\\ Home page : Articolo : Stampa
LA BELLEZZA SALVERĀ IL MONDO
di Redazione (pubblicato il 19/10/2013 alle  14:00:07, nella sezione LIBRI,  865 letture)

A detta dello scrittore britannico Chesterton, oggi abbiamo perso la capacità di stupirci e di meravigliarci, non per mancanza di meraviglie, ma per mancanza di senso del meraviglioso. La società contemporanea, con i suoi miraggi e le false conquiste, ha abbandonato la via pulchritudinis, distogliendoci così dallo stupore e dall’ammirazione della bellezza in ciò che la rappresenta in tutto il mondo, a cominciare ovviamente dal campo delle arti, con il suo ricco patrimonio di valori, tramandato e apprezzato dal grande pubblico. L’iconografia ispirata al bello racchiude in sé il vero e il buono, e si lascia contemplare con la stessa obiettività con cui ammiriamo un ampio panorama e da cui ci lasciamo rapire per esserne, nello stesso tempo, edificati. bonadonna

Francesca Bonadonna (nella foto a destra) nelle 140 pagine del libro La bellezza salverà il mondo, pubblicato dall'editore siracusano Morrone in un'elegante veste grafica, raggruppa una serie di dipinti di artisti meno noti del XIX che raccontano spaccati della vita quotidiana di varie epoche storiche, affiancati da brevi descrizioni e interpretazioni delle opere a partire dall’elemento chiave della bellezza. Una bellezza intesa come armonia dell’uomo con la natura, con le creature e con Dio. Dalla figura della donna, immortalata nei diversi ruoli che si è via via ritagliata all'interno della famiglia e della società, alla bellezza della civiltà contadina, fino alla devozione dei nonni. La parte iconografica si alterna a citazioni bibliche, riflessioni e testimonianze dell’autrice e ad illustri firme della cultura cattolica attuale. Una rilettura di quella bellezza che sempre più spesso manca - o non viene percepita perché non ne siamo più in grado - nel mondo contemporaneo; un libro necessario per evadere dalla frenesia quotidiana, per intrattenerci con gusto e scuotere la nostra apatia facendoci riscoprire la nostra capacità di meravigliarci.