\\ Home page : Articolo : Stampa
FRANCESCO TROCCOLI TRA AVVENTURA E FANTASCIENZA
di Gordiano Lupi (pubblicato il 01/05/2012 alle  16:11:53, nella sezione LIBRI,  1194 letture)

Francesco Troccoli, Ferro sette, Armando Curcio Editore, pag. 320, 15,90 euro.

Francesco Troccoli è traduttore e speaker radiofonico, tra le sue tante attività scrive, anche se - come la maggior parte di noi - deve condurre una vita alternativa (che molti si ostinano a definire normale) come impiegato in una grande azienda. Quale migliore evasione della scrittura? Soprattutto se è narrativa fantastica, se la storia ci conduce in un futuro lontanissimo nel quale l’umanità ha perso le basi della sua stessa natura. Ora, non che siamo così lontani da un simile futuro, la fantascienza è sempre stata premonitrice di infausti eventi e purtroppo quasi sempre ci ha azzeccato. Il futuro postatomico, tanto per dire, me lo sento scivolare dietro le spalle, non è roba solo per il cinema, storie come Fuga da New York e tante imitazioni italiane alla Enzo G. Castellari potrebbero diventare presto triste realtà. Il protagonista di Ferro sette cerca la libertà, come ogni uomo che si rispetti, finisce per trovarla nel luogo più impensato, in mezzo a una comunità di reietti che vivono nelle viscere di un piccolo pianeta minerario ai confini dell’Alleanza. Una scoperta che gli cambierà la vita, al punto che prenderà coscienza di molti valori a lui ignoti. La conquista del segreto che rende liberi darà vita a un conflitto tra i Dominatori e il gruppo di rivoluzionari che rappresenta il nucleo fondamentale del romanzo. Un ottimo lavoro d’esordio che piacerà agli amanti del fantasy e del fantastico, scritto da un blogger molto attivo, animatore del sito internet Fantascienza e dintorni che coinvolge diversi appassionati. Scritto con uno stile che non ambisce a essere letterario - ed è un bene perché la narrativa di genere deve restare tale - adatto a un pubblico di ogni età, consigliato per i giovanissimi che cercano narrativa avventurosa e fantastica. L’autore padroneggia il dialogo, si trova a suo agio nel far incedere la narrazione facendo interagire tra loro i personaggi e non lascia pagine morte, prive di eventi importanti da raccontare. L’edizione è di taglio economico, l’editing curato, l’impaginazione senza errori di sorta. Armando Curcio si dimostra editore serio e competente anche nel settore libri.