\\ Home page : Articolo : Stampa
ADDIO A DINO CARTIA, SIRACUSANO DOC
di Redazione (pubblicato il 03/12/2012 alle  20:42:12, nella sezione CRONACA,  1215 letture)

Così anche Dino Cartia ci ha lasciato. Dopo il poeta Pippo Santuccio un altro esponente di un bel pezzo di storia della cultura siracusana scompare per sempre, lasciandoci amarezza e tanti ricordi. Giornalista televisivo, Cartia in gioventù aveva battuto le difficili strade dell'editoria e dello spettacolo. Aveva 71 anni, una grande passione per Elio Vittorini, tanta voglia di vivere, ma era gravemente malato. Unanime il cordoglio in città e in provincia. Per Siracusa Cartia è stato sempre un punto di riferimento, una memoria storica, perché sapeva tutto della città, dei siracusani e della sua classe politica, contro cui si scagliava spesso con editoriali di fuoco, bacchettando le degenerazioni delle varie amministrazioni che si sono succedute nel tempo, spesso pronunciando la sua classica e pessimistica battuta: “Siracusa persa era e persa è”. La sua passione era il giornalismo e la siracusanità, era infatti un siracusano doc, che dopo gli anni romani tornò ad Ortigia per non abbandonarla mai più, fino alla morte.