\\ Home page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 30/04/2015 alle  17:16:54, nella sezione LIBRI,  449 letture)

Domenica 3 maggio alle ore 19 la libreria Biblios Cafè di Siracusa ospiterà Luigi Viva, biografo ufficiale di Fabrizio De André che, in occasione della 18° ristampa e dell'uscita del film, presenterà il libro Non per un dio ma nemmeno per gioco, (Feltrinelli), un'accurata biografia del cantautore genovese. Il libro, al quale collaborò lo stesso De André, dopo aver toccato il terzo posto nelle classifiche di vendita dei tascabili, è considerato ormai un importante testo di riferimento per conoscere la vita dell'artista e dell'uomo. Un testo ricchissimo, documentato e avvincente, che dà voce ai racconti di Fabrizio (interviste, colloqui personali, telefonate) e alle testimonianze di prima mano di amici famosi e no, da Paolo Villaggio, complice inseparabile degli anni genovesi, a Ivano Fossati, collaboratore dell'ultimo album, ai genitori di Fabrizio, ai compagni di scuola e di strada.

Durante la presentazione Carlo Natoli (Gentless3) e Andrea Romano (Il Fratello) eseguiranno, voce e chitarra, alcuni brani di Fabrizio De André. Luigi Viva racconta la vita del cantautore genovese attraverso la sua musica, i suoi ricordi e le confessioni rilasciate a voce negli anni all'autore, ricostruendo così il percorso umano ed artistico di un poeta infinito. Luigi Viva, scrittore, giornalista, conduttore radiofonico e socio fondatore della Fondazione Fabrizio De André, ha collaborato con testate come Paese Sera, Il Tempo, Il Sussidiario.net, Jazz Magazine e Jam.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 29/04/2015 alle  20:41:18, nella sezione ARTE,  494 letture)

Dal 28 al 30 aprile l’Antico Mercato di Siracusa, in Ortigia, ha ospitato il “Waiting Jazz Day & International Jazz Day” alla sua prima edizione, che, oltre naturalmente all’esibizione di tanti gruppi musicali ha registrato anche un evento artistico, la mostra della “Jazz Art” dell’artista augustano Nuccio Garilli. Si trattava di tele raffiguranti i volti dei grandi del Jazz (nella foto), ritratti rivisitati con grande maestria e originalità di tecnica da uno dei più interessanti artisti augustani, ricco di particolare personalità. Giuseppe Mandalari, direttore artistico della manifestazione, e Stefania Altavilla, presidente di Arca (Associazione Rinascimento Culturale Archimedeo), l’associazione che ha organizzato l’evento, hanno presentato in prima serata Raffaele Genovese che si è esibito insieme alla cantante Daniela Spalletta. Il secondo concerto ha visto l’esibizione del sassofonista Gianni Gebbia insieme al pianista palermitano Diego Spitaleri, con l’apporto della batteria di Carmelo Graceffa e del contrabbasso di Gabrio Bevilacqua. Nella seconda serata nuovamente sul palco il pianista Raffaele Genovese affiancato dal sax di Antonio Bonasera, che hanno proposto il progetto "Tra Folk e Jazz”, con l'esecuzione di alcuni brani della tradizione siciliana riletti in arrangiamenti moderni, contaminati dal jazz e da altre sonorità. Ha fatto seguito il “No game quintet” con il sassofonista Claudio Giambruno e la vocalist Daniela Spalletta, assieme a Claudio Guarcello al pianoforte, Giovanni Villafranca al contrabbasso e Antonio Leta alla batteria. Stasera la serata finale. Numeroso il pubblico intervenuto, in maggioranza turisti stranieri, che hanno ben accolto questo intrattenimento musicale e artistico loro offerto col patrocinio dell’Amministrazione Comunale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/04/2015 alle  15:13:48, nella sezione CRONACA,  433 letture)

PILLITTERICantiere fermo, non c'è nessuno: così denuncia il segretario del circolo del Partito Democratico Tiche-Epipoli Sergio Pillitteri. "Ho avuto modo di verificare, che nell'area cantiere per la ricostruzione della nuova scuola di via Calatabiano, non vi è alcun operaio in attività. L'area è in questo stato da mesi. Mi sono pervenute tante lamentele dai residenti di via Calatabiano, nel quartiere Tiche, lo spazio è stato invaso da cumuli di materiale edile scaricato, questo crea disagi per le abitazioni limitrofe. Sembra un cantiere abbandonato".

Aggiunge Pillitteri: "Questo stato di collasso, sia per i residenti della zona che per lo stop effettivo dei lavori non può permanere per altri mesi. I cittadini vogliono sapere che succede? Perché è tutto fermo? L'edificio è ancora lontano dal completamento, questa condizione è assolutamente da evitare, bisogna che i lavori riprendano giornalmente la loro attività, al fine di completare e rendere fruibile al più presto l'intera area, che è circondata da abitazioni e prospiciente all'ingresso del mercatino rionale giornaliero".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/04/2015 alle  15:06:20, nella sezione ARTE,  631 letture)

locandinaDomenica 10 maggio 2015 sarà inaugurata a Floridia la mostra collettiva d’arte contemporanea dal titolo "Incanto Siciliano", organizzata dall’Associazione “Trinacria Arte”, presieduta dalla pittrice Marinella Raniolo (nella foto mentre riceve un premio da Raimondo Raimondi). L’evento sarà ospitato nelle sale del Palazzo Raeli, nella centralissima Piazza Del Popolo di Floridia. La serata inaugurale sarà presentata dal critico d’arte e scrittore Raimondo Raimondi e registrerà la presenza di numerosi artisti e ospiti tra i quali Laura Alessi, Giuseppe Apa, presidente dell’associazione “Arte No Stop” di Catania, il maestro Giovanni Longo e il poeta dialettale Fabio Messina. ranioloSaranno messe in mostra opere di numerosi pittori, tra i quali la rappresentanza femminile è prevalente a dimostrazione della grande sensibilità verso l’arte che le donne riescono più facilmente ad avere. Saranno quindi presenti all’evento artistico: Laura Alessi, Lory Bella, Nelly De Caro, Vanessa De Grandi, Vincenza Favaloro, Alessandra Ferraro, Lorena Galazzo, Rita Gambilonghi, Mary Gibilisco, Elisa Gozzo, Stefania Grasso, Antonella Greca, Miriam Innoceta, Rosa Iorio, Giovanni Longo, Armando Nigro, Danila Parisi, Sebastiano Quattropani, Marinella Raniolo, Mariella Ricca, Salvo Rizzo, Giusy Romano, Agatina Salina, Davide Scalora, Luzia Tata, Maria Tata e Maurizio Villari. La mostra resterà aperta dal 10 al 17 Maggio con orari di apertura tutti i giorni dalle 18.00 alle 21.00.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/04/2015 alle  14:39:30, nella sezione LIBRI,  487 letture)

ARRIVEDERCI A BERLINO ESTGiovedì 30 aprile alle 18:30 la libreria Biblios Cafè ospiterà la presentazione del romanzo Arrivederci a Berlino est di Roberto Moliterni, scrittore e sceneggiatore nonchè vincitore, con questo libro, della terza edizione del premio letterario Rai La Giara. A introdurre l’autore sarà lo scrittore siracusano Luca Raimondi. Arrivederci a Berlino Est trascina il lettore in un intenso intreccio di eventi che vanno dalla guerra in Albania alla caduta del Muro, travolgendo il Titta, un siciliano che ha più volte cambiato nome e identità nel corso della sua vita e che è finito a trascorrere le giornate in una piccola pensione della città divisa, ormai rifugio di spie che vengono da ogni parte del mondo. Il protagonista vive sospeso tra un passato scomodo e l'amore per una donna che non riesce a dimenticare.

Roberto Moliterni, senza sacrificare il ritmo proprio di un noir, riesce a penetrare e scavare i suoi personaggi, sempre in bilico tra il desiderio di scegliere il proprio destino o subire quello che la storia decide per loro. Il libro, che ha sconfitto più di 500 romanzi inediti pervenuti alle 21 sedi Rai di tutta Italia e si è aggiudicato la Giara d'oro, è una storia che intreccia amore e spionaggio, ripercorrendo un vasto arco di tempo che va dalla seconda guerra mondiale alla caduta del muro. Moliterni riesce a governare bene il complesso intreccio degli eventi, a trascinare il lettore per le vie di Berlino est, a fargli sentire le sue strade come una grande gabbia, a fargli respirare il clima di quegli anni dalla Bulgaria alla Praga della rivoluzione, con una scrittura capace di ricreare tutti i colori delle diverse fasi attraversate dal suo protagonista: dai toni forti e intensi della gioventù inconsapevole e idealista, a quelli cupi di una maturità disillusa, a quelli grigi di una vecchiaia rassegnata con un cuore solo apparentemente in inverno. Una scrittura che, senza sacrificare il ritmo proprio di un noir, è capace di penetrare e scavare i propri personaggi restituendogli tutte le contraddizioni della vita vera. Il protagonista si chiederà continuamente se siano state le proprie scelte a condurlo là dove si trova, o se la Storia, il contesto, le origini, gli abbiano tracciato un'unica strada percorribile. Moliterni, con una scrittura mai banale, traccia un personaggio la cui amara consapevolezza ha il pregio di non essere dimenticata dal lettore.

Roberto Moliterni (1984) è cresciuto a Matera. Dopo gli studi in cinema, nel 2010 ha vinto il Premio Malerba per la sceneggiatura In prima classe. Ha pubblicato Fare un corto (Dino Audino Editore, 2012), collabora come rubricista a diverse riviste e ha un blog su "Donna Moderna". Ha ideato insieme a due amici le carte da gioco "Materane". Arrivederci a Berlino est è il suo primo romanzo.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/04/2015 alle  16:47:15, nella sezione CRONACA,  530 letture)

totisRiceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa del Circolo PD di Augusta relativo alla candidatura a sindaco del professore Totis:

“Il circolo di Augusta del Partito Democratico, a seguito di un ampio e attento dibattito interno ed in linea con l’indirizzo politico del nuovo gruppo dirigente che ha sostenuto e promosso nell’ultimo anno, giudica positivamente la proposta politico-amministrativa lanciata dalla aggregazione civica formatasi attorno alle figure di Giambattista Totis e Alfredo Beneventano. Il gruppo dirigente del PD di Augusta sin dall’inizio del periodo di consultazioni con varie forze politiche e aggregazioni civiche affini del centro-sinistra, ha posto come primaria necessità la costruzione di una coalizione su base programmatica e non solo elettorale con il fermo obiettivo dell’individuazione di una coalizione che avesse come finalità primaria la rinascita della città di Augusta a partire dalla ricostruzione delle basi democratiche sulle quali si fonda una efficiente e trasparente organizzazione sociale che punta all’innalzamento della qualità di vita dei suoi cittadini. La linea politica del Partito Democratico, volta esclusivamente al bene della città e non a interessi partitici o personali, è stata resa possibile anche dalla disponibilità del partito, sempre espressa durante tutte le consultazioni, a rinunciare a una pur valida candidatura a Sindaco di una figura interna al PD, nell’interesse prioritario di aggregare più forze politiche in un raggruppamento il più ampio e coeso possibile attorno a quei principi inderogabili fin da subito dichiarati Riteniamo che questa più ampia aggregazione che viene a configurarsi con l’adesione del PD attorno alla figura prestigiosa per storia, competenze e valore etico e morale del professore Giambattista Totis abbia tutte le qualità per ridare ai cittadini di Augusta le giuste speranze di rinascita civile ma anche per soddisfare le loro legittime aspettative in tema di ripresa economica, di sviluppo delle opportunità di lavoro, di risanamento e tutela ambientale, di riorganizzazione e governo del territorio, di riconoscimento e difesa dei diritti, di promozione della cultura, di salvaguardia della legalità, etc.. pur nel difficile momento che attraversa la città. Riteniamo che questo progetto politico, per la coerenza e affinità dei suoi componenti, pur nella varietà delle loro tradizioni politiche di provenienza, che vanno dal riformismo socialista più o meno moderato e gradualista, mosso da spirito laico, al riformismo cristiano democratico, mosso da spirito cattolico, varietà che costituisce nel contempo un arricchimento per la stessa coalizione e riflette del resto la stessa origine ed essenza del Partito Democratico, consenta agli attivisti del PD di candidarsi orgogliosamente con il proprio simbolo. Spinti da queste motivazioni il PD prendere le distanze da una delle grandi ipocrisie che si stanno consumando nell’attuale campagna elettorale, che ha visto il proliferare di numerose liste civiche in cui, dietro l’apparente intento di rottamare i partiti politici tradizionali, cercano di celarsi i soliti personaggi della vecchia politica che possono in tal modo dare anche vita a coalizioni altrimenti innaturali e improponibili. Siamo convinti dell’utilità e dell’importanza del ruolo dei partiti politici perché riteniamo che nonostante tutto la democrazia ancora oggi continua a essere diffusa e salvaguardata nella società soprattutto grazie alla loro azione politica. L’orgoglio dell’appartenenza al Partito Democratico, e della partecipazione a questa tornata elettorale con una lista che riporta il proprio simbolo, lo riconduciamo anche al continuo sforzo dell’attuale gruppo dirigente del PD locale impegnato in una grande azione di rilancio del partito, che ha già visto un deciso rinnovamento dei suoi attivisti e dirigenti a testimonianza della reale volontà di creare tutte le condizioni di rilancio della politica cittadina. Siamo certi che il sostegno alla proposta politica e amministrativa partita con l’appello di Totis darà ancora più forza al partito in questa ampia azione di rinnovamento già avviata, sostegno che definizione e condivisione di un programma di governo più ampio e articolato che dovrà scaturire dalla elaborazione unitaria degli intenti programmatici predisposti dalle singole compagini componenti la coalizione e ispirarsi sempre ai principi di pluralismo, collegialità, rappresentatività, e operando sempre nello spirito democratico che prevede gli strumenti del confronto, del dialogo, della concertazione, della trasparenza, della partecipazione, del coinvolgimento, sia nei riguardi dei vari componenti della stessa coalizione di maggioranza di governo sia nei confronti di tutti i nostri concittadini.”

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 26/04/2015 alle  16:37:58, nella sezione CULTURA,  484 letture)

moni ovadiaSi avvicina l’inizio del cinquantunesimo ciclo di spettacoli classici in programma al Teatro greco di Siracusa dal 15 maggio al 28 giugno. “Le Supplici” di Eschilo sono affidate alla regia di Moni Ovadia (nella foto) che interpreta anche il ruolo del re di Argo, Pelasgo. Attore teatrale, drammaturgo, scrittore, compositore e cantante, Moni Ovadia ha dedicato gran parte della sua vita e della sua opera al recupero e alla rielaborazione del patrimonio artistico, letterario, religioso e musicale degli ebrei dell'Europa orientale. In linea con l’impegno civile di Ovadia già si parla di una messa in scena che renderà attuale la vicenda effettuando un parallelismo con gli emigranti di oggi. Infatti nelle “Supplici” le protagoniste sono delle 'richiedenti asilo' dell'epoca, anche se la loro è una condizione non debole, ma più forte di quella di chi oggi è nella stessa situazione, perché le supplici sono protette dal padre degli dei, Zeus, e le loro richieste di accoglienza sono perentorie, sanno di avere un diritto. Lo stesso diritto sancito poi dalla Bibbia, 'amerai lo straniero', dalle parole di Cristo, 'ciò che fai allo straniero lo fai a me', e che oggi è sancito dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo", come ha sottolineato lo stesso Moni Ovadia. Altra innovazione di regia sarà che il testo verrà recitato anche in siciliano e greco moderno. "La scelta del greco moderno è stato un atto politico, un riferimento all'attuale situazione della Grecia, mentre il siciliano è stato scelto per dare al testo di Eschilo maggiore intensità e sapore”. In scena anche "Ifigenia in Aulide" di Euripide per la regia di Federico Tiezzi e "Medea" di Seneca per la regia di Paolo Magelli.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 24/04/2015 alle  15:01:59, nella sezione CRONACA,  507 letture)

campo fontanaSi torna a parlare dell'intervento di bonifica del campo Fontana di Augusta, già inserito nell'accordo di programma settennale ma mai realizzato. L'immediata bonifica costerà 6.572.000 euro e porterà alla rimozione e allo smaltimento di tutta la cenere di pirite contenuta sotto il campo. Il candidato sindaco Marcello Guagliardo, aveva già inserito nel suo programma elettorale la proposta di bonifica e la riapertura al pubblico dello storico campo megarese. Qualche settimana fa, durante un incontro programmatico per la realizzazione di SPERO 20.20 (la Leopolda Siracusana su tematiche legate all'ambiente e allo sviluppo), alla presenza del Sindaco Garozzo e dell'assessore Contraffatto, Guagliardo aveva colto l'occasione per porre l'accento sull'urgenza di bonifica del campo sportivo. L'assessore Regionale all'energia Vania Contraffatto ha trasformato quelle parole in concretezza e quello che ad Augusta sembrava un miraggio pare che stia per diventare realtà. Non resta che affidarsi alla celerità e alla concretezza d'azione dell'assessore. Per quanto riguarda l’evento SPERO 20.20, l’appuntamento è per il 6 e il 7 giugno con una serie di incontri, focus e dibattiti su 12 temi centrali per Siracusa e la sua provincia. Un confronto aperto a tutti, ospitato nell’area ex industriale della Spero. Una scelta non casuale per una zona che vorrebbe diventare “altro” anche attraverso uno scambio di idee e posizioni. Spero 20.20 è organizzata dall’associazione Tempi Nuovi e vede la partecipazione degli esponenti renziani del PD siracusani ma anche regionali. Parteciperà anche il Ministro alle infrastrutture, Graziano Delrio, e Augusta sarà tappa del progetto per parlare di portualità e di sviluppo industriale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 24/04/2015 alle  13:10:05, nella sezione CRONACA,  769 letture)

morelloIn una convention ad Augusta presso Palazzo Zuppello, ha avuto luogo la presentazione del candidato Sindaco della coalizione di centro composta dalle liste civiche : “Azzurra”, “Impegno Comune” , e “SAL”. Oltre al candidato sindaco Domenico Morello erano presenti l’on. Giambattista Coltraro, per la lista “SAL”, e Paolo Amato per la lista “Azzurra” con in sala numerosi cittadini e amici, delle più disparate estrazioni, per sostenere un candidato espressione della società civile che si distingue per competenza e professionalità ma soprattutto che ha sempre mostrato con umiltà e spirito di servizio grande interesse per il variegato mondo dell'impegno sociale. Gli interventi di presentazione hanno spiegato la scelta di organizzarsi in una coalizione politica, capace di mettere al centro il progetto per la città e per il territorio, per affrontare le problematiche tutti insieme, facendo presente che questo è un momento importante in sé, ma ancor di più in relazione al contesto in cui interviene, caratterizzato da un lungo commissariamento, da assetti ed equilibri deboli da un punto di vista istituzionale, e da un quadro di bisogni sociali crescenti e di risorse che si riducono. Gli aderenti alle liste civiche “Azzurra”, “Impegno Comune” , e “SAL”, consci che la sfida che ci si accinge a raccogliere è impegnativa, si sono imposti, partendo da poche regole chiare e alcune linee guida, di essere corresponsabili in un progetto finalizzato al bene comune. “Un accordo non esclusivo, bensì inclusivo tale da poter coinvolgere variegate forze della società civile nell’ambizioso progetto di formare una comunità politica capace di coinvolgere persone di buona volontà, competenti e determinate – ha detto Paolo Amato – senza farsi imbrigliare nelle maglie strette delle polemiche sterili perché fortemente convinti che essere uniti, pur nelle diverse sensibilità ci rende più forti e più liberi”. L’on. Giambattista Coltraro ha ribadito che “Domenico Morello, essendo un buon conoscitore della macchina amministrativa ha le competenze per la gestione di un comune che richiede grande lavoro di squadra e potrà essere certo che a livello regionale troverà un interlocutore impegnato a sostenere ogni programma di lavoro utile, sostenibile e partecipato che tenga conto delle reali necessità dei cittadini e dell’enorme valore del territorio augustano”. Da parte sua Domenico Morello ha confermato di essere fiero di impegnarsi per far partire una Augusta migliore e di volersi impegnare insieme agli augustani nell’intraprendere vie nuove. “ So che nessuno di voi – ha detto - si aspetta che la nuova classe dirigente di Augusta possa risolvere tutti i problemi, ma ognuno di Voi, giustamente, chiede ascolto, chiede attenzione, rispetto e vuole avere la percezione concreta che qualcuno i problemi li sta affrontando davvero e in tal senso sottoscrivo l’impegno di assicurare una grande attenzione per i problemi reali, con senso di responsabilità e lealtà, costruiremo una politica di sviluppo intorno ai giovani, perché sono loro ad avere i bisogni più grandi nell’istruzione, nella sanità, nello sport, nello svago e nei consumi. Le sfide che ci attendono sono molteplici: dal lavoro alla crisi delle aziende, metteremo in campo una serie di azioni capaci di sostenere l’economia del territorio e stimolarne la crescita, con l’obiettivo di favorire la creazione di posti di lavoro, puntando sulla valorizzazione delle eccellenze del territorio, nel rispetto dell’ambiente, del paesaggio e della tutela della salute dei cittadini per creare opportunità di sviluppo e crescita. Le risorse sono in continua diminuzione e tutto ciò rende ancora più complesso amministrare, eppure non dobbiamo e non possiamo rinunciare al compito di fornire risposte e cercare soluzioni adeguate e credibili. La cultura dovrà essere valorizzata per la crescita di una cittadinanza attiva, vivace e stimolata, che torni a essere e sentirsi parte di una medesima comunità. La mia fiducia in Augusta è completa. Siamo certi che questa alleanza è destinata ad allargarsi, aggregando persone, liste, coinvolgendo tutti coloro che decideranno di ‘starci’, per cambiare davvero le cose”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 20/04/2015 alle  21:00:19, nella sezione CRONACA,  477 letture)

sergio pillitteriIl segretario del circolo del PD Tiche Epipoli, Sergio Pillitteri, accende i riflettori su un'opera lasciata a metà, situata nella zona alta della città, ovvero la seconda parte dei marciapiedi di viale Scala Greca, vale a dire da Largo Palatucci a traversa Belvedere di Scala Greca. "E’ necessario non distogliere assolutamente l’attenzione dall’iter burocratico o addirittura dal mancato reperimento dei fondi mediante appositi bandi finalizzati alla realizzazione del secondo tratto, ancor di più del primo considerato che vi è un esigenza impellente considerata l’alta densità di popolazione che risiede in questa parte del viale Scala Greca."

"Infatti il 2° tratto" aggiunge Pillitteri "è interessato da svariati condomini, istituti di credito, la sede della Questura, scuole, supermercati, uffici, ciò significa un alta fruizione di pedoni che sino ad oggi sono costretti a transitare senza alcuna garanzia di sicurezza, mettendo a rischio la propria incolumità. A che punto siamo? si chiede Pillitteri: di questo argomento nessuno parla. Perché questo assoluto disinteresse? "Dopo tutti questi anni, ancora ad oggi non è stata neanche avviata la pratica per gli espropri nei vari condomini e terreni ricadenti nel tratto in questione, visto che tale dinamica impiegherà svariato tempo.

Pillitteri, infine, lancia un appello affinché si possa creare un attenzione su questa mancanza di opera infrastrutturale fondamentale per la sicurezza dei cittadini, e per migliorare la loro vivibilità. "Attendiamo che si possa avviare un certo impulso su ciò. Continuerò a vigilare su tale mancanza."

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 16/04/2015 alle  09:38:06, nella sezione CULTURA,  637 letture)

valentiDomenica 19 aprile alle ore 18,30 presso il salone di ricevimento di Città della Notte verrà presentato il libro di poesie fresco di stampa dell’avvocato augustano Deborah Valenti, dal titolo “Il sussurro dell’anima”. Far poesia è cosa diversa dallo scrivere letteratura. Un romanzo ha bisogno, oltre che dell’intuizione di una trama, anche e soprattutto di un lavoro costante e continuo che, giorno dopo giorno consente di stendere un numero di pagine congruo alle esigenze dell’editoria. Scrivere una poesia è altra cosa. E’ un lampo, un’intuizione veloce, un’emozione dell’anima, che si concretizza in un componimento breve, in poche immagini originali, in alcune parole accuratamente scelte e soppesate, scritte per far emergere dalla psiche un proprio stato d’animo e comunicarlo agli altri, rendendo in tal modo universale ciò che è nato da un sentimento personalissimo ed intimo. valentiDeborah Valenti tutto questo lo sa e lo applica in modo perfetto nelle sue creazioni poetiche. “Il sussurro dell’anima”, la sua silloge di poesie, è stata data alle stampe col solo scopo di condividere con tutti noi le preziose perle (i sussurri) di un meraviglioso gioiello (la sua anima). La serata, voluta da Marco Bertoni, sarà allietata dalle musiche della pianista Carmela Caramagno e del giovane violinista Giovanni Di Mauro. Il libro sarà presentato dallo scrittore Raimondo Raimondi (assieme alla poetessa nella foto) e dal poeta Carlo Cantarella. Alcune poesie saranno affidate per una attenta e partecipata lettura a Giovanna Torbini, anch’ella avvocato innamorata della poesia.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 15/04/2015 alle  14:45:48, nella sezione ARTE,  495 letture)

assembleaSi è svolta a Siracusa domenica 12 aprile l’assemblea generale dei soci di Versus Artecontemporanea negli storici locali della Mediterranea Art Gallery di Via Dione, dove gli artisti del gruppo hanno dato il benvenuto ad una new entry, la pittrice catanese Anastasia Guardo. Rinfoltito il gruppo si pensa già ad una collettiva che avrà luogo tra maggio e giugno, ospitata negli ampi saloni del Palazzo del Governo di via Roma, opportunamente concessi dalla Provincia regionale di Siracusa. La mostra si intitolerà “Versus/contro”, sarà curata dal critico d’arte Raimondo Raimondi e dalla professoressa Giovanna Trefiletti e presenterà al pubblico siracusano le opere di Salvatore Barbagallo, Lisa Barbera, Giovanni D’Amico, Vanessa De Grandi, Sebastiano Dipasquale, Anastasia Guardo, Vito Guardo, Santo Paolo Guccione, Rita Marta Massaro, Armando Nigro, Raimondo Raimondi, Marinella Raniolo, Elena Rizza, Giovanna Trefiletti e Patrizia Trefiletti. Le suggestive percussioni di Paolo Greco, famoso musicista anch’egli in forza al gruppo Versus, accompagneranno gli artisti in questa loro impresa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 13/04/2015 alle  14:53:22, nella sezione CRONACA,  493 letture)

UN DUE TRE TERRAContinua l'impegno per gli Istruttori Nazionali di Blsd del Centro di Formazione dell''associazione Ambiente e Salute Onlus Accreditato dalla Salvamento Academy Italia di Belvedere nel diffondere la cultura del Primo soccorso e in particolar modo del massaggio Cardiaco, uso del defibrillatore semi-automatico esterno (DAE) e Disostruzione (Adulto, Bambino e Lattante). Protagonisti il team di Istruttori Nazionali di Blsd - Pblsd della Salvamento Academy, Giuseppe Laurettini e Giuseppe Di Benedetto. Sabato 11 Aprile 2015 giornata dedicata alla formazione grazie al sostegno del Centro Servizi Volontariato Etneo nell'ambito delle azioni formative 2014, è stato possibile formare i 10 volontari di Protezione Civile dell'Associazione Volontari Soccorso Antincendio di Siracusa presieduta dal Sig. Sebastiano Carrini, sono stati certificati con il corso da Operatori Esecutori di Blsd - Pblsd - Salvamento Academy. "Siamo davvero entusiasti - spiega il Presidente nonchè Direttore del Centro Formativo, Giuseppe Laurettini - che grazie al CSVE che ci supporta in diverse attività e progetti da diversi anni, siamo riusciti a formare i volontari AVSA che quotidianamente sono impegnati nell'assistenza e soccorso della popolazione abbiano riconosciuto di certificarsi per essere pronti a qualunque evenienza, a salvare una vita. Gli Istruttori hanno consegnato la certificazione di Struttura Protetta in quanto l'associazione in questione è dotata di defibrillatore semi automatico esterno.. Adesso sapranno come salvare una vita! "Ci auspichiamo che la nostra missione - concludono Laurettini e Di Benedetto - venga sposata da numerose persone al fine di diffondere sempre più la cultura del Primo Soccorso riducendo così il numero delle vittime che purtroppo ancora oggi sono numerose. Le statistiche nazionali parlano infatti di circa 50 bambini morti soffocati, 1 ogni settimana, e 73.000 persone morte da arresto cardiaco improvviso. Per questo motivo il nostro progetto è quello di diffondere una rete di defibrillatori in luoghi pubblici e formare l'intera comunità a saper intervenire attraverso il nostro slogan che riuscire a Salvare una Vita equivale a Salvare il mondo intero. Prosegue anche l'impegno di diffusione delle manovre salvavita di Disostruzione Pediatrica in diverse strutture pubbliche e private della città che hanno già aderito all'iniziativa, attraverso lezioni interattive e gratuite, presso la Cooperativa IRIS di Siracusa in viale Teocrito, 98, che ha visto la partecipazione di 15 operatori Asacom - Assistenti all'autonomia e comunicazione dei soggetti diversamente abili - i quali operano quotidianamente in diverse scuole della città, lezioni tenute inoltre presso il XII Istituto Comprensivo di Belvedere nell'ambito del progetto Insieme si Può, e Un, Due, Tre Terra - Laboratorio per bambini e ragazzi di Laura e Concita Musumeci in via Tevere 47, con la presenza di numerosi genitori.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 10/04/2015 alle  14:39:42, nella sezione EVENTI,  439 letture)

belleSabato 11 aprile, alle ore 17.00, nella sala conferenze della Galleria civica di Palazzo Raeli in piazza del Popolo a Floridia, si terrà la proiezione del film TV “Belle”, del regista Tommaso Latino, prodotto dalla “Prix Television” in collaborazione con “CortoBarocco” e i cui incassi andranno a sostegno della Casa Meter ONLUS di don Fortunato Di Noto, che nel film fa anche una apparizione straordinaria. L’evento è organizzato dalla Comanderia “Xiridia” della congregazione cristiana dei Templari federiciani. Il film, una sorta di favola postmoderna ironica e graffiante, racconta il complesso mondo giovanile e la società di oggi attraverso una analisi dei linguaggi, dei codici comportamentali, delle mode e delle rappresentazioni sociali legate alla visione del mondo che hanno i giovani. L’assunto del film è che, spesso, “il peggiore dei mondi possibili può, in realtà, rivelarsi come il migliore dei mondi possibili” in cui vivere. Parteciperanno al dibattito che seguirà la proiezione, oltre alle istituzioni, il regista Tommaso Latino e il produttore cinematografico Corrado Armeri, e lo staff che ha realizzato il film: Santo Cassibba, attore, Giuseppina Di Tomasi, direttrice costumi, Lucia Caccamo, stilista, Katia Augello, make up, Donatella Accolla, hair style. Il semiologo e critico Salvo Sequenzia analizzerà i contenuti e le strutture formali dell’opera.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 08/04/2015 alle  18:38:18, nella sezione CULTURA,  504 letture)

Il 10 aprile presso La Casa Del Libro Mascali di via delle Maestranze, incontro dal titolo "In principio sono le carezze": lo scrittore Gianfranco Damico e la psicologa Marcella Cifali converseranno con Luca Raimondi intorno ai temi proposti dal recente romanzo di quest'ultimo, dal titolo "Tutto quell'amore disperso", edito dalle Edizioni Il Foglio; i problemi psico-relazionali del suo tormentato alter-ego Carlo Piras, figlio unico in cerca di maturità sentimentale nella Catania anni '90, saranno così sottoposti a un'inconsuenta disamina. Come ha recentemente scritto Milena Privitera su "Pickline", "Carlo è metafora della generazione dei ventenni di fine millennio, aspiranti filosofi, ragazzi complicati, rockettari per hobby, attori teatrali dilettanti, cinefili impegnati in cortometraggi pretenziosi, attivisti di Rifondazione Comunista. Le loro sofferenze diventano più leggere grazie ai video di MTV, gli intramontabili CCCP – Fedeli alla linea, la militanza politica, Moretti, le vacanze a Ibiza, l’ascolto a tutto volume dei Verve. Ragazzi e ragazze che s’incontrano in gruppi di studio malassortiti e in luoghi cult di Catania come la “Fera ‘o luni” o il Monastero dei Benedettini."

E Sofia come dice bene la quarta di copertina di questo romanzo-diario è “l’ennesimo, gradito giocattolo da distruggere. Per poi rimanere ancora una volta da solo e capire, finalmente, che no, non era bello così, non mi piaceva, vivere così. Che così dettava il bisogno derivato dall’abitudine, dalla consuetudine, di essere solo ma… non era bello, proprio no. Ho bisogno di lei, dello specchio che mi pone davanti per farmi notare la mia bellezza ma anche e soprattutto le cicatrici derivate dai miei errori”. In “Tutto quell’amore disperso”, Carlo/Luca ci racconta in prima persona del suo primo amore, di cosa significhi essere figlio unico, della fatica dello studio della “sophia” universitaria (filosofia), dell’amore per la musica soprattutto e per il cinema in un lungo memoire che ci spiega in maniera semplice come sia difficile crescere, maturare, trovare la propria strada una volta immersi nell'intrico delle relazioni umane.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 08/04/2015 alle  18:17:57, nella sezione EVENTI,  448 letture)

jessicaSabato 11 Aprile alle 18:30 verrà inaugurato il nuovo QuattroTerzi LAB in via Garibaldi n. 35 ad Augusta. L’Ass. Cult. QuattroTerzi, a distanza di un anno dall’inaugurazione della precedente sede sita in via P. Umberto, decide di rinnovarsi nel look e nelle strategie culturali da offrire alla cittadinanza. Il nuovo LAB di Via Garibaldi è sito in uno dei palazzi storici della via, famoso per aver ospitato per anni una tabaccheria conosciuta in tutta la città. Lo spazio, totalmente ristrutturato, si presta efficacemente al nuovo progetto di Quattroterzi grazie all’ampiezza del locale e alla sua posizione centrale. L’acronimo LAB (Loft And Break) è stato scelto per dare una connotazione nuova e fresca in uno spazio che QuattroTerzi mette a disposizione della città. Mostre, cineforum, presentazioni di libri, spettacoli teatrali e musicali, sono solo alcune delle attività che l’Associazione ha ideato e pianificato in questi mesi. Un grande laboratorio in centro città aperto a idee e proposte di natura culturale e artistica. “Il cambio di sede è stato una scelta coraggiosa ma inevitabile – dice Jessica Spinelli, presidente QuattroTerzi (nella foto) - poiché nasce da una serie di carenze di cui la città è afflitta ormai da troppi anni. QuattroTerzi LAB è uno spazio aperto a tutti offrendo alla città un diversivo di carattere culturale; non possiamo e non vogliamo sostituirci a un’amministrazione comunale che deve investire in spazi pubblici destinati alla cultura. Una città senza cinema, teatro, impianti sportivi e punti di aggregazione vive un disagio che si ripercuote sulla cittadinanza. Noi vogliamo dimostrare che volere è potere, aprendo il nostro LAB a tutte le realtà associative e alla città tutta. Forti dell’esperienza della scorsa Estate Augustana, totalmente autogestita da associazioni e artisti augustani, crediamo che un cambio di rotta sia non solo possibile ma necessario”. Durante l’inaugurazione di sabato 11 aprile potremo visionare alcune delle opere di tre artisti augustani: Antonino Cammarata, Fiorella Aloisi e Carmelo Greco, mentre sul finire della serata potremo godere dell’ottima musica degli LtG. QuattroTerzi dimostra di essere profondamente radicata nel tessuto cittadino e che il proprio lavoro non si limita all’organizzazione di SHORTini Film Festival. Durante l’anno sono numerosi gli eventi organizzati e grazie al nuovo LAB l’offerta sarà ancora maggiore e più variegata. La sfida che affronta l’associazione è stimolante soprattutto in una città come Augusta che non offre spazi dedicati all’arte e alla cultura, se non gestiti con enormi sacrifici da associazioni o privati. QuattroTerzi Lab sarà immediatamente operativo con una serie di eventi tra cui il cineforum che inizierà martedi 14 aprile e “Ti affido il mio libro” domenica 19 aprile.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 07/04/2015 alle  16:09:34, nella sezione EVENTI,  459 letture)

free voiceDopo la pausa delle festività pasquali riparte con la musica l'attività culturale del 2015 dell'associazione culturale "Per la città che vorrei". Venerdi 10 Aprile 2015 alle ore 19,30 all'Istituto Musicale Privitera in via Regina Margherita 19 si esibiranno i FREE VOICE, cioè Francesco Gibaldi, Giuseppe Pitarresi e Costanza Finocchiaro, con un concerto dei brani più famosi di artisti internazionali, intercalati dalla narrazione delle loro biografie e con la videoproiezione di alcune foto e filmati della loro vita. "Esprimiamo grande soddisfazione" afferma il Presidente dell'associazione, Sergio Pillitteri, "perché pur senza il contributo di alcun ente pubblico, con passione, impegno e la tanta determinazione dei nostri soci e dell'intero direttivo abbiamo raggiunto ottimi risultati".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 07/04/2015 alle  14:18:12, nella sezione EVENTI,  444 letture)

etna comicsTra gli ospiti della quinta edizione di Etna Comics, che avrà luogo alle Ciminiere di Catania dal 30 maggio al 2 giugno 2015, ci sarà anche Angelo Stano, la “prima matita” del celebre fumetto cult “Dylan Dog”. Infatti la prima leggendaria storia di Dylan Dog porta la firma di Angelo Stano, le cui tavole i visitatori di Etna Comics potranno ammirare dal vivo alla quinta edizione del Festival Internazionale del fumetto e della cultura pop. E Angelo Stano sarà per la prima volta presente alla manifestazione catanese, ospite di Etna Comics e di Bonelli Editore. L’esordio nel mondo del fumetto della “prima matita” di Dylan Dog coincide, nel 1973, con una riduzione de “Dalla Terra alla Luna” di Jules Verne pubblicata in un pocket dalla Editrice Sole. Nel 1975 Stano realizza alcune storie autoconclusive per il settimanale Audax della Arnoldo Mondadori Editore e brevi episodi di guerra per la Editoriale Dardo, ma è nel 1985, dopo alcune collaborazioni con varie case editrici del settore e già 4 anni di insegnamento all’attivo alla Scuola del Fumetto di Milano, che con la Sergio Bonelli Editore arriva la svolta. Lui stesso, più avanti, rivelerà che in quel momento della sua vita professionale cercava “un segno che desse maggior sfogo all’espressività, a qualcosa che arrivasse da dentro e non dall’esterno”. Fu proprio allora che arrivò la chiamata dell’autore Tiziano Sclavi. “Mi diede la sceneggiatura del primo numero di Dylan Dog – racconta Stano – io la lessi e pensai che era veramente bella e che non potevo lasciarmela scappare”. L’albo uscì nelle edicole nell’ottobre del 1986, con uno stile ispirato al pittore Egon Schiele e l’intento, evidente, di creare un’immagine misteriosa e un po’ ambigua. A partire dal numero 42, Stano subentrò a Claudio Villa come copertinista della serie dell’indagatore dell’incubo, mentre, con il numero 315 - La legione degli scheletri - del dicembre 2012, arriverà addirittura a ricoprire il ruolo di one man show, realizzando non solo la copertina e i disegni interni all’albo, ma anche il soggetto e la sceneggiatura. I fans di Dylan Dog non possono dunque lasciarsi scappare la possibilità di incontrare dal vivo il talento pugliese, che con la sua matita impreziosirà una manifestazione che si annuncia già ricchissima.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 04/04/2015 alle  10:21:03, nella sezione ARTE,  585 letture)

trefiletti e raimondiDa un’idea del critico d’arte Raimondo Raimondi e della professoressa Giovanna Trefiletti (entrambi nella foto a sinistra) nasce il progetto “Versus Arte Contemporanea” con l’emblematico motto “la bellezza contro la barbarie”. Nasce a Siracusa, ma vi fanno parte artisti di varie provincie siciliane che si dedicano a tante forme d’arte visiva: pittura, scultura, fotografia, digital art e altro. Fanno parte del sodalizio Salvatore Barbagallo, Lisa Barbera, Giovanni D’Amico, Vanessa De Grandi, Sebastiano Dipasquale, Vito Guardo, Santo Paolo Guccione, Rita Marta Massaro, Armando Nigro, Raimondo Raimondi, Marinella Raniolo, Elena Rizza, Giovanna Trefiletti e Patrizia Trefiletti.

“Dall’incontro tra sensibilità artistiche diverse - scrive Raimondo Raimondi - è nata l’idea di aggregare un gruppo di creativi che si esprimono nelle varie forme delle arti visive: pittura, scultura, fotografia, installazioni, digital e body art e quant’altro le moderne tecnologie, affiancate alle più classiche tecniche, possono fornire quale mezzo di realizzazione di tutte quelle idee che turbinano nelle menti di coloro che sono posseduti dal male oscuro dell’irrequietezza intellettiva. Il sodalizio, che unisce artisti di varie città siciliane, ha come scopo lo scambio di idee e di opinioni, la reciproca conoscenza umana ed artistica, l’organizzazione comune di manifestazioni, dibattiti, mostre, attività e ricerche per il raggiungimento e la diffusione di obiettivi culturali ed artistici e per la valorizzazione delle opere di ognuno degli appartenenti al gruppo, esplorando ogni aspetto della creatività umana. Questi compagni d’avventura, ai quali altri si aggiungeranno certamente in corso d’opera, vogliono dimostrare come sia ancora possibile al giorno d’oggi fare arte con caparbia convinzione ed eccellenti risultati, regalando a tutti emozioni ottiche e sensoriali, facendo vibrare gli animi, scuotendoli dall’appiattimento della passività imperante nella società massificata e televisiva. In questo senso VERSUS - conclude il critico d’arte - è una intitolazione che esprime il sentimento di chi come noi non si dispera, ma reagisce CONTRO la ripetitività, l’imitazione e la noia, CONTRO l’incapacità di dare sfogo alle proprie emozioni, comunicando attraverso l’opera d’arte con lo straordinario mondo che ci circonda”.

logoversusGiovanni D’Amico è un artista visionario, eccentrico e creativo, Vanessa De Grandi ha alle spalle una solida preparazione accademica, Sebastiano Dipasquale è un fotografo d’arte che realizza scatti passati al filtro di una sensibilità artistica e cromatica che non ha eguali, Giovanna Trefiletti si basa prevalentemente sul disegno e sul colore, elementi unificati dal collante delle sue emozioni e sensazioni, Raimondo Raimondi ha maturato in decenni di studio, di sperimentazione e di ricerca un personale linguaggio artistico, Marinella Raniolo si esprime nella sua tematica di sempre che è la figura umana, il nudo femminile, la suggestione degli sguardi, l’erotismo delle forme, Rita Marta Massaro è un’artista sempre in divenire, multidisciplinare, laureata in scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Catania, Santo Paolo Guccione scultore del legno, dell’argilla e della pietra, canta la vita semplice e dura ad un tempo, una vita però in cui non si è mai soli, Vito Guardo anch’egli scultore sa liberare il palpito stesso del materiale, Patrizia Trefiletti esprime nelle sue tele una capacità realistica che non riesce a celare la sua profonda emotività, Lisa Barbera fin da piccola ha dimostrato un enorme interesse per l’arte, conseguendo la maturità artistica prima e il diploma accademico dopo presso l’Accademia di Belle Arti di Catania, Salvatore Barbagallo con una approfondita ricerca personale si dissocia da ciò che sono le convenzioni dell'arte classica e abilmente gioca con la punta della sua immaginazione, Elena Rizza è una giovane artista che si definisce fashion photographer e icona di stile ed è Art Director di un locale che si chiama Violet Live, dove espone le sue opere d’autore, infine il pittore Armando Nigro che si esprime mediante l'antica disciplina della pittura figurativa ad olio su tela mescolata con la sua sensibilità di romantico e sognatore che si ispira alla bellezza femminile come musa ispiratrice del suo mondo immaginifico. Questi i 14 iniziatori di un sogno, di un progetto d’arte aperto cui, strada facendo, potranno unirsi tutti coloro che vorranno condividere, avendone le qualità, il sentimento racchiuso nel motto “la bellezza contro la barbarie”. In questi tempi cupi e terribili soltanto lo scudo dell’Arte può salvarci dal degrado delle coscienze.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1

 2317 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (222)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (59)
COSTUME E ATTUALITA' (111)
CRONACA (720)
CULTURA (195)
EDITORIALI (26)
EVENTI (266)
LIBRI (179)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017

Gli interventi più cliccati

< settembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             


Titolo

 



Titolo
foto (1)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


20/09/2017 @ 11:20:55
script eseguito in 226 ms