\\ Home page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Redazione (pubblicato il 30/12/2013 alle  21:24:18, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  641 letture)

bottiLa Lav di Siracusa ha fatto richiesta ai ventuno sindaci dei comuni della provincia aretusea perché emettano un’ordinanza che vieti l’uso di petardi, botti e fuochi d’artificio durante la notte di Capodanno. Per due fondati motivi. Intanto perché ogni anno il bilancio complessivo degli incidenti legati ai festeggiamenti di San Silvestro è sempre disastroso, con morti e feriti, e poi per evitare le conseguenze negative a carico degli animali domestici e della fauna selvatica. Il fragore dei botti, infatti, oltre allo spavento, fa perdere loro l’orientamento, esponendoli così al rischio di smarrirsi e di poter essere investiti. Gli animali hanno l’udito molto più sviluppato di quello umano e i forti rumori li gettano nel panico, inducendoli a reazioni incontrollate. Pertanto si richiede ai sindaci una ordinanza e una tempestiva campagna di informazione. L’ordinanza renderebbe illecito l’uso dei botti con la possibilità di multare il trasgressore, mentre oggi solo i venditori abusivi vengono perseguiti dalle autorità di P.S. Per festeggiare il nuovo anno non si può e non si deve mettere a rischio l’ incolumità propria o di altri e nemmeno quella degli animali, che hanno diritto al nostro rispetto. Fatta qualche rara eccezione i sindaci hanno fatto orecchio da mercante. Garozzo, sindaco di Siracusa, non si è sentito di “rovinare la festa” ai suoi concittadini limitandosi ad affidarsi al senso di responsabilità degli stessi. Come dire un capodanno come gli altri: l’indomani poi prenderemo atto delle conseguenze di questa mancanza di coraggio. Eppure quest'anno poteva essere l'anno della svolta, visto che tanti comuni italiani hanno emesso ordinanze per vietare l'esplosione dei botti di capodanno, un passo in avanti verso la civiltà. Lo scorso anno ci sono stati tanti cani e gatti rimasti uccisi direttamente dai botti e moltissimi altri animali che sono rimasti feriti ed uccisi, senza contare i danni agli umani. Per questo accedere alla richiesta della Lav e degli animalisti sarebbe stata una bella cosa, ma dai sindaci, compreso il renziano primo cittadino di Siracusa, non ci si poteva aspettare nulla di così audace.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/12/2013 alle  10:52:06, nella sezione CRONACA,  790 letture)

Brutto Natale per Pippo Sorbello, deputato regionale melillese. L’Assemblea regionale siciliana ha infatti decretato la sospensione dell’on. Pippo Sorbello in forza della legge Severino applicata con validità retroattiva così come era avvenuto altrove per Berlusconi. Questo avviene a causa di una sentenza di condanna a 4 mesi di reclusione inflitta a Sorbello per il reato di abuso d’ufficio. Sorbello era stato eletto deputato regionale nel 2012 nella lista dell’Udc. Primo dei non eletti in questa lista, e quindi oggi subentrante all’Ars, è il siracusano Edgardo Bandiera detto Edy. Pare che a tutt’oggi comunque Sorbello mantenga la carica di consigliere comunale di Melilli per strani marchingegni della legge italiana. Il caso è abbastanza anomalo anche perché Sorbello è ancora sub iudice, avendo proposto appello contro la sentenza di primo grado che lo condanna a 4 mesi per un reato molto comune a tanti amministratori e quindi in attesa di un pronunciamento della Corte d’appello, che in teoria potrebbe ribaltare la sentenza di primo grado. Il fatto di cui Sorbello fu chiamato a rispondere configurandosi il reato di abuso d’ufficio si concretizzava nell’aver ordinato come sindaco in carica la stampa e la diffusione di una brochure propagandistica per la sua rielezione. Le indagini erano state avviate a seguito della denuncia di un’associazione melillese, indagini che hanno poi portato all’addebito e alla condanna in primo grado. Però ora è pendente il processo di secondo grado e potrebbe anche, nelle more, intervenire la prescrizione, eppure con strano e pregevole tempismo l’Assemblea regionale ha deciso per la sua decadenza, con grande soddisfazione del suo compagno di partito Edy Bandiera, ora in procinto di partire per Palermo per insediarsi nel suo seggio subito dopo le vacanze di Natale.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 27/12/2013 alle  10:39:25, nella sezione EVENTI,  730 letture)

BLUE STUFFIl 27 e il 28 dicembre in Piazza D’Astorga, avrà luogo la I edizione dell’Augusta BluesFest. L’iniziativa è promossa dalla Spaghetti & Blues e dall’Augusta Blues Team. L’obiettivo è offrire uno spettacolo che coinvolga un pubblico ampio e variegato (dai piccini ad anziani), a dimostrazione che la forza del blues non ha né età né confini. I concerti inizieranno alle 21.30 e saranno presentati da Michela Italia e Mico Pugliares. All’interno del festival avranno luogo numerose iniziative tra cui: un laboratorio artistico e teatrale per bambini, piccoli mercatini di artigianato, aste di beneficienza ed inoltre il 27, alle ore 18:00 al Circolo Unione (in collaborazione con la Libreria Mondadori) avrà luogo la presentazione del libro, edito da Feltrinelli, “Il 49esimo Stato” scritto dal siracusano Stefano Amato. A chiudere il festival saranno i partenopei Blues Staff, band blues italiana tra le più longeve e apprezzate nel settore con la quale Joe Sarnataro (al secolo Edoardo Bennato) cantò per l’album “È asciuto pazzo 'o padrone”. Ecco il programma dettagliato:

VENERDÌ 27 DICEMBRE

Piazza Turati

ore 16.00 Laboratorio Artistico per bambini sugli antichi mestieri curato da Valentina Valente

ore 18.00 laboratorio teatrale “La voce degli antichi mestieri” a cura di Anna Passanisi e Ada Tringali

ore 19.00 Vetrina sul teatro dei pupi siciliani

Circolo Unione

Ore 18:00 presentazione del libro "Il 49esimo Stato", edito da Feltrinelli/Transeuropa e scritto dal siracusano Stefano Amato

Piazza D'Astorga - Live

ore 21.30 Valeriano Adorno (feat. Max King e Salamone) (Siracusa)

 ore 22.00 Blue Valentine (Enna)

ore 23.00 Boogie Googles (Siracusa)

SABATO 28 DICEMBRE

Piazza Turati

ore 16.00 Laboratorio Artistico il mercato del pesce, istallazione e drammatizzazione, fino alle 20.00

Piazza D'Astorga - Live

ore 14.00 BluesFest on air (diretta radiofonica su Radio Musmea)

ore 21.30 Blues Around

ore 22.15 Slidin' Charlie & Boo Shake (Palermo)

ore 23.00 Blue Stuff (Napoli)

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Mimmo Di Franco (pubblicato il 23/12/2013 alle  15:14:22, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  755 letture)

spiaggetta primaQualche anno, presso la vecchia Darsena, si stava costruendo il “muro di Augusta” sulla falsa riga di quello di Berlino. Un muro in cemento armato alto 3 metri e lungo circa 200 mt. Dopo una protesta a mezzo stampa e l’intervento dell’ex assessore Michele Accolla, ci fu una variazione di progetto, abbassando il muro a 70 cm con l’aggiunta di inferriate che lasciavano libera la visuale del mare. La giustificazione dell’Autorità portuale fu quella di recintare un’area doganale. Qualche giorno fa alcuni cittadini volontari, con il tam tam del social network, si sono dati appuntamento per ripulire la spiaggetta della vecchia darsena, riempiendo circa 10 sacchi di bottiglie di plastica ed altro materiale che il mare ha ridato all’umanità “poca attenta” che lo avevaspiaggetta dopo buttato in acqua. Tra le bottiglie di plastica è stata rinvenuta la corona che viene buttata in mare il giorno della Madonna Stella Maris che si svolge a fine maggio. Questa spiaggetta serve per attutire la risacca e quindi raccoglie gli oggetti buttati in mare che il moto ondoso accumula. Qualcuno dovrà pensare a pulire sia la suddetta spiaggetta che tutte le altre zone marine di competenza. A questo punto a chi spetterebbe la competenza di pulire la spiaggetta della vecchia Darsena? Al Comune, all’Autorità portuale o alla capitaneria di porto? I volontari servono per affiancare le istituzioni non per sostituirsi ad esse.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 23/12/2013 alle  14:31:19, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  638 letture)

vittima2Fine anno in un bagno di sangue nella nostra provincia. A Siracusa, durante l’ottava di Santa Lucia, un ragazzo è stato ucciso a coltellate da un coetaneo davanti al tempio di Apollo in una rissa per motivi banali. A Priolo Gargallo una giovanissima è stata uccisa involontariamente dal fratello che imprudentemente puliva un fucile da caccia ed ha fatto esplodere un colpo mortale a distanza ravvicinata. vittima1

Sono morti inutili, morti evitabili, che fanno impressione e destano incredulità. Famiglie distrutte, quelle delle vittime e quelle dei carnefici, giovani vite cancellate dal delitto o rovinate dal rimorso. Protagoniste le armi che creano dal nulla gli assassini. Un coltellaccio da cucina, neanche un’arma vera e propria, rende letale un gesto di stizza (ma perché un ragazzo si porta appresso un coltello da macellaio?) o di rabbia covata, senza che neppure il giorno di festa dedicato alla Santa Patrona induca a miti consigli.

La passione per la caccia, anacronistico residuo di un passato violento (comprate i conigli al supermercato e lasciate stare le povere bestiole nei campi!), arma la mano di un affettuoso fratello che, pur esperto, omette di controllare se il fucile è scarico prima di accingersi ad oliarlo come si conviene. Parte il colpo e uccide la sorellina poco più che ventenne, bella e giovane e sportiva, nel fiore degli anni, che perde la vita in casa propria per mano dell’amato fratello. Destino crudele. Neanche riusciamo a immaginare la tragedia di questa povera famiglia distrutta dal dolore. Ma una riflessione vogliamo farla: alla base di tutto c’è la violenza di una società che procede verso l’autodistruzione in ogni campo e con ogni mezzo.

Se non cambia l’uomo, se non cambia il modello culturale e non si affina la coscienza degli individui, non c’è speranza di salvezza.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 23/12/2013 alle  14:30:12, nella sezione CULTURA,  1013 letture)

megara ibleaDurante il suo intervento a margine della presentazione dell'ultimo numero del notiziario storico di Augusta a Palazzo di Città, il nuovo Soprintendente ai Beni Culturali di Siracusa, Beatrice Basile, ha onestamente riconosciuto come la Soprintendenza di Siracusa abbia sempre privilegiato in linea generale il patrimonio archeologico rispetto a quello monumentale e abbia di conseguenza prestato poca attenzione al patrimonio storico/monumentale della città di Augusta. Ma nel territorio di Augusta esistono anche realtà archeologiche assai importanti, eppure anche per queste ultime ben poco è stato fatto. L’antica città greca di Megara Hyblaea è l’esempio di un importante sito archeologico che sopravvive attorniato dalle industrie e in parte distrutto da esse. Una piccola Pompei nel cuore della zona industriale in cui resti di età ellenistica si sovrappongono a quelli di età arcaica.

Dell’intera zona archeologica, solo un quarto è stato oggetto d’indagine. Alla fine dell’Ottocento l’archeologo Paolo Orsi definiva l’area del petrolchimico “un suolo di meravigliosa fertilità e ricchezza archeologica”. Oggi, tutta la zona è caduta nell’oblio delle industrie. Si tratta di risorse non sfruttate e quindi di mancate opportunità di sviluppo. Accogliente e ospitale la Sicilia lo è da millenni, ma negli ultimi cinquant’anni eserciti di colonizzatori con elmetti gialli, tute blu e scarponi rinforzati hanno invaso alcune aree dell’isola. In questo tratto di costa nella Sicilia Orientale, da Siracusa ad Augusta, le industrie hanno impiantato il loro accampamento: così si è creato il polo industriale di Augusta-Melilli-Priolo. Raffinerie, depositi di carburanti, di ammoniaca e acidi, industrie chimiche, una cementeria, impianti che occupano circa 43 milioni di metri quadri di un territorio irrimediabilmente compromesso dalla chimera industriale a danno dell’ambiente, della salute degli abitanti, del paesaggio. Lungo i quaranta chilometri di costa si sono sviluppate sin dal neolitico culture e civiltà che si sono fatte largo in tutto il mondo antico, le cui testimonianze sono là in mezzo a respingere l’aggressione del petrolchimico e reclamano di poter raccontare la loro storia millenaria.

Negli scavi di Megara si possono ammirare numerosi resti della città greca tra cui l’agorà, il cuore pulsante delle polis, resti di un tempio ellenistico, l’heroon dedicato agli eroi, il pritaneo in cui si riunivano i magistrati, i bagni ellenistici, unico esempio in Occidente di tale antico servizio, abitazioni di varia epoca e la cinta muraria. Limitrofo alla zona archeologica è un piccolo antiquarium in cui si prevedeva di creare percorsi espositivi che illustrano la storia di Megara. Ma una città greca, come faceva notare l’archeologo Giuseppe Voza, per tanti anni Soprintendente, non è solo ciò che sta all’interno delle mura. Nei suoi dintorni c’era tutta una vita rurale, religiosa, funeraria. Ed è qui che le industrie hanno inferto i maggiori danni. Basti pensare che la Rasiom, la prima raffineria insediata nella costa negli anni Cinquanta, e la Cementeria di Augusta si sono impiantate sulle necropoli dell’antica città, oscurando un patrimonio di eccezionale valore culturale.

Esemplificativa è la storia della Dea Madre che allatta i due gemelli del VI secolo a.C. La statua fu recuperata in 900 pezzi durante i lavori di escavazione per impiantare la Rasiom. Ed è solo grazie al paziente lavoro di esperti restauratori che si è potuta ricostruire e oggi è tra le testimonianze più pregevoli esposte al Museo Archeologico di Siracusa.. La Soprintendenza avrebbe dovuto realizzare progetti indirizzati a creare corridoi ecologici nell’area dell’insediamento industriale. Percorsi che avrebbero unito la riscoperta dei siti archeologici con un ecosistema che per quanto massacrato conserva in certi punti delle peculiarità uniche. Per ora le migliaia di reperti recuperati riempiono le collezioni del Museo Archeologico Nazionale di Siracusa, in attesa di una musealizzazione del territorio.

Che il sito di Megara Hyblaea sia uno dei gioielli archeologici della provincia da valorizzare, ne sono convinti tutti ma alla fine il sito risulta abbandonato e sottratto alla fruizione dei visitatori. L'area archeologica, sebbene meta di studiosi da tutto il mondo, è caratterizzata da una promozione poco adeguata. Insufficienti i segnali stradali, così come i fondi a disposizione per la sua gestione. Ne è triste esempio la mancata apertura al pubblico dell'antiquarium il cui progetto, redatto di tutto punto, di fatto non è stato attuato. Un vero peccato. Un piccolo museo è indispensabile per questa importante area archeologica, un luogo dove il tempo si è fermato all'epoca antica, e dove ancora oggi sono concentrati gli studi della Scuola francese di archeologia, sulla scia di George Vallet, così come quelli degli storici tedeschi.

Insomma un sito che tutto il mondo accademico ci invidia e che potrebbe costituire una valida attrazione turistica. Ma è tutta una questione di finanziamenti. E di questi tempi è difficile sperare in una inversione di tendenza.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 20/12/2013 alle  14:18:15, nella sezione EVENTI,  749 letture)

Le cantine della zona Sud del siracusano aprono le porte. E lo fanno in occasione delle festività di fine anno. Si intitola, non a caso, “Natale in cantina”, la prima edizione della manifestazione organizzata da Strada del vino e dei sapori del Val di Noto, in programma da sabato 21 dicembre 2013 a lunedì 6 gennaio 2014. Oltre due settimane dedicate alla degustazione del vino, alla scoperta dei prodotti del territorio e alla partecipazione a eventi culturali e di intrattenimento. Tante e diverse le iniziative organizzate dalle cantine di volta in volta protagoniste degli appuntamenti della manifestazione. Un’occasione con cui, a dieci anni dalla sua nascita, la Strada del Vino e dei Sapori del Val di Noto amplia e arricchisce di significato la propria attività. Riconosciuta dall’assessorato all’Agricoltura della Regione Siciliana nell’ottobre del 2005, l’associazione è infatti nata nel luglio 2003. Inizialmente è stata costituita da alcuni Comuni della provincia di Siracusa (Palazzolo Acreide, Noto, Avola, Pachino e Rosolini), uno della provincia di Ragusa (Ispica), dal Consorzio di Tutela Vini Doc Eloro e Noto e dalle più importanti aziende vitivinicole del territorio. Oggi l’associazione ha allargato il proprio raggio d’azione ai “Sapori” del territorio, includendo tra i soci anche aziende agrituristiche e produttrici di olio, di mandorle, di conserve ittiche, nonché operatori che operano nel campo della ricettività e della ristorazione. L’orario degli eventi è unico alle ore 11.00 e su prenotazione. In ogni cantina si farà la degustazione di vini e prodotti tipici locali, oltre ad altre attività che saranno decise in autonomia dai produttori.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 18/12/2013 alle  14:22:43, nella sezione EVENTI,  671 letture)

A tre settimane dalla conclusione della sesta edizione della manifestazione, prende il via concretamente il primo premio letterario Volalibro. La presidente e la segretaria del Soroptimist di Noto, Cinzia Spadola e Maria Alecci, assieme all’imprenditore Salvatore Mallia di Elisicilia, hanno donato al dirigente scolastico del Matteo Raeli di Noto, Concetto Veneziano, i libri da consegnare agli studenti delle seconde, terze e quarte classi degli otto indirizzi degli istituti superiori netini.

Mille splendidi soli di Khaled Hosseini, Io sono Malala di Malala Yousafzai e L’amore rubato di Dacia Maraini, sono i volumi che i ragazzi dovranno leggere nel corso dell’anno per poi decretare il più gradito e, infine, realizzare dei lavori - sceneggiature, cortometraggi, dipinti, composizioni musicali - ispirati o comunque suggeriti dai libri. I lavori migliori saranno presentati e premiati nel corso della cerimonia finale della prossima edizione del Festival della cultura per i ragazzi.

Entusiasta l’ideatrice e coordinatrice di Volalibro, Corrada Vinci, che afferma: “L’obiettivo più importante della manifestazione, avvicinare cioè i giovani alla lettura, si è ulteriormente concretizzato dando allo stesso tempo continuità all’evento, che così non si esaurisce nell’arco di una settimana, ma accompagna gli studenti durante tutto l’anno scolastico. Il mio augurio è che nel giro di pochi anni il premio possa coinvolgere un numero sempre maggiore di scuole nel territorio nazionale”.

“Spero che i libri - dice il dirigente scolastico Concetto Veneziano - vengano letti da tutti i ragazzi, contribuendo a diffondere l’amore per la lettura che, purtroppo, spesso latita tra i giovani”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 16/12/2013 alle  21:36:25, nella sezione CRONACA,  610 letture)

liberaE’ indirizzato a tutte quelle città della Provincia di Siracusa che hanno sottoscritto il Manifesto dei Sindaci per la legalità e contro il gioco d’azzardo ma anche a quelle che non l’hanno ancora fatto, il documento di proposte che Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie – ha redatto per spingere i sindaci ad convogliare i loro sforzi verso iniziative concrete a contrasto di un fenomeno, quello del gioco d’azzardo, che sta assumendo i connotati di una vera e propria piaga sociale. Tale necessità è dettata non solo dalle sue proporzioni, ma anche dalla sua peculiarità che intreccia risvolti sociali, conseguenze sanitarie e, non ultimi, aspetti criminali. Quella del gioco d’azzardo è infatti una pratica che colpisce soprattutto i più indigenti accrescendo il problema della povertà connesso a quello dell’attuale crisi economica, attira gli appetiti dei clan locali favorendo il loro controllo del territorio e spazi di illegalità sempre più diffusi. Era stata proprio Libera, in occasione del convegno Gioco d'azzardo e gioco criminale: il paese dei Balocchi, organizzato dal Coordinamento di Siracusa nell’ambito della XVIII giornata provinciale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie, tenutasi a Canicattini Bagni lo scorso 21 marzo, ad invitare i primi cittadini della provincia a sottoscrivere il Manifesto e ad ottenere le adesioni dei Sindaci di Canicattini Bagni, Avola, Floridia, Noto, Lentini e Francofonte, nonché del presidente della provinciale regionale di Siracusa. Il Manifesto è promosso da Legautonomie e Terre di mezzo, che insieme costituiscono la Scuola delle buone pratiche, ed ha raccolto in pochi mesi la sottoscrizione di più di 300 Sindaci di tutta Italia che in rete scambiano idee e proposte per costituire un fronte ampio contro il gioco d’azzardo. Da questa rete è stata elaborata negli ultimi mesi anche una proposta di legge d’iniziativa popolare per una maggiore regolamentazione del gioco d'azzardo che dia finalmente ai sindaci e alle giunte comunali il potere di prendere decisioni per i propri territori in difesa dei cittadini. L’intento è quello di stimolare la creazione di un coordinamento provinciale della campagna nazionale Mettiamoci in gioco contro i rischi del gioco d'azzardo, a cui aderiscono, oltre a Libera, tante altre realtà come ANCI, ARCI, ACLI, CGIL e Avviso pubblico, l’associazione di enti locali per la formazione civile contro le mafie. Ma anche quello di riportare sul territorio le esperienze dei movimenti SenzaSlot e SlotMob che puntano a creare una nuova sensibilità tra i commercianti affinché rinuncino all’introito delle macchinette nei loro locali per dar vita ad una rete di attività virtuose verso cui indirizzare il consumo critico e responsabile dei consumatori.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 16/12/2013 alle  21:28:11, nella sezione EVENTI,  783 letture)

kiwanis fidapa lionsSabato scorso 14 dicembre ha avuto luogo ad Augusta la tradizionale Festa degli Auguri di Natale presso il Circolo Ufficiali della Marina che ha visto per la prima volta insieme il Kiwanis Club, il Lions Host e la Fidapa, che hanno inteso con ciò trasmettere un messaggio di unità e di sinergia chiaramente espresso nel motto in calce alla serata: “insieme per servire”. Una festa durante la quale il nuovo arciprete di Augusta don Palmiro Prisutto è intervenuto a portare il suo messaggio religioso per il Santo Natale. Interventi augurali anche dei tre presidenti dei rispettivi sodalizi, Raimondo Raimondi per il Kiwanis, Rosalba Amara Partinico per la Fidapa e Roberto Tessariol per il Lions (nella foto). E’ toccato poi al musicista siracusano Christian Bianca (foto) intrattenere gli ospiti con un concerto di violino applauditissimo dagli astanti.

christian biancaBianca ha iniziato lo studio del violino con Salvatore Terlizzi, diplomandosi brillantemente in seguito, presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “V. Bellini” di Catania. Risultato vincitore in vari Concorsi sia come solista che in formazioni cameristiche, ha seguito numerose MasterClasses e ha frequentato il Corso di Formazione Orchestrale “F. Fenaroli” di Lanciano, suonando sotto la direzione di Aldo Ceccato e Daniel Harding. Diverse le collaborazioni con orchestre sinfoniche ed ensemble cameristici tra cui “Orchestra da Camera Aretusea”, “Orchestra Internazionale Musica Riva Festival”, “Ensemble Archimede”. Ha collaborato con enti di prestigio quali l'Istituto Nazionale di Dramma Antico (INDA), il Teatro Lirico “V. Emanuele” di Messina e l'Istituto Musicale “V. Bellini” di Catania. Ha eseguito brani classici nei quali ha potuto far sfoggio della sua abilità virtuosistica.

Graditi ospiti dei Clubs per la Festa degli Auguri il contrammiraglio Roberto Camerini, Comandante Marittimo Militare Autonomo in Sicilia, il contrammiraglio Giuseppe Abbamonte, direttore dell’Arsenale Militare Marittimo, e il capitano di vascello Giuseppe Barbera, comandante della Base di Augusta.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 16/12/2013 alle  14:53:01, nella sezione ARTE,  890 letture)

alessandriniSi svolgerà ad Augusta dal 20 al 22 dicembre una mostra di pittura che vedrà esposte le opere di Angelo Alessandrini e Nuccio Garilli, due artisti augustani emergenti. La mostra si intitola “Sei” e sarà ospitata nel salone principale di Palazzo Migneco, in via Roma 53.

 “Il titolo – dice Angelo Alessandrini (nella foto) - nasce principalmente dal numero delle opere presenti alla mostr a, tre per ciascun artista. La parola “Sei”, però, è anche un modo di rivolgersi al pubblico con un confidenziale “tu sei”, così da rendere protagonista anche il visitatore. Il titolo possiede anche una valenza sacra, tutto gira infatti attorno al numero tre. Tre sono i quadri per artista, sei sono le opere in mostra, le misure delle opere sono 90 x 90, ancora un multiplo di tre. Il tema sacro non viene affrontato in maniera tradizionale, anzi, con le nostre opere analizziamo un tema tanto delicato in maniera del tutto innovativa e personale. L'idea della mostra nasce dalla nostra esigenza di fare qualcosa per la città e dal desiderio di proporre qualcosa di nuovo da un punto di vista artistico. “Sei”, infatti, non è la solita mostra di paesaggi, nature morte o quadri che ritraggono scene della Sicilia antica, al contrario, si propone di utilizzare un linguaggio del tutto innovativo e controcorrente rispetto alla scena artistica cittadina.”

Angelo Alessandrini si è formato all’Accademia di belle arti di Catania e in seguito si è specializzato in scultura ed in arte sacra. Da oltre dieci anni le sue opere sono esposte in alcune importanti gallerie d’arte italiane e, nel 2005, alcune di esse sono state pubblicate in importanti riviste edite da “Mondadori”. Nuccio Garilli ha iniziato ad amare l’arte seguendo l’ispirazione che gli proveniva dalle biografie di grandi pittori quali Warhol e Pollock, ma presto ha deciso di cercare via di espressione propria, maturando un tratto intenso, scegliendo l’uso di colori forti e dedicandosi a temi legati alla sofferenza umana. L’evento è organizzato dall’associazione QuattroTerzi in collaborazione con Icob.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 16/12/2013 alle  14:49:41, nella sezione CRONACA,  764 letture)

etna vulcanoE' strano come le televisioni nazionali non registrino puntualmente la straordinaria attività stromboliana del vulcano Etna in corso da ieri con spettacolari e preoccupanti boati ed esplosioni di magma lavico, avvertiti non solo dalle popolazioni dei paesi dell’area etnea ma anche distintamente fino ad Augusta e perfino a Siracusa con vibrazioni dei vetri delle finestre. La rete invece, soprattutto nelle comunicazioni dei social network, è tutto un fibrillare di messaggi e post che danno la misura della partecipazione emotiva che questo evento suscita. E’ stato chiuso l’aeroporto di Catania per un periodo di tempo, e perfino si è decretata la chiusura dell’intero spazio aero della Sicilia sud orientale, a causa della cospicua ricaduta di cenere. L'intensa attività eruttiva dell'Etna si manifesta con fontane di lava altissime emesse, assieme a violenti boati, dal Nuovo Cratere di sud-est. Dalla bocca vengono spurgate diverse colate di magma incandescente che si dirigono fortunatamente verso la desertica Valle del Bove. Il fenomeno è ben visibile da Catania e da Taormina, ma si vede bene anche da Brucoli, ed è uno dei più intensi per energia tra quelli registrati negli ultimi mesi sul vulcano attivo più alto d'Europa. Sulle emergenze dovute alle emissioni di cenere lavica da parte dell’Etna, l’amministratore delegato della Sac, Gaetano Mancini, che gestisce l’aeroporto di Catania, ha espresso l’augurio che si trovi il modo di rendere l’aeroporto di Comiso alternativo a quello di Catania in occasione di simili situazioni di crisi, considerato che l’utilizzo dello scalo di Comiso potrebbe limitare i disagi per i passeggeri, evitando di penalizzare il trasporto aereo così importante per i siciliani e indispensabile per l’economia dell’isola.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 14/12/2013 alle  18:34:59, nella sezione LIBRI,  657 letture)

copertina curreriLuciano Curreri– professore di letteratura in Belgio - lo conoscevo come forbito saggista e valente italianista, avevo letto Il peplum di Emilio (Il Foglio, 2012), L’elmo e la rivolta (Comma 22, 2011), ma mi ero lasciato sfuggire la sua notevole vena narrativa, che in questo volume dal titolo Quartiere non è quartiere. Racconto con foto quasi immaginarie (Amos edizioni) – a metà strada tra il romanzo e la raccolta di racconti – tocca corde proustiane. Forse quando raggiungiamo una certa età – non giocoforza veneranda, come in questo caso – il ricordo dell’infanzia si fa pressante e ci chiede di venire fuori, di essere inserito in una narrazione, di non restare soffocato dal tempo che passa. Ci capita, allora, di andare alla ricerca del tempo perduto, se siamo scrittori usiamo l’arma della poesia o della prosa poetica, come nel caso di Curreri, che racconta i suoi ricordi, ma sono ricordi talmente universali da comprendere tutti i lettori. Curreri narra una campagna ferrarese che fa venire a mente i migliori film di Pupi Avati, un’adolescenza che profuma di un Amarcord felliniano, intrisa della poesia della memoria, ricca di parole evocative e di immagini suggestive. Protagonista dei ricordi è la nonna dell’autore, ma in primo piano c’è un piccolo mondo antico irrimediabilmente perduto, un mondo piccolo abbandonato per sempre, che non può tornare, un’infanzia che più si allontana più si affaccia con prepotenza alla memoria. Bravo Luciano Curreri che è andato alla ricerca del tempo perduto e ha saputo trovare le parole giuste per farlo apprezzare al lettore. Non era facile.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 13/12/2013 alle  10:08:14, nella sezione LIBRI,  683 letture)

COPERTINA DEL LIBRONon sono un esperto di poesia, anche se amo leggerla e tradurla dallo spagnolo per far conoscere i miei poeti cubani della diaspora, ché poi far conoscere - per la poesia - è una parola grossa, a volte anche regalandola non si trovano lettori. Proviamo a parlare di un libro che mi ha emozionato, allora, da semplice lettore, ché quello sono, non certo un critico, tanto meno un poeta. Cinzia Demi è piombinese come me, vive a Bologna, dove dirige la collana di poesia Sibilla per Pendragon e manda avanti il bimestrale Parole. Per Il Foglio Letterario ha curato, insieme alla poetessa Patrizia Garofalo, una stupenda antologia - omaggio a Giorgio Caproni: Tra Livorno e Genova: il poeta delle due città (2013). Ero Maddalena (Puntoacapo) è un libro di liriche che mette in primo piano una figura di donna inquieta, straziata dal dolore, piena di passione carnale (come in Giovanni Testori), inserita nel quotidiano dove vive la sua follia e la sua passione. Maddalena è una peccatrice, come tutti noi, non è difficile per il poeta immedesimarsi in una figura di donna che ottiene la salvezza bagnando di lacrime le carni di Gesù (ero Maddalena lo sento/ lo so ho la sua stessa vena/ sono la sua stessa forma). Maddalena percorre le stazioni del dolore, un personale pellegrinaggio di redenzione, assiste alla resurrezione di Cristo con gli occhi meravigliati di un’innocente. Maddalena peccatrice, certo, ma proprio per questo vicina a Cristo e donna investita del ruolo di dover svelare il mistero della resurrezione della carne (io mi piego alla pietà/ di uno che ho visto morto/ che non è più nessuno).

Cinzia Demi dialoga con Maddalena (parti in corsivo alternate a sequenze in tondo), in terzine dantesche, imperfette, moderne, con uno stile originale, anche se suggestionato dallo studio di Caproni. La poetessa accoglie la leggenda secondo cui il vento di Ponente avrebbe accompagnato la figura di Maria Maddalena, sin quando la sua statua approdò all’omonima isola, in Sardegna, spinta da quel vento: Bologna mi accoglie/ potente nelle sue strade/ a quest’ora quasi senza gente/ un vento di ponente/ deciso mi ha spinto/ nella sua direzione/ scalza come un bambino/ nuda di consolazione/ cerco l’antro di un portone/ o la fredda scala/ la balaustra di una chiesa/ il riparo di una prigione. Poesia moderna che racconta una vita del passato e ripercorre strade d’un dolore al femminile quanto mai moderno e attuale. Simbolismo, metafore, similitudini poetiche e ricerca linguistica sono elementi fondamentali d’una poesia vibrante, musicale e ricca di emozioni. Suggestiva la copertina di Maurizio Caruso, un acrilico su cartone telato. Confezione editoriale tascabile, economica, in perfetta sintonia con l’opera poetica.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 12/12/2013 alle  16:53:25, nella sezione EVENTI,  747 letture)

locandina eventoAd Acireale, venerdi 13 dicembre, alle ore 17,30, lo scrittore siracusano Luca Raimondi presenzierà all’incontro organizzato dall’associazione culturale “Nuova Galatea” sul tema “La Sicilia che scrive”, che si terrà nella sede di via Galatea 147. Oltre a Raimondi, che privilegia saggi e romanzi, saranno presenti anche Salvo Cavallaro, specializzato in racconti e Valentina Carmen Chisari, giornalista, il cui primo libro è dedicato alla letteratura per l’infanzia. I tre autori si faranno insomma portavoce delle diverse forme con cui la letteratura può raccontare le sue storie e di cosa significa operare in quest’ambito in una terra, la Sicilia, tanto ricca di spunti e stimoli quanto avara in termini di lettori e di attenzione verso la cultura e verso coloro che, nel loro piccolo, se ne fanno promotori.

Luca Raimondi, augustano trapiantato a Siracusa, ha esordito nel lontano 1996 e successivamente si è laureato due volte presso l’Università di Catania: tra la provincia aretusea e il mondo accademico etneo ha ambientato il suo ultimo romanzo, “Se avessi previsto tutto questo” (Edizioni Il Foglio), così come il prossimo, che uscirà fra qualche mese per la stessa casa editrice. Appassionato di cinema e fondatore del “Corto Siracusano Film Fest” , non disdegna di operare anche come regista e sceneggiatore.

Salvo Cavallaro, di professione avvocato, si è finora dedicato alle “short stories”, esordendo nel 2011 con “Ma di cosa stiamo ancora parlando” e diventando direttore della collana di racconti “Vervain” della casa editrice Carthago, presso cui ha di recente pubblicato una seconda raccolta dal titolo “Date da mangiare ai pesci”.

Valentina Carmen Chisari, laureata in Scienze Politiche, si è dedicata al giornalismo e alla comunicazione prima di approdare al suo esordio letterario, “Racconti dall’isola magica. La Sicilia e i suoi colori” (Inkwell).

L’incontro sarà coordinato dal presidente dell’associazione, Alessandro Coco.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 11/12/2013 alle  18:16:47, nella sezione CRONACA,  672 letture)

sel logoSi è svolto sabato 7 dicembre presso l’Hotel Relax di Siracusa il Congresso Provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà. 210 i delegati di Siracusa e provincia per l’elezione del nuovo direttivo provinciale, nonché dei delegati regionali e nazionali. Riconfermato nella carica di segretario Vincenzo Vitale. Nelle intenzioni per il prossimo futuro Sel indica la costruzione di un partito aperto, legato al territorio e profondamente rinnovato, riconoscendo nel passato errori e problematiche che necessitano di essere corretti i primi e risolte le seconde. Il Congresso Nazionale cui andranno i delegati eletti si terrà il 24 – 25 – 26 Gennaio 2014 a Riccione. Pochissimi gli ospiti, rappresentanti delle altre forze politiche, pochi gli interventi e una platea con scarse presenze di giovani. Fuori dal coro la voce del consigliere comunale Alessandro Acquaviva, uomo di punta del partito aretuseo, che ha rilevato il pericolo per il partito di un riciclaggio politico e dell'imbavagliamento del dissenso interno fatto questo che certo non incoraggia il cambiamento. Acquaviva polemizza e definisce Sel di Siracusa un "partito di plastica, privo di contenuti programmatici e disinteressato al tema del cambiamento politico e generazionale”. Secondo lui il Congresso ha sancito l’ingresso di vecchi democristiani nel gruppo dirigente locale e ha dimostrato il pessimo stato del partito. Forte l’attacco di Acquaviva a Raffaele Gentile, considerato “il puparo che ha diretto e gestito, alla vigilia delle amministrative, l'ingresso della famiglia Lo Curzio in Sel nella figura di Enrico Lo Curzio, cooptato nell'assemblea regionale di Sel, della moglie di quest’ultimo nel collegio di garanzia provinciale nonché dei figli e dei nipoti nel direttivo provinciale. “Immaginando tutto ciò - ha concluso Acquaviva - avevo anticipato, nel mio intervento, la mia indisponibilità ad accettare qualunque compromesso politico e quindi, a ricoprire ruoli negli organismi provinciali nonché a partecipare al voto dei delegati".

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 09/12/2013 alle  14:43:01, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  865 letture)

ALBERO DI NATALE AD AUGUSTAAd Augusta sono stati sistemati in piazza Duomo, in piazza America e in altri punti della città alcuni alberi di Natale donati dalla Raffineria Esso. Dal Comune invece fanno sapere che la commissione straordinaria di Augusta ha ritenuto inopportuno illuminare le principali strade cittadine per le festività natalizie, visto che diverse strade, in borgata ma anche in centro, sono al buio in attesa che sia individuata una ditta appaltante per la manutenzione degli impianti di illuminazione pubblici andati in tilt. Come dire mal comune mezzo gaudio. Gli augustani per la verità si aspettavano una maggior incidenza nel tradizionale impegno natalizio della Esso, nella città dove albergano malumori per le recenti vicende (ancora in atto) di percezione degli orrendi olezzi di idrocarburi in tutta la zona abitata, odori che destano preoccupazione e rabbia nella popolazione, di incerta provenienza (Esso, Lukoil, Maxcom?).

Sostiene Mimmo Di Franco, autore dell’iniziativa di un piccolo albero di natale posto sul sagrato della Chiesa Madre, nel quale i cittadini sono invitati ad appendere bigliettini coi nominativi dei propri familiari morti per cancro: “Avevamo chiesto, nella manifestazione del 26 Ottobre, più controlli da parte dell'Arpa e multe per coloro che inquinano. Abbiamo bisogno di aria pulita, non di alberi. L'albero di Natale dei cittadini è sul sagrato della Chiesa Madre, non è stato fatto con i petrodollari ma con i sacrifici”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 09/12/2013 alle  14:29:24, nella sezione CRONACA,  617 letture)

Garozzo e RenziIl Pd ha avuto le sue primarie e come ormai tutti sanno ha vinto Matteo Renzi. Anche in provincia di Siracusa i risultati sono uguali, hanno votato 11.428 elettori, un dato di affluenza ritenuto più che soddisfacente dal Segretario Provinciale Carmen Castelluccio, malgrado la sconfitta del suo candidato Cuperlo. Puntando soprattutto su questo dato dell’affluenza alle urne il segretario provinciale ha dichiarato: “Come segretaria provinciale, chiusa ormai la partita dei congressi, credo bisogna ora volgere lo sguardo verso la sofferenza di tanti cittadini, la grave crisi economica che attraversa la nostra provincia, i temi del lavoro e dello sviluppo, il tema dell’ambiente e delle bonifiche, gli interventi per la tutela del territorio e la sua promozione, tutte questioni che, per chi sente realmente l’esigenza di rinnovare la politica, non possono più aspettare e che dobbiamo affrontare anche sostenendo e stimolando il lavoro dei tanti amministratori locali impegnati su molti di questi temi”. Matteo Renzi ha avuto oltre quattromila preferenze di scarto su Cuperlo, testimoniando anche qui la volontà di cambiamento e la speranza per il futuro del PD ma anche di tutti i cittadini. Nel dettaglio ad Augusta hanno votato 755 aventi diritto: Renzi ha avuto 363 preferenze, Cuperlo 301, Civati 87, 3 le schede bianche e 1 nulla. A Siracusa hanno votato in 3.548 e Renzi ha goduto di 2.321 preferenze, Cuperlo 849, Civati 363, bianche 7 e nulle 8. Negli altri comuni del siracusano l’andazzo è stato il medesimo fatta eccezione per il piccolo comune montano di Buscemi dove ha avuto più voti Cuperlo, ma il dato è stato insignificante sul totale generale. Naturalmente soddisfatto il Sindaco di Siracusa Giancarlo Garozzo (nella foto con Renzi) e tutta l’ala renziana che fa riferimento all’on. Foti.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 06/12/2013 alle  16:48:12, nella sezione CULTURA,  730 letture)

PIANISSIMO LOGOMartedi 10 dicembre alle 19.00, presso Impact Hub a Siracusa (in via Mirabella 29, nel centro storico di Ortigia), è previsto il primo appuntamento del ciclo "Sicilian Dangerous Mind". Il primo incontro avrà come protagonista Filippo Nicosia, trentenne messinese, redattore editoriale, ideatore e anima di Pianissimo: una libreria itinerante e un progetto di promozione della lettura in Sicilia attraverso un viaggio su un furgone d’epoca. Un viaggio quindi senza troppe comodità, in cui si guarda il paesaggio e ci si ferma spesso a parlare di libri e incontrare persone.

Dopo il successo del primo tour siciliano, che si è snodato ad agosto 2013 tra città e paesi siciliane, a dicembre il furgoncino di Pianissimo che va letteralmente pianissimo, si è rimesso in moto per la Sicilia, regione che, dopo la Basilicata, detiene il record negativo di lettori d’Italia. Pianissimo risponde a questo problema con un atto concreto, in strada, coinvolgendo amici e incontrando sconosciuti, creando un ponte di libri tra i lettori e gli autori. La sfida è quella di mettere il libro nelle piazze e sperare che qualcuno lo porti a casa e inizi a leggere. Un’idea che vuole far crescere lettori consapevoli, divertiti, entusiasti e curiosi, in una parola siciliani che possano sentirsi finalmente, e a pieno diritto, cittadini europei. La serata si concluderà con l’esposizione dei libri che compongono la biblioteca di Pianissimo e con l’unico aspetto di Pianissimo che va velocissimo: le letture. Saranno ospiti alcuni scrittori siracusani: Angelo Orlando Meloni, Daniele Zito, Luca Raimondi e Alberto Minnella.

Angelo Orlando Meloni è autore di Io non ci volevo venire qui (Del Vecchio), sceneggiatore del fumetto “pulp” Triviale, dietro le cattive intenzioni (VerbaVolant), e, insieme a Ivan Baio, di Cosa vuoi fare da grande (Del Vecchio) il romanzo tragicomico sul tragicomico futuro dell’istruzione italiana. Daniele Zito ha trentatré anni, è cresciuto a Siracusa e vive a Catania. Ricercatore precario all’Università di Catania, si occupa di sistemi distribuiti, cloud e sistemi complessi tempo varianti. Collabora con “L’Indice dei Libri del mese”. La solitudine di un riporto, pubblicato da Hacca Edizioni nel 2013, è il suo esordio narrativo. Luca Raimondi è nato ad Augusta nel 1977 e vive a Siracusa. Regista e sceneggiatore di cortometraggi e documentari, ha scritto quattro romanzi e altrettanti saggi e curato sei edizioni del festival “Corto siracusano”. Il suo ultimo libro si intitola Se avessi previsto tutto questo. In cerca d’amore nella Catania di fine millennio (Edizioni il Foglio). Alberto Minnella è nato ad Agrigento nel 1985 e vive a Siracusa. Ha lavorato come giornalista per “Il Giornale di Sicilia” e il “Corriere di Sicilia” e come critico musicale per “Ilmegafono.org”, “La grande testata” e “Indie for Bunnies”. Ha studiato musica moderna, a Parigi, all’accademia di batteria Dante Agostini. Il gioco delle sette pietre, pubblicato da Frilli Editori nel 2013, è il suo primo romanzo.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Gordiano Lupi (pubblicato il 05/12/2013 alle  16:53:15, nella sezione LIBRI,  702 letture)

himmler copertinaDomenico Vecchioni è un diplomatico di carriera, ex console a Madrid e a Nizza, ambasciatore d’Italia a Cuba, con la passione per la saggistica storica. Ha pubblicato molte biografie: Raúl Castro, Evita Perón, Raoul Wallenberg, PolPot, KimPhilby, Richard Sorge, oltre ad alcuni studi sulla storia dello spionaggio. In questo libro sintetico, divulgativo, ma esauriente, dal titolo Felix Kersten - Il medico di Heinrich Himmler (Una storia straordinaria), edito da Greco&Greco, Vecchioni ripercorre la vita di Felix Kersten, il medico personale di Heinrich Himmler, il “burocrate dello sterminio”, capo delle SS e della Gestapo, protagonista di un incontro stupefacente con il rappresentante del congresso ebraico mondiale, NorbertMasur.

Lo stile di Vecchioni è piano e semplice, descrive Himmler come un personaggio da romanzo, alle prese con i suoi lancinanti dolori di stomaco che soltanto il medico finlandese Kersten sarà in grado di alleviare. Molto interessante è l’intreccio di rapporti tra il capo nazista e il medico - amico, che diventa un confidente così ascoltato e influente da permettergli di salvare molte vite umane. Il medico segue il burocrate in ogni spostamento, lo cura con i massaggi e le medicine, lo ascolta, dispensa consigli, fino a compiere la sua impresa più grande, per la quale sarà sempre ricordato. Kersten - ricorrendo al suo potere - fa firmare a Himmler il Contratto in nome dell’Umanità, poco prima che cada il nazismo, evitando la distruzione dei campi di concentramento e salvando la vita a 800.000 persone. Un benefattore dell’umanità, una salvezza per 63.00 ebrei, un uomo della cui vita si conosce poco e che bene ha fatto Vecchioni ad analizzare in ogni sua sfaccettatura. Un’ottima lettura natalizia.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2

 1604 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (222)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (59)
COSTUME E ATTUALITA' (113)
CRONACA (722)
CULTURA (195)
EDITORIALI (26)
EVENTI (288)
LIBRI (181)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017

Gli interventi più cliccati

< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             


Titolo

 



Titolo
fotografie (3)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


19/11/2017 @ 22:12:11
script eseguito in 367 ms