Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 04/12/2015 alle  15:11:35, nella sezione LIBRI,  663 letture)

Ieri alle 18,30, presso il Biblios Cafè di Siracusa, è stato presentato il romanzo sperimentale “Misteri e verità nella vita di un medium” di Maria Angela Casano e Angelo Cacciato, dato alle stampe alla Vertigo Edizioni nel 2013, basato su una storia vera ambientata a Enna verso la fine degli anni’80. La vicenda racconta la vera storia di un quattordicenne vittima di fenomeni che suscita subito tanto scalpore e diviene un caso assolutamente unico e inedito. L’opera mira- sulla base di esperienze vissute - a svelare alcuni tabù sull’esistenza e la pericolosità a cui i giovani spinti dalla curiosità vanno incontro sul mondo dell’occulto. Di grande valenza nel contenuto del libro è anche l’aspetto sociologico in quanto gli accadimenti portano il protagonista e la sua famiglia verso una forma di emarginazione a causa dell’ignoranza che aleggia nell’ambiente in cui essi vivono. L’obiettivo primario è di divulgare il messaggio al fine di mettere in guardia i giovani a non incorrere in un retaggio dal quale è difficile uscirsene.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 04/12/2015 alle  15:06:38, nella sezione CULTURA,  591 letture)

latoucheEgidio Ortisi ha condotto un dibattito, il 3 dicembre a Siracusa nella sala Borsellino di Palazzo Vermexio, che ha visto protagonista Serge Latouche, francese, classe 1940, l'economista-filosofo professore emerito all'Università di Parigi, che si autodefinisce "obiettore di crescita", in quanto teorico della decrescita felice, dell'abbondanza frugale "che serve a costruire una società solidale", anzi è una delle strade che portano alla pace. Una tesi quella sostenuta dal laico Latouche che si trova in sintonia con i concetti espressi nell'enciclica "Laudato si..." di Papa Francesco. Introdotto da Padre Giuseppe Di Rosa, Latouche ha parlato davanti a un numeroso e attento uditorio delle dinamiche del capitalismo forzato che allarga la distanza fra chi riesce a mantenere il potere economico e chi ne viene escluso. Ecco perché la decrescita sarebbe garanzia e compensazione di una qualità della vita umana da poter estendere a tutti. Per anni abbiamo pensato che solo la crescita permettesse di risolvere i conflitti sociali, grazie a stipendi sempre più elevati. E in effetti abbiamo vissuto un trentennio d'oro, tra la fine della Seconda guerra mondiale e l'inizio degli anni Settanta. Un periodo caratterizzato da crescita economica e trasformazioni sociali di un'intensità senza precedenti. Poi è iniziata la fase successiva, quella dell'accumulazione continua, anche senza crescita. Una guerra vera, tutti contro tutti, un conflitto che ci vede contrapposti gli uni agli altri per accumulare il più possibile, il più rapidamente possibile. E' una guerra contro la natura, perché non ci accorgiamo che in questo modo distruggiamo più rapidamente il pianeta. Anche un bambino capirebbe quello che politici ed economisti fingono di non vedere: una crescita infinita è per definizione assurda in un pianeta finito, ma non lo capiremo finché non lo avremo distrutto. Per fare la pace dobbiamo abbandonarci all'abbondanza frugale, accontentarci. Dobbiamo imparare a ricostruire i rapporti sociali. Siamo schiavi del marketing e della pubblicità che hanno l'obiettivo di creare bisogni che non abbiamo, rendendoci infelici. Invece non capiamo che potremmo vivere serenamente con tutto quello che abbiamo. Basti pensare che il 40% del cibo prodotto va direttamente nella spazzatura: scade senza che nessuno lo comperi. Stiamo assistendo a una guerra. Siamo di fronte a una violenza incontrollata. Il progetto economico, capitalista è nato nel Medioevo, ma la sua forza è esplosa con la rivoluzione industriale e la capacità di fare denaro con il denaro. Ma oggi così si distrugge la società. Ci sono voluti secoli per cancellare la società pre-economica, ci vorranno secoli per tornare indietro.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 03/12/2015 alle  22:20:46, nella sezione LIBRI,  601 letture)

cop libroDomenica 6 dicembre torna l'appuntamento "Colazione in libreria" presso la Libreria Gabò di corso Matteotti in Ortigia. Alle ore 11:00 sarà ospite il giornalista scrittore palermitano Salvo Toscano, già autore di diversi gialli, che presenterà il suo ultimo lavoro, pubblicato da Newton & Compton, intitolato "Insoliti sospetti". Una storia tutta palermitana, con protagonisti i due fratelli Corsaro, già presenti nelle altre storie del romanziere. Il romanzo racconta la vicenda di Onofrio Palillo, salumiere di mezza età, scarcerato dopo un periodo di ingiusta detenzione per l'accusa di omicidio. Fabrizio Corsaro, cronista di nera ed ex donnaiolo impenitente, lo contatta per fargli raccontare la sua odissea giudiziaria in un'intervista. Ma quando il giornalista si presenta all'appuntamento con Palillo, lo trova morto in casa sua, ucciso da tredici coltellate. Per una catena di sfortunate coincidenze, pero', gli inquirenti cominciano a sospettare lo stesso Fabrizio di essere il killer. E toccherà al fratello Roberto, avvocato penalista in piena crisi esistenziale alla soglia dei quarant'anni, cercare di tirarlo fuori dall'incubo nel quale la sua vita è sprofondata all'improvviso. Con la complicità del vicequestore Domenico Fisichella, l'ex capo della Omicidi parcheggiato all'ufficio passaporti perché schiavo dell'alcolismo, scaverà infatti nel misterioso passato di Palillo, scoprendo più di un segreto. Con l'autore in libreria dialogherà Giuseppe Patti.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 01/12/2015 alle  22:40:47, nella sezione EVENTI,  882 letture)

tavola rotondaLunedì 30 novembre il salone Borsellino di Palazzo Vermexio a Siracusa ha ospitato una interessante tavola rotonda condotta dall'avvocato Nello Teodoro e dal giornalista Francesco Nania. “Esperienza del limite e consapevolezza della vita” il delicato tema oggetto dell’incontro, il tema della malattia e della sofferenza, che i relatori hanno saputo affrontare avvincendo il pubblico presente, con il giusto approccio, nei vari aspetti dell'argomento. Hanno organizzato l’evento l’associazione Ciao (Centro Interdisciplinare Ascolto Oncologico), l’associazione Amici dell’Hospice di Siracusa, e l’associazione “Sapere Aude”.

Apprezzati gli interventi dei rappresentanti delle associazioni che si spendono a favore degli ammalati, appassionata la relazione del dott. Giovanni Moruzzi, oncologo e responsabile dell’Hospice di Siracusa, interessantissimo l'excursus storico-filosofico del prof. Egidio Ortisi sulla concezione della sofferenza e della morte nell'Antica Grecia, nella Roma imperiale e nella nostra società, avvincente la lettura di Barbara Campisi che ha interpretato una toccante poesia di Paola Burgio, godibile la presentazione del libro "Sotto l'ombrellone" di Antonio Conticello con la lettura di brani da parte dell’attore Attilio Ierna. La voce del cantante Giuseppe Daniele Genovese e la chitarra del maestro Fabio Barbagallo hanno fatto da gradevole contraltare alle delicate tematiche in discussione.

L’avvocato Nello Teodoro assieme ai responsabili delle Associazioni di Volontariato C.I.A.O., Sapere Aude, e Amici dell' Hospice di Siracusa, hanno voluto organizzare questo incontro per fare conoscere alla cittadinanza le attività delle predette associazioni, che si dedicano all’assistenza a tutti i livelli dei malati di tumore e delle loro famiglie, attività di volontariato che si esplica anche nella condivisione di momenti di confronto e dibattiti culturali inerenti l'argomento.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 01/12/2015 alle  22:17:18, nella sezione CRONACA,  509 letture)

foto«Contrastare la dipendenza dal gioco d’azzardo da parte dei giovani, a tutela del loro futuro». A dichiararlo è stato l’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione Professionale, Bruno Marziano, che sabato mattina nell’aula magna dell’istituto superiore “Insolera” di Siracusa ha siglato un protocollo d’intesa con il Distretto Lions 108Yb, il cui obiettivo è proprio quello di sostenere la lotta alla ludopatia. «Una attività – ha dichiarato l’assessore regionale Marziano – che coinvolge i giovani studenti delle classi superiori per favorire la presa di coscienza, la prevenzione e di conseguenza la lotta alle dipendenze, quali quella del gioco d’azzardo patologico che affligge il 20 per cento della popolazione giovanile. Una tematica delicata e preoccupante che non può non essere affrontata in maniera sinergica dalle istituzioni, così come stiamo facendo con questo protocollo d’intesa che mette fianco a fianco l’assessorato regionale, i club Lions e le scuole». Alla presentazione del protocollo d’intesa hanno partecipato il governatore del Distretto Lions 108 Yb, Francesco Freni Terranova, il direttore amministrativo dell’Asp di Siracusa, Salvatore Brugaletta, il dirigente dell’ “Insolera”, Ada Mangiafico e il dottor Franco Cirillo.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 01/12/2015 alle  22:13:48, nella sezione EVENTI,  604 letture)

foto premiazioneAvvincente serata finale condotta da Michela Italia e da Sabino Lenoci del concorso Marcello Giordani. Il famoso tenore ha affermato che il livello dei concorrenti di questa edizione è stato altissimo ed ha invitato tutti a continuare la loro formazione artistica, perché la lirica è soprattutto studio, amore e dedizione. La vincitrice della V edizione del Premio Marcello Giordani si chiama Lauren Michelle ed è un soprano statunitense. Il Premio, del valore di 5000 €, è in memoria di Michele Guagliardo padre del tenore Giordani. Alla vincitrice è stata data, inotre, la possibilità di esibirsi al Palace Festival di San Pietroburgo e a Londra alla Rosenblatt Recital Series. Per il 2° Premio del valore di 3000€ offerti dalla Rosenblatt Series Recital di Londra c'è stato un ex aequo: Daniela Innamorati (Mezzosoprano italiana) e Keonwoo Kim (Tenore coreano). Il 3° Premio, del valore di 2000$, offerti dalla Vero Beach Opera e dalla Debora Voigt Foundation, è andato al soprano coreano Kim Young A, la quale si è anche aggiudicata la possibilità di esibirsi in concerto a Londra alla Rosenblatt Recital Series.

Oltre i canonici premi sono stati assegnati altri riconoscimenti. La giovane soprano siracusana Noemi Muschetti si è aggiudicata due borse di studio, una offerta dal Lions Club Catania Stesicoro Centrum del valore di 500 Euro e una offerta dal Kiwanis Club di Augusta. Infine la possibilità di esibirsi per un Concerto a Palazzo San Teodoro a Napoli. La Borsa di studio offerta dall' Inner Wheel Club di Augusta è andata al mezzosoprano brasiliano Cristina Aliane De Sousa Da Silva. I 1000$ offerti dalla Vero Beach Opera e dalla Debora Voigt Foundation sono andati al tenore brasiliano Matheus Pompeu che si è aggiudicato anche i premio Salvatore Licitra (del valore di 1000€) offerto dalla Banca Agricola Popolare di Ragusa. Ex aequo per il premio Pavarotti, due tenori Juan Pablo Dupré (cileno) e Giuseppe Valentino Buzza (italiano) che si esibiranno a Modena per il concerto in memoria del grande Luciano. Sempre al tenore Buzza è stato affidato un ruolo nella Bohéme per il teatro São Pedro di San Paolo del Brasile.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 30/11/2015 alle  22:14:50, nella sezione LIBRI,  659 letture)

stancanelliVenerdì 4 dicembre, alle ore 18.00, presso la sala conferenze “E. Vittorini” via Brenta, 41, l’associazione culturale “Per la città che vorrei” presenterà il libro di Annalisa Stancanelli dal titolo "Vittorini e le mille e una notte", in cui l’autrice ripercorre l’interesse dello scrittore siracusano per la pittura, l’arte, i fumetti. Per “Il Politecnico”, a partire dal 1945, così come per la collana “I Millenni”, Vittorini scelse personalmente gli apparati iconografici. Negli anni Quaranta curò anche le collane Pantheon della Bompiani, per cui scelse personalmente le illustrazioni e andò appositamente a caccia di dipinti e affreschi. Il lavoro sulle immagini lo appassionava tantissimo, come testimoniano le innumerevoli lettere e le introduzioni ai tanti volumi da lui curati.

“Siamo un punto di riferimento per la città” afferma Sergio Pillitteri, presidente dell’associazione, che con eventi come questo intende entrare in sintonia con il cuore culturale della nostra città. L'evento di venerdì sarà moderato dal dott. Antonino Risuglia socio dell'associazione promotrice, interverranno inoltre Sergio Pillitteri e il dott. Maurizio Gatto, direttore della biblioteca Elio Vittorini Siracusa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 30/11/2015 alle  19:22:58, nella sezione ARTE,  734 letture)

locandinaLa Galleria SPAZIO 30 di via Roma in Ortigia ospiterà dall’8 dicembre 2015 al 6 gennaio 2016 la mostra collettiva “L’albero dell’artista”, che vedrà esposte le opere di alcuni validi artisti siracusani “storici” come Angelo Cortese, Angelo Cassia, Mariola Tortorici, Mario Oddo, Filippo Sgarlata, Sesto Mammana, Beppe Burgio, Michele Alfano, Salvatore Li Puma, Giuseppe Elia Atanasio, Giuseppe Forzisi, Giuseppe Pravato, Mariagrazia Tortorici, Luigi Galofaro, Laura Saccomanno e Salvatore Canigiula.

La Galleria “Spazio 30” è una realtà ormai consolidata nel panorama culturale della città di Archimede, ma certamente la passione dei promotori (in primis Mariola Tortotici), coraggiosi visto il momento di grave crisi dell’arte, unita al disinteresse per gli aspetti strettamente commerciali (la galleria non ha scopi di lucro), ha costituito la carta vincente per fare di questo elegante e gradevole contenitore un punto di riferimento del mondo artistico siracusano grazie anche alla posizione logistica fortunata, nella centralissima via Roma, da sempre cuore pulsante della vecchia Ortigia.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 30/11/2015 alle  19:22:07, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  775 letture)

Giulietto Chiesa e Raimondo RaimondiE adesso siamo davvero in guerra. «Tutta la vita politica europea sarà sconvolta per sempre», lo dice Giulietto Chiesa, giornalista e scrittore, secondo cui d’ora in avanti ogni disagio sociale sarà rubricato come problema di ordine pubblico, e lo sanno bene i politici che anno balbettato di fronte alla strage di Parigi, che ha posto in ridicolo l’intero dispositivo francese della sicurezza. Giulietto Chiesa da tempo cerca di mettere in luce le verità nascoste dai media di regime e spiegare alcuni aspetti contraddittori della politica estera nazionale con particolare riferimento alle verità negate, quei fatti scomodi che le veline di regime non riportano neanche, fatti negati o travisati come ad esempio la questione ucraina. Il suo libro recente “E’ arrivata la bufera” assume oggi alla luce degli accadimenti e delle tensioni un sapore profetico. Irrealtà, falsità, una informazione manipolata perché i grandi proprietari dei media, televisioni e carta stampata, controllano le notizie e ben poche voci si staccano dal coro, mentre sarebbe necessaria una possibilità di attingere ad una informazione attendibile, cosa prima d’ora assai difficile ma che oggi, grazie alla rete, comincia a diffondersi per far si che il cittadino esca dall’ignoranza e spezzi la coltre delle nebbie che avvolgono i fatti. Per esempio i detentori del potere sanno che quest’epoca sta per finire ma noi, cittadini comuni, non lo dobbiamo sapere. Il petrolio non sarà più sufficiente a produrre energia appena tra 30 anni, allorché costerà troppo e non tutti potranno averlo. Chiesa cita spesso una interessante legge di natura che esiste da sempre: “in un sistema di risorse finito non è possibile uno sviluppo infinito”. La lettura della realtà corrente e del prossimo futuro che Giulietto Chiesa compie con lucida analisi è, per certi versi, apocalittica arrivando perfino a pronosticare una guerra totale di cui già si mostrano le prime avvisaglie e che avrà come epicentro lo scontro tra gli Stati Uniti e la Russia di Putin. E, al netto degli opportuni scongiuri, i fatti sembrano dargli ragione ammantando di nubi oscure il prossimo futuro.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/11/2015 alle  18:37:03, nella sezione SPORT,  709 letture)

Da un paio di anni la notizia era nell’aria ma il traguardo non era mai stato raggiunto, soltanto sfiorato, finalmente quest’anno il Comitato Regionale FIPAV ha sancito, attraverso i suoi meccanismi di valutazione, che la A.S.D. Pallavolo Augusta è la società siciliana con la maggiore e più qualificata attività. Hanno sicuramente contribuito alla splendido risultato sia la Promozione in B 2 maschile (grazie al secondo posto ottenuto l’anno scorso in serie C) sia la partecipazione alla Finale Nazionale Under 15 Maschile a Lagonegro dove la squadra megarese ha ottenuto un brillantissimo tredicesimo posto su 28 partecipanti, praticamente a ridosso dei mostri sacri della pallavolo italiana e prima fra le squadre di seconda fascia. Un risultato così importante è frutto della attenta e scrupolosa programmazione che il Presidente Mangiameli ed i suoi collaboratori attuano di anno in anno con particolare riguardo per il settore giovanile che diventa di anno in anno più fiorente grazie anche ai brillanti risultati che le squadre augustane ottengono negli otto campionati ed il circuito di minivolley cui partecipano. Ben cinque atleti hanno fatto parte negli ultimi anni di rappresentative regionali sia maschili che femminili sia indoor che di beach volley: Alessia Sirone, Tamara Cicero, Aurora Vescovo, Cristian Giardina, Alessandro Solano.

E’ un risultato che rende orgogliosi dirigenti, tecnici e gli stessi atleti che diventano esempi da emulare. Quindi la crescita societaria, grazie anche alla disponibilità di una struttura, il PalaBrucoli, che seppur non completamente a disposizione permette comunque una buona partecipazione ed il rinnovato entusiasmo di dirigenti e tecnici grazie anche ai brillanti traguardi raggiunti lascia ben sperare per il prossimo futuro e lancia un messaggio chiaro alla FIPAV regionale. La società è pervenuta a questo traguardo e non intende mollare la presa in quanto nuove iniziative sono in corso, dai progetti scuola alle iniziative amatoriali, per la prima volta forse i figli sono da traino per i genitori affinché partecipino a sane competizioni sempre nello spirito di sportività ed educazione che connota questa società. La stagione agonistica appena iniziata segnerà l’apice della partecipazione a campionati da parte della A.S.D. Pallavolo Augusta, quattro campionati maggiori e dieci campionati giovanili, circuito minivolley e tornei amatoriali sono il massimo raggiunto in 35 anni di attività e la conclusione della attività a giugno segnerà in maniera indelebile nella storia della associazione questa annata 2015 come la più importante.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/11/2015 alle  18:36:14, nella sezione CRONACA,  566 letture)

marziano basketUna giornata dedicata all’impegno sociale e alla tutela della sicurezza del territorio per l’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione Professionale, Bruno Marziano. Il componente della giunta regionale ha partecipato a un corso di formazione per agenti di polizia municipale, svoltosi nella struttura dell’ex Palmento Di Rudinì a Marzamemi, Pachino. «Ritengo fondamentale – ha dichiarato Marziano – che i nostri agenti possano essere sempre aggiornati sulle modalità di intervento, a garanzia della sicurezza dei territori. Mi auguro che questo corso possa essere pilota per l’intera provincia di Siracusa: proveremo a trovare dei fondi da destinare a progetti simili, di formazione per chi opera a garanzia della tutela e della sicurezza dei cittadini». Il momento più intenso della giornata è stato il protocollo d’intesa con l’associazione “SuperAbili Onlus”, di Avola, rappresentata da Giuseppe Cataudella, che avviano al “baskin”, il basket per i disabili.

«L’obiettivo del protocollo – ha dichiarato Bruno Marziano – ha una valenza morale più che politica, e che va al di la delle attività ordinarie di un ente o di una giunta: è un atto qualificante, che serve a sostenere il lavoro che già da anni svolge con impegno e amore l’associazione SuperAbili: favorire l’integrazione del diversamente abile nel contesto socio-culturale e familiare di appartenenza e nel contempo di sensibilizzare la comunità affinché comprenda che non è un soggetto da emarginare, ma da valorizzare nella sua unicità e diversità. Sono queste le vere risposte che un Governo Regionale deve dare, a sostegno delle nostre comunità».

Il protocollo d’intesa impegnerà l’associazione e l’assessorato regionale alla Formazione e Pubblica Istruzione a intrattenere rapporti di collaborazione finalizzati alla tutela dei diritti dei disabili intellettivi e relazionali, nonché delle loro famiglie, attraverso la realizzazione di interventi finalizzati all’inclusione sia nel campo sportivo che in quello culturale. «Nei prossimi mesi – ha aggiunto l’assessore Marziano – saranno coinvolti nel progetto “baskin” anche gli assessorati regionali dello Sport e della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro, per dare ancora più rilevanza ad una iniziativa che deve essere sostenuta».

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/11/2015 alle  12:58:39, nella sezione ARTE,  686 letture)

incontrarteE’ in corso di svolgimento la mostra “Incontrarte” dei due artisti Paolo Carnemolla e Adele Caruso negli spazi espositivi del Palazzo del Governo in via Roma a Siracusa. La mostra è stata inaugurata il 26 novembre e resterà aperta al pubblico fino al 6 dicembre. I due artisti sono ambedue caratterizzati da una continua ricerca espressiva, stimolata dal confronto continuo con le problematiche socio-culturali e dall’ascolto profondo delle proprie istanze creative. Paolo Carnemolla (primo a sinistra nella foto) nei suoi ultimi lavori utilizza la spatola stendendo sulla tela i colori, conquistando così uno stile inconfondibile, un linguaggio straordinariamente personale e riconducibile alla corrente concettuale astratta, all’ informale geometrico che allude ai frattali. Sono campiture complesse e tessere coloristiche che compongono il mondo creativo di Carnemolla, accostate e costruite in modo da creare arditi accostamenti di colore, grovigli di linee, spesso con un ordito figurativo sempre gradevole e apprezzabile sia per i colori armoniosi che per il disegno accurato, mirabile risultato per chi come lui ha radici e formazione da autodidatta. Adele Caruso, scultrice soprattutto, ma anche pittrice innovativa e fantasiosa, si è dedicata da tempo all’arte ed ha esposto in numerose mostre collettive e personali oltre a far parte di diversi movimenti artistici. È stata promotrice di “È-vento d’arte” ed organizzatrice delle mostre presso la sala consiliare del Comune di Solarino e a Floridia (Museo d’arte contemporanea, sala giunta e parco storico “Lucia Migliaccio”), associate a dibattiti su fotografia, matematica ed arte. Nel dicembre dell’anno scorso ha organizzato un evento artistico presentato dal critico d’arte Raimondo Raimondi e dal semiologo Salvo Sequenzia, che è stato qualcosa di più di una semplice mostra, di una veloce, fugace e disinteressata visione delle opere di pur validi artisti, bensì ha rappresentato un momento di scambio di opinioni, di critiche e di emozioni. In tal modo il visitatore ha potuto capire l’animo di chi ha creato l’opera, ha potuto porsi degli interrogativi, ha potuto scambiare con gli artisti le proprie impressioni.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/11/2015 alle  12:55:47, nella sezione ARTE,  641 letture)

L’Associazione Culturale Caffè Letterario Convivio di Caltagirone ha indetto un premio nazionale espositivo di arti visive finalizzato alla divulgazione e alla promozione dell’arte contemporanea denominato “ARTECONTEMPORANEA IN CONVIVIO 2015”. Pittura, scultura, fotografia e ceramica artistica, senza vincoli di genere o tecnica e in piena libertà stilistica, sono le sezioni in cui è suddiviso il premio che si concretizzerà in una mostra ospitata a Siracusa, nel prestigioso Palazzo del Governo di Ortigia, dal 12 al 18 dicembre. Graziella Carletti, Maria Luisa Consoli, Pietro Lucio Cosentino, Andrea D’Angelo, Patrizia Falconetti, Rosalba Guarnuccio, Santo Paolo Guccione, Sara Occhipinti, Silvana Pavone, Letizia Pirrone, Maurizio Romano, Francesca Spiteri sono gli artisti (pittori, scultori e ceramisti) che presenteranno le loro opere al pubblico siracusano e non. Un ricco programma di eventi accompagnerà l’esposizione durante tutto il periodo: sabato 12 inaugurazione con l’intervento della professoressa Giuseppina Radice, del critico d’arte Raimondo Raimondi, del dottor Gaetano Interlandi, di Giacinto Avola, presidente Inforum Europa, di Giusi Contrafatto, presidente Caffè Letterario Convivio, di Mariano Pietrini, di Gemma Marino e di Maurizio Rizzari; lunedì 14 un laboratorio artistico di decoro della ceramica calatina, giovedì 17 presentazione dell’antologia poetica “La forza dell’azzurro”, venerdì 18 premiazione e consegna del Premio alla carriera artistica al maestro Turi Volanti.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/11/2015 alle  11:55:46, nella sezione LIBRI,  601 letture)

Ieri, venerdi 27 novembre, è stato presentato “Una mala jurnata per Portanova”, il nuovo romanzo giallo dello scrittore Alberto Minnella, che ha conversato con un altro scrittore, come lui siracusano, Stefano Amato (entrambi nella foto). Un “aperitivo con l’autore” che si è tenuto al Biblios Cafè in Ortigia, centro storico che ha fornito ampia ispirazione per le location delle nuove gesta del commissario Portanova, già protagonista di “Il gioco delle sette pietre”, anch’esso ambientato nella Siracusa del 1964.

Il romanzo presenta in copertina una frase di lancio attribuita al noto scrittore Valerio Varesi, a sua volta creatore di un commissario, Soneri, interpretato per il piccolo schermo da Luca Barbareschi: “Portanova è uno di quei commissari deliziosamente contemplativi, apparentemente neghittosi, coscienti che le azioni umane scaturiscono solo in parte dal libero arbitrio, ma in misura maggiore da un’oscura metafisica”. In breve, la trama: l’attracco di una nave a Siracusa corrisponde con il ritrovamento alla Marina di un cadavere di un giovane ragazzo. La mala jurnata del commissario Paolo Portanova comincia così e si protrae per tutta la durata dell’indagine che si rivelerà assai ingarbugliata. Una corsa contro il tempo per risolvere il caso prima della ripartenza della nave renderà ancor più complicate le indagini.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/11/2015 alle  10:50:04, nella sezione EVENTI,  520 letture)

LOCANDINADall’ 11 al 13 dicembre il Teatro Vittoria di Roma presenta il nuovo recital teatrale, “Slurp - lecchini, cortigiani e penne alla bava” di Marco Travaglio con l'aiuto dell'attrice Giorgia Salari, per la regia di Valerio Binasco. Slurp racconta come i giornalisti, gli intellettuali e gli opinionisti più servili del mondo hanno beatificato, osannato, magnificato, propagandato e smarchettato la peggior classe dirigente del mondo, issando sul piedistallo politici incapaci di ogni colore, ma(g)nager voraci, (im)prenditori falliti che hanno quasi distrutto l'Italia e stanno completando l'opera. Cronache da Istituto Luce, commenti da Minculpop, ritratti da vite dei santi, tg e programmi di regime hanno cloroformizzato l'opinione pubblica per portare consensi e voti a un regime castale e molto spesso criminale che in un altro Paese sarebbe stato spazzato via in pochi mesi, e che invece in Italia gode dell'elisir di vita eterna. Un recital terapeutico, un'arma di autodifesa, un antidoto satirico che ci aiuta a guarire - ridendo - dai virus del conformismo, della piaggeria, della creduloneria, dell'autolesionismo e della sindrome di Stoccolma che porta noi italiani a innamorarci immancabilmente del Nemico. Che ci rovina e ci rapina col sorriso sulle labbra, mentre noi teniamo la testa ben affondata nella sabbia.

 11, 12 e 13 dicembre 2015 ore 21.00 TEATRO VITTORIA/COOP. ATTORI & TECNICI - Piazza S. Maria Liberatrice 10, 00153 Roma (Testaccio). Vendita on-line e info: www.teatrovittoria.it

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/11/2015 alle  13:14:08, nella sezione CRONACA,  851 letture)

portoNell’ambito del complesso processo di ristrutturazione del sistema portuale nazionale, già in corso da parecchi mesi, con alterne vicende e numerosi colpi di scena, sembrerebbe ormai confermata la scelta di attribuire due autorità portuali alla nostra regione, una, con sede a Palermo, per la Sicilia occidentale, e l’altra, con (probabile) sede ad Augusta, per la Sicilia orientale.

Tale decisione, peraltro prevista da tempo, risulterebbe coerente con il ruolo baricentrico di Augusta rispetto al territorio interessato, funzionale al notevole volume di traffico merci movimentato, superiore anche a quello di porti limitrofi – e rivali - come Catania e Messina, oltre che coerente con le decisioni della Commissione Europea, che, in tempi non sospetti, aveva individuato Augusta tra i porti ‘core network’ nel bacino del Mediterraneo.

Tutto questo fa della città di Augusta la candidata naturale a base strategica dei programmi e dei progetti da realizzare per l’intero settore portuale marittimo della Sicilia orientale, nonché il centro propulsore di un potenziale sviluppo economico ed occupazionale, gravitante intorno al porto megarese, soprattutto per l’ampio territorio, altrimenti trascurato, ricadente nelle province di Siracusa e Ragusa ma che ad oggi è ancora purtroppo in discussione.

“Constatiamo con grande rammarico – ha dichiarato il segretario cittadino del PD Giancarlo Triberio, consigliere comunale - anche per una vicenda di tale rilevanza, la condotta accomodante e a tratti disorganizzata dell’amministrazione comunale pentastellata. Bisogna ricordare, infatti, che il problema della Port Authority è stato sollevato per merito dei consiglieri di minoranza, che hanno richiesto una seduta monotematica sull’argomento, conclusasi con l’approvazione unanime di una mozione d’indirizzo a conferma della volontà di scegliere Augusta come sede dell’Autorità Portuale, e il conseguente rifiuto di destinare il medesimo porto ad ‘Hotspot’ per l’accoglienza dei migranti nel Mediterraneo. Ne è seguito un incontro del sindaco di Augusta con il ministro alle infrastrutture Del Rio, le cui risultanze e i cui contenuti risultano tuttora coperti dal segreto e oggetto di stretto riserbo, secondo quanto dichiarato dalla stessa Sindaca nell’ultimo Consiglio Comunale.. A questo punto ci saremmo almeno aspettati - continua Triberio - l’avvio di azioni concrete, la promozione di iniziative e di occasioni d’incontro per sostenere in modo unitario, al di là delle bandiere di partito, l’importante lotta in difesa del nostro porto; ne è scaturita invece una serie di atti inconsistenti, mal organizzati, e, in definitiva, fallimentari: l’incontro, in Piazza Duomo, di tutti i sindaci del comprensorio siracusano, di fatto ridottasi a sole otto presenze, e di alcuni deputati, i tentativi - sempre andati a vuoto- di alcuni componenti della compagine pentastellata di organizzare riunioni di confronto tra le parti in campo, la convocazione- questa volta a cura della Presidenza del Consiglio - di un tavolo tecnico riservato all’amministrazione locale, ai capigruppo, ai presidenti delle commissioni comunali e agli operatori portuali, poi naufragato per la sovrapposizione con impegni precedentemente presi da alcuni soggetti coinvolti. Se quest’ultimo buco nell’acqua - come afferma il sindaco- è da ascrivere ad un ‘difetto di comunicazione’, viene molto da pensare sulle reali capacità della nostra amministrazione comunale di agire concretamente a sostegno delle prerogative del porto di Augusta. Un altro punto scottante riguarda il progetto di inquadrare all’interno del porto un hotspot per l’accoglienza e lo smistamento dei migranti approdati sulle nostre coste. Ove ciò corrispondesse al vero verrebbe infatti a cadere ogni progetto di valorizzazione dell’area portuale di Augusta, le cui attività sarebbero ostacolate in modo insuperabile dalle complesse necessità dei migranti in arrivo, rendendo di fatto impossibile la cogestione delle due pratiche in modo simultaneo. Ciò detto – conclude Triberio - nulla si vuol negare alla povera gente in cerca d’aiuto e di rifugio, nei cui riguardi i cittadini augustani hanno già dimostrato piena solidarietà ed un supporto operativo e morale; ma, al momento, la costruzione di un centro di accoglienza all’interno del porto megarese è del tutto incompatibile con l’idea di valorizzare lo stesso, facendone la sede dell’Autorità Portuale per la Sicilia orientale”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 25/11/2015 alle  22:30:57, nella sezione CRONACA,  569 letture)

classe scolasticaPalermo, Catania e Messina potranno realizzare gli interventi previsti finalizzati a migliorare la qualità dell’edilizia scolastica e contrastare il fenomeno della dispersione. A comunicarlo è stato l’assessore regionale alla Pubblica istruzione e Formazione, Bruno Marziano. «Oggi – ha dichiarato il componente della giunta regionale - sono partite dall’assessorato regionale alla Pubblica istruzione le richieste indirizzate al dipartimento Sviluppo e Coesione territoriale, tramite il dipartimento della Programmazione regionale, per l’utilizzo di risorse (riferite alla delibera Cipe 79/2012) la cui finalità è quella di realizzare interventi di edilizia scolastica volti a contrastare il fenomeno della dispersione. In tal modo – ha aggiunto Marziano - si recuperano quattro interventi nelle tre città metropolitane: 2 a Messina, uno a Palermo ed uno a Catania. Le tre città non parteciparono all’avviso iniziale e attraverso il recupero di somme previste per altre misure si è riusciti a garantire i quattro interventi». La somma globale destinata alle tre città metropolitane è di oltre 5 milioni 200 mila euro, che vanno ad aggiungersi ai 33 decreti di finanziamento per circa 28 milioni di euro. «In questo modo – ha concluso l’assessore Marziano - anche le tre città metropolitane potranno realizzare gli interventi previsti e finalizzati a migliorare la qualità dell’edilizia scolastica e contrastare il fenomeno della dispersione».

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 25/11/2015 alle  22:30:18, nella sezione EVENTI,  569 letture)

giordaniIl Concorso, giunto alla sua quinta edizione, ha l’intento di avviare giovani talenti alla carriera del cantante lirico. La competizione vede due selezioni annuali, una negli Stati Uniti che ha avuto luogo alla Vero Beach Opera in Florida lo scorso aprile 2015 e una in Europa, che è partita il 25 novembre e si concluderà il 29 novembre ad Augusta al teatro della Città della Notte. La serata finale del Concorso è organizzata sotto forma di un concerto lirico offerto al pubblico e avrò luogo il 29 alle 19.30 nella medesima sede. Anche quest’anno c’è stata una straordinaria affluenza delle iscrizioni, con cantanti provenienti da tutto il mondo: Giappone, Angola, Venezuela, Brasile, Australia e Messico. La giuria di altissima qualità, vede la presenza di direttori artistici dei più prestigiosi teatri lirici internazionali e professionisti nel campo della organizzazione musicale. Olga Kapanina, direttrice artistica del teatro Mihailovsky di San Pietroburgo, il M° Dominique Meyer, direttore artistico della Staatsoper di Vienna, Ian Rosenblatt, organizzatore e promotore del Rosenblatt Recitals Series di Londra, il M° Gianni Tangucci, direttore artistico dell’Accademia del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, il M° Christian Deliso, direttore del Palace Fest di san Pietroburgo e consulente del St Moritz Festiva, Claudio Ferri Royal artists management di Montecarlo, il dott. Sabino Lenoci, direttore della rivista L’Opera e il maestro Marcello Giordani.

Il primo premio è del valore di 5000 € (alla memoria di Michele Guagliardo, padre del tenore), 3000 € il secondo offerto dalla Rosenblatt Recitals Series di Londra e 2000 $ il terzo offerto dalla Vero Beach Opera e dalla Debora Voigt Foundation. Verranno assegnati anche altri premi tra cui: un concerto a Londra offerto da Rosenblatt Recitals Serie, 1000 € offerti dalla Banca Agricola Popolare di Ragusa come premio speciale alla memoria del tenore Salvatore Licitra, un concerto a Palazzo San Teodoro a Napoli nella stagione musicale e al Palace Festival di San Pietroburgo, una borsa di studio offerta dal Kiwanis Club di Augusta per partecipare alla prossima Masterclass del M° Marcello Giordani, una borsa di studio di 1000 € offerta dall’Inner Wheel Club di Augusta, una borsa di studio di 500 € offerta dal Lions Club Catania Stesicoro Centrum, un premio dato dal teatro Sao Pedro di San Paolo per un ruolo nella prossima stagione 2016 e infine la possibilità di essere rappresentato dall’agenzia lirica YAP.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 25/11/2015 alle  22:29:52, nella sezione CRONACA,  582 letture)

consiglio comunale - fotoDodici consiglieri comunali di opposizione di Augusta, Alfredo Beneventano del Bosco, Franco Lisitano, Giancarlo Triberio, Vincenzo Canigiula, Marco Niciforo, Salvatore Errante, Giuseppe Di Mare, Alessandro Tripoli, Salvo Aviello, Irene Sauro, Angelo Pasqua e Biagio Tribulato fanno pervenire in redazione un comunicato stampa che contiene critiche serrate all’amministrazione in carica pentastellata del sindaco Cettina Di Pietro. “Superficialità nella scelta, errori di valutazione nell’affidamento degli incarichi, inesperienza spesso mista a presunzione o primi seri problemi all’interno della apparentemente coesa e blindata maggioranza? – recita il testo del comunicato - Ad un osservatore attento delle dinamiche politiche cittadine, di certo l’ultimo episodio avvenuto nel corso del Consiglio Comunale dello scorso 17 Novembre, sarà apparso come l’ennesima tessera di un mosaico che via via si sta componendo e che mina inevitabilmente l’idea di compattezza e di comunione di intenti che questa Amministrazione si sforza di dare di sé. Anteponendo a qualsiasi considerazione politica il rispetto dovuto da chiunque alle motivazioni personali addotte dall’ormai ex Presidente del Consiglio Comunale, sul cui nome, lo ricordiamo, nella seduta del Consiglio Comunale dello scorso 24 luglio erano confluiti unanimemente tutti e diciotto i voti dei Consiglieri 5 stelle, pare evidente che sia da sottolineare il dato politico che queste dimissioni rappresentano. Quello di Marco Patti dunque era un nome di garanzia, attentamente individuato e largamente condiviso. Patti oggi si spoglia dell’abito di Presidente del Consiglio Comunale per tornare a vestire quello di Consigliere tra i banchi della maggioranza. Innanzitutto, delle due l’una: o le motivazioni sono talmente ostative da impedire lo svolgimento di qualsiasi incarico, fosse anche quello senza dubbio meno impegnativo del Consigliere, o è quanto meno lecito chiedersi se possano esistere altre motivazioni che abbiano indotto a rinunciare all’incarico, ricordiamolo fortemente voluto. Non è sterile polemica la nostra, né teoria del sospetto a tutti i costi è, al contrario, una riflessione lecita nei confronti di chi ostenta coesione e invece si disgrega nei fatti. Superficialità dicevamo, o forse solo inesperienza nella scelta. A pochi mesi dalle elezioni di giugno, questa Amministrazione registra di fatto già un Assessore “mai nato”, seppure designato già al primo turno, dopo la selezione effettuata tra quanti inviarono i curricula. Oggi le dimissioni del Presidente, garante dell’equilibrio e dell’imparzialità nell’Aula Consiliare, appaiono politicamente quanto meno inopportune. La fuga in massa per impegni personali del Sindaco e degli altri tre Assessori presenti in aula cui abbiamo assistito durante l’ultimo Consiglio Comunale, avvenuta poco prima della trattazione del punto in programma sul Parcheggio del Faro, ha sorpreso anche il gruppo dei consiglieri della maggioranza, oltre che l’opposizione. Li hanno lasciati soli, talmente soli da chiedere all’opposizione di trattare il punto in questione in Commissione, non avendo a disposizione nessun documento e nessun argomento serio a supporto del punto all’ordine del giorno. Ma non è tutto. Prendono sempre più corpo infatti e diventano dunque più accreditate, le voci di Palazzo che indicano come dimissionario un altro componente eccellente della Giunta a 5 stelle. Al di là di qualsiasi polemica, una cosa è certa: l’ultima cosa di cui questa Città sente il bisogno al momento sono i ritardi, le battute d’arresto e il malfunzionamento della macchina amministrativa che queste anomalie inevitabilmente comportano.Motivazioni personali anche questa volta, insanabili divergenze di opinione o mancanza di una progettualità comune e di un impegno serio e lungimirante che priva la città di un organico progetto di sviluppo?”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 24/11/2015 alle  20:40:22, nella sezione CRONACA,  547 letture)

AMIANTOSono partite lunedì scorso le operazioni di riqualificazione del territorio di Pachino contro le discariche di amianto. In diverse contrade della città è stata avviata la rimozione, in sicurezza, del materiale pericoloso. «Come annunciato nel corso della conferenza di sabato – ha dichiarato il vicesindaco e assessore all’Ecologia, Andrea Nicastro - dedicata proprio al tema dell'amianto, sono partiti i lavori. Nonostante le risapute criticità finanziarie dell'ente, si è ritenuta la necessità dell'intervento per evidenti e non più rinviabili ragioni di tutela della salute pubblica. Le operazioni di bonifica stanno avvenendo nel pieno rispetto delle norme in materia e senza nessun pericolo di dispersione o rischio per la pubblica incolumità». Le prime megadiscariche bonificate, sono state quelle delle contrade Cozzi, Conca D'Oro a Marzamemi, Pianetti all’altezza del mercato ortofrutticolo, in Via Dello Stadio ed a Morghella, lungo la strada provinciale Marzamemi - Portopalo. AMIANTO2I costi complessivi sono di 15 mila euro. «Per contenere il più possibile la spesa – ha continuato Nicastro - si sta procedendo ad una preselezione dei materiali rinvenuti, isolando, quando ciò risulta oggettivamente possibile, i manufatti contenenti amianto dal resto degli altri rifiuti generalmente di natura edile i cui costi di smaltimento sono inferiori. Parallelamente, continuerà l'azione di controllo sul territorio da parte del nucleo ecologico della polizia municipale che ha portato lunedì stesso alla scoperta di una nuova discarica di serbatoi in amianto a Torrefano in un terreno privato».

«Mi auguro che i cittadini apprezzino gli sforzi e l’impegno dell’amministrazione nel fronteggiare l’emergenza amianto – ha dichiarato il sindaco, Roberto Bruno - visto che, oltre alla campagna di sensibilizzazione, abbiamo concretamente avviato le operazioni di bonifica. Mi attendo adesso una risposta più partecipata da parte di tutti: renderemo la vita durissima a chi abbandona l’amianto sul territorio, mettendo a rischio la salute dei nostri cittadini e frenando le potenzialità di sviluppo economico e turistico del territorio». All’Ufficio Ecologia è possibile acquisire tutte le informazioni relative all’amianto presente in abitazioni e aziende nonché le corrette modalità di smaltimento. È possibile anche formalizzare segnalazioni e denunce anonime scaricando l’apposito modulo dal sito istituzionale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 1675 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (236)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (60)
COSTUME E ATTUALITA' (117)
CRONACA (731)
CULTURA (199)
EDITORIALI (26)
EVENTI (338)
LIBRI (204)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019

Gli interventi più cliccati

< febbraio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
22
23
24
25
26
27
28
     
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


21/02/2019 @ 15:41:36
script eseguito in 293 ms