\\ Home page : Articolo : Stampa
UN CORTOMETRAGGIO CON NINO FRASSICA GIRATO A PRIOLO
di Redazione (pubblicato il 08/09/2012 alle  11:17:54, nella sezione CINEMA,  1471 letture)

Presentato dal Sindaco di Priolo in conferenza stampa il cortometraggio “Neanche i cani”, girato in questi giorni nel territorio comunale per la regia di Alfio D'Agata. Un breve film per veicolare l’idea che Priolo non è solamente industrie e ciminiere, ma ha nel suo tessuto storico-culturale tante cose da valorizzare. Il cortometraggio prende spunto dal precariato, odierna piaga sociale, e sarà portato in vari festival cinematografici e diffuso via internet e televisione. Alle riprese hanno preso parte molti priolesi, che hanno partecipato alle riprese come figuranti. L’iniziativa è stata proposta circa un anno e mezzo fa al sindaco di Priolo, Antonello Rizza, che ha subito ritenuto di dare piena disponibilità alla troupe di produzione, formata prevalentemente da giovani, a girare a Priolo il cortometraggio ospitando nel paese il protagonista, l’attore siciliano Nino Frassica (nella foto). L’idea di promuovere Priolo attraverso un cortometraggio serve a trasmettere un messaggio positivo presentando diversamente dal solito un comune che è stato d’altra parte interessato da un ampio processo di riqualificazione, puntando sullo sviluppo turistico del territorio. Nino Frassica, protagonista del cortometraggio “Neanche i cani”, rappresenta sul set la società odierna, caratterizzata dalla cosiddetta “doppia – faccia”, in quanto si mostra come una persona aperta al prossimo in pubblico, mentre, nella vita privata, si manifesta cinica e spietata. “Sono entusiasta – ha detto Frassica - di partecipare ad un cortometraggio caratterizzato da una bella sceneggiatura e girato in una bella location, che trovo positivamente trasformata, in particolare Marina di Priolo, che oggi presenta anche una bella passeggiata a mare. Sono stato felice di scoprire una Priolo rinnovata, mi sono sentito ben accolto da tutti, ed è sempre bello recitare nella propria terra e in lingua dialettale”.