\\ Home page : Articolo : Stampa
ALLE CIMINIERE DI CATANIA LA QUARTA EDIZIONE DI "ETNA COMICS"
di Luca Raimondi (pubblicato il 09/06/2014 alle  10:18:55, nella sezione EVENTI,  1223 letture)

MARIO VENUTISi è conclusa domenica la quarta edizione del Festival Internazionale del fumetto e della cultura pop, meglio conosciuto come “Etna Comics”. Dal 6 all’8 giugno, presso le Ciminiere di Catania, si è rinnovata con successo una kermesse che ormai è diventata un appuntamento imperdibile per quantità e qualità di ospiti, idee e proposte, il cui direttore è Antonio Mannino, coadiuvato da tantissimi validi collaboratori. Inviato per conto di Diorama, mi sono subito perso tra decine e decine di padiglioni, mostre, incontri con ospiti a dir poco eccellenti, nazionali e persino internazionali: per dirne uno, mi sono subito imbattuto in Greg Capullo, disegnatore della testata regolare di Batman. Nella stessa sala, a seguire, è stato chiamato a parlare della sua passione per i fumetti persino il cantante Mario Venuti (nella foto a sinistra). ROBERTO RECCHIONIOvviamente la parte del leone l’ha come al solito interpretata la Sergio Bonelli Editore, che ha inviato nella città etnea il nome forse attualmente di maggiore fama nell’ambito dei comics nostrani, vale a dire Roberto Recchioni (nella foto a destra ingobbito per accontentare i tanti fan che chiedevano una dedica o un autografo), oggi curatore di Dylan Dog (per cui ha scritto memorabili sceneggiature, tra cui il celebrato “Mater Morbi”, di cui era in mostra una pregevole edizione rilegata), ma anche autore di serie di culto come “John Doe” e la recente nuova serie di science-fiction “Orfani”. Assieme a lui, presenti anche altri autori dell’Indagatore dell’incubo, Alessandro Bilotta (anche ideatore della serie “Valter Buio” nonché story editor dei cartoni animati di “Winx Club”, nella foto in basso a sinistra), la disegnatrice Daniela Vetro e Fabio Celoni, ALESSANDRO BILOTTAsceneggiatore e disegnatore dell’ultimo numero dylandoghiano “I raminghi dell’autunno”, un riuscito omaggio alle atmosfere fantastiche di Ray Bradbury, di cui erano in mostra tutte le 94 tavole originali, un piatto davvero succulento. Come del resto succulente erano anche altre mostre, da quella per il 75° anno di Batman (con esposizione di memorabilia, gadget e schizzi originali) a quella dedicata al più celebre maestro vivente di fumetti erotici, Milo Manara (nella foto in basso a destra), anch’egli presente per incontrare il pubblico e tenere un workshop. Quelli che ho ricordato sono solo una piccola parte dei tantissimi nomi presenti in un programma davvero ricco e costruito con attenzione e intelligenza, con momenti anche di musica live (venerdi sera Cristina D’Avena ha fatto il pienone ripercorrendo le sue celebri sigle dei cartoni animati, sabato è statamilo manara la volta della cantante Fumika, per la prima volta in Europa per la felicità dei tanti appassionati della cultura nipponica, domenica di Clara Serina e dei Raggi Fotonici) ed esibizioni di ogni genere e tipo: ricostruzioni medievali, tornei fantasy, corsi per diventare ghostbusters, esperti di tecniche jedi e nell’uso delle spade laser, tiri con l’arco, poligoni di tiro, possibilità dif arsi fotografare insieme a Darth Vader e all’imperatore Palpatine o con uno straordinario sosia del pirata dei caraibi Johnny Depp… Tra i tanti eventi dell'ultima giornata, da segnalare almeno la presenza di Paolo Di Orazio, nome legato alle storiche testate di horror a fumetti “Splatter” e “Mostri” e gli imperdibili workshop con Leo Ortolani, popolare autore di “Rat-man”, e Giuseppe Palumbo (disegnatore di “Martyn Mystere” e “Diabolik”).