\\ Home page : Articolo : Stampa
MILENA PRESTIA CI PORTA "PER MARE E PER SOGNI"
di Redazione (pubblicato il 07/06/2016 alle  16:40:26, nella sezione ARTE,  854 letture)

mostra prestiaSabato 11 giugno alle ore 18,00 presso la GALLERIA CIVICA D’ARTE CONTEMPORANEA MONTEVERGINI di Siracusa si inaugura la mostra personale dell'artista Milena Prestia intitolata "Per mare e per sogni". Il prof. Alessandro Allegri presenta in catalogo la mostra: "Fin dall'antichità, l'uomo ha alzato gli occhi verso l'alto per vivere lo stupore di un cielo stellato, ha contemplato le onde del mare, le nuvole, la luce soffusa dell'alba, i colori suggestivi di un tramonto. Ma ormai da tempo, ha perso questa capacità di guardare la bellezza del mondo, di emozionarsi per un tramonto, per la luce delle stelle che ci stanno a guardare. La pittura di Milena Prestia allora ci riporta ad un mondo lontano, pervaso di atmosfere suggestive, che ricordano le immagini di un sogno. Sono sogni che servono, a noi che viviamo immersi nella frenesia della modernità, ma sembrano anche le immagini vere di un mondo primordiale ed antico, di un' epoca precedente alla comparsa dell'uomo. Forse è un mondo in cui abbiamo vissuto in un passato lontano, o forse in cui dobbiamo ancora nascere. In queste opere immagini dove cielo, terra e acqua si incontrano, dove il colore prorompente diventa veicolo che ci conduce verso lo stupore, la contemplazione, la suggestione, non è un mondo abitato dall'uomo, ma lo è sicuramente dalle creature marine nelle profondità di un mare infinito, o da quelle alate che si perdono libere nell'immensità dell'aria. I cieli sono segnati dalla luna, da sfumature morbide per infondere serenità, che si riflettono su ipotetiche acque appena accennate, quindi avvolte dal mistero. Luoghi non luoghi, spazi senza tempo. Oblio puro, in aiuto ad una pausa dalla realtà. Anche l'utilizzo di cromaticità oscure raccontano qualcosa, avvertono di minacce imminenti, che fanno parte della vita, quindi anche quelle da affrontare con coraggio e con passione. Una stella lontana e talvolta il forte contrasto di punto rosso, trafiggono il cielo come ferite, con pennellate sapienti e mai casuali che rendono immediate le letture di ciò che si vuol comunicare. Il lavoro presentato in questa mostra, giostra di colori emozionanti, è il nuovo approdo al quale l'artista ci rende partecipi. Qui siamo spettatori attivi, con i nostri sensi, dell'ultima tappa di percorso artistico della Prestia. Essa ha oltrepassato i confini della descrizione realistica del mondo, dei particolari figurativi, a volte fiabeschi e decorativi, al quale eravamo abituati, per sorprenderci con inaspettato stile informale, coinvolgerci con la sintesi tanto quanto il lavoro più ricco di dettagli e seduzioni dorate. Milena Prestia ci pone anche davanti a veloci passaggi di meteore, che attraversano lo spazio dei suoi dipinti come metafore della vita anche essa un passaggio. Quindi ammonimenti, inviti ad afferrare il presente, a godere l'essenza delle cose, e il valore di ciò che è più vero e più bello, come la natura, come l'arte, come le emozioni. E queste opere, le emozioni, le sanno dare".