\\ Home page : Articolo : Stampa
AUGUSTA AL BUIO
di Redazione (pubblicato il 02/12/2012 alle  09:41:01, nella sezione CRONACA,  1092 letture)

Augusta è al buio da mesi in varie parti del suo vasto territorio, da Terravecchia alla Borgata fino alle nuove zone di insediamento urbano del Monte Tauro. Le traverse della Contrada Cavalera, tutt’attorno all’albergo che ospita anche la piscina sportiva (l’unica esistente nel comprensorio) meta di tanti augustani che vi portano i propri figli per una sana attività fisica, sono circondate da un buio pauroso e poco rassicurante. Sono tante le segnalazioni e le richieste di interventi urgenti agli organi preposti ma pare che non vi siano lampadine né soldi in cassa al comune per acquistarle. Eppure il buio aumenta il rischio di incidenti per gli automobilisti soprattutto al Monte Tauro ma anche al lungomare Rossini, dove si trovano due distributori di benzina e diversi esercizi commerciali e che è anche una delle vie d'uscita dall’isola per raggiungere il cavalcavia. Non si capisce peraltro come mai nell’incrocio di Villa delle Rose gli impianti fotovoltaici costati un occhio della testa e che dovrebbero essere autosufficienti in quanto accumulano la luce diurna per rilasciarla di notte siano anch’essi quasi tutti spenti. Lampadine bruciate o una carente manutenzione degli impianti? Certo che, in vista del prossimo Natale, la situazione appare più grave del solito perché i tratti al buio sono estesi e riguardano anche zone frequentate della città, il che è veramente deprimente, come se non bastasse la crisi pecuniaria. Il commissario straordinario Antonino La Mattina, interpellato sull’argomento, ha notiziato che il Comune provvederà in proprio a ripristinare gli impianti di illuminazione e a procedere alla sostituzione di lampadine. Infatti finora tale servizio è stato appaltato a una ditta esterna. Ciò comporterà un risparmio pari a 15 mila euro per le casse comunali, procedendo così sulla strada del contenimento della spesa. In un modo o nell’altro i cittadini si aspettano che al più presto le strade cittadine tornino ad essere illuminate.