\\ Home page : Articolo : Stampa
ALLA GALLERIA ROMA DI SIRACUSA SALVO SEQUENZIA PRESENTA I "CIELI VIOLATI" DI ANNA VASTA
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 05/06/2013 alle  13:56:20, nella sezione ARTE,  1334 letture)

VASTA SEQUENZIADomenica 9 giugno 2013, alle ore 18.30, alla Galleria Roma di Siracusa in Ortigia, il semiologo prof. Salvo Sequenzia presenterà la silloge di poesie di Anna Vasta CIELI VIOLATI, Edizioni Ensemble. L’attore Eugenio Patanè leggerà brani tratti dall’opera.

Anna Vasta è nata a Catania e vive a Riposto, cittadina di antiche tradizioni marinare della costa ionica siciliana. Docente di materie letterarie, collabora con recensioni critiche al quotidiano “La Sicilia” e a “Letteratitudine” di Massimo Maugeri. Ha inoltre pubblicato brevi saggi di poetica su alcune riviste letterarie. Con Cieli violati (Edizioni Ensemble, Roma, 2013) è alla sua settima pubblicazione. Ha pubblicato Confutazione delle religioni (traduzione), De Martinis & C., Catania, 1993; La curva del cielo (poesie), Amadeus Editore, Soligo, 1999; I Malnati (poesie), I Quaderni del Battello Ebbro, Porretta Terme, 2004; Quaresimale (poesie), Prova d’Autore, Catania, 2006; Sposa del vento (poesie), Prova d’Autore, Catania, 2008; Di un Fantasma e di mari (poesie), Prova d’Autore, Catania, 2011.

Di lei Salvo Sequenzia, nella sua prolusione al libro di poesie, dice: “Frequento ormai da anni la poesia di Anna Vasta, ed appartengo a una categoria situata a metà strada tra i suoi antichi e nuovi lettori ed interlocutori. Questi appunti sul suo itinerario poetico, felicemente approdato alla recente pubblicazione della silloge Cieli violati, risentono, perciò, sia della memoria del suo passato poetico, che si attesta agli anni de I Malnati (2004), di Quaresimale (2006) e di Sposa del vento (2008), sia delle riflessioni scaturite dalla frequentazione con la poetessa e situate sull’orizzonte del poemetto Di un fantasma e di mari (2011), da me presentato nella Galleria Roma di Ortigia nel giugno del 2011 e col quale, a mio avviso, tale itinerario poetico si è aperto ad accogliere nuove inaudite soluzioni formali, liriche ed espressive, inseminando un terreno già fertile di ‘voci’ e di «ricorrenze nascoste». Sono rimasto, a una prima lettura, impressionato dal respiro ampio e regolare di Cieli violati, caratterizzato da una ‘partitura’ linguistica sapientemente colta, preziosa ed evocativa, percorsa da flussi nervosi, continuamente variati, pluridirezionali, ritmati in modi irregolari eppur animati da una intima sostanziale armonia di fondo, da un melos antico, da un rythmos inscritto entro le leggi segrete che governano il fluire della natura e del cosmo e la epifania della parola poetica”.