\\ Home page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 30/10/2015 alle  20:10:04, nella sezione CULTURA,  479 letture)

BRANCATIAd Antonia Brancati, figlia dell’illustre cittadino pachinese Vitaliano, verrà conferita la cittadinanza onoraria. La cerimonia di conferimento si svolgerà martedì 3 novembre, alle 18,30 nella struttura dell’ex Palmento Di Rudinì a Marzamemi, nell’ambito di un consiglio comunale in seduta aperta. «Abbiamo fortemente voluto – ha dichiarato il sindaco Roberto Bruno – che la prima cittadinanza onoraria della storia di Pachino fosse conferita alla figlia del nostro cittadino più illustre, Vitaliano Brancati, ritenendo di interpretare i sentimenti di riconoscenza della cittadinanza nei confronti dello scrittore. Ma anche per rafforzare sempre più il legame tra Brancati e la propria città natale». Il conferimento della cittadinanza onoraria ad Antonia Brancati avverrà ai sensi dell’Articolo 2 lettera d del regolamento comunale, il quale prevede il conferimento della onorificenza “Per esemplare affezione ed interessamento verso la città e comunità di Pachino, unanimemente riconosciuti e testimoniati da opere ed iniziative finalizzate a promuovere la conoscenza e la valorizzazione della realtà socio – economica, storico-artistica e umana di Pachino”. Il 3 novembre i festeggiamenti inizieranno alle 16,30 in piazza Vittorio Emanuele, in cui è prevista la “Camminata Brancatiana”, un itinerario lungo i luoghi di vita e di ispirazione di Vitaliano Brancati. La tappa successiva sarà nei locali della Pinacoteca comunale di via Unità, in cui è stata allestita la mostra fotografica dedicata alla vita dello scrittore. Alle 18,30, al Palmento Di Rudinì, si svolgerà la cerimonia ufficiale di conferimento. «Una scelta importante – ha dichiarato l’assessore alla Cultura, Gisella Calì – che servirà a sanare definitivamente quella frattura tra Vitaliano Brancati e il suo ricordo nella memoria collettiva dei pachinesi. La cittadinanza ad Antonia, assieme alle altre iniziative organizzate per ricordare lo scrittore e le sue opere, come il Festival Brancatiano, servirà anche a suscitare nei più giovani l’interesse a conoscere meglio l’autore e l’importanza, dal punto di vista culturale e sociale, che hanno avuto i suoi scritti nel ‘900 italiano». Il presidente del consiglio comunale, Turi Borgh ha detto che «Pachino ha bisogno di tanto, ma ha bisogno anche di simboli positivi e di figure che la rappresentano. Brancati, nell'immaginario del paese, è sempre stato lontano. Con questa cerimonia lo riportiamo un po’ a casa, ravvivando un senso di appartenenza e di spirito collettivo». nella foto Antonia Brancati (la prima a sinistra) assieme al sindaco Roberto Bruno (al centro)

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/10/2015 alle  19:56:10, nella sezione CULTURA,  468 letture)

LOCANDINA EVENTO STILE LIBERONella sede dell’ Arci di piazza Santa Lucia n. 20, domenica prossima a partire dalle ore 19 si ricorderà Pier Paolo Pasolini a quarant’anni dalla tragica fine, avvenuta nella notte tra l’1 e il 2 novembre del 1975 all’Idroscalo di Ostia. A parlare della sua figura di poeta, scrittore, regista e polemista saranno il professore Francesco Ortisi, lo scrittore Luca Raimondi e il giornalista Carmelo Maiorca in una conversazione a più voci inframmezzata dagli interventi teatrali dell’attore Roberto Disma e da alcuni brani cantati da Daniele Vitagliano accompagnato alla chitarra da Lorenzo Giannì. Pasolini è stato un grande intellettuale che ha segnato profondamente la vita culturale italiana, e molte delle sue riflessioni problematiche e appassionate durano nel tempo e testimoniano l’attualità del suo pensiero.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/10/2015 alle  18:04:51, nella sezione ARTE,  494 letture)

musa fotoUna bella scultura in bronzo opera dello scultore modicano Enzo Assenza, la “Musa delle Acque”, che fino ad ora si trovava presso la sede di via Brenta, da qualche giorno è stata posizionata nell’ampio cortile del Palazzo del Governo, in via Roma, sede di rappresentanza dell’Ente Provincia, retto pro tempore dal commissario straordinario ing. Antonino Lutri. La statua, pregevole opera di Enzo Assenza può quindi essere ammirata dai turisti in visita nel centro storico presso il palazzo di rappresentanza del Libero Consorzio Comunale, contribuendo ad arricchire il lungo cortile che porta ai locali espositivi che vengono spesso utilizzati per mostre d’arte ed eventi culturali. Lo scultore Enzo Assenza era nato a Pozzallo nel 1915 in una famiglia segnata dall’arte, il padre decoratore, lo zio sacerdote apprezzato pittore ottocentesco ed altri due fratelli pittori. Passò la sua infanzia a Modica e mosse i primi passi nel mondo dell’arte a Siracusa. Si trasferì poi a Roma giovanissimo e nella capitale ottenne un immediato successo. Fu il più giovane artista invitato alla Biennale di Venezia del 1935. Quest’anno il Comune di Modica, paese di origine della famiglia e che ospita un museo a lui intitolato, ha voluto ricordarne il centenario della nascita con una manifestazione che si è tenuta nel Palazzo della Cultura. Enzo Assenza morì a Roma il 22 novembre del 1981 e la famiglia volle donare alla città di Modica alcune opere tra le più significative della sua produzione e così nel 1999 nacque il Museo Enzo Assenza.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/10/2015 alle  15:23:46, nella sezione CRONACA,  520 letture)

coltraroLunedì 26 ottobre presso lo studio notarile di Via P. Umberto l’onorevole Giambattista Coltraro ha tenuto una conferenza stampa finalizzata a fornire informazioni e chiarimenti conseguenti al servizio della trasmissione televisiva "Le Iene" che gettava una cortina di dubbi sul suo operato professionale nella ormai nota vicenda dei terreni oggetto di una presunta compravendita per l’acquisizione di terreni all’insaputa dei proprietari. Il notaio, oltre ad esperire azioni legali a tutela del suo buon nome, ha ritenuto necessario uno specifico intervento volto a fornire tutte le informazioni giuridiche, e non solo, corredate da tutta la documentazione sul caso che sono state messe a disposizione dei giornalisti, affinché fosse sgomberato il campo da qualsiasi dubbio ed illazione che un'informazione, a suo dire, lapidaria e faziosa ha fatto maturare nell'opinione pubblica. In buona sostanza Coltraro ha ribadito che l’atto da lui ricevuto in qualità di notaio costituiva una alienazione a rischio e pericolo di chi acquista ai sensi della'art. 1488 c.c., che non comporta alcun trasferimento di proprietà, ma ha semplicemente effetti dichiarativi. Pertanto alla data odierna i 150 proprietari dei terreni oggetto del detto atto sono ancora pieni proprietari così come é facilmente accertabile da ciascuno consultando i pubblici registri immobiliari o andando presso un avvocato di fiducia. Il prezzo dell'atto è così basso (70.000 euro) proprio perché l' acquirente potenziale in forza dell’atto non ha acquistato un bel nulla; ha semplicemente precostituito un titolo per dimostrare in tribunale un'eventuale usucapione abbreviata dei terreni. L’atto - sostiene Coltraro - è già stato sottoposto al vaglio delle competenti autorità ed é stato giudicato legittimo e legale, proprio perché si tratta di contratto solo dichiarativo e non traslativo. L'intervista delle iene - conclude il notaio - é stata registrata più di un anno e mezzo fa e ad oggi nessuno dei 150 proprietari, che sarebbero stati derubati dei loro terreni, ha fatto un' azione civile nei confronti del notaio per il risarcimento del danno, semplicemente perché non ce ne sono i presupposti.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/10/2015 alle  15:22:33, nella sezione CRONACA,  697 letture)

palcoMimmo Di Franco, da sempre in prima linea per il rilancio dell’isola di Augusta, cittadino capace ancora di credere ai miracoli, fa pervenire in redazione una nota riguardante l’annosa problematica del recupero dell’antico Palco Musicale esistente nei Giardini Pubblici di Augusta.

“A fine Dicembre del 2012 - scrive Di Franco - durante la gestione del Commissario La Mattina lanciai, a mezzo stampa,la proposta per il ripristino del palco Musicale, tramite raccolta fondi, essendo il Comune di Augusta in piena crisi economica e in spending review.Tale proposta fu lasciata cadere nel vuoto. Rilanciai la stessa proposta ai tre commissari di Governo al Comune di Augusta, per essere autorizzato, insieme ad altri amici e sotto la supervisione dell'ufficio tecnico, al ripristino del palco della musica. Poiché altri, sotto il simbolo del Service di appartenenza, avevano espresso il desiderio di realizzare tale ripristino, si fece un passo indietro indirizzandoci su altri obiettivi. Fu organizzata, per raggiungere lo scopo, una serata per la raccolta dei fondi necessari, ma siamo giunti alla fine del 2015 e non si ha contezza di quale sia l'ostacolo che impedisce tale realizzazione. Nel frattempo il palco, costruito alla fine dell’800, è quasi semidistrutto dal vandalismo e dall’intemperie, oltretutto è pericoloso per i bambini che lo frequentano, in quanto la base è rotta e la struttura ha i tubi di recinzione penzolanti. Da mie informazioni pare sia stata raccolta la cifra necessaria, c’è la disponibilità della ditta alla realizzazione dell'opera a titolo gratuito, per il Comune dovrebbe esserci la supervisione e c’è anche il benestare della Sovrintendenza. La domanda, a questo punto, sorge spontanea: da chi dipende l'inizio dei lavori? La risposta la si deve a tutti quei cittadini che, con la loro presenza nella serata organizzata allo scopo, hanno contribuito pagando il biglietto affinché vedano realizzarsi un sogno e poter passare, come ai vecchi tempi, una domenica di relax ascoltando la gloriosa banda musicale di Augusta”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/10/2015 alle  14:03:03, nella sezione EVENTI,  522 letture)

salvino stranoVenerdì 30 ottobre a cura dell’ Associazione Culturale “Dueppiù, la città che vorrei” avrà luogo un concerto dal titolo “Ciak Si Cilia”, musiche da film interpretate dal pianista Salvino Strano (nella foto). L’evento sarà ospitato presso l’Istituto Musicale Privitera in Viale Regina Margherita a Siracusa con inizio alle 19,30. E’ previsto un ticket di ingresso di 5 euro e si può prenotare ai seguenti numeri: 338 80 33 361 oppure 347 14 34 894.

Salvino Strano, augustano, sin da giovanissimo ha mostrato spiccato interesse verso la musica classica. All’età di otto anni ha iniziato a suonare il pianoforte. Nel corso degli anni ha ampliato i propri interessi verso la musica leggera e da film. Nel frattempo ha migliorato la tecnica pianistica ed ha appreso la teoria musicale, studiando da autodidatta. Ha vissuto per alcuni anni a Reggio Calabria, dove nel 1986 si è laureato in Architettura. Attualmente vive e lavora a Siracusa, dove insegna disegno tecnico presso l’Istituto Industriale “E. Fermi”. Parallelamente agli studi musicali ha sviluppato un forte interesse verso la composizione, mostrando una particolare predilezione per la melodia. Nel 1982 si è iscritto alla SIAE come compositore e, fino ad oggi, ha depositato più di trenta brani di propria creazione. Ha firmato alcune colonne sonore appositamente scritte per lavori teatrali e cinematografici e ha curato le scelte musicali per vari spettacoli teatrali. Ha inciso il cd “Nausicaa”, in cui ha raccolto varie composizioni, da lui arrangiate ed eseguite, tra cui i temi dai lavori cinematografici ed alcune melodie di carattere popolare. Da diversi anni si dedica, come pianista, a concerti classico-leggeri, con particolare interesse verso la musica per film (Rota, Morricone, Piovani, Mancini, Williams, Nyman), genere da lui sempre amato, parallelamente alla passione per il cinema, e da lui considerato di grande valore artistico e interesse culturale tanto da costruire attorno a questo particolare genere musicale il suo spettacolo “Ciak Si Cilia” che presenterà il 30 ottobre a Siracusa. All’attività pianistica affianca quella di fisarmonicista, collaborando con altri artisti nel campo della musica popolare siciliana, tra cui il popolare gruppo “Anima mediterranea”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/10/2015 alle  09:05:52, nella sezione ARTE,  603 letture)

baioIl 13 novembre 2015 riaprirà i battenti la Mediterranea Art Gallery di via Dione 21 in Ortigia, a Siracusa, con una mostra personale del pittore Lino Baio dal titolo “Identità nascoste”. All’inaugurazione sarà presente il noto percussionista Paolo Greco, autore di emozionanti melodie dell’anima, che eseguirà una performance di “Percussion Live”. Baio ha approcciato il mondo dell’arte alcuni anni fa, provenendo da esperienze diverse, autodidatta affascinato dal mondo dell’esoterismo e del simbolismo onirico. Scrive di lui il critico d’arte Raimondo Raimondi: “Lino Baio nei suoi strani quadri si affida a un pennellata graffiante e ad una coloristica amalgamata e giocata su poche gradazioni, dando a volte addirittura il senso di una monocromìa, ma è sempre originalissimo nell’immaginario e nella sintesi del disegno, fino ai limiti di un espressionismo onirico e visionario. Autore di una figurazione rigorosa e inquietante, ha elaborato un discorso aspro, sospeso tra l’ambiguità, il mistero e lo straniamento, una strana, ardita mescolanza pervasa di tensione e di angoscia esistenziale. Esiste forse una correlazione tra queste ambientazioni solitarie e angoscianti e gli stati d’animo dei suoi personaggi: geometrie che sono interni della mente, spazi angusti un po’ come prigioni, vuoti e privi di allettanti decori, personaggi che paiono non essere in grado di comprendere il mondo che li circonda, un mondo ostile, una società spietata e improbabile, velata da un drappo pesante che ne nasconde gli orrori e che l’artista cerca di strappare con mani adunche, nel tentativo di mettere a nudo veleni e ipocrisie. Ogni quadro è una piccola opera teatrale, un dramma umano, ma pervaso spesso di un certo senso di humour, un dark sense of humour, come antidoto indispensabile per sopravvivere”.

La mostra resterà aperta al pubblico dal 13 al 21 novembre 2015, col seguente orario: tutti i giorni ore 18,00 – 20,00.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 23/10/2015 alle  16:55:44, nella sezione ARTE,  584 letture)

tavolozzaIl 6, 7 e 8 novembre 2015 l’Antico Mercato di Siracusa ospiterà l’evento “Dall’immagine al gusto attraverso un tappeto di note”, organizzato sotto l’egida dell’Associazione culturale “INFORUM Europa”, presieduta da Giacinto Avola, che includerà una Rassegna d’Arte con la direzione artistica del critico d’arte Raimondo Raimondi e con la collaborazione di Laura Alessi, presidente dell’associazione “AMP Fiori d’amore”.

Nella serata inaugurale del 6 novembre avrà luogo uno Shooting Art con la partecipazione delle ragazze di Modella TV, durante la quale alcuni fotografi scatteranno foto a giovani bellissime modelle per raccontare l’arte che sposa la bellezza al femminile. In pratica le ragazze verranno fotografate davanti alle opere d’arte creando una magia mediante la quale la bellezza delle giovani donne diventa il quadro e l’opera d’arte la sua cornice, una vera e propria alchimia che inverte i ruoli in un interessantissimo e ardito esperimento estetico. Nella stessa serata il famoso percussionista Paolo Greco, autore di emozionanti melodie dell’anima, eseguirà una performance di “Percussion Live”. All’inaugurazione sarà presente il vicesindaco di Siracusa, Francesco Italia, che è anche Assessore al Turismo e Spettacolo e che ha concesso il patrocinio alla manifestazione. Il critico d’arte Raimondo Raimondi presenterà gli artisti espositori. Si svolgeranno poi nella stessa serata e nei due giorni seguenti performance ed esibizioni di gruppi musicali e una sfilata di moda. Le riprese televisive saranno effettuate dall’emittente ZeroNove TV.

Il programma della manifestazione, suddiviso nelle tre giornate, è in dettaglio il seguente:

Venerdì 6 novembre 2015

Ore 18,00: Apertura al pubblico.

Inaugurazione esposizione d’Arte e taglio del nastro da parte delle autorità.

Presentazione a cura di Raimondo Raimondi e performance Percussion Live di Paolo Greco

Esposizione di prodotti tipici siciliani

Ore 20,00: Esibizione Maitre I.M.A.H.R. alla Fiamma con lampade da sala

Shooting fotografico con le modelle di Modella TV. Riprese video a cura di ZERONOVETV

Ore 21,00: Spettacolo di danze orientali e Percussion Live di Paolo Greco

Sabato 7 novembre 2015

Ore 18,00: Apertura al pubblico

Ore 20,00 : Esibizione alla Fiamma a cura I.M.A.H.R. Siracusa e dei suoi Maitre

Esposizione prodotti tipici siciliani

Ore 21,00: Sfilata di moda a cura di ZERONOVETV

Ore 22,00 : Concerto del Gruppo FabulaTrio

Domenica 8 novembre 2015

ore 18,00: Apertura al pubblico

Ore 20,00: Esibizione alla Fiamma a cura I.M.A.H.R. Siracusa e dei suoi Maitre

Esposizione prodotti tipici siciliani

Ore 21,00: Concerto Xiridia Wind Orchestra

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 22/10/2015 alle  08:59:20, nella sezione CRONACA,  471 letture)

augustaIl Parco suburbano ex Salina Mulinello-fiume Mulinello, l’area dell’ex idroscalo-hangar dirigibili, il quartiere Terravecchia- Paradiso sono luoghi che potrebbero essere riqualificati in brevissimo tempo con somme già disponibili per l’amministrazione comunale, con significative ricadute positive sull’ambiente, sul paesaggio, e, non ultima, sulla difficile congiuntura attraversata dall’economia locale: queste le motivazioni a sostegno delle interrogazioni mosse all’amministrazione comunale di Augusta dal consigliere PD Triberio in merito al mancato avvio dei necessari piani di gestione/ riqualificazione delle suddette aree a forte rischio di degrado ambientale, per la cui realizzazione esistono già consistenti fondi pubblici, appositamente stanziati, ma a suo dire appare carente un adeguato interesse da parte dell’attuale giunta.

La tormentata vicenda del Parco suburbano ex Salina Mulinello- fiume Mulinello” inizia a seguito di una proposta di Legambiente, poi inserita ed approvata nell’ambito del Piano di risanamento ambientale dell’area a rischio Augusta-Priolo-Melilli con D. P. R. del 17/01/1995; i lavori vengono svolti grazie ai finanziamenti POR Sicilia 2000-2006 e completati nel 2012, benché, ad oggi, manchi ancora il collaudo tecnico-amministrativo finale, indispensabile per la pubblica fruizione del luogo.

Questo territorio, esteso su un’area di circa 50 ettari, insiste su una zona di notevole valore ambientale e paesaggistico, ricca di reperti archeologici (villaggio neolitico, tombe della cultura Thapsos) nonché di testimonianze dei processi produttivi caratteristici del territorio augustano (masseria “Porta del parco”, casi ‘i salina e resti di antichi mulini a vento in legno), confinante con il Parco “Ex-idroscalo/ hangar dirigibili” e il porto commerciale.

L’area, attualmente oggetto di raid vandalici, è totalmente abbandonata a se stessa e viene utilizzata come discarica abusiva da scellerati visitatori: basterebbe ricorrere – sostiene Triberio - ai fondi reperibili presso l’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente, responsabile per l’attuazione dei piani di risanamento, per concludere un percorso già avviato, primo passo verso l’incentivazione di un turismo consapevole. Lo stesso si dica per il Parco dell’hangar, che, insieme all’area dell’ex idroscalo, costituisce un unicum, riconosciuto quale «opera di interesse storico-culturale» con decreto D. D. G. n. 3028 del 5/11/2014 dell’assessorato Beni Culturali Regione Sicilia, tuttavia chiuso ed inaccessibile al pubblico da ormai tre anni. Anche in questo caso, per poter godere del prezioso bene pubblico, basterebbe una semplice richiesta di concessione da parte della presente amministrazione comunale, a titolo del tutto gratuito (come previsto dal D. L. 6 luglio 2012, convertito nella L. 7 agosto 2012 n. 135).

Ancora, Triberio chiede delucidazioni sul piano di riqualificazione del quartiere Terravecchia-Paradiso, nella porzione compresa tra via Dessiè e via Eroi di Malta, cui i commissari straordinari avevano per tempo destinato uno stanziamento dell’ammontare di circa 100.000 euro. Si tratta di una zona molto delicata, in ragione dell’alta densità di popolazione per la presenza di numerose strutture istituzionali (le scuole comprese nella vicina Cittadella degli Studi e le cosiddette scuole verdi) e luoghi pubblici (l’area verde circostante, il parco giochi e il cosiddetto ‘Campo Carrubba’), molto frequentati dai più giovani, a rischio della propria incolumità personale, vista la condizione di abbandono e degrado che li contraddistingue.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 21/10/2015 alle  09:46:03, nella sezione LIBRI,  517 letture)

COPERTINA DEL LIBROWilson Saba, sardo trapiantato a Roma, attore in prestito alla letteratura, debutta con Sole e baleno (2006), finalista al Premio Strega, lanciato da un piccolo editore come Il Foglio Letterario (www.ilfoglioletterario.it). Si conferma con Bompiani, compiendo il grande santo verso il mondo letterario che conta, gruppo RCS, che pubblica i successivi Giorni migliori (2008) e Smart life (2011), in uscita adesso come e-book. Nel frattempo dà alle stampe un saggio su Artaud e Figli delle stelle (Lucio Pellegrini, 2010). Lo scrittore ci confida che sta portando a termine un romanzo di fantascienza a quattro mani (assieme a un autore più esperto, ancora top secret), un romanzo lungo ambientato a Roma (da tempo in gestazione) e un saggio sui migliori traduttori di letteratura italiana in Europa. Per il momento concentriamoci su Smart life, che si può avere a prezzo contenuto (4,90) in una nuova edizione e-book dopo il buon successo riportato nei tascabili Bompiani.

Siamo di fronte a una storia di formazione, come Sole e baleno e Giorni migliori, nelle corde di Saba, visionaria e incalzante, capace di raccontare il mondo giovanile contemporaneo, senza alcuna retorica. I protagonisti sono Andrea e Michele, due ragazzi che inventano un social network dedicato alle droghe (u-Dose, un nome che è tutto un programma), un luogo dove spacciatori e clienti si ritrovano per conoscersi, scambiarsi esperienze e portare a compimento loschi affari. Il mondo adolescenziale viene narrato attraverso l’analisi impietosa dell’utilizzo massiccio di Internet, senza inutili moralismi e giudizi esterni, ma con una visione interna al problema, dalla parte di Caino. Abbiamo la droga, l’importanza del denaro, trovare il modo per diventare ricchi senza sporcarsi troppo le mani, in questo caso inventando un mercato per giovani tossicodipendenti, mascherato da lotta al proibizionismo e alla criminalità organizzata. Il romanzo di formazione si tinge di giallo e assume le sembianze di un thriller psichedelico quando arriva sul mercato telematico un misterioso venditore e propone una nuovissima droga di sua invenzione. I problemi per i giovani gestori del social cominciano quando alcuni ragazzi si mettono insieme per organizzare un rave party e poter provare la nuova essenza.

Il romanzo è scritto con stile rapido e incalzante, in sintonia con il mondo contemporaneo e con una generazione che vive connessa a Internet e incollata a un telefonino. Wilson Saba rifugge da ogni retorica, racconta il mondo giovanile con tutte le contraddizioni e vive dall’interno i suoi cambiamenti. Molti dialoghi sembrano conversazioni su Internet, prelevate da una chat, leggiamo brani di e-mail, pezzi legati a connessioni telematiche. La scrittura di Saba è moderna, incalzante, essenziale, senza tentativi letterari fuori luogo, visto il tema crudo affrontato dalla storia. Da leggere.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 20/10/2015 alle  09:17:32, nella sezione CRONACA,  570 letture)

farmacia fotoMimmo Di Franco ha inviato un’istanza all’attenzione del Sindaco di Augusta Cettina Di Pietro concernente la problematica dei turni delle farmacie ad Augusta, cittadina poco servita da autobus urbani, soprattutto in riferimento alle necessità della popolazione anziana residente nell’isola. La nota, che ci è pervenuta per conoscenza, così recita: “Con la presente, si chiede l'autorevole intervento della S.V., affinché intraprenda tutte le iniziative necessarie nelle turnazioni previste dalle farmacie, per avere la disponibilità di apertura di una farmacia sull'isola di Augusta ed in Borgata, dove risiedono circa 20.000 persone, quando è in turno quella del Monte. Quanto sopra poiché la città e soprattutto l’isola, dove vivono per la maggior parte residenti anziani, non ha sufficienti servizi di trasporto e questi sono completamente assenti le domeniche e nei giorni festivi, quindi con l'impossibilità di raggiungere la farmacia della zona Monte, distante circa 5 km. La Corte Costituzionale, con sentenza n. 446 del 1988, ha avuto modo di chiarire che “il quadro normativo ribadisce l’intento di realizzare l’ottimale funzionamento del servizio nel suo complesso”, mentre “la ratio della legge ed il principio che ne ricava sono quelli della continuità dell’assistenza farmaceutica prestata, in un adeguato ambito territoriale, dal servizio nel suo insieme e non già dalla singola farmacia”. L’attività delle farmacie, essendo volta a fornire un servizio pubblico destinato alla tutela dei cittadini, non può essere ricondotta alla materia del “commercio”. Ho sollecitato lo scorso anno, facendomi portavoce di molti cittadini, la Commissione Straordinaria di Augusta nella persona del dr. Francesco Puglisi che si è attivato presso le farmacie ma senza ottenere un risultato positivo. Rinnovo l’appello alla Politica, rappresentante dei cittadini, affinché possa ottenere un servizio utile alla cittadinanza. Tra le righe, ho capito che l’apertura di una farmacia ad Augusta, significherebbe meno guadagno per quella del Monte, quando è in turno, ma credo che gli interessi della collettività e soprattutto degli anziani e bambini, dovrebbe prevalere sul fattore economico. Tra l’altro questa coincidenza accadrebbe due o tre volte l’anno”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 16/10/2015 alle  17:04:02, nella sezione CULTURA,  482 letture)

chiesa di cassibileSu iniziativa della Consulta Civica di Siracusa è nato un comitato per sostenere la candidatura di Cassibile a “Città Simbolo della Pace”, la cui richiesta sarà inoltrata formalmente, una volta completato l’iter, al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. L’organismo, come deliberato dalla giunta civica, sarà guidato da Paolo Romano e Damiano De Simone, presidenti l’uno della Circoscrizione, l’altro della Consulta. Il direttivo provvederà, da qui a breve, alle altre nomine, in modo da costituire un “pool di professionisti esperti conoscitori del territorio” che “motiveranno” la proposta. Alla base della designazione, naturalmente, sono stati considerati i fatti storici, di rilevanza mondiale, di cui Cassibile è stata in diverse epoche teatro. Un chiaro riferimento ai due armistizi avvenuti in loco, il primo nel 413 a.C. con la ritirata degli ateniesi dopo l’assedio a Siracusa, e nel 1943 nel corso della seconda Guerra Mondiale. Si tratterà di una vera operazione di marketing territoriale, che contribuirà a creare una brand destination di Cassibile, con il contributo essenziale delle risorse umane e dell’associazionismo locale.

“Un riconoscimento eminente che permetterebbe al territorio di Cassibile di ottenere un importante ritorno d’immagine economico – ha affermato il presidente della Consulta civica Damiano De Simone - e l’opportunità di inaugurare nuovi gemellaggi culturali, che avrebbero una ricaduta economica non indifferente sotto il profilo turistico. Ringrazio il presidente della circoscrizione Paolo Romano, che senza pregiudizi di natura politica, ha accolto con entusiasmo la nostra idea, sposandola assieme ad un gruppo di giovani residenti che vogliono spendersi per migliorare la qualità di vita nella realtà in cui vivono, creando occasioni di rilancio e sviluppo dell’economia”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 15/10/2015 alle  09:08:51, nella sezione CULTURA,  479 letture)

Il 9 ottobre scorso si è tenuta una prima riunione per discutere più nei dettagli gli obiettivi e la forma del neo costituito Gruppo Facebook "Autori Contemporanei Siciliani", al quale si sono dichiarati interessati ad aderire numerosi autori residenti sia in Sicilia che in altre regioni italiane. Due gli obiettivi primari: la promozione delle nuove pubblicazioni in maniera più efficace e capillare e la gestione dei rapporti con i rispettivi editori, in forma collettiva, al fine di ottenere maggiori riconoscimenti e garanzie. É a disposizione di tutti gli autori che fanno parte del Gruppo un'apposita e mail – autorisiciliani@tiscali.it – tramite la quale far pervenire copertina dell'opera, dati, sinossi, eventuali recensioni e premi ottenuti, che convertiti in un comunicato stampa ufficiale verranno diramati in rete. All'interno delle pagine Facebook del Gruppo saranno inserite le biografie di tutti gli autori, le proprie pubblicazioni, citazioni di recensioni e riconoscimenti, e anche altri strumenti di promozione mediatica, come brevi video presentazioni o video trailer, dei nuovi libri. Per quanto riguarda le classiche presentazioni editoriali, si è riconosciuta la loro importanza ai fini, oltre che della promozione, anche della vendita di copie delle proprie pubblicazioni, e di conseguenza si è sottolineata anche la necessità che ad esse venga prestata grande cura nella loro preparazione. Esse verranno annunciate in rete, agli organi di stampa, alle associazioni locali, ecc. come "incontri" o "conversazioni su...", e nel caso di libri di narrativa è stato suggerito di far leggere pagine o brani dell'opera pubblicata. Il Gruppo raccoglie autori residenti in diverse città siciliane, ed anche oltre lo Stretto, ma tutti si sono dimostrati favorevoli all'idea che ci si costituisca in breve tempo anche come Associazione no profit, regolarmente registrata in modo tale che i singoli autori possano acquisire un'immagine migliore (quindi anche garanzie e condizioni migliori) nei confronti dei propri editori.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 15/10/2015 alle  08:53:26, nella sezione CULTURA,  463 letture)

alagonianaVenerdì 16 Ottobre alle ore 10 in via Brenta, presso la Biblioteca “E. Vittorini” - Consorzio dei Comuni Siracusa, sarà presentata alla stampa la "SETTIMANA DEL LIBRO ANTICO", manifestazione che si svolgerà dal 19 al 23 Ottobre 2015. Si tratta di un evento promosso dall'Associazione “Per la città che vorrei”, presieduta da Sergio Pillitteri, sviluppato da una progettualità del prof. Giancarlo Germanà, docente universitario, in piena sinergia con ben quattro biblioteche di Siracusa: E. Vittorini, Alagoniana, Comunale, Cappuccini.

Presenti alla conferenza stampa, oltre al presidente dell'associazione culturale “Per la città che vorrei” dott. Sergio Pillitteri, il prof. Giancarlo Germanà e i quattro direttori delle biblioteche coinvolte nel progetto, rispettivamente: il dott. Gatto, Mons. Greco, la dott.ssa Reale, il dott. Cioè, nonché i referenti degli istituti d'istruzione superiore coinvolti, ovvero: il Liceo Classico Gargallo, l'Istituto F. Insolera, l'Istituto F. Juvara. Per promuovere la valorizzazione del patrimonio bibliotecario di Siracusa l’iniziativa sarà articolata attraverso l’apertura al pubblico di giornate dedicate alle biblioteche più significative della città, partners del progetto, mediante veri e propri mini focus in cui si confronteranno docenti universitari, dirigenti del settore bibliotecario, giovani studenti. Un invito alla lettura come volano delle conoscenza, dell'apprendimento, alla riscoperta dei libri antichi, di valore inestimabile, ma anche un modo per valorizzare questi luoghi del sapere oggi poco attenzionati dalla cittadinanza, dai giovani. “La città che vorrei” si pone ancora una volta l'obiettivo di avvicinare i cittadini al proprio patrimonio culturale ed al proprio bagaglio letterario.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 14/10/2015 alle  16:57:49, nella sezione CRONACA,  490 letture)

arcigayQualche giorno fa il Congresso di Siracusa ha eletto la nuova dirigenza di Arcigay Siracusa. Riconfermato il Presidente uscente Armando Caravini alla guida dell’associazione ed eletto consigliere nazionale di Arcigay. Vice Presidente è Sebastiano Cammisuli. Del Consiglio direttivo fanno parte Rosalia Pisano, Raffaele Bruno, Giovanni Melfa, Salvatore Sidoti, Pamela Capodieci, Maria Vittoria Zaccagnini, Lucia Scala e Cetty Piccione. Il circolo di Arcigay Siracusa venne fondato nel 1994 grazie ad Agata Ruscica che da subito compì numerose battaglie per l’affermazione e la tutela dei diritti della comunità lgbt. Ad oggi Arcigay Siracusa è il terzo comitato più grande della Sicilia dopo Palermo e Catania contando oltre 2000 associati.

Il Presidente Caravini ha ringraziato il delegato alla segreteria nazionale Giovanni Calogero per il proprio contributo al congresso, cui era presente anche il Vice Sindaco di Siracusa Francesco Italia che ha portato i saluti istituzionali del Comune di Siracusa. Caravini ha detto di avere svariati progetti da portare avanti, dalla lotta all’omofobia partendo proprio dalle scuole e sensibilizzando il corpo docente, al prossimo gay pride della città di Siracusa, senza dimenticare la lotta alle malattie sessualmente trasmissibili fino ai singoli progetti che tengono unita una comunità. Caravini si è detto sicuro che con la nuova squadra giovane e dinamica scelta per rappresentare tutta la comunità LGBT potrà portare al centro dell’attenzione i diritti civili che non sono prerogativa delle battaglie degli omosessuali ma sono diritti che ogni cittadino deve difendere a prescindere dal proprio orientamento sessuale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 14/10/2015 alle  16:52:44, nella sezione LIBRI,  430 letture)

torregrossaVenerdì 16 Ottobre alle ore 18 a Siracusa, presso la Libreria Gabò di Corso Matteotti, sarà ospite la scrittrice siciliana Giuseppina Torregrossa (nella foto). Siracusa è una delle tappe scelte dall'autrice per presentare il suo nuovo romanzo, in uscita l'8 ottobre per Rizzoli, dal titolo “Il figlio maschio”. La palermitana Torregrossa in quest’ultima fatica letteraria ci porta nella sua isola del 1923 dove Don Turiddu e Concetta hanno tredici figli e hanno un modo diverso per sperare in un loro prospero futuro. Le nove femmine non se la passano poi male a vivere nel feudo di Testasecca tra bei vestiti, qualche corteggiatore e, certo, le rigide regole del padre da rispettare. Ma è nei maschi che la famiglia vede storicamente il suo futuro, peccato che tre degli splendidi ragazzotti concepiti nelle notti focose di Turiddu e Concetta siano volati verso altri lidi, o a cercare fortuna in Germania o addirittura alla volta degli States. copertinaRimane a Filippo il peso di sobbarcarsi le aspettative dei due genitori e decidere se seguire le orme del padre, verso un lavoro di responsabilità, di campagna e di fatica o seguire i desideri della madre che lo vorrebbe uomo di cultura, dietro un cumulo di libri. Intanto tra Turiddu e Concetta si scatena la guerra per cercare di convincere il figlio a rispettare le proprie volontà. E se è vero che la Torregrossa descrive una famiglia patriarcale dove era l’uomo a decidere, ci racconta anche di altri preziosi escamotages delle donne come quello di farsi valere in camera da letto, sotto le lenzuola. “Il figlio maschio” parla di uomini e di donne, di libri e di profumi siciliani indimenticabili.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 13/10/2015 alle  20:46:32, nella sezione CRONACA,  440 letture)

foto del portoConsiglio comunale straordinario ad Augusta per sostenere la strategicità del Porto di Augusta nel sistema portuale della Sicilia sud-orientale come sede della nuova autorità portuale. Voci di protesta al ventilato accorpamento con i porti di Catania e Messina, lasciando però il ruolo di capofila a Catania, malgrado la riscontrata importanza del porto di Augusta che, come quantità di traffico merci è di gran lunga il più frequentato. Peraltro l’Autorità portuale di Augusta registra un attivo di bilancio di ottanta milioni di euro a fronte delle passività degli altri due porti, il che comporterebbe la confluenza di questo attivo di bilancio nel calderone comune, cosa che evidentemente danneggerebbe Augusta a favore di Catania e Messina. Però le chiacchiere stanno a zero. Il progetto di accorpamento pare già deciso in alto loco e non resterebbe che ricorrere al tumulto di popolo, qualora la cittadinanza, sindaco in testa, decidesse di manifestare una vibrata protesta di piazza per fermare il delittuoso proposito, un ulteriore scippo alla cittadina megarese che già di scippi ne ha subiti parecchi, come tutti sanno, nel silenzio assordante delle istituzioni locali e degli stessi cittadini, oramai adusi a sfogarsi sui social network in un esasperato quanto sterile bla bla bla, ma quanto a uscire di casa e coralmente protestare in piazza neanche a pensarci. Catania è diventato polo crocieristico e turistico, Messina ha una posizione strategica sullo Stretto, ad Augusta si concentra il traffico delle petroliere del petrolchimico e da qualche anno è anche in potenziale hot spot per l'identificazione degli immigrati. Ospita in più una forte presenza della Marina Militare che insiste proprio in quel bacino che ora sembra bistrattato e declassato. Insomma l'Autorità Portuale ad Augusta spetterebbe per diritto naturale e per diritto acquisito. Un porto naturale incastonato nel polo petrolchimico, corridoio strategico per il transito delle navi nel Mediterraneo.

Il sindaco Di Pietro ha dichiarato che "c'è da registrare un atteggiamento accentratore del governo nazionale su Augusta che invece deve essere sede delle scelte importanti per il territorio. Alfano non ha nemmeno richiesto il parere del Comune per la struttura hot spot per gli immigrati da realizzare all'interno del nostro porto. Una struttura che stride terribilmente con la natura vera dello scalo commerciale". A noi pare che ciò che maggiormente osta è il fatto pragmatico che Augusta non è una città metropolitana né un capoluogo di provincia, per cui potrebbe essere considerata scarsamente candidabile alla carica di Port Autority per la Sicilia Sud Orientale. Con tutto ciò il sindaco di Siracusa Garozzo ha dichiarato ce darà il suo appoggio alla causa augustana, il che per un renziano non è cosa da nulla avendo di fronte un sindaco penta stellato col quale condividere la causa e intraprendere la lotta.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 09/10/2015 alle  15:27:17, nella sezione ARTE,  688 letture)

Nuccio VasileA dieci anni dalla scomparsa, il Van Gogh di Floridia ricorda l'artista floridiano Nuccio Vasile con una estemporanea di pittura a lui dedicata che si svolgerà Domenica 11 ottobre 2015, a partire dalle ore 9.30 e per l’intera giornata, nel cortile del locale e lungo la via Maesano. La premiazione avverrà alle ore 21. Alla Extempore Van Gogh 1° Memorial Nuccio Vasile hanno aderito i seguenti artisti: Luzia Tata, Maria Gionfriddo, Vanessa De Grandi, Davide Scalora, Flory Painting, Rita Gambilonghi, Lorena Art Galazzo, Marinella Raniolo, Luca Gigliuto e Maurizio Villari. La giuria è composta dalla dottoressa Lucia Chimirri, dall’artista Paolo Greco e dal semiologo Salvo Sequenzia.

L’evento, promosso e organizzato da Concetta Bazzano e Martino Failla con la consulenza organizzativa di Marinella Raniolo, vuole rendere omaggio alla memoria di un artista molto apprezzato e di grande sensibilità, venuto prematuramente a mancare. Nuccio Vasile, insieme ad altri noti artisti, aveva operato al Van Gogh realizzando alcune riproduzioni d’autore di celebri dipinti. Vasile, dopo la formazione giovanile all’istituto d’arte di Siracusa, perfeziona i suoi studi a Milano, frequentando i corsi di scultura di Luciano Minguzzi e quelli di nudo di Dante Spelta. Esponente della Transavanguardia, negli anni Settanta è fondatore del Gruppo Studio 7 a Brescia, e, successivamente, alla fine degli anni Ottanta, del laboratorio d’arte contemporanea Gruppo F, insieme allo scultore floridiano Lino Tinè, ai pittori Nino e Tano Brancato, Vittorio Adorno, Nino Burgio e al semiologo Salvo Sequenzia. L’estemporanea sposa anche un impegno di solidarietà a sostegno del piccolo Giuseppe Cancemi, insieme al Comune di Floridia e al Comitato Pro Giuseppe Cancemi

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 09/10/2015 alle  15:22:14, nella sezione ARTE,  404 letture)

AMACI ha scelto sabato 10 ottobre 2015 per l’Undicesima Giornata del Contemporaneo, la grande manifestazione organizzata ogni anno per portare l’arte del nostro tempo al grande pubblico. Un’occasione per vivere da vicino il complesso e vivace mondo dell’arte contemporanea. I 26 musei aderenti al circuito AMACI e 1000 realtà in tutta Italia per l’undicesimo anno consecutivo inaugurano ufficialmente la stagione dell’arte contemporanea. L’immagine guida della manifestazione è stata realizzata dall’artista Alfredo Pirri. Passi, l’immagine creata appositamente da Pirri per la Giornata del Contemporaneo, rappresenta un gesto semplice e allo stesso tempo inquietante: sfidare a piedi nudi una superficie fredda e (forse) tagliente. Pirri costringe tutti noi spettatori a un atto di fiducia, ci invita ad abbandonarci, a metterci in relazione con qualcosa di cui percepiamo la pericolosità senza coglierne esattamente la portata. Ci incita ad acquisire consapevolezza di un rischio necessariamente da correre e ad accettarlo come tale, sottolineando la necessità – per il singolo individuo ma anche per la società e, in scala globale, per il mondo intero – di metterci costantemente in gioco, con fiducia e abbandono. “Passi, sottolinea l’artista, diventa così la sintesi di un gesto distruttivo ma allo stesso tempo ‘ri-creativo’, finalizzato a rompere per sempre l’immagine che abbiamo di noi e degli altri, per riscoprirne o addirittura crearne una differente che si annida e moltiplica in ogni frammento, anche in quello che pensavamo perso per sempre e mai ricomposto”.

A Siracusa aderiscono al progetto, con inaugurazione il 10 Ottobre alle ore 19, due spazi espositivi, il Centro culturale MOON in via Roma 112, e la Galleria Quadrifoglio in via SS. Coronati 13, che presenteranno le opere di Gianluigi Benanti, Saverio Bertrand, Rosaria Cavallaro, Germana Falco, Maria Rosa Tripodi, Laleña Kurtz, Sandra Rizza e Mela Salemi.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 09/10/2015 alle  09:30:26, nella sezione CULTURA,  428 letture)

COMUNE DI AUGUSTAIl Partito democratico di Augusta, di cui è segretario il consigliere comunale Giancarlo Triberio, ha emesso un comunicato di aperta critica all’operato in ambito culturale, e non solo, degli amministratori comunali. Si trae spunto dalla recente polemica fra il tenore Marcello Guagliardo e il sindaco Cettina Di Pietro in merito alla sede più opportuna per lo svolgimento di un concorso lirico internazionale, che, dopo che è stato negato l’utilizzo del salone di rappresentanza del Comune, probabilmente finirà per essere ospitato in un teatro privato nel territorio del Comune di Melilli.

La nota sottolinea che: “È davvero assurdo perdere una vetrina così importante trincerandosi dietro a un semplice diniego dettato da regolamenti comunali; pensiamo che, se davvero ci fossero state le intenzioni da parte dell’Amministrazione, si sarebbe potuto modificare i regolamenti, sicuri del buon senso e della volontà del Consiglio comunale di creare le giuste condizioni, per ospitare un così importante avvenimento nel “salotto buono” della nostra città“.

La nota del Pd prosegue elencando alcune iniziative promosse da associazioni del territorio sulle quali l’Amministrazione avrebbe delle responsabilità. Si scrive di “incomprensioni” da parte degli amministratori nei confronti degli organizzatori di Shortini Film Festival, che negli ultimi anni, nonostante tutto e con le sole proprie forze, hanno organizzato una manifestazione culturale di alto rilievo e partecipazione. Ancora, si critica “la mancata concessione di una presa elettrica e del patrocinio, motivi per i quali è “saltata” la manifestazione canina organizzata da un’associazione megarese“.

Il Pd ricorda anche che “in occasione della deliberazione delle tariffe Tari e agevolazioni Iuc, la maggioranza ha bocciato un emendamento che riguardava agevolazioni per le tariffe Tari a beneficio delle associazioni sportive e culturali“. Nella nota si conclude che gli eventi culturali, oltre a soddisfare l’anima e accrescere il senso civico, danno sbocchi economici non indifferenti, per cui non è solo necessario ma imprescindibile sostenere e supportare sia tutte le associazioni che le manifestazioni culturali di qualsiasi tipo presenti in città.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2

 2381 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (222)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (59)
COSTUME E ATTUALITA' (111)
CRONACA (720)
CULTURA (195)
EDITORIALI (26)
EVENTI (266)
LIBRI (179)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017

Gli interventi più cliccati

< settembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             


Titolo

 



Titolo
foto (1)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


20/09/2017 @ 11:27:08
script eseguito in 223 ms