\\ Home page : Articolo : Stampa
IL CENACO AKRADINA INCONTRA I CANDIDATI A SINDACO DI SIRACUSA
di Redazione (pubblicato il 08/05/2013 alle  14:46:55, nella sezione CRONACA,  871 letture)

GIANNI BRIANTEIl presidente del CENACO Akradina di Siracusa, Franco Veneziano, ha comunicato di aver iniziato un giro di consultazioni coi candidati sindaci: il primo è stato Gianni Briante (nella foto) incontrato il 7 maggio. La delegazione del Cenaco Acradina Grottasanta è stata accolta da Gianni Briante nella sede dell’affollato comitato elettorale di viale Tica. Una vecchia conoscenza del Cenaco, quella di Gianni Briante, che in tempi non sospetti, da tre anni almeno, ha avuto modo di collaborare fattivamente col Cenaco Acradina Grottasanta, sia come programmazione di eventi sia come addobbo floreale dell’area Tisia. “Mi è sembrato più che doveroso ascoltare il Cenaco e i commercianti siracusani. – ha esordito Gianni Briante - Da sempre ho ritenuto che l’attività commerciale ha bisogno di tutto il supporto della politica. Dunque, sono pronto, da sempre, ad ascoltare i commercianti, le loro lagnanze e i loro propositi. Ricordo a tutto, che tempo addietro, ebbi modo di presentare una mozione contro la realizzazione del centro commerciale di contrada Spalla. Figuriamoci quindi se non sono al fianco dei negozi di vicinato”.

Il programma di Briante è pronto così ad accogliere le istanze di tutte le associazioni, comprese quelle esposte dal Cenaco. “Non avendo interlocutori certi (in riferimento agli altri candidati sindaci) – ha detto Briante – ho preferito presentare per ultimo il mio programma elettorale, lo farò in concomitanza con la chiusura delle liste, tra qualche giorno. Anticipo soltanto che il Cenaco rientra sicuramente tra i miei obiettivi programmatici, e sarò ben lieto di intestarmi la lotta contro le tasse comunali, il suolo pubblico, e la spazzatura”.

Ma come evidenziato dal presidente Veneziano, i problemi Cenaco non finiscono qua. Dando uno sguardo alla lettera aperta indirizzata a tutti i candidati sindaci, ci sono 500 attività commerciali nell’area Tisia che chiedono alla politica locale, da tempo, maggiore attenzione verso i quartieri di periferia, ridotti sempre più a dormitorio pubblico. “Abbiamo necessità di un punto di riferimento certo – ha detto Veneziano – dunque di un sindaco attento e sensibile e che sappia interloquire con un certo vigore con la Regione. A nostro avviso, il Comune deve diventare un canale preferenziale per la comunicazione diretta col governo siciliano, che si faccia promotore di un tavolo di concertazione sul turismo, industria, commercio, artigianato. Un Comune che sia in grado di riprendere in mano la situazione in sospeso relativa al PUC (Piano Urbano Commerciale) e al PUT (Piano Urbano Traffico) e che dia impulso ai mercatini rionali, al progetto di riqualificazione urbana dell’area Cenaco, per il quale sono previsti sei milioni di euro, che sia in grado di regolamentare l’ambulantato selvaggio cosi come la cartellonistica abusiva, e che intervenga sul caso “caro affitti”, sulla annosa vicenda Serit e che contribuisca al dialogo con le banche per l’accesso al credito agevolato”. Il Cenaco Acradina Grottasanta incontrerà nei prossimi giorni gli altri candidati sindaco a cominciare dal candidato di Progetto Siracusa, Ezechia Paolo Reale.