\\ Home page : Articolo : Stampa
DENTRO E FUORI L’ISOLA. LE OPERE DI CONCETTA DE PASQUALE A ORTIGIA
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 01/09/2013 alle  17:04:46, nella sezione ARTE,  1604 letture)

depasqualeUna splendida mostra d’arte contemporanea quella proposta dalla Galleria Civica d’Arte Contemporanea Montevergini di Siracusa, dal titolo “Dentro e fuori l’isola”, che vede esposte le opere della pittrice Concetta De Pasquale, visionabili dal 30 agosto all’8 settembre. Concetta De Pasquale è nata a Salò (Brescia) il 9 Dicembre 1959, si è laureata in lettere moderne presso l'Università di Messina specializzandosi in Storia dell'Arte all'Università di Urbino. Laureatasi poi in pittura a Milano all'Accademia di Belle Arti di Brera, attualmente insegna presso il Liceo Artistico Statale di Messina. A Milano, ha frequentato gli studi degli scultori Fausto Melotti e Nanni Valentini, suoi maestri nell’uso minimale e rigoroso della materia. Dopo le prime esperienze con materiali diversi, la sua attenzione si è soffermata sulla carta divenuta materiale di supporto privilegiato per una pittura organica essenziale ed intima. Durante il suo percorso l'artista ha spesso privilegiato il rapporto della pittura con le altre arti, come la poesia, la musica e il teatro, realizzando libri d'arte, illustrazioni per riviste letterarie, copertine editoriali, scenografie e manifesti per spettacoli teatrali ed opere liriche. Oltre al suo lavoro di pittrice si è interessata a ricerche sul patrimonio storico-artistico della Sicilia e della Calabria ed al lavoro di artisti contemporanei, pubblicando su riviste specializzate. Dal 1979 a oggi ha esposto in prestigiosi spazi pubblici e gallerie in Italia e all’estero, ha partecipato quest’anno alla 54° Biennale di Venezia, nel Padiglione Italia, Palazzo delle Esposizioni, della Sala Nervi di Torino. Colpisce la realizzazione tecnica delle sue opere, visibile in un video proiettato nell’ambito della mostra siracusana, dove la magia della carta viene esaltata dal catrame col quale l’artista traccia le orme con gesto iconico e con l’utilizzo del suo stesso corpo quale matrice e attrezzo, con interventi minimi di colore, per lo più l’azzurro, per il riferimento al mare e alla tematica della mostra, dedicata chiaramente all’isola di Ortigia che la ospita. Temperamento passionale e genio creativo in linea con le più qualificate correnti dell’arte contemporanea, la De Pasquale ci ha regalato emozioni e trasmesso messaggi che non sarà facile dimenticare.