\\ Home page : Articolo : Stampa
LE FORME SOGNANTI DI ANGELO CORTESE AL QUADRIFOGLIO
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 06/04/2014 alle  20:27:29, nella sezione ARTE,  1034 letture)

Nuova personale di Angelo Cortese (nella foto) alla Galleria Quadrifoglio di via SS. Coronati a Siracusa dal titolo “Forme Sognanti”. Inaugurata sabato 5 aprile la mostra è curata da Mario Cucè, e rappresenta un affascinante rivisitazione del pensiero di uno dei più bravi pittori siracusani attraverso le opere esposte, oli su tela di vari formati, caratterizzate dalla ricerca di una dimensione conoscitiva dell'essere e della natura, da una fascinazione verso il metafisico e l’esoterico, che l'autore interpreta con le forme e i colori, con il segno graffiante e il tormento della sua geniale anima d’artista.

«L’universo intero – scrive Angelo Cortese nella brochure della mostra - è sognante e dal suo profondo si irradia in forma di tenebra una vibrazione che musicalmente pervade tutto, creando delle forme che spasmodicamente cercano una loro identità. Nella fase ancestrale queste forme ancora fluide contengono varie realtà: minerali, vegetali, animali e umane che, attratte dalla luce, assumono una loro identità. In questo vorticoso divenire l’anima sognante, attraversando e sostando in varie dimore, si arricchisce di spiritualità cercando Dio fino all’illuminazione totale. Da queste radici concettuali nasce la mia ricerca pittorica e l’elemento iconico, che visualizza il mio operare, si arricchisce di immagini, animali e umane che, in chiave mitologica e antropologica, cercano di fissare sulla tela simboli e allegorie fra l’apollineo e il dionisiaco».

Angelo Cortese è nato a Siracusa nel 1941 e si è formato presso la locale scuola d’Arte, l’Istituto Statale d’Arte di Palermo e le Accademie di Firenze e Roma. Dal 1964 al 1998 ha insegnato decorazione pittorica negli Istituti statali d’Arte di Siracusa e di Catania e nell’Accademia Val di Noto. E’ universalmente riconosciuto il valore aggiunto di una inquietudine interiore della quale Cortese pervade i suoi dipinti, ricchi di grande suggestione cromatica ma che, oltre a far godere l’occhio, costringono la nostra mente a riflettere sulla complessità della vita e sul mistero della morte.