\\ Home page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 29/05/2016 alle  18:48:52, nella sezione EDITORIALI,  381 letture)

editoriale fotoGovernare cittadini individualisti e poco educati (quanto al senso civico) quali i siracusani non è difficile. È inutile. Con questa battuta qualcuno ha voluto sintetizzare un certo atteggiamento nei confronti di quello che dovrebbe essere il "bene comune". Pensiamo che i nostri interessi, i nostri diritti e ancora di più qualsiasi nostra azione abbiano la priorità assoluta non solo su quelli di tutti gli altri, ma anche su quelli collettivi. Ogni cosa è lecita e consentita perché niente può e deve limitare e reprimere la nostra libertà individuale: non la legge o i regolamenti, né le multe o le sanzioni. Ci vorrebbe un vigile o un poliziotto per controllare ogni cittadino 24 ore su 24. Ma, in realtà, in una società civile, niente di tutto questo dovrebbe essere necessario perché il rispetto che ognuno di noi deve alla città in cui vive dovrebbe essere naturale e incondizionato. Purtroppo e mai come oggi assistiamo invece a un degrado sempre più preoccupante dei valori elementari su cui si basa la convivenza civile. Senza arrivare a parlare dei fatti drammatici di cui ci informa ogni giorno la cronaca, nel vivere quotidiano ci rendiamo conto che l'educazione, il rispetto per le persone, per le cose, per le tradizioni, per le idee altrui, costituiscono beni sempre più difficili da trovare. Mi riferisco a episodi che in apparenza possono sembrare marginali e trascurabili ma che sono invece emblematici della situazione che abbiamo appena descritto. Sui monumenti più rappresentativi, preziosi beni architettonici che i turisti vengono ad ammirare, non passa giorno senza che non compaiano scritte che li imbrattano e li deturpano. Il sabato sera in Ortigia mandrie di giovinastri (siracusani, mica immigrati) calano dalla periferia o dai paesi della provincia a bivaccare nei luoghi più reconditi, bevendo birre le cui bottiglie verranno lasciate per terra malgrado esistano numerosi contenitori per la spazzatura, mangiando panini e pizze i cui involucri verranno gettati per terra o addirittura lanciati dentro i ruderi dei templi greci, scorrazzando con i motorini nelle aree pedonalizzate, percorrendo in controsenso e a gran velocità le viuzze laterali per sfuggire alle telecamere della ztl. Dietro quelle che superficialmente si potrebbero classificare bravate, e che sono invece veri e propri atti vandalici, si nasconde un disagio più profondo e più grave, una povertà spirituale, una povertà di valori e di ideali che affligge le generazioni più giovani a cui è mancata la cosa più importante: la formazione che avrebbe dovuto renderli persone responsabili e consapevoli. È difficile individuare le responsabilità di questa situazione, né è possibile attribuire a una sola componente sociale la causa di questo disagio. Ma, di certo, è essenziale che la famiglia innanzitutto, la scuola, le associazioni, si riapproprino del loro compito più importante: quello di educare ai valori e alla vita. Insegnare che il rispetto verso le persone e le cose è alla base di ogni rapporto umano, che la strada verso la maturità passa anche attraverso i limiti da rispettare.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/05/2016 alle  09:22:28, nella sezione CULTURA,  551 letture)

turiddu bellaIl Trofeo “Turiddu Bella”, in occasione del suo venticinquesimo anniversario, cambia pelle e si trasforma da premio di poesia in premio alla cultura siciliana. L’edizione di quest’anno prevede un’intera giornata di incontri e di spettacolo: si comincia la mattina di lunedì 30 maggio presso la chiesetta dei Cavalieri di Malta, in Ortigia, dove dalle ore 10.30 si esibiranno, con la conduzione di Salvatore Di Pietro, i cantastorie Luigi Di Pino, Mauro Geraci, Giuseppe Castello, Ferdinando Sindoni che riceveranno un riconoscimento alla carriera.

Nel pomeriggio, sempre nello stesso sito, alle ore 17 è prevista la cerimonia di premiazione del Trofeo che ha voluto ricordare, in questa edizione, lo scrittore Fortunato Pasqualino e l’etnoantropologo Antonino Uccello, ai quali sono dedicate le due sezioni del Premio: letteratura ed etnoantropologia. I premiati sono due nomi fra i più prestigiosi della nostra cultura: il professore Salvatore Camilleri, di Catania, autore del vocabolario Italiano-siciliano, poeta finissimo e forse il maggiore storico della nostra letteratura e il professore Sebastiano Burgaretta, di Avola, anche lui poeta di grande valore e studioso dei fenomeni etnologici del nostro territorio.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/05/2016 alle  09:18:31, nella sezione LIBRI,  346 letture)

locandina frazzettoUno studio scientifico denso, rigoroso e accurato sui linguaggi e sui dispositivi legati al mondo della tecnologia digitale, ai videogiochi e alle mitologie tecnologiche legati al web. Tratta queste tematiche l’ultimo lavoro di Giuseppe Frazzetto, storico e critico d’arte docente presso l’Accademia di Belle arti di Catania, uno dei massimi esperti dei linguaggi e dei codici legati ai nuovi media, al web e al mondo virtuale. Luigi Amato, docente di estetica e Salvo Sequenzia incontreranno il professore Frazzetto a Siracusa Sabato 28 maggio, alle ore 18.00, nella sede dell’associazione Articolo 1 di via Raffaello, in un confronto pubblico organizzato dal circolo dei lettori di Siracusa, dal quartiere Acradina e da Articolo 1, durante il quale si discuterà del ruolo dei videogiochi nella società postmoderna, della funzione di social forum come Facebook, delle nuove dimensioni dell’informazione elettronica che passano attraverso la rappresentazione artistica e letteraria, la riflessione filosofica, la produzione e il consumo di concetti e di forme di rappresentazione simbolica e di espressione ludica. L’incontro sarà moderato da Salvatore Russo, mentre Paolo Bruno, presidente della circoscrizione Acradina darà il suo saluto.

Così ha dichiarato il semiologo Salvo Sequenzia: «Il lavoro del professore Frazzetto costituisce un punto di riferimento per chi voglia affrontare, da una prospettiva epistemologica ed euristica scardinata dalla retorica del postmodern, la funzione rivestita dall’universo dei videogiochi, dei social forum, dei database e di Wikipedia nella società di oggi. Sono questi – insieme ai personaggi dei film, del fumetto e dei videogiochi – i nuovi ‘miti’ che hanno sostituito le espressioni della mitologia tradizionale legata alla cultura classica e moderna e che assumono oggi la funzione di ‘reincantare’ il mondo, all’interno di una dimensione dell’esistenza liquida, plastica e appiattita su una presentificazione indistinta determina dalla connessione perpetua dell’individuo al flusso di informazioni proveniente dal web. L’arte, la letteratura, la filosofia, la psicanalisi e le scienze sociali devono orientare i propri statuti epistemologici e la loro riflessione sull’orizzonte di questa nuova dimensione del vivere, del relazionarsi , del produrre e consumare cultura, che condiziona ormai i comportamenti e le esistenze di milioni di persone, gli stili di vita, le mode e le espressioni del vissuto individuale e collettivo dell’umanità».

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/05/2016 alle  17:02:34, nella sezione LIBRI,  469 letture)

Sabato 4 giugno alle 18,30 presso la Sala Conferenze "Agostino Arena" del Distaccamento Aeronautico di Siracusa, sito in via Elorina 25, sarà presentato il libro "Riflettori su Marcolle" di Antonio Interlandi, edito da Giambra. L'evento è patrocinato dall'Associazione Arma Aeronautica e dalla Consulta Civica di Siracusa e verrà presentato dalla giornalista Mascia Quadarella. Il romanzo ha la struttura del giallo con i suoi omicidi irrisolti, indagati da uno strano detective, un impiegato comunale del settore infortunistica. La creazione di questo detective comunale consente allo scrittore di approfondire problematiche sociali: omofobia, smaltimento dei rifiuti tossici, inquinamento e morti di cancro. Interlandi tratteggia una linea di demarcazione fra i morti ammazzati che fanno notizia, e i morti d’ogni giorno, quelli per cancro, spesso misconosciuti. Il paese è al centro della vicenda ed è un luogo del cuore nell'immaginario collettivo, non solo in quello dello scrittore, un posto dov’è possibile ritrovare un pezzo del vissuto di tutti noi, perché abbraccia il modo di pensare della provincia siciliana. Tre gli omicidi senza alcun nesso logico fra loro, se non la scomparsa di un oggetto appartenuto alle tre vittime: un sigillo di Stato, una tegola, un bambolotto di gomma. I protagonisti della storia sono un ingegnere milanese trapiantato in Sicilia che, emulando il suo personaggio televisivo preferito, il detective Martin il Freddo, conduce un’indagine parallela a quella delle autorità competenti, tra disavventure e colpi di scena; un clochard, dall’ambiguo passato, ritornato in paese dopo una lunga degenza in un ospedale psichiatrico, che vende parole in rima; una diga che, violentando la natura del sito, diviene nell’immaginario paesano presagio di calamità. Così Antonio Interlandi scrive una crime story che, al di là delle apparenze e delle verità illusorie, rivela il volto grottesco della vita. Marcolle è l'immaginario paese della Sicilia orientale, già descritto nel precedente romanzo di Interlandi "Benvenuti a Marcolle", descritto come luogo di segreti, di situazioni imprevedibili, di personaggi sfuggenti, un luogo dove nessuno è quello che sembra. Il tema dell’omosessualità viene affrontato come tabù della comunità che si trincea dietro la presunta conoscenza di ogni suo membro e rifiuta il diverso. Alcune pagine e alcuni personaggi richiamano alla memoria atmosfere Pirandelliane come d'altra parte è evidente un tributo a Camilleri, nel personaggio di Santino Bufardeci, che col suo fraseggio senza costrutto riecheggia l’eloquio incomprensibile dell’agente Catarella. Ancora, sono presenti i temi dell'erotismo e del paranormale: femmine che alimentano desideri inconfessabili, sedute spiritiche, messaggi dell’aldilà veicolati attraverso il sogno. L’attenzione alle questioni sociali emerge nel corso della vicenda con accenni alla connivenza fra potere politico e criminalità organizzata, allo smaltimento dei rifiuti tossici e ai morti per cancro, trasformando il romanzo in un giallo sociale, che denuncia la corruzione e il degrado morale di un paese.

Scrive Anna Di Carlo nella prefazione: "L’indagine diviene dunque una lente d’ingrandimento sul mondo e ci mostra in una prospettiva straniante una realtà che ci appartiene, ma non siamo capaci di valutare con obiettività, perché, come afferma David Foster Wallace, “i pesci non sanno cosa diavolo sia l’acqua”. E nella volontà di non essere complice, incarnata in Vittorio, l’antieroe protagonista di "Riflettori su Marcolle", è la portata rivoluzionaria del messaggio che Antonio Interlandi sembra suggerire, con quella pacatezza di linguaggio e di stile propria di un’etica antiretorica che va semplicemente vissuta piuttosto che esibita".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 23/05/2016 alle  22:17:29, nella sezione LIBRI,  404 letture)

Prevista per giovedì 26 Maggio 2016 alle ore 17.30, presso la Biblioteca dell'Istituto Filafelfo Insolera Siracusa, la presentazione del nuovo libro di Catena Fiorello, "L'amore a due passi". La presentazione è promossa dall'"associazione culturale Per la città che vorrei", e l'incontro con l'autrice sarà moderato dal presidente Sergio Pillitteri, accompagnato da Floriana Greco, che leggerà dei passaggi, con sottofondo musicale del maestro Giuseppe Pitarresi. Saranno presenti i giovani studenti che hanno preso parte al Salone del libro di quest'anno. Omaggerà alcune riflessioni la professoressa Rosa Peluso.

Il nuovo romanzo di Catena Fiorello è edito da Giunti e s'incentra su una passiona amorosa che esplode nella magica cornice del Salento. Un romanzo divertente e commovente che, al ritmo della pizzica, narra le suggestioni degli ulivi e delle masserie salentine, la luce e la generosità del più profondo Sud, ma soprattutto il potere salvifico di un sentimento capace di sovvertire ogni legge, a ogni età e in qualunque situazione. 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 20/05/2016 alle  15:38:51, nella sezione CRONACA,  381 letture)

reimannSabato 21 maggio dalle ore 8.30 alle 12.30 sarà effettuato l'intervento di pulizia straordinaria del Parco di Villa Reimann. L'iniziativa è di Save Villa Reimann, finalizzata a migliorare l'aspetto, la sicurezza e la fruizione del giardino di Villa Reimann, ed ha avuto l'adesione della Consulta Giovanile Comunale e della Consulta Civica. Diverse le Associazioni partecipanti: Ambiente e Salute Onlus, Anas Provinciale, A.N.G.O.L.O., Astrea in memoria di Stefano Biondo, Bacchetta Magica, Centro Sportivo Italiano, Husky 1943, Italia Nostra, Legambiente Melilli, Parrocchia di Bosco Minniti, Rifiuti Zero e la San Vincenzo. Fornirà assistenza e collaborazione l'azienda Manutencoop che si è aggiudicata la manutenzione del verde di Villa Reimann. L'idea di questa collaborazione fra tanti soggetti scaturisce dalla volontà di creare una forza di volontari siracusani, che possa mobilitarsi nel corso dell'anno per rimuovere problematiche che sono difficilmente gestibili dall'Ente proprietario e che creano danni di immagine notevoli a coloro che frequentano il Parco di Villa Reimann, uno dei luoghi più belli e più intriganti di Siracusa. Save Villa Reimann esprime soddisfazione per il positivo riscontro dell'appello lanciato che dimostra la volontà di molti a voler contribuire a ridare dignità ad un luogo che troppi hanno destinato e destinano, con il loro disinteresse, al degrado. Dopo due anni Save Villa Reimann deve dare atto al Servizio del Verde cittadino di avere, con un lavoro continuo e metodico, anche se con qualche comprensibile sbavatura, curato il Parco di Villa Reimann. L'iniziativa di sabato vuole dimostrare l’apprezzamento per l’attività portata avanti dall'Assessore Teresa Gasbarro completando la raccolta della spazzatura stratificata e soprattutto la pulizia delle tombe della necropoli invase da materiali impropri e da residui edilizi abbandonati, operazioni che rientrano in un ambito dove le responsabilità sono di tanti Uffici Comunali che si rimpallano le competenze e mantengono un degrado che non fa onore né alla Città e nè agli impegni assunti con l'accettazione della Donazione Reimann.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 19/05/2016 alle  18:34:51, nella sezione CRONACA,  393 letture)

marco pannellaCosì Marco Pannella, leader storico del Partito Radicale, ci ha lasciati. E' morto in una clinica di Roma dove era stato ricoverato per l'aggravarsi delle sue condizioni di salute già minate da un brutto male. Aveva da poco compiuto 86 anni. Pannella, che ebbi modo di conoscere e apprezzare a Roma negli anni 90 (vedi foto) durante l'avventura di Alleanza Democratica, fino all'ultimo con grande energia aveva portato avanti le sue disobbedienze civili, soprattutto la battaglia per la legalizzazione delle sostanze stupefacenti leggere, dopo essere stato protagonista a suo tempo di quelle per il divorzio e per l'aborto. E' stato il leader radicale, assieme a Emma Bonino, che ha segnato la storia politica con le sue prese di posizione spesso controverse ma sempre coraggiose e leali, pagando di persona e sottoponendosi a prove estreme come gli scioperi della fame e della sete in nome dell'affermazione di diritti civili e libertari. Recente la sua ferma battaglia per i diritti dei detenuti e per una giustizia più umana. Perfino la Santa Sede ha manifestato cordoglio e, per bocca del portavoce padre Federico Lombardi, ha ricordato come Pannella "sia stato una persona con cui ci siamo trovati spesso in passato su posizioni discordanti, ma di cui non si poteva non apprezzare l'impegno totale e disinteressato per nobili cause".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 18/05/2016 alle  17:20:03, nella sezione CRONACA,  366 letture)

fotoProsegue la battaglia per rendere intoccabile il servizio Asacom, l’assistenza all’autonomia e alla comunicazione per gli studenti diversamente abili, nelle scuole siracusane, indipendentemente dalla disponibilità finanziaria momentanea delle casse dell’ente erogante, come finora è stato. Recepita la segnalazione di violazione di diversi articoli della Convenzione delle persone con disabilità, la Corte Europea dei Diritti Umani ha rilasciato, infatti, alla Consulta Civica di Siracusa un codice meccanografico, attraverso il quale procedere all’effettivo ricorso legale, il cui primo step è stato avviato con la raccolta firme portata avanti con diverse organizzazioni e associazioni siracusane, quando prima della scorsa Pasqua l’arbitraria sospensione del servizio creò disagio morale e organizzativo all’interno di circa 150 famiglie siracusane. Allora, per qualche settimana, agli studenti disabili frequentanti gli istituti superiori siracusani venne meno il supporto in classe degli operatori, a causa del mancato stanziamento da parte della Regione delle risorse finanziarie necessarie al proseguimento del servizio. Questa mattina, il presidente della Consulta civica, Damiano De Simone, insieme a Enzo Rindinella, presidente di Confcooperative Siracusa; Giuseppe Giardina, presidente di Anffas Sicilia; Franco Spinoso, presidente dell’ Agci e con l’adesione anche del Siulp, il sindacato italiano unitario lavoratori della polizia, rappresentato dal segretario provinciale Tommaso Bellavia, hanno convocato un tavolo per concordare i passi successivi da compiere per ottenere giustizia. Nel corso dell’incontro, è stato deciso all’unanimità dei partecipanti l’affidamento della procedura a degli esperti legali al fine di contestare alle istituzioni coinvolte eventuali responsabilità. Secondo l’iter comunitario, comunque, bisognerà prima agire attraverso gli organi della giustizia italiana e soltanto in seguito, consumati tutti i passaggi, potrà intervenire la Corte europea. A conclusione della riunione di stamattina, poiché si vuole mantenere viva l’attenzione dell’opinione pubblica sui problemi del mondo della disabilità e delle fasce deboli della società, gli intervenuti hanno altresì deciso di costituire un osservatorio permanente per il settore, in modo d’affrontare in tempo e non a urgenza inoltrata le criticità che possono presentarsi. “Ritengo doveroso da parte della società civile - ha detto Damiano De Simone, presidente della Consulta civica - l’impegno di tutelare i diritti inviolabili dell’uomo, così come utile può risultare la supervisione dell’andamento della gestione dei servizi destinati alle fasce sociali più esposte al rischio di trascuratezza da parte dell’amministrazione pubblica. Ebbene, a riflettori spenti, noi continueremo a far luce su un sistema che presenta troppi lati poco chiari e prassi burocratiche che sovrastano la dignità di chi attende, spesso invano, sostegno”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 18/05/2016 alle  16:25:38, nella sezione ARTE,  463 letture)

Nell'ambito di "Mestieri d'Arte", la manifestazione organizzata dalla Vincent Van Gogh Academy di Siracusa, il prossimo 20, 21 e 22 maggio all'interno dell'Antico Mercato di Ortigia, in via Trento, presenterà una sua personale di pittura Lino Baio, artista siracusano emergente. Le sue "Identità nascoste" saranno presentate dal critico d'arte Raimondo Raimondi, che ha scritto di lui: “Lino Baio nei suoi strani quadri si affida a un pennellata graffiante e ad una coloristica amalgamata e giocata su poche gradazioni, dando a volte addirittura il senso di una monocromìa, ma è sempre originalissimo nell’immaginario e nella sintesi del disegno, fino ai limiti di un espressionismo onirico e visionario. Autore di una figurazione rigorosa e inquietante, ha elaborato un discorso aspro, sospeso tra l’ambiguità, il mistero e lo straniamento, una strana, ardita mescolanza pervasa di tensione e di angoscia esistenziale. Esiste forse una correlazione tra queste ambientazioni solitarie e angoscianti e gli stati d’animo dei suoi personaggi: geometrie che sono interni della mente, spazi angusti un po’ come prigioni, vuoti e privi di allettanti decori, personaggi che paiono non essere in grado di comprendere il mondo che li circonda, un mondo ostile, una società spietata e improbabile, velata da un drappo pesante che ne nasconde gli orrori e che l’artista cerca di strappare con mani adunche, nel tentativo di mettere a nudo veleni e ipocrisie. Ogni quadro è una piccola opera teatrale, un dramma umano, ma pervaso spesso di un certo senso di humour, un dark sense of humour, come antidoto indispensabile per sopravvivere”. Inaugurazione venerdì 20 maggio alle 20,30; domenica 22 tra le varie esibizioni offerte da "Mestieri d'Arte" ci sarà la suggestiva "Meditation Music" del grande musicista siracusano Paolo Greco, conosciuto a livello internazionale. Gli orari della mostra sono i seguenti: venerdì ore 20,30 - 22,00, sabato e domenica ore 16,30 - 22,00.

locandina

 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 17/05/2016 alle  18:50:42, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  414 letture)

tiziana biondiMartedì mattina 17 maggio nel piazzale dinanzi al Tempio di Apollo in Ortigia si è svolto un incontro sul tema "Stop omofobia" organizzato dal circolo Gltb "Stonewall" di Siracusa. Dice Tiziana Biondi (nella foto), responsabile dell'associazione: "E' evidente, che nel 2016 c’è ancora bisogno di tanto lavoro per cambiare culturalmente un paese etero normativo che considera gay, lesbiche, bisessuali e transessuali "identità non previste". Gay, lesbiche, bisex, transessuali “visibili” e impegnati nella lotta per “la visibilità” e i diritti di tutti, sono orgogliosi di se stessi, delle loro famiglie e dei loro amori, ma possono fare di più con l’aiuto di tutte e tutti coloro che a prescindere dal proprio orientamento affettivo, la propria identità di genere, il proprio credo, vogliono impegnarsi per costruire una società che possa essere definita veramente “civile”, dove tutte e tutti possano essere semplicemente se stessi e possano godere degli stessi diritti oltre che degli stessi doveri. Ed è con questo spirito che l’associazione ha lanciato la nuova "Campagna fotografica 2016" per dire #STOPOMOFOBIA, senza “se” e senza “ma”, oggi, domani, sempre". L'associazione Stonewall inoltre ha presentato domenica 15 maggio la campagna "Semi di speranza contro l'omofobia" organizzata in collaborazione con la chiesa cattolica di Bosco Minniti e la chiesa Evangelica Battista di Siracusa.

Intanto si apprende che sarà la senatrice Monica Cirinnà, promotrice del disegno di legge sulle unioni civili approvato definitivamente dal Parlamento, la madrina del Siracusa Pride che si terrà in città dal 14 al 16 luglio prossimo.
Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 15/05/2016 alle  21:37:17, nella sezione EVENTI,  819 letture)

 

noto infiorata 2016
raimondo raimondi e paolo greco
Il 13,14 e 15 maggio di ogni anno Noto è in festa, invasa da migliaia di visitatori per l'evento più atteso e ormai conosciuto in tutto il mondo: la cosiddetta "infiorata". Accade quindi, una volta l'anno, che il cuore della citta di Noto diventi un'officina creativa sui generis di gente all'opera e il "giardino di pietra" si veste a festa con i profumi e i colori dei petali. L'Infiorata è l'evento che rende omaggio alla bellezza dei fiori, l' arte creativa espressa per mezzo della natura. Il tema di quest'anno, sul quale si sono espressi questi artisti componendo coi petali variopinte creazioni, è stato " il Mondo". Tante le manifestazioni collaterali: mostre d'arte, concerti, la bellissima esposizione con oltre cento opere di Andy Warhol, e tanti mercatini dell'artigianato che non non potevano mancare in questo contesto con l'esposizione delle opere del proprio ingegno. Tra questi l'Associazione Culturale Artigianando di Siracusa che, in collaborazione con il musicista Paolo Greco, a fianco degli stand delle associate ha voluto promuovere tre giornate ricche di arte, cultura e musica, coinvolgendo Slow Food Siracusa, il presidio della mandorla di Noto e la casa editrice Morrone di Siracusa. Pezzo forte dei tre giorni la performance "percussion live" di Paolo Greco che ha creato una vera e propria estemporanea di musica e pittura, con l'intervento della pittrice di Marzamemi Valentina Sammito, che ha dipinto dal vivo, e del critico d'arte siracusano Raimondo Raimondi. Sono anche intervenuti, domenica 15 maggio, i poeti del collettivo Poetaretusei432 con un reading ospitato in via Ducezio a due passi dalla chiesa della Madonna del Carmine. 
Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 15/05/2016 alle  20:46:56, nella sezione ARTE,  383 letture)

compagninoLa Galleria Verticalista di Catania, sita in Via S.M. Mazzarello 12, inaugura la mostra “Il Verticalismo di Giovanni Compagnino" che avrà luogo dal 16 al 31 maggio 2016. Salvatore Commercio lo presenta egregiamente in uno scritto: "Il nostro è un artista dalle tante sfaccettature. Di qui la necessità di “sfogliarlo” tenendo conto di tutte le variabili polidirezionali sintetizzate ed espresse. In questo universo sui generis lo vediamo spiegarsi talora nei flussi dello spatium demoltiplicato e disseminato, proprio dell’estetica verticalista, rivolto a rimuovere segni occulti o invisibili di processi sociali che ci permeano e persino travolgono (per dirla con Klee “l’arte degna di questo nome non rende il visibile: ma dissuggella gli occhi sull’invisibile”), talaltra imprime, tessera dopo tessera, dissonanze e assonanze di colore-luce attraverso micro torsioni sintagmatici che aprono a una significazione che vede la rete della natura gridare un malessere quasi giunto al “punto estremo di non ritorno". In mostra tante opere che dimostrano la capacità di Compagnino di attingere a diversi mezzi espressivi, determinando un processo pittorico che si avvale dei collages, con l'inserimento di oggetti di uso comune commisti a immagini di riviste e disegni. Nella lunga produzione dell'artista sono ravvisabili diverse fasi creative: dalla pittura ecologica degli anni 1965-1975 al periodo barocco in cui riflette sul tema del potere (anni 1978 -1981); dalle immagini trasgressive di Eroticando (1990-1994) ed Erotica69 (2000-2004) all'adesione al Verticalismo (1976-1985); dall'intenso "Periodo nero" (1998-2003) all'attuale problematica artistica (2004-2011), che vede l'artista, pur colpito da ictus e costretto nella sedia a rotelle, pervicacemente capace di esprimere, con la rabbia di chi è stato percosso da un destino avverso ed una ammirevole autoironia, la sua profonda voglia di vivere e di comunicare.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 14/05/2016 alle  21:07:12, nella sezione ARTE,  655 letture)

flamingoVernissage d'alto bordo per la mostra "Live Art" che ha avuto luogo a Taormina venerdì sera 13 maggio nei bellissimi locali del Flamingo e nel suo splendido giardino all'aperto proprio nel centro storico della "perla dello Ionio", a pochi passi dal corso Umberto. L'evento è stato voluto e organizzato dall'associazione Artenostop che fa capo al pittore Giuseppe Apa, non nuovo a manifestazioni di questo genere, il quale ha saputo coinvolgere oltre trenta artisti, tra cui i siracusani Angelo Moncada e Lino Baio. Media partner dell'evento la testata giornalistica Dioramaon line, il cui direttore, il giornalista e critico d'arte Raimondo Raimondi, ha presentato la mostra avvalendosi della collaborazione della brava designer Dora D'Andrea. Madrina del vernissage la modella Elisa Gioia Stanchi, presente la bellissima Laura Privitelli che si è prestata ad alcuni scatti dei tanti fotografi presenti. Un evento artistico e culturale ma soprattutto mondano, vista la location e la presenza di tante bellissime donne, oltre ai tanti artisti e visitatori che sono intervenuti ad applaudire gli espositori e a godere della meravigliosa atmosfera. La mostra resterà aperta fino al 20 maggio, concludendosi con la premiazione e con una performance di "meditation sound" del famoso percussionista siracusano Paolo Greco.

sd

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 11/05/2016 alle  23:52:35, nella sezione LIBRI,  326 letture)

BUKOWSKI IANNOZZI“Bukowski racconta!” (Il Foglio, p. 184): un libro che è un oggetto misterioso. Bukowski o non Bukowski, questo è il dilemma! Troppo ben scritto e imitato per non essere Bukowski, ma al tempo stesso troppo incerto come attribuzione e privo di sicure fonti per assegnarlo al grande autore nordamericano di origini tedesche. In fin dei conti, però, anche se fossero soltanto apocrifi, racconti e poesie di scuola bukowskiana, sarebbe pur sempre un gioiello di libro che raccoglie brevi storie, interviste, appunti e liriche del tutto inedite in Italia. Se siamo di fronte a imitatori statunitensi sono ottimi imitatori, ché lo stile è quello del Maestro, con tutto il suo erotismo, le storie di cavalli, le sbornie a base di vino a poco prezzo e il disprezzo per il mondo letterario contemporaneo. “La figa la posso riempire, la politica e Dio no”, afferma il misterioso autore mentre - tra una sbronza e l’altra - incontra cuginette in calore dal sesso depilato che gli fanno passare la voglia di scrivere e di giocare ai cavalli. Un libro che è intriso di tutto l’irridente anticonformismo di Bukowski, scorre come acqua fresca tra bicchieri di pessimo vino e sperma, racconti porno e poesie stridenti, amore anale e scrittori da gettare, editori che non pagano e vecchi maniaci sessuali. Non mancano filippiche contro i critici letterari e gli scrittori inutili, così come l’autore non poteva esimersi dal raccogliere giudizi autorevoli sull’opera di Bukowski. Un libro imperdibile per gli amanti del vecchio Buk, che in questi apocrifi adotta il consueto nomignolo di Hank Chinaski. Visto di chi parliamo, scrivere nom de plume sarebbe fuori luogo… lui non l’avrebbe fatto! Giuseppe Iannozzi (1972) è il curatore traduttore di questo volume molto interessante, destinato a far discutere, autore tra l’altro di Angeli caduti, La lebbra, L’ultimo segreto di Nietsche, La cattiva strada e Fiore di passione.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 09/05/2016 alle  16:39:18, nella sezione EVENTI,  625 letture)

noto 2016Il 13, 14 e 15 maggio Noto ospita la tradizionale "Infiorata", evento artistico di primaria importanza nell'offerta turistica del territorio siracusano. Accade quindi, una volta l’anno, che il cuore della citta di Noto diventi un recinto vivo di gente all'operan e il giardino di pietra si veste a festa con i profumi e i colori dei fiori. Infatti l'Infiorata è l'evento che rende omaggio alla bellezza dei fiori, l'arte espressa per mezzo della natura, quadri composti da petali su un tema che quest’anno è "il Mondo". Durante la tre giorni, in collaborazione con l'artista Paolo Greco, l'Associazione Culturale Artigianando presenterà un programma ricco di arte, cultura e musica. Eccolo qui di seguito:

Venerdi 13 Maggio

H 17.00 Apertura mercatino handmade

H 18.30 Slow Food Siracusa: presentazione del presidio della mandorla di Noto

H 19.30 Lacasa editrice Morrone presenterà il romanzo "La donna dello sbarcadero"

H 21.00 Performance "percussion live" del musicista Paolo Greco

Sabato 14 Maggio

H 9.00 Apertura mercatino handemade

H 18.30 Presentazione del romanzo "La valigia di cartone" a cura della casa editrice Morrone

H 19.30 Presentazione del libro "L'amore nei canti popolari"

H 21.00 Estemporanea di musica e pittura a cura di Paolo Greco e Valentina Sammito, presente il critico d'arte Raimondo Raimondi

Domenica 15 Maggio

H 9.00 Apertura mercatino handemade

H 16,00 Intervento del critico d'Arte Raimondo Raimondi

H 16.10 Performance dei Poetaretusei432

H 18.30 Presentazione del romanzo "Legittima difesa" a cura della casa editrice Morrone

H 20.00 "Music on the Move" a cura di Paolo Greco

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 09/05/2016 alle  14:46:29, nella sezione ARTE,  426 letture)

andy warholIn mostra fino al 28 agosto 2016 all'ex Convitto Ragusa di Noto oltre 100 opere di Andy Warhol. L'evento è stato curato da Giuseppe Stagnitta e realizzato da Fenice Company Ideas e Associazione Culturale Studio Soligo in collaborazione con il Comune di Noto. Un'occasione unica per far conoscere al pubblico della provincia siracusana la forza comunicativa della personalità più eclettica dell'arte del '900. Le opere esposte provengono dalla Collezione Rosini-Gutman. In mostra 20 disegni degli anni '50 e le opere della serie Campbell's Soup e Brillo, quelle della serie Marilyn Monroe e Ingrid Bergman, di Man Ray e John Gotti, di Liz Taylor fino al famosissimo pezzo unico che ritrae il presidente cinese Mao. Esposta anche la rara opera su tela raffigurante Liza Minnelli e l'Assassinio a Dallas, nonché altre opere rappresentative della sua produzione, come Flowers, Cow e Fish. In mostra anche le famose foto stampate sui rulli di carta kodak dal titolo Tacchi a Spillo e molti altri prestigiosi pezzi unici del celebre artista. La mostra propone anche manifesti dei suoi film, copertine di dischi tra cui quelle dei Rolling Stones, dei Velvet Underground, di Graces Jones, e alcuni abiti da lui disegnati. Andy Warhol, nato a Pittsburgh il 6 agosto 1928 e morto a New York il 22 febbraio 1987, è stato pittore, scultore, regista, produttore cinematografico, fotografo, attore, sceneggiatore e montatore, un eclettico e monumentale rappresentante del movimento della Pop Art americana e uno tra gli artisti più importanti del XX secolo che ha permeato di se la storia dell'arte contemporanea.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 08/05/2016 alle  10:35:51, nella sezione EVENTI,  425 letture)

elisirFervono i preparativi della prossima produzione lirica firmata Yap sotto la direzione artistica del tenore Marcello Giordani, che andrà in scena il 29 Maggio al Teatro Città della Notte. Tra le anticipazioni c'è un nome di prestigio, quello del regista, Enrico Stinchelli (tenore, autore e conduttore del programma radiofonico “la Barcaccia” su Rai 3). ”Continua la mia impresa di portare la lirica ad Augusta, abbiamo iniziato un anno fa con Cavalleria Rusticana, poi il Barbiere di Siviglia e ora l'Elisir d'Amore - commenta Giordani e poi aggiunge: - La scelta è caduta su un'opera amata, briosa, frizzante e magica. Si può fare cultura anche con un sorriso sulle labbra, questa è la mission: offrire al pubblico un'evasione fantastica”. Tutto tace sugli attori, di certo saranno bravi e giovani come è sempre in ogni produzione Yap. I cantanti infatti saranno selezionati al termine di una Masterclass a quattro mani tra Giordani e Stinchelli che avrà luogo dal 20 al 25 maggio. L'orchestra di 50 elementi sarà diretta dal M° Michele Netti e il coro dal M° Rosy Messina. Le scenografie, ideate da Tiziana Armellini (coadiuvata da Paola Longo) saranno realizzate da due detenuti della Casa di Reclusione di Augusta. La volontà di rendere accessibile a tutti la lirica trova una sua giustificazione anche nel popolare costo dei biglietti. Questi alcuni degli ingredienti di una produzione che si configura memorabile.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 07/05/2016 alle  14:46:56, nella sezione CRONACA,  352 letture)

porto di augustaL’Avvisatore Marittimo Augusta srl e la E.N.W. ltd, rispettivamente in qualità di gestori e sviluppatori della piattaforma telematica POANET comunicano quanto segue: "La piattaforma telematica portuale POANET da diversi anni (Giugno 2012) è il sistema utilizzato (h24) per il disbrigo delle formalità burocratiche in ambito portuale nonché per l’interscambio di informazioni e documentazioni tra Autorità Marittima, Stabilimenti Petrolchimici, Servizi Tecnico Nautici, Agenzie Marittime Raccomandatarie, etc. L’Avvvisatore Marittimo Augusta informa che si è continuato ad implementare ed investire nella piattaforma telematica POANET, nonostante la assoluta mancanza di risposte, da parte della Autorità Portuale di Augusta, alle diverse istanze presentate da oltre 150 giorni sul rinnovo della autorizzazione con cui ha riconosciuto e ufficializzato sino al 31/12/2015 il sistema POANET, quale applicativo informatico a disposizione delle utenze portuali. Il sistema POANET ha infatti allo studio nuovi applicativi, il più importante dei quali la realizzazione gestionale di un modello di single window. Uno sportello unico telematico che potrà consentire di interfacciare oltre l’Autorità Marittima e l’Autorità Portuale anche l’Agenzia delle Dogane, la Polizia di Frontiera e l’Ufficio di Sanità Marittima come peraltro richiesto dalle disposizioni Comunitarie e Nazionali. Il particolare momento che sta vivendo il porto di Augusta a causa dei noti fatti di cronaca non è certamente di aiuto ma, come sempre, si confida nel buon senso e nella disponibilità delle Istituzioni nell’interesse della competitività e modernizzazione dello scalo e delle concrete possibilità di occupazione che esso potrebbe rappresentare. Il Direttore Marittimo CA (CP) Nunzio Martello ed il Comandante del porto di Augusta CV (CP) Antonio Donato, unitamente al suo Stato Maggiore, pur tra le tante incombenze di security richieste dalla contingente situazione internazionale oltre che alle fisiologiche problematiche che, in uno scalo complesso come Augusta, si appalesano quotidianamente e non da ultimo i continui sbarchi di clandestini, sono attivamente impegnati sul fronte dello snellimento della prassi amministrativa di cui il sistema Poanet è parte essenziale".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 07/05/2016 alle  14:46:30, nella sezione CRONACA,  436 letture)

marinaSabato mattina è stata inaugurata la nuova banchina del Foro Italico alla presenza del sindaco, Giancarlo Garozzo, che ha tagliato il nastro tricolore riconsegnando ai siracusani la Marina, dopo i lunghi lavori di riqualificazione che dovrebbero consentire di accogliere imbarcazioni sempre che non superino il pescaggio di 5 metri. PresentI il sottosegretario Davide Faraone, in rappresentanza del governo nazionale, gli assessori regionali Bruno Marziano e Maurizio Croce, il senatore Bruno Alicata, il deputato regionale Vincenzo Vinciullo e varie autorità istituzionali e militari tra cui il comandante della Capitaneria di porto, Domenico La Tella. La banchina del Foro Italico è solo una parte del progetto di riqualificazione del Porto Grande che riguarda anche il molo Sant'Antonio, dove attraccheranno le navi da crociera più grosse. Sul mare, durante l'inaugurazione, si è svolta una regata velica organizzata dai circoli nautici siracusani. Per la costruzione delle banchine sono stati adoperati 93 cassoni in cemento armato, le banchine sono state pavimentate con pietra calcarea di Modica e pietra lavica di Vizzini, sono stati dragati i fondali portandoli alla profondità di 5 metri e lungo la banchina sono state installate 21 bitte e 13 colonnine di erogazione servizi per un totale di 23 punti luce e acqua. Il costo dell'opera ammonta a circa 25.000.000 di euro, suddivisi tra le opere alla Marina e quelle del molo Sant'Antonio.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 06/05/2016 alle  15:18:09, nella sezione ARTE,  540 letture)

coppa1Giovedì 5 maggio vernissage con taglio del nastro a Floridia della Mostra Collettiva a tema mitologico "La Coppa degli Dei". Madrina dell'evento la splendida Valentina Fiasco, alla presenza dell'emittente Modella TV con le sue telecamere, i fotografi e le modelle Jenny Diara, Veronica Argentino, Valentina Fiasco, Fabiana Monaco, Virginia Quadarella, Laura Privitelli e Jesiana Selimay che hanno realizzato uno speciale televisivo per le vie di Floridia con macchine d'epoca ed uno ShootingArt tematico in costume. Colonna sonora dell'evento la Meditation Music del bravissimo Paolo Greco. Ha presentato la mostra il critico d'arte Raimondo Raimondi, con un intervento della Dott.ssa Dora D'Andrea ed un saluto portato dal sindaco Orazio Scalorino. Numerosi gli ospiti d'onore, tra cui Laura Alessi, presidente dell'Associazione A.M.P. Fiori D'Amore, Giuseppe Apa, Presidente dell'Associazione Artenostop, Vito Guardo, Maestro Scultore e i maestri d'arte Angelo Moncada e Salvo Rizzo. L'evento è stato organizzato dalla pittrice Marinella Raniolo, presidente dell'Associazione "Trinacria Arte", nelle sale espositive del Palazzo Raeli, con la partecipazione di oltre 50 artisti espositori.

Ha detto Raimondo Raimondi nel suo discorso di presentazione: "Il miracolo della creazione rivive in queste opere d'arte, l'artista, questo novello demiurgo, plasma la materia, stende il colore e nelle sue opere appaiono come d'incanto paesaggi, volti, personaggi e stati d'animo visualizzati. Sono tanti gli artisti presenti a questa rassegna ma tutti validi e in grado di competere con le loro opere con la bellezza femminile, con la splendida bellezza in fiore di queste meravigliose ragazze, le modelle che Corrado Accillaro ci ha portato stasera e che si fondono con le opere d'arte, emblema del bello assoluto che solo la donna e l'arte possono degnamente rappresentare in questo mondo."

 

LE FOTO

coppa2

coppa3

 

 

 

 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2

 1142 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (222)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (59)
COSTUME E ATTUALITA' (111)
CRONACA (720)
CULTURA (195)
EDITORIALI (26)
EVENTI (266)
LIBRI (179)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017

Gli interventi più cliccati

< settembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             


Titolo

 



Titolo
foto (1)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


21/09/2017 @ 01:38:17
script eseguito in 216 ms