Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 17/12/2016 alle  21:39:40, nella sezione CRONACA,  430 letture)

foto premiazioneIl Comune di Melilli ha premiato i suoi giovani talenti. Sono state consegnate nell’aula consiliare, le borse di studio ai 31 studenti che hanno conseguito il diploma di istruzione di primo e secondo grado e di laurea con il massimo dei voti. A consegnare le pergamene e gli assegni sono stati il sindaco Giuseppe Cannata, l’assessore alla pubblica istruzione, Nuccio Gigliuto, l’assessore alle politiche culturali Daniela Ternullo e alle politiche sociali Vincenzo Coco. Contenti ed emozionati i ragazzi che, per l’occasione, hanno occupato gli scranni dei consiglieri comunali, venendo poi chiamati uno ad uno per la consegna e la foto di rito. Ai 17 giovanissimi che, nel 2015, hanno raggiunto il traguardo dell’ex licenza media sono stati elargiti 250 euro ciascuno; alle due studentesse che hanno raggiunto la “maturità” (entrambe al liceo scientifico “Corbino” di Siracusa) 500 euro; ai 7 che hanno completato il percorso universitario con laurea specialistica 1.000 euro e ai 5 che hanno ottenuto anche la lode 1.100 euro. Nessun premiato per le lauree triennali dato che non ci sono stati ragazzi che hanno ottenuto il massimo dei voti. In questo caso l’assegno previsto era di 600 euro.

“E’ dal 1999” ha detto il primo cittadino “che premiamo le eccellenze melillesi. Quando istituimmo per la prima volta le borse di studio, l’assessore al ramo ero proprio io. Inizialmente erano destinate soltanto ai ragazzi delle famiglie meno abbienti, da qualche anno però abbiamo deciso di premiare tutti perché anche i figli dei nuclei per cosi dire più benestanti hanno diritto a ricevere una gratificazione economica per l’impegno profuso nello studio. Auguro a chi ha terminato il percorso di formazione di trovare presto un lavoro e di non scoraggiarsi o abbattersi mai di fronte agli ostacoli della vita. Occorre affrontarli con intelligenza e capacità, con spirito di sacrificio e buona volontà”.

“Questo evento annuale” ha osservato l’assessore Gigliuto “vuole essere la dimostrazione di quanto sia importante per noi istituzioni valorizzare il merito degli studenti, le loro potenzialità, la loro voglia di imparare. La scuola svolge, nella società, una funzione fondamentale di promozione umana, favorisce l’autonomia del pensiero e della decisione, apre alla responsabilità personale, forma il carattere, introduce alla cultura della democrazia ed educa al futuro. La comunità melillese - ha concluso l’assessore alla pubblica istruzione - gode dell’efficiente e rassicurante presenza delle istituzioni locali, civili e religiose, come il Comune, la scuola e la chiesa, ognuna impegnata nella sua specifica missione e tutte insieme a fare il proprio dovere e ad esercitare responsabilmente il proprio ruolo”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 17/12/2016 alle  21:35:02, nella sezione ARTE,  433 letture)

paolo golinoVenerdì 16 dicembre, nel Museo etnografico ‘N. Bruno’ in piazza Umberto I a Floridia, si è tenuta l’inaugurazione della mostra personale di pittura ‘Alter Ego’ del Maestro Paolo Golino. L’evento è inserito nella programmazione delle attività natalizie promosse dall’amministrazione comunale e dal museo. A dare il saluto al pubblico è stato il sindaco di Floridia, avv. Orazio Scalorino e la direttrice del museo, Cetty Bruno. Dopo gli interventi istituzionali il semiologo Salvo Sequenzia ha introdotto il pubblico alla comprensione delle opere in esposizione.

Paolo Golino, nato a Canicattini Bagni, vive a Palazzolo Acreide. Compiuti gli studi d’arte si è occupato incessantemente di ricerca pittorica compiendo un percorso creativo nell’ambito del figurativo, attingendo da un lato alla grande lezione della tradizione pittorica classica figurativa italiana e straniera, e dall’altro sperimentando con studio e passione nuove soluzioni linguistiche e formali, che lo hanno spinto sui territori della pop art e dell’informale. Le sue opere, presenti in gallerie e collezioni pubbliche e private, hanno ricevuto numerosi riconoscimenti nazionali ed internazionali, e tra gli ultimi, nel 2016, il prestigioso premio nazionale Iside a Benevento. La mostra allestita al Museo Bruno costituisce una antologica che offre al pubblico un panorama esauriente della poliedrica attività dell’artista. Molteplici sono i temi trattati: dalla ricerca del sacro, molto sentita da Golino, alla rappresentazione mitologica, passando attraverso la pittura d’impegno civile, al ritratto, alla natura morta e al paesaggio. Quella di Paolo Golino è una pittura di studio e di ricerca, nella quale luminismo, cromatismo e plasticità sono elementi costitutivi di uno stile caratterizzato da una ricerca pittorica da sempre animata dall'esigenza di penetrare il mistero del reale, di esplorare l’abisso spalancato tra l’umanità e l’assoluto. Così ha spiegato il semiologo Salvo Sequenzia nella sua lettura critica della mostra: “La tela assume forti sensazioni di materia visiva; il rilievo e il colore trovano funzione nel racconto delle forme e delle figure riconducibili a iconografie consolidate o ad originalissime germinazioni. Il disegno diviene espressione di un ‘processo’ che si invera nel dipinto. Un uso sapiente, modulato e cangiante dei colori strappa la figura alla sua immobilità; la sostanza della luce, i chiaroscuri, le velature e le ombre insinuano accenti ‘caravaggeschi’, assunti non come mera citazione bensì come lezione gnoseologica drammaticamente alta e severa. L’opera di Paolo Golino, con l’isolamento ‘scultoreo’ delle figure e le possenti ‘architetture’ di luci e di ombre, fa intimamente propria la lezione caravaggesca e si innesta sulla linea della migliore tradizione pittorica figurativa italiana di questo secolo”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 17/12/2016 alle  21:33:00, nella sezione CRONACA,  490 letture)

polveriDecisa presa di posizione di Sicilia Democratica per l’annunciato arrivo a Melilli del carico di polverino proveniente dall’Ilva di Taranto. “Forse il Governo nazionale non ha ben compreso che il nostro territorio non è più disposto a compromettere né la salubrità dei suoi cittadini, né la bellezza dei suoi paesaggi, cedendo ai ricatti occupazionali o alle promesse economiche. Nessuno pensi che, come avvenuto 50 anni fa, la provincia di Siracusa sia in liquidazione fallimentare e pertanto rassegnata a diventare discarica d’Italia o del Mediterraneo”. E' quanto sostenuto da Giambattista Coltraro capogruppo di Sicilia Democratica in linea con le associazioni ambientaliste e i comitati di cittadini che vorrebbero rispedire indietro questi rifiuti industriali che possono ancor più contribuire a contaminare un’area che richiede piuttosto la bonifica. Un’area fortemente industrializzata va sicuramente riconvertita in maniera ecosostenibile e implementando le misure di sicurezza di pari passo alle produzioni. “Il Ministero- conclude Coltraro- farebbe meglio a raccordarsi con la deputazione del territorio e sbloccare tutti quegli interventi che contrastino l’inquinamento e garantiscano soprattutto migliori azioni di prevenzione e assistenza sanitaria a tutela delle popolazioni residenti nel triangolo industriale. Non abbiamo ospedali e piani di protezione civile adeguati, si metta mano subito a questo piuttosto che aggiungere polveri su una polveriera”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 17/12/2016 alle  21:21:25, nella sezione CRONACA,  475 letture)

nasaL'IIS “L. Einaudi - Juvara” è stato selezionato alla fase finale del concorso internazionale, promosso dalla NASA, attraverso l’Agenzia Spaziale Europea ESA, per la definizione di un esperimento scientifico da condurre utilizzando il dispositivo Astro Pi installato sulla Stazione Spaziale internazionale, orbitante attorno al nostro pianeta.

Il progetto, coordinato dai professori Salvo La Delfa e Salvo Pantano, è svolto dagli studenti Lorenzo Risuglia, Dario Vinci, Stefano Musso, Christian Italia, Sonia Sgarrita, Giulia Gallitto, Elena Melluzzo, Martina Mammino, Matteo Fazzina, Domenico Mazza, Sebastiano Vinci e Francesco Turino, con la collaborazione della prof.ssa Vania Drago e dell’ing. Andrea Cassarino. Gli studenti del team hanno tutti esperienza in coding ed analisi computazionale e passione in campo informatico.

Entro il 28 febbraio 2017 il team dell’IIS “L.Einaudi .Juvara” (Servizi Commerciali, Costruzione ambiente e Territorio (ex geometra) e Liceo Scientifico), svilupperà l'algoritmo, scritto utilizzando il linguaggio Python, da installare nel dispositivo Astro Pi e necessario per lo svolgimento dell'esperimento scientifico (fase finale). La scelta del team selezionato a livello mondiale avverrà a maggio 2017. Sono stati solo 20 i progetti selezionati in Italia (tra cui quello dell’IIS Einaudi -Juvara) e circa 350 in tutta Europa. I docenti coordinatori hanno partecipato ad un workshop nazionale a Frascati (Roma) durante il quale i tecnici dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) hanno dato ulteriori informazioni sul funzionamento del dispositivo Astro Pi, sul tipo di attività che gli astronauti svolgono sulla Stazione Spaziale Internazionale e sui parametri tecnici che è possibile misurare. Soddisfatta la dirigente scolastica dell’IIS “L.Einaudi -Juvara”, prof.ssa Teresella Celesti, che evidenzia come questo progetto sia importante in quanto permette di sviluppare competenze in campo scientifico (attraverso la definizione dell’esperimento) e in campo informatico (con la scrittura dell’algoritmo nel linguaggio Python), inquadrandosi bene all’interno delle attività promosse dal Piano Nazionale Scuole Digitali.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 16/12/2016 alle  18:46:00, nella sezione CRONACA,  441 letture)

unitalsiConfcommercio-Siracusa e l'Unitalsi provinciale hanno siglato una convenzione che vedrà le due associazioni collaborare allo scopo di fornire un supporto alla comunità siracusana, e contribuire così, di fatto, al benessere civico, culturale, sociale e morale della nostra città. L'Unione nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes e santuari internazionali (Unitalsi) da anni svolge opere di carità cristiana, attraverso l’azione di volontari che prestano servizio a favore di persone ammalate, disabili e in difficoltà. Inoltre, sempre attraverso i suoi volontari, l’Unitalsi è attiva nella preparazione, nella guida e nella celebrazione di pellegrinaggi a Lourdes e nei principali santuari italiani ed internazionali. Ogni anno sono circa sei milioni le persone che si mettono in cammino verso Lourdes, nella speranza di alleviare il proprio dolore o di trovare la guarigione.

Nell’ambito di questa convenzione, il prossimo 30 Dicembre, entrambe le associazioni saranno impegnate nel primo evento pubblico cittadino di charity, che prevederà una tombolata presso la sede del Circolo Unione di Via Monfalcone, in cui saranno numerosi i premi generosamente messi in palio dalle aziende associate Confcommercio. I proventi della tombolata saranno raccolti e donati per intero all’Unitalsi che li impegnerà nelle sue prossime attività in calendario. L'accordo è stato siglato dal direttore di Confcommercio Siracusa, Francesco Alfieri, e da Gabriele Burgio, presidente della sottosezione provinciale di Unitalsi (nella foto). L'iniziativa vuole dare un segnale alla cittadinanza e promuovere la responsabilità sociale delle aziende associate, sensibilizzandole su problematiche esterne alla sfera commerciale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 16/12/2016 alle  18:45:18, nella sezione CRONACA,  584 letture)

avvisoUn passo dopo l’altro, il nuovo servizio di igiene urbana nella città megarese assume forma e sostanza. Dopo l’inizio, in zona Isola, della raccolta porta a porta di carta, cartone e umido, sarà inaugurato l’Eco-Sportello, un punto informativo dedicato, sito in Corso Sicilia 208-210, al servizio della cittadinanza. Personale qualificato in grado di accogliere l’utenza per ogni informazione e supporto, layout a tema curato in ogni dettaglio, dalla grafica ai colori, ma soprattutto tanta volontà di far funzionare un sistema nuovo, inevitabilmente complesso, ma che condurrà Augusta in cima ai Comuni virtuosi e in linea con gli standard comunitari imposti ormai per legge. Con la preziosa collaborazione dell’intera cittadinanza e l’impegno costante degli addetti ai lavori, il pieno successo non sarà immediato ma raggiungibile; l’Eco-Sportello rappresenta un altro valido e fondamentale strumento messo a disposizione per agevolare il funzionamento della macchina messa in moto, un luogo fisico in cui il cittadino/utente potrà ritirare le attrezzature necessarie per la raccolta, piuttosto che segnalare disservizi o richiedere informazioni sull’argomento. Il taglio del nastro dell'eco-sportello avverrà alla presenza del Sindaco Maria Concetta Di Pietro, insieme all’Assessore all’Ecologia, Danilo Pulvirenti, impegnato attivamente e costantemente per far sì che tutto proceda al meglio, e ai rappresentanti della Società consortile MegarAmbiente, che eroga il nuovo servizio. Gli utenti di zona Isola che non hanno ancora ritirato il kit per raccolta dovranno recarsi, non più al Centro Comunale di Raccolta (ex Plastjonica), bensì presso il nuovo Eco-Sportello di Corso Sicilia.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 15/12/2016 alle  17:51:48, nella sezione CRONACA,  446 letture)

pachinoIl Comune di Pachino promuove nuove start up con un contributo a fondo perduto di 20 mila euro per finanziare micro e piccole imprese, destinato a progetti di valorizzazione del patrimonio culturale, ambientale, del turismo, del commercio, dell’agricoltura e dell’artigianato. «Un contributo – ha dichiarato il sindaco, Roberto Bruno – che rappresenta una modalità di sostegno pubblico alle nuove imprese, specie se realizzate da soggetti under 35 e svantaggiati, in ambiti di particolare interesse. Daremo un piccolo ma importante sostegno per l’avvio di start up su precise e innovative idee progettuali, per contribuire all’avvio di nuove imprese e alleviarne i costi iniziali».

I destinatari di contributi e agevolazioni sono le micro e piccole imprese non costituite alla data di pubblicazione dell’avviso nei settori agricoltura, artigianato, commercio, industria, turismo e servizi, e possono presentare progetti e concorrere tutti i soggetti disoccupati e under 40 residenti nel comune di Pachino. «Una commissione – ha spiegato l’assessore alle Attività produttive, Gianni Scala – selezionerà i migliori progetti considerati nelle condizioni di consentire la crescita dell’economia e lo sviluppo di nuova occupazione, favorendo l’attività, specie turistico – culturale, del contesto territoriale, la valorizzazione e la salvaguardia del patrimonio storico paesaggistico e ambientale e la valorizzazione del commercio, attraverso la creazione di nuove micro e piccole imprese che dovranno svolgere attività per almeno 3 anni».

Le istanze potranno essere presentate entro le ore 13 del 6 febbraio 2017 al protocollo generale in via XXV Luglio o tramite pec all’indirizzo: ufficiocommerciopachino@pec.it. Il Comune di Pachino intende varare anche un “Patto sociale” che sarà sancito durante la visita pastorale in città del vescovo della diocesi di Noto, monsignor Antonio Staglianò, mercoledì 21 dicembre. «Un confronto – ha detto il presidente del consiglio comunale, Turi Borgh -, per consolidare il forte rapporto tra la comunità cattolica e la cittadinanza pachinese». «E’ forte – ha spiegato il sindaco, Roberto Bruno – il rapporto tra la diocesi di Noto e il suo rappresentante, monsignor Staglianò, e tutto il nostro territorio. Un processo di collaborazione che va oltre la fede, avviato sin dall’insediamento del vescovo e consolidato con l’adesione della Curia al Distretto Turistico degli Iblei per lo sviluppo sinergico del turismo, della ricettività e dell'offerta culturale in tutta l'area del sud est della Sicilia». Sarà quindi siglato il “Patto sociale” tra il Comune di Pachino e la Curia, per la promozione umana e sociale delle persone e delle famiglie in difficoltà. «Un maggiore impegno – ha continuato il sindaco - nei confronti dei più deboli e delle fasce sociali che meritano la massima attenzione da parte del nostro ente».

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 15/12/2016 alle  17:48:22, nella sezione CULTURA,  497 letture)

scupiddiUn recente studio del semiologo Salvo Sequenzia, frutto di una ricerca iniziata agli inizi del 2000 e pubblicata in parte nel 2010, fa luce sulle misteriose origini della processione de I Scupiddi, celebrata alla vigilia della festa dell’Immacolata, ed unica nel suo genere in tutta la Sicilia.

Lo studio, pubblicato per Nuovi Segni, ripercorre la storia della tradizione religiosa devozionale legata alla processione, uno degli eventi folclorici più importanti della comunità. Nel primo pomeriggio del sette dicembre uno stuolo di bambini vestiti a festa e con le candele in mano, accompagnati dai genitori, parenti e amici si danno appuntamento sul sagrato della chiesa del Carmine, da dove poi avrà seguito la processione che raggiungerà la Chiesa Madre. Giunti alla Chiesa Madre, i bambini depongono le candele ai piedi dell'immacolata, per l'occasione collocata sull'altare maggiore.

Le origini di questa processione si fanno risalire al periodo precedente la fondazione del borgo di Floridia, avvenuta con la licentia populandi del 1627, in quanto in loco, esisteva già una chiesetta dove si venerava la Madonna della Provvidenza. La tradizione orale tramanda che era costume fare pulire ai bambini, muniti di piccole scope, le vie del paese che il fercolo dell'Immacolata avrebbe dovuto percorrere. Sequenzia individua una tradizione similare nelle attività della Confraternita della Purità o della Scopa, attiva a Palermo nel XVI secolo, e in quella dei Cavalieri di Malta di Siracusa, attestata al 1800.

Sequenzia sostiene che I Scupiddi derivano dalle processioni rituali delle antiche confraternite religiose, un tempo attive a Floridia, in onore dell’Immacolata. Di esse fa menzione anche il Guardo nella sua celebre opera dedicata alla storia di Floridia. Sequenzia ha ritrovato alcuni decreti regi borbonici che documentano la presenza di tali confraternite religiose a Floridia, studiandone la complessa attività. In alcuni rituali praticati da queste confraternite sopravvive l’eco di antichissimi rituali di origine pagana che persistettero nelle piccole comunità agricole e pastorali dell’altopiano ibleo durante il passaggio dal paganesimo al cristianesimo.

A Floridia il culto dedicato ad Artemide Meroessa era assai diffuso come testimoniano i ritrovamenti degli scavi effettuati dagli archeologi Guzzardi e Germanà (un santuario situato nell’antica via che conduceva all’attuale frazione di Belvedere). Al culto di Artemide erano dedicate le ‘lampadedromie’ (corse con fiaccole) di fanciulli che, in corsa verso il santuario, portavano ex voto alla dea fiaccole accese, appunto le ‘scopae’. Da cui i ‘Scupiddi’ di Floridia.

Il significato religioso e beneaugurale di questo antico rito transita, dunque, nel mondo cristiano depositandosi nel culto alla Vergine Immacolata, che incarna tutte le caratteristiche di Artemide: verginità, sacrificio, purezza dedizione incondizionata. A tale culto, probabilmente, può essere legato il ritrovamento, avvenuto a Floridia, nei pressi dell’attuale sito ove sorge la chiesa intitolata alla Madonna delle Grazie, o del Giardinello, di una immagine votiva in pietra arenaria raffigurante, appunto, la Madonna delle Grazie.

La processione religiosa devozionale de I Scupiddi di Floridia conserva, nella complessa stratificazione dei suoi simboli, il retaggio di rituali religiosi un tempo celebrati nella parte orientale dell’altipiano ibleo ed oggi scomparsi in quel contesto ma sopravvissuti in altre aree dell’isola.

A pieno titolo – conclude nel suo saggio Sequenzia – questa antichissima tradizione religiosa popolare unica nel suo genere, sopravvive oggi soltanto a Floridia. Essa merita l’iscrizione nel R.E.I.S. (Registro delle eredità immateriali della Sicilia), con cui la nostra Regione ha inteso tutelare e consegnare alle future generazioni i momenti, i simboli e le espressioni più alte della nostra cultura e della nostra civiltà.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 12/12/2016 alle  19:23:52, nella sezione CRONACA,  486 letture)

sit inSabato 10 dicembre si è svolto un sit in davanti l'ingresso di Villa Reimann in via Necropoli Grotticelle per denunciare la grave situazione di degrado del Patrimonio Reimann, donato al Comune di Siracusa dalla gentildonna danese Christiane Reimann. Ancora una volta l'associazione Save Villa Reimann è scesa in strada assieme ad altri per manifestare per la salvaguardia dell'immobile, in grave stato di degrado, e dei documenti preziosi sul piano storico e culturale che vi sono custoditi. Le promesse non mantenute dall'Amministrazione Comunale sono comprovate dallo stato di abbandono e dall'indifferenza. Oltre due anni fa è venuta giù la balaustra della scala d'accesso pedonale alla Villa mentre, di recente, è crollato il muro di cinta in più punti. reimannGià precedentemente era stato stilato un promemoria presentato poi all'Amministrazione Comunale, mentre è continuato il monitoraggio di tutte le proprietà della Reimann. Il sit in ha dimostrato un vero spirito di collaborazione tra le varie associazioni per il raggiungimento dello scopo comune, che è quello di ottenere dall'Amministrazione una attività che ponga fine a tanti anni di incuria dovuta soprattutto alle gestioni degli ultimi dieci anni. Il patrimonio Reimann potrebbe essere un fiore all'occhiello della città, peraltro è un discorso morale quello di poter dare attuazione completa alle volontà testamentarie, così chiaramente espresse dalla Signorina Reimann, in favore dell'elevazione culturale e sociale della città di Siracusa. Marcello Lo Iacono, portavoce di Save Villa Reimann, da sempre impegnato sul fronte della salvaguardia dello storico immobile non demorde ed ha fiducia che la mobilitazione produca finalmente qualche effetto.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 08/12/2016 alle  16:16:17, nella sezione CULTURA,  472 letture)

marangiLa XIV Edizione del Premio Musicale “Corrado Maranci”, dopo il salto di un anno, riprende il suo consueto cammino; un appuntamento importante e di buon livello artistico, che da lustro alla città di Siracusa e inserisce il Premio nel più vasto panorama della cultura musicale regionale. Un premio alla musica e ai musicisti ma anche un premio ad altre personalità che si sono distinte nei vari settori del cinema e del teatro, della cultura e della politica, della comunicazione e della socializzazione.

Fra i premiati di quest’anno ci sono: Alfio Pesce, virtuoso del friscaletto; il violinista Gabriele Bosco e i chitarristi Agatino Scuderi e Paolo Sorge; i cantanti Antonio Modica e Federica Foscari; il Gruppo Corale Euterpe; la folksinger Sara Cappello, il soprano Piera Bivona e il cantautore Ernesto Marciante. I premi speciali sono stati assegnati a Lucia Sardo, considerata unanimemente una delle più grandi e appassionate attrici del repertorio teatrale e cinematografico siciliano; al presidente della Deputazione di Santa Lucia, Giuseppe Piccione, e ad Armando Foti, per la sua attività socio-politica; infine le menzioni d’onore sono andate all’Orchestra di chitarre “Terra di Archimede”, diretta dal M° Fabio Barbagallo e alla Deputazione di Santa Lucia premiando Benedetto Ghiurmino, maestro di cappella, Paolo Puglisi, presidente dell’associazione Santa Lucia fra i falegnami e Cettina Oliveri, responsabile delle portatrici delle reliquie della santa siracusana.

Tonino Bonasera, presidente dell’associazione “Cori di Val d’Anapo” e organizzatore del premio e Paolo Greco, Direttore Artistico (nella foto), sono certi che anche quest’anno sarà una rassegna di eccellenze e invitano la cittadinanza a partecipare alla consegna del prestigioso Premio Maranci domenica 11 dicembre alle ore 19,30 presso l’Istituto di Scuola Superiore F. Insolera, in via Modica 66 (traversa di Viale Scala Greca), a Siracusa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 06/12/2016 alle  19:43:54, nella sezione EVENTI,  671 letture)

Nell'approssimarsi del Natale Siracusa propone un ricco periodo di eventi artistici e culturali.

L'8 dicembre alle 17,00 presso la Galleria Civica d'arte contemporanea Montevergini inaugurazione della mostra Collettiva d'Arte "Gli artisti incontrano i colori della Sicilia nella città di Archimede" che prevede la partecipazione di circa settanta artisti delle varie discipline e diverse performance tra cui quella del noto musicista e musicoterapeuta siracusano Paolo Greco con le sue avvolgenti atmosfere melodiche composte principalmete per la meditazione.

Sabato 10 dicembre alle ore 18,00 presso la sede del Centro Studi Arti e Scienze “Il Cerchio”, sito in Via Arsenale 40/A si terrà la performance artistica dal titolo "Kalòs il potere della bellezza", tratta dalla silloge "Tuo è il regno" di Ella Ciulla. Presenta la serata Corrado Di Pietro, i testi poetici saranno interpretati dall'autrice, Ella Ciulla, e dall'attrice Lalla Bruschi, intervengono Cristina Fanara, violinista e pedagogista, Giuliana Muratore, specialista in danzaterapia, e la psicologa Rossana Sapienza. Tutte insieme guideranno il pubblico in un viaggio alla scoperta delle proprie emozioni.

Domenica 11 dicembre alla libreria Gabò in Corso Matteotti 32, alle ore 11:00, per l'appuntamento "Colazione in libreria" saranno ospiti due autori, Salvo Toscano e Alberto Minnella, per parlare dei loro nuovi gialli: "Falsa testimonianza" edito Newton & Compton e "Portanova e il cadavere del prete" Frilli Editori.

Ritroveremo poi Paolo Greco, stavolta nelle vesti di direttore artistico, sempre domenica 11 dicembre, alle ore 19,30, quando avrà luogo presso l'Auditorium dell'Istituto Filadelfo Insolera la XIV Edizione del Premio Musicale "Corrado Maranci" organizzato dall'Associazione siracusana Cori di Val d'Anapo.

Sabato 17 dicembre alle 10,00 la sala Ferruzzo-Romano dell'Area Marina protetta del Plemmirio ospiterà l'evento dedicato a Enzo Maiorca "Prua al mare", organizzato dall'Archeoclub di Siracusa. Altri interessanti eventi seguiranno e ne daremo tempestiva notizia.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/11/2016 alle  14:32:22, nella sezione ARTE,  554 letture)

mazzagliaA Catania il 3 dicembre Pina Mazzaglia, pittrice catanese di grande talento, presenta al pubblico una sua nuova produzione ospitata presso la galleria “Nucleika Art Gallery”, sita nella centralissima via Umberto n. 145. Si tratta di trenta opere inedite (oli su tela, acrilici, polimaterici) raggruppate sotto l'emblematico titolo “Estropia”, termine che designa un susseguirsi di azioni in accordo con una visione del mondo ottimistica e serena, in cerca di un continuo auto-miglioramento ed in forte esaltazione del pensiero razionale, finalizzato alla promozione di una società aperta. Il termine fu coniato da Morrow, nel gennaio del 1988, e definisce l'insieme dell'intelligenza, dell'ordine funzionale, della vitalità, dell'energia vitale, dell’esperienza e della capacità di spingere all’evoluzione e alla crescita un sistema vivente o organizzativo.

L’atto creativo di Pina Mazzaglia - dettato da una preparazione interiore che la guida a indagare la materia - si configura, dunque, come sintesi di questa capacità generata dalla necessità interiore di liberare una vitalità espressiva attraverso il colore e la forma. Partendo da una matrice tipicamente espressionista, l’opera indaga il lato sensibile del modello alla ricerca dell’energia corporea, sia della figura che dell’ambiente, per giungere infine all’atto successivo di qualità dirompente dove l’azione pittorica muta la sua natura e si fa gestuale sulla tela. L’esplorazione tra il “dentro e il fuori”, tra “materia ed essenza”, diviene così pretesto unificante nella ricerca pittorica che prende vita dalle armonie dei paesaggi e dal fascino delle dinamiche facciali, in una infinita opportunità di espressioni ed emozioni. Un lavoro forte, deciso, costruito con estrema sintesi visiva che tende a confessare palesemente il coraggio interpretativo dell’artista. La mostra è curata da Agata Petralia e resterà aperta fino al 22 dicembre.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/11/2016 alle  19:12:11, nella sezione CRONACA,  485 letture)

scuolaPrima la preghiera di benedizione formulata da padre Salvo Spadaro, parroco della chiesa locale, poi il taglio del nastro effettuato dal sindaco Giuseppe Cannata e sottolineato dagli applausi dei presenti e dalla gioia dei bambini. E' stato un giorno di festa per i residenti di Città Giardino, presenti numerosi in via Pirandello per l’inaugurazione della scuola primaria, che sorge accanto a quella materna. Non ha ancora un nome ma è solo questione di tempo. L’edificio è dotato di 5 spaziose aule poste a pian terreno e di tutti i servizi accessori. “E’ un giorno di festa per la comunità di Città Giardino” ha detto il primo cittadino. “Dopo anni di attesa, a causa di beghe burocratiche non dipendenti dalla volontà degli amministratori pubblici, siamo finalmente riusciti a raggiungere l’obiettivo. Ringrazio il direttore dei lavori, il responsabile unico del procedimento, le imprese che hanno lavorato alla realizzazione dell’opera. Dalla prossima settimana i bambini faranno lezione qui, abbandonando l’edificio in cui erano ospitati prima. Il prossimo obiettivo sarà di completare in breve tempo la parte esterna in modo tale da rendere fruibile l’intera area agli alunni e al personale docente”.

Soddisfatto anche l’assessore ai lavori pubblici, Nuccio Gigliuto. “E’ un giorno da ricordare” ha esclamato. “La comunità di Città Giardino si sta incrementando sempre di più, i bambini diventano ancor più numerosi ed è giusto che abbiano i loro spazi in un edificio moderno, accogliente e costruito con criteri antisismici. Hanno stretto i denti ma da lunedì faranno lezione in questa scuola. Ci dispiace che ci siano voluti 7 lunghi anni, ma il patto di stabilità aveva bloccato i lavori. Non è stata responsabilità né di questa né della precedente amministrazione se i lavori furono interrotti. Purtroppo la burocrazia in Italia allunga sempre inevitabilmente i tempi. Ora ce l’abbiamo fatta ed è bello notare la gioia sui volti dei bambini, che non vedevano l’ora, come noi, che arrivasse questo giorno”.

Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato anche gli assessori Daniela Ternullo, Sebastiano Caminito e Vincenzo Coco, i consiglieri comunali di Città Giardino, Tommaso Cannella e Luca Scibilia, la delegata amministrativa Patrizia Lagatta, la dirigente scolastica, professoressa Stefania Gallo e l’intero corpo docente.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/11/2016 alle  18:55:15, nella sezione CRONACA,  320 letture)

autismoIn un comunicato Sicilia Democratica affronta il problema dell'Autismo dilagante, fenomeno in crescita tra i giovani e non solo. Anche in provincia di Siracusa crescono di anno in anno i soggetti affetti da disturbi rientranti nello spettro autistico, ma nonostante l’attività dell’equipe qualificata, diretta a Siracusa dal dottore Francesco Sciuto, risulta insufficiente l’assistenza sanitaria offerta dal reparto di Neuropsichiatria infantile nel capoluogo, per non parlare dell’inesistenza di programmi terapeutici collaterali a quelli strettamente medici che sostengano le famiglie di questi pazienti nel percorso di crescita dei loro figli e nel loro inserimento autonomo in società. L’organico del reparto stando ai racconti dei familiari è sicuramente carente rispetto alla domanda sempre più crescente e si rende necessario portare all’attenzione del Governo Regionale le istanze specifiche che provengono da questo territorio industriale, che paga con molta probabilità anche con questi disturbi, oltre alle neoplasie sempre più diffuse, anni di contaminazione ambientale scellerata e scarsamente controllata. "Bisognerebbe istituire - afferma Giambattista Coltraro, capogruppo di Sicilia democratica all'ARS - un fondo da destinare alla realizzazione di un registro ufficiale sui soggetti autistici, non solo i minori, in modo che i dati indirizzino anche la ricerca e la sperimentazione sul campo di tecniche all’avanguardia che consentano a questi pazienti di limitare quanto più possibile l’isolamento sociale a cui purtroppo, ancora oggi, vanno incontro”. Molti setting psicologici, l’onoterapia, l’ippoterapia, i corsi sportivi specifici, spesso, sono prestazioni che privati o società offrono a pagamento, quindi a carico delle famiglie, quando invece bisognerebbe convenzionare e non a termine questa tipologia di terapie per non gravare sulle famiglie.

“Inoltre - sottolinea Coltraro- bisogna organizzare partendo da oggi il futuro di questi ragazzi, quel famoso “dopo di noi” dipende molto dal grado di autonomia personale che si riesce a costruirgli, attraverso, ad esempio, corsi professionali loro dedicati e che non devono essere iniziative isolate ma perpetue, in modo da non lasciare fuori dai piani di integrazione nessuno”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/11/2016 alle  20:49:33, nella sezione ARTE,  524 letture)

zuccaro e puglisiDal 3 al 31 dicembre la Galleria Quadrifoglio in Via Santi Coronati 13 a Ortigia ospiterà una mostra di Piero Zuccaro e Giuseppe Puglisi dal titolo “La leggerezza del fare”, a cura di Mario Cucé (inaugurazione sabato 3 dicembre ore 18,00). Saranno esposti una ventina di dipinti dei due artisti catanesi che fanno parte del Gruppo di Scicli. I due artisti, seppur diversi per stile e linguaggio, sono accomunati da percorsi di formazione e dalla condivisione di determinati valori artistici.

Giuseppe Puglisi (Catania, 1965) affronta il tema del paesaggio urbano. E lo fa da "catanese che sogna il Nord", come scriveva Lea Mattarella in un saggio del 2007. I suoi sono paesaggi di luci fredde, lunari, come quelli cinerei dell’Etna. Oppure sono visioni dall'alto della terra e del mare. Ma sono anche cieli notturni pieni di stelle e costellazioni sospese nell'infinito silenzio.

Piero Zuccaro (Catania, 1967) indaga lo spazio-luce, la mutevolezza della materia, attraverso le “paste alte” stese a spatola del colore a olio, nella pennellata densa e materica che amalgama mille colori. Sulla sua tela si distendono scintille, abrasioni dell’aria, ferite e suture del colore. Come in un caos primordiale. Dense concrezione di paste cromatiche si sedimentano in paesaggi di astratta plasticità, in una realtà corposa e sensuale.

La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dalle ore 10,00 alle 13,00 e dalle ore 17,00 alle 20,00, domenica e lunedì dalle ore 17,00 alle 20,00.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 23/11/2016 alle  14:37:07, nella sezione EVENTI,  523 letture)

anselmo madedduDal 24 al 26 novembre 2016 l'Asp di Siracusa propone alla cittadinanza il "Salus Festival 2016" ospitato in Piazza Duomo a Palazzo Vermexio, che inizia con la commemorazione del campione mondiale di immersione subacquea Enzo Maiorca, scomparso pochi giorni fa, che è stato testimonial della campagna di screening per la prevenzione dei tumori. Previsti ospiti d'eccezione come l'assessore regionale alla Salute Baldo Gucciardi, l'attuale allenatore del Settebello Sandro Campagna, la campionessa italiana di pallacanestro Sofia Vinci, l'attrice Margareth Madè, la cantante Rosalia Misseri, l'arbitro internazionale Rosario lo Bello, il campione del mondo di salto con l'asta Giuseppe Gibilisco, il campione del mondo di canoa polo Edoardo Corvaia, il campione europeo di pugilato Salvatore Melluzzo, il campione mondiale di pattinaggio Pippo Cantarella, il nutrizionista Giorgio Calabrese ed altri ancora. La direzione scientifica dell'evento è affidata al direttore sanitario dell'Asp di Siracusa Anselmo Madeddu (nella foto). E' una iniziativa di grande portata che consente di diffondere ai cittadini la cultura della prevenzione attraverso linguaggi che non sono soltanto scientifici e che incidono sulla sfera emozionale delle persone. La tre giorni aretusea si concluderà sabato 26 novembre con una partita di baskin (basket integrato) tra atleti disabili nella palestra dell'Istituto Gagini di Via Piazza Armerina a cura dell'Associazione SuperAbili di Avola, con l'organizzazione di Giuseppe Battaglia, alla presenza dei campioni siracusani dello sport, seguita dalla cerimonia di chiusura dell'evento nell'aula magna del medesimo Istituto.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 22/11/2016 alle  20:23:04, nella sezione LIBRI,  765 letture)

malta book 1Come ogni anno una folta delegazione di Editori siciliani ha partecipato al Malta Book Festival, che si è svolto a La Valletta dal 9 al 13 novembre 2016. Lo stand degli Editori di Sicilia, allestito in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Malta ed il Consolato di Turchia in Sicilia, ha registrato una grande affluenza di pubblico, ampiamente rispettando le aspettative e compensando l’impegno profuso dagli organizzatori per il buon esito delle numerose manifestazioni organizzate. Elenchiamo per un giusto riconoscimento di giusti sforzi profusi nella loro trasferta a Malta, gli Editori di Sicilia presenti: Morrone Editore (Siracusa); Epsil (Siracusa-Roma); Aulino Editore (Sciacca); Bonfirraro Editore (Enna); Cavallotto Editore (Catania); Lombardi Editore (Siracusa); Lussografica Editore (Caltanissetta); Armando Siciliano Editore (Messina).

malta book 2Sono state presentate le più recenti pubblicazioni degli editori presenti, con relatori di tutto rispetto: Avv. Giacomo Lo Bue di Lemos, del Foro di Palermo (storico) Avv. Silvio Aliff, Cassazionista del Foro di Siracusa (Storico) Prof. Arnold Cassola (Docente di letteratura maltese, Università di Malta); Prof. Ignazio Vecchio (Università di Catania) Prof.ssa Cristina Tornali (Università di Catania); Domenico Romeo (Console Generale di Turchia in Sicilia); Dott. Sebastiano Lupo (Storico); Prof. Corrado Di Pietro (scrittore); Arch. Gaetano Malandrino (scrittore) Deila Caruso (Scrittrice); Dott. Sebastiano Campisi (Scrittore); Prof.ssa Ella Ciulla (Poetessa); Dott. Davide C. Crimi (Scrittore). Ospite d’onore per questa occasione, il vice ambasciatore di Turchia a Malta, Halit Akgun, che ha portato il saluto dell’Ambasciatore Reha Keskintepe.

La conferenza è stata aperta e chiusa dal Console Generale di Turchia in Sicilia Domenico Romeo, e moderata dall’Editore Carlo Morrone, che ha preso lo spunto per presentare il volume “La battaglia di Gallipoli – Il riscatto”. Lo stand italiano, corredato per l’occasione con l’esposizione congiunta della bandiera italiana e la bandiera siciliana, ha avuto l’onore di essere stato visitato dalla Presidente della Repubblica maltese, Marie Louise Coleiro Preca, dal Ministro della Cultura Maltese, Evarist Bartolo, dal Ministro per la Ricerca , Innovazione, e lo Sport Chris Agius, dal Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura a Malta, Dott. Salvatore Schirmo.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 21/11/2016 alle  13:07:03, nella sezione EVENTI,  476 letture)

crimi fotoImportante giornata di confronto ed elaborazione venerdì scorso a Enna, con la compagine regionale del Centro Ascolto Disagio. Organizzazione a cura di Gerardo Salsano e Mario La Spina sul tema del volontariato come occasione progettuale per ribaltare la dimensione dei problemi e dei fattori di crisi in opportunità di cambiamento, crescita e risveglio sociale. Tra le linee d'azione individuate nell'area di competenza (e adesso dunque da tradurre in opportunità concrete) il dialogo interculturale e la trasformazione della centralità geografica della Sicilia da dimensione passiva e subita in posizione attiva per la reciprocità; il dialogo interreligioso e le nuove forme di sostegno professionale all'integrazione e alla prevenzione della devianza e del terrorismo; l'arte come linguaggio universale e l'individuazione di luoghi simbolo del Mediterraneo per ponti di progettazione comunitaria; le azioni locali di implementazione e di sostegno. Tra i relatori lo scrittore Davide Crimi. Lo spirito dei CAD è di proporsi come anello di congiunzione tra il cittadino e le istituzioni, soprattutto quando ci siano situazioni di crisi sociale. Per collaborare e per saperne di più: 418studio@gmail.com.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 20/11/2016 alle  14:26:37, nella sezione ARTE,  467 letture)

foto 1Serata ad alto livello quella che si è svolta presso il Circolo Unione di Siracusa sabato 19 novembre, organizzata dall’Associazione culturale “Artistica Fondazione” che anche quest’anno ha scelto di essere presente con un premio che vuole evidenziare l’impegno di quei professionisti che si sono contraddistinti nei vari settori di appartenenza, premiando il percorso di ricerca, di studio e di attività attraverso cui artisti e professionisti riescono a suscitare emozioni e a trasmetterle.

La IV edizione del premio “L’Arte incontra l’Arte” nasce da un’idea del Presidente dell’associazione, l’artista Paolo Greco, affascinato dalle varie contaminazioni dell’arte e perciò alla ricerca di tutto quello che spesso non è possibile esprimere in concetti, ma in opere artistiche.

foto 2Il Premio, arrivato alla sua IV edizione, negli anni passati si era spostato in varie località, realizzando anche delle installazioni artistiche che hanno attirato la curiosità del pubblico per l’originalità progettuale, ma quest’anno, anche grazie alla collaborazione e alla sensibilità della professoressa Francesca Aliffi, è stato ospitato nella sede invernale del “Circolo Unione” di Siracusa. La cerimonia di premiazione è stata presentata dalla giornalista Mascia Quadarella che ha condotto simpaticamente la serata consegnando le targhe personalizzate ai vari premiati. Premiato il Presidente del “Circolo Unione“ di Siracusa dott. Sebastiano Monaco con la seguente motivazione: “Al suo entusiasmo scaturito da un forte, operoso, incisivo impegno messo a servizio della collettività, collaborando nel sostenere iniziative socio-culturali”.

Una targa è andata ai Componenti del Consiglio Direttivo del “Circolo Unione” di Siracusa per il triennio 2016/2018 signori A. Barone, S. Borgia, M. Cannizzo, S. Galletti, G. Immè Magrì, L. Leone, G. Martorana, M. Reale, P. Romano e S. Vines per “la fattiva e tangibile collaborazione sempre dimostrata”. Premiato anche il Kiwanis International Club Siracusa Distretto Italia - San Marino nella persona del presidente per l’anno sociale 2016/2017 dott. Carlo Assenza per “l’impegno nel promuovere, sostenere, valorizzare iniziative Artistiche e Culturali e per la particolare attenzione dedicata”. Una targa è andata al giornalista e critico d’Arte, dott. Raimondo Raimondi, con la seguente motivazione: “Al suo impegno professionale in favore dell'arte e della cultura con lo stile che lo distingue”. Premiata anche l’Artista dott.ssa Maria Teresa Gulino “Quando le mani, la fantasia, la tecnica raggiungono le più alte vette dell’Arte”. Una targa è andata al Maestro di Tennis Salvatore Minniti “Quando una racchetta e una pallina da tennis sono al servizio della professionalità”. Infine alla giornalista dott.ssa Mascia Quadarella, splendida conduttrice della serata, un premio perché sa “Osservare, comprendere, raccontare tutto con grande professionalità e serietà”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 17/11/2016 alle  16:08:45, nella sezione CRONACA,  357 letture)

casaDisoccupazione e degrado vanno di pari passo, ma bisogna invertire la tendenza e ribaltare gli effetti di questo binomio, oggi negativo, facendolo diventare opportunità di crescita economica. L’analisi è di Giambattista Coltraro, deputato regionale di Sicilia Democratica.

“Oggi – spiega Coltraro- a causa delle risorse sempre più esigue a favore degli enti territoriali risulta praticamente bloccata la loro attività di programmazione, che esula da quella ordinaria, di conseguenza sempre meno sono le opere pubbliche realizzate e sempre più immobili pubblici versano in condizioni di fatiscenza e abbandono: ciò sottrae occasioni di impiego nel settore dell’edilizia, che più di altri soffre gli effetti devastanti di questa crisi. Nel frattempo diversi prospetti di edifici pericolanti deturpano i paesaggi delle città, oltre a diventare luoghi impropri di ritrovo di senza fissa dimora, ubriachi e tossicodipendenti. Girando per i centri abitati e nelle periferie di diverse province siciliane mi sono reso conto che c’è un patrimonio immobiliare “sospeso”, fatto di edifici inagibili da ristrutturare, strutture residenziali private mai completate, terreni incolti adibiti a discariche abusive e spesso devastati dalle fiamme, proprio per la mancata manutenzione, pertanto mi chiedo perché non riprendere quelle proposte, avanzate qualche tempo fa da alcuni sindaci italiani e alcune messe in campo già dal Demanio, di mettere a reddito questi edifici o appezzamenti affidandoli a consorzi di residenti, associazioni, cooperative, che li otterranno in comodato d’uso gratuito per almeno un decennio e il cui compito sarà solo quello di provvedere al loro recupero impiegando esclusivamente manodopera locale. Questo meccanismo innescherebbe un circolo economico virtuoso, poiché anche se per prestazioni di durata limitata, verrebbero chiamate diverse figure professionali legate al comparto delle costruzioni, che a loro volta acquisirebbero potere di acquisto, mentre si ripristinerebbe in diverse aree urbane quel decoro che oggi manca. Inoltre, i gestori degli immobili, a parte quelli che ne usufruiranno per fini sociali e culturali, sicuramente inaugurerebbero attività imprenditoriali che a loro volta creerebbero altri posti di lavoro. Questa ricetta potrebbe essere valida anche per realizzare residence di appartamenti a canone sociale, data la penuria di alloggi popolari”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 

 1441 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (231)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (59)
COSTUME E ATTUALITA' (116)
CRONACA (732)
CULTURA (198)
EDITORIALI (26)
EVENTI (332)
LIBRI (199)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018

Gli interventi più cliccati

< ottobre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
13
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


17/10/2018 @ 03:41:46
script eseguito in 346 ms