\\ Home page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 30/12/2011 alle  13:46:45, nella sezione CRONACA,  789 letture)

Finalmente qualcosa si muove anche nella Regione Sicilia, patria degli abusi e dei privilegi di marca politica. Infatti nell’ultima seduta dell’anno, l’Ars ha tagliato un altro privilegio, forse uno di quelli più ambiti: la legge 104, quella sulle cosiddette “baby pensioni”, che consentiva i prepensionamenti dei dipendenti regionali che devono accudire un parente malato. Con la motivazione di dover assistere un genitore, un coniuge o un figlio malato, centinaia di impiegati e dirigenti sono andati in pensione anzitempo. La legge infatti prevede questa possibilità con 25 anni di contributi, addirittura 20 per le donne. Negli ultimi tempi, si era assistito ad una vera e propria fuga dall’amministrazione regionale. Una bella differenza rispetto alle normative varate dal governo nazionale che di fatto bloccano i pensionamenti anche a chi ha lavorato per 40 anni. La norma varata dall’Ars adegua la Sicilia al resto del Paese dove il prepensionamento è consentito solo in caso di inidoneità fisica del dipendente, non dei suoi familiari. È passata, però, una sorta di “sanatoria” per le domande già presentate non ancora accettate dalla Regione. Negli ultimi anni, i prepensionamenti in Sicilia hanno fatto registrare una crescita esponenziale, infatti tra il 2004 e il 2007, i baby-pensionati regionali che usufruivano dei benefici della legge 104 erano in media 100 all’anno. Nel 2008 e nel 2009 la cifra è raddoppiata: 200 pensionati all’anno.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 30/12/2011 alle  10:09:37, nella sezione CRONACA,  817 letture)

Sulla problematica della piscina comunale, che sta appassionando i cittadini augustani, tra i pro e i contro, per la quale ricordiamo è stato votato e approvato dal consiglio comunale il progetto di ristrutturazione, registriamo una dichiarazione di Salvo Madonia, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Augusta. “Vorrei chiarire – dice l’assessore - che la storica piscina di Augusta la cui ristrutturazione avverrà prima dell’estate 2012, presenta una serie di punti di forza. Una sorta di settebello di motivazioni, per rimanere in tema di pallanuoto. Intanto si tratta di una piscina con scopo ricreativo fruibile a tutti (giovani, meno giovani e diversamente abili) che potranno riavere, in tempi brevissimi, una struttura sportiva pubblica nell'attesa della realizzazione di una moderna cittadella sportiva. Potrà essere fruita anche dai diversamente abili, che potranno accedervi autonomamente sino a raggiungere lo spogliatoio allocato sotto la tribuna e contestualmente raggiungere autonomamente la nuova vasca a bordo sfioro. La ristrutturazione-costruzione della vecchia piscina prevede una riduzione delle sue originarie misure per le nuove norme di omologazione CONI, che prevedono superfici a bordo vasca adeguate. La dotazione di nuovi impianti tecnologici permetterà di abbattere i costi di gestione del 70%. Naturalmente ciò non pregiudica la realizzazione della piscina sportiva all’interno della cittadella sportiva, che tutti quanti ci auspichiamo di avere, in questo caso l’attuale struttura diventerà un impianto di quartiere facilmente gestibile, sfruttato dai residenti del centro storico, dai bambini e dai diversamente abili. Infatti la possibilità di posteggiare ai giardini pubblici e l’utilizzo del sottopassaggio, che verrà ripristinato dopo l’allargamento della strada, ne faciliterà l’accesso. Soli così potremo iniziare a rivalutare il centro storico progressivamente ristrutturato. Pur riconoscendo i limiti di una vasca non idonea ad ospitare campionati di serie A – conclude Salvo Madonia - questa renderà possibili gli allenamenti, senza doversi spostare fuori sede se non per l’espletamento della gara, nelle more della realizzazione della vasca ufficiale all’interno della cittadella sportiva sulla quale si sta lavorando per la nuova destinazione d’uso dell’area individuata. Infine, fatto non meno importante, abbiamo previsto che l’allargamento della strada di accesso alla città dal viadotto Federico di Svevia deve essere contestuale alla ristrutturazione della piscina”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 29/12/2011 alle  18:43:42, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  864 letture)

Parecchi comuni italiani, in testa Torino, hanno emesso ordinanze che vietano totalmente o parzialmente i botti di Capodanno nella notte di San Silvestro. Botti che, come ricordano gli animalisti, provocano ogni anno la morte di 5000 animali, tra i quali oltre 500 cani ed altrettanti gatti, nonché problemi nei malati e nei cardiopatici. Ricordiamo che i cani, per esempio, hanno un udito sviluppatissimo per cui il rumore degli scoppi viene percepito oltremodo amplificato rispetto alla tolleranza dell’orecchio umano. Sarebbe opportuno che anche Augusta scatenasse una campagna di opinione e si dotasse di regolamenti rigorosi al riguardo, dando la caccia ai cittadini dal petardo facile. D’altro canto esistono già disposizioni di legge che vietano determinati tipi di botti che possono risultare pericolosi. La redazione di Dioramaonline, nel fare gli auguri per l’anno nuovo, invita tutti a festeggiare la notte di Capodanno con tanta musica e stappando bottiglie di spumante, rumori assai più tollerabili alle nostre orecchie e a quelle dei nostri amici a quattro zampe. Anche dal punto di vista del rischio incendi, bisogna fare molta attenzione non trascurando la possibilità di incidenti ai minori nelle cui mani possono esplodere petardi non a norma di sicurezza. Sì ad un Capodanno “scintillante” ma senza esagerazioni di stampo partenopeo, chi spara ‘razzi’ non consentiti non è uno “sperto” ma solo uno “stronzo”. Ad ogni modo, a breve dovrebbero essere oltre 1200 i Comuni che si doteranno di ordinanze di questo tipo: la maggior parte si trova nel centro-nord Italia, e la provincia più virtuosa, al momento, è quella di Bergamo. Quella meno “sensibile” al problema, neanche a dirlo, è Napoli che, alla faccia della crisi, spende ogni anno in botti illegali cifre considerevoli. Siracusa e la sua provincia dimostri di essere civile e parsimoniosa, soprattutto in momenti come questo in cui c’è bisogno di pace e di serenità, visto l’anno 2012 che sembra essere denso di sacrifici e foriero di recessione.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 27/12/2011 alle  17:23:08, nella sezione CRONACA,  794 letture)

Il coordinatore regionale dell'Udc siciliano Gianpiero D'Alia ha annunciato la decisione di ritirare il suo assessore Andrea Piraino e di chiudere la collaborazione con il governo presieduto dal governatore Lombardo, ritenendo ormai chiusa questa fase della politica regionale. D’Alia pensa che, pur ritenendo positivo l'anno di collaborazione con il governo Lombardo, durante il quale si sono fatte alcune cose importanti per la Sicilia grazie anche al contributo determinante dell'Udc, oggi si devono considerare insoddisfacenti le risposte date ad alcune questioni ritenute importanti per il partito di Casini. "La situazione economica e sociale dell'Italia e della Sicilia - ha detto D'Alia - è grave e a Roma è cambiato il governo e si è costituito un progetto di esecutivo per fare quelle riforme strutturali importanti per risanare l'economia italiana. La crisi si sente maggiormente nelle aree più deboli, quindi nel mezzogiorno e in Sicilia. Il governo Lombardo ha una solidarietà politica parziale, è un governo che non ha le forze necessarie per affrontare quelle riforme essenziali per uscire dalla crisi, a cominciare dal risanamento del bilancio della Regione. Il 2012 sarà un anno particolarmente difficile per la Regione siciliana e noi abbiamo chiesto che venga affrontato con serietà dalle forze politiche, con un vincolo di solidarietà diverso da quello che c'è stato finora”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 26/12/2011 alle  10:20:04, nella sezione CRONACA,  790 letture)

Si torna a parlare in questo ultimo scorcio dell’anno del rigassificatore, un impianto considerato invasivo e pericoloso che andrebbe innestato nella zona industriale di Priolo contribuendo ad aumentare i pericoli di un territorio già ampiamente esposto e compromesso, già occupato dal polo petrolchimico, già ad alto rischio sismico e di maremoto. Il rigassificatore dovrebbe servire solo a riportare il gas trasportato dalle metaniere alla condizione gassosa prima di intubarlo per pomparlo verso il nord della penisola. Ma è possibile non si possa trovare un sito lontano da centri abitati, da un polo petrolchimico, da mille serbatoi di sostanze infiammabili e tossiche, in una zona meno rischiosa dal punto di vista sismico? Magari in territori più prossimi alla destinazione finale del gas? Certo ognuno vuole allontanare da se i pericoli per piazzarli nell’orto del vicino, è questa la logica per cui il rigassificatore si vuole piazzarlo proprio tra Priolo e Augusta? Proprio nella zona più a rischio? E il sindacato cascherà ancora una volta nella trappola, consentendo lo scempio del territorio in cambio di alcuni posti di lavoro per breve tempo, ripetendo l’errore commesso tanti anni or sono? Magari una postazione in mare, a parecchi chilometri dalle coste, in zona non sismica, non sarebbe una soluzione possibile? Non sarebbe meno pericolosa? Ricordiamo a questo proposito che l’assemblea consiliare del 14 settembre scorso riunitasi per discutere dello schema di convenzione sui principi e l’ammontare delle misure di compensazione e riequilibrio ambientale tra il Comune di Augusta e la Ionio Gas S.r.l. a seguito della realizzazione dell’impianto aveva espresso un parere numericamente valido ma che certo non rappresenta la volontà della maggioranza degli abitanti di Augusta. La scelta di quest’opera da realizzare nel contesto di un’area già fortemente provata dalla massiccia presenza di impianti industriali obsoleti ha coinvolto ancora una volta il sindacato che è sempre pronto a sottostare al ricatto di qualche manciata di posti di lavoro. Nessuno è contro lo sviluppo economico certo, ma davvero il nostro territorio è ancora in grado di sopportare un nuovo insediamento industriale ad altissimo rischio di incidente rilevante? I 33.000 abitanti di Augusta riceveranno 8 milioni di compensazioni, circa 242 euro a persona che serviranno per “risollevare il futuro della nostra Città”. Un prezzo che pare a molti somigliare ai famosi trenta denari, determinando un precedente storico per quanto riguarda l’abbassamento della soglia della sicurezza per ogni singolo abitante.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 24/12/2011 alle  09:01:34, nella sezione CRONACA,  921 letture)

Grande meeting all’Open Land di Siracusa dell’MPA per i tradizionali auguri di Natale. Il partito di Raffaele Lombardo si è stretto attorno al suo maggiore rappresentante territoriale, l’onorevole Giuseppe Gennuso. Numerosissimi i partecipanti provenienti da tutti i comuni del siracusano, al tavolo di presidenza oltre a Gennuso, il sindaco di Noto Corrado Bonfanti, il consigliere provinciale Gino Saitta, il coordinatore cittadino di Siracusa Enzo Moscuzza, l’ex vicepresidente della Provincia Enzo Reale. Ha portato i suoi saluti anche la professoressa Giuseppina Ignaccolo, esponente dell’MPA. Gli interventi hanno dato spazio alla speranza di un futuro migliore per la Sicilia e all’augurio di un sempre più forte radicamento del partito nel territorio, vicino alle esigenze dei cittadini e attento alle problematiche dell’ambiente e del lavoro. Non sono mancate velate polemiche sui rapporti col “terzo polo” che vivono un momento difficile per gli equilibri di forza e di leadership che sono presupposti essenziali alla costruzione di un’unitaria compagine politica in vista delle campagne elettorali prossime venture.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 24/12/2011 alle  08:58:38, nella sezione CRONACA,  766 letture)

Il Capogruppo dell’Mpa al consiglio comunale, Giulio Morello, interviene sulla polemica che riguarda la piscina comunale. “Ad Augusta – dice Morello - ormai c’è la moda di criticare qualsiasi cosa. Di criticare ciò che non si fa, ma anche ciò che si vuole fare per la città. All’inizio tutto il partito e il gruppo consiliare ha voluto ben capire il progetto prima di approvarlo in aula. Oggi siamo convinti che la ristrutturazione della vecchia piscina e il contemporaneo allargamento della strada, rappresenta un’iniziativa rilevante per ridare allo sport quella importanza che merita come fatto sociale e culturale e per rendere più sicuro l’accesso viario al centro storico. In tempi brevi i cittadini avranno una struttura sportiva Coni di immediata fruizione, che invece senza alcun intervento è destinata ad un ulteriore ed esponenziale degrado. Siamo certi che avremo un’opera capace di contribuire alla rivalorizzazione del centro storico. Opera che, al tempo stesso, non esclude la costruzione della nuova cittadella dello sport, la quale però prevede tempi lunghi di realizzazione avendo in progetto una piscina olimpionica che ha un costo di almeno tre milioni di euro. Adesso dobbiamo lavorare anche per la riqualificazione dei giardini pubblici, un polmone verde prezioso per il paese, fruibile sia per attività culturali che per attività sportive”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 21/12/2011 alle  21:06:09, nella sezione CRONACA,  796 letture)

Un esposto relativo a possibili disfunzioni presso l’Ospedale Civile “Muscatello” di Augusta è stato presentato al locale Comando della Compagnia dei Carabinieri a firma dei rappresentanti del movimento civico “L’altra Augusta, Enzo Inzolia e Domenico Di Franco”. L’esposto recita: “Da più fonti, numerose delle quali particolarmente qualificate, è giunta notizia (peraltro già ripresa da stampa locale) di innumerevoli quanto importanti disfunzioni afferenti i diversi Reparti dell’Ospedale Civile “E. Muscatello” di Augusta; se ne riportano alcune fra le più significative: MEDICINA: a causa di vistose carenze di personale infermieristico (di cui sarebbe stato promesso un parzialissimo ripianamento), sarebbe stata autorizzata la chiusura di più stanze (ovviamente con i posti-letto contenuti); va, peraltro, sottolineato che, anche in caso di rafforzamento dell’organico, ben tre infermieri sono regolarmente dispensati dal servizio in turno onde sicuramente permarrebbero i disservizi; inoltre da ancor prima del periodo estivo non sarebbe funzionante il condizionamento climatico sicché i pazienti ricoverati hanno sofferto il caldo e, ora, stanno patendo i rigori invernali; ancora, da più mesi pare manchi l’acqua calda. CHIRURGIA: a causa di vistose carenze di personale infermieristico starebbero per essere chiuse una o più stanze del Reparto; mancherebbero perfino il filo da sutura ed altri presidi sanitari; inoltre la disponibilità di cerotti sarebbe ridotta solo a quelli di misura minima e, per di più, di carta. Quanto precede, che come detto costituisce incompleto elenco delle manchevolezze di cui è giunta notizia, si riferisce per gli accertamenti ritenuti utili per appurare eventuali comportamenti -sia commissivi che omissivi- in relazione allo scadimento (in qualche caso annullamento) dei servizi sanitari costituzionalmente garantiti”.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 21/12/2011 alle  20:54:52, nella sezione CRONACA,  1854 letture)

Improvvisa ed inaspettata la notizia della prematura scomparsa del pittore di Ortigia Orfeo, stroncato da un infarto nel pieno della sua attività e della sua vitalità. Orfeo Bastianini era nato a Viterbo ma ormai da molti anni viveva ed operava a Siracusa, nel suo studio in Ortigia, l’isola che era diventata motivo di ispirazione per i suoi dipinti di natura essenzialmente paesaggistica. Negli acquerelli, nella pittura ad olio e nelle singolari tecniche miste Orfeo rappresentava angoli e scorci di Ortigia con una sapienza tecnica estrema di stampo impressionista. Autodidatta ma dotato di un eccellente senso della prospettiva egli riusciva a cogliere la luce che penetra negli stretti vicoli, quei raggi di sole che spezzano l’ombra umida delle antiche pietre e ad umanizzare le architetture con la presenza-assenza di personaggi la cui vita si immaginava nei panni stesi, nelle scritte graffite sui muri, nelle sedie impagliate davanti agli usci delle case, nei palloni colorati e nei giocattoli abbandonati sul selciato. Conoscevo Orfeo da almeno trentanni, dapprima ad Augusta, poi a Siracusa dove ambedue avevamo scelto di vivere, un grande amico, uno sportivo appassionato, un ottimo pittore che proprio sabato scorso mi aveva partecipato la sua decisione di preparare una grande retrospettiva, quasi a tirar le somme di una carriera ricca di soddisfazioni. La sua scomparsa discreta e prematura non gliene ha dato il tempo. Ma tutti i suoi tanti amici e i suoi collezionisti ed estimatori lo ricorderanno per sempre.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 21/12/2011 alle  12:43:27, nella sezione CULTURA,  856 letture)

Giovedì 22 Dicembre alle 17,30 a Palazzo Impellizzeri, in Via Maestranza, il prof. Egidio Ortisi, presidente del CIAPI, presenterà il libro di Corrado Di Pietro e Vittorio Lucca "Munnu ha statu e munnu è - La saggezza della sciabbica", proverbi siciliani tradotti e commentati, pubblicato dall’editore Carlo Morrone. Il proverbio siciliano e l'antica saggezza popolare sono i protagonisti di questo librio che è una raccolta di oltre 500 proverbi siciliani tradotti e commentati, un opera di pregio che, oltre a fissare sulla carta il retaggio della cultura popolare contadina e marinara del nostro territorio, rappresenta anche l'affermazione e la valorizzazione dell'identità siciliana e siracusana: tema di grande attualità, specie in un momento storico in cui, da un lato, la globalizzazione sembra voler omologare le culture e, dall'altro, certi estremismi secessionistici tendono a svilire le vere identità culturali in favore di altre del tutto posticce e improvvisate. Il libro, frutto di una lunga e accurata ricerca etnologica condotta sul territorio siracusano, è una preziosa summa delle antiche credenze e tradizioni popolari ormai in via di estinzione, custodite solo dalla memoria dei più anziani. I proverbi raccolti sono accompagnati dall’analisi e dalla spiegazione dei simbolismi e dei parallelismi di cui spesso essi sono infarciti: il risultato è un libro divertente, leggero e scorrevole, valido esempio di conservazione e valorizzazione di un bene immateriale e testimonianza di un passato di cui oggi possiamo e dobbiamo tenere vivo il ricordo, poiché in esso affondiamo le nostre radici culturali.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 20/12/2011 alle  17:46:25, nella sezione CRONACA,  787 letture)

Un’inquietante nuvola di fumo, proveniente dal Petrolchimico di Priolo, era visibile su Augusta tra le 10 e le 11 di questa mattina. Colonne di fumo nero si sono levate in cielo e sono state spinte dal vento verso Siracusa a causa di un incidente avvenuto nell'impianto Isab Nord, dove una perdita di olio-combustibile ha provocato un'esplosione. Non risultano esserci stati feriti. Sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno lavorato circa un'ora per estinguere le fiamme che si erano sviluppate nell'area SG10. La dinamica della vicenda è poco chiara e in via cautelare nella mattinata il comune di Priolo aveva avvertito la cittadinanza di andare a prendere i bambini a scuola e restare in casa. Grande apprensione quindi tra le popolazioni dell'area industriale preoccupate per lo stato di vetustà degli impianti che hanno bisogno di maggiore manutenzione e che sono troppo spesso oggetto di incidenti che angosciano i residenti dei paesi del triangolo industriale. Il polo siracusano si conferma quindi sempre più come un'area da monitorare continuamente per fronteggiare l’eventualità di nuovi disastri. Il Sindaco di Priolo aveva emanato due anni fa un'ordinanza che imponeva alle aziende che operano all'interno del petrolchimico di comunicare subito l'avvenuto incidente in modo da poter tempestivamente prendere le giuste precauzioni. Le società avevano sfacciatamente impugnato davanti al TAR l'ordinanza, ma hanno perso il ricorso, pertanto tale obbligo permane. Questo ennesimo episodio fa riflettere sulla necessità di non indebolire le strutture ospedaliere locali, con particolare riguardo all’ospedale Muscatello di Augusta, visti i rischi di incidenti pericolosissimi negli impianti industriali, che si assommano al rischio sismico sempre presente in questo territorio.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 19/12/2011 alle  09:27:02, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  819 letture)

Presso il Venus Sea Garden Resort di Augusta ha avuto luogo domenica 18 dicembre il tradizionale meeting degli Auguri di Natale del Kiwanis Club augustano. Presente il Past Luogotenente Governatore della Divisione Sicilia Sud Est Ing. Domenico Morello, Il Sindaco del Comune di Augusta, dott. Massimo Carrubba, il Comandante Militare Marittimo Autonomo in Sicilia Ammiraglio di Divisione Raffaele Caruso e Padre Luca Gallina, viceparroco della parrocchia della Madonna del Buon Consiglio di Augusta. Ha introdotto la serata il cerimoniere dott. Raimondo Raimondi, che ha poi passato la parola al Presidente del Kiwanis Avv. Silviarita Feccia, quindi padre Luca Gallina ha intrattenuto gli intervenuti con una interessante riflessione sul Santo Natale. Ha concluso gli interventi il past luogotenente Domenico Morello ponendo l’accento sulle iniziative del Kiwanis nell’ambito territoriale con la realizzazione del piazzale della Misericordia di Augusta che abbisognava di urgenti e risolutivi lavori di manutenzione e sulle iniziative internazionali come il service “Eliminate”, portato avanti da tempo assieme all’UNICEF e volto all’acquisto dei vaccini necessari a debellare il tetano nel terzo mondo. A questo fine sono stati effettuati durante la serata due sorteggi con lo scopo di raccogliere ulteriori fondi per il Service “Eliminate”. Sono stati estratti preziosi centrotavola e un presepio artistico realizzando un incasso di oltre 500 euro interamente devoluti al progetto di beneficenza.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Redazione (pubblicato il 18/12/2011 alle  17:01:31, nella sezione VIDEO,  1596 letture)

Stamani, presso il Grand Hotel di Siracusa (viale Mazzini, 12), è stato presentato alla stampa l’elegante volume rilegato “Le eccellenze del gusto”, edito da Melino Nerella Edizioni, risultato di un progetto di qualificazione dell’offerta turistica della provincia di Siracusa promosso da Unioncamere e dalla Camera di Commercio. Cinque scrittori siracusani tra i più attivi ed apprezzati degli ultimi anni per altrettanti racconti che pongono al centro della trama alcuni prodotti tipici: il miele di Sortino per Giuseppe Lissandrello, il limone di Siracusa in “Zagara e cemento” di Aldo Mantineo, la mandorla di Avola per Angelo Orlando Meloni, l’arancia rossa di Francofonte per Luca Raimondi, il pomodorino di Pachino per Annalisa Stancanelli. Nella sua prefazione, il Presidente della Camera di Commercio Ivan Lo Bello (nella foto) parla di “un percorso forse inedito, certamente inusuale, per promuovere le eccellenze agroalimentari di casa nostra, soprattutto quelle legate alla terra. Ma anche un percorso che consente al tempo stesso di valorizzare talenti di casa nostra legati alla scrittura”. Un “punto di svolta” nella promozione del territorio che si proietta anche al di fuori dei confini nazionali, proponendo nello stesso volume la traduzione dei racconti in lingua inglese. Alla presentazione ha partecipato, oltre a Lo Bello e all'editore Silvio Aparo, anche il coordinatore della Associazioni antiracket ed antiusura della provincia di Siracusa Paolo Caligiore. Il libro, con una veste grafica diversa e il titolo "Storie, sapori e valori", uscirà anche nelle librerie.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 17/12/2011 alle  18:23:34, nella sezione CRONACA,  817 letture)

Si è svolto sabato mattina il congresso provinciale di Fli al Des Etrangers Hotel di Ortigia, propedeutico all'appuntamento del congresso regionale di domenica al Palacongressi di Taormina. Presente Fabio Granata, Roberto Menia e tanti militanti futuristi. Applauditi gli interventi del “vecchio” Glauco Reale e della giovane Mila Caldarella. Quello di domenica a Taormina, invece, sarà il primo congresso regionale di Fli per l'elezione del coordinatore regionale e del coordinamento siciliano del partito. La relazione del coordinatore uscente Carmelo Briguglio aprirà i lavori che saranno presieduti dal coordinatore nazionale Roberto Menia. La relazione di Briguglio sarà preceduta dal saluto dei rappresentanti dei Terzo Polo: Giampiero D'Alia (Udc), Giovanni Pistorio (Mpa) e Beppe Spampinato (Api). Il dibattito sarà introdotto dal vice coordinatore nazionale Fabio Granata. Interverranno il sen. Nino Strano, i deputati regionali Livio Marrocco, capogruppo all'Ars, Alessandro Aricò, Luigi Gentile e Pippo Currenti, il vice coordinatore regionale Massimo Grillo e gli assessori regionali Daniele Tranchida e Sebastiano Di Betta. Saranno presenti i nove coordinatori eletti dai congressi provinciali, tra cui quello di Siracusa uscito dal congresso di sabato, Sebastiano Butera, i dirigenti giovanili, femminili e gli amministratori locali di Fli. I lavori si chiuderanno con l'elezione del coordinatore regionale, dei membri del direttivo siciliano del partito e con un intervento finale di Italo Bocchino, vice presidente nazionale di Futuro e Libertà.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 17/12/2011 alle  18:21:12, nella sezione CULTURA,  971 letture)

Presso i locali del CIAPI di Priolo Gargallo si è svolta la giornata di studio sul tema “Quali azioni per la salvaguardia, la divulgazione, la promozione e la fruizione delle Eredità Immateriali Siciliane”, col patrocinio della Regione Siciliana, Assessorato dei Beni Culturali e dell'Identità siciliana, Dipartimento dei Beni Culturali e dell'Identità siciliana. Relatori il presidente del CIAPI On. Prof. Egidio Ortisi e il Prof. Aurelio Rigoli, Presidente della Commissione REI, alla presenza delll’Assessore regionale ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana prof. Sebastiano Missineo. “Siamo depositari in Sicilia – ha detto Egidio Ortisi – di eredità materiali che possiamo esportare in tutto il mondo, elementi di cultura ma anche di economia”. Secondo la Convenzione per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale, approvata dall 'UNESCO il 17 ottobre 2003, le Eredità Immateriali sono "l'insieme delle pratiche, rappresentazioni, espressioni, conoscenze e tecniche - nella forma di strumenti, oggetti, artefatti e luoghi ad essi associati - che le comunità, i gruppi e in alcuni casi gli individui, riconoscono come parte del loro patrimonio culturale". Tali Eredità, più in particolare, riguardano le "tradizioni orali ed espressioni, compreso il linguaggio come veicolo del patrimonio culturale immateriale, le arti dello spettacolo, le pratiche sociali e rituali, gli eventi festivi, le conoscenze e pratiche concernenti la natura e l'universo, i saperi legati all'artigianato tradizionale". L'UNESCO ha recentemente posto al centro delle sue attività istituzionali la tutela e la valorizzazione delle Eredità Immateriali dell'Umanità. In Italia, invece, non esistono ancora norme specifiche per la loro salvaguardia. Per dare una risposta a tali considerazioni, l'Assessorato Regionale dei Beni Culturali, Ambientali e della Pubblica Istruzione ha provveduto a istituire, con il D. A. n. 77 del 26 luglio 2005, il Registro delle Eredità Immateriali (REI) e il Programma Regionale delle Eredità Immateriali. Grazie al Registro delle Eredità Immateriali la Regione Sicilia porrà in essere le essenziali attività di identificazione e registrazione delle proprie eredità culturali, contribuendo altresì alla loro salvaguardia, con particolare riguardo per quelle a rischio di scomparsa o alterazione, nonché alla loro adeguata promozione e fruizione, grazie al Programma Regionale delle Eredità Immateriali.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 16/12/2011 alle  17:25:55, nella sezione CRONACA,  1094 letture)

Ospite d’eccezione della Casa di Reclusione di contrada Piano Ippolito a Brucoli il celebre cantautore Franco Battiato (nella foto), protagonista in una manifestazione musicale. Una mattinata emozionante e coinvolgente quella di giovedì 15 dicembre, nella quale protagonista è stata non solo la musica, ma ha avuto luogo un confronto schietto tra il noto artista catanese ed i detenuti che si sono esibiti anch’essi nella corale ”The Swing Brucoli's Brothers”, composta da 16 elementi, diretti da Silvana Laudicina, che ha cantato alcuni dei brani più famosi del repertorio del cantautore. Battiato ha anche avuto modo di visitare le sezioni del carcere, e ha parlato dei problemi che riguardano i penitenziari ed in particolare quello di Brucoli, teatro di recente di aggressioni e suicidi. Una delle problematiche più gravi è il sovraffollamento del carcere che genera malcontenti e tensioni che poi sfociano in manifestazioni di intolleranza e aggressività tra i detenuti e contro il personale di custodia. La Casa di Reclusione di Augusta è diretta dal dott. Antonio Gelardi, che ha molto gradito il regalo natalizio che Battiato ha voluto dare alla popolazione detenuta eseguendo vari brani tra cui “I treni di Tozeur”, ”Centro di gravità permanente” e "La cura". “Quella del carcere – ha detto Battiato - è una realtà che volevo conoscere e per questo ho accettato di buon grado l’invito rivoltomi". I detenuti, per bocca di un loro rappresentante che è componente della corale, hanno ringraziato il cantautore per aver loro dato il piacere di trascorrere una giornata diversa da quella che si vive nella loro realtà quotidiana. Infine a Franco Battiato e al suo manager sono state donate delle ceramiche artistiche realizzate dai detenuti nel laboratorio artistico interno al carcere.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 13/12/2011 alle  15:10:30, nella sezione EVENTI,  822 letture)

Domenica 18 dicembre dalle 10 alle 12 presso i Giardini Pubblici di Augusta si svolgerà una giornata di volontariato organizzata dall’associazione Natura Sicula per intervenire su una porzione di questo polmone verde che si presenta in stato di grave degrado. L’evento si intitola LIBERAtiVILLA ed è stato voluto da Ivan Alicata, presidente dell’associazione. I Giardini Pubblici O.M. Corbino di Augusta versano infatti da anni in condizioni disastrose, uno spazio immenso e prezioso che è emarginato, non vissuto, con un emblema del disastro rappresentato dal Kursaal Augusteo, il vecchio cinema e albergo abbandonato da decenni. Con l'attività di volontariato di domenica 18 dicembre 2011, prima di una serie, si vuole sensibilizzare le istituzioni e l'opinione pubblica sull'importanza di rivalorizzare l'area in un'ottica di miglioramento della vivibilità urbana ed in prospettiva di un futuro incremento dell'appetibilità turistica del centro storico. Questa prima attività consisterà semplicemente nel liberare il Ficus monumentale, che si trova nella porzione nord-ovest dei giardini pubblici, dalla morsa della panchina circolare, tentando di "ricentrare" la stessa. Lo sviluppo asimmetrico del fusto ha infatti comportato il sollevamento della panchina con conseguente danneggiamento della pianta. Un gesto simbolico che vuole dare anche questo messaggio: non abituarsi al degrado, ma lavorare tutti per una città più vivibile.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 13/12/2011 alle  15:04:32, nella sezione CRONACA,  880 letture)

santo torrisiSi sono laureati a Catania i primi 8 studenti del corso di laurea in Tecniche di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, unico in Sicilia, attivato nel 2008 nella facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Catania. Hanno discusso tesi su argomenti di grande interesse che vedono coinvolta questa figura professionale. Presidente del corso di laurea la professoressa Valeria Calvi, associato di Cardiologia dell’università, che si è avvalsa della collaborazione di un corpo docente motivato e preparato guidato dal coordinatore della formazione pratica del corso, dottor Santo Torrisi (nella foto), coordinatore del servizio di Fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare presso la Cardiochirurgia. Per tutta la durata del corso gli studenti hanno lavorato in perfetta sintonia con i docenti, seguendo le lezioni teoriche, ma soprattutto l’attività pratica, che è stata svolta tutta all’ospedale Ferrarotto, dove il Dipartimento Cardiovascolare è in grado di garantire una preparazione ottimale per questa figura professionale. Gli studenti sono stati impegnati per la parte pratica presso i reparti di Cardiologia, Cardiochirurgia e Chirurgia vascolare. Tale preparazione pratica è di fondamentale importanza in quanto nel corso degli anni la figura professionale del tecnico di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare si è andata evolvendo e gli ambiti di applicazione si sono moltiplicati.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 12/12/2011 alle  09:32:00, nella sezione ARTE,  806 letture)

Il 20 dicembre alle 19 si inaugura ad Augusta la Mostra collettiva dei fotografi artisti Lorenzo Daniele, Mario Di Salvo e Mauro Italia nella sede della Galleria Bivio Art, in via Ss. Annunziata, 4. La mostra, dal titolo “Alogenuri d’argento” resterà aperta fino a lunedì 9 gennaio 2012. L’ alogenuro d'argento è un composto chimico formato dall'argento unito ad un alogeno. La sensibilità alla luce dei minerali d'argento ha fatto in modo di renderli utili nella realizzazione delle emulsioni fotografiche, utilizzate per la produzione di lastre e pellicole. Gli artisti in mostra hanno utilizzato tali sperimentazioni uscendo dalla moda del digitale per riscoprire tecniche estremamente creative che già Henri Cartier Bresson nel primo novecento così descriveva: “E’ una illusione che le fotografie si facciano con la macchina…si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa”. Colpisce come la fotografia tradizionale in pellicola continui a resistere nell’era del digitale, mantenendo inalterati nel tempo fascino, profondità, poesia. La chimica del procedimento fotografico riesce a raccontare la chimica che muove la vita, le esperienze, l’uomo. “Alogenuri d’argento” è una mostra fotografica che espone momenti di vita vissuta, fatta di uomini e donne, luoghi e tempi, memorie e visioni. Per questo gli autori delle fotografie esposte hanno scelto solo scatti eseguiti in pellicola, stampati su carta Ilford con procedimento chimico e manuale, a garanzia di una verità di emozioni che può esprimere solo la fotografia analogica, per sua natura aliena da manipolazioni e alterazioni successive alla ripresa.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 12/12/2011 alle  09:24:30, nella sezione ARTE,  1340 letture)

Tradizionale appuntamento natalizio con l’arte dei pittori Bartolomeo Ortisi e Giuseppe Di Salvo che quest’anno espongono le loro opere negli spazi a piano terra del Municipio di Augusta, con ingresso da via Principe Umberto. Giuseppe Di Salvo è pittore con una lunga esperienza artistica, interprete concettuale della natura e del paesaggio ed ha una capacità creativa che vuole sperimentare nuove strade pittoriche, ma non rifugge dall’interpretazione a volte grottesca dei personaggi (uomo o donna) visti in una luce cruda di brutture che riescono però, filtrate dalla sensibilità dell’artista, a rappresentare sulla tela una realtà pregna di valenza estetica e coloristica. Bartolomeo Ortisi si esprime anch’egli (i due artisti sono molto simili nel loro operare) con una pittura naturalistica e concettuale insieme, comunicando il suo mondo interiore e il suo essere uomo che ha ormai raggiunto uno stadio del pensiero che prelude a uno spazio silenzioso, solitario rifugio e felice sorgente di luminosità creativa, che esprime con modernità di linguaggio, con stilemi lirici drammaticamente compartecipati. I suoi quadri sono riconoscibili immediatamente e la sua tematica artistica ci fa compartecipi di fantastiche visioni dell’immaginario. I due artisti. inossidabili alle aggressioni del tempo e dell’età, continuano a offrirci il meglio della loro produzione.

Articolo Articolo   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2

 1173 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo
ARTE (222)
ASTROLOGIA (8)
CINEMA (59)
COSTUME E ATTUALITA' (111)
CRONACA (720)
CULTURA (195)
EDITORIALI (26)
EVENTI (266)
LIBRI (179)
SPORT (24)
VIDEO (18)

Catalogati per mese:
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017

Gli interventi più cliccati

< settembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             


Titolo

 



Titolo
foto (1)
intestazione (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo


21/09/2017 @ 01:44:12
script eseguito in 303 ms