\\ Home page : Articolo : Stampa
PRESENTATO AL MUSEO BELLOMO IL FESTIVAL EUROMEDITERRANEO
di Redazione (pubblicato il 09/11/2013 alle  20:07:01, nella sezione EVENTI,  880 letture)

tracuzziAl Museo Bellomo di Siracusa si è svolta la conferenza stampa per la presentazione del Festival EuroMediterraneo che si terrà il prossimo luglio al Teatro Greco. A fare gli onori di casa, l’assessore regionale ai Beni Culturali, Mariarita Sgarlata (assente Michela Stancheris per impegni istituzionali a Milano), insieme al vice sindaco Francesco Italia, il direttore artistico del Festival di lirica e balletto Enrico Castiglione ed il giornalista, moderatore dell’incontro, Fabio Tracuzzi (nella foto). Nella sala gremita del Bellomo anche il presidente degli albergatori Giuseppe Rosano, il presidente di Siracusa Turismo Sebastiano Bongiovanni, quello dell’Ufta Mario Bevacqua e il responsabile provinciale delle guide turistiche Carlo Castello, oltre a parecchi proprietari alberghieri e agenzie di viaggio. “Presentare a novembre una manifestazione di luglio è un successo che possiamo tutti condividere. – ha dichiarato l’assessore Sgarlata - Le polemiche sterili in questa città non hanno portato mai a nulla. Questa non è l’unica manifestazione che faremo al Teatro Greco, non sottrarremo nulla alle altre proposte, abbiamo aperto un corridoio dopo anni di immobilismo culturale. Dovremo anche riuscire a recuperare il vecchio festival del balletto degli anni Ottanta quando a Siracusa arrivò Bejart secondo una proposta di condivisione. Naturalmente, istituiremo un ticket on line per l’Aida ed il City Ballet, arrivando a luglio già organizzati. Sono qui come concessionaria del sito insieme alla soprintendente Beatrice Basile. Ripeto per questo evento i fondi regionali non c’entrano nulla”.

Enrico Castiglione, regista, scenografo e direttore del Festival non è nuovo da queste parti. “Avevamo già iniziato un percorso nel 2012 a Siracusa con EuroMediterraneo poi, per alcuni intoppi tecnici con la passata amministrazione regionale, non si poté realizzare l’evento. Con l’intervento della Sgarlata e della Stancheris è stato superato tutto, e vinto il ricorso. Di concerto con l’assessorato ai Beni Culturali abbiamo avviato un processo di valorizzazione del Teatro Greco di Siracusa indirizzando la programmazione della lirica. Cosi come a Taormina dove il festival è stato trasmesso in 700 sale in tutto il mondo (Il Rigoletto) con risultati numerici eccellenti alla stesa stregua della Scala di Milano. E’ impensabile che Siracusa non avesse un Festival stabile nel tempo. Questo successo ci ha permesso di essere autonomi ed autofinanziati, e dunque programmare in tempo”.

Sebastiano Bongiovanni di SiracusaTurismo è intervenuto dicendo: “Penso che otto mesi siano sufficienti per programmare e avere ottimi riscontri. Questo Festival deve essere non un punto di arrivo ma di partenza, questa città può mettere a frutto nell’arco di due tre anni molto di più. L’amministrazione comunale può ribaltare i numeri del settore turistico incrementandoli del 40 per cento, sia negli arrivi che nelle presenze in città. In questi ultimi due anni, facendo rete è aumentato il numero di presenze ma si può fare ancora di più con la collaborazione di ognuno di noi, perché fare rete attira l’attenzione dei viaggiatori. Il futuro dipende solo da noi”.