\\ Home page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 29/06/2014 alle  10:35:12, nella sezione EVENTI,  661 letture)

est augustanaFinalmente anche Augusta avrà la propria programmazione di eventi artistici e culturali per l’estate 2014. Dalla collaborazione tra diverse realtà associative e singoli artisti attivi sul territorio megarese nasce l’ “Estate Augustana 2014”, un cartellone di eventi, spettacoli, manifestazioni che possano rendere più vivace ed interessante l’estate che si appresta ad iniziare. L’Estate Augustana nasce con l’intento di arricchire la stagione che è appena iniziata. Dall’ 1 Luglio al 15 Settembre, cultura, intrattenimento, sport e riscoperta del territorio saranno le offerte rivolte a tutti i cittadini che amano vivere la propria città e vogliono vederla rifiorire e crescere.

L’iniziativa è totalmente autogestita dal comitato proponente, senza sponsor, senza contributi pubblici, senza patrocini da parte della pubblica amministrazione.

Il comitato proponente è costituito da: Augusta Blues, QuattroTerzi, Giovanni Villari, Circolo Unione, Info Point turismo, B&B il Carmine, Associazione Diapason, Libreria letteraria, Peri Peri, Marilighea, Shloq, Associazione Leonardo Da Vinci, Sportlife, Augusta Photo Freelance, Andrea Cimino, Stratogemmateatro, libreria Mondadori, Arabesque.

“L’Estate Augustana 2014 vuole essere un contenitore – spiega Stefano Cacciaguerra, responsabile del progetto – di eventi artistici, culturali e di spettacolo. Da mesi lavoriamo ad un programma che pian piano si è arricchito di eventi in un crescendo di entusiasmo. Malgrado Augusta stia vivendo un periodo estremamente difficile, l’Estate Augustana mette in luce la voglia, da parte di associazioni, artisti e cittadini di fare rete offrendo agli augustani un’estate ricca e briosa di eventi.” Questa iniziativa vuole anche dimostrare che con pochi e mirati investimenti e con la disponibilità da parte di tutti a collaborare, si può creare un cartellone di eventi di tutto rispetto, in grado di dare risalto a molte realtà cittadine e di soddisfare il pubblico e i turisti che d’estate soggiornano ad Augusta. Il Comitato organizzatore auspica che presto la città possa disporre di spazi sociali messi a disposizione di tutti i cittadini, di spazi in cui si possano svolgere eventi culturali, artistici e legati allo spettacolo.

Il programma completo dell’Estate Augustana 2014 è visionabile su www.facebook.com/estateaugustana.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 28/06/2014 alle  15:15:07, nella sezione CRONACA,  809 letture)

cavarraCi è pervenuto un comunicato sottoscritto da numerosi organi e associazioni locali, che pubblichiamo qui di seguito:

Apprendiamo ogni giorno dalla stampa locale la notizia dell'imminente rimpasto all'interno della giunta Garozzo. In particolare un noto quotidiano siracusano ha avanzato un'ipotesi di sostituzione, tra gli altri, dell'assessore Maria Grazia Cavarra (nella foto a sinistra, n.d.r.). Non potevamo tacere, anche se si tratta di notizia mai confermata da fonti ufficiali, e abbiamo voluto esprimere il nostro pensiero attraverso il documento che segue.
Dopo un anno di amministrazione, la Giunta presieduta dal Sindaco Giancarlo Garozzo, ha dimostrato coesione, umiltà, coerenza ed efficacia. Il motivo che spiega questo risultato proviene da due nature fondamentali: la professionalità rinforzata da esperienza di ogni componente ed il forte sentimento d’amore che spinge ognuno di loro a svolgere il prestigioso nonché difficoltoso ruolo, vista l’eredita catastrofica tramandata da 15 anni di incompiute e malefatte politiche precedenti all’attuale Amministrazione.  Tra i componenti di Giunta Comunale, la libera cittadinanza ed il mondo dell’associazionismo organizzato,  ritrovano nella persona di Maria Grazia Cavarra, l’Assessore di riferimento, l’Assessore amico, l’Assessore delle confidenze più intime. L’Assessore dal forte senso umano. Finalmente un Assessore conoscitore delle materie per le quali svolge la propria attività politica. A Maria Grazia va inoltre il riconoscimento dell’eccellente lavoro svolto per le deleghe che Le competono, malgrado i fondi economici carenti per lo sviluppo, la Sua capacità aggregativa e coinvolgente ha fatto si che la comunità siracusana riscoprisse l’amore per lo  sport attraverso attività educative mai praticate in passato. Un vulcano d’idee, detto da molti, dai più disparati ambiti sociali, dalle scuole, dalle società, da liberi cittadini a cui si sente spesso esclamare: lunga vita a Maria Grazia.
Confidando nel buonsenso del Sindaco Giancarlo Garozzo, distintosi soprattutto per la capacità di formare una squadra di alto valore professionale ed umano al contempo, chiediamo che Maria Grazia Cavarra rimanga a svolgere il ruolo di Assessore Comunale, egregiamente impersonato e dallo stesso Sindaco riconosciuto, per il bene e lo sviluppo della società Siracusana.


Pol. Desda
Medea Twirling
Holimpia Volley
Siracusa Atletica
Le Formiche Siracusa
ASD Athena
Aretusa Basket
ASD Siracusa Basket
Danza Sportiva
Baskin
Olimpia Atletica
Ass. Love project (joga)
Subbuteo club Siracusa
ASSE (Equitazione)
Badminton
Coordinamento delle associazioni di protezione civile  
Consulta Giovanile        
Associazione Noi cuori e colori   
Sport club Pantanelli    
Gruppo prSelfie@event  
Associazione SI.CU.LI.
Comitato eventi balneari
Consulta Civica di Siracusa (La Giunta Civica, in particolare, per le deleghe condivise, l’Assessore Civico allo sport Bruno Pernich e Assessore Civico alla protezione civile e salute sociale Emilio Zuccarini).

Numerose altre organizzazioni associative, non legate alle deleghe assessoriali di Maria Grazia Cavarra, sostengono e ne condividono l’operato ad oggi svolto.
 

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/06/2014 alle  13:10:29, nella sezione EVENTI,  492 letture)

convegnoParticolarmente sensibile alla tematica dell’immigrazione, il deputato regionale Giambattista Coltraro annuncia che il movimento Sal ha organizzato un convegno, in programma lunedì prossimo alle 19, nell’aula consiliare del Comune di Augusta, dal titolo “Emergenza immigrazione - Istituzioni e cittadini a confronto”. L’incontro, che intende dare risposte e notizie esatte alla popolazione, troppo spesso disinformata e preoccupata dall’emergenza sbarchi, prevede diversi e qualificati interventi. Aprirà il convegno la dott.ssa Maria Carmela Librizzi, della Commissione straordinaria del Comune di Augusta, seguirà l’intervento del contrammiraglio Roberto Camerini, comandante militare marittimo autonomo in Sicilia (Marisicilia) e poi quello della dott.ssa Giuseppina Pignatello, dirigente dell’unità territoriale Sr - Usmaf. In programma anche gli interventi del dott. Carmelo Sapia, responsabile provinciale Sal e del dott. Giuseppe Occhipinti della Protezione civile. Chiuderà il convegno l’onorevole Giambattista Coltraro, che in una nota ribadisce come il governo regionale “non può e non deve dimenticare l’impegno, lo sforzo e la generosità che i Comuni di Augusta e di Portopalo hanno messo, e continuano a mettere, in campo per aiutare i tanti migranti che giungono sulle coste siracusane alla ricerca di un futuro migliore. Per questo - aggiunge - mi impegnerò in maniera concreta affinché il governo regionale preveda dei fondi anche per questi due Comuni della provincia aretusea, al momento penalizzata senza alcuna ragione”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/06/2014 alle  12:55:31, nella sezione EVENTI,  940 letture)

LABISI1Si è svolta sabato 21 giugno presso l’ Hotel Nettuno di Catania, con la conduzione di Nino Graziano Luca e Maria Monsè, la XXI Edizione del Premio Internazionale Targa d’Argento “Antonietta Labisi”, organizzato dall’avv. Corrado Labisi, presidente dell’Istituto Medico Psicopedagogico “Lucia Mangano” di Sant’Agata Li Battiati. Tra le personalità premiate per la cultura e l’informazione Elisa D’Ospina, top model taglia forte cheinsegna come accettare il proprio corpo attraverso il cervello, l’autoconvinzione di trovare in sé la propria bellezza che molte donne non vedono perché erroneamente distorte dal proliferare di falsi modelli commerciali dettati dalla moda e dei media. La D’Ospina ha recentemente pubblicato il libro “Una vita tutta curve”edito da Giunti Editore, in cui traspare evidente il messaggio terapeutico dell’accettarsi così come si è, senza l’abbandono pericoloso verso i disturbi mentali che spesso sfociano nell’anoressia o nella bulimia. Proiettato anche un video dedicato all’opera di Antonietta Labisi, fondatrice dell’Istituto Medico Psicopedagogico “Lucia Mangano”, alla cui memoria è intitolato il premio. Tanti i premiati tra cui S.E. Yevhen Perelygin, ambasciatore dell’Ucraina in Italia, destinatario del premio per i rapporti diplomatici, che ha ricevuto la targa dal dott. Giovanni Tinebra, Procuratore Generale della Repubblica di Catania. Elisa D’Ospina, ha ritirato il riconoscimento dalle mani dottor Salvo Labisi, coordinatore generale del comitato Associazione Internazionale Antonietta Labisi. A consegnare il premio ad Albert Ignatenko, docente di tecnologia Psico-informazionale all’Università Internazionale di Studi Fondamentali dell’Ucraina, è stato l’Ammiraglio Gaetano Paolo Russotto, già Presidente Gieie Mare Nostrum nonché vicepresidente del Kiwanis Club di Augusta. Il Comandante del RIS Generale Luciano Garofalo, esperto in casi di cronaca nera per diverse trasmissioni Mediaset, autore di varie pubblicazioni sul tema, ha ricevuto la targa d’argento dal prof. Salvatore Ranno dell’Università di Catania. L’avv. Corrado Labisi ha chiuso la serata inneggiando alla fratellanza universale tra i popoli oltre ogni barriera culturale, politica e geografica.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/06/2014 alle  12:44:32, nella sezione CINEMA,  549 letture)

cinema di frontieraSette giorni di proiezioni di lunghi, corti, documentari e fuori formato, di incontri e di musica. Si rinnova, dal 21 al 27 luglio prossimi, l’appuntamento con il Festival internazionale del cinema di frontiera di Marzamemi. L’antico borgo marinaro infatti, ancora una volta, per la quattordicesima volta, ospiterà la manifestazione cinematografica ideata e diretta dal regista Nello Correale e organizzata dal Centro naturale commerciale “Marzamemi” e dal cinecircolo Festival internazionale Cinema di Frontiera. Marzamemi si prepara insomma a divenire di nuovo la sala cinematografica a cielo aperto più grande e più a Sud d’Europa, in un confronto “obbligato” per chi voglia interrogarsi e provare a capire il legame forte che tiene insieme frontiere diverse: la Sicilia, il Mediterraneo e i Paesi del Sud del mondo. Come spiega infatti il direttore del Festival internazionale del cinema di frontiera, Nello Correale, “uno dei motivi dichiarati della manifestazione è quello di utilizzare il cinema non solo come mezzo di espressione artistica, ma anche come strumento di conoscenza di popoli e costumi. Un film è sempre espressione di un mondo interiore, che sottende scelte individuali ma, allo stesso tempo, corrisponde e richiama luoghi e culture di interi popoli. Anche un piccolo film dichiaratamente intimista segna il luogo ed il tempo da cui proviene. Per questo portare sullo stesso schermo in faccia al mare, per una settimana, film che non raggiungono facilmente le nostre sale, è un’occasione unica e importante, non solo da un punto di vista critico ed estetico, ma anche perché trasforma il cinema in un’arma efficace per abbattere muri e frontiere. Così come per sua natura il mare fa da sempre, per il suo essere un confine liquido e non segnato”. Diverse, come ogni anno, le sezioni del Festival: 22 film Fuori Formato e documentari che arrivano dalle frontiere calde del mondo, 6 film del Concorso internazionale dei lungometraggi, e il Con-corto, una selezione di 16 cortometraggi in concorso, curata dalla Filmoteca Laboratorio 451, che accoglie il meglio del cinema breve italiano e un Focus sul cinema corto e documentario iraniano, curato e presentato dal famoso montatore e attore premio Oscar Babak Karimi. Quest’anno saranno inoltre aumentate le occasioni di incontro e di riflessione, con un maggiore spazio riservato agli incontri con gli autori e con gli operatori del settore, che si svolgeranno nel cortile di Villa Dorata, per la presentazione di libri e altro.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 24/06/2014 alle  21:51:29, nella sezione CRONACA,  458 letture)

Venerdì mattina si è rotto un tubo nei pressi del distributore Esso - Casalaina, all’ingresso di Augusta, e da allora praticamente tutte le case della borgata e di Monte Tauro sono rimaste senz’acqua fino a domenica sera. Poi, a seguito di un intervento straordinario, la situazione è andata migliorando ma ancor oggi in certe zone l’acqua scorre col contagocce o non scorre affatto, creando allarme e preoccupazione nella popolazione che teme di restare senza il prezioso liquido proprio in questi giorni di gran calura.

La scelta annunciata del Comune di Augusta di riappropriarsi della gestione degli impianti idrici ha provocato un coro di approvazioni vista la pessima gestione della fallita Sai 8 Spa.

“Quello che è successo lo scorso fine settimana in alcune zone di Augusta, dove decine e decine di famiglie si sono ritrovate senz'acqua – ha dichiarato l’onorevole Giambattista Coltraro, presidente del movimento Sal, Sviluppo, autonomia, lavoro, e segretario della commissione Attività produttive dell’Ars - è inammissibile e credo che dopo questo episodio, la scelta del Comune di prendere in mano la situazione, sia la più saggia e la più giusta. Per questo non posso che esprimere il mio plauso nei confronti della commissione straordinaria di Augusta che ha agito per il bene della comunità”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 23/06/2014 alle  09:33:34, nella sezione CRONACA,  498 letture)

Bruno Marziano, presidente della Terza commissione “Attività produttive” dell’Assemblea regionale siciliana, prende posizione riguardo alle condizioni in cui versano i due tratti autostradali da Rosolini a Siracusa e poi sino a Catania. Per due motivi diversi. Due delle gallerie del tratto che va da Siracusa a Catania, sono completamente al buio e senza la garanzia minima di sicurezza. «Non è possibile – ha dichiarato il deputato regionale - che le gallerie si tengano per così lungo tempo, ora più di un anno, senza illuminazione. Mi pongo un problema: come è possibile che in una autostrada ipervigilata, dove esistono videocamere, possano essere stati commessi furti di rame? C’è qualcosa che non funziona nel sistema di sorveglianza». Oltre all’assenza di illuminazione ad aggravare la situazione ci sono gli svincoli “oscurati” dalle erbacce e i lavori di riqualificazione del tratto Rosolini-Cassibile. «Gli svincoli in alcuni tratti sono in condizioni di pericolosità, perché le erbacce sono così folte ai margini della carreggiata che quando si imbocca lo svincolo è ostruita la visibilità agli automobilisti». Sulla Rosolini- Cassibile sono iniziati i lavori di riqualificazione, in coincidenza con il periodo estivo. «E’necessario – continua Marziano - che il Consorzio autostrade siciliane garantisca che il sabato e la domenica nella zona di restrizione del traffico ci sia il personale che garantisca il normale deflusso e tutto quello che è necessario per evitare sofferenze per gli automobilisti. Altrimenti aumenteranno i tempi di percorrenza e la situazione sarà aggravata dalle modalità in cui opera il casello di Cassibile: si rischiano lunghissime file. È al via una stagione estiva in cui la zona sud tornerà ad essere uno dei poli di attrazione della Sicilia sud orientale: presenterò una interrogazione parlamentare all’assessore alle Infrastrutture ed ai Trasporti, in cui chiedo interventi nei confronti di Cas e Anas, perché non si può prevedere una stagione di inferno per gli automobilisti, sia turisti che residenti».

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 20/06/2014 alle  14:41:56, nella sezione LIBRI,  651 letture)

PRES1Con il patrocinio della Fidapa e del Kiwanis Club, giovedì 19 Giugno 2014, nell’elegante salone di rappresentanza del Circolo Unione di Augusta, è stato presentato a un folto pubblico di intervenuti il libro “L’undicesima” di Raimondo Raimondi, edito dalle Edizioni Il Foglio. Dopo una breve introduzione del cerimoniere del Kiwanis ing. Domenico Morello, che ha ricordato come parte degli introiti per la vendita del libro saranno devoluti al Progetto Eliminate, inteso a debellare il tetano neonatale nei paesi del terzo mondo, Rosalba Amara Partinico, presidentessa della Fidapa, ha presentato la relatrice professoressa Gabriella Rista, docente di Lettere presso il Liceo Classico che ha illustrato il contenuto del libro. PRES2Ha poi posto alcune domande all’autore riguardo alla scelta del titolo che pare sottendere al significato esoterico del numero undici e al denominatore comune dei racconti che è il lato oscuro dell’umanità, tendente a compiere il male, l’azione criminosa. Eppure, come è stato detto, “è uno spaccato di umanità varia quello che viene narrato ed in questa felicità del narrare si può riconoscere che quelle storie terribilmente tragiche, disperate presentino un elemento di salvezza, come se perfino nell’aberrazione del crimine possano esplodere le potenzialità dell’essere umano”.

Alcuni brani del libro sono stati letti da Gaetana Bruno Ferraguto e da Lucia Imprescia. Il maestro Salvino Strano ha poi magistralmente eseguito al pianoforte alcune colonne sonore tratte da film famosi. “L’undicesima” sta registrando un buon successo di critica e di pubblico ed è stato recensito su tanti giornali e riviste e su numerosi siti web dedicati alla letteratura. Gode di una presentazione della scrittrice Veronica Tomassini, giornalista del Fatto Quotidiano, e di una foto di copertina di Luca Morreale.

Raimondo Raimondi vive tra Augusta e Siracusa. Scrittore e giornalista, ha pubblicato libri di poesia, narrativa e saggistica ed ha curato l’edizione di numerosi cataloghi d’arte. Componente del Comitato Direttivo del Museo Civico di Augusta, è direttore responsabile della testata giornalistica Dioramaonline.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 17/06/2014 alle  15:28:02, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  809 letture)

pub augustaIl centro storico di Augusta, una città morta, abbandono e desolazione, cartelli di vendesi e affittasi su tutti o quasi i locali che una volta ospitavano botteghe, negozi ed esercizi commerciali di ogni genere. Cosa rimane della cittadina ridente della nostra gioventù? Nulla. Ma una rinascita è possibile? Solo riportando i cittadini, almeno i più giovani, a ripopolare il centro storico. Per questo ci vogliono iniziative ed eventi e una volontà politica di supporto. Qualche segnale esiste, relativamente alla frequentazione dei giovani durante le ore serali (sarebbe meglio dire notturne), che negli ultimi anni ha riacquistato vigore con la nascita di vari pub tutti concentrati nella piazza principale della città, Piazza Duomo, dove la maggior parte dei giovani si incontra, dando vita ad una “movida” che non avrebbe nulla da invidiare a città più “in” in fatto di divertimento. Peccato che sono solo i giovani a usufruire di questa rinascita, la maggior parte dei cittadini nemmeno si accorge di questa vita serale e notturna che non appartiene alle abitudini di chi ha famiglia e lavoro.

Se ne accorgono però i residenti nelle zone limitrofe che lamentano come la situazione sia sfuggita di mano a chi dovrebbe vigilare sul regolare svolgimento delle attività. Pur non criticando la tipologia e la qualità delle iniziative "ricreative" proposte dai vari pub che, naturalmente, puntano a dare ai consumatori l'intrattenimento notturno che questi gradiscono, di sapore certo consumistico e senza alcun valore culturale, certo non si può non rilevare come i gestori dei locali si siano impadroniti totalmente dell'area pubblica, trasformando la piazza in discoteca all’aperto con dj set, karaoke, esibizione dal vivo di gruppi rock e quant’altro, il tutto in orari improponibili.

La piazza Duomo, a sinistra guardando, diventa a un certo orario spazio a totale uso e consumo dei locali notturni, comprese le viuzze che la circondano, nelle quali non si può passare a piedi o in auto. Qualora servisse un accesso veloce per ragioni di sicurezza o di soccorso, ci si dovrebbe fare largo tra poltrone e divani collocati sulla pubblica via in prossimità dei locali o tra le molte auto comodamente parcheggiate nelle stradine. E, poiché nella zona la popolazione residente è piuttosto anziana, gli interventi del 118 sono all’ordine del giorno.

Naturalmente in queste notti protagonista indiscusso è l’alcool, che scorre a fiumi e i cui contenitori di vetro, bottiglie e bicchieri, vengono tranquillamente abbandonati per terra. Bisognerà venire incontro alle più che legittime esigenze dei residenti, per conciliare gli interessi dei gestori e il sonno dei giusti, creando un’atmosfera più soft e meno fracassona.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 17/06/2014 alle  10:46:51, nella sezione CRONACA,  547 letture)

laura boldriniLa presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini sarà a Siracusa venerdì per la giornata mondiale del rifugiato che si celebra il 20 giugno, giorno in cui l’alto commissariato dell’Onu per i rifugiati ricorda la convenzione del 1951. La Boldrini vuole così testimoniare la sua vicinanza verso un territorio direttamente interessato dai recenti fenomeni migratori e dai temi dell’accoglienza. Pare sicura una visita ad Augusta, teatro degli sbarchi e dell’operazione “mare nostrum”, e probabilmente assisterà alle rappresentazioni classiche al teatro greco di Siracusa. Previsto naturalmente un incontro con il sindaco, Giancarlo Garozzo, che avrà luogo venerdì in un centro di prima accoglienza di Città Giardino. Contento dell’attenzione verso la situazione che viviamo da queste parti, Garozzo ha però sottolineato che oltre alla presenza istituzionale sarà necessario concretamente risolvere i problemi che l’ondata eccezionale di sbarchi dei migranti sta portando al territorio e ai cittadini.

Laura Boldrini è stata portavoce dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR). Per oltre 20 anni ha lavorato in diverse agenzie dell'Onu. Ha svolto missioni in numerosi luoghi di crisi tra cui: Ex-Jugoslavia, Afghanistan, Iraq, Ruanda, Sudan, Yemen. Nel febbraio del 2013 è stata eletta per la prima volta alla Camera dei Deputati. DaL marzo 2013 è presidente della Camera dei Deputati.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 16/06/2014 alle  16:29:16, nella sezione CINEMA,  916 letture)

Si sono appena concluse le riprese del cortometraggio “La scelta”, regia di Giorgio Nanì La Terra, una impegnativa produzione (fino a 70 le unità di personale adoperate per le riprese) ambientata a cavallo tra gli anni ’50 e gli anni ’60. Una vicenda realmente accaduta a Siracusa, ma le cui location sono state individuate principalmente a Palazzolo Acreide. Il corto, prodotto da Nino Gibilisco, è coprodotto da Stefano Frassetto, Mario Matarazzo e Antonio Terranova. La sceneggiatura porta la firma dello scrittore siracusano Luca Raimondi e affronta il tema del celibato sacerdotale. Gli attori protagonisti sono invece di Ragusa e Canicattini, rispettivamente Alice Canzonieri e Sebastiano Tinè (entrambi nella foto a sinistra), da segnalare anche la presenza nel cast di Marta Limoli. Il lavoro è in fase di montaggio e successivamente sarà spedito a Roma per la color correction. La prima proiezione è prevista per il 3 Agosto 2014. Coinvolti nella realizzazione anche diverse figure istituzionali, dal sindaco di Palazzolo, Carlo Scibetta, alla consigliera comunale di Siracusa Simona Princiotta fino all’Assessore alla Cultura Alessio Lo Giudice.

“Non sarebbe stato possibile realizzare questo corto senza il loro aiuto” dichiara il regista Nanì La Terra, “hanno dato un esempio di come le amministrazioni comunali possano reagire alle proposte di sviluppo delle risorse locali, dei progetti dei concittadini e della promozione del territorio. È importante per le nuove generazioni, soprattutto in un momento così di crisi economica, non vedersi chiudere porte in faccia, vedersi negare permessi per l’utilizzo delle location o smarrirsi nella burocrazia, rischiando di perdere preziose opportunità”.

L'album delle pregevoli foto di scena realizzate da Antonio Terranova, condivise nella pagina Facebook del corto, in pochi giorni hanno già raggiunto le 120.000 visualizzazioni, a riprova dell'interesse che sta suscitando questa produzione.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 16/06/2014 alle  14:25:55, nella sezione EVENTI,  661 letture)

gay prideSiracusa il 5 luglio ospiterà il Gay Pride. Il sindaco Giancarlo Garozzo parteciperà indossando la fascia tricolore e concluderà con un intervento dal palco del Pride Village. A darne notizia è stato il presidente di Arcigay Siracusa Armando Caravini. "Dopo l'approvazione del Registro delle Unioni Civili – ha spiegato - il sindaco conferma la sua sensibilità e testimonia che la questione lgbt appartiene a tutta Siracusa. Accogliendo il nostro invito il Sindaco ha anche voluto riconoscere il grande lavoro dei volontari Arcigay che non solo ai pride ma anche tutto l'anno si spendono generosamente per le nostre battaglie di civiltà e di diritti".

Il Pride di Siracusa partirà il 5 luglio alle 18.30 da Riva Garibaldi dove i partecipanti si imbarcheranno per andare via mare verso il castello Maniace e ritorno. Una volta a riva, si scenderà dalle barche per raggiungere a piedi largo fonte Aretusa, dove ha sede il Pride Village. Quest’anno in Italia non ci sarà un solo gay pride. Ce ne saranno ben tredici. La moltiplicazione di iniziative, da Nord a Sud Italia, costituirà quella che viene definita Onda Pride 2014. Con il pride di Siracusa, alla Sicilia viene assegnato un singolare primato: sono infatti tre le parate dell’orgoglio in città della trinacria, cioè Siracusa appunto, assieme a Palermo e Catania, a testimonianza della traccia importante e generosa lasciata dalla manifestazione nazionale di Palermo dello scorso anno.

Siracusa allarga l’orizzonte a tutto il Mediterraneo, polo di incontro e riflessione sui diritti e le discriminazioni per tutte le terre che si affacciano sul Mare Nostrum. In programma l'organizzazione di cineforum, convegni sociali e politici, spettacoli teatrali e parata finale per la città che si annuncia ''rivoluzionaria'', con ospiti a sorpresa. Il tema principale della tre giorni verterà su diritti e lavoro inteso come diritto e non come privilegio, per questo saranno invitati a partecipare anche i sindacati.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 14/06/2014 alle  09:09:04, nella sezione ARTE,  501 letture)

Sabato 15 giugno alle 20,00 si inaugura presso la Galleria Civica Arte Contemporanea Montevergini di Siracusa la Mostra “Fimmine di terra omnia” di Angela Carrubba che elabora immagini dedicate a sette divine sublimi immortali eroine della mitologia greca. Con questa inedita mostra dedicata alle eroine greche, l’artista Angela Carrubba torna nella sua città natale con un lavoro concepito appositamente per il centenario della rappresentazione delle tragedie greche a Siracusa. Attraverso un suggestivo allestimento fatto di teli, installazioni, video, performance e fotografie Angela Carrubba consegna all’arte sette eroine della mitologia greca: Medea, Andromaca, Alcesti, Antigone, Ifigenia, Elettra ed Elena. Eroine o semplicemente donne, divine e umane, sublimi e mortali, ma sempre eterne; le loro tragiche vicende “trasudano” nei pigmenti materici utilizzati dall’artista con una tecnica propria. Ogni eroina è interpretata con un colore pieno e i forti contrasti cromatici di oro, argento, bronzo, bianco, viola, rosso porpora, blu e ocra sono impressi su lunghi teli di lino che costituiscono il corpus della mostra. Completano la mostra le fotografie di Giovanni Gastel e Franca Centaro e un video dei registi Nicola Artico e Dimitri Pintaldi che documentano il back stage del lavoro artistico. La mostra resterò aperta al pubblico dal 15 al 29 giugno (chiusura lunedì: h. 9.00/13.00 – 16.00/20.00)

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 13/06/2014 alle  14:48:19, nella sezione LIBRI,  726 letture)

IL CIRCOLO UNIONESotto il patrocinio della locale sezione della Fidapa e del Kiwanis Club di Augusta, giovedì 19 Giugno 2014 alle ore 18,30 nel Salone di rappresentanza del Circolo Unione di Augusta (nella foto), in Piazza Duomo 3, verrà presentato il libro “L’undicesima” di Raimondo Raimondi, edito dalle Edizioni Il Foglio di Piombino. Introdurrà la serata Rosalba Amara Partinico, presidentessa Fidapa, relazionerà la professoressa Gabriella Rista, docente di Lettere presso il Liceo Classico Megara di Augusta, leggeranno alcuni brani del libro Gaetana Bruno Ferraguto e Lucia Imprescia. Seguirà un intervento musicale al pianoforte del maestro Salvino Strano che eseguirà alcune colonne sonore da film.

Il libro racchiude undici racconti che, in massima parte, possono inquadrarsi nel filone delle crime stories. In questi racconti noir si agita una schiera di personaggi accomunati da una personalità border line, che spesso smarriscono ogni naturalezza, ogni umanità, ogni valore condiviso.locandina evento “L’undicesima” sta registrando un buon successo di critica e di pubblico ed è stato recensito su tanti giornali e riviste e su numerosi siti web dedicati alla letteratura. Gode di una presentazione della scrittrice Veronica Tomassini, giornalista del Fatto Quotidiano, e di una foto di copertina di Luca Morreale.

Tra le tante recensioni vale la pena citare un brano dell’articolo di Roberto Mistretta, pubblicato nella rubrica “Scaffale” del quotidiano La Sicilia: “In Italia viene veicolato l'erroneo messaggio che i libri di racconti non allettino i lettori. Tuttavia di fronte alle autentiche perle che Raimondo Raimondi è riuscito a incastonare nella sua ultima opera, "L'undicesima", con scrittura elegante e forbita ma mai pedante, non si può restare indifferenti. L'autore usa la penna come un bisturi per incidere nei mali della nostra opulenta ed egoistica società. Undici racconti che sono undici pugni nello stomaco. Ed ogni racconto è introdotto da un inciso di noti autori che preludono al dipanarsi della storia. E undici sono le vittime innocenti che una dopo l'altra, in questo racconto così reale da ricalcare la cronaca nera, vengono barbaramente pugnalate da un anonimo impiegato che sfoga sulle donne di strada, la sua sete di sangue. Il femminicidio dei nostri giorni….Ché questo pregio hanno i racconti di Raimondi, di raccontare la nostra realtà con l'occhio disincantato d'un autore da conoscere e far conoscere”.

Raimondo Raimondi vive tra Augusta e Siracusa. Scrittore e giornalista, ha pubblicato libri di poesia, narrativa e saggistica ed ha curato l’edizione di numerosi cataloghi d’arte. Componente del Comitato Direttivo del Museo Civico di Augusta, è direttore responsabile della testata giornalistica Dioramaonline.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 12/06/2014 alle  18:29:41, nella sezione LIBRI,  542 letture)

zappullaSalvo Zappulla è un ottimo scrittore siciliano che leggo dai tempi della sua collaborazione con Terzo Millennio, editore serio e onesto, ragion per cui ha dovuto chiudere bottega. Scrive di critica letteraria su "La Sicilia", "La Voce di Romagna", "Il Sud", "La Voce dell’Isola"... Ha pubblicato fiabe, racconti, romanzi, commedie, vincendo premi importanti e classificandosi al secondo posto con un’opera teatrale presentata al prestigioso premio Troisi (2006). Il nuovo romanzo, "Kafka e il mistero del processo" (edito da Melino Nerella), resta nel solco della sua miglior narrativa per quel che riguarda uno stile sobrio, piano, lineare, composto da un dialogare continuo, senza perdersi in elucubrazioni letterarie. Zappulla ama il grottesco, segue le orme di Pirandello e Kafka, per creare la figura di uno scrittore raccomandato da uno zio onorevole che un editore pubblica per compiacere l’importante parente. Un bel giorno il politico cade in disgrazia e l’editore - un burbero meridionale innamorato del suo lavoro - rifiuta l’ultimo manoscritto bucolico e retorico, invitandolo a scrivere qualcosa veramente originale. A questo punto inizia il romanzo umoristico, una sorta di Castello kafkiano in salsa sicula, corretto secondo lo stile di Zappulla. Lo scrittore deve subire la ribellione del personaggio (Pedro Escobar) che a un certo punto rifiuta di tornare a condurre un’esistenza grigia al fianco di una moglie noiosa, brutta e pedante. Non solo. Lo scrittore finirà in prigione, dopo un processo surreale e al termine di una requisitoria della Pubblica Accusa che condanna il suo stile e la sua creatività. Inutile difendersi mettendo di fronte a chi lo accusa illustri precedenti: Kafka ("Il castello", "La metamorfosi"), Flaubert ("Madame Bovary"), Buzzati e persino Dante Alighieri. Il romanzo procede per capitoli alterni, con il personaggio che vive di vita propria, incontra Madame Bovary, Pinocchio, La piccola fiammiferaia, Attila..., con loro conversa e scambia opinioni, indagando la vera natura che esprimono, ben oltre le intenzioni narrative.

Un romanzo grottesco, umoristico, di facile lettura, ma che vuol essere una critica serrata a un mondo editoriale diventato un supermercato, un surrogato dell’incultura televisiva, un luogo frequentato da nani, ballerine, calciatori, veline, scrittori panettone, narratori del niente. Ho scritto qualcosa di simile un sacco di anni fa ("Quasi quasi faccio anch'io un corso di scrittura", "Nemici miei", "Velina e calciatore, altro che scrittore!"), ma mi rendo conto con tristezza che il mercato editoriale non solo non è cambiato, ma è persino peggiorato. La sola alternativa per gli scrittori veri - animati dal sacro fuoco delle lettere che scrivono solo quando hanno qualcosa da dire - è seguire il consiglio dell’editore - personaggio del romanzo di Zappulla: darsi all’agricoltura biologica. Pure per coltivare zucchine serve creatività, in fondo. Inoltre si tratta di un mercato puro, non inquinato da un mare di escrementi che galleggiano in un liquido informe, voluto dall’Editore Unico Nazionale che presto avrà un Distributore Unico Nazionale (PDE - Messaggerie). Editori e Scrittori veri - vi scrivo con la lettera maiuscola - cosa aspettate a ribellarvi? Nel frattempo, leggiamo Zappulla, ché il romanzo merita.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 12/06/2014 alle  18:16:08, nella sezione CULTURA,  493 letture)

PIERA DEGLI ESPOSTIPiera degli Esposti, la sua carriera, la sua vita, l’amore per il teatro. Una serata interamente dedicata a lei, attraverso una conversazione con Manuel Giliberti. E’ il tema di un incontro che si terrà sabato 14 giugno presso la Casa del Libro di Marilia Di Giovanni, in via Maestranze a Siracusa. Una conversazione sul filo dei ricordi con al centro il Teatro Greco di Siracusa, cui l’attrice è da sempre legata e dove, in questi giorni, recita per la sua sesta volta nel ruolo di Atena in Coefore-Eumenidi per la regia di Daniele Salvo, interpretazione che segna il suo ritorno al teatro dopo quasi dieci anni di assenza dalle scene.

Ricordi e passione che sono anche quelli che Giliberti racconta in “Bravo lo stesso - Il teatro di Piera degli Esposti”, Lombardi editore, un libro il cui titolo riprende una frase che Giorgio de Chirico disse all’attrice agli inizi della sua carriera. Il libro di Giliberti ricostruisce per intero la carriera dell’attrice, attraverso commenti critici, immagini e note dell’autore.

Il commissario straordinario, Alessandro Giacchetti, ha recentemente consegnato a Piera Degli Esposti il Premio alla Carriera, un riconoscimento che la Fondazione INDA ha voluto assegnare a una donna e un’attrice che rappresenta il teatro, il cinema e la televisione nel panorama italiano e internazionale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 12/06/2014 alle  18:13:41, nella sezione CRONACA,  549 letture)

SAL TASI“Il Comune di Siracusa proroghi la scadenza della Tasi al 31 luglio e attivi un numero verde per chiarire i tanti dubbi dei cittadini”. Lo chiede l’on. Giambattista Coltraro, presidente del movimento Sal - Sviluppo, autonomia, lavoro e segretario della Commissione Attività produttive dell’Ars. “In Italia 6.000 Comuni hanno fissato la data di scadenza per il pagamento della Tasi al 16 ottobre - continua il deputato regionale Giambattista Coltraro - mentre 2.000 Comuni al 16 giugno. Siracusa fa parte di questi ultimi, ma almeno l’amministrazione comunale si prodighi per venire incontro alle tante difficoltà registrate dai residenti, e da quelli anziani soprattutto, costretti a fare file interminabili all'Ufficio tributi o nei Caf. Per questo si potrebbe scegliere di percorrere la strada già seguita da altri Comuni, come quello di Bologna, dando ai cittadini la possibilità di pagare la Tasi fino al 31 luglio senza rincorrere in alcuna sanzione, attivando subito un numero verde, a cui i cittadini potranno rivolgersi per ottenere tutte le informazioni”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Luca Raimondi (pubblicato il 09/06/2014 alle  10:18:55, nella sezione EVENTI,  902 letture)

MARIO VENUTISi è conclusa domenica la quarta edizione del Festival Internazionale del fumetto e della cultura pop, meglio conosciuto come “Etna Comics”. Dal 6 all’8 giugno, presso le Ciminiere di Catania, si è rinnovata con successo una kermesse che ormai è diventata un appuntamento imperdibile per quantità e qualità di ospiti, idee e proposte, il cui direttore è Antonio Mannino, coadiuvato da tantissimi validi collaboratori. Inviato per conto di Diorama, mi sono subito perso tra decine e decine di padiglioni, mostre, incontri con ospiti a dir poco eccellenti, nazionali e persino internazionali: per dirne uno, mi sono subito imbattuto in Greg Capullo, disegnatore della testata regolare di Batman. Nella stessa sala, a seguire, è stato chiamato a parlare della sua passione per i fumetti persino il cantante Mario Venuti (nella foto a sinistra). ROBERTO RECCHIONIOvviamente la parte del leone l’ha come al solito interpretata la Sergio Bonelli Editore, che ha inviato nella città etnea il nome forse attualmente di maggiore fama nell’ambito dei comics nostrani, vale a dire Roberto Recchioni (nella foto a destra ingobbito per accontentare i tanti fan che chiedevano una dedica o un autografo), oggi curatore di Dylan Dog (per cui ha scritto memorabili sceneggiature, tra cui il celebrato “Mater Morbi”, di cui era in mostra una pregevole edizione rilegata), ma anche autore di serie di culto come “John Doe” e la recente nuova serie di science-fiction “Orfani”. Assieme a lui, presenti anche altri autori dell’Indagatore dell’incubo, Alessandro Bilotta (anche ideatore della serie “Valter Buio” nonché story editor dei cartoni animati di “Winx Club”, nella foto in basso a sinistra), la disegnatrice Daniela Vetro e Fabio Celoni, ALESSANDRO BILOTTAsceneggiatore e disegnatore dell’ultimo numero dylandoghiano “I raminghi dell’autunno”, un riuscito omaggio alle atmosfere fantastiche di Ray Bradbury, di cui erano in mostra tutte le 94 tavole originali, un piatto davvero succulento. Come del resto succulente erano anche altre mostre, da quella per il 75° anno di Batman (con esposizione di memorabilia, gadget e schizzi originali) a quella dedicata al più celebre maestro vivente di fumetti erotici, Milo Manara (nella foto in basso a destra), anch’egli presente per incontrare il pubblico e tenere un workshop. Quelli che ho ricordato sono solo una piccola parte dei tantissimi nomi presenti in un programma davvero ricco e costruito con attenzione e intelligenza, con momenti anche di musica live (venerdi sera Cristina D’Avena ha fatto il pienone ripercorrendo le sue celebri sigle dei cartoni animati, sabato è statamilo manara la volta della cantante Fumika, per la prima volta in Europa per la felicità dei tanti appassionati della cultura nipponica, domenica di Clara Serina e dei Raggi Fotonici) ed esibizioni di ogni genere e tipo: ricostruzioni medievali, tornei fantasy, corsi per diventare ghostbusters, esperti di tecniche jedi e nell’uso delle spade laser, tiri con l’arco, poligoni di tiro, possibilità dif arsi fotografare insieme a Darth Vader e all’imperatore Palpatine o con uno straordinario sosia del pirata dei caraibi Johnny Depp… Tra i tanti eventi dell'ultima giornata, da segnalare almeno la presenza di Paolo Di Orazio, nome legato alle storiche testate di horror a fumetti “Splatter” e “Mostri” e gli imperdibili workshop con Leo Ortolani, popolare autore di “Rat-man”, e Giuseppe Palumbo (disegnatore di “Martyn Mystere” e “Diabolik”).

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 08/06/2014 alle  20:50:22, nella sezione CRONACA,  512 letture)

azzardo“Esprimo soddisfazione per la strada tracciata dal Comune di Siracusa, primo capoluogo d’Italia ad aver scelto di sostenere concretamente gli esercenti che rinunciano formalmente all'utilizzo, nelle loro attività commerciali, di videolottery, apparecchi con vincite in denaro, slot machine”. E’ quanto afferma l’on. Giambattista Coltraro, segretario della Commissione Attività produttive dell’Ars e presidente del movimento Sal - Sviluppo, autonomia, lavoro, che continua: “L’emendamento al regolamento della Tari, proposto dal consigliere comunale Salvo Sorbello, che riconosce a questi commercianti una riduzione del 30% sulla tariffa per la raccolta dei rifiuti, rappresenta un atto importante e soprattutto concreto che, come Sal, intendiamo riproporre nei Consigli comunali dove siamo presenti”.

 Il movimento Sal, al fianco delle vittime del gioco d’azzardo e delle loro famiglie, intende promuovere una serie di iniziative per tutelare le persone fragili, e quelle più giovani in particolare, evitando che cadano nella spirale illusoria e perversa della ricerca della ricchezza facile. Tali iniziative saranno presentate lunedì 9 giugno, alle ore 12, nel corso di una conferenza stampa che si terrà nella sede di Sal a Siracusa, in corso Gelone 63. Alla conferenza stampa parteciperanno il deputato regionale Giambattista Coltraro e il coordinatore provinciale di Articolo 4 e delegato nazionale dell’Anci per la Famiglia, Salvo Sorbello.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 08/06/2014 alle  20:49:37, nella sezione CRONACA,  521 letture)

villa reimannSi è riunito a Siracusa giovedì 5 giugno il gruppo di associazioni denominato “Save Villa Reimann” che ha come obiettivo il ripristino delle volontà testamentarie della nobildonna danese. Alla riunione, presieduta da Marcello Lo Iacono, erano presenti la dott.ssa Concetta Vinci, consigliere comunale, le prof.sse Lucia Acerra e Liliana Gissara per la Sezione Siracusana di Italia Nostra, Antonio Gentile per l’associazione “Syrakosia“, Salvatore Gentile per Onda Sicula-Siracusa Libera, Alessandro Maiolino, Annalisa Romano e Giuseppe Privizzini per Giovani per Siracusa e Maria Vernali. Erano presenti anche, per la prima volta, Roberto Fai e Aldo Castello per Agire Solidale ed Ermanno Adorno. Durante la riunione i convenuti hanno stilato un promemoria da presentare all’Amministrazione Comunale, mentre continua il monitoraggio di tutte le proprietà della Reimann. “Impressione positiva sulla riunione svoltasi giovedì scorso a Villa Reimann, – afferma la presidente di Italia Nostra, Lucia Acerra – Forse è un altro “ regalo” della Signorina perché per la prima volta ho colto tra i partecipanti un vero spirito di collaborazione per il raggiungimento dello scopo comune, senza “fughe in avanti” ma con ponderazione si sono stabiliti i capisaldi delle nostre azioni che porteremo avanti a supporto delle decisioni dell’Amministrazione che è espressamente chiamata a mettere fine a tanti anni di incuria dovuta soprattutto alle gestioni degli ultimi dieci anni. Mi auguro di proseguire in questo comune cammino di legalità e richiesta di trasparenza per tutto ciò che riguarda il patrimonio Reimann, nell’interesse della città, lontani dai soliti individualismi, che molto spesso hanno caratterizzato altre “ buone intenzioni”, per potere dare attuazione completa alle volontà testamentarie, così chiaramente espresse dalla Signorina Reimann in favore “dell’elevazione culturale e sociale della città di Siracusa”. “Oggi sono contentissimo del lavoro fatto e delle informazioni scambiate che hanno fatto ulteriore luce sulla figura di Christianne Reimann e sull’abbandono del suo patrimonio fino ad adesso – afferma Marcello Lo Iacono - Qualcosa si muove, ma chiederemo più impegno all’Amministrazione”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2

 2345 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (222)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (59)
COSTUME E ATTUALITA' (111)
CRONACA (720)
CULTURA (195)
EDITORIALI (26)
EVENTI (266)
LIBRI (179)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017

Gli interventi più cliccati

< settembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             


Titolo

 



Titolo
foto (1)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


20/09/2017 @ 11:25:04
script eseguito in 197 ms