\\ Home page : Articolo : Stampa
UN GRAVE LUTTO PER IL CINEMA ITALIANO
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 11/01/2013 alle  14:29:07, nella sezione CINEMA,  939 letture)

http://www.dioramaonline.org/public/MariangelaMelato.JPGUn pezzo importante di storia del cinema italiano è venuto a mancare stamani con la scomparsa di Mariangela Melato, indimenticabile attrice che combatteva da anni contro una brutta malattia. Nata a Milano nel 1941 è deceduta a 71 anni in una clinica romana. La sua carriera si è sempre divisa tra il teatro, il cinema e la televisione. Con il teatro iniziò alla fine degli anni '60, portando in scena L'Orlando Furioso di Luca Ronconi, ma ebbe successo anche affermandosi come protagonista del grande schermo, alternando interpretazioni drammatiche, come in “La classe operaia va in paradiso” di Elio Petri a commedie leggere come “Mimì metallurgico ferito nell'onore” e “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” di Lina Wertmüller con Giancarlo Giannini. Negli ultimi anni la sua carriera è stata legata quasi esclusivamente al Teatro Stabile di Genova, con cui ha portato in scena grandi successi. Avendo avuto l’occasione di incontrarla personalmente qualche anno fa a Taormina, nell’ambito del FilmFest, ho potuto conoscere la sua carica umana, il suo sagace senso dello humor, la sua unicità di donna e di attrice. La sua dipartita ci addolora, perché a uno a uno stanno scomparendo i protagonisti di quella commedia italiana di costume che ci hanno accompagnato negli anni della gioventù e della maturità, a partire dal grande Alberto Sordi. Ricordo che nella breve intervista che le feci ebbe modo di comunicarmi il suo bisogno forte ed intimo di recitare come esigenza vitale. Una grande attrice, una grande donna. Ci mancherà.