\\ Home page : Articolo : Stampa
A SIRACUSA UN FLASH MOB IN CONTEMPORANEA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE
di Redazione (pubblicato il 10/02/2016 alle  17:51:00, nella sezione EVENTI,  789 letture)

flashmobDomenica 14 Febbraio 2016 alle ore 11 presso il Tempio di Apollo di Siracusa, le associazioni cittadine e le più accreditate scuole di danza aderiranno al One Billion Rising per contrastare la violenza contro donne e bambine. L’evento “One Billion Rising: the Revolution” consiste in una delle più estese iniziative di massa che la storia di denunzia delle violenze fisiche e psicologiche su donne e bambine abbia mai condotto. La prima campagna venne lanciata il giorno di San Valentino dell'anno 2012. L'allarmante dato statistico delle vittime chiamò al dovere di manifestare quasi sette miliardi di persone in tutto il mondo. Il 14 Febbraio 2013 la popolazione mondiale si unì per esprimere la propria indignazione: manifestò contro le ingiustizie che le donne patiscono, domandando ufficialmente di porre fine al fenomeno della violenza contro le donne. Nella ricorrenza del 2014, il “One Billion Rising For Justice” dedicò l'evento a tutte le donne sopravvissute alla violenza di genere e a tutte le vittime di emarginazioni sociali e politiche. Per il terzo anno della manifestazione, i coordinatori scelsero il tema "Revolution" a causa dell'incessante domanda di intervento e giustizia che viene costantemente rivolta alle autorità internazionali. Il 14 Febbraio 2015 milioni di attivisti di oltre 200 Paesi si unirono allo scopo di chiedere un'assunzione di responsabilità a coloro che, per facoltà o per dovere, sono incaricati di sovvertire gli schemi consolidati. Nel 2016, il tema della Rivoluzione (Revolution) continua: la manifestazione del 14 Febbraio sarà dedicata all'emarginazione e all'emancipazione femminile per attirare l'attenzione delle Nazioni sugli atti di barbarie di cui donne e bambine di ogni paese sono vittime. Il gruppo Cittadinanza Attiva Siracusana, CAS, col suo portavoce Salvatore Russo, ha promosso l’iniziativa a Siracusa insieme alla Rete Centri Antiviolenza di Raffaella Mauceri, coinvolgendo le scuole A.S.D. Benny Dance Fitness, Centro Musical Siracusano, Asd Greta Dance Siracusa, Diffusion Dance e le associazioni cittadine Astrea in memoria di Stefano Biondo, Arciragazzi e Stonewall, che hanno aderito e deciso di levare la voce del cambiamento e manifestare su vastissima scala insieme agli attivisti del globo. L'organizzazione ha rivolto un invito specifico alle scuole medie superiori perché le ragazze e i ragazzi possano partecipare a un'iniziativa che consenta loro di condividere ed esprimere idee solidali. L'evento si aprirà con i saluti dei componenti dell'organizzazione e gli interventi delle Associazioni e delle scuole aderenti. Seguirà poi l'esecuzione della coreografia "Break the Chain" (Spezza la catena). Il flash mob sarà eseguito in contemporanea mondiale: la colonna sonora e i movimenti del corpo si fonderanno per esprimere un messaggio di protesta e di rinascita.