\\ Home page : Articolo : Stampa
GIUNTA AL TERMINE CON SUCCESSO LA RACCOLTA DI FIRME PER IL CASTELLO SVEVO DI AUGUSTA
di Redazione (pubblicato il 02/12/2012 alle  09:29:47, nella sezione CRONACA,  919 letture)

Il Comitato spontaneo per il Castello Svevo segnala che si è giunti al termine dell’iniziativa promossa dal FAI in collaborazione con la Banca Intesa S. Paolo e si tirano le somme della lunga corsa per aggiudicarsi le migliori posizioni. Il censimento proposto dal Fondo Ambiente Italiano era volto alla segnalazione di luoghi simbolo, più o meno noti, che oltre ad occupare un posto speciale nella vita di chi li ha a cuore, fanno parte del patrimonio artistico, monumentale e naturalistico del nostro Paese. Attraverso questo censimento il FAI si impegna a sollecitare le Istituzioni locali e nazionali competenti affinché riconoscano il vivo interesse dei cittadini nei confronti delle bellezze del Paese e mettano a disposizione le forze necessarie per salvaguardarle, senza escludere l’eventualità di contributi per il recupero delle opere più votate. Un’adesione senza precedenti, quella mostrata dai cittadini augustani, ma anche da quelli provenienti da diverse parti della Sicilia e del mondo, per segnalare il Castello Svevo come Luogo del Cuore. Specie nelle ultime settimane, Augusta ha visto gran parte dei suoi cittadini impegnati nella diffusione e nella raccolta di “voti” per il Castello Svevo, attraverso continui appelli e condivisioni online, attraverso stand per le votazioni, coinvolgendo numerose attività commerciali e anche le scuole. Il comitato spontaneo per il Castello Svevo, sintesi di singoli cittadini, associazioni e movimenti, dopo un conteggio dei moduli raccolti, ha stimato circa 10 mila firme, alle quali si andranno ad aggiungere le oltre 2500 segnalazioni online. Più di un terzo di tutta la cittadinanza ha quindi espresso un contributo affinché possano finalmente accendersi i riflettori sulla problematica situazione del Castello Svevo di Augusta. Sono numeri che ripagano l’entusiasmo e la dedizione con cui i cittadini si sono spesi per ottenere questo grande risultato. Questi i luoghi salvati,nelle precedenti partecipazioni: 1° censimento nel 2003, fu salvato il Mulino di Roncobello (BG) con 1.299 voti giunto in 2^ posizione; nel 2004 furono salvati la chiesetta di SS. Trinità a Sondrio con 3.142 voti giunta in 4^ posizione e l’oratorio di S Martino giunto in 7^ posizione; nel 2005 vi furono 5 luoghi sotto osservazione; nel 2010 fu segnalato il restauro del Piè di marmo, luogo caro ai romani, con 1.728 voti e la 54^ posizione che insieme ad altri 10 luoghi è stato individuato come luogo da restaurare. (nella foto il pacco di petizioni raccolte pronto per essere spedito al FAI)