\\ Home page : Articolo : Stampa
MODERNITA' DI LINGUAGGIO E SOTTILE EROTISMO NELLA PITTURA DI NATALI FERRARY
di Raimondo Raimondi (pubblicato il 21/03/2016 alle  20:54:15, nella sezione ARTE,  1330 letture)

quadroNella lenta e non facile trasformazione della società dalla fine della Seconda Guerra Mondiale un ruolo importante l´ha giocato la donna. Questo difficile cammino, nutrito dall´ansia di liberazione che ne costituiva il substrato, ha innescato un processo di attività finalizzate a consentire a ciascuna donna di affermare la propria personalità e quindi la volontà di essere se stessa. Questa energia, scaturente da una condizione femminile che intendeva emanciparsi dagli assetti tradizionali in cui culturalmente era collocata, ha dato forza al processo libertario, producendo una spinta dirompente alle conquiste dell´essere donna anche e soprattutto nel campo dell'arte. Per il passato la presenza femminile nell´ambito artistico era sporadica, limitata a settori ritenuti compatibili come la tessitura, il ricamo, la decorazione. Nelle botteghe artistiche del `500, `600 e `700 le donne erano attive accanto a padri, mariti, fratelli, ma nel completo anonimato. Pochissimi i nomi giunti sino a noi. Solo l´800 e poi il `900 apriranno nuovi orizzonti di affermazione. Oggi donne come l'affascinante Nataly Ferrari, che ha esposto nella mostra "Eros" a Catania, effettuando anche una sua performance di Body Art, possono esprimere al meglio la loro creativitànatali ferrary. Natali è russa, è nata a Novyj Urengoy in Siberia, si è formata in una società difficile come quella sovietica, in un mondo ai confini della realtà, rielaborato da lei con l’intensità del bianco e nero, nella malinconia della scala dei grigi su cui si staglia prepotente un particolare colorato, sorgente di luminosità creativa, la cui memoria stratificata si esprime con modernità di linguaggio (vedi l'opera eccellente da lei presentata alla mostra di Catania). Ha scelto di vivere in Italia questa artista poliedrica che spazia dalla pittura ad olio su tela alla grafica, dai murales alle performance di body art. Le sue opere più recenti segnano una felice stagione creativa, riscoprendo il gusto della figura umana, del nudo, della femminilità sensuale, del vibrare e guizzare delle membra, alla ricerca dell’immagine pura, ove confluiscano ragione e vitalità, spontaneità del soggetto e attimo creativo dell’artista, che riesce a visualizza un'intima essenza. Erotismo il suo mai volgare, sublimazione anzi dell'eterno femminino. Una pittura in evoluzione che riesce a comporre, nella presenza trasfigurata e trasfigurante di un corpo di donna, materialità contemporanea e mito arcaico, curando l’approfondimento di una tecnica esecutiva che valorizza le capacità di questa brava artista, in grado di movimentare una mostra, nella quale il fruitore gode si della visione delle opere ma viene anche coinvolto in un'atmosfera creativa emozionante, travolto dalle vibrazioni indescrivibili che l'arte di Natali Ferrary riesce a trasmettere.