\\ Home page : Articolo : Stampa
ARRIVA IL GAY PRIDE A SIRACUSA
di Redazione (pubblicato il 16/06/2014 alle  14:25:55, nella sezione EVENTI,  841 letture)

gay prideSiracusa il 5 luglio ospiterà il Gay Pride. Il sindaco Giancarlo Garozzo parteciperà indossando la fascia tricolore e concluderà con un intervento dal palco del Pride Village. A darne notizia è stato il presidente di Arcigay Siracusa Armando Caravini. "Dopo l'approvazione del Registro delle Unioni Civili – ha spiegato - il sindaco conferma la sua sensibilità e testimonia che la questione lgbt appartiene a tutta Siracusa. Accogliendo il nostro invito il Sindaco ha anche voluto riconoscere il grande lavoro dei volontari Arcigay che non solo ai pride ma anche tutto l'anno si spendono generosamente per le nostre battaglie di civiltà e di diritti".

Il Pride di Siracusa partirà il 5 luglio alle 18.30 da Riva Garibaldi dove i partecipanti si imbarcheranno per andare via mare verso il castello Maniace e ritorno. Una volta a riva, si scenderà dalle barche per raggiungere a piedi largo fonte Aretusa, dove ha sede il Pride Village. Quest’anno in Italia non ci sarà un solo gay pride. Ce ne saranno ben tredici. La moltiplicazione di iniziative, da Nord a Sud Italia, costituirà quella che viene definita Onda Pride 2014. Con il pride di Siracusa, alla Sicilia viene assegnato un singolare primato: sono infatti tre le parate dell’orgoglio in città della trinacria, cioè Siracusa appunto, assieme a Palermo e Catania, a testimonianza della traccia importante e generosa lasciata dalla manifestazione nazionale di Palermo dello scorso anno.

Siracusa allarga l’orizzonte a tutto il Mediterraneo, polo di incontro e riflessione sui diritti e le discriminazioni per tutte le terre che si affacciano sul Mare Nostrum. In programma l'organizzazione di cineforum, convegni sociali e politici, spettacoli teatrali e parata finale per la città che si annuncia ''rivoluzionaria'', con ospiti a sorpresa. Il tema principale della tre giorni verterà su diritti e lavoro inteso come diritto e non come privilegio, per questo saranno invitati a partecipare anche i sindacati.