\\ Home page : Articolo : Stampa
ESPOSTO DE “L’ALTRA AUGUSTA” SULL’OSPEDALE MUSCATELLO
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 21/12/2011 alle  21:06:09, nella sezione CRONACA,  1008 letture)

Un esposto relativo a possibili disfunzioni presso l’Ospedale Civile “Muscatello” di Augusta è stato presentato al locale Comando della Compagnia dei Carabinieri a firma dei rappresentanti del movimento civico “L’altra Augusta, Enzo Inzolia e Domenico Di Franco”. L’esposto recita: “Da più fonti, numerose delle quali particolarmente qualificate, è giunta notizia (peraltro già ripresa da stampa locale) di innumerevoli quanto importanti disfunzioni afferenti i diversi Reparti dell’Ospedale Civile “E. Muscatello” di Augusta; se ne riportano alcune fra le più significative: MEDICINA: a causa di vistose carenze di personale infermieristico (di cui sarebbe stato promesso un parzialissimo ripianamento), sarebbe stata autorizzata la chiusura di più stanze (ovviamente con i posti-letto contenuti); va, peraltro, sottolineato che, anche in caso di rafforzamento dell’organico, ben tre infermieri sono regolarmente dispensati dal servizio in turno onde sicuramente permarrebbero i disservizi; inoltre da ancor prima del periodo estivo non sarebbe funzionante il condizionamento climatico sicché i pazienti ricoverati hanno sofferto il caldo e, ora, stanno patendo i rigori invernali; ancora, da più mesi pare manchi l’acqua calda. CHIRURGIA: a causa di vistose carenze di personale infermieristico starebbero per essere chiuse una o più stanze del Reparto; mancherebbero perfino il filo da sutura ed altri presidi sanitari; inoltre la disponibilità di cerotti sarebbe ridotta solo a quelli di misura minima e, per di più, di carta. Quanto precede, che come detto costituisce incompleto elenco delle manchevolezze di cui è giunta notizia, si riferisce per gli accertamenti ritenuti utili per appurare eventuali comportamenti -sia commissivi che omissivi- in relazione allo scadimento (in qualche caso annullamento) dei servizi sanitari costituzionalmente garantiti”.