\\ Home page : Articolo : Stampa
CAPODANNO CON I BOTTI MALGRADO LE RICHIESTE DELLA LAV
di Redazione (pubblicato il 30/12/2013 alle  21:24:18, nella sezione COSTUME E ATTUALITA',  834 letture)

bottiLa Lav di Siracusa ha fatto richiesta ai ventuno sindaci dei comuni della provincia aretusea perché emettano un’ordinanza che vieti l’uso di petardi, botti e fuochi d’artificio durante la notte di Capodanno. Per due fondati motivi. Intanto perché ogni anno il bilancio complessivo degli incidenti legati ai festeggiamenti di San Silvestro è sempre disastroso, con morti e feriti, e poi per evitare le conseguenze negative a carico degli animali domestici e della fauna selvatica. Il fragore dei botti, infatti, oltre allo spavento, fa perdere loro l’orientamento, esponendoli così al rischio di smarrirsi e di poter essere investiti. Gli animali hanno l’udito molto più sviluppato di quello umano e i forti rumori li gettano nel panico, inducendoli a reazioni incontrollate. Pertanto si richiede ai sindaci una ordinanza e una tempestiva campagna di informazione. L’ordinanza renderebbe illecito l’uso dei botti con la possibilità di multare il trasgressore, mentre oggi solo i venditori abusivi vengono perseguiti dalle autorità di P.S. Per festeggiare il nuovo anno non si può e non si deve mettere a rischio l’ incolumità propria o di altri e nemmeno quella degli animali, che hanno diritto al nostro rispetto. Fatta qualche rara eccezione i sindaci hanno fatto orecchio da mercante. Garozzo, sindaco di Siracusa, non si è sentito di “rovinare la festa” ai suoi concittadini limitandosi ad affidarsi al senso di responsabilità degli stessi. Come dire un capodanno come gli altri: l’indomani poi prenderemo atto delle conseguenze di questa mancanza di coraggio. Eppure quest'anno poteva essere l'anno della svolta, visto che tanti comuni italiani hanno emesso ordinanze per vietare l'esplosione dei botti di capodanno, un passo in avanti verso la civiltà. Lo scorso anno ci sono stati tanti cani e gatti rimasti uccisi direttamente dai botti e moltissimi altri animali che sono rimasti feriti ed uccisi, senza contare i danni agli umani. Per questo accedere alla richiesta della Lav e degli animalisti sarebbe stata una bella cosa, ma dai sindaci, compreso il renziano primo cittadino di Siracusa, non ci si poteva aspettare nulla di così audace.