\\ Home page : Articolo : Stampa
L'ESTROPIA DI PINA MAZZAGLIA ALLA NUCLEIKA ART GALLERY DI CATANIA
di Redazione (pubblicato il 29/11/2016 alle  14:32:22, nella sezione ARTE,  683 letture)

mazzagliaA Catania il 3 dicembre Pina Mazzaglia, pittrice catanese di grande talento, presenta al pubblico una sua nuova produzione ospitata presso la galleria “Nucleika Art Gallery”, sita nella centralissima via Umberto n. 145. Si tratta di trenta opere inedite (oli su tela, acrilici, polimaterici) raggruppate sotto l'emblematico titolo “Estropia”, termine che designa un susseguirsi di azioni in accordo con una visione del mondo ottimistica e serena, in cerca di un continuo auto-miglioramento ed in forte esaltazione del pensiero razionale, finalizzato alla promozione di una società aperta. Il termine fu coniato da Morrow, nel gennaio del 1988, e definisce l'insieme dell'intelligenza, dell'ordine funzionale, della vitalità, dell'energia vitale, dell’esperienza e della capacità di spingere all’evoluzione e alla crescita un sistema vivente o organizzativo.

L’atto creativo di Pina Mazzaglia - dettato da una preparazione interiore che la guida a indagare la materia - si configura, dunque, come sintesi di questa capacità generata dalla necessità interiore di liberare una vitalità espressiva attraverso il colore e la forma. Partendo da una matrice tipicamente espressionista, l’opera indaga il lato sensibile del modello alla ricerca dell’energia corporea, sia della figura che dell’ambiente, per giungere infine all’atto successivo di qualità dirompente dove l’azione pittorica muta la sua natura e si fa gestuale sulla tela. L’esplorazione tra il “dentro e il fuori”, tra “materia ed essenza”, diviene così pretesto unificante nella ricerca pittorica che prende vita dalle armonie dei paesaggi e dal fascino delle dinamiche facciali, in una infinita opportunità di espressioni ed emozioni. Un lavoro forte, deciso, costruito con estrema sintesi visiva che tende a confessare palesemente il coraggio interpretativo dell’artista. La mostra è curata da Agata Petralia e resterà aperta fino al 22 dicembre.