\\ Home page : Articolo : Stampa
RILANCIARE LO SPORT A SIRACUSA
di Redazione (pubblicato il 19/06/2012 alle  15:41:49, nella sezione CRONACA,  1005 letture)

“Lo sport deve tornare al centro della vita del cittadino e, innanzitutto, degli enti pubblici”. Questo in sintesi quanto dichiarato dell’on. Titti Bufardeci al convegno tenutosi presso il salone Borsellino di Palazzo Vermexio a proposito di sport, impiantistica e nuove regole per la gestione. Dal dibattito sono emersi interessanti spunti per un rilancio dello sport a Siracusa. Tutti d’accordo per l’ istituzione di una sorta di Stati Generali dello Sport che abbia sede in un centro direzionale in grado di raccogliere tutte le istanze derivanti dai vari ambiti , dalla gestione degli impianti, alla medicina sportiva, all’assistenza, alla formazione ed altro. A conclusione del convegno Bufardeci ha annunciato un suo prossimo emendamento all’ARS a favore dei medici dello sport. “L’assessore alla Sanità Russo deve capire – ha detto – che bisogna poter usufruire anche del servizio della certificazione agonistica, che comincia ad avere costi incompatibili oggi. Come gruppo politico ci stiamo adoperando perché la certificazione agonistica continui ad essere certificata dai medici specialistici in strutture idonee, come ambulatori convenzionati ed autorizzati”. E a proposito della mancanza di strutture sportive in città, l’idea sarebbe quella di aprire le palestre delle scuole alla fruizione pomeridiana a beneficio di tutti i cittadini sportivi. Lo sport deve stare al centro della vita di tutti e degli enti locali prima di tutto. Non fosse altro per l’economia indiretta che lo sport può mettere in movimento con l’organizzazione di tornei e manifestazioni agonistiche di rilievo anche mondiale. “Mi piacerebbe – ha concluso Bufardeci - che da questo incontro partisse nettamente determinata la volontà del rinnovo del protocollo del credito sportivo per ulteriori tre anni da parte degli enti locali con il Coni, uno strumento che si è dimostrato un volano per il circuito, che potrebbe essere il primo segnale di una effettiva rinascita sportiva nella nostra città, riavviandolo nella logica della destagionalizzazione per dieci mesi l’anno a Siracusa. Vorrei evitare che a Siracusa, che ha già perduto la gloriosa pallamano di Concetto Lo Bello, che tanti scudetti ha portato nella nostra città, si continuino a perdere altre squadre storiche come l’Albatros. Ecco che il nostro sforzo comune dovrà essere quello di riportare lo sport al centro del nostro interesse. Proporrei un’altra proroga di un anno per il Campo Scuola Di Natale in attesa di una rivisitazione complessiva dell’impiantistica sportiva che veda anche l’inserimento delle palestre delle scuole, dei quartieri, del parco Robinson, del Talete”.