresentanza femminile è garantita per legge, le cosiddette quote rosa, una vergogna costituzionale, e la professionalità delle donne, pur avallata, è pseudamente annichilita. Di donne se ne parla. Parlano le percosse che registrano diuturnamente i giornali di donne brutalmente picchiate e umiliate, derise, vituperate e maltrattate. Le donne sono brave a mascherare, a far finta di niente, a nascondere i soprusi subiti e a convivere nella loro vergogna, come se la colpa fosse loro. Continuano a rimanere in silenzio, a tacere la violenza fisica, psicologica e sessuale che sia, e a continuare ad essere persone dal sorriso spento. L’Istat ha registrato che sono state circa 70 milioni le donne che nel 2014 hanno subito violenza. Una realtà allucinante, senza confini e senza limiti ed è questo quello che emerge dai fatti di cronaca che costantemente siamo consapevoli testimoni di una realtà che è solo maschile, ma che riguarda le donne, il tutto mascherato da un falso buonismo che rende la donna sottomessa nella sua casa, trasformata, per l’occorrenza in una prigione. Si parla dell’incomprensibile e illogica leggerezza dell’uomo, il quale ha perso la lucida consapevolezza del cammino verso la ragione, fermo nelle sue radicate convinzioni che sono la risultante di millenaria supremazia. L’uomo non riesce a cambiare, rischia di apparire debole. Non può cambiare le regole della vita! Così ha fatto suo padre e il padre di suo padre, ai tempi dei tempi. L’uomo, negli anni, ha sviluppato il peggiore degli istinti: la violenza, la sopraffazione, l’annullamento della propria compagna…e la donna è sempre lì a raccogliere i cocci della propria vita, a ricomporli e fortunatamente non sempre a conservarli. Il cammino della donna è veloce e dinamico…è quello dell’uomo che va a rilento, inconsapevole che solo la libertà della mente può renderlo veramente uomo. Cronaca docet

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 11/06/2015 alle  12:54:51, nella sezione CRONACA,  688 letture)

guagliardoGiorni difficili sono stati per Marcello Guagliardo quelli che hanno seguito il primo turno di queste amministrative, non fa mistero di questo. Da innamorato della sua Augusta ha letto questo risultato con la stessa delusione che può provare un amante non corrisposto.

“Dopo una riflessione doverosa e il mio ritorno alle scene lontano dalla mia città ho avuto modo di vedere tutto in prospettiva. Ringrazio con tutto il cuore gli elettori che hanno avuto fiducia in me, l’armata coraggiosa dei miei consiglieri e la formidabile squadra di assessori: prof. Giuseppe Curella, avv. Mirko Laface, l’arch. Antonio Roggio, Alessandra Barreca e il dott. Fabio Scandurra. Lo spazio tiranno non permette di nominare tutti coloro che si sono impegnati e che hanno creduto al mio progetto ma consentitemi almeno un ringraziamento al dott. Carlo Patania, Mariella Miceli, Gianna D’Onofrio, Maria Cicero, Luigi Marino, Alessandro Tripoli, Andrea Tringali e Sebastiano Limma. Sono certo che il risultato elettorale abbia risentito del fatto che gli augustani sono tornati al voto dopo anni di torpore con una rabbia alimentata da un marchio che non meritavano. È innegabile però constatare come quelle primarie del PD negate, la conseguente tripartizione delle candidature, abbiano influenzato l’esito di queste elezioni. a cosa è servito tutto questo se non a garantire una poltrona a qualcuno? Nonostante le critiche rivolte al mio spettacolo con Toti, Totino e Litterio oggi non mi pento di aver regalato alla città 3 ore di divertimento e spensieratezza. Ho ancora negli occhi quel fiume di persone presenti e felici, la loro gioia è il mio carburante per andare avanti. All’avvocato Di Pietro e a Paci faccio il mio più grande in bocca a lupo, sono consapevole di quanto sia difficile il ruolo che andranno a coprire. Ognuno di loro, a proprio modo, sta mostrando di tenere alle sorti di questa città; chi con un’offerta totalmente nuova, energica e volitiva e chi con una coalizione trasversale fatta da augustani capaci e volenterosi. Cavalleria Rusticana, che è il mio regalo alla città, si svolgerà come avevo promesso il prossimo 26 giugno in Piazza Duomo con l’auspicio che questo evento possa davvero suggellare l’inizio di una nuova primavera augustana, fatta di cultura e collaborazione. La mia promessa è che l’associazione NESSUN DORMA continuerà ad operare e a proporre eventi culturali per la città in sinergia con la prossima amministrazione.”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 10/06/2015 alle  14:34:59, nella sezione LIBRI,  546 letture)

copertina libro maglianiIl vento qui ha le sue pause, nulla del rumore di un torrente gonfio in Val Prino. Non si espande, non rotola, di fatto agonizza, e non è neanche il vento della Patagonia di Chatwin, che assomiglia all’avvicinarsi di un camion che non arriva mai. Qui il vento si ferma e riprende, arranca, frena e stride come se trovasse dei semafori.

Solo un breve assaggio estrapolato dalla quarta di copertina dell’ultimo lavoro di Marino Magliani, 54 anni, ligure come Orengo e Sbarbaro, Biamonti e Novaro, trapiantato in Olanda, dove svolge i lavori più impensati sul Mar del Nord. Traduce ispanici, scrive racconti, di tanto in tanto - soprattutto in primavera - torna nella sua Liguria che non dimentica. Ottimo romanziere, abile nel trasmettere emozioni e capace di raccontare sia la terra natale che luogo d’adozione grazie a una prosa forbita, raffinata e molto letteraria.

Il canale bracco (Fusta Editore, p. 130), segue la sceneggiatura del romanzo per immagini Sostiene Pereira, soggetto di Tabucchi, disegni di Marco D’Aponte. Magliani racconta la storia sentimentale di un canale che da tempo segna la sua vita, come aveva fatto in opere precedenti, si sofferma su istanti e solitudini che scorrono nei lunghi inverni del Noordzeekanaal, tra il Mar del Nord e Amsterdam. L’Olanda è per l’autore la terra dove scrivere, ricordando il tempo perduto della sua Liguria, ma anche narrando il quotidiano olandese, come un lungo viaggio in bicicletta per raggiungere Amsterdam. La biografia di un canale diventa materiale da romanzo, il lettore si appassiona alle vicissitudini di acque silenziose e sognanti - né dolci né salate ma brak, come dicono gli olandesi - dove vivono pesci ignoti ad altre latitudini. Un nuovo esperimento letterario riuscito, non molto commerciale, visto il vento che tira in Italia, ma il prezzo (12 euro) e la veste editoriale sono invitanti. Non perdetelo.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 10/06/2015 alle  14:02:39, nella sezione CRONACA,  702 letture)

ing morelloUltimi giorni al vetriolo di campagna elettorale ad Augusta in vista del ballottaggio di domenica 14 giugno. Si sceglie tra Cettina Di Pietro del Movimento 5 Stelle e Niki Paci supportato da un insieme di liste civiche di centro destra. Dopo la conferenza stampa dell’ingegnere Domenico Morello (nella foto) che rendeva pubblica una sua personale querela contro la Di Pietro, rea, a suo dire, di una specie di ricattino (stoppa le dicerie di Paolo Amato sul mio tesseramento in Forza Italia o ti attaccherò sulla vicenda Oikoten) sulla cui rilevanza penale da più parti si nutrono seri dubbi, ora arriva una presa di posizione dei dirigenti provinciali di Sicilia Democratica, una delle sigle che supportava Morello al primo turno, con un comunicato a firma di Ezechia Reale e Salvo Sorbello. “Apprendiamo dalla stampa – si legge nel comunicato - che l’ing. Morello, già candidato Sindaco ad Augusta, ha proposto una denunzia contro uno dei candidati che hanno raggiunto il ballottaggio. Sicilia Democratica, come e’ principio fondamentale del suo Statuto e della sua politica, ha lasciato piena autonomia al coordinamento comunale di Augusta sia nella selezione dei candidati che nella scelta del candidato da supportare. Sembra però ora necessario evidenziare, per evitare che possa ingenerarsi qualsiasi equivoco, che la Segreteria Regionale e la Direzione Provinciale di Sicilia Democratica non sono coinvolte e non condividono la scelta dell’ing. Morello di esasperare i toni della campagna elettorale facendo ricorso a temi ed azioni estranei alla politica. Invitano quindi i propri simpatizzanti ad esercitare liberamente il proprio diritto di voto al ballottaggio, privilegiando il candidato che riterranno abbia maggiore possibilità di dare alla città di Augusta quella dignità e quel futuro che le si addicono e che certamente merita”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 10/06/2015 alle  13:57:58, nella sezione CRONACA,  499 letture)

118 marzamemiÈ stato installato domenica a Marzamemi in via Letizia, all’altezza della parafarmacia, il defibrillatore donato dal 118 al Comune nell’ambito del progetto “Ti abbiamo a cuore – diffusione delle tecniche di rianimazione cardiopolmonare e dei defibrillatori nei luoghi pubblici della Regione Siciliana”. «L’obiettivo – ha spiegato il sindaco Roberto Bruno - è quello di prevedere la diffusione in modo strategico di defibrillatori esterni in luoghi con elevata affluenza di pubblico e con maggior di difficoltà di collegamento. Un intervento significativo che aiuterà a migliorare gli interventi di primo soccorso sanitario soprattutto nel periodo estivo, in cui la nostra frazione è presa d’assalto da migliaia di turisti». Il referente per la gestione del defibrillatore è il dipendente comunale Salvatore Assenza, che guida un gruppo di volontari già formati all’utilizzo della strumentazione sanitaria: Maria Concetta Ferrara, Mario Pulvirenti, Daniele Buggea e Carmelo Parisio. «Presto – ha aggiunto il sindaco Bruno – arriverà un altro defibrillatore che installeremo nel centro storico pachinese, in prossimità di piazza Vittorio Emanuele. Un ringraziamento all’Ufficio Sanità, alla Misericordia e ai privati che hanno aderito al progetto e alla formazione promossa dalla Regione Siciliana».

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 05/06/2015 alle  20:42:56, nella sezione CRONACA,  532 letture)

foto di gruppo cuoriSi è concluso ieri pomeriggio con un evento finale il progetto denominato "Ambientiamoci in Sicurezza" nell'ambito delle azioni formative atte contro il fenomeno della dispersione scolastica presso il XII Istituto Comprensivo di Belvedere in Piazza Eurialo. Il percorso formativo che è durato diversi mesi per un totale di 40 ore è stato redatto dalla tutor la Dott.ssa Giuliana Borgione, dal Presidente dell'Associazione Ambiente e Salute Onlus Dott. Giuseppe Laurettini e dalla Segretaria Dott.ssa Noemi Garofalo, supportati dai volontari e Istruttori dell'organizzazione: Giuseppe Di Benedetto, Simone Giuca, Mariella Italia, Ugo Alì, Simone Boscarino, Stefano Magnano. Il progetto scaturisce dalla volontà di impegnarsi nella formazione di coscienze sensibili alle problematiche ambientali, nonchè alla promozione della sicurezza all'interno del proprio territorio, affinchè già dalla scuola primaria, i bambini consolidano il senso di responsabilità individuale e collettiva verso un bene comune che deve essere gelosamente custodito.

Grazie al progetto sono stati coinvolti oltre trenta bambini di 2° e 3° classe della primaria, i quali attraverso laboratori creativi sono riusciti a ricreare la segnaletica stradale verticale e orizzontale e ad individuare i fattori di rischio e pericolo presenti nella strada. Inoltre grazie alla formazione da parte degli istruttori nazionali di Blsd della Salvamento Academy di Ambiente e Salute hanno imparato a prestare aiuto e soccorso ad una persona adulta o bambino colto da arresto cardiaco improvviso praticando le manovre salvavita di Blsd (basic life support and defibrillation) - massaggio cardiaco e uso del defibrillatore semi automatico esterno e in caso di soffocamento praticare la manovra di Heimlich.

Il pomeriggio è stato strutturato dapprima con la riproduzione di un percorso urbano "Sicursopoli" con simulazioni di traffico e scene di soccorso, simulando il tratto di strada che quotidianamente i bambini percorrono per raggiungere la propria scuola, invadendo come un fiume di rosso i giardinetti di piazza eurialo, presenti mini vigili urbani, mini soccorritori con ambulanza, segnaletica e semafori mobili, ciclisti e pedoni, sotto gli occhi di numerosi spettatori. Conclusosi il percorso i ragazzini ritornati sul palcoscenico hanno ringraziato tutti presenti esibendosi in un vero e proprio Flash Mob unico in tutto il territorio nazionale con Stayin Alive colonna sonora internazionale per sensibilizzare le manovre salvavita di Rcp (Rianimazione Cardio Polmonare), in cui un gruppetto di ragazzine danzando a ritmo di musica hanno incantato i presenti e altri sono riusciti a simulare il massaggio cardiaco sui cuori di gomma piuma realizzati appositamente per far capire a tutti l'importanza di essere formati a praticare le manovre salvavita per riattivare il cuore nel caso in cui dovesse smettere di battere. Il tutto sotto la supervisione della mini squadra di Protezione Civile dell'istituto formati in un altro progetto conclusosi lo scorso mese con la consegna degli attestati formativi ai 16 bambini di 4° e 5° classi della primaria che ha visto anche in questo caso i volontari di Ambiente e Salute coinvolti in collaborazione con l'ufficio comunale di protezione Civile di Siracusa.

"E' stata una bella soddisfazione essere riusciti a coinvolgere numerosi bimbi stupendi e con tanta voglia di rendersi utili aiutando chi ha bisogno del nostro soccorso" dichiara Giuseppe Laurettini. "Desideriamo ringraziare tutti coloro che si sono prodigati per la buona riuscita dell'evento, in primis tutti i bimbi, la Preside la Dott.ssa Stefania Gallo molto sensibile alle tematiche della sicurezza e dispersione scolastica, la quale ha sottolineato l'importanza di educare i più piccoli alla cultura della prevenzione e sicurezza visto che loro rappresentano il futuro della nostra comunità, la maestra Dott.ssa Concetta Pastore, i collaboratori scolastici e tutti i genitori che hanno creduto in noi".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 05/06/2015 alle  10:46:28, nella sezione EVENTI,  582 letture)

mura dionigianeÈ fissata per domenica 7 giugno l’escursione archeologica lungo la pista ciclabile “Alla scoperta delle mura dionigiane” organizzata dall’associazione culturale “Per la città che vorrei” presieduta da Sergio Pillitteri. Un ampio tratto delle cosiddette mura dionigiane di Siracusa si sviluppa all’interno del quartiere Tyche. Queste mura fanno parte di un più ampio sistema di difesa della città fatto edificare da Dionigi il Vecchio nel 401 a.C. per difendere la città dagli attacchi dalla terraferma e dal mare. Queste mura, che circondavano tutta la città antica, culminavano nell’Epipole con il Castello Eurialo. Realizzati con grandi blocchi in pietra calcarea, si sviluppavano lungo tutto il perimetro urbano, alternando a distanza regolare delle grandi torri di difesa e delle porte. La parte di queste mura presenti nel quartiere Tyche è ancora visibile in alcuni tratti, in particolare presso la tonnara Santa Panagia, dove si possono ancora osservare grandi blocchi conservati nelle loro collocazioni originali. Altri tratti delle mura sono visibili presso le balze che dominano la sottostante contrada Targia, in una parte del quartiere resa famosa da Paolo Orsi, il quale vi scoprì un santuario rupestre antico dedicato al culto di Artemide.

Sostiene Sergio Pillitteri che “Un patrimonio storico ed archeologico di tale importanza non può continuare ad essere ignorato dai percorsi turistici e culturali della città moderna. Un progetto di recupero finalizzato alla tutela ed alla fruizione, nonché allo studio, fermerebbe il lento degrado a cui è costantemente sottoposto. L’abbandono di questa importante area archeologica, oltre impoverire la città di parte del proprio patrimonio storico ed archeologico, priva il quartiere Tyche di una ulteriore risorsa per il suo sviluppo.”

Il raduno per l’escursione, che avrà come prestigiosa guida il prof. Giancarlo Germanà, docente universitario dell'Accademia di Belle Arti di Catania, è previsto alle 9,30 presso il Rifornimento Agip in viale Santa Panagia (dopo sede Cgil Siracusa). L’iscrizione, aperta a tutti, prevede un piccolo contributo, maggiori informazioni al numero 338/8033361.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 04/06/2015 alle  10:15:07, nella sezione EVENTI,  549 letture)

RUTGER HAUER ETNA COMICS FOTO DI LUCA RAIMONDIQuattro giorni da record per Etna Comics 2015, con 61000 presenze, 243 espositori e 137 ospiti provenienti da tre continenti. Numeri entusiasmanti per la quinta edizione del Festival Internazionale del Fumetto e della Cultura Pop, che anche quest’anno vince la sua scommessa superando nettamente le cifre registrate nel 2014, grazie anche alla giornata in più che lo staff diretto da Antonio Mannino ha voluto regalare ai suoi fan. Premiato l’impegno dell’organizzazione, che anche quest’anno è riuscita a portare a Catania ospiti di caratura internazionale ed editori leader nel settore del fumetto e del gaming. La presenza di Rutger Hauer (nella foto a sinistra), guest star dell’evento, lancia Etna Comics verso il mondo finora inesplorato del cinema, ponendo la prima pietra per quello che potrebbe essere un nuovo punto di forza della kermesse. Riyoko Ikeda, Masami Suda, Jill Thompson, Peter Milligan, Angelo Stano e Claudio Castellini hanno stregato tutti con il talento della loro matita. Tutte le altre aree, dal Games al Videogames, dal Japan Center all’Altrimondi, dalle Mostre all’Area Junior, dalla Youtube Alley alla sezione per i doppiatori, hanno mostrato una crescita esponenziale rispetto agli anni precedenti, portando a Catania realtà inedite e molto apprezzate dai visitatori, che hanno invaso ogni angolo dei padiglioni del Centro Fieristico “Le Ciminiere”.

FOLLA IN AREA PLACO ETNA COMICS 2015Di primissimo livello, come sempre, i concerti delle quattro serate, che quest’anno hanno visto salire sul palco dai Gem Boy ad Andrea Agresti e la sua DB Days Band, da Clara Serina e i Parimpampum alla stessa Riyoko Ikeda, nota anche come soprano, senza dimenticare la magia Disney regalata dai fratelli Aiello. Immancabile il Cosplay Contest dell’ultima giornata, che ha visto trionfare nella categoria The Best Diana Consoli (nelle vesti di Arachne – Artbook Mystic Animism), a cui va un viaggio con relativo alloggio e pass full access per il San Diego Comic-Con 2016.

Risultati importanti anche dalla consueta asta di beneficenza, che quest’anno ha permesso di raccogliere 5445 euro, che saranno devoluti, nella misura del 30%, alla fondazione di Rutger Hauer per la ricerca contro l’AIDS e per il 70% al Comune di Catania per la realizzazione di una bambinopoli in uno dei quartieri della città. Cifre importanti dunque per quella che si attesta ormai come una kermesse di prim’ordine nel panorama fumettistico nazionale, avendo fatto registrare su tutti i fronti risultati senza precedenti nella storia di questo Festival. E c’è già chi, calendario alla mano, ha iniziato il count-down per la sesta edizione che, come annunciato ieri sera sul palco dallo stesso direttore Antonio Mannino, si snoderà ancora una volta in quattro intense giornate, dal 2 al 5 giugno 2016!

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Luca Raimondi (pubblicato il 02/06/2015 alle  19:50:33, nella sezione CINEMA,  917 letture)

Lo devo ammettere: nonostante adori i fumetti e siano presenti decine di star della sceneggiatura e del disegno, il mio primo obiettivo, entrando alla Ciminiere di Catania, era la star del cinema Rutger Hauer. Il nome più altisonante delle cinque edizioni di questo sempre più stupefacente “Festival Internazionale del Fumetto e della Cultura Pop” che risponde al nome di Etna Comics. Nel "taglio del nastro" era accanto ad Enzo Bianco e vedendo quella foto mi sembrava di essere tornato davvero in quegli anni delle "estati catanesi" in cui si vedevano per Catania i grandi nomi della musica e della cultura, ché perlomeno quest'aspetto damagogico tipo "panem et circenses" con Bianco non è mai mancato.

hauer 2C'è bisogno che ripercorra le gesta di Rutger? Un nome attivo nel cinema olandese già negli anni ’70 e approdato a Hollywood nel 1981 nello strepitoso film d’azione con Sylvester Stallone “Nighthawks” (“I falchi della notte”), entrando già nella memoria collettiva con uno dei suoi tanti cattivi di culto, il temibile terrorista Wulfgar. Di lì a poco, poi, eccolo nel ruolo della vita: il “replicante” Roy Batty, il cattivo (ma in questo caso con non poche giustificazioni esistenziali, a differenza del “male puro” incarnato nel precedente film) di "Blade Runner", il film di Ridley Scott che ha cambiato i canoni della fantascienza cinematografica pur fallendo al botteghino dell’epoca (rifacendosi soltanto negli anni, man mano che il suo status di “cult movie” cresceva in maniera esponenziale). Un film per me (e per tanti altri della mia generazione) a dir poco fondamentale, come in qualche modo anche i successivi “The Hitcher” e “Ladyhawke” (quest'ultimo inserito nel programma della manifestazione, riproposto in lingua originale). Un film che ha reso Rutger una leggenda, anche se la sua carriera poi ha vissuto fasi alterne, contraddistinta da ruoli sempre più marginali nei film della grande industria e da tantissimi B-movie interpretati per scopi puramente alimentari. Da sottolineare le collaborazioni con tanti registi italiani, alcune felici, in particolare quelle con Ermanno Olmi (due film con il regista bergamasco, tra cui il successo di matrice letteraria “La leggenda del santo bevitore”), altre meno azzeccate (basti citare il triste “Dracula 3D” di un Dario Argento ormai alla frutta).

Alle 12.00 di lunedi 1 giugno era prevista la cosiddetta “masterclass”. E lì purtroppo ho dovuto registrare la parziale delusione del pubblico. Hauer si presenta con un’oretta e passa di ritardo. Dice poche battute, poi si rintana fuori dalla “Sala Etna” perché, anziché spendere parole “live”, preferisce mandare una sua intervista di ben 50 minuti presa da YouTube, dall'audio peraltro pessimo. Mi dicono sia stato proprio lui a impuntarsi per far vedere quell'intervista anziché sottoporsi a una certo più interessante ed emozionante conversazione dal vivo. Con vivo sprezzo del pericolo, mentre il pubblico si sorbisce quell'intervista che avrebbe potuto tranquillamente vedersi anche nel pc di casa, lo vado a importunare. hauer3Per fortuna, sia lui che gli organizzatori sono accondiscendenti e ho la possibilità di scambiare due chiacchiere con lui, ponendogli un paio di domande. Sono reduce da un romanzo ("Tutto quell'amore disperso") che, per spiegare la passione cinematografica del protagonista, utilizza proprio una memoria relativa a “Blade runner”. Un lungo capitolo, il mio, che ricorda con nostalgia certe visioni in un cinema di paese enorme che, di lì a qualche anno, avrebbe subito la decadente parabola del “Cinema Paradiso” di Tornatore: prima i film porno, poi la chiusura. Poiché anche Hauer, dopo la strepitosa decade anni ’80, ha trascorso più tempo a lavorare per film “straight-to-video” che destinati alle sale cinematografiche, gli voglio chiedere proprio un suo punto di vista sulla diminuzione delle sale e sulla conseguente riduzione di spettatori. “I film che vengono distribuiti nelle sale devono sempre rispondere a delle regole, sono sempre più generalisti, devono essere per tutti. Per questo è sempre più difficile trovare bei film al cinema, bisogna semmai appoggiarsi ai festival per trovare delle perle. Indubbiamente internet consente una diffusione pazzesca, perché la vera difficoltà è sempre la distribuzione”. Grande fiducia dunque in Internet, e devo dire che fa un certo effetto ascoltare “Roy Batty” che esprime una certa fiducia nell’avvenire e nel progresso, a differenza del sottoscritto che ancora ricorda con nostalgia la celluloide delle pellicole: sembra lui il più giovane dei due, anche se ogni ruga sul suo volto sembra un canyon, senza il "filtro" di montaggio, fotografia, trucco. Rutger Hauer è qui anche per accompagnare un film italiano in cui appare, “Wax” di Lorenzo Corvino, girato tra Roma e la Costa Azzurra. Inevitabile dunque chiedergli cosa si provi, a livello umano e recitativo, a passare da grandi produzioni (nonostante non sia più un nome di grande richiamo, almeno negli Stai Uniti, negli ultimi anni è apparso comunque in film come “Batman Begins” di Nolan, “Sin City”, “Il rito” con Anthony Hopkins) a film di portata più ridotta. E ancora una volta Rutger esprime un entusiasmo giovanile nel voler abbracciare queste avventure che garantiscono, dice, maggiore libertà. “Hollywood è come un supermercato, anche se ogni tanto provano a girare film un po’ diversi, sono intrappolati in un sistema industriale che non gli consente quella libertà che, invece, hanno i film indipendenti. C’è una vera, benedetta, libertà, specie nei film che vengono distribuiti in modo alternativo, come appunto sfruttando internet, anche se certo le difficoltà non mancano. Ma non manca neanche il divertimento!” Purtroppo ho finito il breve tempo a mia disposizione e questo “giovanotto” di 71 anni dagli occhi azzurri profondi e intensi (che posso osservare a pochi centimetri di distanza) deve andare. Gli chiedo una foto perché, sai caro Rutger, “all those moments will be lost in time like tears in rain”… mi accosto adagio, rispettoso del suo spazio vitale. Con il suo braccio ancora possente mi afferra e mi stringe a sé. Intrappolato da Roy Batty! E neanche Harrison Ford avrebbe potuto divincolarsi…

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 01/06/2015 alle  22:01:08, nella sezione ARTE,  647 letture)

artisticamenteDopo l’animata e coinvolgente inaugurazione di sabato 30 maggio, continua fino all’8 giugno la mostra di pittura, scultura, fotografia, digital art, moda, performance e body art dal titolo “Artisticamente”, organizzata da Giuseppe Apa, presidente dell’associazione catanese Artenostop, manifestazione multidisciplinare che è stata un vero evento artistico di notevole rilevanza cui hanno preso parte circa 60 artisti delle varie discipline che hanno messo in mostra le loro opere. La mostra è ospitata negli ampi spazi espositivi del Borghetto Europa di Catania e ha tra i suoi media partners l’emittente Zeronove Webtv che ha mandato in onda il video dell’evento. Durante la serata inaugurale si sono svolte performance di body art affidate all’artista Eleonora Catania, che ha dipinto sui corpi di alcune modelle e realizzato installazioni viventi, e gli interventi musicali del famoso percussionista Paolo Greco autore ed esecutore di emozionanti melodie dell’anima. artweb2Sempre durante la serata inaugurale si è svolta la manifestazione ShootingArt “arte e bellezza dentro uno scatto” con la partecipazione di Modella TV, durante la quale dieci fotografi hanno scattato 100 fotografie a Greta Bertone, Miss Europa in Italia 2015, e ad altre tre giovani e bellissime modelle per raccontare l’arte che sposa la bellezza al femminile. Le ragazze sono state fotografate davanti alle opere d’arte creando una magia mediante la quale la viva bellezza delle giovani donne è diventata l’opera d’arte e il quadro dipinto la sua cornice, una vera e propria alchimia che ha invertito i ruoli in un interessantissimo e ardito esperimento estetico, commentato nella sua presentazione dell’evento da Raimondo Raimondi, noto critico d'arte e direttore di Dioramaonline, che è anche media partner dell’evento. Erano presenti all’inaugurazione, tra gli altri, i noti artisti Giuseppe Ranno, Giovanni Longo, Giovanna Trefiletti, Francesca Raffone e lo scultore Giovanni Sessa.

Il video della mostra è visibile al link: http://www.zeronove.tv/zntv/video/videocultura/a-catania-apre-i-battenti-artisticamente-mostra-multidisciplinare-con-oltre-sessanta-artisti/

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Luca Raimondi (pubblicato il 29/05/2015 alle  20:12:01, nella sezione EVENTI,  647 letture)

rutger hauer a fontanarossaSolo ventiquattro ore e Catania tornerà ad essere per quattro intense giornate la capitale del fumetto e della cultura pop. La quinta edizione di Etna Comics è infatti ormai alle porte e da domani 30 maggio a martedì 2 giugno il Centro Fieristico “Le Ciminiere” riaprirà i battenti per accogliere le decine di migliaia di visitatori che vedono nella kermesse un appuntamento imperdibile.

Tante le novità in programma quest’anno, a partire da un’apertura senza precedenti al mondo del cinema, grazie alla presenza per tutta la manifestazione di Rutger Hauer (nella foto a sinistra immortalato al suo arrivo a Fontanarossa), con una masterclass proposta da lui stesso e la proiezione di alcuni dei film che lo hanno reso celebre, da The Hitcher a Ladyhawke. Il divo di Hollywood, leggendario anche per la parte del replicante Roy Batty in Blade Runner ma protagonista anche di tantissimi altri film in una carriera prestigiosa e ultraquarantennale, sarà presente già domani mattina alle 10:00 per il taglio del nastro, al fianco delle autorità e dello staff organizzativo diretto da Antonio Mannino, dando così il via a quella che già si preannuncia come l’ennesima edizione da record.

Il Festival internazionale del fumetto e della cultura pop riparte dai numeri esplosivi del 2014, con oltre 50.000 visitatori, ma con la concreta ambizione di polverizzare ogni primato. L’evento, considerato ormai un vero e proprio cult di proporzioni sorprendenti, si snoderà, quest’anno, come già annunciato, in quattro ricchissime giornate ispirate dall’hashtag #backtothefantasy. Tantissimi gli ospiti presenti già nella prima giornata, con Riyoko Ikeda, “mamma” di Lady Oscar, e Masami Suda, creatore della versione animata di Ken il guerriero, pronti ad incontrarvi. Senza dimenticare le travolgenti novità del palco, sul quale domani sera si esibiranno per la prima volta i simpaticissimi Gem Boy, conosciuti ai più per le cover parodistiche di canzoni famose. Tra i punti di forza la mostra sui 50 anni di Valentina, creatura di Guido Crepax che ha stregato generazioni di appassionati, fiore all’occhiello di un’Area che col suo appeal continua a catturare l’attenzione di migliaia di visitatori e che, tra le altre, ospiterà anche le mostre su Star Wars e Ritorno al Futuro.

Dopo lo straordinario successo del 2014, grande attesa anche per la Youtube Alley, dedicata ad autori e protagonisti di alcuni dei canali youtube più seguiti dagli internauti. Appuntamento dunque per domani mattina, quando questa nuova, fantastica, avventura prenderà finalmente il via dopo un anno di trepidante attesa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/05/2015 alle  20:58:41, nella sezione CRONACA,  582 letture)

sergio pillitteriUn fine settimana intenso per l'associazione culturale "Per la città che vorrei", sono previsti infatti appuntamenti sia venerdì 29 Maggio che sabato 30. Spiega il Presidente dell'associazione, Sergio Pillitteri: "Venerdì 29 Maggio saremo presenti alla manifestazione indetta dal Comune di Siracusa Decoro Day, che si svolgerà in via Lazio alla Mazzarona quartiere Grottasanta. Lì, con il nostro staff, saremo in prima linea dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00 con un nostro stand in cui vi sarà attività di laboratorio didattico coordinato dala maestra Maria Gennuso, sul tema dell'iniziativa, inerente al miglioramento della qualità del tessuto urbano ed al suo sano sviluppo socio ambientale. Giorno 30 Maggio invece, come ormai consuetudine da tanti anni abbiamo ideato a cura esclusivamente dell'organizzazione della nostra associazione, presenti con eventi alla 53a festa di Santa Panagia, zona alta chiesa Sacra Famiglia, quartiere Tiche. Dalle 18.00 a tarda sera attività di vario genere presso il piccolo parco Robinson di via Caltagirone dietro la chiesa Sacra Famiglia di viale dei Comuni, teatro a cura dell'Anteas da un testo di Giorgio Guarnaccia, regia di Agostino La Fata, esibizioni di danza moderna, presenti tanti stand dell'associazione Cuori e Colori, oltre all'esposizione del Vespa Club di Siracusa con moto d'epoca e ancora laboratori didattici per i più piccini e concorso "La più bella vespa" con estrazione, ingresso gratuito. Per l'intera manifestazione del 30 ringraziamo la compartecipazione dei seguenti partner Vespa Club Siracusa, Fitness Club Siracusa, palestra Fonte del Benessere, Anteas, Noi Cuori e Colori.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/05/2015 alle  20:47:17, nella sezione LIBRI,  566 letture)

i camaleontiFrancesco Crispino, film-maker docente di linguaggio audiovisivo e saggista romano, figlio del regista Armando Crispino, domani alle 19, al Biblios Cafè di via del Consiglio Regionale, presenterà il suo primo romanzo “I camaleonti”. Il libro è ambientato tra la fine degli anni Sessanta e gli anni Settanta, quando cambiano molte cose. Anche il modo di concepire la criminalità. Tra la fine degli anni Sessanta e gli anni Settanta si definiscono la mentalità e l'immaginario che plasmeranno i decenni successivi. Oltre alle trasformazioni antropologiche, linguistiche, politiche e comportamentali cambia anche il modo di concepire la criminalità. Dall'antica, territoriale, romantica visione, nel breve volgere di poche stagioni si afferma quella spietata, immorale, postmoderna che caratterizzerà i decenni successivi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 1496 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (233)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (59)
COSTUME E ATTUALITA' (116)
CRONACA (731)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (335)
LIBRI (202)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018

Gli interventi più cliccati

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


16/12/2018 @ 06:30:47
script eseguito in 276 ms