\\ Home page : Articolo : Stampa
ORTIGIA TERRA DI NESSUNO O FORTINO ASSEDIATO?
di Redazione (pubblicato il 18/04/2017 alle  15:36:05, nella sezione CRONACA,  674 letture)

ortigiaIn arrivo dalla Regione Siciliana nuovi fondi per Ortigia, l'isola centro storico di Siracusa oramai meta ambita da tanti stranieri, ma il cui numero di abitanti è sceso al minimo storico dato che i siracusani sono stati praticamente espulsi (meno del 4% dei siracusani vive in Ortigia), senza avere la possibilità di tornarvi ad abitare a causa dei prezzi troppo alti degli immobili. A questo proposito il consigliere comunale Salvo Sorbello propone "che i contributi pubblici non debbano essere elargiti a chi magari ha speso milioni di euro per comperare un immobile, che poi utilizza solo per brevi periodi ogni anno o per mere speculazioni: i forestieri sono i benvenuti ma che si paghino gli immobili di tasca loro, senza fruire anche di soldi pubblici, che devono essere erogati invece, in via prioritaria, a chi s’impegna a risiedere in Ortigia per almeno dieci anni. Cosi potremo ripopolare Ortigia e consentiremo alle famiglie siracusane, alle giovani coppie in particolare, di poter abitare nell’isolotto”. Sagge parole che condividiamo ma che non bastano a riaccostare Ortigia ai siracusani viste le gravi difficoltà di parcheggio che rendono inaccessibile come un fortino assediato l'isoletta tanto cara (in tutti i sensi: affettivi ed economici). E sul problema dei parcheggi casca anche l'uso smodato ed eccessivo dei cosiddetti dehors, che hanno rubato centinaia di posti auto. A questo proposito la Confcommercio, il Centro Naturale Ortigia e l'associazione “Noi Albergatori”, hanno manifestato la “necessità di controlli serrati nel settore del commercio e della ristorazione” e lamentano “l’inefficace gestione delle concessioni, che permettono a chiunque, a fronte di minime garanzie che fanno riferimento più alla logistica che al servizio e alla qualità, di aprire ristoranti, paninerie, pizzerie e altro con estrema facilità”.