\\ Home page : Articolo : Stampa
L’IMU GRAVERA’ COME UN MACIGNO SULLE FAMIGLIE SIRACUSANE
di Redazione (pubblicato il 28/05/2012 alle  10:32:42, nella sezione CRONACA,  835 letture)

Il Comune di Siracusa conta di ricavare sei milioni di euro della tassa sulla casa. L’IMU dovrebbe portare nelle casse municipali 40 milioni di euro. Quanto graverà la tassa su ogni contribuente? Basta fare una semplice operazione, dividere cioè 40 milioni per 120 mila, cioè il numero degli abitanti di Siracusa. Il risultato è 333. Cioè se ogni siracusano fosse proprietario di una casa dovrebbe pagare 333 euro. Se ne deduce facilmente che le famiglie proprietarie di due case saranno gravate di più di mille euro. Tra queste ci saranno anche le novecento famiglie che lo scorso anno non hanno pagato perchè l'immobile risultava dato in comodato gratuito a un familiare ma che ora saranno considerati proprietari di seconda casa anche se ci abita un figlio privo di reddito. L’unica voce del dissenso in tanta bieca indifferenza è quella di Salvo Sorbello (nella foto), assessore alle politiche sociali e alla famiglia nella giunta Visentin, che ha dichiarato: «Se le cifre del bilancio fossero realmente queste e l'amministrazione non accettasse di ridiscuterle io non ci penserei due volte ad andarmene. Non si può semplicisticamente aumentare le tasse. Non si possono drenare così tante risorse alle famiglie. Significherebbe ridimensionare drasticamente le potenzialità di spesa dei cittadini con effetti deleteri per l'economia. Si cerchi altrove parte delle risorse di cui c'è bisogno. Si taglino prima di tutto le spese inutili, si correggano le incongruenze che certamente ci sono». Una di queste incongruenze, secondo Sorbello, è rappresentata dalla spesa per combattere il randagismo. Come gli altri anni la previsione in bilancio è di 700 mila euro. «Se questa somma continua a rimanere invariata - afferma Sorbello - vuole dire che le misure contro il randagismo sin qui attuate sono inefficaci e bisogna cambiare registro. Ma trovo inaccettabile che si decida di spendere 700 mila euro per combattere il randagismo mentre per i sussidi alle famiglie indigenti si stanziano solo trentamila euro».