\\ Home page : Articolo : Stampa
TOLLERANZA ZERO PER I RIFIUTI ANCHE NEL TERRITORIO DI AUGUSTA
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 29/07/2011 alle  09:13:11, nella sezione CRONACA,  1115 letture)

Una unità operativa mista composta da uomini della polizia provinciale e di una ditta specializzata ha dato il via all’operazione “Tolleranza Zero Rifiuti”, iniziativa della Provincia Regionale di Siracusa “Settore "Territorio e Ambiente”, con un sopralluogo presso una discarica abusiva ubicata nei pressi del porto commerciale dove giacevano mucchi di rifiuti abbandonati ai margini della carreggiata. L’iniziativa era stata presentata e fortemente voluta dal dirigente provinciale del settore Territorio e Ambiente, l’augustano ingegnere Domenico Morello, da sempre sensibile a questa problematica comune a tutto il territorio aretuseo ma più marcatamente presente in quello augustano. Hanno partecipato alle operazioni anche gli assessori provinciali Nicky Paci e Rino Lazzari, il consigliere provinciale Maurizio Ranno e l’assessore comunale ai servizi ecologici, Michele Accolla. Morello aveva parlato nei giorni scorsi delle attività svolte nella campagna denominata "Tolleranza Zero Rifiuti", precisando che la situazione risulta sensibilmente migliorata rispetto allo scorso anno. L’operazione rientra nell’ambito dell’intervento straordinario di raccolta e trasporto ad impianti autorizzati dei rifiuti presenti all’esterno dei perimetri dei centri abitati della provincia. E’ stato anche siglato un protocollo d’intesa con il Comune di Augusta al quale la Provincia concederà un contributo per finanziare il servizio di vigilanza che verrà espletato dalla polizia municipale per contrastare il fenomeno delle discariche abusive. Lo scorso anno in tutto il territorio provinciale sono stati bonificati 200 siti, installate 5 telecamere ed elevate sanzioni amministrative per un importo di oltre 300 mila euro. Morello ha ricordato che il fatto di trasportare ed abbandonare rifiuti oltre che comportare salate multe amministrative è un reato perseguibile anche penalmente.