Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 11/06/2015 alle  12:54:51, nella sezione CRONACA,  671 letture)

guagliardoGiorni difficili sono stati per Marcello Guagliardo quelli che hanno seguito il primo turno di queste amministrative, non fa mistero di questo. Da innamorato della sua Augusta ha letto questo risultato con la stessa delusione che può provare un amante non corrisposto.

“Dopo una riflessione doverosa e il mio ritorno alle scene lontano dalla mia città ho avuto modo di vedere tutto in prospettiva. Ringrazio con tutto il cuore gli elettori che hanno avuto fiducia in me, l’armata coraggiosa dei miei consiglieri e la formidabile squadra di assessori: prof. Giuseppe Curella, avv. Mirko Laface, l’arch. Antonio Roggio, Alessandra Barreca e il dott. Fabio Scandurra. Lo spazio tiranno non permette di nominare tutti coloro che si sono impegnati e che hanno creduto al mio progetto ma consentitemi almeno un ringraziamento al dott. Carlo Patania, Mariella Miceli, Gianna D’Onofrio, Maria Cicero, Luigi Marino, Alessandro Tripoli, Andrea Tringali e Sebastiano Limma. Sono certo che il risultato elettorale abbia risentito del fatto che gli augustani sono tornati al voto dopo anni di torpore con una rabbia alimentata da un marchio che non meritavano. È innegabile però constatare come quelle primarie del PD negate, la conseguente tripartizione delle candidature, abbiano influenzato l’esito di queste elezioni. a cosa è servito tutto questo se non a garantire una poltrona a qualcuno? Nonostante le critiche rivolte al mio spettacolo con Toti, Totino e Litterio oggi non mi pento di aver regalato alla città 3 ore di divertimento e spensieratezza. Ho ancora negli occhi quel fiume di persone presenti e felici, la loro gioia è il mio carburante per andare avanti. All’avvocato Di Pietro e a Paci faccio il mio più grande in bocca a lupo, sono consapevole di quanto sia difficile il ruolo che andranno a coprire. Ognuno di loro, a proprio modo, sta mostrando di tenere alle sorti di questa città; chi con un’offerta totalmente nuova, energica e volitiva e chi con una coalizione trasversale fatta da augustani capaci e volenterosi. Cavalleria Rusticana, che è il mio regalo alla città, si svolgerà come avevo promesso il prossimo 26 giugno in Piazza Duomo con l’auspicio che questo evento possa davvero suggellare l’inizio di una nuova primavera augustana, fatta di cultura e collaborazione. La mia promessa è che l’associazione NESSUN DORMA continuerà ad operare e a proporre eventi culturali per la città in sinergia con la prossima amministrazione.”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 10/06/2015 alle  14:34:59, nella sezione LIBRI,  539 letture)

copertina libro maglianiIl vento qui ha le sue pause, nulla del rumore di un torrente gonfio in Val Prino. Non si espande, non rotola, di fatto agonizza, e non è neanche il vento della Patagonia di Chatwin, che assomiglia all’avvicinarsi di un camion che non arriva mai. Qui il vento si ferma e riprende, arranca, frena e stride come se trovasse dei semafori.

Solo un breve assaggio estrapolato dalla quarta di copertina dell’ultimo lavoro di Marino Magliani, 54 anni, ligure come Orengo e Sbarbaro, Biamonti e Novaro, trapiantato in Olanda, dove svolge i lavori più impensati sul Mar del Nord. Traduce ispanici, scrive racconti, di tanto in tanto - soprattutto in primavera - torna nella sua Liguria che non dimentica. Ottimo romanziere, abile nel trasmettere emozioni e capace di raccontare sia la terra natale che luogo d’adozione grazie a una prosa forbita, raffinata e molto letteraria.

Il canale bracco (Fusta Editore, p. 130), segue la sceneggiatura del romanzo per immagini Sostiene Pereira, soggetto di Tabucchi, disegni di Marco D’Aponte. Magliani racconta la storia sentimentale di un canale che da tempo segna la sua vita, come aveva fatto in opere precedenti, si sofferma su istanti e solitudini che scorrono nei lunghi inverni del Noordzeekanaal, tra il Mar del Nord e Amsterdam. L’Olanda è per l’autore la terra dove scrivere, ricordando il tempo perduto della sua Liguria, ma anche narrando il quotidiano olandese, come un lungo viaggio in bicicletta per raggiungere Amsterdam. La biografia di un canale diventa materiale da romanzo, il lettore si appassiona alle vicissitudini di acque silenziose e sognanti - né dolci né salate ma brak, come dicono gli olandesi - dove vivono pesci ignoti ad altre latitudini. Un nuovo esperimento letterario riuscito, non molto commerciale, visto il vento che tira in Italia, ma il prezzo (12 euro) e la veste editoriale sono invitanti. Non perdetelo.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 10/06/2015 alle  14:02:39, nella sezione CRONACA,  680 letture)

ing morelloUltimi giorni al vetriolo di campagna elettorale ad Augusta in vista del ballottaggio di domenica 14 giugno. Si sceglie tra Cettina Di Pietro del Movimento 5 Stelle e Niki Paci supportato da un insieme di liste civiche di centro destra. Dopo la conferenza stampa dell’ingegnere Domenico Morello (nella foto) che rendeva pubblica una sua personale querela contro la Di Pietro, rea, a suo dire, di una specie di ricattino (stoppa le dicerie di Paolo Amato sul mio tesseramento in Forza Italia o ti attaccherò sulla vicenda Oikoten) sulla cui rilevanza penale da più parti si nutrono seri dubbi, ora arriva una presa di posizione dei dirigenti provinciali di Sicilia Democratica, una delle sigle che supportava Morello al primo turno, con un comunicato a firma di Ezechia Reale e Salvo Sorbello. “Apprendiamo dalla stampa – si legge nel comunicato - che l’ing. Morello, già candidato Sindaco ad Augusta, ha proposto una denunzia contro uno dei candidati che hanno raggiunto il ballottaggio. Sicilia Democratica, come e’ principio fondamentale del suo Statuto e della sua politica, ha lasciato piena autonomia al coordinamento comunale di Augusta sia nella selezione dei candidati che nella scelta del candidato da supportare. Sembra però ora necessario evidenziare, per evitare che possa ingenerarsi qualsiasi equivoco, che la Segreteria Regionale e la Direzione Provinciale di Sicilia Democratica non sono coinvolte e non condividono la scelta dell’ing. Morello di esasperare i toni della campagna elettorale facendo ricorso a temi ed azioni estranei alla politica. Invitano quindi i propri simpatizzanti ad esercitare liberamente il proprio diritto di voto al ballottaggio, privilegiando il candidato che riterranno abbia maggiore possibilità di dare alla città di Augusta quella dignità e quel futuro che le si addicono e che certamente merita”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 10/06/2015 alle  13:57:58, nella sezione CRONACA,  485 letture)

118 marzamemiÈ stato installato domenica a Marzamemi in via Letizia, all’altezza della parafarmacia, il defibrillatore donato dal 118 al Comune nell’ambito del progetto “Ti abbiamo a cuore – diffusione delle tecniche di rianimazione cardiopolmonare e dei defibrillatori nei luoghi pubblici della Regione Siciliana”. «L’obiettivo – ha spiegato il sindaco Roberto Bruno - è quello di prevedere la diffusione in modo strategico di defibrillatori esterni in luoghi con elevata affluenza di pubblico e con maggior di difficoltà di collegamento. Un intervento significativo che aiuterà a migliorare gli interventi di primo soccorso sanitario soprattutto nel periodo estivo, in cui la nostra frazione è presa d’assalto da migliaia di turisti». Il referente per la gestione del defibrillatore è il dipendente comunale Salvatore Assenza, che guida un gruppo di volontari già formati all’utilizzo della strumentazione sanitaria: Maria Concetta Ferrara, Mario Pulvirenti, Daniele Buggea e Carmelo Parisio. «Presto – ha aggiunto il sindaco Bruno – arriverà un altro defibrillatore che installeremo nel centro storico pachinese, in prossimità di piazza Vittorio Emanuele. Un ringraziamento all’Ufficio Sanità, alla Misericordia e ai privati che hanno aderito al progetto e alla formazione promossa dalla Regione Siciliana».

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 05/06/2015 alle  20:42:56, nella sezione CRONACA,  511 letture)

foto di gruppo cuoriSi è concluso ieri pomeriggio con un evento finale il progetto denominato "Ambientiamoci in Sicurezza" nell'ambito delle azioni formative atte contro il fenomeno della dispersione scolastica presso il XII Istituto Comprensivo di Belvedere in Piazza Eurialo. Il percorso formativo che è durato diversi mesi per un totale di 40 ore è stato redatto dalla tutor la Dott.ssa Giuliana Borgione, dal Presidente dell'Associazione Ambiente e Salute Onlus Dott. Giuseppe Laurettini e dalla Segretaria Dott.ssa Noemi Garofalo, supportati dai volontari e Istruttori dell'organizzazione: Giuseppe Di Benedetto, Simone Giuca, Mariella Italia, Ugo Alì, Simone Boscarino, Stefano Magnano. Il progetto scaturisce dalla volontà di impegnarsi nella formazione di coscienze sensibili alle problematiche ambientali, nonchè alla promozione della sicurezza all'interno del proprio territorio, affinchè già dalla scuola primaria, i bambini consolidano il senso di responsabilità individuale e collettiva verso un bene comune che deve essere gelosamente custodito.

Grazie al progetto sono stati coinvolti oltre trenta bambini di 2° e 3° classe della primaria, i quali attraverso laboratori creativi sono riusciti a ricreare la segnaletica stradale verticale e orizzontale e ad individuare i fattori di rischio e pericolo presenti nella strada. Inoltre grazie alla formazione da parte degli istruttori nazionali di Blsd della Salvamento Academy di Ambiente e Salute hanno imparato a prestare aiuto e soccorso ad una persona adulta o bambino colto da arresto cardiaco improvviso praticando le manovre salvavita di Blsd (basic life support and defibrillation) - massaggio cardiaco e uso del defibrillatore semi automatico esterno e in caso di soffocamento praticare la manovra di Heimlich.

Il pomeriggio è stato strutturato dapprima con la riproduzione di un percorso urbano "Sicursopoli" con simulazioni di traffico e scene di soccorso, simulando il tratto di strada che quotidianamente i bambini percorrono per raggiungere la propria scuola, invadendo come un fiume di rosso i giardinetti di piazza eurialo, presenti mini vigili urbani, mini soccorritori con ambulanza, segnaletica e semafori mobili, ciclisti e pedoni, sotto gli occhi di numerosi spettatori. Conclusosi il percorso i ragazzini ritornati sul palcoscenico hanno ringraziato tutti presenti esibendosi in un vero e proprio Flash Mob unico in tutto il territorio nazionale con Stayin Alive colonna sonora internazionale per sensibilizzare le manovre salvavita di Rcp (Rianimazione Cardio Polmonare), in cui un gruppetto di ragazzine danzando a ritmo di musica hanno incantato i presenti e altri sono riusciti a simulare il massaggio cardiaco sui cuori di gomma piuma realizzati appositamente per far capire a tutti l'importanza di essere formati a praticare le manovre salvavita per riattivare il cuore nel caso in cui dovesse smettere di battere. Il tutto sotto la supervisione della mini squadra di Protezione Civile dell'istituto formati in un altro progetto conclusosi lo scorso mese con la consegna degli attestati formativi ai 16 bambini di 4° e 5° classi della primaria che ha visto anche in questo caso i volontari di Ambiente e Salute coinvolti in collaborazione con l'ufficio comunale di protezione Civile di Siracusa.

"E' stata una bella soddisfazione essere riusciti a coinvolgere numerosi bimbi stupendi e con tanta voglia di rendersi utili aiutando chi ha bisogno del nostro soccorso" dichiara Giuseppe Laurettini. "Desideriamo ringraziare tutti coloro che si sono prodigati per la buona riuscita dell'evento, in primis tutti i bimbi, la Preside la Dott.ssa Stefania Gallo molto sensibile alle tematiche della sicurezza e dispersione scolastica, la quale ha sottolineato l'importanza di educare i più piccoli alla cultura della prevenzione e sicurezza visto che loro rappresentano il futuro della nostra comunità, la maestra Dott.ssa Concetta Pastore, i collaboratori scolastici e tutti i genitori che hanno creduto in noi".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 05/06/2015 alle  10:46:28, nella sezione EVENTI,  567 letture)

mura dionigianeÈ fissata per domenica 7 giugno l’escursione archeologica lungo la pista ciclabile “Alla scoperta delle mura dionigiane” organizzata dall’associazione culturale “Per la città che vorrei” presieduta da Sergio Pillitteri. Un ampio tratto delle cosiddette mura dionigiane di Siracusa si sviluppa all’interno del quartiere Tyche. Queste mura fanno parte di un più ampio sistema di difesa della città fatto edificare da Dionigi il Vecchio nel 401 a.C. per difendere la città dagli attacchi dalla terraferma e dal mare. Queste mura, che circondavano tutta la città antica, culminavano nell’Epipole con il Castello Eurialo. Realizzati con grandi blocchi in pietra calcarea, si sviluppavano lungo tutto il perimetro urbano, alternando a distanza regolare delle grandi torri di difesa e delle porte. La parte di queste mura presenti nel quartiere Tyche è ancora visibile in alcuni tratti, in particolare presso la tonnara Santa Panagia, dove si possono ancora osservare grandi blocchi conservati nelle loro collocazioni originali. Altri tratti delle mura sono visibili presso le balze che dominano la sottostante contrada Targia, in una parte del quartiere resa famosa da Paolo Orsi, il quale vi scoprì un santuario rupestre antico dedicato al culto di Artemide.

Sostiene Sergio Pillitteri che “Un patrimonio storico ed archeologico di tale importanza non può continuare ad essere ignorato dai percorsi turistici e culturali della città moderna. Un progetto di recupero finalizzato alla tutela ed alla fruizione, nonché allo studio, fermerebbe il lento degrado a cui è costantemente sottoposto. L’abbandono di questa importante area archeologica, oltre impoverire la città di parte del proprio patrimonio storico ed archeologico, priva il quartiere Tyche di una ulteriore risorsa per il suo sviluppo.”

Il raduno per l’escursione, che avrà come prestigiosa guida il prof. Giancarlo Germanà, docente universitario dell'Accademia di Belle Arti di Catania, è previsto alle 9,30 presso il Rifornimento Agip in viale Santa Panagia (dopo sede Cgil Siracusa). L’iscrizione, aperta a tutti, prevede un piccolo contributo, maggiori informazioni al numero 338/8033361.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 04/06/2015 alle  10:15:07, nella sezione EVENTI,  533 letture)

RUTGER HAUER ETNA COMICS FOTO DI LUCA RAIMONDIQuattro giorni da record per Etna Comics 2015, con 61000 presenze, 243 espositori e 137 ospiti provenienti da tre continenti. Numeri entusiasmanti per la quinta edizione del Festival Internazionale del Fumetto e della Cultura Pop, che anche quest’anno vince la sua scommessa superando nettamente le cifre registrate nel 2014, grazie anche alla giornata in più che lo staff diretto da Antonio Mannino ha voluto regalare ai suoi fan. Premiato l’impegno dell’organizzazione, che anche quest’anno è riuscita a portare a Catania ospiti di caratura internazionale ed editori leader nel settore del fumetto e del gaming. La presenza di Rutger Hauer (nella foto a sinistra), guest star dell’evento, lancia Etna Comics verso il mondo finora inesplorato del cinema, ponendo la prima pietra per quello che potrebbe essere un nuovo punto di forza della kermesse. Riyoko Ikeda, Masami Suda, Jill Thompson, Peter Milligan, Angelo Stano e Claudio Castellini hanno stregato tutti con il talento della loro matita. Tutte le altre aree, dal Games al Videogames, dal Japan Center all’Altrimondi, dalle Mostre all’Area Junior, dalla Youtube Alley alla sezione per i doppiatori, hanno mostrato una crescita esponenziale rispetto agli anni precedenti, portando a Catania realtà inedite e molto apprezzate dai visitatori, che hanno invaso ogni angolo dei padiglioni del Centro Fieristico “Le Ciminiere”.

FOLLA IN AREA PLACO ETNA COMICS 2015Di primissimo livello, come sempre, i concerti delle quattro serate, che quest’anno hanno visto salire sul palco dai Gem Boy ad Andrea Agresti e la sua DB Days Band, da Clara Serina e i Parimpampum alla stessa Riyoko Ikeda, nota anche come soprano, senza dimenticare la magia Disney regalata dai fratelli Aiello. Immancabile il Cosplay Contest dell’ultima giornata, che ha visto trionfare nella categoria The Best Diana Consoli (nelle vesti di Arachne – Artbook Mystic Animism), a cui va un viaggio con relativo alloggio e pass full access per il San Diego Comic-Con 2016.

Risultati importanti anche dalla consueta asta di beneficenza, che quest’anno ha permesso di raccogliere 5445 euro, che saranno devoluti, nella misura del 30%, alla fondazione di Rutger Hauer per la ricerca contro l’AIDS e per il 70% al Comune di Catania per la realizzazione di una bambinopoli in uno dei quartieri della città. Cifre importanti dunque per quella che si attesta ormai come una kermesse di prim’ordine nel panorama fumettistico nazionale, avendo fatto registrare su tutti i fronti risultati senza precedenti nella storia di questo Festival. E c’è già chi, calendario alla mano, ha iniziato il count-down per la sesta edizione che, come annunciato ieri sera sul palco dallo stesso direttore Antonio Mannino, si snoderà ancora una volta in quattro intense giornate, dal 2 al 5 giugno 2016!

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Luca Raimondi (pubblicato il 02/06/2015 alle  19:50:33, nella sezione CINEMA,  886 letture)

Lo devo ammettere: nonostante adori i fumetti e siano presenti decine di star della sceneggiatura e del disegno, il mio primo obiettivo, entrando alla Ciminiere di Catania, era la star del cinema Rutger Hauer. Il nome più altisonante delle cinque edizioni di questo sempre più stupefacente “Festival Internazionale del Fumetto e della Cultura Pop” che risponde al nome di Etna Comics. Nel "taglio del nastro" era accanto ad Enzo Bianco e vedendo quella foto mi sembrava di essere tornato davvero in quegli anni delle "estati catanesi" in cui si vedevano per Catania i grandi nomi della musica e della cultura, ché perlomeno quest'aspetto damagogico tipo "panem et circenses" con Bianco non è mai mancato.

hauer 2C'è bisogno che ripercorra le gesta di Rutger? Un nome attivo nel cinema olandese già negli anni ’70 e approdato a Hollywood nel 1981 nello strepitoso film d’azione con Sylvester Stallone “Nighthawks” (“I falchi della notte”), entrando già nella memoria collettiva con uno dei suoi tanti cattivi di culto, il temibile terrorista Wulfgar. Di lì a poco, poi, eccolo nel ruolo della vita: il “replicante” Roy Batty, il cattivo (ma in questo caso con non poche giustificazioni esistenziali, a differenza del “male puro” incarnato nel precedente film) di "Blade Runner", il film di Ridley Scott che ha cambiato i canoni della fantascienza cinematografica pur fallendo al botteghino dell’epoca (rifacendosi soltanto negli anni, man mano che il suo status di “cult movie” cresceva in maniera esponenziale). Un film per me (e per tanti altri della mia generazione) a dir poco fondamentale, come in qualche modo anche i successivi “The Hitcher” e “Ladyhawke” (quest'ultimo inserito nel programma della manifestazione, riproposto in lingua originale). Un film che ha reso Rutger una leggenda, anche se la sua carriera poi ha vissuto fasi alterne, contraddistinta da ruoli sempre più marginali nei film della grande industria e da tantissimi B-movie interpretati per scopi puramente alimentari. Da sottolineare le collaborazioni con tanti registi italiani, alcune felici, in particolare quelle con Ermanno Olmi (due film con il regista bergamasco, tra cui il successo di matrice letteraria “La leggenda del santo bevitore”), altre meno azzeccate (basti citare il triste “Dracula 3D” di un Dario Argento ormai alla frutta).

Alle 12.00 di lunedi 1 giugno era prevista la cosiddetta “masterclass”. E lì purtroppo ho dovuto registrare la parziale delusione del pubblico. Hauer si presenta con un’oretta e passa di ritardo. Dice poche battute, poi si rintana fuori dalla “Sala Etna” perché, anziché spendere parole “live”, preferisce mandare una sua intervista di ben 50 minuti presa da YouTube, dall'audio peraltro pessimo. Mi dicono sia stato proprio lui a impuntarsi per far vedere quell'intervista anziché sottoporsi a una certo più interessante ed emozionante conversazione dal vivo. Con vivo sprezzo del pericolo, mentre il pubblico si sorbisce quell'intervista che avrebbe potuto tranquillamente vedersi anche nel pc di casa, lo vado a importunare. hauer3Per fortuna, sia lui che gli organizzatori sono accondiscendenti e ho la possibilità di scambiare due chiacchiere con lui, ponendogli un paio di domande. Sono reduce da un romanzo ("Tutto quell'amore disperso") che, per spiegare la passione cinematografica del protagonista, utilizza proprio una memoria relativa a “Blade runner”. Un lungo capitolo, il mio, che ricorda con nostalgia certe visioni in un cinema di paese enorme che, di lì a qualche anno, avrebbe subito la decadente parabola del “Cinema Paradiso” di Tornatore: prima i film porno, poi la chiusura. Poiché anche Hauer, dopo la strepitosa decade anni ’80, ha trascorso più tempo a lavorare per film “straight-to-video” che destinati alle sale cinematografiche, gli voglio chiedere proprio un suo punto di vista sulla diminuzione delle sale e sulla conseguente riduzione di spettatori. “I film che vengono distribuiti nelle sale devono sempre rispondere a delle regole, sono sempre più generalisti, devono essere per tutti. Per questo è sempre più difficile trovare bei film al cinema, bisogna semmai appoggiarsi ai festival per trovare delle perle. Indubbiamente internet consente una diffusione pazzesca, perché la vera difficoltà è sempre la distribuzione”. Grande fiducia dunque in Internet, e devo dire che fa un certo effetto ascoltare “Roy Batty” che esprime una certa fiducia nell’avvenire e nel progresso, a differenza del sottoscritto che ancora ricorda con nostalgia la celluloide delle pellicole: sembra lui il più giovane dei due, anche se ogni ruga sul suo volto sembra un canyon, senza il "filtro" di montaggio, fotografia, trucco. Rutger Hauer è qui anche per accompagnare un film italiano in cui appare, “Wax” di Lorenzo Corvino, girato tra Roma e la Costa Azzurra. Inevitabile dunque chiedergli cosa si provi, a livello umano e recitativo, a passare da grandi produzioni (nonostante non sia più un nome di grande richiamo, almeno negli Stai Uniti, negli ultimi anni è apparso comunque in film come “Batman Begins” di Nolan, “Sin City”, “Il rito” con Anthony Hopkins) a film di portata più ridotta. E ancora una volta Rutger esprime un entusiasmo giovanile nel voler abbracciare queste avventure che garantiscono, dice, maggiore libertà. “Hollywood è come un supermercato, anche se ogni tanto provano a girare film un po’ diversi, sono intrappolati in un sistema industriale che non gli consente quella libertà che, invece, hanno i film indipendenti. C’è una vera, benedetta, libertà, specie nei film che vengono distribuiti in modo alternativo, come appunto sfruttando internet, anche se certo le difficoltà non mancano. Ma non manca neanche il divertimento!” Purtroppo ho finito il breve tempo a mia disposizione e questo “giovanotto” di 71 anni dagli occhi azzurri profondi e intensi (che posso osservare a pochi centimetri di distanza) deve andare. Gli chiedo una foto perché, sai caro Rutger, “all those moments will be lost in time like tears in rain”… mi accosto adagio, rispettoso del suo spazio vitale. Con il suo braccio ancora possente mi afferra e mi stringe a sé. Intrappolato da Roy Batty! E neanche Harrison Ford avrebbe potuto divincolarsi…

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 01/06/2015 alle  22:01:08, nella sezione ARTE,  632 letture)

artisticamenteDopo l’animata e coinvolgente inaugurazione di sabato 30 maggio, continua fino all’8 giugno la mostra di pittura, scultura, fotografia, digital art, moda, performance e body art dal titolo “Artisticamente”, organizzata da Giuseppe Apa, presidente dell’associazione catanese Artenostop, manifestazione multidisciplinare che è stata un vero evento artistico di notevole rilevanza cui hanno preso parte circa 60 artisti delle varie discipline che hanno messo in mostra le loro opere. La mostra è ospitata negli ampi spazi espositivi del Borghetto Europa di Catania e ha tra i suoi media partners l’emittente Zeronove Webtv che ha mandato in onda il video dell’evento. Durante la serata inaugurale si sono svolte performance di body art affidate all’artista Eleonora Catania, che ha dipinto sui corpi di alcune modelle e realizzato installazioni viventi, e gli interventi musicali del famoso percussionista Paolo Greco autore ed esecutore di emozionanti melodie dell’anima. artweb2Sempre durante la serata inaugurale si è svolta la manifestazione ShootingArt “arte e bellezza dentro uno scatto” con la partecipazione di Modella TV, durante la quale dieci fotografi hanno scattato 100 fotografie a Greta Bertone, Miss Europa in Italia 2015, e ad altre tre giovani e bellissime modelle per raccontare l’arte che sposa la bellezza al femminile. Le ragazze sono state fotografate davanti alle opere d’arte creando una magia mediante la quale la viva bellezza delle giovani donne è diventata l’opera d’arte e il quadro dipinto la sua cornice, una vera e propria alchimia che ha invertito i ruoli in un interessantissimo e ardito esperimento estetico, commentato nella sua presentazione dell’evento da Raimondo Raimondi, noto critico d'arte e direttore di Dioramaonline, che è anche media partner dell’evento. Erano presenti all’inaugurazione, tra gli altri, i noti artisti Giuseppe Ranno, Giovanni Longo, Giovanna Trefiletti, Francesca Raffone e lo scultore Giovanni Sessa.

Il video della mostra è visibile al link: http://www.zeronove.tv/zntv/video/videocultura/a-catania-apre-i-battenti-artisticamente-mostra-multidisciplinare-con-oltre-sessanta-artisti/

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Luca Raimondi (pubblicato il 29/05/2015 alle  20:12:01, nella sezione EVENTI,  642 letture)

rutger hauer a fontanarossaSolo ventiquattro ore e Catania tornerà ad essere per quattro intense giornate la capitale del fumetto e della cultura pop. La quinta edizione di Etna Comics è infatti ormai alle porte e da domani 30 maggio a martedì 2 giugno il Centro Fieristico “Le Ciminiere” riaprirà i battenti per accogliere le decine di migliaia di visitatori che vedono nella kermesse un appuntamento imperdibile.

Tante le novità in programma quest’anno, a partire da un’apertura senza precedenti al mondo del cinema, grazie alla presenza per tutta la manifestazione di Rutger Hauer (nella foto a sinistra immortalato al suo arrivo a Fontanarossa), con una masterclass proposta da lui stesso e la proiezione di alcuni dei film che lo hanno reso celebre, da The Hitcher a Ladyhawke. Il divo di Hollywood, leggendario anche per la parte del replicante Roy Batty in Blade Runner ma protagonista anche di tantissimi altri film in una carriera prestigiosa e ultraquarantennale, sarà presente già domani mattina alle 10:00 per il taglio del nastro, al fianco delle autorità e dello staff organizzativo diretto da Antonio Mannino, dando così il via a quella che già si preannuncia come l’ennesima edizione da record.

Il Festival internazionale del fumetto e della cultura pop riparte dai numeri esplosivi del 2014, con oltre 50.000 visitatori, ma con la concreta ambizione di polverizzare ogni primato. L’evento, considerato ormai un vero e proprio cult di proporzioni sorprendenti, si snoderà, quest’anno, come già annunciato, in quattro ricchissime giornate ispirate dall’hashtag #backtothefantasy. Tantissimi gli ospiti presenti già nella prima giornata, con Riyoko Ikeda, “mamma” di Lady Oscar, e Masami Suda, creatore della versione animata di Ken il guerriero, pronti ad incontrarvi. Senza dimenticare le travolgenti novità del palco, sul quale domani sera si esibiranno per la prima volta i simpaticissimi Gem Boy, conosciuti ai più per le cover parodistiche di canzoni famose. Tra i punti di forza la mostra sui 50 anni di Valentina, creatura di Guido Crepax che ha stregato generazioni di appassionati, fiore all’occhiello di un’Area che col suo appeal continua a catturare l’attenzione di migliaia di visitatori e che, tra le altre, ospiterà anche le mostre su Star Wars e Ritorno al Futuro.

Dopo lo straordinario successo del 2014, grande attesa anche per la Youtube Alley, dedicata ad autori e protagonisti di alcuni dei canali youtube più seguiti dagli internauti. Appuntamento dunque per domani mattina, quando questa nuova, fantastica, avventura prenderà finalmente il via dopo un anno di trepidante attesa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/05/2015 alle  20:58:41, nella sezione CRONACA,  571 letture)

sergio pillitteriUn fine settimana intenso per l'associazione culturale "Per la città che vorrei", sono previsti infatti appuntamenti sia venerdì 29 Maggio che sabato 30. Spiega il Presidente dell'associazione, Sergio Pillitteri: "Venerdì 29 Maggio saremo presenti alla manifestazione indetta dal Comune di Siracusa Decoro Day, che si svolgerà in via Lazio alla Mazzarona quartiere Grottasanta. Lì, con il nostro staff, saremo in prima linea dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00 con un nostro stand in cui vi sarà attività di laboratorio didattico coordinato dala maestra Maria Gennuso, sul tema dell'iniziativa, inerente al miglioramento della qualità del tessuto urbano ed al suo sano sviluppo socio ambientale. Giorno 30 Maggio invece, come ormai consuetudine da tanti anni abbiamo ideato a cura esclusivamente dell'organizzazione della nostra associazione, presenti con eventi alla 53a festa di Santa Panagia, zona alta chiesa Sacra Famiglia, quartiere Tiche. Dalle 18.00 a tarda sera attività di vario genere presso il piccolo parco Robinson di via Caltagirone dietro la chiesa Sacra Famiglia di viale dei Comuni, teatro a cura dell'Anteas da un testo di Giorgio Guarnaccia, regia di Agostino La Fata, esibizioni di danza moderna, presenti tanti stand dell'associazione Cuori e Colori, oltre all'esposizione del Vespa Club di Siracusa con moto d'epoca e ancora laboratori didattici per i più piccini e concorso "La più bella vespa" con estrazione, ingresso gratuito. Per l'intera manifestazione del 30 ringraziamo la compartecipazione dei seguenti partner Vespa Club Siracusa, Fitness Club Siracusa, palestra Fonte del Benessere, Anteas, Noi Cuori e Colori.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/05/2015 alle  20:47:17, nella sezione LIBRI,  553 letture)

i camaleontiFrancesco Crispino, film-maker docente di linguaggio audiovisivo e saggista romano, figlio del regista Armando Crispino, domani alle 19, al Biblios Cafè di via del Consiglio Regionale, presenterà il suo primo romanzo “I camaleonti”. Il libro è ambientato tra la fine degli anni Sessanta e gli anni Settanta, quando cambiano molte cose. Anche il modo di concepire la criminalità. Tra la fine degli anni Sessanta e gli anni Settanta si definiscono la mentalità e l'immaginario che plasmeranno i decenni successivi. Oltre alle trasformazioni antropologiche, linguistiche, politiche e comportamentali cambia anche il modo di concepire la criminalità. Dall'antica, territoriale, romantica visione, nel breve volgere di poche stagioni si afferma quella spietata, immorale, postmoderna che caratterizzerà i decenni successivi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/05/2015 alle  20:44:07, nella sezione EVENTI,  973 letture)

litterioPer carenza di fondi in questi anni ad Augusta non ci sono stati spettacoli, luci, feste. La crisi economica dovuta al commissariamento è stata scontata dai cittadini. Giovedì sera il candidato a sindaco Marcello Guagliardo ha voluto offrire uno spettacolo alla città, non uno spettacolo di lirica come si poteva pensare ma di un genere più leggero come il cabaret. Toti, Totino e Litterio sono venuti ad Augusta, gratuitamente, per l'amicizia che li lega a Guagliardo, il quale deve aver pensato che in questi tempi tristi due ore di sano divertimento avrebbero potuto rallegrare gli animi e magari convincerli al voto. D’altro canto nel progetto di risveglio che il tenore ha in mente per Augusta lo spettacolo e l'arte in tutte le sue forme dovrebbero tornare protagonisti. Alla serata sono intervenuti gli assessori designati Giuseppe Curella, Antonio Roggio e Mirko Laface. Guagliardo ha ricordato come Augusta, negli anni venti, abbia avuto un momento aureo grazie a uomini di cultura lontani dalla politica come furono Corbino e Muscatello. Anche la Hot Jazz Orchestra ha voluto omaggiare i cittadini augustani con una esibizione, mentre il tenore Marcello Guagliardo si è esibito in due brani, il sicilianissimo “ E Vui Durmiti ancora” e il suo cavallo di battaglia "Nessun Dorma".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/05/2015 alle  10:52:40, nella sezione ARTE,  665 letture)

cottoneDal 20 giugno al 4 luglio 2015, con il patrocinio della Città di Agrigento, si svolge la Rassegna Internazionale d'Arte Contemporanea, denominata “The Credentials of Art con annesso Premio Agrigento Arte”. La stimolante Rassegna Artistica è organizzata dall’Associazione Culturale "Spazio Arte di Torino" e curata dal Maestro in scultura Angelo Cottone (Presidente) con la collaborazione della referente locale, sig.ra Laura Di Fede ( poetessa). L’evento è ospitato presso il Museo Palazzo dei Filippini, sito in via Atenea ad Agrigento. L’evento sarà accompagnato da avvincenti performances collaterali appositamente allestite. La suggestiva valenza artistica dello storico Museo che ospita una varietà di illustri artisti del passato siciliano e non solo gratifica non di poco i qualificati interpreti selezionati ad esporre le proprie opere in questa rassegna. Gli Artisti prescelti che espongono le loro opere offrono agli spettatori un irripetibile ed entusiasmante itinerario, che unisce passato, presente e futuro che coesistono allo stato puro, in una silente atmosfera metafisica. La rassegna prevede l’assegnazione del premio Agrigento Arte (appositiva mente creato per l’occasione), ad un gran numero di artisti che più si saranno distinti nel realizzare una nuova opera ispirata ad Agrigento monumentale e storica. Saranno assegnati altri numerosi riconoscimenti e premi per categoria e stili. La rassegna è destinata ad esaltare la gestualità oggettiva dell'evolvere continuo creativo e artistico, rivolta alle istanze esistenziali della vita e dell'amore universale fra i popoli.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/05/2015 alle  16:59:39, nella sezione CRONACA,  569 letture)

riunione fotoIl consiglio direttivo dell'associazione culturale "Per la città che vorrei", presieduta da Sergio Pillitteri, ha tenuto un incontro lunedi scorso 25 Maggio con al centro il tema dell'igiene urbana e delle condizioni di vivibilità dei cittadini in varie zone della città, alla presenza autorevole dell'assessore comunale all'ambiente e sport Pierpaolo Coppa. Dalla pulizia ordinaria della zona alta come il comprensorio di via Giarre, sede giornaliera di attività mercatali, come via Grammichele, via Riposto, via Caltagirone, via Ramacca, via Calatabiano, e viale dei Comuni, a problemi di veri e e proprie bonifiche delle aree comprese tra via Cassaro e via Buscemi, tra via Piazza Armerina e via Centuripe, ma anche traversa Belvedere di Scala Greca spesso sporca e non attenzionata. Così come via Misterbianco e la stessa viale Scala Greca. Ma la riunione ha trattato temi precisi, una vera e propria radiografia della città, partendo dalle istanze e lamentele dei cittadini. L'incontro ha anche messo in evidenza la necessità di rendere i cittadini più sensibili alla tutela della propria città, quindi educando costoro alla buone regole del conferimento dei rifiuti così come al non abbandono dei rifiuti inerti disseminati per tutta la città.

"Il grado di esasperazione da parte dei residenti è giunto a livelli elevati" afferma Pillitteri. "L'amministrazione deve farsi carico dei disagi dei cittadini, occorre un piano programmatico d'intervento ordinari e non solo su richiesta. E' impensabile che si effettui la pulizia o la bonifica, o si svuotino i cassonetti soltanto sotto richieste o sollecitazioni da parte del sottoscritto o dei cittadini ormai stanchi. I cittadini invitati alla riunione hanno manifestato lo sconforto all'assessore Coppa in merito al loro basso livello di risposte in termini di servizi posti dal Comune, in relazione all'altissima tassazione che vede Siracusa forse la seconda città in Italia ad avere la Tari più alta. Le condizioni dell’area del mercatino rionale del quartiere Tiche devono essere attenzionate in un quadro di riqualificazione generale di tale zona destinata alle attività commerciali, attraverso magari un confronto diretto con i commercianti, con le loro esigenze, in modo da migliorare le condizioni sia per gli stessi operatori che quotidianamente devono poter svolgere le loro attivita’ nel miglior modo possibile, che per i cittadini che devono poter usufruire di tale servizio senza disagi. L'incontro è servito anche ad evidenziare lo stato di degrado anche e sopratutto in termini d'igiene urbana in tutte le vie limitrofe a via Giarre, sacchetti, rifiuti di ogni genere, ma anche servizi igienici totalmente chiusi, non fruibili ne ai commercianti né tanto più ai cittadini fruitori del mercatino durante l'orario diurno. Ciò appare assurdo se si pensa agli anziani e/o i commercianti che hanno necessità di usufruire dei servizi. Se si pensa che l'intera area è circondata da innumerevoli abitazioni, risulta indispensabile adottare un piano di pulizia,igiene urbana costante, al fine di garantire condizioni di normalità e decenza, nel rispetto della vivibilità dei residenti stessi. Dalla zona alta si è passati anche ad un analisi attenta anche delle aree oggi abbandonate, ricettacolo di discariche a cielo aperto."

Anche in tal senso l'assessore Coppa non si è sottratto al confronto, spiegando l'impegno della rubrica da egli gestita, le nuove misure da intraprendere, a partire dall'assegnazione delle aree S3. Il direttivo dell'associazione ha posto anche l'accento sul tema dell'utilizzo del pallone tensostatico, presente alla Cittadella comunale, oggi poco valorizzato e in stato di degrado. Riflettori puntati anche su borgata con problematiche annesse a via Bainsizza e condizioni di gestione della pulizia del Tempio d'Apollo, nel cuore d'Ortigia, talvolta pulito ma talvolta anche non curato, con erba alta.

"Non potrà essere solo una riunione sporadica" aggiunge Pillitteri, "ma vi è l'esigenza di tornare periodicamente a momenti di confronto e focus come quest'ultimo, su ciò l'assessore ha manifestato ampia disponibilità pur consapevoli della presenza di un capitolato vecchio non in grado di ottemperare ad una città oggi trasformata e ampliata in termini di spazi e vie nuove."

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/05/2015 alle  16:49:16, nella sezione EVENTI,  529 letture)

Dopo il recente successo registrato al Museo Regionale di Camarina, in occasione della Notte dei Musei, lo spettacolo “Guerre e Pace …a Kamarina” andrà in scena al Teatro Greco di Palazzolo il prossimo 31 Maggio in occasione del XXI Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani. L'opera, scritta e diretta dal regista Gianni Battaglia, sarà infatti ospite dell’importante kermesse su scelta del Dott. Sebastiano Aglianò, Dirigente INDA (Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa) e del Consigliere INDA, il Prof. Paolo Giansiracusa. Si tratta di una prestigiosa rassegna europea con allestimenti provenienti da Grecia, Russia, Serbia, Repubblica Ceca, Germania, Francia, Belgio e con allestimenti nazionali provenienti da Milano, Roma, Padova, Trieste, Savona, Genova, Firenze, Ravenna, Caserta, Napoli, Salerno, Foggia nonché da diverse parti della Sicilia.

In scena dunque la riproduzione sulla storia della città greca di Camarina, allestita dal Laboratorio Camarinense di Teatro Classico, formato da circa 45 studenti dei licei iblei, grazie al supporto del Museo Regionale di Camarina con il patrocinio dell'Assessore alla Pubblica Istruzione Salvatore Martorana e dell'Assessore alla Cultura Stefania Campo, del Comune di Ragusa.

Con l’esibizione a Palazzolo si darà il via ad una sorta di scambio culturale all’insegna del teatro che continuerà in futuro. Infatti a Camarina, il prossimo Agosto, sarà ospitata la produzione “Lisistrata” dell’INDA nell’ambito dell’Estate Camarinense, inserito nel calendario degli spettacoli dell’Estate Iblea 2015. A sostenere la produzione “Guerra e Pace …a Kamarina” sono i Licei Classico e Scientifico I.I.S. G.Mazzini di Vittoria, il Liceo Scientifico E.Fermi di Ragusa, il Liceo Classico G.Carducci di Comiso, il Liceo Artistico S.Fiume di Comiso, il Liceo Musicale G.Verga di Modica e gli allievi del Teatro d'Arte Sicilia di Ragusa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/05/2015 alle  16:41:40, nella sezione CULTURA,  526 letture)

capitello imperatoreOrganizzata dalla Sezione di Italia Nostra e dalla Facoltà di Architettura , l’originale e composita “Conversazione sui Beni culturali”, che ha preso spunto dalla presentazione del volume “Il Capitello dell’Imperatore” del professore Francesco Divenuto dell’Università Federico II di Napoli, ha richiamato un folto e qualificato pubblico che oltre ai soci ha affollato la sala Latomia del Grand Hotell Villa Politi.

Sono stati i Professori Elio Cappuccio, Vittorio Fiore, Elisabetta Pagello e Stefania De Medici ad interpretare, ognuno con le proprie competenze artistiche ed accademiche, la metafora del “capitello ionico” protagonista di una serie di circostanze che dalla villa di Adriano a Capri, attraverso i secoli passa indenne in vari luoghi fino a concludere la sua esistenza in un cantiere per la costruzione di una strada. E’ qui infatti che il dilemma della sua esistenza di Bene culturale avrà l’epilogo più tragico: la distruzione perché ingombrante e pericoloso per la prosecuzione dei lavori in quanto avrebbe potuto richiamare l’interesse della Soprintendenza! Quanto proposto dal professore Divenuto fa molto riflettere sul destino del nostro patrimonio culturale che molto spesso deve soggiacere al teoria di uno pseudo sviluppo imposto dall’alto ma non ritenuto tale dai più.

In conclusione è seguita la proiezione realizzata con il drone di uno dei Beni Culturali più significativi della nostra città, la Latomia dei Cappuccini. La proiezione è stata accompagnata da lettura di brani storici e letterari eseguiti dai giovani soci dell’associazione Italia Nostra, Alessandro Maiolino, Annalisa Romano e Ludovico Leone.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 25/05/2015 alle  15:01:09, nella sezione EVENTI,  503 letture)

GERMANA PILLITTERIGrande partecipazione per la Lectio Magistralis promossa dall'associazione culturale "Per la città che vorrei". Venerdi 22 maggio la sede dell'associazione è stata presa d'assalto da cittadini, soci e simpatizzanti che sono rimasti infine estasiati dalla prolusione di Giancarlo Germanà, docente universitario dell'Accademia di Belle Arti di Catania, sul tema "Delitto e purificazione nella tragedia greca". Presente anche l'on. Bruno Marziano, che ha riferito gli ultimi aggiornamenti in merito alla ripresa dell'attività Expo Sicilia.

"Siamo orgogliosi di svolgere momenti d'approfondimento interessanti come questi nella nostra sede di via Tripoli,23" spiega il dott. Sergio Pillitteri, presidente dell'associazione "Per la città che vorrei". "La nostra sede è oggi più che mai luogo di confronto di altissimo profilo. Il nostro programma è colmo d' attività che guardano sempre con attenzione le dinamiche di sviluppo culturale e sociale della nostra città: la cultura come volano di sviluppo a Siracusa. L'INDA può sempre di più rappresentare uno strumento fondamentale per la crescita della nostra città sia in termini culturali che anche turistici. Si prenda a modello la nostra attività, la politica locale di questa città apprenda da noi. Spesso tanti cittadini ci incitano a continuare in tale direzione, noi non verremo meno, con passione e competenza porteremo avanti il sano modello di partecipazione che sino ad oggi ha dato enormi soddisfazioni ai cittadini".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 22/05/2015 alle  18:32:54, nella sezione LIBRI,  611 letture)

Quattro libri profondamente diversi tra loro che mi sento di consigliare a diverse tipologie di lettori. Prima di tutto un saggio scritto con stile piano e semplice, da narratore popolare, dal siciliano Roberto Mistretta: Rosario Livatino - L’uomo, il giudice, il credente (Edizioni Paoline - euro 15 - pag. 230). Il lavoro - scritto in collaborazione con padre Giuseppe Livatino - esce nel venticinquesimo anniversario della morte ed è una documentata biografia sul giovane giudice siciliano, ucciso dalla mafia mentre si recava - senza scorta - al Tribunale di Agrigento. Visto il tipo di editore, il saggio affronta anche il cammino spirituale di un uomo coraggioso, impegnato nella lotta alla criminalità organizzata e in odore di beatificazione. Mistretta cita miracoli e testimonianze che andranno a far parte del dossier per la causa di santità promossa in favore del giovane giudice.

Un altro libro interessante è una sceneggiatura inedita di Pier Paolo Pasolini: La Nebbiosa (Il Saggiatore - euro 14 - pag. 200), per un film scomparso come Milano nera, un flop di Gian Rocco e Pino Serpi che resistette solo cinque giorni in cartellone nel capoluogo lombardo. In realtà la vera sceneggiatura non fu mai tradotta in immagini, Pasolini fu pagato solo per metà lavoro e i due maldestri giovani registi tradirono tutta la sua poesia e il grande lavoro di ricerca linguistica e culturale. La Nebbiosa adesso è un libro che si legge come un film ed è un interessante spaccato della violenza metropolitana lombarda negli anni Sessanta, condotta da un gruppo di teddy boys.

Pupi Avati, invece, dopo lo splendido Un ragazzo d’oro, mette da parte il cinema e scrive Il ragazzo in soffitta (Guanda - euro 16 - pag. 250), che segue di due anni un’ispirata autobiografia (La grande invenzione). La storia contiene tutti i temi del suo cinema: adolescenza, musica, provincia, amicizia, persino horror, in un ritorno al passato che profuma de La casa dalle finestre che ridono. Protagonisti due adolescenti: il bolognese Berardo Rossi, detto Dedo, studente poco brillante ma popolare tra le ragazzine, e il triestino Giulio Bigi, introverso quanto abile traduttore dal latino. Filo conduttore del racconto un’amicizia nata sui banchi di scuola che - con il meccanismo del flashback (capitoli alterni) - apre le porte a una storia horror che vede protagonista un orco, presunto assassino di bambine. Finale a sorpresa.

L’ultimo consiglio è un fumetto pulp che costa euro 2,90 in edicola, uscito per Editoriale Cosmo, il primo di una miniserie di quattro albi. Si tratta di Battaglia, di Roberto Recchioni e Massimiliano Leomacs Leonardo, storia di un vampiro ai tempi del fascismo, che utilizza il nero per narrare la storia del nostro recente passato. Battaglia ricorda anche nel formato i vecchi albi di Kriminal, Satanik e Diabolik.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 22/05/2015 alle  14:54:41, nella sezione CINEMA,  750 letture)

LOCANDINAArriva anche a Siracusa il lungometraggio “MAURO C’HA DA FARE”, diretto da Alessandro di Robilant, prodotto e distribuito dalla catanese 094 MM srl. Presentato ieri in anteprima da Manuel Giliberti, alla presenza del regista, del produttore e sceneggiatore Alessandro Marinaro e delle attrici Raffaella Bella e Cettina Bonaffini, il film sarà riproposto in due proiezioni quotidiane (ore 19 e ore 21) da oggi fino al 24 maggio presso il Cinema Aurora di Belvedere.

Laureato in regia presso la London Film School, Alessandro di Robilant inizia a lavorare nel mondo del cinema come assistente di registi del calibro di Monicelli, Lattuada e Comencini. Tra i suoi film più significativi “Il Giudice Ragazzino”, sulla vita di Rosario Livatino – premiato con l'"Angelo azzurro" al festival del cinema di Berlino, e con il David di Donatello per il protagonista Giulio Scarpati; “La Voce del Sangue”, sempre con Giulio Scarpati; “Per Sempre” con Giancarlo Giannini e Francesca Neri; “MarPiccolo”, che racconta le vicissitudini di un giovane criminale nella città di Taranto, devastata dai fumi dell’Ilva. “Mauro c’ha da fare” narra la storia di Mauro Magazzino, un trentenne con due lauree e nessuna possibilità di futuro nel piccolo paese del sud Italia in cui vive. Frustrato dall'impossibilità di far fruttare il suo talento, Mauro finisce per diventare preda della sua stessa intelligenza, che si aggroviglia su se stessa, dando vita a tragicomiche ribellioni contro la società. Il riferimento è ad un certo tipo di commedia francese, dove il personaggio centrale è sempre un vulcano di idee e di energia spesso strampalate, ma non prive di ingegno. Nel personaggio principale, raccontato da Alessandro Marinaro e Alessandro di Robilant (sceneggiatori dell’opera), c'è un po' di Louis de Funes, grande funambolo del cinema francese degli anni 60/70.

“A ciò vorrei aggiungere la voglia di raccontare una storia siciliana lontana dai soliti argomenti trattati quando si parla di Sicilia. Questo è un film che racconta una Sicilia che non si differenzia più, come una volta, dal resto del Paese, essendo afflitta dagli stessi problemi che ormai accomunano l'intera nazione. E’ uno dei pochi film girati in Sicilia che non parla di mafia”, dichiara il regista di Robilant.

Il lungometraggio è stato girato nel 2012 a Catania, ed è stato interamente realizzato con maestranze locali – sono siciliani gli attori e tutti i membri della troupe. Il protagonista è interpretato da Carlo Ferreri, attore poliedrico che dal 1990 lavora al fianco di attori del calibro di Gianrico Tedeschi, Luigi Lo Cascio, Luca Zingaretti, Tuccio Musumeci, Pippo Pattavina. Ha girato in tournée nazionali, diretto da importanti registi italiani (Antonio Calenda, Armando Pugliese, Lamberto Puggelli). Decine le partecipazioni al cinema e in tv, in film come “Il capo dei capi”, “Borsellino”, “I cento passi”. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti con il ruolo protagonista nel mediometraggio “Motore!” di Alessandro Marinaro (vincitore de La 25ora di La7 e come miglior attore al Quadra FilmFest). E’ anche impegnato in alcune regie teatrali di grande successo: il pluripremiato spettacolo “Morir di fama”, di e con Evelyn Famà, e “Libero Amleto”, con Saro Minardi. Il cast è inoltre formato da: Evelyn Famà (Laura, fidanzata di Mauro), Massimo Leggio (Pino, amico di Mauro), Andrea Borrelli (padre di Mauro), Cettina Bonaffini (madre di Mauro), Luana Toscano (colf), Marcello Perracchio (professore universitario).

095mm si impegna per la prima volta nella produzione di un lungometraggio. La società catanese, che opera nel settore audiovisivo da 11 anni, si è già distinta per i suoi lavori cinematografici in ambito nazionale ed internazionale. “Buongiorno, sig. Bellavista” ha ottenuto oltre 15 premi in circuiti festivalieri, tra cui miglior cortometraggio all’“Italian Contemporary Film Festival 2013” di Toronto (gemellato al TIFF). “Motore!” è stato vincitore del Festival del Corto 2010 de “La 25ora” su La7. Entrambe le opere sono state scritte e dirette da Alessandro Marinaro.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 1298 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (231)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (59)
COSTUME E ATTUALITA' (116)
CRONACA (732)
CULTURA (198)
EDITORIALI (26)
EVENTI (332)
LIBRI (199)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018

Gli interventi più cliccati

< ottobre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
13
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


17/10/2018 @ 02:37:29
script eseguito in 269 ms