\\ Home page : Articolo : Stampa
NUOVO OSPEDALE ALLA PIZZUTA: IN UN MANIFESTO L'OPINIONE DELLA FEDERAZIONE X SIRACUSA
di Redazione (pubblicato il 10/08/2016 alle  20:34:55, nella sezione CRONACA,  674 letture)

manfiesto srE' comparso sui muri della città un manifesto a firma della "Federazione x Siracusa", insieme di movimenti civici rappresentati da Giancarlo Confalone, Michele Mangiafico, Concetto La Bianca, Franco Zappalà, Carmelo Fileti e Raimondo Raimondi, nel quale si esprime la propria opinione sulla questione dell'area dell'ex manicomio in contrada Pizzuta indicata come quella più idonea per allocarvi la costruzione del nuovo ospedale di Siracusa. Recita il manifesto:

BASTA CON LE MENZOGNE ED IL TERGIVERSARE SULL’AREA DOVE COSTRUIRE IL NUOVO OSPEDALE PROVINCIALE DI SIRACUSA! L’UNICA AREA OSPEDALIERA (FS2) PREVISTA DA OLTRE UN DECENNIO E’ QUELLA INDICATA DAL PIANO REGOLATORE ALLA PIZZUTA CHE REALIZZA DI FATTO UN COMPRENSORIO NATURALE COSTITUITO DALL’EX MANICOMIO, DALL’EX TUBERCOLOSAIO, DA UN’AREA DI 46.000MQ GIA’ DI PROPRIETA’ DEL COMUNE E DESTINATA A SERVIZI, E DA UN AREA PRIVATA FS2 DI 109.000MQ, CHE SOMMANO OLTRE I 150.000MQ (SENZA ABBATTERE UN SOLO MANUFATTO DEL VECCHIO MANICOMIO CONSIDERANDO SOLO L’AREA LIBERA DELL’ EX ONP). L’ASP DI SIRACUSA HA DICHIARATO CHE OCCORRONO CIRCA 108.000 MQ, SE NE DEDUCE CHE UTILIZZANDO PARZIALMENTE L’AREA PRIVATA DICHIARATA FS2 SI REALIZZA UN RISPARMIO PER LE CASSE PUBBLICHE PLURIMILIONARIO.

IL “COMPRENSORIO”, SI SAPPIA, NON E’ SOTTOPOSTO A NESSUN PARTICOLARE VINCOLO UR¬BANISTICO, PAESAGGISTICO FATTA ECCEZIONE PER I MANUFATTI RELATIVI ALL’EX MANICOMIO PER EFFETTO DEL D.LGS 42/2004 – CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO, PERALTRO DI NATURA GENERICA LA CUI IMPOSIZIONE RIENTRA NEI POTERI DISCREZIONALI DELLA LOCALE SOPRINTENDENZA. DAL PUNTO DI VISTA VIARIO IL “COMPRENSORIO”, UBICATO ALLA PIZZUTA, E’ ALLOCATO STRATEGICAMENTE A CINQUE MINUTI ESATTI DALL’USCITA NORD DI SIRACUSA DEL TRATTO DI AUTOSTRADA IN ESERCIZIO CATANIA GELA FACILMENTE RAGGIUNGIBILE DA FLORIDIA, SOLARINO E ZONA MONTANA.

IL DOTT. BURGARETTA, MANAGER DELL’ ASP DI SIRACUSA, SI FACCIA MENO STRUMENTALIZZARE DA CHI LO TIRA PER LA GIACCA SIA ESSO PALERMITANO O SIRACUSANO, E GARANTISCA LA NEUTRALITA’ TECNICA DELLA STRUTTURA CHE GUIDA. I SUOI INTERVENTI AD OROLOGERIA NON SERVONO, SONO DANNOSI E SVILISCONO LA CREDIBILITA’ DELL’ASP, ALTRIMENTI CI FACCIA LA CORTESIA DI TOGLIERE IL DISTURBO E SE NE TORNI NELLA BELLA RAGUSA, I SIRACUSANI SONO IN GRADO DI ESPRIMERE UN MANAGER ALL’ALTEZZA DELLA SITUAZIONE.